25-05-2017
Ti trovi qui: Home » Ambiente (pagina 20)

Archivio della categoria: Ambiente

INCONTRO A PALERMO SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI IN PROVINCIA DI RAGUSA

Massima chiarezza rispetto alla gestione dei rifiuti, presente e discarica1-300x225passata, in tutte le province siciliane, Ragusa compresa, per garantire, così, una soluzione più rapida alle diverse criticità emerse nel difficile passaggio di consegne tra le vecchie Ato e le nuove Società per la regolamentazione del Servizio di gestione rifiuti (SRR), scongiurando il rischio di un’emergenza generale sul tema, anche nel territorio ibleo. E’ la proposta lanciata dal presidente della commissione Ambiente dell’Ars, Giampiero Trizzino, durante il confronto che si è svolto martedì pomeriggio a Palermo tra i rappresentanti della Srr iblea ed il direttore del dipartimento regionale dell’Acqua e dei Rifiuti dottore Marco Lupo, presente insieme al funzionario Roberto Li Causi. Lo stesso Trizzino, al termine dell’incontro, ha annunciato la volontà di coinvolgere tutti i presidenti delle SRR siciliane, in occasione della prossima convocazione della commissione Ambiente, prevista per il 10 aprile. Presenti all’incontro il presidente della Srr di Ragusa, Filippo Cavallo, i sindaci di Ragusa, Federico Piccitto, e di Chiaramonte Gulfi, Vito Fornaro, in qualità di membri del cda della Srr, il presidente del collegio dei revisori dei conti, Salvatore Buscema, gli attuali commissari dell’Ato Fabrizio Failla e Massimo Gulino ed il parlamentare regionale Vanessa Ferreri. Oggetto del confronto una serie di problematiche irrisolte relative proprio al passaggio di consegne tra l’Ato e la Srr iblea. Tra queste spiccano in particolare la questione delle discariche di Ragusa, Vittoria e Scicli e l’attivazione degli impianti di compostaggio nei rispettivi siti di Ragusa e Vittoria, nonché la dotazione organica della Srr ed il possibile assorbimento del personale Ato. in liquidazione. Su quest’ultimo punto, le criticità maggiori si concentrano sulla ridotta disponibilità di figure professionali di livello apicale all’interno della stessa Ato. Per quanto riguarda la situazione delle discariche, le problematiche principali riguardano per il sito ipparino la gestione della fase di post-mortem, soprattutto per quanto riguarda le risorse finanziarie attualmente disponibili e gli interventi di messa in sicurezza. Medesime criticità relative alla gestione della fase post-mortem, in prospettiva, anche per la discarica di Cava dei Modicani, a cui si aggiunge, nel brevissimo periodo, la necessità di predisporre un’ulteriore capacità di abbancamento dei rifiuti attraverso la realizzazione di uno specifico progetto di innalzamento delle sponde della vasca attualmente in uso. A questo proposito, peraltro, l’attuale fase di stallo, legata proprio alla ridotta presenza di figure professionali all’interno dell’Ato in grado di predisporre il progetto in tempi brevi, potrebbe essere almeno temporaneamente superata attraverso l’impiego di figure professionali esterne. Alla luce dell’attuale fase di incertezza, legata ad aspetti tecnici e finanziari nell’avvicendamento tra Ato e Srr, i rappresentanti delle società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti hanno ribadito l’impossibilità di provvedere al trasferimento della gestione delle discariche dall’Ato alla Srr. Superato il problema dell’avvio dell’iter necessario all’attivazione degli impianti di compostaggio che potranno essere invece ceduti dall’Ato alla Srr. Alla luce del complesso quadro e delle difficoltà oggettive di avvio della Srr, i rappresentanti della Srr iblea hanno ribadito la necessità di provvedere alla nomina, da parte della Regione, di nuovi commissari straordinari per i rifiuti con più ampi poteri di azione rispetto agli attuali il cui mandato scade alla fine del mese di aprile.

 

PRIMA SICILIA, ALLE ORIGINI DELLA SOCIETA’ SICILIANA

 

archeoclubL’archeoclub sezione di Ragusa organizza una visita guidata nel Belice domenica 13 aprile. Previsto un incontro con il professore Vito Zarzana.  Costo pro capite 60 euro comprendente il viaggio in pullman, colazione, pranzo al ristorante. Rivolgersi a Enzo Piazzese tel. 348 2229891 –  0932 623231.

PULIAMO LA CAVA

Il Comitato cittadino Cava Santa Domenica, con la collaborazione delle associazioni aderenti, invita tutte le persone che volessero scoprire le bellezze naturali della vallata Santa Domenica, sempre ammirata dall’alto dei tre ponti di Ragusa, a partecipare il 5 e 6 Aprile alla due giorni di ripristino del tratto che va dal Carmine a Largo San Paolo, dove insiste una significativa necropoli sicula. L’appuntamento è per le 9 presso Largo San Paolo a Ibla. A tutti i volontari verrà offerto nei due giorni un ristoro gratuito dal ristorante “Il Boccaccio”. L’Amministrazione comunale sosterrà l’iniziativa e, insieme alla protezione civile, fornirà tutti i supporti logistici necessari. “E’ importante essere in tanti – spiegano i promotori – perché l’iniziativa volge al recupero della Cava Santa Domenica come un patrimonio naturalistico di tutti i Ragusani”.
cava santa domenica

ESCURSIONE CON LEGAMBIENTE

Il circolo Melograno di Modica propone una passeggiata naturalistica esplorativa dal Parco Forza di Ispica al rifugio Pernamazzoni. La Cava d’Ispica è una stretta vallata lunga circa 13 Km, nei cui fianchi sono scavate tombe e abitazioni rupestri. La cava è attraversata da un torrente, in questi ultimi anni spesso in secca, chiamato nel corso superiore Pernamazzoni, e nell’inferiore Busaitone, nome probabilmente coniato da Poseidone, il dio del mare, che forse un tempo qui veniva venerato. Il calcare tenero della cava, la struttura meandriforme, la posizione strategica e la vicinanza al mare, hanno contribuito a rendere questo selvaggio e stupendo luogo uno dei maggiori complessi rupestri della Sicilia. Ricca la vegetazione con pioppi, salici, platani, oleandri, mentre sui fianchi delle irte pareti domina la vegetazione rupicola con capperi, erica, elicriso e soprattutto il trachelio ibleo. L’appuntamento è la prossima domenica alle ore 8.30 presso il piazzale Bruno Euronics. L’escursione poi prenderà avvio alle ore 9.00 da Ispica, dal Piazzale ex macello. La quota di partecipazione è 8 euro per tutti gli associati Legambiente e per tutti quelli che vorranno tesserarsi il giorno stesso, e di 10 euro per i non soci. Il costo è comprensivo di pranzo e di guida. Telefonare entro sabato al 338 7944313.

legambiente

Si rischia la chiusura della discarica Cava dei Modicani

La F.P. Cgil di Ragusa ha chiesto al Prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, la convocazione urgente di una conferenza di servizio, con la presenza delle parti in causa, (la ditta Costanzo costruzioni srl, i commissari della Srr di Ragusa, il collegio dei liquidatori dell’Ato Ambiente Ragusa, il commissario della Provincia, i sindaci di Ragusa, Chiaramonte, Monterosso Almo e Giarratana). La conferenza è stata indetta per affrontare la grave crisi gestionale che caratterizza la discarica sub comprensoriale di Ragusa. La ditta Costanzo costruzioni, che attualmente gestisce la discarica sub-comprensoriale Cava dei Modicani, con nota del 20 marzo scorso, ha comunicato alla F.P. Cgil di Ragusa e a tutti i soggetti interessati la volontà di risolvere anticipatamente il contratto di servizio la cui scadenza naturale è fissata per il prossimo 21 ottobre. La ditta ha comunicato che non può garantire lo svolgimento delle attività necessarie per la regolare gestione della discarica non escludendo la chiusura totale dell’impianto. “I motivi che hanno indotto l’Amministratore unico dell’impresa a prendere questa difficile e sofferta decisione” – dichiara Giovanni Lattuca segretario provinciale della F.P. Cgil – “è stata la enorme esposizione finanziaria nei confronti di Ato e Srr e la mancata emissione dei certificati di pagamento mensile che comprova lo svolgimento del servizio così come previsto dal vigente contratto di gestione. Si ricorda a chi di dovere, che 3 anni fa, la Icom di Milano, impresa che ha gestito le discariche di Scicli e di Vittoria, è fallita per gli stessi motivi di cui sopra, lasciando a casa sei lavoratori. Pertanto, è necessario – chiede Lattuca – salvaguardare gli attuali livelli occupazionali di undici addetti e non fare chiudere l’unico impianto della provincia”.

discarica1-300x225

 

ESCURSIONE A CAVA BAULI

Ultimi giorni per partecipare all’escursione guidata presso i suggestivi “ddieri” di Cava Baulì che avrà luogo, domenica 23 marzo, presso la Cava Baulì, a circa 5 chilometri da Palazzolo Acreide. I partecipanti ammireranno, immersi in un breve paradiso boscoso e incontaminato nel cuore degli Iblei, tracce archeologiche appartenenti a tutte le fasi dell’età del bronzo fino all’arrivo dei Greci, ed ancora testimonianze altomedievali e bizantine. Ma soprattutto, l’escursione sarà un’esperienza unica per visitare i “ddieri” meglio conservati del Sudest. Il vocabolo deriva dall’arabo “ad diar” che significa abitazione, e infatti si tratta di ambienti completamente scavati e incassati nella nuda roccia calcarea. Cisterne, granai, mensole, finestre e scale, il tutto scavato nel ventre della montagna a testimoniare l’esigenza di fuggire alle minacce che costantemente incombevano lungo le coste ad opera dei pirati turchi. L’escursione durerà circa 6 ore, con raduno presso il distributore di carburanti Milana, sulla SP 46, previsto alle ore 8; la quota è fissata in euro 8, e soli 5 per chi avesse già la tessera di Legambiente. La quota comprende il servizio di guida, che sarà curato dal dott. Paolino Uccello, e l’assicurazione contro gli infortuni. Per info: telefonare al 327/6282918.
bauli3

Giornate Fai a Comiso

L’assessore alla Cultura Giulia Digiacomo rende noto che, in occasione delle Gionate Fai di Primavera 2014, sarà possibile visitare l’originale mosaico delle terme romane allocato in via Canonico Flaccavento. Da questo venerdì fino a domenica prosisma, infatti, gli alunni dell’Istituto superiore “G. Carducci” di Comiso guideranno i visitatori presso le terme romane e il mosaico del Nettuno e delle Nereidi la cui copia si trova in via Calogero. Inoltre, potrà essere visitata anche la necropoli di Serra Carcara e alcuni reperti custoditi all’aeroporto. Gli studenti comisani, guidati dalle professoresse Maria Stella Micieli e Rosanna Distefano, illustreranno ai turisti la storia degli insediamenti, venerdi 21, sabato 22 e domenica 23 dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 17.30 per le terme, e venerdi 21, sabato 22 e domenica 23 dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 17 per l’aeroporto. Inoltre sabato 22 alle ore 18 e domenica 23 alle ore 11 si terrà un reading di passi dello scrittore Gesualdo Bufalino nella saletta annessa alla Biblioteca “Bufalino” in piazza delle Erbe a Comiso. A leggere i passi dello scrittore comisano gli allievi del laboratorio teatrale guidati dalle attrici Tiziana Bellassai e Anita Indigeno.
comiso definitivo

CIUSA 2.0

Rilanciare le campagne unendo paesaggio e risorse multimediali. E’ il senso del progetto promosso da tre giovani professionisti ragusani Vincenzo Occhipinti, Alessio Bracchitta e Salvatore Bufalino. Si chiama progetto “Ciusa 2.0” ed intende favorire la collaborazione in rete di associazioni, organismi, cittadini, per appropriarsi realmente della propria terra e dunque della propria identità. Il progetto partecipa al concorso indetto da Edison per le startup. E’ possibile votare collegandosi al sito edisonstart.it “Ciusa 2.0 – spiegano i tre giovani professionisti – è un servizio culturale integrato. Attraverso la creazione di eventi fieristici outdoor learning, favorisce lo sviluppo di reti collaborative virtuali e reali con epicentro un vuoto agricolo. Il servizio vuole incentivare i più giovani ad un’imprenditorialità responsabile della campagna iblea, attraverso l’adozione virtuale (adozione verde) delle “Ciuse”, unità agricole definite da una maglia di muri a secco, e la successiva sperimentazione di pratiche innovative e sostenibile”. Interessanti anche gli obiettivi e i destinatari. L’obiettivo principale è quello di promuovere azioni di informazione e formazione, utili al recupero del concetto di rete di relazioni favorendo nuovi scenari inclusivi. Inoltre l’incontro degli utenti virtuali all’interno del “vuoto agricolo” come smart farmer, in una connessione digitale al paesaggio, accrescerà la consapevolezza e il senso di appartenenza. I destinatari si dividono in tre categorie: giovani professionisti, imprenditori ricadenti per prossimità sul “vuoto agricolo”, appunto le “ciuse”, e i proprietari del fondo. Nell’analisi sviluppata per presentare il progetto per l’obiettivo di startup sono stati indicati dei punti di forza: “Un approccio digitale al paesaggio, ludico e interattivo, permetterà una forma virtuale di responsabilità verso il territorio, anticamera per una concreta tutela attiva del paesaggio. La logica dell’evento outdoor sul vuoto agricolo, combinazione di momenti fieristici e formativi, fornirà all’utente gli strumenti e le informazioni necessarie per nuovi approcci imprenditoriali”. Sono due le tipologie del servizio. La prima, virtuale, sarà costituita da una piattaforma web che raccoglierà i destinatari del progetto. La seconda tipologia, temporanea e pratica, offrirà, all’interno del vuoto agricolo prescelto, un evento fieristico culturale, che permetterà l’incontro tra i vari attori, la sperimentazione e la formazione su nuove pratiche innovative.
1780285_758273187517709_1692908012_o

No Muos di Niscemi, arriva la commissione del Senato

I componenti della commissione Sanità e della commissione Ambiente del Senato della Repubblica saranno questo venerdì a Caltanissetta, in Prefettura. I commissari hanno programmato una serie di audizioni per fare chiarezza sulla vicenda Muos a Niscemi. A darne comunicazione è la senatrice del Pd Venera Padua, componente della commissione Sanità. “Così come avevo detto nei giorni scorsi – afferma la Padua – prendendo atto del fatto che la tensione sul Muos resta sempre elevata, ho avanzato delle specifiche istanze ai presidenti delle due commissioni affinché avviassero approfondimenti e indagini in grado di dare risposte alle preoccupazioni crescenti degli abitanti sui possibili rischi per la salute dovuti all’inquinamento elettromagnetico che il Muos, una volta operativo, potrebbe causare”. La senatrice Padua annuncia di avere chiesto, su questa delicata questione, anche il coinvolgimento della commissione Difesa del Senato per verificare in loco le problematiche relative all’installazione del Muos.
no muos 2

Piano d’azione per l’energia sostenibile

Il consiglio comunale di Santa Croce Camerina ha deliberato nei giorni scorsi il mandato al sindaco per la costituzione dell’associazione temporanea di scopo con i comuni facenti parte del Patto dei sindaci, ossia Comiso (comune capofila), Chiaramonte Gulfi, Acate, Giarratana e Monterosso Almo. Si tratta di un atto importante che servirà per mandare in gara l’affidamento della redazione dei Paes, ossia i Piani di azione per l’energia sostenibile, documento programmatico per descrivere il percorso e le azioni che le singole città seguiranno da qui al 2020 per ridurre le proprie emissioni di gas ad effetto serra. I Paes successivamente verranno posti all’attenzione della commissione europea per la valutazione e dunque l’approvazione. Ciò consentirà ai comuni di mettere in atto le opere di risparmio energetico nei territori di competenza e raggiungere così gli obiettivi fissati dall’Unione europea in campo energetico ovvero: – 20% di CO2, + 20% di energia rinnovabile e + 20% di risparmio energetico.
bioedilizia

La posizione di Legambiente Ispica sul ripascimento costa ispicese

Si è tenuta lo scorso 5 marzo una riunione della Commissione permanente di monitoraggio promossa dal Comitato “S. Maria del Focallo – Marina Marza” per sveltire l’iter del progetto di ripascimento lungo la costa ispicese. In tale occasione, l’assessore al ramo Paolo Mozzicato e uno dei progettisti, Salvo Puccio, hanno informato i presenti dell’inutilizzabilità delle sabbie che saranno dragate dal porto di Pozzallo, e quindi della necessità di tornare all’originario intendimento, ossia prelevare il materiale dalla cava sottomarina di Termini Imerese. A tal proposito Legambiente Ispica chiarisce la propria posizione e ribadisce il proprio favore rispetto a un intervento che, sorto come necessario, negli anni è divenuto urgente ed improcrastinabile. “Al tempo stesso, tuttavia – scrive Legambiente – non è utile, né corretto, implementare un intervento “qualsiasi”, che non tenga conto, cioè, del giusto rapporto costi/benefici, ovvero della effettiva probabilità di ottenere un esito positivo comunque incerto, a fronte di spese certe. In un’ottica di razionalizzazione dei finanziamenti disponibili Legambiente plaude sin da subito alla decisione, assunta dai progettisti di Palazzo Bruno, di perseguire dei risparmi – scrive Legambiente – sul reperimento delle ingenti quantità di sedimenti necessari. Al riguardo, tuttavia, è apparso quantomeno singolare che si cercasse di raggiungere l’obiettivo eseguendo delle costose analisi sulle sabbie interne al porto di Pozzallo: sabbie che, come era facile prevedere, si sono rivelate troppo inquinate. Inspiegabilmente, però, nessuno ha pensato di verificare la compatibilità della sabbia accumulatasi fuori dal porto e, quindi, presumibilmente – sostiene Legambiente – assai più pulita; tanto più che era questa la prescrizione del Genio Civile”.
Santa_Maria_del_Focallo

Passeggiata a cavallo

modica_i000004Domenica 9 marzo a Modica, dalle 10 alle 12, passeggiata di carrozze, carri, calessi e cavalli da sella, al corso Umberto I. L’evento sarà aperto da alcune cavalleresche, con 50 cavalli da sella e da mezzi di traino.

Ragusa, in distribuzione mangime antifecondativo per i colombi

Sono state avviate le operazioni di distribuzione di mangime antifecondativo per i colombi urbanizzati. Per non vanificare gli effetti attesi dagli interventi di somministrazione, l’amministrazione comunale invita la cittadinanza a collaborare, evitando di distribuire cibo ai volatili specie nelle zone di Piazza San Giovanni, di Piazza Cappuccini, di Piazza Duomo e dintorni e segnalando altri eventuali siti di concentramento di colombi. Gli incaricati per la distribuzione del mangime antifecondativo sono dei volontari organizzati dall’ufficio di Protezione Civile. Per comunicazioni ed informazioni rivolgersi al referente Angelo Giurdanella (0932 676883).
piccioni-viaggiatori

Ispica, due discariche abusive nella zona del Parco archeologico

In questi giorni il Circolo Sikelion, tramite la sua presidente, ha segnalato ai Carabinieri di Ispica la presenza di due discariche abusive. Si tratta di accumuli di materiali inerti derivanti da demolizioni di edifici o parti interne di esse, contenitori di prodotti chimici, oggetti dismessi, insieme a rifiuti speciali e altamente pericolosi quali manufatti e spezzoni di lastre in amianto.
5 - Una delle discariche abusive, nei pressi di Cava Ispica

LA SENATRICE PADUA INTERVIENE SUL MUOS

“La tensione sul Muos (Mobile user objective system) è sempre più alta. E ciò accade in Sicilia e in particolare nelle aree immediatamente a ridosso di Niscemi, quindi anche nell’area iblea. Per questo ho ritenuto necessario chiedere alla commissione Sanità e alla commissione Ambiente del Senato di avviare approfondimenti e indagini in grado di dare risposte alle preoccupazioni crescenti degli abitanti sui possibili rischi per la salute dovuti all’inquinamento elettromagnetico che il Muos, una volta operativo, potrebbe causare”. Lo afferma la senatrice del Pd Venera Padua, che, tra l’altro, è membro della commissione Sanità del Senato. La senatrice Padua, su questa delicata questione, ha chiesto anche il coinvolgimento della commissione Difesa del Senato per verificare in loco le problematiche relative all’installazione del Muos.
no muos 2

Collettivo ”la Fabbrica”

Il collettivo “la Fabbrica” di Comiso, da sempre al fianco della battaglia contro la istallazione del Muos di Niscemi, ha deciso, questo venerdì 28, di organizzare un “corteo funebre” per sensibilizzare ancora una volta il territorio sulla minaccia alla salute e alla sicurezza, costituita dal sistema di comunicazioni satellitari attualmente in fase di ultimazione. La manifestazione/corteo serve da supporto alla Manifestazione che si terrà sabato 1 Marzo a Niscemi, manifestazione a cui “la Fabbrica” aderisce attivamente organizzando un autobus per consentire a tutti coloro che lo vorranno di raggiungere Niscemi. “La metafora del “corteo funebre” è sintomatica del rischio, sempre più realistico e concreto, che il nostro territorio corre con la presenza e l’attivazione di questa installazione militare pericolosa”. Il corteo funebre partirà dalla chiesa di S. Giuseppe alle ore 18.
no muos 2

LE CITTA’ PROTAGONISTE DELLA GREEN ECONOMY

Lunedì 3 marzo, alle 17,30, presso la sala Avis di Ragusa verrà presentato il libro “Il patto dei sindaci. Le città come protagoniste della Green Economy” di Antonio Lumicisi con la prefazione di Luca Mercalli. L’iniziativa è stata curata dall’Assessore all’Ambiente e all’Energia, Claudio Conti, che martedì 4 marzo, alle 9,30, accompagnerà Antonio Lumicisi per un incontro al Comune con i componenti della Commissione Ambiente, consiglieri comunali, amministratori per illustrare le opportunità del Patto dei Sindaci ed i vantaggi nel raggiungere gli obiettivi dell’UE in campo energetico (-20% di CO2, + 20% di energia rinnovabile e + 20% di risparmio energetico). Il libro traccia un bilancio di quanto accaduto in Italia nei primi cinque anni di attività del Patto dei Sindaci e ne costituisce quindi un momento identitario (i Comuni italiani aderenti sono oltre 2.200 e questi, sommati a quelli spagnoli, rappresentano l’80% del totale). Antonio Lumicisi da oltre 20 anni si occupa di politiche e misure per lo sviluppo sostenibile. Ha collaborato con il Ministero dell’Ambiente sui temi del cambiamento climatico e della energia sostenibile e dal 2008 si occupa del Patto dei Sindaci a livello nazionale per conto del Ministero dell’Ambiente.
green economy

IL PD DI COMISO A FIANCO DEI NO MUOS

Sul tema Muos il partito democratico di Comiso ribadisce la sua posizione: parteciperà alla manifestazione del 1 marzo a Niscemi. “Sosteniamo con decisione la nostra contrarietà all’installazione del sistema Muos. Le sue emissioni determinano fondati rischi per la salute della popolazione ed effetti biologici negativi su flora e fauna in un territorio non limitato alla sola cittadina di Niscemi. Inoltre non possiamo trascurare il fatto che ad oggi nessuno ha smentito la possibilità di interferenze tra il fascio a microonde generato dalle parabole e la strumentazione di bordo degli aeromobili. Il corretto funzionamento dell’Aeroporto di Comiso potrebbe, infatti, – scrive il Pd della città casmenea – essere messo a rischio proprio dalla realizzazione dell’Installazione Statunitense. Pertanto, il Pd di Comiso, prenderà parte al corteo di giorno 1 marzo”.
no muos 3

Anche il Comune di Ragusa fa ricorso al Tar per il Muos

Autorizzare il Sindaco a proporre interventi ad adiuvandum avanti il Tar Sicilia nei ricorsi proposti dal Comune di Niscemi e dal Movimento No Muos per l’annullamento del provvedimento della Regione con il quale è stata autorizzata l’esecuzione dei lavori per l’installazione del sistema di comunicazione alla Sughereta di Niscemi. Ciò è quanto previsto nel dispositivo della delibera adottata dalla Giunta Municipale con la quale si affida la difesa degli interessi del Comune all’avv. Sergio Boncoraglio dell’Ufficio legale dell’Ente. “L’Amministrazione Comunale – afferma il Sindaco Federico Piccitto – ha espresso solidarietà ai comitati No Muos siciliani e allo stesso comitato No Muos di Ragusa, impegnati da diversi mesi in azioni di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla questione Muos. Ribadiamo la ferma opposizione alla realizzazione del Muos nella nostra terra, in quanto riteniamo che ciò comporti un danno ambientale, un rischio per la salute dei cittadini siciliani. Consideriamo l’impianto Muos – dice il sindaco di Ragusa Federico Piccitto – uno strumento non semplicemente di difesa, ma di strategia militare. Come Sindaco e come cittadino di Ragusa ho già avuto modo di esprimere l’auspicio ad uno stop definitivo allo sperpero di risorse economiche per la costruzione di armamenti e strutture di guerra. La nostra Isola, infatti, ha necessità di lavoro, di salvaguardia del territorio e dei nostri prodotti commerciali, di puntare sulla Bellezza, sulla Cultura e sul Turismo internazionale. La costruzione del Muos rischia di compromettere lo sviluppo del nostro territorio in tale direzione. Alla luce di tali considerazioni – dice il sindaco Federico Piccitto – per dare maggiore forza all’azione che si sta portando avanti per contrastare la realizzazione del Muos di Niscemi abbiamo approvato in Giunta la delibera con cui ci inseriamo assieme agli altri proponenti nel giudizio innanzi al Tar Sicilia”.
muos

Legambiente Modica organizza seminario sui Gaes

Venerdì 21 febbraio alle ore 18.00 il circolo Legambiente di Modica organizza un seminario di presentazione dei Gaes, i Gruppi di acquisto eco-sostenibili. Mettersi insieme conviene per risparmiare e avere soprattutto garanzie sulla qualità dei prodotti da acquistare. E’ questa l’idea che spinge migliaia di cittadini ad unirsi ai gruppo di acquisto per la fornitura di diversi prodotti: alimentari biologici, fotovoltaici, termico solare, caldaie a biomasse, pompe di calore, bicicletta elettrica, elettrodomestici, tecnologie per il risparmio idrico, e anche per smaltire correttamente i serbatoi o le tettoie in amianto. I servizi EcoSostenibili sono quelli che oggi garantiscono di consumare meno e risparmiare denaro. L’appuntamento è per venerdì alle 18,00 presso Palazzo De Leva, a Modica. Il Centro Studi sulla Contea di Modica ha messo a disposizione la propria sede.
legambiente

Scroll To Top
Descargar musica