25-09-2017
Ti trovi qui: Home » Turismo » Turismo in provincia di Ragusa: i dati dicono che godiamo di buona salute

24/07/2017 -

Turismo/

Turismo in provincia di Ragusa: i dati dicono che godiamo di buona salute

occhipinti (2)

“Turismo in buona salute in provincia di Ragusa. Anzi per dirla in parole povere stiamo veramente bene con un incremento di tutto rispetto se si raffrontano i dati con la stagione 2016”. Il presidente del Distretto Turistico degli Iblei, Giovanni Occhipinti, lo ripete da sempre che il territorio del Sud Est può fregiarsi di una offerta non indifferente: mare, centro storici, bellezze architettoniche ed enogastronomia. “Sono elementi che ci fanno diventare meta importante per stranieri ed italiani. E le mie parole sono confortate dalle presenze alberghiere ed extralberghiere, ma anche dai dati che la Soaco, la Società di gestione dell’aeroporto di Comiso, ha fornito proprio in queste ore con un primo semestre del 2017 che si è concluso con un incremento dell’11,4% di passeggeri dei voli charter rispetto al periodo analogo del 2016. Un dato che migliora ulteriormente nelle prime tre settimane di luglio, quando si è registrato un significativo +52% grazie al transito di 6.399 passeggeri nell’Aeroporto di Comiso (nel 2016 furono 4.198). Certamente dobbiamo e possiamo fare di più. Le eventuali flessioni che si sono avute nei primi mesi dell’anno vanno compensate alla grande dal mese di luglio. E le previsioni di agosto sono ancora meglio”. Occhipinti smorza sul nascere le eventuali voci e polemiche su flussi turistici bassi nella nostra provincia. “Non è assolutamente vero e non corrisponde alla realtà. I dati che vengono fuori sono dettati da un sistema Sicilia che non da la possibilità alle strutture di comunicare le proprie presenze. Quando avremo dei darti veritieri allora tutti si dovranno ricredere. Come presidente del Distretto Turistico posso dire benissimo che il territorio riesce a dare un’offerta turistica che compensa la domanda. E non deve impressionare se in questo periodo c’è una richiesta verso il mare anziché verso i centri storici. Verso le bellezze architettoniche abbiamo un turismo da escursione, invece vero il mare abbiamo un turismo di pernottamenti e svago. Ma è giusto che sia così. A luglio ed agosto la maggior parte dei turisti preferisce il mare. Noi siamo fortunati perché abbiamo tutto”. Occhipinti aggiunge “che per quando riguarda il marchio Italia con il progetto carta di valorizzazione il Censis sta studiando un brand che possa rappresentare tutta quest’area del distretto con un nome identificativo da fare veicolare ovunque”.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica