12-12-2017
Ti trovi qui: Home » Ambiente » LEGAMBIENTE, COSTRUTTORI EDILI CONTRO IL RISPARMIO IDRICO A RAGUSA: abbagliati dal denaro non riescono a vedere i disastri ambientali incombenti

28/06/2017 -

Ambiente/

LEGAMBIENTE, COSTRUTTORI EDILI CONTRO IL RISPARMIO IDRICO A RAGUSA: abbagliati dal denaro non riescono a vedere i disastri ambientali incombenti

politica-abruzzo_rapporto-legambiente-sul-consumo-di-suolo-in-abruzzo1

Riceviamo dal circolo il Carrubo di Legambiente Ragusa e pubblichiamo: “Quattro anni fa Ance Ragusa sottoscrisse insieme a Cna e a Legambiente, alla presenza del vicepresidente nazionale di Ance, un documento sulla sostenibilità ambientale delle città che ci sembrava, allora, l’inizio di un percorso condiviso verso un minor consumo di suolo, la riduzione dei consumi energetici e di quelli idrici nell’ottica di nuove opportunità per le imprese, benefici per l’ambiente e vantaggi per i cittadini. Rimaniamo perciò sgomenti alla notizia che Ance Ragusa ha chiesto alla Regione Sicilia l’annullamento in autotutela della variante al regolamento edilizio di Ragusa che detta poche e sacrosante regole di risparmio idrico. Dove è finita la responsabilità sociale delle imprese? Ance Ragusa non si è accorta che l’acqua potabile è poca e soggetta a notevoli rischi e che va utilizzata con accortezza bandendo ogni spreco? Non si è accorta che in mezza Italia c’è l’emergenza idrica e in diverse regioni è stato dichiarato lo stato di calamità naturale, che in diversi comuni una volta ricchi di acqua c’è il razionamento dell’acqua e che la situazione in futuro peggiorerà a seguito del cambiamento climatico? Eppure Ance nazionale non è insensibile a questi problemi. Nel dossier sugli ecoquartieri curato dall’Ufficio Rapporti Comunitari dell’Ance e presentato a Bruxelles il 20 marzo 2013 indica come obiettivo ambientale da perseguire una migliore gestione dell’acqua (riduzione dei consumi e recupero dell’acqua piovana) , gli stessi introdotti nel regolamento edilizio del comune di Ragusa. Così come le abitazioni a risparmio energetico valgono di più anche, quelle a risparmio idrico seguono lo stesso andamento di mercato ed è assolutamente da stolti ignorarlo. Invitiamo Ance Ragusa a recedere dalla sua iniziativa di bloccare il regolamento edilizio sul risparmio idrico e all’amministrazione comunale di Ragusa di dare mandato all’ufficio legale di opporsi. E’ il minimo che possa fare una amministrazione che vanta sensibilità ambientali”. Firmato Legambiente Ragusa

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica