26-09-2017
Ti trovi qui: Home » Cronaca (pagina 30)

Archivio della categoria: Cronaca

INCIDENTE AD ACATE – BIMBO DI 8 MESI IN PROGNOSI RISERVATA

incidente SS 115 30_5_16 005Alle 11,50 di lunedì sono entrate in collisione, sulla statale 115 al km 286, un’Opel Astra che andava in direzione Gela e una Fiat Panda che procedeva verso Vittoria. Nel primo mezzo viaggiava una famiglia agrigentina che è rimasta ferita: il conducente di 38 anni con una prognosi di 10 giorni, una passeggera di 27 anni con una prognosi di 5 giorni e il bambino di otto mesi che si trova ricoverato presso l’Ospedale di Vittoria. Dell’altra auto, un vittoriese di 38 anni che guidava il mezzo, ha riportato ferite guaribili in 10 giorni.

ARRESTATO DALLA VOLANTE DI RAGUSA PER MALTRATTAMENTI AI GENITORI, TORNA IN CARCERE ROSARIO TUMMINO.

 

39a2b5071044c31b55f0ca6447e5002e_XLEra stato arrestato durante il decorso mese di gennaio assieme al cognato perché aveva aggredito violentemente la sorella ed il nipote per poi scagliarsi contro gli uomini delle Volanti che erano intervenuti in difesa dei due malcapitati. A Rosario Tumino  era stato concesso di fruire la misura degli arresti domiciliari presso l’abitazione dei genitori ma da quel momento avevano inizio una serie di comportamenti vessatori, minacce ed aggressioni nei confronti degli anziani genitori, “colpevoli” di non supportarlo economicamente nell’acquisto di alcolici L’ennesimo episodio violento è avvenuto qualche giorno addietro. I due genitori sono finiti in pronto soccorso per medicarsi. E’ qui la vicenda è venuta alla luce. Il Commissario Capo Dott. Filiberto Fracchiolla ha nformato la Procura della Repubblica di Ragusa. Il  Giudice per le indagini preliminari  Dott. Andrea Reale ha revocato gli arresti domiciliari spedendo Tumino in carcere.

VENDE 350 AUTO IN NERO: CONCESSIONARIO ABUSIVO SCOPERTO AD ISPICA DALLA GUARDIA DI FINANZA

 

immagine (3)I Finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa hanno scoperto un concessionario abusivo operante ad Ispica che, negli ultimi anni, ha venduto circa 350 autovetture commercializzate in nero. Le Fiamme Gialle della Tenenza di Pozzallo hanno individuato un soggetto, risultato peraltro disoccupato, intestatario di oltre 200 autovetture. L’imprenditore non si avvaleva di alcuna pubblicità ufficiale, ma poteva contare su un consolidato passaparola tra i clienti della provincia iblea e non solo. I prezzi al pubblico erano infatti più che vantaggiosi, proprio perché ogni obbligo tributario veniva puntualmente “dribblato” ormai da anni. Le indagini, sviluppate partendo da serie di appostamenti e pedinamenti, hanno condotto subito alla scoperta della concessionaria abusiva a ridosso del centro abitato di Ispica, riconducibile al soggetto, dove sono state trovate oltre cinquanta autovetture usate, esposte per la vendita. Due persone sono state denunciate per aver allestito un vero e proprio salone espositivo di autovetture. Una concessionaria, però, totalmente abusiva perché carente delle autorizzazioni prescritte per la vendita. La conseguente verifica fiscale avviata ha consentito di individuare ricavi non contabilizzati dal 2010 per oltre 700 mila euro, omesse fatturazioni ed Iva non versata superiore a 45.000 euro. L’imprenditore, evasore totale per ben 5 annualità, è stato dunque denunciato alla Procura della Repubblica di Ragusa per gli illeciti connessi all’omesso versamento dell’imposta sul reddito delle società. Ad essere ascoltati negli uffici delle Fiamme Gialle circa un centinaio di clienti che, negli anni, hanno acquistato i veicoli dalla “concessionaria”. Tutti hanno confermato come l’uomo accettava solo pagamenti tramite denaro contante e, dunque, in alcun modo tracciabili. I finanzieri hanno inoltre scoperto e fermato la truffa parallela che l’uomo da oltre 4 anni aveva messo in piedi ossia un indebito risparmio di circa 50.000,00 euro sulle imposte di trascrizione sul pubblico registro automobilistico (cd. I.P.T.) durante le operazioni di acquisto di numerosissimi autoveicoli usati.

Fermato a Pozzallo scafista indagato per la morte di oltre 400 migranti

foto 1 (4)Il rimorchiatore Asso 29 ha fatto ingresso al porto di Pozzallo venerdì sera con a bordo quasi 700 migranti. I migranti erano a bordo di 4 natanti soccorsi, una barca di piccole dimensioni in legno con 20 passeggeri, due gommoni ed un barcone in legno con centinaia di migranti, parte di quali giunti a Pozzallo ed altri a Porto Empedocle. Sono stati fermati i 4 scafisti: per il barcone con circa 500 migranti è stato individuato Adam Tarik nato in Sudan nel 1987; per la piccola barca in legno è stato individuato Tipton Abakar, nato in Ghana nel 1995; per il gommone sono stati individuati un  sedicenne nato in Guinea e Kingsley Iguma nato in Nigeria nel 1987. Tarik è stato fermato anche per il reato di morte. I migranti prevalentemente da paesi del centro Africa, Eritrea e Siria sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri.

LADRI DI GASOLIO ARRESTATI A CHIARAMONTE GULFI

 MARCHIDAN Costel cl. 75Venerdì notte i Carabinieri durante un servizio di controllo in Contrada Coniglio hanno sorpreso Butnaru Toader di anni 39 e  Marchidan Costel di anni 41,  in un capannone sede di una grossa azienda attiva nel settore della lavorazione della pietra delle persone che, dopo aver divelto la recinzione della parte posteriore del fabbricato, stavano rubando gasolio dal serbatoio del frantoio mobile adibito alla frantumazione della pietra. Si tratta di due rumeni, residenti nella zona e con alcuni precedenti penali, che sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni. La refurtiva recuperata dai militari, ammontante a oltre 50 litri di gasolio, è stata restituita al proprietario.

SCOGLITTI, SORPRESO SENZA PATENTE E SENZA ASSICURAZIONE: ARRESTATO UN SORVEGLIATO SPECIALE

 

PALMIERI Nunzio cl. 70I militari hanno sorpreso in via Costa Esperia un sorvegliato speciale che si trovava alla guida del proprio motociclo senza patente di guida e con il mezzo privo della copertura assicurativa. Per Palmieri Nunzio, 46enne pregiudicato vittoriese, sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, sono scattate così le manette. E’ stato sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica, dott. Sodani, per i provvedimenti di competenza. Inoltre il mezzo, essendo privo di assicurazione, è stato posto sotto sequestro.

Furti a Ispica, arrestate 3 persone

 

bellomo francescoI Carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare nei confronti di Francesco Bellomo, 31 anni, Marco Bellomo, 27 anni, entrambi di Avola, e Giovanni Rossitto, 49 anni di Noto, tutti e tre già noti alle forze di polizia, ritenuti responsabili del reato di furto aggravato in concorso. I malviventi sono ritenuti i responsabili del furto avvenuto a Ispica il 17 febbraio scorso all’interno di un bar-tabacchi quando, dopo essersi introdotti prima all’interno della tabaccheria e poi nell’abitazione del proprietario, si impossessavano di numerosi pacchetti di sigarette, di quasi 1,500 kg di tabacco, di una Tv, di alcuni gioielli e di un fucile da caccia. I militari dell’Arma, dalla visione delle immagini dell’impianto di sicurezza di una stazione di servizio adiacente al tabacchi, hanno riconosciuto gli indagati ed hanno effettuato una perquisizione che ha permesso di rinvenire una parte della merce rubata, gli indumenti che gli indagati avevano indossato per compiere il furto. Tra i responsabili del furto figura anche un ventunenne incensurato, al quale è stata applicata la misura dell’obbligo di dimora nel comune di Avola.

RAGUSA, CORDOGLIO PER LA SCOMPARSA DELLA DOTTORESSA ELEONORA FERRERA

eleonora ferreraIl Presidente del Consiglio Comunale, Antonio Tringali, appresa la triste notizia della prematura scomparsa della dr.ssa Eleonora Ferrera, componente del massimo consesso nelle passate consiliature, a nome personale e dell’intero Consiglio Comunale esprime ai familiari i sentimenti del più vivo cordoglio.

Vittoria, il padre di un giovane assuntore chiama la Polizia e fa arrestare lo spacciatore

 

SAI Walid, logoAveva intuito l’intenzione del figlio di andare ad acquistare una “canna” ed ha subito chiamato la Polizia del Commissariato di Vittoria, spiegando bene i dettagli del luogo e descrivendo le persone. I Poliziotti sono arrivati tempestivamente nei pressi di piazza Daniele Manin, più conosciuta come piazza Senia, si sono defilati e sono rimasti ad osservare. In effetti hanno notato il ragazzino, un 16enne, all’angolo della piazza che aspettava il suo fornitore, poi il sopraggiungere di quest’ultimo ed infine lo scambio, il passaggio di mano di un piccolo involucro dietro corrispettivo di banconote. Sono intervenuti, ed è intervenuto pure il genitore del ragazzo che ha bloccato il polso del figlio che teneva ancora in mano l’involucro che conteneva un grammo di hashish, mentre lo spacciatore è stato perquisito dai poliziotti ed è stato trovato in possesso di due banconote da cinque euro, le due che gli erano state cedute dal ragazzo. Lo spacciatore è un extracomunitario privo di documenti e di permesso di soggiorno. E’ stato foto segnalato dalla Polizia Scientifica, ed è risultato avere già precedenti foto dattiloscopici ed essere stato denunciato a Padova, Napoli e Gela, per reati contro la persona ed il patrimonio. Dice di chiamarsi Sai Walid, nato in Tunisia 36 anni fa, senza fissa dimora. La Procura della Repubblica, immediatamente avvertita, ha disposto che l’arrestato fosse portato a Ragusa presso la casa Circondariale.

Ragusa, minorenne con l’erba: arrestato dai carabinieri

SONY DSC

I militari della stazione carabinieri di Ragusa Ibla hanno arrestato un minorenne con più di trenta grammi di droga. I militari avevano organizzato dei controlli congiunti con il nucleo cinofili di Nicolosi e con i militari del nucleo investigativo provinciale. Selezionati alcuni obiettivi, abitazioni di soggetti ritenuto a vario titolo intrallazzare nel mondo della droga, hanno proceduto ai controlli. Presso la casa di un noto tossicodipendente, i carabinieri hanno trovato una decina di boccette di metadone, tutte con l’etichetta strappata via. Ritenendo che lo spacciasse, i militari pensavano di doverlo arrestare ma tramite il Sert dell’Asp di Ragusa hanno scoperto che le boccette di metadone erano sue. I carabinieri gli hanno restituito il metadone e rimesso in libertà l’uomo. Quindi si sono spostati a casa di uno studente diciassettenne e qui il cane antidroga ha scovato un sacchettino contenente trentatré grammi di marijuana. Il giovane è stato portato in caserma e quindi, d’intesa con il pubblico ministero presso il tribunale dei minori di Catania, dichiarato in stato d’arresto e condotto al centro per minori di Catania.

ANNEGATO A SCOGLITTI

ambulanza-malasanita1-300x225

Tre rumeni sono stati soccorsi domenica scorsa nei pressi della riviera Lanterna: Andrej Mihai Marius di 35 anni è morto prima dell’arrivo dell’ambulanza, mentre un uomo di 44 anni è stato ricoverato in gravi condizioni. Una donna di 22 anni è stata tratta in salvo senza aver subìto conseguenze.

Un vittoriese di 50 anni denuncia l’ex

macchina polizia bisUn uomo si è rivolto alla Polizia, denunciando continue molestie e richieste di denaro della sue ex. L’uomo ha riferito che nel mese di novembre del 2015, la donna, una 44enne di Pozzallo, si era dichiara innamoratissima, ammalata, bisognosa di costose cure mediche e in attesa di un figlio. Da allora il 50enne dice di aver inviato soldi e ricariche per la postepay della donna che intanto si sarebbe trasferita in Lombardia per insegnare.

ARRESTATO A MARINA DI ACATE UNO SPACCIATORE SORPRESO CON HASHISH

fehmi sohua cl. 86Lunedì mattina i Carabinieri hanno arrestato il tunisino Fehmi Sohua di 29 anni, trovato in possesso di quasi 10 grammi di hashish, suddivisi in 13 dosi: materiale per il confezionamento e una prima dose sono stati rinvenuti all’interno della camera da letto, le restanti in cucina. Inoltre, sono stati recuperati 325 euro in banconote di piccolo taglio, ritenute provento dell’attività di spaccio.

Incidente in Via Modica Ispica – Feriti due pozzallesi

incidente modica

E’ di due feriti il bilancio di un incidente della strada verificatosi sabato pomeriggio sulla ex statale 115, all’intersezione con Vanella Amore. Si sono scontrate due autovetture, una Golf e una Peugeot Station Wagon. Una era condotta da un pozzallese di 45 anni, e l’altra che trasportava due turisti tedeschi. L’impatto è stato violento. Sono rimasti feriti il 45enne e il figlio 17enne, entrambi trasportati dal 118 al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore dove sono stati giudicati guaribili in sette giorni ciascuno. Sul posto, per i rilievi tecnici, è intervenuto il Nucleo di pronto intervento della polizia municipale di Modica.

Ritorna nel carcere di Ragusa spacciatore che era ai domiciliari

AIELLO (1)I Carabinieri di Ragusa Ibla hanno nuovamente arrestato Marco Aiello: a casa sua si sono recati soggetti con precedenti di droga. Uno di essi, un catanese, è stato trovato da una pattuglia del radiomobile seduto in casa. L’altra, una donna ragusana con molti precedenti per droga, è stata vista da due carabinieri parlare con Aiello sulla porta di casa.

Svaligia casa a Punta Secca, inseguito e arrestato Vincenzo Scardino

Vincenzo_SCARDINOI Carabinieri sono stati chiamati dal proprietario della casa svaligiata che, rincasando, ha trovato diversi materiali ed elettrodomestici di sua proprietà sul marciapiede in strada, pronti per essere caricati sull’auto del ladro. I militari non sono riusciti a bloccare il ladro sul posto e lo hanno raggiunto nei pressi di Santa Croce mentre tentava di prender la via per Comiso. Vincenzo Scardino, quarantacinquenne santacrocese residente a Comiso, ha dichiarato di sentirsi male ed è stato portato all’ospedale Guzzardi di Vittoria. Qui ha dichiarato domicilio ed è stato sottoposto agli arresti domiciliari a medicina uomini. Tra la refurtiva recuperata piccoli elettrodomestici quali TV, fornetto, frullatore e ferro da stiro.

LA POLIZIA DI MODICA ARRESTA UN ALBANESE RICERCATO DA ANNI

 

TOPI FISNIKGli uomini del commissariato di Modica nel corso di alcune perquisizioni domiciliari hanno scoperto un cittadino colpito da un provvedimento restrittivo. L’uomo insieme propria famiglia si era trasferito a Scicli prendendo in affitto un’abitazione fatiscente nel quartiere San Giuseppe. L’uomo, Topi Fisnik di 35 anni,  era stato condannato alla pena carceraria di cinque mesi e ventinove giorni dal Tribunale di Savona per violazione della legge sull’immigrazione. Ma si era reso, da allora, era il 2008, irreperibile. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Ragusa.

Scicli: guardia giurata minaccia la ex con la pistola

imagesLa  scorsa notte, una guardia giurata di 45 anni, dopo essersi recato a casa della ex, l’ha aggredita prima verbalmente con frasi ingiuriose, successivamente le ha sferrato uno schiaffo in faccia. Non contento, ha impugnato la propria pistola, detenuta legalmente, ed ha minacciato di morte la donna continuando ad offenderla per poi andarsene.. Dunque, i Carabinieri della Tenenza di Scicli sono intervenuti a casa della donna che ha denunciato i fatti avvenuti poco prima. A questo punto, i militari dell’Arma si sono recati a casa della guardia giurata nella quale hanno trovato, oltre alla pistola utilizzata per minacciare la ex, anche altre armi da sparo, quattro fucili, una carabina ed una pistola nonché diverse munizioni, tutto regolarmente detenuto e denunciato. I Carabinieri hanno proceduto al sequestro preventivo di tutte le armi ed hanno deferito in stato di libertà l’uomo per i reati di minaccia aggravata ed ingiuria.

POZZALLO, CHIUSA CASA A LUCI ROSSE

casa prostituzione pozzalloLa Polizia ha chiuso un’altra casa a luci rosse, questa volta in località Marina di Marza a Pozzallo; all’interno della villetta una colombiana regolare sul territorio nazionale e due clienti del siracusano. Uno dei poliziotti in servizio presso la Squadra Mobile aveva ricevuto notizia che in quella villetta, solitamente abitata solo in estate, da qualche settimana vi era un via vai di persone. Gli agenti hanno notato l’arrivo di due ragazzi in auto. Uno di questi scendeva e l’altro stava in macchina ad aspettare. Dopo 10 minuti, usciva da casa il ragazzo appena entrato e subito dopo entrava l’altro ma veniva fermato dalla Polizia. I ragazzi ammettevano di aver concordato con la donna di avere dei rapporti sessuali a pagamento, uno di questi consumato e l’altro interrotto per l’intervento dei poliziotti. Nel 2015 sono state chiuse ben 15 case, la maggior parte nel comune di Ragusa. Uomini e donne che intendono prostituirsi si sono spostati prevalentemente in zone meno frequentate in inverno, come le frazioni balneari.

INCIDENTE MORTALE A MODICA, VITTIMA UN BRACCIANTE INDIANO

IMG_3132Ancora tragedie della strada. Un altro incidente mortale dopo mezzogiorno di venerdì si è registrato stavolta in Contrada Abremi, territorio di Modica. A perdere la vita un uomo di nazionalità indiana, 45 anni, dipendente di un’azienda agricola del posto. La vittima era alla guida di un ciclomotore quando ne ha perso il controllo, finendo al suolo violentemente. Nonostante gli immediati soccorsi, per lui non c’è stato nulla da fare nonostante indossasse il casco. Sul posto  la polizia locale di Modica.  L’uomo era in Italia da un paio di anni. Lascia la moglie e due figli che si trovano in India. Dopo l’impatto, si sarebbe rialzato, ha tolto il casco ed è caduto a terra privo di vita, sicuramente per le gravi lesioni riportate. Lavorava in un’azienda agricola del posto, alzandosi ogni mattina alle 4,30 per potere guadagnare e mandare soldi alla famiglia. Sul posto il medico legale Giuseppe Bonomo e l’infermiere legale, Francesco Lucifora. Per il riconoscimento è stato contattato un connazionale residente a Modica. Il pubblico ministero, Bisello, ha disposto il trasferimento del cadavere presso l’obitorio del cimitero.

Scroll To Top
Descargar musica