23-04-2017
Ti trovi qui: Home » Chiesa (pagina 2)

Archivio della categoria: Chiesa

Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani

paven_jackelenCome ogni anno dal 18 al 25 Gennaio si celebra la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani che quest’anno ha come tema: “L’amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione”.  La proposta di preghiera e di riflessione arriva quest’anno dalle Chiese cristiane  tedesche, attraverso la Comunità di lavoro delle Chiese cristiane in Germania, l’organismo ecumenico in cui sono rappresentate tutte le tradizioni cristiane, visto che quest’anno ricorre il quinto Centenario della Riforma protestante, avviata da Martin Lutero con l’affissione delle 95 tesi sulle indulgenze, avvenuta il 31 ottobre 1517 a Wittenberg, in Germania. “Uniamo tutti  le voci nella lode a Dio per invocare l’unità dei cristiani  nel  mondo e in particolare nel territorio in cui viviamo”. Con queste parole padre Salvatore Converso, direttore dell’ufficio diocesano Ecumenismo e Dialogo, invita tutti a partecipare agli incontri ecumenici di preghiera secondo il seguente calendario: 18 Gennaio alle ore 19.30 presso la chiesa del carmelo (villa comunale) a Chiaramonte Gulfi; 24 Gennaio alle ore 19.30 presso la Chiesa Pentecostale (stradale Vittoria-Scoglitti) a Vittoria; 25 Gennaio alle ore 19.30 presso la Chiesa San Francesco d’Assisi (p.zza Cappuccini) a Ragusa. 

GIARRATANA, FESTA DI SANT’ANTONIO ABATE

Processione Sant'Antonio Abate 2017 per il centro storicoMomenti significativi, carichi di pathos religioso, in cui la tradizione ha continuato a farla da padrone, quelli che, hanno caratterizzato i solenni festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate a Giarratana. Nonostante il tempo incerto, le due processioni in programma hanno consentito di onorare al meglio una delle figure più venerate nel centro montano degli Iblei. A presiedere i riti religiosi, però, è stato il vicario foraneo della zona montana, don Salvatore Vaccaro, parroco a Chiaramonte, a causa dell’indisponibilità dell’ultimo momento sia del nuovo parroco di Giarratana, don Mariusz Starczewski, sia del vicario, don Giovanni Piccione. I componenti del comitato, così, durante la mattinata, hanno portato a spalla il secentesco simulacro per le viuzze della cittadina vecchia.  C’è stata come ogni anno la benedizione degli animali che rientra nel carisma specifico di Sant’Antonio Abate. La festa, in città, è molto sentita e affonda le radici in antiche tradizioni. Martedì 17 gennaio, sarà celebrata la festa liturgica dedicata al santo e i fedeli a Giarratana torneranno di nuovo ad essere in prima linea con tutta una serie di appuntamenti religiosi particolarmente sentiti.  A mezzogiorno è in programma lo sparo di colpi a cannone proprio nella giornata che la chiesa universale dedica a Sant’Antonio abate.

FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SANT’ANTONIO ABATE NEL CENTRO MONTANO DI GIARRATANA

santantonioLa cittadina di Giarratana festeggia in maniera solenne sant’Antonio Abate.L’apertura dei festeggiamenti è in programma sabato 7 gennaio quando, nella basilica omonima, che si trova sul colle che sovrasta il centro abitato, alle 16,30 ci sarà il suono a festa delle campane e subito dopo lo sparo di colpi a cannone. Sono i caratteristici segnali che anticiperanno la traslazione del seicentesco simulacro del santo sull’altare maggiore. I solenni festeggiamenti proseguiranno sino a martedì 17 gennaio, data in cui ricade la festa liturgica del santo. In particolare, poi, da giovedì 12 prenderà il via il triduo di preparazione alla festa che sarà presieduto dal novello vicario parrocchiale, don Piccione. La festa esterna, con le due processioni, una mattutina e l’altra vespertina, è in programma domenica 15 gennaio. La basilica ospita una statua di sant’Antonio che risale al 1626, proveniente dall’antico abitato. Il luogo di culto è documentato già nel Trecento come “chiesa sacramentale” e in esso si venera “da tempo immemorabile” l’immagine della Madonna della Neve. La chiesa di sant’Antonio Abate fu rasa al suolo in seguito al disastroso sisma del 1693. L’opera di ricostruzione fu avviata nei primissimi anni del XVIII secolo nella parte più alta dell’abitato. Il tempio, già nel 1748 era ricostruito ed adibito al culto. Tuttavia, fu consacrato solo il 21 settembre 1783 dal vescovo Giovanni Alagona. Sant’Antonio è considerato anche il protettore degli animali domestici. Non è un caso che la domenica della festa esterna, nel primo pomeriggio, è prevista una speciale benedizione degli animali.

Nominati  i  quattro  Vicari  Foranei della  Diocesi  di  Ragusa

cannata-salvatoreIl Vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, ha nominato i Vicari Foranei delle quattro zone pastorali della nostra Diocesi. Per il Vicariato di Ragusa sarà padre Salvatore Cannata attuale parroco della parrocchia San Giuseppe Artigiano di Ragusa. Per il Vicariato di Vittoria è stato confermato padre Mario Cascone. Per il Vicariato di Comiso sarà padre Salvatore Bertino attualmente parroco della parrocchia Santi Apostoli di Comiso. Per il Vicariato dei paesi Montani (Giarratana, Monterosso Almo e Chiaramonte) sarà padre Salvatore Vaccaro attuale parroco della parrocchia S. Maria La Nova di Chiaramonte Gulfi.

  La Caritas di Ragusa festeggia con i bambini

 

1504“Il sorriso di un bambino è la cosa più simile alla felicità che si posa immaginare. Su quei sorrisi si costruisce anche il nostro domani di cristiani e di cittadini che viviamo in una società più giusta e fraterna. Per questo il mio Augurio e che ogni giorno ciascuno di noi possa vivere il Natale sia in termini di attenzioni al “piccolo” fragile ma anche di gratitudine per quanto abbiamo ricevuto”. Con queste parole Domenico Leggio, direttore della Caritas, ha commentato i due momenti di festa organizzati dalla Caritas per i bambini seguiti dal Centro Ascolto di Ragusa e dal Presidio di Marina di Acate.A Ragusa sono stati coinvolti oltre 100 bambini che hanno trascorso un pomeriggio in allegria con i volontari del centro ascolto. Oltre ai doni portati da Babbo Natale la festa ha avuto un regalo a sorpresa con la visita del vescovo Carmelo che si è fermato a parlare con i bambini e ha augurato ad operatori e bambini il Buon Natale intrattenendosi a cantare con loro alcuni temi natalizi. “Siamo molto contenti  per questa festa – dice Salvatrice Di Pasquale responsabile del Centro Ascolto di Ragusa – perché abbiamo preparato grazie a una nostra volontaria una rappresentazione con bambini di sei nazionalità diverse che hanno recitato in dialetto siciliano. La presenza tra le nostre volontarie in servizio civile di una cantante professionista ha poi reso più magica l’atmosfera. La visita del vescovo, infine, è stata il segno di una attenzione di tutta la chiesa nei confronti dei minori che vivono situazioni difficili e di cui non hanno responsabilità, spesse volte ereditandole dai genitori.” Leggermente diverso il taglio dato alla festa di Marina di Acate per i bambini figli dei lavoratori agricoli della zona che vivono isolati in aperta campagna, frequentano poco o nulla la scuola e vivono in condizione di segregazione e di privazione della loro infanzia: lavorano come baby sitter per i fratellini e le sorelline più piccoli mentre i genitori sono al lavoro in serra, non hanno occasioni di confronto tra coetanei, non hanno luoghi di incontro se non il Presidio della Caritas. “Ci siamo accorti- dice Vincenzo La Monica, coordinatore di Presidio – che i loro giochi, quando ci sono, sono sempre di seconda mano, mezzi rotti, riciclati. Abbiamo pensato che sarebbe stato bello per loro ricevere dei regali nuovi, comprati appositamente secondo i loro desideri. Al nostro appello hanno risposto con generosità decine di persone, famiglie e una comunità parrocchiale, cosi il 19 dicembre 20 ragazzi hanno avuto tutti il regalo nuovo che avevano chiesto. È stato un piccolo gesto di giustizia sociale che ha reso questi bimbi uguali agli altri, ma è stato soprattutto un gesto condiviso, che ha coinvolto ed attivato la nostra comunità, che si è confermata attenta e generosa”.

FESTA DI SANTA LUCIA

processione_piazza_duomoSono sette le celebrazioni religiose che caratterizzeranno la festa di Santa Lucia il cui momento clou si terrà questo martedì 13, nella chiesa omonima, che sorge lungo corso Mazzini, la strada che collega il centro storico superiore di Ragusa con il quartiere barocco di Ibla. Il parroco, don Girolamo Alessi, ha pianificato con grande attenzione questo momento per fare in modo che il grande afflusso di fedeli previsto, così come accaduto lo scorso anno, possa essere accolto nella maniera migliore. “Una fede semplice – sottolinea don Alessi – una fede molto intimista che si caratterizza con l’accensione di un cero, segno di una devozione davvero profonda nei confronti della santa martire”. La chiesa rimarrà aperta dalle 7,30 alle 20,30, con orario continuato. La prima messa è in programma alle 8 e sarà presieduta dal carmelitano padre Renato Dall’Acqua. Alle 9, invece, la santa messa sarà presieduta da don Giuseppe Antoci, rettore del seminario, mentre alle 10 sarà don Giovanni Battaglia, parroco dell’Ecce Homo, a celebrare la funzione religiosa. Quindi, alle 11, la celebrazione eucaristica sarà tenuta da don Giuseppe Cabibbo, parroco di Maria Santissima Annunziata a Comiso mentre alle 12 sarà il neoparroco della chiesa di Maria Santissima di Portosalvo a Marina di Ragusa, don Riccardo Bocchieri, a presiedere la messa. Quindi, altre due funzioni religiose sono in programma alle 17, e in questo caso sarà presieduta da don Salvatore Puglisi, direttore dell’ufficio catechistico diocesano, e alle 19 con la santa messa che sarà tenuta da don Girolamo Alessi. Mercoledì 14 dicembre, poi, alle 16,30 si terrà la preghiera del Rosario mentre alle 17 sarà celebrata la santa messa di ringraziamento presieduta sempre da don Alessi. L’accensione di lumini è consentita dinanzi all’immagine di Santa Lucia posta all’esterno della chiesa.

MARTEDI’ 13 DICEMBRE AL REPARTO DI OCULISTICA DELL’OSPEDALE AREZZO A RAGUSA LA TRADIZIONALE CERIMONIA CON LA BENEDIZIONE DEGLI OCCHI

la-madonna-delle-lacrime-e-santa-luciaMaria e Lucia, due donne che parlano con gli occhi. E’ questo il tema caratterizzante, scelto dall’ufficio diocesano per la Pastorale della salute di Ragusa, in vista della celebrazione in onore della santa martire in programma, come sempre, il 13 dicembre all’ospedale Maria Paternò Arezzo, nel reparto oculistico. Gli appuntamenti saranno così articolati. A partire dalle 10 visita e benedizione agli ammalati nei reparti. Alle 10,45 ci sarà un breve incontro sulla prevenzione degli occhi e della vista a cura di un medico del reparto. Si farà anche cenno ai danni causati alla vista dall’uso continuo di tablet, cellulari e Pc, aspetto molto sottovalutato da tutti. Poi, alle 11, il direttore dell’ufficio diocesano della Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti, presiederà la funzione religiosa con il rito della benedizione degli occhi. Spiega don Occhipinti: “La Chiesa siracusana vanta origini apostoliche in quanto San Pietro, nel 39 d.C., inviò Marciano a Siracusa, divenuto primo vescovo, per fondare la prima Chiesa Cristiana d’occidente, così come testimoniato dall’iscrizione presente in Cattedrale: “Ecclesia Syracusana Prima Divi Petri Filia Et Prima Post Antiochenam Christo Dicata”. Ma non possiamo non ricordare la permanenza dell’apostolo Paolo nella città: “Approdammo a Siracusa, dove rimanemmo tre giorni” (At 28,12). La Chiesa siracusana, però, venera e contempla due figure importanti nel panorama ecclesiale: la patrona Santa Lucia e la Madonna delle Lacrime. Lucia vede per prima la luce di Cristo e una volta vista non volle più abbandonarla andando contro quella che è la vita quotidiana, le ricchezze, il prestigio per seguire il “Messia dai profeti annunciato”. Maria con il suo “sì” diventa la madre di Gesù e a Siracusa piange. Il messaggio eloquente delle Lacrime è un ammonimento a seguire la retta via. Una madre piange quando vede i suoi figli soffrire, gli stessi figli che Lucia curò distribuendo i suoi averi a chi ne aveva di bisogno e intercedendo dall’alto presso Dio quando la Sua città ne aveva bisogno, esempio fra tutti la carestia del 1646. Ecco perché la celebrazione prevista il 13 dicembre nel reparto oculistico al Paternò Arezzo si carica di significato e di emozione”.

 

La città di Ragusa è stata riaffidata alla protezione dell’Immacolata. Il sindaco Piccitto protagonista della cerimonia

la-recita-dellatto-di-affidamento-da-parte-del-sindacoLa città di Ragusa è stata riaffidata alla Vergine Immacolata. La tradizione, antichissima, si è ripetuta, dopo la celebrazione dei Primi vespri, presieduti dal parroco del Duomo di San Giorgio, don Pietro Floridia, che è anche rettore della chiesa di San Francesco all’Immacolata, a Ibla, nella splendida chiesa monumentale di piazza Chiaramonte. A recitare l’atto di affidamento della Città di Ragusa alla Vergine Immacolata il primo cittadino, Federico Piccitto. “Vigilate maternamente su questa città – ha letto, tra l’altro, il sindaco, alla presenza delle autorità cittadine e provinciali, rivolgendosi alla Vergine – allargate su di essa il vostro manto immacolato, pegno e garanzia di prosperità e di pace. Insieme con la Città io Vi affido, o Vergine Immacolata, la nostra terra ed i nostri monti, gli interessi spirituali e temporali, il presente e l’avvenire, le nostre culle e le nostre tombe, la nostra vita e la nostra morte”. Quindi il sindaco ha acceso un cero votivo e ha reso un omaggio floreale alla statua dell’Immacolata. Subito dopo, il prefetto di Ragusa, Maria Carmela Librizzi, il presidente del Consiglio comunale Antonio Tringali e altri rappresentanti delle istituzioni hanno apposto la loro firma sul registro delle autorità. I registri delle firme delle autorità, vere opere d’arte, furono istituiti con la nascita della Diocesi di Ragusa e sono stati eseguiti dai rinomati Antonino Cannì, Rocco Cafiso e Maria Imposa. L’ultimo tra questi reca, tra l’altro, la firma del presidente emerito della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi.                                                           

SANTA LUCIA A RAGUSA, DA SABATO AL VIA IL PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE RELIGIOSE NELLA CHIESA DI CORSO MAZZINI

 

 statua_di_santa_lucia_-_siracusa“Una festa molto semplice. In grado di esprimere una religiosità popolare parecchio sentita dai ragusani. I quali sono molto legati, molto vicini a questa santa siracusana. Prova ne sia che l’anno scorso io stesso mi sono meravigliato quando ad accendere i ceri per renderle onore erano stati in 1.500. Numeri davvero straordinari”. E’ il parroco di Santa Maria delle Scale, a Ragusa, don Girolamo Alessi, ad esprimere il proprio positivo stupore per l’attenzione che la comunità dei devoti ha riservato alla santa, grande protettrice della vista. La chiesa di Santa Lucia, in corso Mazzini, tra il centro storico superiore e il primo nucleo di case del quartiere barocco, è una rettoria della chiesa di Santa Maria delle Scale. “Il cuore della festa – sottolinea ancora don Alessi – è rappresentato dalle celebrazioni religiose del 13 dicembre. Ma quest’anno abbiamo pensato di arricchirle con altri appuntamenti”. A cominciare dalla preghiera del Rosario e dalla coroncina a Santa Lucia in programma sabato 10 dicembre alle 16,30. A seguire ci sarà la celebrazione della santa messa. Domenica 11 dicembre, terza di avvento, domenica della gioia, la preghiera del Rosario e la Coroncina si terrà alle 10,30 mentre alle 11 sarà tenuta la celebrazione eucaristica. che verso quella delle Anime sante del Purgatorio. Lunedì 12 dicembre, la preghiera del Rosario e la Coroncina a Santa Lucia è prevista per le 16,30 mentre a seguire si terrà la celebrazione della santa messa nella vigilia della festa di Santa Lucia.

Mercoledì la città di Ragusa tornerà di nuovo sotto la protezione dell’Immacolata

il-sindaco-piccitto-lo-scorso-anno-allimmacolataE’ uno straordinario rito che si ripete. Pieno di significato. Destinato a cementare l’unione esistente tra Maria Santissima Immacolata, patrona principale e regina della Sicilia, con la città di Ragusa. Questo mercoledì 7 dicembre, vigilia della festa, nella chiesa di San Francesco all’Immacolata a Ibla, alle 18, durante la solenne celebrazione dei Primi vespri, presieduti dal vescovo Carmelo Cuttitta, ci sarà la recita dell’atto di affidamento della città di Ragusa all’Immacolata madre di Gesù. Sarà il sindaco, Federico Piccitto, a recitare l’atto di affidamento alla presenza delle autorità cittadine e provinciali. Un rito che si ripete e che affonda le proprie tradizioni in una liturgia antichissima. A concelebrare la cerimonia religiosa il parroco del Duomo di San Giorgio, don Pietro Floridia, rettore della chiesa di San Francesco all’Immacolata. In serata, alle 21, dal Duomo, ci sarà la processione con fiaccolata verso la chiesa di San Francesco all’Immacolata dove seguirà una veglia di preghiera. Sempre domani, dopo la recita, alle 16, del Rosario, delle litanie cantate e del canto dello Stellario, sarà celebrata, quindi intorno alle 17, la santa messa con adesione, impegno e tesseramento degli iscritti all’Azione cattolica delle parrocchie San Giorgio e San Tommaso. La funzione religiosa sarà partecipata dall’associazione diocesana “Familiari del clero” e dall’Unitalsi. Giovedì 8 dicembre, solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, le sante messe sono previste nei seguenti orari: 8, 9, 10, 11 e 12 a San Francesco all’Immacolata. Alle 10,30 ci sarà il raduno dei fedeli presso il Giardino ibleo dove si formerà il corteo verso la chiesa di San Francesco per il tradizionale omaggio floreale alla Madonna. Alle 18 la santa messa a cui seguirà la processione con il simulacro dell’Immacolata per le principali vie del quartiere barocco.

Immacolata a Ragusa, ecco il programma delle celebrazioni

 

immacolata-2015-la-processione-mattutina“Maria Santissima Immacolata, Regina delle famiglie, ottenga a noi, dal suo Figlio, che lo Spirito santo accenda il fuoco dell’Amore nei nostri focolari domestici e da questi si irradi quella letizia, indicata dal papa nella sua esortazione apostolica post-sinodale sui coniugi, sui figli e su tutti i membri della Chiesa”. E’ il contenuto del messaggio ai fedeli che il parroco del Duomo di San Giorgio, don Pietro Floridia, nella qualità di rettore della chiesa di San Francesco all’Immacolata, ha diffuso in occasione dei solenni festeggiamenti di quest’anno in onore della Patrona principale e regina della Sicilia. La vigilia della festa dell’Immacolata, mercoledì 7 dicembre, sarà contrassegnata come sempre dalla celebrazione del rito dell’affidamento della città di Ragusa alla Vergine. Dopo la recita, alle 16, del Rosario, delle litanie cantate e del canto dello Stellario, alle 17 sarà celebrata la santa messa con adesione, impegno e tesseramento degli iscritti all’Azione cattolica delle parrocchie San Giorgio e San Tommaso. La funzione religiosa sarà partecipata dall’associazione diocesana “Familiari del clero” e dall’Unitalsi. Alle 18 ci sarà poi la solenne celebrazione dei Primi vespri presieduti dal vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, e la recita dell’atto di affidamento della città all’Immacolata madre di Gesù da parte del sindaco, Federico Piccitto, alla presenza delle autorità cittadine e provinciali. Alle 21, dal duomo di san Giorgio, processione con fiaccolata  verso la chiesa di San Francesco all’Immacolata dove seguirà una veglia di preghiera. Giovedì 8 dicembre, solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, le sante messe sono previste nei seguenti orari: 8, 9, 10, 11 e 12 a San Francesco all’Immacolata. Alle 10,30 ci sarà il raduno dei fedeli presso il Giardino ibleo dove si formerà il corteo verso la chiesa di Sn Francesco per il tradizionale omaggio floreale alla Madonna. Alle 18 la santa messa a cui seguirà la processione con il simulacro dell’Immacolata per le principali vie del quartiere barocco. Durante il Novenario, attualmente in corso, è possibile visionare, in chiesa, i libri dei disegni e il registro delle firme e delle autorità dal 1954 al 2015. Inoltre, lunedì 5 dicembre, in chiesa, ci sarà un incontro di preghiera per l’affidamento all’Immacolata dei fanciulli del catechismo.

 

 

 

 

                                                       

Diocesi di Ragusa, trasferimenti di vicari parrocchiali

guarneri_iacono_piccioneIl vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, ha nominato don Giovanni Piccione, vicario parrocchiale presso la parrocchia Maria SS. Annunziata e San Giuseppe di Giarratana e don Giuseppe Iacono vicario parrocchiale presso la parrocchia S. Antonio di Padova di Comiso. Il Vescovo ha inoltre trasferito don Salvatore Guarneri dalla parrocchia San Pietro Apostolo di Ragusa alla parrocchia Preziosissimo Sangue di N.S.G.C. di Ragusa, dove affiancherà come vicario parrocchiale il nuovo parroco Giuseppe Russelli. 

 

 

 

Festa dell’Immacolata a Ragusa, in programma due eventi sportivi

immacolataI solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima Immacolata a Ragusa saranno caratterizzati, anche in questa edizione 2016, da una serie di eventi sportivi.  Per martedì 6 dicembre, infatti, è in programma in piazza Chiaramonte, a Ibla, di fronte alla chiesa di San Francesco all’Immacolata, la settima edizione del trofeo “Maria Santissima Immacolata” (memorial Giovanni Donzella). Si tratta di una gara podistica aperta a tutti, tra l’altro portata avanti nel segno dell’integrazione (numerosi, infatti, i migranti ospitati nel vicino centro di accoglienza che parteciperanno) e che interesserà le viuzze e le stradine di Ibla. Lo start sarà dato a partire dalle 20. Per giovedì 8 dicembre, invece, a partire dalle 10, sempre in piazza Chiaramonte, in particolare nei locali del centro di accoglienza, è prevista la quindicesima edizione del torneo di ping pong denominato “Ibla open”. L’iniziativa è aperta, anche in questo caso, a tutti. Una tradizione, per quanto riguarda questa manifestazione legata al mondo del tennis tavolo, che va avanti ormai da quindici anni e che, pure in questa direzione, si può ritenere assolutamente consolidata. Intanto, per quanto riguarda le iniziative religiose, è tuttora in fase di svolgimento, e andrà avanti sino al 7 dicembre, il solenne novenario nella chiesa di San Francesco all’Immacolata con i seguenti orari: alle 16,30 la recita del Santissimo Rosario, delle litanie cantate e del canto dello Stellario; alle 17 la santa messa.

 

 

 

                                       

Prenderà il via da martedì la Festa dell’Immacolata a Ragusa Ibla

immacolata-2015-lavvio-della-processioneA Ragusa Ibla i solenni festeggiamenti prenderanno il via questo martedì 29 novembre. Sarà sempre la chiesa di San Francesco all’Immacolata, per il secondo anno consecutivo, dopo che la stessa era stata interessata da una serie di interventi di restauro, il fulcro nevralgico di uno degli appuntamenti religiosi più sentiti dall’intera comunità dei fedeli di Ibla, e non solo. Martedì, quindi, alle 16,30, si terrà la recita del Rosario, delle litanie cantate e del canto dello stellario. Poi, alle 17, ci sarà la celebrazione della santa messa mentre il simulacro dell’Immacolata sarà esposto per l’adorazione dei fedeli. Dal 30 novembre al 7 dicembre il solenne Novenario con la recita quotidiana, ogni giorno a partire dalle 16,30, del Rosario, delle litanie cantate e del canto dello Stellario a cui farà seguito, alle 17, la celebrazione della messa, si terrà sempre nella chiesa di San Francesco all’Immacolata. Per il 5 dicembre, inoltre, il programma delle manifestazioni religiose contempla un momento speciale, prima di arrivare al clou della festa previsto per mercoledì 7 e giovedì 8 dicembre. Alle 15,30 del 5 dicembre, infatti, si terrà un incontro di preghiera e di affidamento all’Immacolata dei fanciulli del catechismo.

 

Trasferimenti di vicari parrocchiali

mde

Il vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, ha nominato don Andrea Pomillo, vicario parrocchiale presso la parrocchia San Giovanni Bosco di Vittoria e don Giovanni Filesi vicario parrocchiale presso la parrocchia Maria SS. Nunziata di Ragusa. Il Vescovo ha inoltre confermato don Giuseppe Iacono amministratore parrocchiale della parrocchia S. Cuore di Gesù di Ragusa. Don Andrea Pomillo  è stato ordinato presbitero il 22 giugno 2001. E’ stato vicario parrocchiale in cattedrale. Dal 2009 ad oggi  è stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Paolo di Ragusa e  collaboratore dell’amministratore parrocchiale nella parrocchia Sacro Cuore di Gesù in Ragusa.  Don Giovanni Filesi è stato ordinato presbitero il 02 aprile 2016. Ha ricoperto l’ufficio di vicario parrocchiale della parrocchia “San Paolo Apostolo” in Ragusa. Don Giuseppe Iacono è  stato ordinato presbitero il 15 agosto 1966. Tra gli incarichi che nei cinquant’anni di sacerdozio ha rivestito, è stato parroco della parrocchia S. Maria di Portosalvo a Scoglitti e, successivamente, della parrocchia S. Maria delle Stelle in Comiso. E’ stato parroco della parrocchia S. Paolo Apostolo in Ragusa e, dal 2014, amministratore parrocchiale della parrocchia Sacro Cuore di Gesù in Ragusa. Altri uffici a lui affidati sono stati quello di formatore in Seminario, formatore dei diaconi, assistente unitario dell’Azione Cattolica della diocesi di Ragusa, assistente di zona dell’Agesci ed assistente delle ACLI. E’ stato vicario episcopale per il laicato, vicario foraneo del vicariato di Ragusa e membro del Consiglio presbiterale, del Collegio dei consultori, nonché del gruppo dei parroci consultori.

NUOVE NOMINE NELLA DIOCESI DI RAGUSA

don-riccardo-bocchieriDomenica mattina, presso la parrocchia di San Paolo Apostolo di Ragusa, il vescovo di Ragusa, monsignor Carmelo Cuttitta, ha annunciato che il nuovo parroco sarà don Mauro Nicosia che succede a don Pino Iacono. Padre Mauro nato a Vittoria è stato ordinato sacerdote il 25 gennaio del 2001. E’ stato vicario parrocchiale a Comiso nella parrocchia di Sant’Antonio di Padova (2000-2004) e a Giarratana (2004-2008). Dal 2008 ad oggi è stato parroco nella parrocchia S. Maria di Portosalvo a Marina di Ragusa. Attualmente è Consigliere spirituale diocesano del Rinnovamento nello Spirito. Per la parrocchia Santa Maria di Portosalvo di Marina di Ragusa è stato designato don Riccardo Bocchieri. Padre Riccardo nato a Ragusa è stato ordinato sacerdote il 10 giugno del 2010. E’ stato vicario parrocchiale a Vittoria nella parrocchia Santa Maria Goretti (2010-2012) e a Chiaramonte Gulfi nella parrocchia Santa Maria La Nova (2012-2014). E’ stato direttore dell’Ufficio per la pastorale vocazionale (2011-2013) e dal 2011 è membro del Collegio dei Consultori e del Consiglio Presbiterale diocesano. Dal 2014 ad oggi è parroco della parrocchia Maria SS. Annunziata e San Giuseppe in Giarratana. Nella parrocchia SS. Annunziata e S. Giuseppe a Giarratana il nuovo parroco sarà don Mariusz Starczewski. Padre Mariusz nato a Czestochowa (Polonia) è stato ordinato sacerdote il 09 giugno del 1990 nella diocesi di Kielce (Polonia). Dal 1998 è stato vicario parrocchiale nelle parrocchie: S. Maria Goretti di Vittoria (1998-2000); San Giovanni Battista di Vittoria (2000-2003); SS. Rosario di  Vittoria (2003-2010); dal 2010 ad oggi nella parrocchia Maria SS. Assunta  e San Giovanni Battista di Monterosso Almo. Don Flavio Maganuco invece sarà vicario parrocchiale presso la parrocchia San Giuseppe Artigiano di Ragusa dove aveva svolto la stessa missione pastorale, don Corrado Garozzo adesso parroco della parrocchia San Pier Giuliano Eymard. Padre Flavio nato a Ragusa è stato ordinato sacerdote il 31 Ottobre 2011 da mons. Paolo Urso. E’ stato vicario parrocchiale a Comiso presso la parrocchia Maria SS. Annunziata (2011-2012) e dal 2012 ad oggi, a Santa Croce Camerina nella parrocchia San Giovanni Battista. E’ stato assistente dell’unità di Pastorale Giovanile delle città di Comiso, Santa Croce e Pedalino (2011- 2012). Mons. Carmelo Cuttitta, inoltre, ha chiesto a don Salvatore Puglisi, precedente vicario generale, di continuare a gestire, come amministratore parrocchiale, la Parrocchia San Pio X di Ragusa in questo momento delicato di conclusione dei lavori, fino alla nomina del nuovo parroco.

Ragusa, Padre Giuseppe Russelli Parroco  

russelli-giuseppeDomenica 20 alle ore 19:30, è prevista la cerimonia di insediamento di padre Giuseppe Russelli presso la parrocchia Preziosissimo Sangue di  Ragusa.  Don Giuseppe, laureato in Economia e commercio, è stato ordinato presbitero il 16 aprile del 2005, da mons. Paolo Urso. Dopo avere ricoperto l’ufficio di vicario parrocchiale della parrocchia “Preziosissimo Sangue di N.S.G.C.” di Ragusa, nel 2014 è stato nominato parroco della parrocchia “S. Pier Giuliano Eymard”, nella stessa città. È stato assistente diocesano del settore giovani dell’Azione Cattolica.

 

 

 

Ragusa, cerimonia di insediamento di Padre Corrado Garozzo nuovo parroco

ucsQuesto mercoledì 16 novembre alle ore 19.00 è prevista la cerimonia di insediamento di padre Corrado Garozzo presso la parrocchia San Pier Giuliano Eymard di Ragusa. Don Corrado, ragusano, ha ricoperto finora l’incarico di Vicario parrocchiale nella Comunità della Parrocchia San Giuseppe Artigiano, nella sua città d’origine. Nominato dal vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, succede a padre Giuseppe Russelli. La Sua ordinazione diaconale è stata annunciata nel 1993, presso la Parrocchia San Giorgio di Ragusa Ibla; un anno dopo, il 28 giugno 1994, ha iniziato la sua ordinazione presbiterale. Il 3 ottobre del 2003 don Corrado ha iniziato ad esercitare il suo servizio presso la Parrocchia Ss. Ecce Homo, dove è rimasto fino al 14 marzo del 2013. Nel frattempo è diventato Amministratore parrocchiale presso la Parrocchia S. Maria delle Scale, dove ha servito fino al 20 dicembre del 2014. Da quell’anno fino al 15 novembre dell’anno corrente ha esercitato il suo servizio come Vicario parrocchiale presso la Parrocchia san Giuseppe Artigiano. Il centro della Celebrazione del 16 novembre sarà costituito dal Rito di aspersione dei fedeli e dall’incensazione dell’altare, con questi gesti si mette in evidenza il ministero pastorale del parroco: annunciare agli uomini il regno di Dio, inserirli nella comunità ecclesiale per mezzo del sacramento del battesimo e renderli commensali di Cristo nel banchetto eucaristico. Dopo questi Riti il nuovo Parroco farà la professione di fede e presterà il giuramento di fedeltà. A conclusione della Celebrazione il vescovo Carmelo inviterà don Garozzo ad assumere la presidenza della Comunità parrocchiale di San Pier Giuliano Eymard. La Diocesi invita la cittadinanza a partecipare.

CELEBRAZIONI PER LA BEATA SUOR MARIA SCHININA’

suor-virginia-il-sindaco-suor-cherubina-don-diara-il-diacono-agostiniChe l’esempio della “madre dei poveri” possa orientare sempre le scelte di ciascun fedele a sostegno di chi ha bisogno, di chi attraversa momenti di particolare difficoltà, di chi vuole sentire soltanto una parola d’affetto. E’ questo il messaggio diffuso nella Casa Madre di piazza Cappuccini a Ragusa in occasione delle prime tre giornate dedicate a Suor Maria Schininà, fondatrice della congregazione delle suore del Sacro Cuore, in occasione delle celebrazioni per il 26esimo anniversario della beatificazione. L’arciprete parroco di Monterosso Almo, don Marco Diara, dopo avere presieduto la celebrazione eucaristica animata dal coro parrocchiale del centro montano, ha assistito al rito tenuto dal sindaco Paolo Buscema. Quest’ultimo, assieme all’arciprete e al diacono di Monterosso, Giovanni Agostini, ha offerto, a nome della cittadinanza del centro montano, l’olio che, durante l’anno 2016-2017, alimenterà la lampada votiva della teca che ospita le spoglie mortali della beata. A partecipare alla celebrazione anche la madre generale della congregazione, suor Cherubina Battaglia, e la superiora della Casa Madre, suor Virginia Quartarone. Questo sabato 5 novembre, intanto, a partire dalle 18,30, in Casa Madre ci sarà la celebrazione eucaristica presieduta da don Salvatore Mercorillo e animata dall’oratorio Spazio di Ragusa. Sempre sabato, alle 19,30, nel salone della Casa Madre di piazza Cappuccini 18, sarà presentato il recital “Alla madre dei poveri” con video e canti eseguiti da Carmela Cascone, Gianfranco Chessari e dal coro San Pio X con interventi canori degli alunni della scuola Santissimo Redentore di Ragusa.

Nuove nomine per la Diocesi di Ragusa

 

corrado_garozzoIl vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, stamattina presso la parrocchia San Pier Giuliano Eymard di Ragusa, ha annunciato alla comunità parrocchiale che don Giuseppe Russelli sarà il nuovo parroco della parrocchia Preziosissimo Sangue di Ragusa e che il nuovo parroco della parrocchia San Pier Giuliano Eymard sarà don Corrado Garozzo.

Scroll To Top
Descargar musica