28-05-2017
Ti trovi qui: Home » Cronaca (pagina 4)

Archivio della categoria: Cronaca

RAGUSA, BECCATA LADRA DI LIQUORI

supermercati refurtiva Sq. MobileLa Polizia ha denunciato C.L.- ragusana di 31 anni- per furto e ricettazione. La Sezione Reati Contro il Patrimonio ha notato, per le strade di Ragusa, un veicolo sospetto con due persone a bordo, per altro proprio la donna alla guida è stata riconosciuta in quanto già oggetto d’indagine. Dal controllo del veicolo è emerso che nel bagagliaio vi fossero numerose bottiglie di liquore. Dopo una prima reticenza la donna ha ammesso  di averle rubate in un supermercato. I poliziotti dopo aver controllato il veicolo hanno esteso la perquisizione all’abitazione dove venivano rivenuti altri liquori e confezioni di alimenti. Le immediate indagini hanno permesso di rintracciare i titolari dei supermercati oggetto dei furti e di estrapolare le immagini di videosorveglianza. La donna, con assoluta naturalezza, prelevava dagli scaffali la merce e la metteva all’interno di una borsa. Al momento di pagare, la ladra passava dagli spazi riservati a chi non effettua acquisti e si allontanava. Proprio la naturalezza dei gesti compiuti dalla donna non ha fatto insospettire nessuno, tanto da poter notare come i prelievi delle bottiglie di liquore avvenivano davanti anche ad altri clienti. Al termine dell’attività d’indagine la donna è stata denunciata per furto e ricettazione in quanto ha asportato e detenuto oggetti rubati del valore totale di circa 500 euro.

 

 

                                                          

Incendio all’Azienda Imperial Ortaggi di Vittoria

 incendio-capannone-vittoria-410Erano passate da poco le 22, 30 di domenica quando i vigili del fuoco sono stati avvertiti delle fiamme che divampavano. La squadra operativa del distaccamento di Vittoria ed automezzi e personale della sede centrale sono intervenuti lungo lo stradale Alcerito al Km.3.000 per l’incendio che ha interessato una struttura realizzata in profilati metallici e copertura con telo e laterali in lamiera, utilizzata per il ricovero di imballaggi per prodotti agricoli. L’incendio generalizzato rischiava di coinvolgere un’altra struttura vicina. L’intervento terminato dopo le 2 di notte ha evitato il propagarsi dell’incendio.

Incidente sulla Modica Ispica

IMG-20170331-WA0010 (2)Venerdì pomeriggio un furgone trasportante latticini si è ribaltato mentre percorreva la strada statale 115, all’altezza del km. 342,500. I Vigili del Fuoco con l’ausilio di un’autogru ha operato per liberare la carreggiata. Il conducente del mezzo è stato soccorso dal personale del 118 ed è stato trasportato all’ospedale di Modica. Sul posto è intervenuto anche il personale della Polstrada di Ragusa per la viabilità ed i rilievi di competenza.

Pozzallo: Blitz antidroga dei Carabinieri, arrestato un giovane per spaccio

marijuana (1)La scorsa notte, i Carabinieri delle Stazioni di Pozzallo e di Marina di Modica hanno eseguito uno specifico servizio antidroga concentrando l’attenzione nei pressi di alcune zone dove, erano stati notati e segnalati alcuni movimenti sospetti ed una numerosa presenza di giovani. I Carabinieri hanno effettuato una perquisizione all’interno di un’abitazione che da tempo tenevano sotto controllo poiché era stato notato un via vai di persone. I militari hanno trovato e sequestrato circa 70 grammi di marijuana, suddivisi in più parti e nascosti in diverse parti dell’abitazione. Arrestato R.B., classe ’93, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, al termine delle formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno presso il tribunale di Ragusa, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Dall’inizio di quest’anno, solo nel comune di Pozzallo, i Carabinieri hanno arrestato 15 persone per il reato di detenzione ai fini di spaccio e, tra questi, la maggior parte sono ragazzi di età compresa tra i 17 ed i 25 anni.

AUTO CON CINQUE PERSONE FINISCE FUORI STRADA SULLA RAGUSA-CATANIA

20170329_135952Alle 12,30 di mercoledì, sulla strada 514, al chilometro 31+900, in territorio di Licodia Eubea, un’auto Volkswagen Polo diretta verso Ragusa, condotta da un uomo di 76 anni residente in Germania, è uscita di strada. Oltre al conducente, che guarirà in 10 giorni, sono rimasti feriti due vittoriesi, un uomo di 74 anni e una donna di 68, con una prognosi di 30 giorni, una ragazza 19enne di Valenza (10 giorni di prognosi) e una donna acatese di 70 anni (20 giorni di prognosi). Sul posto la Polizia stradale per i rilievi del caso.

Guardia di Finanza: sequestrati beni per 1,3 milioni di euro ad una società di recupero plastica di Vittoria.  

 

IMG_8511 (1)Le Fiamme Gialle di Ragusa hanno sequestrato beni e disponibilità finanziarie per circa 1.300.000 euro ad un’azienda di Vittoria dedita alla raccolta ed alla trasformazione della plastica, che aveva perpetrato una maxi evasione fiscale. Le attività investigative svolte dai militari della Compagnia di Ragusa hanno avuto origine, circa un anno fa, da un controllo in materia di tutela ambientale, eseguito nei confronti della società vittoriese, che ha permesso di scoprire lo stoccaggio incontrollato di fanghi, rifiuti speciali e l’illecito smaltimento della plastica dismessa, proveniente dagli impianti serricoli. Le complesse indagini di polizia giudiziaria hanno consentito di sottoporre a sequestro preventivo una vasta area industriale di circa 40.000 mq., per violazioni delle norme ambientali. L’approfondimento investigativo ha consentito di quantificare l’evasione: 21 milioni di euro ai fini delle imposte dirette e circa 4 milioni di euro per IVA dovuta all’Erario. Il soggetto verificato, nel corso degli anni, ha sistematicamente avvicendato la figura del rappresentante legale attraverso mere teste di legno, restando egli stesso il dominus dell’impresa, ed ha occultato le scritture contabili per tutti gli anni d’imposta che hanno riguardato l’accertamento, ostacolando significativamente l’attività di ricostruzione dell’attivo da sottoporre a tassazione. Il certosino lavoro svolto dai finanzieri è stato eseguito procedendo alla meticolosa ricostruzione del volume d’affari, utilizzando i metodi classici dell’investigazione tributaria, quali le banche dati ed i controlli incrociati tra i diversi soggetti economici che nel tempo hanno intrattenuto con la verificata rapporti commerciali. La società ha utilizzato, tra l’altro, lo stratagemma di avvalersi di consulenti compiacenti, anche fuori provincia, presso i quali ha delocalizzato, fittiziamente, la sede legale.

SCOGLITTI, I CARABINIERI ARRESTANO UN PREGIUDICATO

 

Incorvaia Nunzio cl. 90Dopo un provvedimento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela, i carabinieri hanno arrestato il 26enne Nunzio Incorvaia. Il provvedimento a suo carico, finalizzato all’applicazione della misura limitativa della libertà personale, impone al giovane di scontare la pena residua di 3 anni, dal momento che è stato giudicato colpevole del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso nel giugno 2015 a Niscemi. Al termine delle formalità di rito espletate presso la Stazione di Scoglitti, l’uomo è stato associato al carcere di Ragusa, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per i provvedimenti di competenza.

 

La Polizia cattura ricercato rumeno specializzato in furti e rapine

 
DSC_0015-800x500_cLa Polizia di Vittoria ha catturato Botezatu Ioan, nato in Romania nel 1989, destinatario della misura cautelare della custodia in carcere per i reati di violenza sessuale, rapina e porto illegale di armi da fuoco. La Squadra Volanti ha notato alcune persone sospette che alla vista della Polizia si introducevano frettolosamente all’interno di un’abitazione in contrada Valsechella nei pressi dello stradale per Scoglitti a Vittoria. Il fiuto investigativo dei poliziotti non ha fallito, difatti non appena sottoposte a controllo le persone presenti, Botezatu risultava essere destinatario dell’ordine di cattura al quale era sfuggito nel 2015. I motivi della misura cautelare della custodia in carcere sono gravissimi, difatti l’uomo è accusato di aver rapinato una coppia di rumeni a Marina di Ragusa esplodendo alcuni colpi di fucile a scopo intimidatorio e di aver tentato di violentare la donna. All’interno dell’abitazione del rumeno sottoposta a perquisizione sono stati inoltre rinvenuti numerosi oggetti di valore di probabile provenienza furtiva, pertanto sono stati sottoposti a sequestro. Adesso gli uomini del Commissariato di Vittoria cercano i legittimi proprietari per la restituzione. Si prega di contattare telefonicamente il Commissariato di Vittoria al numero 0932/997411.

Pozzallo, arrestati due giovani per spaccio

756I Carabinieri durante uno specifico servizio antidroga, in particolare nei pressi dei luoghi maggiormente frequentati e punto di ritrovo di giovani, hanno concentrato l’attenzione nei pressi di un’abitazione in cui, ultimamente, erano stati notati via vai di giovani. I Carabinieri hanno perquisito due ragazzi che erano entrati nell’abitazione per poi riuscire dopo pochi minuti. Uno dei due è stato trovato in possesso di 13 dosi di marijuana per un totale di 13 grammi. I Carabinieri hanno quindi esteso la perquisizione nell’abitazione in uso ai due ragazzi ed hanno rinvenuto altri 90 grammi di marijuana conservati in un sacchetto di cellophane nascosto all’interno di un mobile, un bilancino di precisione ed alcuni materiali per il confezionamento dello stupefacente. I due ragazzi, S. C., classe ’97, già noto alle forze di polizia e R.S., classe ’95, incensurato, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

COMISO, ARRESTATO RAPINATORE

Bella Filippo cl. 85I Carabinieri hanno arrestato il 31enne Filippo Bella, specializzato in rapine. L’uomo deve scontare la pena residua di un anno di reclusione, dal momento che è stato giudicato colpevole del reato di rapina in concorso, commesso nel gennaio 2011 a Marina di Ragusa: al termine delle formalità di rito espletate presso la caserma di via Sciascia, è stato associato alla Casa Circondariale di Ragusa.

Catturato il rapinatore del bar della stazione di Vittoria che aveva sparato due colpi

DSC_0040La Polizia di Stato, Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria, ha tratto in arresto Luca Giuseppe Di Paola nato a Roma il 13.11.1994, per rapina aggravata dall’uso delle armi. Lo scorso 26 gennaio due persone a bordo di uno scooter si recavano presso il bar della stazione ferroviaria di Vittoria. Uno dei due aspettava sullo scooter mentre l’altro entrava sparando un colpo in aria. I bambini venivano portati dietro al bancone mentre il titolare consegnava 3000 euro che aveva in tasca. Il rapinatore puntava quindi la pistola alla testa della cassiera che apriva il cassetto per dare il contenuto. Il proprietario ingaggiava una lotta in difesa della moglie e il rapinatore sparava un altro colpo che solo per caso non colpiva nessuno dei bambini ed altri avventori presenti. Le indagini della Squadra Mobile e del Commissariato permettevano di ricostruire le fasi della rapina ed individuare il modello dello scooter utilizzato. Dopo giorni di indagini veniva effettuata una perquisizione presso l’attività del padre del rapinatore che veniva tratto in arresto per detenzione illegale d’arma da fuoco. Fondamentale per l’attribuzione della responsabilità a carico di Di Paola, anche l’esame delle immagini di video sorveglianza dell’azienda del padre che hanno permesso di ricostruire le fasi di occultamento dello scooter e della pistola. La Polizia Scientifica ha accertato che la pistola utilizzata durante la rapina è la stessa rinvenuta presso l’azienda del padre del rapinatore. Sono in corso indagini per individuare il complice.

Arrestate 4 persone sorprese a rubare in Contrada Graffetta

45Operazione “case sicure” è il servizio attuato da alcuni giorni dai Carabinieri della Compagnia di Modica che hanno intensificato i controlli su tutta la giurisdizione con particolare riguardo alle zone di Frigintini, Marina Marza e Marina di Modica che, essendo più isolate, più facilmente possono essere prese di mira da malintenzionati che puntano a perpetrare furti nelle case estive o di campagna approfittando dell’assenza dei proprietari. In questo contesto, i Carabinieri della Stazione di Ispica hanno arrestato in flagranza di reato quattro soggetti di nazionalità romena, sorpresi a rubare 450 litri di gasolio da alcuni mezzi parcheggiati all’interno del cantiere che sta realizzando i lavori del tratto autostradale Siracusa-Gela. Nel corso del servizio, infatti, i militari dell’Arma, che stavano perlustrando una zona isolata per il  controllo di alcune abitazioni estive, hanno notato un’autovettura sospetta con a bordo quattro persone che stavano uscendo dal cantiere autostradale di contrada Graffetta. La manovra ha attirato l’attenzione dei Carabinieri che hanno bloccato l’autovettura sospetta. A bordo vi erano quattro soggetti romeni, I.V.G, classe’91, già noto alle forze di polizia, C.A., classe ’67, I.V., classe ’56 e B.D., classe ’83, incensurati, che sono stati quindi perquisiti e, all’interno della loro autovettura, sono stati rinvenuti arnesi da scasso e 12 fusti contenenti circa 450 litri di gasolio, asportati poco prima da alcuni automezzi parcheggiati nel cantiere autostradale da cui stavano cercando di scappare dopo aver perpetrato il furto. Infatti, i quattro ladri, poco prima, avevano forzato l’ingresso del cantiere e con gli arnesi avevano manomesso i serbatoi di alcuni mezzi da lavoro e ne avevano sottratto il gasolio travasandolo nelle taniche per poi caricarle a bordo della loro auto.

Ragusa, servizio antidroga: arrestato studente incensurato e segnalati due assuntori

cane-antidroga-carabinieri-ragusaI carabinieri di Ragusa, unitamente alle unità cinofile antidroga di Nicolosi, hanno effettuato dei controlli a tappeto su tutto il capoluogo ibleo. Numerosi sono stati i controlli a soggetti già gravati da precedenti o comunque noti nel giro del consumo e dello spaccio di stupefacenti della zona, con l’intento di contrastare il fenomeno dilagante della vendita a basso prezzo di droghe a ragazzi giovanissimi. Arrestato un 21enne incensurato, ancora studente, trovato in possesso, presso la sua abitazione, di 50 grammi di marijuana e 16 di cocaina, alcuni già divisi in dosi, nonché 1800,00 euro in banconote di piccolo taglio, frutto della fiorente attività illecita. Altri due ragazzi sono stati segnalati al Prefetto per il possesso di modiche quantità di marijuana per uso personale. Indispensabile e proficuo l’intervento del cane antidroga Indic che con il suo fiuto ha consentito di trovare lo stupefacente detenuto dall’arrestato ben nascosto sopra un armadio nella camera da letto. L’arrestato O.H. si trova attualmente ai domiciliari a disposizione del Pm di turno dott. Francesco Riccio.

“TOPO D’AUTO” ARRESTATO DALLA POLIZIA

 

FIDONE Salvatore 19-1-90 VittoriaLa telefonata giunta al centralino del Commissariato di Polizia di Vittoria ha riferito con dovizia di particolari le caratteristiche fisiche e l’abbigliamento indossato da un giovane di circa 25/30 che era stato visto rovistare all’interno di un’autovettura parcheggiata in viale Europa a Vittoria. Le Volanti si sono immediatamente dirette sul posto da direzioni diverse ed hanno intercettato il giovane descritto che alla vista dell’auto con i colori della Polizia con un gesto fulmineo si è liberato di un marsupio, gettandolo a lato della strada su una zona di terreno incolto. Il gesto è stato visto dagli Agenti ed il giovane è stato bloccato dall’altra pattuglia. Non è stata una grossa sorpresa constatare che si trattava di Salvatore Fidone 27enne pregiudicato ed attualmente sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza. Una volta bloccato dagli Agenti, è stato lo stesso Fidone a condurre i poliziotti a recuperare il marsupio e dall’esame del suo contenuto è stata individuata la vittima. Quest’ultima, che abita in uno dei condomini della zona, è stata contattata ed invitata a sporgere denuncia. Nel marsupio non c’era denaro ma ha potuto recuperare tutti gli effetti personali che conteneva. Per Fidone è scattato l’arresto. Sorvegliato Speciale di P.S. dal luglio 2015 ha violato già per ben 14 volte le prescrizioni. Stavolta deve rispondere del reato di furto aggravato e di un’ulteriore violazione delle prescrizioni. Quando le condanne diverranno definitive avrà da scontare qualche anno di reclusione.

GUARDIA DI FINANZA: STRETTA SUI B&B ABUSIVI. A RAGUSA IRREGOLARI 39 SU 45 CONTROLLATI

FOTO-4ASi fanno più serrati i controlli delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa sulle attività di bed & breakfast e affittacamere per turisti, dopo le numerose denunce degli albergatori sull’aumento esponenziale di attività in nero in Sicilia. Sono state individuate complessivamente 690 strutture operanti nel comune di Ragusa. Tra queste, a seguito di una prima speditiva analisi dei dati, 497 sono risultate prive della prescritta comunicazione di inizio attività, da inoltrare al competente ufficio del Comune. Sono stati presi in esame coloro che sono risultati essere connotati da un più alto profilo di “rischio” e pertanto sono stati effettuati 45 controlli, tra Ragusa città, Ibla, Marina e Santa Croce Camerina, ad altrettante strutture ricettive, riscontrando in 39 casi l’effettiva assenza di autorizzazioni ed in alcuni, in particolare, la totale evasione d’imposta, talvolta addirittura risalente a tre/quattro anni addietro. Le violazioni amministrative finora contestate in favore degli Enti locali ammontano a circa €. 120.000,00. Un ulteriore aspetto riscontrato, da un punto di vista della sicurezza del territorio, è stato, in 11 casi, la mancata comunicazione alla Questura dei nominativi degli alloggiati. Per queste strutture è scattata la segnalazione alla Procura della Repubblica di Ragusa per violazione delle disposizioni del Testo Unico in Materia di Pubblica Sicurezza. In qualche circostanza, è stato altresì accertato che dietro l’attività esercitata, apparentemente sotto forma di bed and breakfast (per la quale sono previste agevolazioni sul piano fiscale), in realtà si nascondeva una vera e propria struttura aziendale, che avrebbe dovuto dichiarare redditi d’impresa e non occasionali. Il caso più eclatante è quello di un soggetto ragusano che ha dichiarato al fisco di percepire redditi per circa 10.000 euro l’anno, ma di fatto titolare e gestore di ben 39 stanze, tra Marina di Ragusa e Kaucana, compresa una suite con vasca idromassaggio, per un totale di 80 posti letto, nonché di un costosissimo yacht di 15 metri, con 3 cabine e potentissimi motori. Emersa una significativa evasione fiscale su circa 600.000,00 euro di imponibile sottratto a tassazione, oltre ad IVA e IRAP da versare all’Erario. Un altro soggetto ha gestito, in nero e senza le previste autorizzazioni, a favore di diversi proprietari, un complesso immobiliare di oltre 80 appartamenti ad uso turistico (pubblicizzati sul web), sito sul litorale ragusano, costituito anche da lussuose abitazioni con piscina. Per conto dei proprietari ha eseguito una vera e propria attività di reception, compresa la riscossione degli incassi, per un ammontare complessivo che oscilla tra i 600 e i 700 mila euro l’anno, trattenendo per sé una percentuale che variava dal 10% al 30%, ma dichiarando redditi solo per qualche decina di migliaia di euro l’anno.

Ragusa: un arresto per detenzione ai fini di spaccio ed una denuncia per detenzione abusiva di armi.

 

baionettaI carabinieri hanno perlustrato tutta la giurisdizione controllando numerose autovetture e persone e nei pressi di Villa Margherita a Ragusa hanno sorpreso un 29enne, già noto alle forze di polizia con due involucri di marijuana pronti per lo spaccio. Presso la sua abitazione sono stati inoltre rinvenuti ulteriori 25 grammi della medesima sostanza, tutti sottoposti a sequestro. Il giovane è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari. Nel corso del medesimo servizio, svolto congiuntamente al Nucleo Investigativo di Ragusa, i militari della Stazione di Marina di Ragusa hanno denunciato un 53enne ragusano per detenzione abusiva di una baionetta, che l’uomo non aveva mai registrato. L’arma, ormai piena di ruggine e probabilmente risalente ai primi decenni del secolo scorso, è stata sottoposta a sequestro.

La Polizia arresta per droga Danilo Piscopo

PISCOPO Danilo Comiso 16.10.1998.La Polizia di Vittoria ha tratto in arresto Danilo Piscopo nato a Comiso nel 1998,  residente a Vittoria, per detenzione di oltre 20 grammi di marijuana. Il giovane è stato trovato in possesso della droga presso la sua abitazione in uno dei casolari ubicati in contrada Diligenza (denominata Forte Apache) dove insiste un’illegale officina meccanica e di rottamazione. Dal controllo è emerso che in quelle case sono residenti numerosissimi pregiudicati ed in una di queste vi stava dormendo proprio Piscopo. Il ragazzo è stato arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari considerato che non aveva mai avuto alcun precedente penale e per la giovanissima età. Gli oltre 30 uomini che sono stati impiegati per la perquisizione ed il controllo dell’intera area, durante la perquisizione hanno scovato, grazie all’Unità Cinofile di Catania e Palermo, una pistola giocattolo modificata cal. 7.65 ed il relativo munizionamento; l’arma era pronta a fare fuoco in quanto il caricatore era rifornito e vi era il colpo in canna. L’arma è stata rivenuta sotto terra nei pressi di un albero di carrubo poco distante dalle abitazioni, ma non riconducibile a nessuno dei presenti, pertanto è stata sequestrata a carico di ignoti.

COMISO, FURTO DI ENERGIA ELETTRICA: SCATTANO 2 ARRESTI

Comiso (RG) Carabinieri arresti furto energia elettricaLe bollette della luce elettrica non avranno pesato più di tanto sul loro bilancio familiare, visto che quando i Carabinieri della Stazione di Comiso sono andati per effettuare mirati controlli, hanno trovato un allaccio abusivo che collegava le loro abitazioni con la rete elettrica pubblica, mediante un apposito cavo: è scattato così l’arresto per due persone, entrambi italiani, con precedenti penali, C.G., 52enne, e P.C., 19enne. Gli allacci abusivi alla rete elettrica sono, purtroppo, sempre più diffusi. I due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, dott. Riccio, dinanzi al quale dovranno rispondere del reato di furto aggravato di energia elettrica: l’entità del danno arrecato alla società elettrica da parte del 52enne è di circa 18.000 Kw, mentre di circa 17.000 Kw da parte del più giovane, per un ammanco complessivo di oltre 10.000 euro.

ARRESTATO PER BANCAROTTA FRAUDOLENTA IL RAPPRESENTANTE LEGALE DELLA SOCIETA’ CHE GESTIVA IL “MEDITERRANEO PALACE HOTEL” DI RAGUSA. SEQUESTRATI OLTRE 2.600.000 EURO

DSC_0925 (2)La guardia di finanza ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Gip presso il tribunale di Ragusa, nei confronti di un imprenditore indagato per il reato di bancarotta fraudolenta. Il provvedimento, scaturito da complesse indagini durate oltre un anno sotto la direzione del Procuratore della Repubblica di Ragusa, Dott. Carmelo Petralia, è stato eseguito a Bagnacavallo (Ravenna) nei confronti di G.S., classe ‘63’, rappresentante legale della società che ha avuto in gestione il “Mediterraneo Palace Hotel” di Ragusa. Le indagini, focalizzate su un arco temporale compreso fra il 2011 e il 2016, sono state condotte anche attraverso il minuzioso esame dei movimenti bancari del soggetto indagato e di una serie di società collegate operanti sul territorio della provincia di Ravenna, hanno fatto emergere una rilevante distrazione di utilità e beni societari, per un ammontare complessivo di oltre 2.300.000 euro. Il consistente depauperamento della cassa societaria, finalizzato principalmente a frodare i numerosi creditori della società, sottoposta alla procedura di concordato preventivo, è stato perpetrato attraverso una serie di articolati artifizi contabili e sistematiche fittizie cessioni di quote, da contestuali ed immotivate svalutazioni di partecipazioni societarie, da continui cambi di sede, da ripetute alternanze dei vertici delle imprese coinvolte, nonché dalla falsificazione dei libri e delle scritture contabili al fine di ritardare il più possibile gli effetti del fallimento, ormai inevitabile stante la grave situazione di decozione in cui versava la società. È stato acclarato, inoltre, che le somme distratte sono state utilizzate anche per l’acquisto di due terreni edificabili, ubicati in provincia di Ravenna e poi fittiziamente ceduti ad un’altra società coinvolta nell’illecito piano criminale, avente sede in Roma ma sempre amministrata dall’indagato G.S., in violazione alle norme sul riciclaggio. Il Tribunale di Ragusa ha inoltre emesso apposito decreto di sequestro preventivo dei citati terreni aventi un estensione complessiva di quasi 8000 mq quali provento del reato di bancarotta fraudolenta ed il cui valore stimato ammonta ad oltre 2.000.000 di euro. Le indagini hanno consentito, inoltre, di denunciare alla locale Procura della Repubblica, ulteriori cinque soggetti ritenuti responsabili in concorso con l’arrestato dei reati di bancarotta fraudolenta, riciclaggio e false comunicazioni sociali, alcuni dei quali già gravati da precedenti specifici e tratti in arresto nel mese di luglio 2016, dalla Guardia di Finanza di Ravenna, nell’ambito di un filone investigativo che aveva consentito di sequestrare un noto complesso alberghiero insistente nel ravennate.

Vittoria, rapina ad un corriere: due arresti

GRASSO Angelo 19-2-93 rgTOMMASI Giombattista, 3-10-94 VittoriaLa Polizia di Stato ha tratto in arresto Giombattista Tommasi nato a Vittoria nel 1994 e Angelo Grasso nato a Ragusa nel 1993, entrambi pregiudicati residenti a Vittoria. Erano le 12 di mercoledì quando è stata segnalata una rapina nei pressi delle case popolari di c.da Fanello. La segnalazione era di una certa gravità considerato che veniva descritta una violenta aggressione dei rapinatori ai danni di un corriere. In pochi istanti, considerata la vicinanza dal Commissariato, giungevano sul posto gli uomini della Squadra Mobile che bloccavano un rapinatore mentre l’altro si dava alla fuga. Interrotta la violenza e tratto in salvo il corriere che si stava difendendo, veniva rincorso anche l’altro rapinatore che si nascondeva all’interno del condominio di case popolari. Gli stessi abitanti della zona davano indicazioni ai poliziotti permettendo una rapida individuazione e portando conforto all’uomo che poco prima era stato aggredito. In pochi minuti i due rapinatori sono stati neutralizzati e condotti in Commissariato dove hanno ammesso le proprie responsabilità. Il corriere ha raccontato che durante la consegna  aveva lasciato il furgone aperto e quando ha fatto ritorno per continuare il proprio lavoro, si è accorto della presenza all’interno di due ragazzi. L’uomo li ha subito affrontati intimandogli di lasciare tutto e andare via perché avrebbe pure perso il lavoro. Nonostante le implorazioni, i due rapinatori si sono scagliati sul corriere. I due hanno usato violenza per fuggire e lo hanno minacciato di morte qualora non li avesse fatti andare via. Solo il tempestivo intervento della Polizia di Stato ha permesso al corriere di sottrarsi alla violenza e recuperare i plichi destinati a diversi cittadini di Vittoria dei quali i rapinatori si erano impossessati. I due sono ora in  carcere a Ragusa.                                                     

Scroll To Top
Descargar musica