24-04-2017
Ti trovi qui: Home » Infrastrutture » EX LOTTIZZAZIONE DELLA MARCHESA SCHININA’, PROCEDURE NON COMPLETE

29/07/2014 -

Infrastrutture/

EX LOTTIZZAZIONE DELLA MARCHESA SCHININA’, PROCEDURE NON COMPLETE

La zona dell'ex lottizzazione marchesa SchininàNon sono state ancora completate in via definitiva le procedure relative alla concretizzazione di tutta una serie di opere di urbanizzazione nei terreni dell’ex lottizzazione cosiddetta della marchesa Schininà a Ragusa. Lottizzazione che comprende anche due arterie stradali, via Grazia Deledda e via Togliatti. A farsi portavoce della necessità di ultimare le procedure è il presidente dell’associazione “Ragusa in Movimento”, Mario Chiavola. “Nel febbraio del 2011 – afferma Chiavola – il Comune aveva ideato la creazione di una task force intersettoriale con l’obiettivo di risolvere, attraverso un attento lavoro di verifica e di recupero delle concessioni edilizie che interessano la suddetta zona, quali oneri ricadevano, e quindi ancora da espletare, a carico dei lottizzanti e quali, invece, sarebbero stati trasferiti ai proprietari dei singoli lotti. Un percorso che sarebbe stato possibile evincere anche dalla sottoscrizione degli atti d’obbligo redatti al momento dell’acquisizione della proprietà. Una procedure complessa, dunque, esperita soltanto in parte anche perché il Comune ha inviato delle comunicazioni ai differenti/ proprietari, chiedendo la realizzazione delle opere per le quali erano stati firmati gli atti d’obbligo. Anche in assenza di risposte positive, l’ente di palazzo dell’Aquila aveva proceduto comunque con la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria in danno ai lottizzanti, per le parti di competenza, e dei singoli proprietari dei lotti, a loro volta per le parti di competenza. Questo percorso, però, di cui comprendiamo benissimo la complessità, non è stato completato. Ecco perché sollecitiamo l’attuale Amministrazione comunale – conclude Chiavola dell’associazione Ragusa in Movimento – a riprendere in mano le fila della vicenda e a valutare in che modo intervenire per fare in modo che i residenti della zona possano, finalmente, dormire sonni tranquilli”.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica