21-10-2017
Ti trovi qui: Home » Arte (pagina 3)

Archivio della categoria: Arte

LA CASA DELLE FARFALLE DI MODICA OSPITA UN CORSO DI MACROFOTOGRAFIA, APERTE LE ISCRIZIONI

casa farfalle modicaRacchiudere in uno scatto la bellezza di una farfalla. Tutti abbiamo provato a farlo senza sapere che per fotografare gli insetti esistono delle tecniche particolari. “Se sei un appassionato di fotografia o sei affascinato dal mondo delle farfalle e vuoi conoscerle sempre di più impara tutti i segreti della macrofotografia e scopri come fotografare questi bellissimi insetti – spiegano dall’organizzazione – La casa delle farfalle ha pensato di organizzare dei corsi che si terranno il 28 ed il 29 aprile ed il 28 ed il 29 maggio”. Il corso è diviso in due giornate la prima dedicata ai principianti con un corso base la seconda invece in cui si terrà un corso avanzato. Si inizia alle 10 con due ore di teoria, seguite da una pausa pranzo. Poi si riprenderà alle 14 due con due ore di pratica dentro la casa delle farfalle. Alle 16 ci sarà le revisione delle foto scattate e la conclusione del corso. È possibile seguire soltanto il corso base che avrà un costo di 30 euro mentre se si vuole approfittare e proseguire con il corso avanzato il costo è di 50 euro per entrambe le giornate. Ad illustrare le tecniche della macrofotografia il fotografo Diego Reggianti. Per informazioni e prenotazioni contattare il sito www.lacasadellefarfalle.com

IL BAGNO DI MEZZAGNONE

La-cupola-del-Bagno-di-Mezzagnone-vista-dall-internoTutti conosciamo le bellezze architettoniche iblee, frutto dell’arte barocca e liberty, ma in pochi sanno forse che il nostro territorio possiede testimonianze ben più antiche, che solo grazie al lavoro e alla ricerca di archeologi e studiosi possono essere portate alla conoscenza dell’intera collettività. E’ quanto hanno fatto Giovanni Distefano, direttore archeologo del Museo di Santa Croce Camerina, e Giovanni Modica, insegnante e architetto, con il cosiddetto “Bagno di Mezzagnone”, un gioiello raro in Sicilia e un unicum nel territorio ibleo.  Un edificio di origini goto-bizantine, ma che ha conosciuto anche il passaggio degli arabi. Il lungo lavoro di ricerca è stato racchiuso nell’ultima “perla” dei Tesori Iblei della Baglieri Editrice, nel volume dal titolo”L’edificio antico di Mezzagnone. Il gioiello del casale di Sanctae Crucis de Rasacambra” e sarà presentato al pubblico in un duplice appuntamento: il primo, giorno 22 aprile 2016, alle ore 17,30 presso la Biblioteca comunale di Santa Croce Camerina.  Nell’occasione si discuterà dei temi dell’opera insieme agli autori e allo storico prof. Gaetano Cascone. Secondo appuntamento il 29 Aprile 2016 presso Sala E. Giudice di Vittoria durante il Festival dell’Archeologia in programma per la Settimana della Cultura.

LA “COLLETTIVA N°2” E I PROSSIMI APPUNTAMENTI DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE CULTURALE DI RAGUSA, A CURA DI AMEDEO FUSCO E ROSARIO SPROVIERI

 

Amedeo FuscoUn calendario fitto di interessanti appuntamenti quello del Centro di Aggregazione Culturale di Ragusa. Questo nuovo spazio, sede dell’Associazione di Cultura Europea, sito nella centralissima via Mario Leggio, è aperto a tutte le forme d’arte, inclusi danza, teatro, poesia, letteratura, e a disposizione di tutti coloro che hanno un progetto culturale e il desiderio di condividere le proprie sensazioni con gli altri. Il Centro di Aggregazione Culturale è visitato anche dalle scolaresche. Sabato 9 aprile alle ore 18 verrà inaugurata la “Collettiva n°2” (la seconda, appunto, dall’apertura del Centro) che vedrà esposte le opere di alcuni artisti associati operanti nel campo della pittura, della fotografia e della scultura: Giusi Manenti, Federico Lo Prete, Vesna Cuk, Donato Ungaro, Ottavio Rossi, Elvira Salonia, Dania Minotti, Antonella Rollo, William Casanova, Franco Filetti, Gianluca Castellone, Giuliana Griselli, Marina Fontana, Orlando Tocco, Paola Abbruzzese, Manuela Distefano, Graziano Sozza, Carmen Stan, Silvano Ruffini, Antonio Federico, Filippo Chiappara, Luisella Ceredi, Margareth Carpenzano, Maria Mazzotti. Domenica 10 aprile è prevista a partire dalle 18 un’importante conferenza su “Salvatore Fiume, eclettico ibleo”, a cura di Arturo Barbante. L’incontro sarà presentato da Amedeo Fusco. Per la giornata di mercoledì 13 aprile sono invece previsti ben due eventi: la presentazione del cortometraggio “Cursor” per la regia di Marco Castiglione, e una performance di Paolo Marletta, poeta dialettale.

A SANTA CROCE CAMERINA LA PRIMA EDIZONE DI “COLTURA SEMINA ARTE”

locandina Coltura semina ArteMancano poche ore all’inizio della prima edizione di “Coltura semina Arte”, in programma  venerdì 1 aprile, e sabato 2 alla biblioteca comunale “Verga” di Santa Croce Camerina. Una due giorni durante la quale il piccolo comune del ragusano si animerà di artisti, mostre, concerti e workshop. L’iniziativa è promossa dall’ associazione culturale “Città Futura”. Obiettivo della rassegna è di mettere in evidenza il grande fermento culturale che anima la cittadina, nota soprattutto per il settore agricolo. Il programma è denso di appuntamenti. Si inizia questo enerdì alle 19.30 con una mostra di video arte con le opere di 12 artisti. In serata alle 20.30, i Fratelli La Strada presenteranno in concerto il loro nuovo album pop (Octopus Vulgaris). Sabato 2 aprile alle 15 il musicista Antonio Mainenti terrà il workshop “Piccola Elettronica” sull’utilizzo di nuovi hardware come Arduino e Raspberry pi. Seguirà una performance sonora tenuta da tutti i partecipanti. La due giorni si concluderà con un concerto dedicato alla musica hip hop che vedrà alternarsi sul palco rapper di differenti etnie (Kedy, Dirty D. e Masakra) nel segno dell’integrazione.

“ÈIS PEGAS, VERSO LE SORGENTI”: SI CONCLUDONO LE RIPRESE DEL PRIMO DOCUMENTARIO SU CAVA ISPICA

 

eis pegas, ripreseUn viaggio verso le sorgenti, quelle del torrente Pernamazzoni-Busaitone che ha scavato nei millenni Cava Ispica, che si fa metaforicamente viaggio verso il passato mitologico che qui non ha mai smesso di vivere. “Éis Pegàs” è il documentario su Cava Ispica che il regista modicano Andrea Giannone sta girando in questi giorni, proprio in coincidenza con il momento storico in cui le istituzioni locali stanno preparando la richiesta per l’iscrizione del sito nella World Heritage List dell’Unesco, raccontando la storia e le storie di questo luogo attraverso un intreccio di fiction e di approfondimento scientifico. La coincidenza delle riprese con il periodo pasquale non è casuale. Tutto comincia infatti a Ispica, la nuova città costruita dopo il terremoto del 1693 dalla popolazione in fuga dalla Cava, dove si è trasferito anche il culto della Settimana Santa per il Cristo alla Colonna, la statua lignea che proviene dall’antichissima chiesa di Santa Maria della Cava e oggi è conservata nella Basilica di Santa Maria Maggiore. La storia è essenziale e funzionale allo scopo del documentario. L’assistente di un importante regista – interpretata da Marta Lunetta, già tra i protagonisti della fiction Agrodolce – si sposta da Londra a Modica per effettuare dei sopralluoghi a Cava Ispica, cominciando a muoversi tra grotte, catacombe, antiche iscrizioni dei primi cristiani, affreschi bizantini e la natura rigogliosa della Cava: ogni dettaglio le rivela le sue millenarie stratificazioni, lasciandola lentamente rapita dal mistero senza tempo della Cava. Le interviste agli studiosi – con un capitolo speciale dedicato alle recenti campagne di scavo – accompagnano le immagini, collegando le ricostruzioni storiche alle infinite leggende che si tramandano attorno a questi luoghi. “Éis Pegàs” renderà così accessibile e avvincente il racconto dei diversi aspetti di Cava Ispica, che custodisce intatti i segni del passaggio di diverse civiltà. Il documentario, a cui Andrea Giannone sta lavorando con la collaborazione di Domenico Catano, avrà la durata standard di 52 minuti e sarà girato in 4K. Le parti di fiction saranno in inglese, con sottotitoli in doppia lingua. La distribuzione, a partire dal mese di giugno, punterà sia al mercato televisivo italiano (Sky Arte HD, Rai5, LaEffe, Rai scuola) che a quello internazionale, oltre ai festival di settore. “Éis Pegàs” è reso possibile dalla collaborazione della Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Ragusa, che ha concesso l’autorizzazione alle riprese, e delle parrocchie di Santa Maria Maggiore e della SS. Annunziata di Ispica, per quelle della Settimana Santa.

SARÀ IL CANTAUTORE SIRACUSANO CARLO MURATORI AD APRIRE LE TAPPE SICILIANE DEL TOUR DI FRANCO BATTIATO E ALICE.

franco battiato - carlo muratoriSarà il cantautore siciliano Carlo Muratori ad aprire le date di Catania e di Palermo del tour di Franco Battiato e Alice. Un appuntamento straordinario per per l’artista siracusano che vede in Battiato un maestro anche grazie ad una collaborazione che negli anni è andata via via consolidandosi. Carlo Muratori presenterà alcuni brani del suo ultimo disco “Sale”, titolo che nella sua semplicità riesce a cogliere la complessità della Sicilia. L’album, frutto di un lavoro di oltre un anno, con testi e musiche di Muratori e la produzione artistica di Stefano Melone, contiene brani inediti accanto a delle incursioni nei canti popolari dell’800, con temi che spaziano dallo sbarco di Marsala, ai Fatti di Bronte, dal brigantaggio fino all’emigrazione, alle superstizioni, alle credenze religiose e alla lotta alla mafia. Nell’album anche “Povira Patria”, una delle quattordici tracce contenute in “Sale”, con testo e musica dello stesso Battiato, che ne canta il ritornello, e tradotta liberamente in siciliano da Muratori. E’ il risultato dell’ultima collaborazione tra i due artisti. E’ stato proprio Battiato a volere che fosse il cantautore siracusano ad aprire le quattro date siciliane del tour con Alice, iniziato a febbraio e che ha registrato diversi sold out in tutta Italia, compresi i quattro appuntamenti nell’isola. Il 4 e il 5 aprile Battiato e Alice si esibiranno al Metropolitan di Catania, mentre il 7 e l’8 aprile si sposteranno al Teatro Biondo di Palermo.

ARTE E MUSICA NELLA CITTÀ DELL’AGRICOLTURA: A SANTA CROCE CAMERINA LA RASSEGNA “COLTURA SEMINA ARTE”

 

076674e3-5ab5-4845-9f98-4f0466b4ab70L’agricoltura chiama, la cultura risponde e lo fa nel segno dell’integrazione multietnica con la rassegna “Coltura semina Arte” a Santa Croce Camerina. La manifestazione, in programma l’1 e 2 aprile prossimi, si svolgerà presso la biblioteca comunale “Verga” su iniziativa dell’associazione culturale “Città Futura”. Numerosi gli appuntamenti in programma. Si spazierà dall’arte alla musica, con mostre, concerti e proiezioni video. La due giorni prenderà il via venerdì prossimo 1 aprile alle 19.30 con una mostra di video arte. Ad essere ospitati saranno gli artisti sciclitani Sasha Vinci e Mariagrazia Galesi e gli artisti del collettivo “Arte al Movimento” composto da Sebastiano Mortellaro, Emanuele Di Quattro, Danilo Torre, Alfredo Romano, Salvatore Mauro, Claudio Cavallaro, Sandra Rizza, Mela Salemi, Aldo Taranto, Ramzi Harrabi. Alle 20.30 seguirà il concerto dei Fratelli La Strada che presenteranno il loro nuovo album pop (Octopus Vulgaris). Sabato 2 aprile alle 15 il musicista Antonio Mainenti terrà il workshop “Piccola Elettronica” sull’utilizzo di nuovi hardware come Arduino e Raspberry pi. Alle 19 seguirà una performance sonora tenuta da tutti i partecipanti al seminario. A chiudere questa due giorni sarà un concerto dedicato alla musica hip hop che vedrà alternarsi sul palco rapper di differenti etnie che, nella diversità delle loro origini e delle lingue utilizzate, trovano unione proprio nella musica, nel segno dell’integrazione reale e concreta. L’evento gode del patrocinio del Comune di Santa Croce Camerina.

COMISO, ALLA FONDAZIONE BUFALINO LA MOSTRA DI FRANCO POLIZZI

locandina PolizziUltimi preparativi per l’inaugurazione della mostra “Sul segno degli artisti #23”, dedicata alle opere del pittore Franco Polizzi. Il vernissage si terrà questo sabato 26 alle ore 19.30, presso la sala mostre della Fondazione Gesualdo Bufalino di Comiso. La mostra è dedicata al pittore sciclitano e si inserisce nella rassegna, organizzata da Archinet e dalla Fondazione degli Archi, dal titolo “Sul segno degli artisti” che vede protagonisti 12 artisti, con 12 lavori ciascuno, nell’arco dei 12 mesi dell’anno. La rassegna fa parte di un progetto più ambizioso che riguarda la pubblicazione di un catalogo alla fine di ogni “astro-ciclo” annuale. Edito dalla Salarchi Immagini, contenente le 144 opere presentate, a sua volta, sarà inserita nella collana editoriale di dodici volumi “Sul segno degli artisti”, per un ammontare cabalistico di 1728 opere d’arte esposte, prodotte da 144 artisti, in 12 anni. Franco Polizzi, pittore siciliano dalla ricca bibliografia critica, è il protagonista numero 23 di questa iniziativa artistica.

Il Maestro Alfio Nicolosi al Commissariato di Vittoria

DSC_0109E’ stata inaugurata giovedì nel corso di una sobria cerimonia, alla presenza dell’autore, il maestro Alfio Nicolosi, del signor Questore di Ragusa, Giuseppe Gammino,  la posa della scultura donata dall’artista al Commissariato di Pubblica Sicurezza. L’opera, denominata “Hercules” è una scultura su pietra dura delle dimensioni di 70 x 75 cm realizzata dal maestro alcuni anni fa, consegnata al Commissariato di Polizia che ne ha predisposto un allestimento al primo piano della struttura, affinché sia fruibile ed apprezzabile dal personale in servizio e dal numeroso pubblico che giornalmente ne frequenta gli Uffici. La riconoscenza per il generoso gesto è stata compendiata nel testo della targa a ricordo che la Polizia ha consegnato al Maestro. “Al Professore Maestro Alfio Nicolosi per la vicinanza alla Polizia di Stato, per le elevate conoscenze storico-stilistiche e per le qualità artistico-scultoree”.  L’evento è stata occasione per il Commissariato di P.S. di aprirsi alla società civile e consentire uno scambio di auguri.

LiberaMente

PRIGIONE HALDEN FENGSEL, NORVEGIA - UN MURALES DELL'ARTISTA DOLK HALDEN NELLA PRIGIONE HALDEN FENGSEL A HALDEN IN NORVEGIA - IN QUESTA PRIGIONE DI LUSSO SECONDO IL TELEGRAPH NORVEGESE DOVREBBE SCONTARE LA PENA L'ATTENTATORE NORVEGESE ANDERS BEHRING BREIVIK  - PRIGIONE DI LUSSO PENA ATTENTATORE NORVEGESE ANDERS BEHRING BREIVIK  - fotografo: OLYCOM

L’Associazione Culturale Ragusa Underground Movement R.U.M. in collaborazione con la Casa Circondariale di Ragusa, presenta LiberaMente, progetto che condurrà un gruppo di detenuti alla realizzazione di tre murales. La guida dei lavori sarà affidata a uno Street Artist del Collettivo FX. Il progetto si svolgerà dal 7 al 10 Marzo presso la Casa Circondariale di Ragusa, organizzato in maniera del tutto volontaria grazie all’aiuto di imprese private che hanno offerto contributi economici per sostenere le spese necessarie. LiberaMente nasce come progetto ricreativo, ma soprattutto rieducativo e si impone come idea di base che la permanenza in carcere debba essere per il detenuto occasione di ripensamento e riscatto: un luogo dove sia possibile trasmettere intenzioni di valore sociale per il beneficio sia individuale che collettivo. Il progetto prevede degli incontri suddivisi in quattro giornate in cui l’artista dovrà aiutare i detenuti ad avvicinarsi a valori, emozioni e ricordi spesso sbiaditi e dimenticati: Amore, Famiglia, Libertà, Riscatto. Il risultato finale sarà rappresentato in tre murales realizzati dall’artista con l’aiuto di dieci detenuti e consentirà loro di conseguire competenze nell’ambito della pittura. I lavori realizzati hanno la funzione di decorare spazi comuni fruibili da tutti i detenuti, in modo da proporre luoghi dove si può dimenticare il passato per “disegnare” un nuovo futuro.  L’art. 27 della Costituzione afferma che “… le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato…. Il trattamento penitenziario dovrebbe essere, quindi, rivolto alla rieducazione e alla reintegrazione dell’individuo nella società e conforme al rispetto della dignità della persona”. Un’attività creativa che migliora il benessere psicofisico e offre la possibilità di esprimersi e sentirsi liberi. All’interno della Casa Circondariale verranno svolte delle riprese per documentare il lavoro svolto poiché non è visibile al pubblico.

Cuori…In Coro. Il Mariele Ventre di Ragusa e Le Choeur des Polysons di Parigi in concerto

 

coro okUn gemellaggio che si rinnova nell’amicizia oltre che nella professionalità quello dei Cori ‘Mariele Ventre’ di Ragusa e ‘Le Polysons’ di Parigi. Il concerto si terrà a Ragusa questo sabato 27 alle ore 19.30, presso la parrocchia Sacra Famiglia dei Frati Cappuccini a Ragusa (ingresso gratuito). Uniti dalla passione per il canto e la musica, il coro Mariele Ventre di Ragusa, diretto da Giovanna Guastella, e Le Choeur des Polysons di Parigi, diretto da Elisabeth Helen Trigo, hanno sancito la propria collaborazione con un gemellaggio esibendosi insieme a Parigi, il 14 luglio dello scorso anno, in occasione della festa nazionale francese, in Piazza Edouard Vaillant, nel 20°arrondissement. A Ragusa, sabato sera, invece, il Polysons eseguirà brani in lingua francese, tra questi anche due celebri brani di Edith Piaf, al pianoforte il Maestro Frederic Boivin. Il coro di Ragusa eseguirà brani del proprio repertorio. Insieme canteranno l’Inno di Mameli e l’inno francese. Il coro Polysons è formato da ragazzi di età compresa tra i 10 e i 15 anni i quali saranno ospiti, per tutto il periodo di permanenza, delle famiglie del coro ragusano. L’invito a partecipare è rivolto a tutti per un momento giovale e in musica.

Monya Grana presenta a Milano la nuova collezione di borse luxury dallo stile barocco

download (3)Monya Grana Hybla, il brand di borse luxury dallo stile barocco Made in Sicily che ha come tratto distintivo i mascheroni delle facciate nobiliari, il 23 Febbraio dalle ore 10.00 alle ore 18.00 presenterà la collezione di borse Primavera Estate 2016 presso lo Showroom di Manuela Caminada – Via Leopardi, 2 a Milano. Il brand, nato due anni fa dall’omonima designer ragusana è alla sua quarta collezione. La passione per la moda e l’amore per la sua terra l’hanno portata a realizzare qualcosa di veramente unico: delle “ladies bags” il cui simbolo sono dunque gli splendidi mascheroni che decorano i balconi e le facciate dei palazzi nobiliari e che racchiudono in sé tutta la potenza, il fascino, l’eleganza e la ricchezza di un’arte barocca mai dimenticata. Simboli, che rimangono emblema e filo conduttore di tutte le collezioni del brand. Durante il press day sarà possibile degustare dolci tipici di Ragusa e prosecco della cantina Leo Nardin, uno dei vini italiani più apprezzati nel mondo.

RAGUSA IBLA, NUOVE CAMPANE ALLA CHIESA ANIME SANTE DEL PURGATORIO

4_anime-sante-del-purgatorio_ragusa.jpg.800x700_q85Saranno inaugurate il prossimo 1° febbraio, alle ore 18,30, la nuova illuminazione della torre campanaria e le nuove campane della Chiesa Anime Sante del Purgatorio e di Ognissanti, a Ragusa Ibla. Gli interventi che riguardano il campanile del monumento Unesco sono stati in parte finanziati con i fondi della legge 61/81. Presenzieranno alla cerimonia di inaugurazione il Vescovo di Ragusa, Mons. Carmelo Cuttitta, il Sindaco Federico Piccitto ed il Soprintendente di Ragusa, Calogero Rizzuto. Subito dopo, la cella campanaria potrà essere visitata con accesso dal cortile interno della chiesa.

TORNA IL PRESEPE VIVENTE A MONTEROSSO ALMO

Monterosso 2014 la grotta della Natività“Il presepe nel presepe: nel borgo più bello d’Italia”. E’ il claim scelto quest’anno che fotografa il fascino del dedalo di viuzze caratterizzante il quartiere antico della Matrice. E quest’anno, a rendere la rappresentazione più speciale, il fatto che il centro montano ibleo sia riuscito a fregiarsi del riconoscimento che l’ha eletto uno dei borghi più suggestivi della Penisola. La trentunesima edizione, quindi, prende il via sotto i migliori auspici. L’accurata rievocazione storica ambientata negli anni Cinquanta scaturisce da un allestimento curato nei minimi particolari. Tutte le vie brulicano di vita e di luce, facendo riassaporare a chi si trova da quelle parti le sensazioni fantastiche del tempo che fu. Il quartiere Matrice, cornice ideale per la rappresentazione della Natività, farà da sfondo alla rinascita degli antichi mestieri, attività ormai scomparse che costituiscono la testimonianza più sincera di un passato immune dal consumismo e in assoluta simbiosi con i ritmi delle stagioni. L’associazione “Amici del presepe” di Monterosso Almo, sostenuta dall’Amministrazione comunale, è all’opera già da parecchie settimane allo scopo di predisporre un percorso ricco di fascino. Il 26 e il 27 dicembre, l’1, il 3 e il 6 gennaio, a cominciare dalle 17,30, con partenza da piazza San Giovanni, nel cuore del centro montano, i visitatori potranno ammirare la laboriosità del “curdaru”, del “firraru”, della “lavannara” e, ancora, dello “scarparu”, nonché di tutte le altre figure che, per il Natale, ritorneranno protagoniste riproponendosi alle nuove generazioni, portando con loro in dotazione una ricchezza di storia e di tradizione che, spesso e volentieri, finisce nel dimenticatoio. Per informazioni è possibile contattare il 339.8739007.

IL FENOMENO GIULIA DI NATALE: NON È ANCORA MAGGIORENNE MA HA UNA VOCE DA GRANDE STAR

giulia di natale1La giovane cantante-compositrice Giulia di Natale ha registrato nella scuola di canto Artemisia un brano, Say someting (cover) di Christina Aguilera, che su You Tube sta spopolando con tantissime visualizzazioni. La giovane vive a Modica.  Giulia ha studiato canto per hobby fin da piccola e suona anche la chitarra. La giovane compirà 18 anni a gennaio 2016 e frequenta il liceo Linguistico a Modica. Le piace scrivere e comporre canzoni che poi esegue con la sua bellissima voce accompagnandosi con la chitarra. La sua è una voce pulita, cristallina che emoziona tantissimo. Le sue estensioni vocali, poi, sono incredibili. Fa parte di una piccola band e anche di un duo di chitarre acustiche che ancora è in cerca di un nome.

I settantacinque anni di Franco Cilia

Cilia, da GoyaL’Associazione culturale Aurea Phoenix, il Masd, l’Agimus, e l’Anmil, festeggiano i settantacinque anni del maestro Franco Cilia, esponente tra i più significativi della pittura italiana, intellettuale impegnato, scrittore e fine interprete di poesia e di teatro. Sabato 10 ottobre appuntamento presso il Teatro “Il Palco” di Ragusa (via Demostene 52) per un pomeriggio di studio dedicato alla sua opera. Interverranno Carmelo Arezzo, Silvio Biazzo, Nino Capozzo, Giovanni Cultrera, Andrea Guastella, Giorgio Giovanni Guastella, Pippo Nativo, Emanuele Schembari, Totò Stella. Letture di Chiara Bentivegna. Concluderà la serata un concerto del maestro Peppe Arezzo. In occasione dell’evento Insieme, il periodico della Diocesi di Ragusa, ha dedicato una pagina alla figura di Franco Cilia.

A RAGUSA LA BOTTEGA DELL’ATTORE

10003006_10207044518541553_4724192974710365585_nMancano pochi giorni all’apertura dei laboratori di recitazione e dizione promossi a Ragusa dalla Bottega dell’Attore, con la direzione di Germano Martorana. Venerdì 9 Ottobre,  alle 19.30, nella sede della bottega saranno presentati i corsi e i docenti di questo nuovo anno: Recitazione, Improvvisazione, Dizione, Clownerie, Impostazione vocale e canto, Movimento scenico, Trucco teatrale e cinematografico. La Bottega organizza laboratori teatrali per i più piccoli, dai 6 anni in su , con corsi nella fascia oraria pomeridiana, compresa fra le 17.30 e le 19.30. Le lezioni del laboratorio Adulti si terranno due volte a settimana negli orari serali, nella fascia oraria compresa fra le 20.30 e le 22.30. Tutti i corsi si svolgeranno nella sede storica della Bottega dell’attore, ovvero l’ ex chiesa San Giuseppe Artigiano. Per info visitare la pagina facebook “Laboratori teatrali Bottega dell’attore”.

E’ MORTO IL MAESTRO UMBERTO GUZZARDI – OGGI UN RICORDO DI TELE NOVA

guzzardi2Giovedì 27 agosto è venuto a mancare il maestro Umberto Guzzardi, pittore e scultore ragusano. Un ricordo del maestro Guzzardi sarà trasmesso nella puntata n. 1043 di Come Eravamo in onda Venerdì 28 agosto alle ore 14:30, 18, 21, 24 e sabato 29 alle ore 8, all’interno della quale è stata inserita una intervista all’artista realizzata il 30 gennaio 2008.

ECCEZZZIUNALE VERAMENTE

imagesIl Segretariato Generale del Coordinamento e relazioni internazionale – Uffici Unesco – del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, ha inviato ai sindaci dei Comuni di Ragusa, Noto, Scicli, Catania, Caltagirone, Militello Val di Catania, Modica, una nota con cui ha trasmesso la “Dichiarazione di Eccezionale Valore Universale” del sito iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco “Val di Noto” adottata dal Comitato del Patrimonio Mondiale che si è svolto a Bonn. Nella parte iniziale dell’importante documento si specifica che le otto città tardo barocche del Val di Noto localizzate nella Sicilia sud-orientale (Ragusa, Caltagirone, Militello Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzo Acreide e Scicli) riflettono la ricostruzione post-sismica del terremoto del 1693 che devastò la il Sud-Est siciliano e che le stesse rappresentano la più alta espressione di Arte tardo barocca. Le stesse città tardo barocche del “Val di Noto”, si afferma inoltre, rappresentano l’eccezionale testimonianza del genio dell’arte e dell’architettura tardo barocca. Le città tardo barocche del Val di Noto, si legge nel documento, presentano un’eccezionale qualità dell’arte e dell’architettura tardo barocca che si trova omogeneamente (sia geograficamente che cronologicamente) in tutta la regione Sud- Est siciliano e sono l’espressione di Valore Universale grazie ad alcuni requisiti architettonici ed urbanistici, risultati ottenuti, appunto, dopo il terremoto del 1693. Il terribile sisma ha creato infatti un rinnovamento artistico architettonico e antisismico delle singole realtà territoriali, che presentano una notevole omogeneità delle costruzioni e piante della città molto simili per le 8 città barocche. Nella “Dichiarazione” viene inoltre ribadito il principio che gli enti locali territoriali delle città del “Val di Noto” hanno il compito di provvedere alla salvaguardia del loro patrimonio. Per questo motivo la legislazione regionale e nazionale ha previsto delle protezioni legali e delle misure di conservazione per la prevenzione artistica, monumentale, paesaggistica, sismica, idrogeologica, del patrimonio territoriale. L’Amministrazione Comunale di Ragusa, attraverso il suo massimo rappresentante Federico Piccitto, e l’assessore al Turismo, Stefano Martorana, esprime grande apprezzamento per la Dichiarazione sottoscritta dall’apposito Comitato. “Il documento – dichiarano –  conferma la grande valenza storico- culturale dell’inestimabile patrimonio dell’arte e dell’architettura tardo barocca nell’intera “Val di Noto”, compreso quindi il territorio ibleo. Un riconoscimento, quello proveniente dal Comitato, che testimonia in tutto il mondo la fioritura finale dell’arte barocca in Europa e che funge da stimolo per tutti i rappresentanti dell’area della Sicilia Sud-Orientale, al fine di attivare percorsi mirati e condivisi tesi al recupero, alla salvaguardia ed alla valorizzazione del patrimonio artistico ed architettonico a disposizione”.

DOCUMENTARIO “COLORE PER LA TERRA”  

Da sinistra Polizzi,Guccione,Mandarà_foto Gianni ManiaUna serata all’insegna dell’Arte e dei suoi più sensibili interpreti iblei: il 2 agosto il Museo di Kamarina ospiterà il prestigio degli Artisti del Gruppo di Scicli. La serata, ideata e condotta dal critico e giornalista Elisa Mandarà, intratterrà una conversazione con lo storico Gruppo, tra le realtà artistiche italiane più accreditate, ricostruendone percorso e fisionomia. In particolare verrà affrontata la tematica della ‘terra’, nucleo d’ispirazione presente in ciascuno degli artisti e motivo cardine della recente mostra del Gruppo di Scicli, ideata e curata da Elisa Mandarà, dal titolo Colore per la terra.

Scroll To Top
Descargar musica