22-11-2017
Ti trovi qui: Home » attualità (pagina 30)

Archivio della categoria: attualità

RAGUSA, I DISSIDENTI 5 STELLE SCATENATI DOPO LA BOCCIATURA DELLE VARIAZIONI DI BILANCIO

maria-rosa-2Soddisfatti e scatenati i pochi membri del gruppo Ragusa attiva cinquestelle, cellula dissidente, esistente e però non riconosciuta dal leader regionale Giancarlo Cancellieri nonostante sia vero che la loro formazione in meetup sia riconosciuta dai vertici tant’è che la loro rappresentante consigliere Maria Rosa Marabita – artefice della disfatta di Federico Piccitto e Stefano Martorana l’altra sera in aula per le variazioni di bilancio- ora è oggetto di interesse dai cinquestelle di governo che hanno dichiarato di voler provvedere sa buttarla fuori dal movimento. Veniamo ora al comunicato dei dissidenti che scrivono:” Sulla sindaca Raggi, sin dall’inizio del mandato, vi è stato un controllo minuzioso da parte del vertice del Movimento. Lo stesso Grillo, correttamente, manifestò il suo dissenso alla sindaca in merito alle scelte ambigue da lei operate. Personaggi che ora sono in carcere e proprio in queste ore, dopo commissariamento della giunta da parte del vertice, vengono allontanati tramite dimissioni. Il sindaco Piccitto, invece, sin dalla sua elezione è stato lasciato con le briglie sul collo, facendo egli carta straccia del programma elettorale e dei principi del Movimento. A niente sono servite le numerose segnalazioni e prese di posizioni di tanti attivisti che vedevano vanificati il programma elettorale ed i principi del Movimento 5 Stelle. Ci si è battuti per affermare questi principi ed in Consiglio Comunale la nostra attivista consigliera Marabita ha portato avanti e sposato questo disegno tenendo alti questi principi di fronte alle furbate dell’amministrazione. Ultima furbata? Quella di voler volere bypassare il controllo del consiglio comunale sulle variazioni di bilancio, cosiddette urgenti che urgenti non sono. Gestite come urgenti per intimidire il consiglio tutto e bypassarlo con una prova di forza. Non ci può essere urgenza se si devono impegnare e spendere 20 milioni di euro; cosa é successo dopo l’approvazione del bilancio da obbligare a fare variazioni urgenti? 20 milioni di euro è una somma importante e non si può gestire definendola “urgente”. Con questa logica è inutile eleggere i consiglieri comunali, tranne che li si voglia utilizzare come “soldatini ubbidienti e imbavagliati” pronti a rispondere come degli “Yes man”  al loro capo; fatti ai quali abbiamo assistito per innumerevoli volte in questi anni. Quindi bene ha fatto la consigliera Marabita contrastando un comportamento arrogante e intimidatorio dell’amministrazione verso il consiglio comunale. La consigliera Marabita non ha fatto altro che difendere il confronto democratico e i principi della carta costituzionale all’interno del consiglio comunale. In queste ore la sindaca Raggi “correttamente” viene commissariata dal Movimento. Fuori Marra e Frongia. Ci stupisce e ci meravigliamo come tutto ciò non accada anche a Ragusa. A Ragusa accadono esattamente le stesse cose che stanno accadendo a Roma. Un esempio? I dirigenti nominati, prima dipendenti e fatti mettere in aspettativa; procedura ignobile per poter riconoscere agli stessi emolumenti, da dirigente, pari a circa 4 volte il loro precedente stipendio. Altro esempio, in questo caso di scalata al Movimento ragusano? L’assessore al bilancio Martorana, il terrore dei cittadini ragusani, tassatore di mestiere! Il governo Piccitto si è liberato però dell’ostacolo rappresentato da alcuni assessori licenziati in malo modo perché si opponevano al trasformismo e alla mutazione genetica del Movimento 5 stelle ragusano. Alle lobby dava fastidio che ci fossero assessori che facessero rispettare la legalità in campo ambientale e urbanistico e che si chiudesse la stagione delle clientele nei servizi sociali. I cittadini ragusani, tramite un plebiscito … ricordiamolo, non avevano dato fiducia al Movimento solo per vedere asfaltata qualche strada o rifare qualche condotta idrica. I cittadini credevano e attendevano la rivoluzione. I cittadini attendevano sforzi concreti per gli “ultimi” e per quelle nicchie di povertà che si vanno sempre più allargando; per quella parte di città che sta male e non riesce a mettere insieme pranzo e cena; attendevano di partecipare attivamente, tramite la democrazia partecipata, alla gestione della “res publica”; attendevano il bilancio partecipato; attendevano l’applicazione del programma elettorale” – conclude Ragusa attiva 5 stelle esprimendo quindi appoggio alla Marabita spronandola nella continuare a portare avanti i principi del movimento.

VARIAZIONI DI BILANCIO, IL CAPOGRUPPO DEL PD MARIO D’ASTA CONTROREPLICA ALLE AFFERMAZIONI DEL SINDACO DI RAGUSA PICCITTO: “IL PRIMO CITTADINO PRENDA ATTO CHE NON HA PIU’ I NUMERI PER GOVERNARE”

masttsgdfd“I grillini sono maestri nel rigirare la frittata. Il dato politico è uno e uno soltanto. La maggioranza, che accusa disagi, tra alti e bassi, ormai da quasi un anno, si è ormai sfaldata. E il caso più eclatante è quello legato alla bocciatura delle variazioni di bilancio. Quindi, il sindaco Federico Piccitto, piuttosto che digrignare i denti, farebbe bene ad addivenire a più miti consigli e a farci sapere, piuttosto che lanciare accuse, in che modo intende amministrare la città nel prossimo futuro. Si cerchi un’altra maggioranza, se non la trova si dimetta altrimenti ad interessargli non è il destino di Ragusa ma la sua poltrona”. E’ il capogruppo del Pd, Mario D’Asta, a rispondere per le rime alle accuse lanciate dal primo cittadino che l’altro ieri, subito dopo la conferenza stampa dell’opposizione, ha tenuto un’altra conferenza stampa per controreplicare alle affermazioni della minoranza. “Il dato oggettivo, purtroppo per Piccitto – sottolinea ancora D’Asta – è che il sindaco non ha i numeri per governare. Tutti i mesi che ancora rimangono da qui alla fine del mandato, saranno tutti in salita. Se la maggioranza del sindaco si è sfaldata ci sarà un motivo”.

 

RAGUSA, DOPO LE VARIAZIONI DI BILANCIO BOCCIATE

fiscffgIntervento della lista Partecipiamo dopo la reazione del sindaco Piccitto alla bocciatura delle variazioni di bilancio. Scrive Giovanni Iacono: “La conferenza stampa dell’amministrazione comunale sulle variazioni di bilancio lascia increduli e basiti. Ci aspettavamo una presa di coscienza degli errori fatti e, invece, la solita, presuntuosa ed irresponsabile propaganda! Il gruppo consiliare Partecipiamo ribadisce l’assoluta consapevolezza del voto di non ratifica che è stato espresso da noi e da metà Consiglio e rigetta le accuse dell’amministrazione. Si preoccupino i membri della Giunta che hanno approvato il provvedimento di variazione non ratificato a rispondere per eventuali spese non giustificate invece di dare ultimatum. Le frasi pronunciate dal Sindaco e dall’assessore Martorana nella conferenza stampa rappresentano un programma vivente della caduta libera nella quale è precipitata la nostra città. Le variazioni di bilancio di cui l’Assessore al ramo, in conferenza stampa, non conosceva nemmeno l’ammontare,  non sono state ratificate dall’organo competente che è appunto il Consiglio Comunale. Dinanzi a questo fallimento politico ed amministrativo cosa fanno Piccitto e Martorana?  rigirano la ‘frittata’, danno la colpa all’opposizione e danno, addirittura, ultimatum! Gli manca la maggioranza per ratificare 20 milioni di variazioni di bilancio ‘confezionati’ per non passare in via ordinaria dall’unico organo competente che è il Consiglio Comunale e la “colpa” sarebbe dell’opposizione”? Il Sindaco se la deve prendere con se stesso e deve spiegare alla città perchè ha deciso di sostituirsi all’organo competente che è il Consiglio Comunale, e di effettuare 4 diverse variazioni  con carattere di urgenza  per movimentare circa 20 milioni di euro. Il Sindaco avrebbe dovuto spiegare perchè sono state effettuate variazioni così consistenti.  Era stato predisposto in modo sbagliato il bilancio preventivo appena due mesi prima? Il bilancio preventivo l’ha predisposto l’opposizione o l’amministrazione? Perchè a noi, in fase di bilancio preventivo, sono stati negati, in maniera illegittima, i documenti di dettaglio del bilancio stesso? Quali motivazioni di urgenza a raffica ci sono state che hanno imposto di istituire nuovi capitoli che in fase di programmazione non erano stati nemmeno ipotizzati?  Come mai queste ‘urgenze’ non sono state ravvisate nemmeno dai Revisori dei Conti ? Perchè queste variazioni di bilancio sono state portate in Consiglio Comunale solo il 15 dicembre 2016? e perchè già al primo giorno in cui sono state portate in Consiglio Comunale i 5 stelle hanno fatto mancare il numero legale? Perchè il Sindaco che vede ‘disastri’ negli altri non ha fatto alcun cenno alla mancanza di numero legale dei 5 stelle? La verità è che il Sindaco ed Assessore al ramo sono gli unici responsabili di quello che loro hanno chiamato disastro e, invece di riconoscere i loro errori, la loro mancanza di maggioranza in Consiglio (che tra l’altro conta due consiglieri che  sono anche assessori, parte e controparte nelle stesse persone)  continuano in una strategia comunicativa indegna, accusando chi non si piega di seminare odio. Già questa banalizzazione basterebbe a certificare l’inadeguatezza assoluta a svolgere ruoli istituzionali, delicati ed importanti, compreso quello di presidente del consiglio comunale che dovrebbe essere super partes e tenersi lontanissimo da conferenze stampa come quelle del 12 e 17 dicembre dell’Amministrazione!  I rivoluzionari’, direbbe Orwell, ora che sono  al potere hanno rifatto il vocabolario: solo per gli altri si legge  ‘dimissioni’, non per loro…  loro sono al di sopra di tutto, possono tutto perchè si sono anche messi le ‘stellette ‘loro …loro … ‘sono più uguali degli altri” – conclude Giovanni Iacono .

CONSORZIO DI BONIFICA RAGUSA LAVORATORI ANCORA SENZA STIPENDI. GIOVANNI IACONO CHIEDE UN CONSIGLIO COMUNALE APERTO

download-2Il gruppo consiliare di Partecipiamo, composto da Mirella Castro e da Giovanni  Iacono, ha presentato ufficialmente la richiesta di un consiglio comunale aperto  sulla vertenza dei  lavoratori del Consorzio  di bonifica n° 8 di Ragusa. La decisione dei consiglieri comunali di  Partecipiamo nasce dal fatto che i lavoratori non hanno ricevuto le spettanze del 2016, e che per tale motivo, su inziativa unitaria dei sindacati sono riuniti in assemblea permanente ininterrottamente dal 14 dicembre scorso. Nei giorni scorsi c’è stato l’incontro con il commissario Straordinario Ing. Giuseppe Margiotta al quale è stata illustrata la situazione disastrosa in cui versa l’Ente, e comunque, in attesa di risposte, è stato deciso di mantenere l’assemblea permanente. Al contempo l’assemblea dei lavoratori ha chiesto ai sindaci dei comuni legati al Consorzio da convenzioni di venire incontro alle legittime aspettative dei dipendenti, provvedendo a versare all’Ente le somme relative ai servizi ricevuti e di di fissare con urgenza un incontro tra le parti per evitare disservizi a tutto danno dell’utenza. Da qui la richiesta dei consiglieri di ‘Partecipiamo’ Iacono e Castro di chiedere la convocazione di un consiglio comunale aperto.

Laboratorio 2.0: “Tempi duri per l’Amministrazione Piccitto, punite arroganza e incapacità amministrativa”

1450449409574-jpg-federico_piccitto_e_stefano_martorana“E’ inutile che Piccitto e i suoi accoliti continuino a puntare il dito su una presunta politica dell’odio contro il Movimento 5 Stelle per giustificare i propri fallimenti. Nessuno li odia e insistere su questo aspetto non fa altro che svelare un ego ipertrofico”. Così l’associazione Laboratorio 2.0 fondata da Sonia Migliore. “Presentare variazioni di bilancio per 20 milioni di euro solo pochi mesi dopo l’approvazione del Bilancio Preventivo dimostra che non si è saputo programmare un cavolo; portare in aula una manovra così corposa oltre il termine ultimo appositamente per impedire il dibattito sulle spese dà l’idea di quanto quest’Amministrazione tenga in considerazione il Consiglio Comunale; essere convinti che le variazioni sarebbero state approvate (“E’ inverosimile che le variazioni non saranno ratificate” aveva detto Martorana in conferenza stampa) e non fare nulla per cercare il consenso dell’opposizione o di una sua minima parte è indicativo dell’arroganza amministrativa con la quale i grillini si approcciano al governo della città; fare terrorismo psicologico nei confronti dei propri consiglieri per far ‘inghiottire’ una situazione che non piace a nessuno, checché ne dicano, è ignoranza politica. Parlare di ‘disastro’, poi, è terrorismo nei confronti dei cittadini. Sappiano i cittadini e i consiglieri di ex maggioranza che il Consiglio comunale non corre alcun pericolo, che se la Giunta ha assunto impegni che andavano coperti con le variazioni di bilancio, nella peggiore delle ipotesi, diventeranno debiti fuori bilancio nel prossimo strumento finanziario”.

RAGUSA, IL MALTEMPO CAUSA QUALCHE PROBLEMA  AL SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI

 

vento-forte-e-temporali-in-piemonte-a-novara-il-maltempo-ha-fatto-volare-via-un-tettoLe inclementi condizioni meteo di quest’ultimo weeek end, con vento forte,  hanno messo in difficoltà gli autocompattatori della ditta che si occupa della raccolta dei rifiuti solidi urbani che non hanno potuto conferire i rifiuti stessi presso la discarica di Cava dei modicani rimanendo quindi carichi fino a lquesto lunedì. “Il problema – dichiara l’assessore all’energia ed ambiente Antonio Zanotto – ha comportato stamane qualche rallentamento nel servizio di raccolta e svuotamento dei cassonetti. Scusandoci con la cittadinanza per il disagio, assicuriamo comunque che, nonostante persistono alcuni problemi di conferimento dei rifiuti in discarica, sempre per il forte vento che persiste nella zona, gli autocompattatori, ci assicurano dalla ditta Busso, stanno  effettuando un servizio che consentirà di potere eliminare i rifiuti accumulati”.

 

RAGUSA, INTERVENTI STRAORDINARI PER IL VERDE PUBBLICO

downloadMantenere e mettere in sicurezza il patrimonio del verde pubblico comunale: è questo uno degli obiettivi dell’Amministrazione Piccitto che investe 156.000 euro. “Il consistente patrimonio del verde pubblico presente nel territorio comunale – dichiara l’assessore ai lavori pubblici Salvatore Corallo – ha necessità di una costante opera di manutenzione e necessita quindi di una serie di interventi straordinari da attuare nel corso dell’anno. Il taglio dei tappeti erbosi presenti soprattutto nelle ville, le opere di potatura, la falciatura, la scerbatura, l’estirpazione e reintegrazione di piante appassite e la riparazione degli impianti di irrigazione, solo soltanto alcuni degli innumerevoli interventi che si rendono necessari per mantenere in perfetta efficienza ville comunali, piazze ed aree attrezzate”.

RAGUSA, INSTALLATE LE PRIME NUOVE PANCHE IN PIAZZA SAN GIOVANNI

img_5296Sono state installate nei giorni scorsi in Piazza San Giovanni alcune delle sessantadue nuove panche che l’Amministrazione comunale ha deciso di  acquistare unitamente a venti fioriere  al fine di arricchire l’arredo urbano sia di alcune aree del centro storico, sia dei giardini pubblici. “Ci è sembrato opportuno – dichiara il vice sindaco con delega ai centri storici Massimo Iannucci – nell’ambito di una serie di interventi volti a migliorare l’arredo urbano di diversi spazi pubblici della città, di attenzionare in particolar modo Piazza San Giovanni installando delle comode panche e delle fioriere che renderanno l’aspetto del sito molto più gradevole ed accogliente”.

LA DISCESA DEI MIRACOLI A RAGUSA IBLA

discesa-dei-miracoli-a-ragusa-ibla-225x300Sarà avviata a breve la procedura relativa all’esecuzione dei lavori di restauro di Discesa dei Miracoli a Ragusa Ibla.  Con l’apposita determinazione dirigenziale è stata anche  approvata, oltre al quadro economico dell’opera,   la lettera d’invito che sarà inviata ad almeno 5 operatori economici iscritti nel vigente albo comunale delle imprese. L’intervento prevede  la pulizia  del percorso storico, la sistemazione dei muretti a secco, la predisposizione dell’impianto di pubblica illuminazione e la pavimentazione.  “Discesa dei Miracoli è uno dei percorsi storici più suggestivi di Ragusa Ibla – rimarca l’assessore ai Centri storici Massimo Iannucci – Questo intervento ci consentirà di ripristinare la fruibilità del sito e valorizzare  un altro accesso che conduce dalla panoramica del parco, attraverso il fascinoso ed antico tessuto urbanistico, a via Torrenuova, uno degli assi principali del centro storico di Ibla”.

 

RAGUSA, MOSTRA 70° ANNIVERSARIO DEL VOTO ALLE DONNE

notizie_marzo2016_rettNell’ambito delle manifestazioni celebrative del 70° anniversario del voto alle donne, che come noto ricorre quest’anno, la  Prefettura ha promosso, con la collaborazione del Comune capoluogo, dell’Archivio di Stato di Ragusa e dell’Università degli Studi di Catania una Mostra documentaria sul tema, che sarà inaugurata questo venerdì 16 dicembre alle ore 11.00 nell’Auditorium S. Vincenzo Ferreri a Ragusa Ibla. In particolare, l’iniziativa – attraverso il materiale bibliografico e fotografico di significativo valore storico-culturale acquisito presso importanti archivi quali l’Archivio Storico della Camera, l’Archivio del Senato, l’Archivio Centrale dello Stato, l’Archivio Luce, l’Archivio RCS e tanti altri, nonché presso prestigiose biblioteche  – ha la finalità di promuovere una riflessione sul lungo percorso compiuto per la conquista del suffragio femminile e mettere in risalto  il significato che la partecipazione delle donne al voto ha rivestito nel processo di affermazione dei diritti politici e dei valori democratici nel contesto nazionale e locale. La mostra rimarrà aperta al pubblico – con ingresso libero – tutti i giorni fino al 6 gennaio prossimo, dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00.             

 

RAGUSA, CELEBRATA LA SANTA MESSA INTERFORZE

dsc_0015In occasione delle festività natalizie, presso la Cattedrale di S. Giovanni Battista di Ragusa, è stata celebrata la Santa Messa, alla quale sono intervenute le massime Autorità Civili e Militari della Provincia. La cerimonia religiosa, officiata da S.E. il Vescovo di Ragusa Mons. Carmelo Cuttitta, alla presenza del Prefetto di Ragusa Dr.ssa Maria Carmela Librizzi, ha visto la partecipazione numerosa del personale della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco, della Capitaneria di Porto, della Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale dello Stato. Mons. Cuttitta ha espresso sentimenti di gratitudine per il personale delle Forze dell’Ordine, che vigila attentamente sul territorio, e rivolge, con grande sensibilità, particolare attenzione all’individuo. Il rito religioso si è concluso con la benedizione di S.E. il Vescovo della Diocesi ragusana per le Forze dell’Ordine e le loro famiglie. La funzione, coinvolgente e molto partecipata, fornisce supporto al clima di collaborazione esistente tra le diverse forze di Polizia.

 

 

 

 

 

RAGUSA, UNA VIA DELLA CITTA’ INTITOLATA ALL’AVV. VINCENZO CASSI’

downloadL’attuale via n 525 verrà intitolata all’Avv. Vincenzo Cassì – Giurista. L’Amministrazione comunale infatti  con  apposita delibera di Giunta  ha deciso di fare propria la richiesta dell’Avv. Vittorio Cassì, figlio dell’illustre concittadino,  di intitolare una via della nostra città al proprio padre Vincenzo Cassì (1908 -1970), Avvocato, docente universitario, insignito di diverse onorificenze come quella di Cavaliere Equestre ed Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana. L’Avv. Vincenzo Cassì, oltre a distinguersi nell’attività scientifica come docente universitario e come avvocato esperto in materia di Diritto del Lavoro, è stato autore di pubblicazioni scientifiche tradotte in diverse lingue. Ha partecipato inoltre al secondo conflitto mondiale con il grado di tenente, fu fatto prigioniero in India per circa cinque anni fino alla fine della Guerra. La Cerimonia di intitolazione della via cittadina all’avv. Cassì,  si terrà mercoledì 21 dicembre. alle ore 10,30.

 

 

MISSIONE POSITIVA A CATANIA PER DANILO RANIOLO E ANDREA DIQUATTRO DELLA SCUOLA BASAKI DI RAGUSA

le-due-nuove-cintura-nera-della-basakiDanilo Raniolo e Andrea Diquattro della scuola Basaki di Ragusa hanno sostenuto, sabato scorso a Catania, nei locali della palestra federale “La Playa”, gli esami per il conseguimento della cintura nera 1° dan. Raniolo e Diquattro, durante la loro esposizione, hanno dimostrato di conoscere bene i dettami del judo e i suoi principi, ricevendo i complimenti da parte dei componenti della commissione che li ha esaminati. Ad accompagnarli anche il maestro Salvo Baglieri che ha assistito all’esame e che commenta: “Sono riusciti davvero a fare emergere la passione che hanno per quest’arte marziale, la stessa che abbiamo cercato di trasmettere durante tutti questi anni di attività. Un risultato importante quello ottenuto da Raniolo e Diquattro che mette in luce come alla Basaki si possano ottenere riscontri di un certo tipo sia sul piano agonistico che amatoriale. Risultano essere in crescita, tra l’altro, le tecniche di difesa personale. E tutto ciò sta a dimostrare che il judo è per tutti, rappresentando un metodo per migliorarsi e migliorare la società diffondendo i principi di umiltà, rispetto e autostima”. Ad accompagnare le due nuove cintura nera anche i maestri Salvo Miciluzzo e Danilo Occhipinti. Per ulteriori informazioni www.basaki.it

GLI ANARCHICI DI RAGUSA RICORDANO FRANCO LEGGIO

francoA 10 anni dalla scomparsa di Franco Leggio, anarchico, editore (fondatore delle edizioni La Fiaccola nel 1961), protagonista dei moti del “non si parte”, attivo nella resistenza antifascista spagnola negli anni sessanta, punto di riferimento per i giovani ragusani e della provincia dal 68 in poi, attivista in prima linea nella lotta contro i missili a Comiso, membro della redazione di Sicilia libertaria, il Gruppo anarchico di Ragusa, la redazione di Sicilia Libertaria, la Federazione Anarchica Siciliana e l’Associazione Culturale Sicilia Punto L organizzano una serata commemorativa, che avrà luogo venerdì 16 dicembre, dalle ore 17, presso il Centro Servizi Culturali di Ragusa, in via Diaz 45. Dopo una relazione, supportata da immagini, sulla vita e l’impegno di Franco Leggio, verranno proiettati dei video inediti, quindi sarà data parola a quanti lo conobbero e gli furono a fianco. Seguirà un brindisi per Franco e uno spettacolo dei Caruana Mundi con un reading di poesie di Giuseppe Schembari.

CONTROLLI MOTOCLISTI A SCOGLITTI, SEQUESTRO DI DUE MOTO

 

controlli-polizia-stradaleNelle scorse settimane era pervenuto al prefetto di Ragusa, Maria Concetta Librizzi, un esposto da parte di alcuni genitori che segnalavano che a Scoglitti, tutte le domeniche, si riuniscono dei motociclisti che, a bordo di moto da cross senza targhe, percorrono a forte velocità le vie cittadine e perfino i litorali sabbiosi, mettendo a repentaglio l’incolumità delle persone che passeggiano regolarmente in quei luoghi con i propri bambini. Su impulso del Prefetto di Ragusa, pertanto, sono stati predisposti dei controlli al fine di individuare i gruppi di motociclisti responsabili delle violazioni descritte. La scorsa domenica, a Scoglitti, di mattina, nei pressi della Piazza del porticciolo, una pattuglia del Distaccamento di Vittoria ha proceduto ad effettuare dei controlli. Tra i soggetti controllati, ne sono stati individuati due che erano a bordo di moto senza targhe: un vittoriese di 35 anni, a bordo di una KTM, senza targa, senza alcun documento al seguito e senza assicurazione; l’altro, un ragusano di anni 36, a bordo di altra KTM, anch’egli senza targa e senza alcun documento di viaggio. Nei loro confronti sono stati elevati verbali per un complessivo di 1200 euro con sequestro delle moto.

 

 

 

SCONTRO DURISSIMO CGIL -COSENTINI. IL DIRETTORE DEL CONSORZIO RESPINGE LE ACCUSE E ANNUNCIA QUERELA

il-direttore-giovanni-cosentiniGiovanni Cosentini risponde alle accuse della Cgil che qualche giorno addietro, schierando la massima dirigenza regionale, ha descritto una gestione del consorzio di bonifica 8  all’insegna della spesa sfrenata a danno dei lavoratori e delle funzioni della struttura. Cosentini che annuncia fra l’altro querela dichiara: “Perché tanto spiegamento di energie Cgil a Ragusa? Perché tanto fango nel ventilatore? Perché per tantissimi anni tutte le decisioni sindacali aziendali al Consorzio sono state prese con la unanimità delle sigle sindacali compresa la Cgil?”. Cosentini dà la sua versione in una lunghissima nota di cui riportiamo alcuni passaggi: “Nel maggio 2016, sempre con il personale senza stipendi da sette mesi,  si tenne un incontro al quale, oltre a numerosissimi dipendenti e dirigenti dei Consorzi siciliani, parteciparono la deputazione regionale e nazionale della provincia di Ragusa, numerosi Sindaci, Presidenti dei Consigli Comunali, Consiglieri Comunali, rappresentanti delle Organizzazioni Professionali Agricole, rappresentanti delle sigle sindacali Cisl ed Uil. Ma spiccava l’assenza della Cgil. Svolsi un intervento con cui denunciammo con forza  la irresponsabilità della politica regionale,  il senso di abbandono dell’intero comparto,  la tematica dei lavoratori delle Garanzie Occupazionali ed i rischi che corrono i loro posti di lavoro,  il disagio del comparto agricolo per la esosa imposizione contributiva…Formulammo con senso di responsabilità alcune proposte che a nostro avviso potrebbero aiutare, nel breve e medio periodo, a risolvere la tematica. E così il 22 giugno del 2016  si costituisce a Ragusa il Comitato Spontaneo “ UNITI PER IL FUTURO DEI CONSORZI DI BONIFICA IN SICILIA” di cui assumo il coordinamento. Al comitato, in pochi giorni, aderiscono centinaia di dipendenti anche di altri consorzi della Sicilia. Conseguenza di tutto quanto sopra?  Apriti cielo ! Dicono: Cosentini si sostituisce al sindacato; Cosentini vuole fare politica; Cosentini è incompatibile con il suo ruolo di Direttore e quindi un solo grido: Fermate Cosentini! Ecco, secondo me – continua Giovanni Cosentini – questi sono stati gli atti ed i comportamenti presupposti che hanno fatto incazzare la CGIL che ancora una volta dimostra di infastidirsi per iniziative partecipate e democratiche che provengono dal basso e che possano mettere in discussione il loro “verbo”.  Ed ancora Cosentini nella sua nota: “Ho una anzianità di servizio pari a 38 anni e 8 mesi di servizio e sono, ahimè, il più anziano nella carica fra i Direttori Generali dei Consorzi di bonifica dell’intera Sicilia. Non vorrei che fosse proprio questo che preoccupa il futuro della CGIL. Dico questo per chiarire che sono al massimo della mia carriera sia dal punto di vista economico che di progressione organizzativa. Penso sia altrettanto utile fare presente che il Consorzio di Ragusa è fra i pochi consorzi della Sicilia ad essere in regola con i documenti contabili sia per ciò che concerne i  bilanci che i conti consuntivi già adottati dall’ente ed approvati o in corso di approvazione da parte dell’organi di vigilanza regionale. Insomma il Consorzio ha i conti a posto per come certificato dalla Regione e ciò checché ne pensi la Cgil. Lo sviluppo degli stipendi, della indennità di funzione e dei  compensi speciali sono la esatta e legittima applicazione di istituti contrattuali previsti da decenni nel vigente CCNL dei dirigenti della bonifica. Infatti, è grazie all’applicazione dei contratti collettivi di lavoro se il loro Rappresentante Sindacale Aziendale, geom. Francesco Cirmi, transitato nel 1997 nel Consorzio 8 di Ragusa, quale operaio di terza fascia funzionale, è, oggi, un funzionario direttivo, senza laurea , di ex settima fascia funzionale , 1° livello retributivo. La Cgil  cerca, con un meschino e pericoloso tentativo di depistaggio, – conclude Cosentini – di alimentare il disagio sociale e fomentare l’odio tra i dipendenti e la dirigenza. Si tenta, demagogicamente, di fare passare un messaggio falso e tendenzioso, tipo “ mentre il personale dipendente non percepisce gli stipendi da diversi mesi, il Direttore ed i Dirigenti si liquidano indennità, compensi etc. etc”. Anche il Direttore ed i Dirigenti seguono le stesse sorti dei loro colleghi dipendenti  e quindi anche loro non percepiscono né gli stipendi né le indennità”.

MANIFESTAZIONE A ROMA CONTRO LE FALSE SEMPLIFICAZIONI

il-presidente-anc-ragusa-antonietta-laterraIl recente decreto fiscale 193/2016 introduce ulteriori nuovi adempimenti burocratici e oneri a carico dei contribuenti e, conseguentemente, dei commercialisti chiamati ad assisterli. Contro il perdurare di una politica delle “false semplificazioni” e di uno Stato disattento e sordo alle richieste di aiuto dei cittadini, l’Associazione Nazionale Commercialisti (Anc), insieme alle altre sigle sindacali nazionali rappresentative della categoria, ha indetto per questo  mercoledì 14 dicembre, una manifestazione nazionale che si terrà a Roma in piazza Santi Apostoli, nel corso della quale sarà proclamato il primo sciopero dei commercialisti. “Il 14 dicembre anche l’Anc Ragusa sarà presente a Roma – afferma il presidente Antonietta Laterra – Non possiamo più permettere che le imprese e i professionisti continuino ad essere appesantiti da ulteriori adempimenti burocratici, aggravati, in caso di inosservanza, da pesanti sanzioni. Abbiamo urgente bisogno di un Governo che dia dimostrazione di conoscere la già provata realtà economica del nostro Paese, che semplifichi nei fatti il sistema e ne riduca la pressione fiscale, che introduca provvedimenti rivolti alla ripresa, alla crescita e allo sviluppo del nostro Paese”.

 

 

RAGUSA, NASCE LA BIBLIOTECA COMUNALE PER BAMBINI 

 

bimbi-letturaUna biblioteca per bambini sarà realizzata  nei locali del piano seminterrato della biblioteca comunale  di via Zama “Giovanni Verga” . LA giunta Piccitto ha predisposto l’acquisto dell’arredamento e dei libri che andranno a costituire e caratterizzare  il nuovo spazio all’interno della struttura comunale. La fornitura di scaffalature, mobili, sedie, tavolini, tappeti ed altri arredi , dopo una valutazione comparativa, è stata affidata alla società Ikea Italia reatail srl sede di Catania per un importo complessivo di 3.414, 27 euro, mentre la fornitura dei libri è stata affidata alla libreria Flaccavento di Salvatore  La Licata di Ragusa per una spesa complessiva di 999,70 euro. “ La realizzazione di uno spazio per i bambini all’interno della biblioteca comunale  arricchisce  e completa l’offerta di servizi culturali per la cittadinanza”  – sottolinea il sindaco Federico Piccitto.  L’assessore alla Pubblica Istruzione Gianluca Leggio rimarca l’importanza funzionale dell’iniziativa: “la biblioteca potrà essere un centro di lettura, un laboratorio didattico e multimediale, un luogo dove i  bambini possono incontrarsi e, attraverso la stimolazione alla lettura, sperimentare occasioni di studio, gioco e divertimento”.

 

 

 

Presentazione del libro ‘Raccontami l’ultima favola’ di Alessia Franco

boris_giulianoSarà presentato giovedì 15 dicembre 2016 nella sala convegni del Palazzo della Provincia di Ragusa il libro di Alessia Franco ‘Raccontami l’ultima favola’, (Mohicani edizioni) sul commissario di Polizia di Palermo, Boris Giuliano, ucciso dalla mafia. Il libro della giornalista Alessia Franco (con una lettera aperta di Selima Giuliano al papà ucciso e con una prefazione della criminologa Lucia Risicato) rende giustizia all’eroe della porta accanto: non soltanto il brillante e rigoroso investigatore antimafia, ma anche il buon padre di famiglia, la persona gioviale, l’amico dei giornalisti d’assalto, il paladino dei poveri e degli indifesi. A parlare del libro, oltre all’autrice Alessia Franco, la vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia Teresa Di Fresco e il capo ufficio stampa del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Gianni Molè.

 

 

 

 

LE FARFALLE SONO PIU’ FORTI DELLA ATASSIA

groviglio-di-pensieriHa 62 anni, da 10 anni combatte con una malattia, la “atassia cerebellare multisistemica”, che ha devastato il suo corpo. Si chiama Biagio Mario Amico. Mario, padre di Antonella e Valentina e marito di Maria, era un uomo alto e forte. Gli piaceva lavorare il legno al traforo, fare ritratti e panorami con la penna su cartoncino. Un giorno si rese conto che non riusciva a scrivere il suo nome, che era maledettamente difficile abbottonare la camicia o allacciare le scarpe. I medici che capirono cosa stava succedendo gli davano affettuose pacche sulle spalle, ma nessuna speranza. Oggi pesa meno di 40 kg e muove solo, con fatica, le mani e lo sguardo. Mario non si arrende, anche se la sua vita dipende da una lunga serie di presidi sanitari. Mario lotta. Ha deciso di dimostrare a tutti che un malato neurodegenerativo non muore il giorno della diagnosi. Mario dipinge. Ha realizzato moltissime tele e cartoncini, opere a cui dà, di volta in volta, un titolo, dettando faticosamente con gli occhi le lettere dell’alfabeto. Mario vive. Mario dipinge farfalle. Tutto questo perché Mario vuole annunciare a chi è nelle sue stesse condizioni e, come dice lui, “sperimenta la morte da vivo” un messaggio: la vita è meravigliosa e la ricerca troverà per tutti una soluzione! Prima o poi… Le sue tele saranno in mostra, fino a Natale, nella Speciale Unità di Accoglienza Permanente dell’ASP di Ragusa, dove Mario vive da tempo. Il termine sindromi atassiche (o atassie ereditarie) individua un gruppo di malattie genetiche rare (in Italia ne sono affette circa 5.000 persone), spesso gravemente invalidanti, del sistema nervoso centrale, il cui sintomo principale è la progressiva perdita di coordinazione motoria (atassia). Essa comporta la perdita di coordinazione tra diversi segmenti corporei, in particolare tronco e capo, tronco e arti. Possono inoltre essere associati altri disturbi quali: movimenti involontari degli arti, del capo o del tronco, lentezza nei movimenti oculari, disturbi nella deglutizione, incontinenza urinaria, problemi della memoria.

                                                                             

Scroll To Top
Descargar musica