17-08-2017
Ti trovi qui: Home » Artigianato » Insediata la nuova presidenza della Cna comunale di Ragusa

26/07/2017 -

Artigianato/

Insediata la nuova presidenza della Cna comunale di Ragusa

Antonella Caldarera e Santi Tiralosi

Si è insediata la nuova presidenza della Cna comunale di Ragusa che, oltre che dal presidente Santi Tiralosi, è composta da Ignazio Caloggero, Marco Capobianco, Giovanna Occhipinti e Rosario Sgarlata. La riunione si è tenuta alla presenza della responsabile organizzativa Antonella Caldarera. Sul tappeto le numerose problematiche che attanagliano le piccole e medie imprese dell’artigianato e del commercio. Riflettori puntati sui disagi con cui le realtà imprenditoriali del territorio comunale fanno i conti. Ecco perché il presidente Tiralosi, prima di ogni altra cosa, ha voluto programmare una pianificazione degli interventi da attuare e, allo stesso tempo, ha assegnato le deleghe a ciascuno dei componenti della presidenza. In particolare Caloggero si occuperà di turismo, cultura, arte e promozione del territorio; Capobianco di comunicazione reti d’imprese e risorse per le imprese; Occhipinti, invece, è stata delegata alla zona artigianale e alla zona industriale; quindi Sgarlata che è stato chiamato a occuparsi del commercio. E’ stato inoltre stabilito di calendarizzare periodicamente gli incontri della presidenza, vale a dire una volta ogni quindici giorni, per definire le azioni da portare avanti e per verificare i riscontri alle suddette azioni. Inoltre, il presidente Tiralosi e gli altri componenti della presidenza hanno stabilito di rendere partecipi i componenti del coordinamento assegnando ad alcuni di loro delle deleghe specifiche cosicché gli stessi possano prendere parte alla programmazione a breve, medio e lungo termine portata avanti dai vertici dell’associazione comunale. “Siamo convinti – afferma il presidente Tiralosi – che una squadra assume ancora maggiore operatività se si riesce a coinvolgere un numero più consistente di persone. Sono parecchi i problemi da risolvere ed è opportuno portare avanti un’azione capillare confrontandosi con i nostri associati e prendendo atto delle istanze da soddisfare per garantire che la loro attività possa svolgersi nelle migliori condizioni. E’ soprattutto questa la strada che intendiamo seguire”.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica