15-12-2017
Ti trovi qui: Home » Cultura e Spettacolo (pagina 130)

Archivio della categoria: Cultura e Spettacolo

“Finalmente la felicità” al Lumiere

Da venerdì 16 dicembre a mercoledì 4 gennaio, al Cinema Lumiere di Ragusa, in via Archimede, “Finalmente la felicità” di e con Leonardo Pieraccioni. Orari 18.15, 20.15 e 22.15. Tutti i giorni esclusi il 19, il 24, il 28, 29 e 31 dicembre e il 2 gennaio.

Il Vino e il Mare, connubio culturale per il Museo di Ragusa

“Il vino e il mare” è l’evento che si terrà al museo archeologico ibleo di Ragusa, lunedì 19 alle 18. Un simposio inteso come momento di incontro intellettuale legato a Dioniso, la divinità dell’ebrezza, venerata nell’antica Grecia. I crateri rinvenuti a Kamarina, e custoditi presso il museo, erano vasi usati dai greci durante i simposi; al loro interno il vino era mescolato all’acqua dai simposiarchi e poi veniva distribuito ai commensali. Il mare è l’altro protagonista dell’evento perché era la via commerciale per eccellenza dell’antichità; le navi dei mercanti portavano il prezioso carico di anfore e con esso la cultura del simposio e il culto di Dioniso. “I popoli del territorio ibleo erano soprattutto coltivatori ed allevatori ha dichiarato Giovanna Susan, direttrice del museo – e raffiguravano il simposio nei vasi da mensa. Tutt’oggi il legame del territorio con la produzione vitivinicola è forte”. Infatti, durante la manifestazione, è prevista una degustazione di vini prodotti da alcune aziende locali. Sarà ricostruito un simposio in cui verranno esposti tre crateri. “Il percorso che stiamo affrontando con questo evento – ha spiegato l’archeologo Saverio Scerra della Soprintendenza ai Beni Culturali di Ragusa – è in continuità con quello che già avevamo proposto con la mostra degli Elmi. Durante quella mostra erano stati esposti alcuni vasi attici del museo di Ragusa che avevano come tema iconografico la guerra. Oggi si affronta il tema del simposio. I vasi del museo di Ragusa, soprattutto un cratere, rimandano a questo momento fondamentale della società greca”. Interverranno alla manifestazione il professore Filippo Giudice, docente di Archeologia e storia dell’arte greca dell’Università di Catania, lo stesso Scerra, Sebastiano Missineo, assessore regionale ai Beni Culturali, Gesualdo Campo, dirigente generale del Dipartimento regionale dei Beni Culturali, e la direttrice del museo Giovanna Susan.

Dario Argento chiude il Costaiblea Film Festival

Alla presenza di Dario Argento si è concluso il Costaiblea Film Festival 2011. Un’edizione ricca di importanti ospiti e di film molto apprezzati che ha collezionato il “tutto esaurito” dalla prima all’ultima giornata. “Una vera soddisfazione vedere ad ogni proiezione il Lumière stracolmo – dichiara Vito Zagarrio, direttore artistico del festival – segno che abbiamo centrato in pieno l’obiettivo. La missione dell’Associazione Costaiblea infatti è la diffusione della cultura cinematografica e la promozione del cinema girato nel nostro splendido territorio. La grande affluenza di pubblico ci spinge ad andare avanti, nonostante i gravi tagli ai contributi, e fare sempre meglio. Abbiamo già molte idee per la prossima edizione che spero possa essere apprezzata come questa: una delle più riuscite”.

La compositrice Giuseppina Torre in concerto a Ragusa per l’Uic

Torna l’arte e la classe di Giuseppina Torre. Un altro concerto che si annuncia un evento per la compositrice iblea che si esibirà, giovedì 15 dicembre, alle 18, nei locali della sezione provinciale dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti, in via Fucà, a Ragusa. A promuoverla Amedeo Fusco, con il sostegno del Comune di Ragusa, assessorato allo Spettacolo.

Rassegna Palchi DiVersi 2011. La magica cubosfera

Una favola che fa sognare grandi e piccini. “La Magica Cubosfera” è lo spettacolo che la compagnia G.o.D.o.T. di Ragusa porterà in scena con i suoi piccoli allievi mercoledì 14 alle 21 al teatro Lumière di Ragusa nell’ambito della rassegna teatrale Palchi DiVersi. Ingresso 5 euro. Info ai numeri 339. 3234452, 338.4920769 e 0932.682699. Lo spettacolo sarà in replica per alcune scuole.

