23-10-2017
Ti trovi qui: Home » Politica » SCICLI, LA SUA GENTE, LA SUA CULTURA, LE SUE TRADIZIONI, NON SONO MAFIOSI

25/09/2017 -

Politica/

SCICLI, LA SUA GENTE, LA SUA CULTURA, LE SUE TRADIZIONI, NON SONO MAFIOSI

battaglia-e-di-raimondo-e1365442482498-311x300

Riceviamo da Art. 1 Mpd e pubblichiamo: “La rinunzia del Procuratore Generale ad appellare la sentenza di assoluzione dell’ex sindaco di Scicli, dr. Franco Susino, dalla imputazione di concorso esterno nel delitto di associazione mafiosa rende giustizia all’uomo ed all’amministratore per un accusa infamante che ne aveva determinato le dimissioni,  alla scelta coraggiosa  e di civil servant di alcuni consiglieri e della giunta del tempo di continuare l’esperienza di governo della città, al solo fine di scongiurarne il dissesto finanziario,  a quella  parte della stampa e della società civile e politica , che aveva alzato la voce a difesa della comunità e della sua onorabilità, e che come ben si ricorderà era stata  additata come “negazionista”  dal Senatore del Pd Lumia nella chiosa finale di una interrogazione parlamentare in cui  sollecitava il Ministro dell’Interno pro tempore, On. Alfano, a sciogliere il Consiglio Comunale per infiltrazione mafiosa. Ad esito della consolidata verità giudiziaria   si sfarina il  teorema dello scioglimento, pervicacemente  sostenuto  e difeso (con “liturgici”  richiami al rispetto delle istituzioni)  dalle forze politiche del tempo e “strenuamente”  confermato in sede di giurisdizione amministrativa  prima dal Tar e, da ultimo, dal Consiglio di Stato con  un pronunciamento di cui si evidenza la “faticosa” trama motiva per “dequotare” la perentoria formula assolutoria della sentenza penale del Tribunale di Ragusa che aveva stigmatizzato  come l’accusa di concorso esterno, assunto come elemento dirimente dal giudice amministrativo per dichiarare la legittimità dello scioglimento, avesse  potuto superare, stante la  inconsistenza  del suo impianto,  la soglia della udienza preliminare. Oggi sappiamo che, come ha sentenziato in via definitiva un pezzo dello Stato, i fatti per cui il Comune è stato sciolto non erano fatti di mafia. Questa è una verità incontrovertibile da cui partire. Le odierne sagge sollecitazioni a guardare avanti, pertanto, non possono prescindere dalla lettura attenta dei fatti che hanno caratterizzato la storia recente della città per saper fare discernimento e scrivere la storia futura. E tutto ciò non potrà avvenire fino a quando questa triste stagione non verrà raccontata per intero, anche nei suoi retroscena, peraltro, noti, nonostante gli omissis, i silenzi (rotti qua e là da qualche insolenza) variamente motivati e le sopravvenute (in concomitanza di talune proteste della società civile) “rituali” dichiarazioni della politica recitativa. I fatti narrano che aver sottratto alla comunità 18 mesi di autodeterminazione democratica, affidandone le sorti ad una gestione commissariale,  che ha assunto decisioni (gravi) eludendone altre (quali ad esempio il mancato  parere negativo per l’insediamento nel territorio di una mega discarica per rifiuti speciali  coerentemente ai deliberati  dei governi legittimi della città) senza mai “ascoltare” i cittadini,  ha impoverito il tessuto democratico della comunità’, lasciandola senza protezione alcuna rispetto ai tentativi di realizzazione di interessi di parte che non avevano nulla di pubblica rilevanza e di diffusa utilità. E di tutto questo i responsabili della scelta politica, nelle diverse istanze, non ultima quella regionale, di sciogliere il comune devono darne conto alla città ed alla sua gente, senza rimozioni opacizzanti o paludati atteggiamenti istituzionali. Oggi a nessuno è più oltre consentito di fare la “voce narrante”, “latistante”, “neutrale” rispetto agli avvenimenti ed alle correlate responsabilità. I fatti invitano, inoltre, ad avviare una profonda riflessione sulla operatività nella moderna democrazia di una normativa che può determinare la sospensione della dialettica democratica di una comunità e del suo diritto ad autodeterminare il proprio futuro, sulla scorta di giudizi e valutazioni “probabilistiche” di infiltrazioni mafiose e condizionamenti della criminalità organizzata, che sentenze penali, valutando le stesse condotte, giudicano del tutto insussistenti. Ribadire oggi che Scicli, la sua gente, la sua cultura, le sue tradizioni, il suo Genius loci, non sono mafiosi, non vuol ovviamente negare che in città ci siano forze criminali organizzate. Al contrario questo va detto con chiarezza, manifestando alle Istituzioni, alla magistratura ed alle forze di Polizia un altissimo apprezzamento per la preziosa opera a tutela della serenità e della sicurezza della popolazione. MDP-Art 1 esprime, pertanto, piena soddisfazione per la restituita onorabilità al dr. Susino ed alla comunità sciclitana, impegnata in un non agevole itinerario di ricostruzione, brutalmente interrotto dallo scioglimento e che la ritrovata democrazia a seguito della ultima tornata elettorale, ha consentito di riavviare. Da qui in poi MDP-Art 1 è impegnato a spendersi con quanti a Scicli, in Sicilia e nel Paese, pensando ai giovani, alle donne, alle famiglie, all’associazionismo, a tutti i mondi vitali della società, vogliono progettare e realizzare   un futuro di buona politica, che sappia coniugare legalità e sviluppo, democrazia e giustizia, progresso ed eguaglianza”. Firmato COORDINAMENTO PROVINCIALE ART 1 MDP RAGUSA e COORDINAMENTO ART 1   MDP SCICLI

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica