23-10-2017
Ti trovi qui: Home » attualità » Ragusa, Fiera Agrolimentare Mediterranea alla 43.ma edizione

22/09/2017 -

attualità/

Ragusa, Fiera Agrolimentare Mediterranea alla 43.ma edizione

Visual prop 2 bis

Nonostante la macchina organizzativa, dall’esperienza ormai consolidata negli anni,  venga avviata mesi prima dell’evento, quella presentata ieri mattina alla stampa, formalmente è la prima edizione dopo l’accorpamento delle tre Camere di Ragusa, Catania e Siracusa. In oltre 25.000 metri quadrati di spazio saranno ospitate 55 aziende della meccanizzazione, con 6.500 metri quadrati di esposizione in spazio aperto, 56 aziende agroalimentari, 8  dell’utensileria, 10 florovivaistiche, 20 le aziende per il settore delle attività al servizio dell’agricoltura e della zootecnia. Poi il punto forte dell’evento, costituito, come sempre, dalla presenza delle aziende zootecniche con i loro capi di bestiame, quelli presenti quest’anno al Foro Boario di c.da Nunziata a Ragusa saranno circa 270 appartenenti alle razze bovine Modicana, Frisona, Cherolaise, Limousine, Pezzata Rossa, e poi ancora equini ed asini. I dettagli della 43a edizione della FAM sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa alla quale era presente anche Pietro Agen, nuovo Presidente della Camera di Commercio del Sud Est che nel suo intervento ha evidenziato come ciascun territorio abbia una vocazione e come sia assolutamente naturale che questa Fiera si svolga a Ragusa. L’intento è quello di unire e non di dividere e di contribuire alla ulteriore crescita di questa realtà portando nuovi operatori, nuovi servizi e nuove strutture. Agen è convinto che questo lembo di Sicilia sia unico per le sue caratteristiche e peculiarità, dobbiamo solo imparare a “venderlo” e la FAM è la vetrina ideale. L’ex Presidente Giuseppe Giannone ha puntato l’attenzione sul periodo travagliato della FAM che nel 2014 aveva addirittura rischiato di saltare, ma che invece, fortemente voluta dai protagonisti e cioè dagli imprenditori, non si è mai fermata a dispetto dei tagli alle risorse e ai fondi comunitari. La Fiera ormai è intesa come fiera del Sud-Est e quindi deve proiettarsi nella crescita. Il dirigente Vito D’Antona da parte sua ha evidenziato come l’evento rappresenti la più efficace vetrina delle eccellenze del territorio ibleo, una realtà che ogni anno si arricchisce, dando segni tangibili di avanzamento. D’Antona ha sottolineato la grande attenzione rivolta anche quest’anno al settore avicolo ed in particolare ad una azienda che l’anno scorso è stata vittima di un gravissimo incendio. Nel suo articolato intervento Giovanna Licitra, dirigente camerale della Promozione  e anima organizzatrice della Fiera, ha voluto anzitutto ringraziare i suoi collaboratori chiamati ad affrontare una mole non indifferente di lavoro ed ha, dopo avere illustrato tutti i numeri di quest’anno, presentato il calendario di eventi ed attività collaterali che arricchiranno l’evento. Attività convegnistiche e seminariali, attività formative rivolte agli studenti da sei a tredici anni, mostre, concorsi, degustazioni. Tante iniziative che hanno determinato una crescita del 30%  in termini di presenze di espositori e altrettanto incremento ci si aspetta per i visitatori e gli operatori interessati. Anche quest’anno tutti gli eventi principali della fiera verranno trasmessi in diretta in streaming e l’assessore allo Sviluppo economico del Comune di Ragusa Sebastiana Disca ha annunciato due novità: un maggiore investimento dal punto di vista sanitario e soprattutto l’istituzione di bus navetta che partendo dal parcheggio della “Ipercoop” condurranno direttamente in Fiera evitando il problema parcheggi. Il taglio del nastro fissato alle ore 10.30 del 29 settembre prossimo.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica