26-06-2017
Ti trovi qui: Home » Ambiente (pagina 20)

Archivio della categoria: Ambiente

NONTISCORDARDIME’ ALLA SCUOLA PALAZZELLO

iniziativaAlla scuola Palazzello piantumate essenze vegetali autoctone dono dell’Azienda Foreste di Ragusa. E’ un piccolo polmone verde da curare da parte degli alunni. Fortemente partecipata Nontiscordardimè, la campagna di Legambiente che promuove le giornate di volontariato dedicate alla qualità e alla vivibilità degli edifici scolastici, attraverso la promozione di pratiche di sensibilizzazione ambientale e di attività pratiche rivolte agli studenti. L’obiettivo è di far prendere coscienza delle carenze strutturali e ambientali delle scuole e, dall’altro lato, far presente alle amministrazioni competenti eventuali carenze e necessità di intervento negli edifici. Il circolo di Legambiente il Carrubo ha effettuato un’animazione didattica a cura di Antonino Duchi, che ha coinvolto più di 300 studenti in due giorni sulle problematicità della scuola (tra cui: rifiuti accantonati nelle adiacenze esterne e lo scarso uso dello spazio verde) e sulle principali caratteristiche delle piante mediterranee. Il tutto propedeutico alla successiva piantumazione nelle aiuole del cortile scolastico di essenze forestali autoctone quali leccio, lentisco, bagolaro, ilatro. Ogni albero, la cui piantumazione è stata effettuata in collaborazione col settore tecnico del Comune di Ragusa, è stato adottato da una classe che se ne prenderà cura. Per ogni pianta sono state preparate delle schede illustrative da Andrea Patriarca (direttivo Legambiente). L’iniziativa è anche visionabile sul sito e la pagina facebook di Legambiente Ragusa grazie all’attività documentata da Marianna Triplinetti (direttivo Legambiente) che ritiene essenziale diffondere queste buone pratiche in tutte le scuole provinciali in quanto l’educazione ambientale è la premessa per una cittadinanza attiva.

 

Aspettando Spiagge e Fondali Puliti

Comune_Scicli_spiaggia_SampieriAnche quest’anno si terrà a Ragusa la tradizionale iniziativa Spiagge e Fondali Puliti Clean up the Med a cura di Legambiente. Sarà monitorata la spiaggia della riserva del fiume Irminio. Per partecipare, l’appuntamento è questo sabato alle ore 8,45 presso la sede in via Umberto Giordano 55 oppure alle 9.30 al parcheggio del centro visite della riserva.

 

A MARINA DI RAGUSA ASSEGNATA LA “BANDIERA BLU 2014”

marina-di-ragusaAnche nel 2014, per il sesto anno consecutivo, la Bandiera Blu sventolerà a Marina di Ragusa che ha, ancora una volta, superato i rigidi criteri selettivi di idoneità. La notizia durante la cermonia di premiazione avvenuta a Roma presso la Presidenza del Consiglio della 28esima edizione delle Bandiere Blu nel corso della quale sono state 269 le spiagge dei 140 comuni a cui è stato attribuito il prestigioso riconoscimento. Oltre alla frazione balneare ragusana, tra le spiagge premiate della nostra provincia figurano Ispica e Pozzallo alle quali si aggiungono, per la Sicilia, Lipari e Vulcano, Menfi, Marsala, Signorino (Agrigento). “Non possiamo che ritenerci più che soddisfatti per questa riconferma – afferma il Sindaco Federico Piccitto – che non fa altro che premiare il lavoro svolto dal Comune di Ragusa che continua a prodigarsi per garantire la sicurezza, la qualità delle acque, la pulizia delle spiagge ed un’oculata gestione dei rifiuti. Chi frequenta nella stagione estiva le spiagge di Marina di Ragusa può essere certo di poter trascorre le vacanze in una zona sempre più appetibile al turismo nazionale ed internazionale” – ha dichiarato il sindaco Piccitto.

 

Vittoria, l’opposizione chiede l’apertura del rifugio sanitario per i cani

L’amministrazione Nicosia aveva annunciato, già nel 2011, l’aperturacane9 della struttura. I consiglieri comunali Andrea Nicosia e Giovanni Moscato, dopo diverse interrogazioni e sollecitazioni, tornano sulla questione dell’apertura del rifugio sanitario di Vittoria. ” Incredibile – dichiara Nicosia – come l’amministrazione comunale pare abbia abbandonato il progetto. Il completamento della struttura di Vittoria è condizione necessaria per il proseguimento delle fasi successive del progetto volto a far fronte al randagismo”. “E’ da ritenersi irresponsabile la condotta di questa amministrazione – continua Moscato – che si dimostra, per l’ennesima volta, fanalino di coda tra i comuni dell’area iblea aderenti al progetto regionale messo in piedi dopo la terribile fine del piccolo Brafa”. “Abbiamo già, negli anni passati, depositato diverse interrogazioni per sollecitare l’amministrazione a definire e consegnare alla città la struttura sanitaria in modo tale da riuscire a fronteggiare meglio il fenomeno sul territorio e per capire a cosa sono dovuti i ritardi e per quali motivi non si sia ancora proceduto alla conclusione della struttura”. I due esponenti del centro destra con una mozione in consiglio hanno chiesto che la giunta Nicosia agevoli l’adozione dei cani – così come avviene in altri comuni – attraverso un bonus ai cittadini. Si tratterebbe di una scelta che comunque farebbe risparmiare il comune di Vittoria considerato che il mantenimento dei cani ha un costo a tutt’oggi assai alto.

Il sequestro a Cava dei Modicani

piccitto okIl sindaco di Ragusa Federico Piccitto interviene a proposito del sequestro di un’area ubicata all’interno della discarica di Cava dei Modicani, nell’ambito di un’operazione congiunta tra Polizia e Guardia di Finanza. “Oltre alla massima collaborazione con le forze dell’ordine – dichiara il primo cittadino – il Comune sta già attivando le procedure per garantire, in tempi rapidi, gli interventi di messa in sicurezza dell’area interessata, evitando così qualsiasi possibile rischio per la collettività. Una vicenda sulla quale auspichiamo si faccia piena chiarezza da parte degli organi competenti, ai quali, come detto, – scrive il sindaco Federico Piccitto- ribadiamo, da parte nostra, la piena collaborazione e disponibilità”.

RACCONTI DI LUNA PIENA

Sabato 10 maggio serata all’insegna della natura insieme alegambiente Legambiente Circolo Melograno di Modica. Passeggiata naturalistica al chiaro di luna attorno all’anello di Pernamazzoni, a Cava Ispica. Oltre alla cena rigenerante al termine della passeggiata, suonerà le campane in quarzo Enrico Giurdanella. C’è la possibilità di trascorrere la notte a dormire presso il Rifugio Pernamazzoni muniti di sacco a pelo. Appuntamento alle ore 20.30 presso il piazzale di Bruno Euronics. La quota di partecipazione è di 7 per tutti gli associati Legambiente e per tutti quelli che vorranno tesserarsi il giorno stesso per l’anno 2014, e di 12 euro per i non soci. Il costo è comprensivo di cena e concerto. Prenotazioni: legambientemodicameri: 338\7944313 – 335\6843981 entro venerdì sera.

Punta Braccetto: l’amministrazione di Santa Croce eliminerà la vasca

La vasca in cemento sullo spiaggione di Punta Braccetto sarà punta braccettorimossa. A causa del consistente fenomeno dell’erosione delle coste, che ha portato ad una riduzione della sabbia, la centralina di sollevamento prima utilizzata per lo smaltimento dei reflui fognari, è emersa ed è stata invasa dal mare, non risultando così più interrata ed in sicurezza. Da qui la decisione dell’amministrazione comunale di spostarla in un’altra sede più sicura e meno invasiva, al fine poi di attivare la rete fognaria anche nella borgata di Punta Braccetto. “Già dal settembre scorso – spiega l’assessore comunale all’ambiente, Giansalvo Allù- abbiamo preso impegno formale con i componenti del comitato di Punta Braccetto per rimuovere la centralina di sollevamento e trasferirla, subito dopo l’estate, un po’ più a monte dove non intaccherà più l’ambiente marino. Ritengo – conclude l’assessore Allù – che questo sia un altro importante impegno che stiamo portando a termine e che va verso la direzione di una valorizzazione della nostra costa e delle spiagge nonché di promozione turistica del territorio”.

Salvato daino ferito alla Diga

DSC_0039Personale della Polizia Provinciale di Ragusa è intervenuto lunedì presso l’invaso di Santa Rosalia, dove volontari della Federazione Italiana pesca sportiva avevano segnalato la presenza di un esemplare di daino ferito. Dopo aver individuato l’animale che stazionava lungo l’argine della diga, gli agenti della Polizia Provinciale hanno constatato che lo stesso era visibilmente ferito alla zampa anteriore sinistra e zoppicava vistosamente. Con l’aiuto di un volontario della Italcaccia ed interessato pure il Corpo Forestale della Regione, l’animale, dopo non poche difficoltà, è stato preso e immobilizzato senza provocare ulteriori danni. Il giovane daino, visitato da un veterinario del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria Asp Ragusa, oltre la vasta e profonda ferita, aveva una sospetta frattura all’arto anteriore sinistro e altre lesioni sparse sul corpo. Il daino è stato trasportato al Centro di Recupero della Fauna Selvatica di Belpasso. Le condizioni dell’animale sono apparse gravi, ma hanno garantito che si farà di tutto per salvarlo. Durante le fasi di recupero, il daino si è lanciato nelle acque della diga e solo il generoso intervento di un cittadino rumeno (R.A. di 25 anni), che non ha esitato a tuffarsi nelle acque fredde per raggiungere l’animale e riportalo a riva, ha permesso il buon esito di tutta l’operazione.

 

LIBERTA’ PER I DELFINI

Sabato 12 e domenica 13 dalle ore 10 alle ore 22 la Lav iblea in Piazza Pola a Ragusa Ibla per raccogliere firme per la petizione per lav-logodire basta alle prigioni d’acqua dei delfini. In caso di maltempo troverete gli animalisti presso le Botteghe Artigiane di Via del Mercato. Con questa petizione Lav e Marevivo intendono chiedere al Governo e al Parlamento una nuova legge che vieti l’importazione di delfini e di altri cetacei a fini di spettacolo. La Lav intende realizzare anche un altro progetto di straordinaria importanza: la costruzione del primo rifugio per i delfini in un’area di mare protetta, che possa accogliere i cetacei provenienti da strutture dismesse. Si tratta di un grande progetto finalizzato a reinserire questi mammiferi nel loro habitat naturale, per restituire loro la libertà purtroppo negata nei delfinari.

 

SCACCIA IL MUOS

Secondo compleanno del Comitato di Base NO MUOS di Ragusa. no muos 3Venerdì 11 alle 18 presso La Bottega dei Popoli di via Carducci, 5 con la conferenza di Paolo Finzi su “Ma la divisa di un altro colore” l’antimilitarismo di Fabrizio De Andrè. A seguire, cena sociale a base di scacce (per prenotazioni rivolgersi alla Bottega dei Popoli).

 

Pulizia del litorale di Santa Croce

giansalvo allùCi si prepara al meglio alla stagione estiva sul litorale di Santa Croce. Con un intervento di pulizia e di bonifica delle spiagge e delle strade. L’ammministrazione comunale con l’assessorato all’ecologia e all’ambiente ha predisposto un servizio capillare di pulizia del litorale da Punta Braccetto fino a Casuzze. Le spiagge del litorale saranno ripulite con l’utilizzo del mezzo puliscispiaggia. “Abbiamo voluto programmare con largo anticipo un intervento capillare per prepararci al meglio alle prossime festività di Pasqua e al ponte del 25 aprile – spiega l’assessore all’ecologia, Giansalvo Allù – Il Comune di Santa Croce, uno dei pochi in Sicilia, ha predisposto servizi di pulizia capillare per offrire ai nostri visitatori e ai vacanzieri un ottimo biglietto da visita”. L’assessore invita i cittadini a non deturpare l’ambiente e a depositare i rifiuti negli appositi cassonetti. “I rifiuti ingombranti potranno essere ritirati fino a domicilio a costo zero per i cittadini – afferma Allù – Si potrà richiedere il ritiro a domicilio dei rifiuti telefonando ai numeri 0932 -914108- oppure 0932 -914118. Oppure si potranno depositare presso l’area di sosta temporanea per la raccolta differenziata di contrada Pezza, adiacente al deposito comunale”. La raccolta differenziata sarà quindi incentivata. I cittadini di Santa Croce saranno messi a conoscenza del calendario di raccolta porta a porta. “Abbiamo voluto avviare una nuova campagna informativa sulla raccolta differenziata – aggiunge l’assessore all’ecologia e al bilancio – . Da qualche anno il comune aveva già avviato la differenziata, ma attraverso questa nuova campagna si vuole sensibilizzare maggiormente la cittadinanza sull’importanza di questo gesto, a beneficio dell’ambiente e consentendo anche al Comune un notevole risparmio in termini di tasse sul materiale conferito in discarica”.

 

 

Pulizia straordinaria della vallata Santa Domenica di Ragusa

10245288_10202617196864989_1740163926939628955_n

Hanno risposto in 50, tra associazioni e semplici cittadini, all’appello lanciato dal comitato cittadino per il recupero della vallata. Due giornate di intenso lavoro, a titolo totalmente gratuito, per restituire alla pubblica fruizione una delle aree più suggestive del capoluogo. “L’obiettivo è la riqualificazione di un antico percorso – spiega Lorenzo Occhipinti, componente dell’associazione Kalura – che collega le due parti della città attraverso i tre ponti fino al largo san Paolo a Ragusa Ibla. Abbiamo ripulito l’ultimo tratto che da piazza Carmine, nella zona antistante in vecchi mulini, conduce fino all’ex macello al largo San Paolo. Un’area di particolare pregio, tra ruscelli d’acqua, una fitta vegetazione, e le necrepoli sicule. Siamo convinti che insieme al comitato e all’amministrazione comunale, che ha siglato un protocollo d’intesa con l’azienda foreste demaniali, si possa finalmente restituire ai cittadini di Ragusa la loro vallata”. In campo il gruppo scout Ragusa 2, le associazioni Kalura, Puli..amo Ragusa, il comitato spontaneo Vallata Santa Domenica, i consiglieri comunali del movimento 5 stelle, e alcuni semplici cittadini. La protezione civile ha messo a disposizione gli attrezzi per ripulire la vallata. “La cava ha un significato particolare per la città di Ragusa – aggiunge Occhipinti – da qui venne estratta la pietra per la costruzione della nuova città subito dopo il tremendo sisma del 1693. Tra i sentieri e i muretti a secco c’erano la fiumara e i mulini ad acqua. Era il fulcro vitale di decine di attività commerciali che attingevano la materia prima dalla vallata”. Il comitato cittadino ha coordinato il lavoro dei volontari. “Le adesioni sono state raccolte su facebook – aggiunge Tiziana Zacco, del comitato cittadino Vallata Santa Domenica – Non tutti i ragusani conoscono un posto così bello o sanno dell’esistenza delle antiche necropoli sicule e di un percorso che collega le due parti della città”.

 

 

Rischio amianto, Digiacomo: “L’impugnativa non ha intaccato l’impianto della legge”

digiacomo_pippo“L’impianto fondamentale della legge è stato perfettamente mantenuto non è il caso di lanciare allarmi che sono assolutamente privi di fondamento. Anche senza le parti impugnate – spiega il deputato Pd all’Ars Pippo Digiacomo – resta il fatto che la Sicilia ha finalmente una legge per la tutela della salute dai rischi derivanti dall’amianto”. Così quindi il presidente della commissione Sanità a commento della notizia dell’impugnativa da parte del Commissario dello Stato di alcune parti della legge votata da Sala d’Ercole. “L’obiettivo è stato comunque raggiunto – sottolinea Digiacomo – abbiamo dotato la Sicilia di una norma indispensabile che ha fatto uscire la nostra Regione dal triste primato raggiunto per essere insieme con la Calabria, l’unica a non essersi adeguata alle norme nazionali”.

 

RAGUSA, TESORO BOTANICO IN UN CAMPO

Un tesoro alla scuola Palazzello. Non si tratta di oro, ma di piante che Legambiente ci racconta. Si tratta di ben nove specie di orchidee selvatiche in piena città. Sono state scoperte durante le attività preparatoria dell’iniziativa ambientalista Nontiscordardime. Una collaborazione tra Legambiente Ragusa il Carrubo e il Circolo Didattico Palazzello. Il campo è quell’area verde di pertinenza dell’edificio scolastico: una piccola oasi di natura sfuggita alla frenesia cementificatoria che ha colpito anche il capoluogo ibleo. Un numero di specie pari a circa un quinto di quelle presenti negli Iblei ed un decimo di quelle presenti in tutta la Sicilia. Un ritrovamento probabilmente incompleto, visto che la stagione di fioritura non è ancora terminata e quindi altre specie potrebberserapiaso fare la loro comparsa. Le piante selvatiche sono state individuate dal Biologo Antonino Duchi, presidente del Circolo Il Carrubo di Ragusa che, insieme all’assessore Claudio Conti, alla Preside Giovanna Piccitto ed alla Vicaria Angela Guardo, stava effettuando un sopralluogo preparatorio per l’iniziativa Nontiscordardime, la giornata nazionale di volontariato di Legambiente dedicata alla qualità e alla vivibilità degli edifici scolastici.  E’ stato immediatamente contattato Vito Campo, esperto dell’affascinante mondo delle orchidee, che ha confermato ed integrato la determinazione delle varie specie: Serapias vomeracea, Ophrys sphegodes, Ophrys speculum, Ophrys lutea, Ophrys sicula, Ophrys incubacea, Ophrys fusca, Ophrys flammeola ed Ophrys archimedea sono i nomi scientifici delle piante osservate, alcune delle quali presenti in decine di esemplari. “L’area verde esterna alla scuola Palazzello si mostra come un’aula naturalistica e didattica all’aperto – sottolinea il Biologo Duchi – e come tale ritengo vada gestita e valorizzata, dando l’opportunità in primis ai docenti ed agli studenti di conoscere e studiare la natura dal vivo e di prima mano”. Il Comune si è impegnato ad intervenire a breve per la bonifica dell’area. Ma l’associazione ambientalista invita a svolgere, oltre alla indispensabile bonifica, solo interventi di manutenzione leggera e nei tempi biologicamente adeguati, in modo da non precludere alla flora e fauna di mantenersi e svilupparsi.

 

 

INCONTRO A PALERMO SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI IN PROVINCIA DI RAGUSA

Massima chiarezza rispetto alla gestione dei rifiuti, presente e discarica1-300x225passata, in tutte le province siciliane, Ragusa compresa, per garantire, così, una soluzione più rapida alle diverse criticità emerse nel difficile passaggio di consegne tra le vecchie Ato e le nuove Società per la regolamentazione del Servizio di gestione rifiuti (SRR), scongiurando il rischio di un’emergenza generale sul tema, anche nel territorio ibleo. E’ la proposta lanciata dal presidente della commissione Ambiente dell’Ars, Giampiero Trizzino, durante il confronto che si è svolto martedì pomeriggio a Palermo tra i rappresentanti della Srr iblea ed il direttore del dipartimento regionale dell’Acqua e dei Rifiuti dottore Marco Lupo, presente insieme al funzionario Roberto Li Causi. Lo stesso Trizzino, al termine dell’incontro, ha annunciato la volontà di coinvolgere tutti i presidenti delle SRR siciliane, in occasione della prossima convocazione della commissione Ambiente, prevista per il 10 aprile. Presenti all’incontro il presidente della Srr di Ragusa, Filippo Cavallo, i sindaci di Ragusa, Federico Piccitto, e di Chiaramonte Gulfi, Vito Fornaro, in qualità di membri del cda della Srr, il presidente del collegio dei revisori dei conti, Salvatore Buscema, gli attuali commissari dell’Ato Fabrizio Failla e Massimo Gulino ed il parlamentare regionale Vanessa Ferreri. Oggetto del confronto una serie di problematiche irrisolte relative proprio al passaggio di consegne tra l’Ato e la Srr iblea. Tra queste spiccano in particolare la questione delle discariche di Ragusa, Vittoria e Scicli e l’attivazione degli impianti di compostaggio nei rispettivi siti di Ragusa e Vittoria, nonché la dotazione organica della Srr ed il possibile assorbimento del personale Ato. in liquidazione. Su quest’ultimo punto, le criticità maggiori si concentrano sulla ridotta disponibilità di figure professionali di livello apicale all’interno della stessa Ato. Per quanto riguarda la situazione delle discariche, le problematiche principali riguardano per il sito ipparino la gestione della fase di post-mortem, soprattutto per quanto riguarda le risorse finanziarie attualmente disponibili e gli interventi di messa in sicurezza. Medesime criticità relative alla gestione della fase post-mortem, in prospettiva, anche per la discarica di Cava dei Modicani, a cui si aggiunge, nel brevissimo periodo, la necessità di predisporre un’ulteriore capacità di abbancamento dei rifiuti attraverso la realizzazione di uno specifico progetto di innalzamento delle sponde della vasca attualmente in uso. A questo proposito, peraltro, l’attuale fase di stallo, legata proprio alla ridotta presenza di figure professionali all’interno dell’Ato in grado di predisporre il progetto in tempi brevi, potrebbe essere almeno temporaneamente superata attraverso l’impiego di figure professionali esterne. Alla luce dell’attuale fase di incertezza, legata ad aspetti tecnici e finanziari nell’avvicendamento tra Ato e Srr, i rappresentanti delle società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti hanno ribadito l’impossibilità di provvedere al trasferimento della gestione delle discariche dall’Ato alla Srr. Superato il problema dell’avvio dell’iter necessario all’attivazione degli impianti di compostaggio che potranno essere invece ceduti dall’Ato alla Srr. Alla luce del complesso quadro e delle difficoltà oggettive di avvio della Srr, i rappresentanti della Srr iblea hanno ribadito la necessità di provvedere alla nomina, da parte della Regione, di nuovi commissari straordinari per i rifiuti con più ampi poteri di azione rispetto agli attuali il cui mandato scade alla fine del mese di aprile.

 

PRIMA SICILIA, ALLE ORIGINI DELLA SOCIETA’ SICILIANA

 

archeoclubL’archeoclub sezione di Ragusa organizza una visita guidata nel Belice domenica 13 aprile. Previsto un incontro con il professore Vito Zarzana.  Costo pro capite 60 euro comprendente il viaggio in pullman, colazione, pranzo al ristorante. Rivolgersi a Enzo Piazzese tel. 348 2229891 –  0932 623231.

PULIAMO LA CAVA

Il Comitato cittadino Cava Santa Domenica, con la collaborazione delle associazioni aderenti, invita tutte le persone che volessero scoprire le bellezze naturali della vallata Santa Domenica, sempre ammirata dall’alto dei tre ponti di Ragusa, a partecipare il 5 e 6 Aprile alla due giorni di ripristino del tratto che va dal Carmine a Largo San Paolo, dove insiste una significativa necropoli sicula. L’appuntamento è per le 9 presso Largo San Paolo a Ibla. A tutti i volontari verrà offerto nei due giorni un ristoro gratuito dal ristorante “Il Boccaccio”. L’Amministrazione comunale sosterrà l’iniziativa e, insieme alla protezione civile, fornirà tutti i supporti logistici necessari. “E’ importante essere in tanti – spiegano i promotori – perché l’iniziativa volge al recupero della Cava Santa Domenica come un patrimonio naturalistico di tutti i Ragusani”.
cava santa domenica

ESCURSIONE CON LEGAMBIENTE

Il circolo Melograno di Modica propone una passeggiata naturalistica esplorativa dal Parco Forza di Ispica al rifugio Pernamazzoni. La Cava d’Ispica è una stretta vallata lunga circa 13 Km, nei cui fianchi sono scavate tombe e abitazioni rupestri. La cava è attraversata da un torrente, in questi ultimi anni spesso in secca, chiamato nel corso superiore Pernamazzoni, e nell’inferiore Busaitone, nome probabilmente coniato da Poseidone, il dio del mare, che forse un tempo qui veniva venerato. Il calcare tenero della cava, la struttura meandriforme, la posizione strategica e la vicinanza al mare, hanno contribuito a rendere questo selvaggio e stupendo luogo uno dei maggiori complessi rupestri della Sicilia. Ricca la vegetazione con pioppi, salici, platani, oleandri, mentre sui fianchi delle irte pareti domina la vegetazione rupicola con capperi, erica, elicriso e soprattutto il trachelio ibleo. L’appuntamento è la prossima domenica alle ore 8.30 presso il piazzale Bruno Euronics. L’escursione poi prenderà avvio alle ore 9.00 da Ispica, dal Piazzale ex macello. La quota di partecipazione è 8 euro per tutti gli associati Legambiente e per tutti quelli che vorranno tesserarsi il giorno stesso, e di 10 euro per i non soci. Il costo è comprensivo di pranzo e di guida. Telefonare entro sabato al 338 7944313.

legambiente

Si rischia la chiusura della discarica Cava dei Modicani

La F.P. Cgil di Ragusa ha chiesto al Prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, la convocazione urgente di una conferenza di servizio, con la presenza delle parti in causa, (la ditta Costanzo costruzioni srl, i commissari della Srr di Ragusa, il collegio dei liquidatori dell’Ato Ambiente Ragusa, il commissario della Provincia, i sindaci di Ragusa, Chiaramonte, Monterosso Almo e Giarratana). La conferenza è stata indetta per affrontare la grave crisi gestionale che caratterizza la discarica sub comprensoriale di Ragusa. La ditta Costanzo costruzioni, che attualmente gestisce la discarica sub-comprensoriale Cava dei Modicani, con nota del 20 marzo scorso, ha comunicato alla F.P. Cgil di Ragusa e a tutti i soggetti interessati la volontà di risolvere anticipatamente il contratto di servizio la cui scadenza naturale è fissata per il prossimo 21 ottobre. La ditta ha comunicato che non può garantire lo svolgimento delle attività necessarie per la regolare gestione della discarica non escludendo la chiusura totale dell’impianto. “I motivi che hanno indotto l’Amministratore unico dell’impresa a prendere questa difficile e sofferta decisione” – dichiara Giovanni Lattuca segretario provinciale della F.P. Cgil – “è stata la enorme esposizione finanziaria nei confronti di Ato e Srr e la mancata emissione dei certificati di pagamento mensile che comprova lo svolgimento del servizio così come previsto dal vigente contratto di gestione. Si ricorda a chi di dovere, che 3 anni fa, la Icom di Milano, impresa che ha gestito le discariche di Scicli e di Vittoria, è fallita per gli stessi motivi di cui sopra, lasciando a casa sei lavoratori. Pertanto, è necessario – chiede Lattuca – salvaguardare gli attuali livelli occupazionali di undici addetti e non fare chiudere l’unico impianto della provincia”.

discarica1-300x225

 

ESCURSIONE A CAVA BAULI

Ultimi giorni per partecipare all’escursione guidata presso i suggestivi “ddieri” di Cava Baulì che avrà luogo, domenica 23 marzo, presso la Cava Baulì, a circa 5 chilometri da Palazzolo Acreide. I partecipanti ammireranno, immersi in un breve paradiso boscoso e incontaminato nel cuore degli Iblei, tracce archeologiche appartenenti a tutte le fasi dell’età del bronzo fino all’arrivo dei Greci, ed ancora testimonianze altomedievali e bizantine. Ma soprattutto, l’escursione sarà un’esperienza unica per visitare i “ddieri” meglio conservati del Sudest. Il vocabolo deriva dall’arabo “ad diar” che significa abitazione, e infatti si tratta di ambienti completamente scavati e incassati nella nuda roccia calcarea. Cisterne, granai, mensole, finestre e scale, il tutto scavato nel ventre della montagna a testimoniare l’esigenza di fuggire alle minacce che costantemente incombevano lungo le coste ad opera dei pirati turchi. L’escursione durerà circa 6 ore, con raduno presso il distributore di carburanti Milana, sulla SP 46, previsto alle ore 8; la quota è fissata in euro 8, e soli 5 per chi avesse già la tessera di Legambiente. La quota comprende il servizio di guida, che sarà curato dal dott. Paolino Uccello, e l’assicurazione contro gli infortuni. Per info: telefonare al 327/6282918.
bauli3

Scroll To Top
Descargar musica