In libreria l’ultimo libro di Pisana sull’Italia del berlusconismo

E’ già nelle librerie e nelle edicole il nuovo libro di Domenico Pisana dal titolo “Indignazione e doppia morale nell’Italia del berlusconismo”. Nella copertina è raffigurata l’Italia che piange e vi si trovano termini in dicativi di alcune problematiche che il testo affronta: crisi, contraddizioni, ipocrisie e turbamenti. Pisana analizza, in circa 200 pagine, l’ultimo triennio berlusconiano.

COSTAIBLEA FILMFESTIVAL A DARIO ARGENTO IL CARRUBO D’ORO

Il maestro del cinema horror a Ragusa, ospite della quindicesima edizione del Costaiblea Filmfestival. “E’ la prima volta che visito questa splendida città – dichiara Argento nel corso di un incontro con i giornalisti – sebbene io possa vantare origini siciliane”. Si racconta con generosità, parlando del suo cinema, del rapporto con gli attori, dell’importanza della camera da presa (appresa lavorando per Sergio Leone, in compagnia del giovane Bertolucci), del suo ultimo film, Dracula 3D, con il quale si è messo alla prova per la prima volta con la nuove tecnologie cinematografiche. “Il 3D per me è una rivoluzione – afferma il regista Dario Argento – paragonabile all’avvento del colore. Ma più che gli effetti tipici delle animazioni, in cui un oggetto sembra uscire dallo schermo, ciò che della nuova tecnologia mi ha conquistato – dice ancora Argento – è una capacità rivoluzionaria di rappresentazione della profondità. Per realizzare il primo provino in 3D ho studiato un anno intero, ma alla fine mi sento molto soddisfatto”. Una folla di fans e cinefili ha atteso Argento al cinema Lumière di Ragusa per la cerimonia di premiazione. Il Maestro si è concesso generosamente per autografi e foto prima di ricevere, dalle mani dell’attrice Chiara Caselli, che lui stesso ha diretto in “Non ho sonno”, il Carrubo d’oro alla carriera. Dario Argento è stato presente anche alla cerimonia di chiusura del Costaiblea Filmfestival dando vita ad un simbolico passaggio di consegne al giovane regista Ivan Cotroneo, al quale è andato il Premio Rosebud per la migliore opera prima: “La kryptonite nella borsa”.

Ragusa, museo archeologico da via Natalelli ad Ibla Parla Paola Pelagatti: “Sarebbe un grave errore”

“Sarebbe un grave errore trasferire il museo archeologico Ibleo di Ragusa ad Ibla, al Convento di Santa Maria del Gesù”. L’archeologa Paola Pelagatti difende la “sua” creatura, il museo archeologico regionale di via Natalelli, allestito tra il 1955 e il 1960 in seguito ai ritrovamenti storici riportati alla luce nella necropoli greca di Rito e nell’abitato di Scornavacche, dal professore Antonino Di Vita. Fu proprio la Pelagatti, alla fine degli anni Sessanta, a coadiuvare la sistemazione museografica, secondo l’assetto attuale, sulla base del progetto dell’architetto Vincenzo Cabianca. “Anzi, il museo di Ragusa, va valorizzato, e quindi deve restare nel capoluogo, perché è il museo provinciale – sostiene con forza la Pelagatti – mentre il museo che va creato nel Convento di Jesu, può assumere una veste specifica, per esempio legata al patrimonio barocco di cui Ibla né è scrigno per eccellenza”. La Pelagatti, interviene sul dibattito che da qualche tempo si è aperto e che è correlato al progetto di destinazione futura del complesso di Jesu a museo. Attualmente sono in corso dei lavori di sistemazione e messa in sicurezza del monumento di Ibla, che è uno dei 18 beni Unesco della provincia di Ragusa. La realizzazione di un Museo al convento di Jesu verrebbe eseguita con altre fonti di finanziamento, in particolare i Fesr. Nei prossimi mesi si attende l’elaborazione di un progetto preliminare per il trasferimento del Museo da via Natalelli ad Ibla. La direttrice del Museo di Ragusa, Giovanna Susan, sostiene, al contrario della Pelagatti, l’ipotesi del trasferimento del museo nel centro barocco. “La sede del Convento di Jesu sarebbe più idonea – spiega la Susan – e si tratta di attingere a fondi europei, per un importo di 6 milioni e 900 mila euro, che garantirebbero una sistemazione più adeguata, con spazi più ampi e idonei, consentendo di presentare i reperti secondo nuova concezione”.

Serata di solidarietà per i bambini del Madagascar Pietro Pignatelli in “Mille Soli” domenica sera a Villa Criscione

La serata di solidarietà che avrà luogo domenica 11 dicembre, a partire dalle 18.30, a Villa Criscione, è soprattutto finalizzata al sostegno alimentare dei bambini malnutriti, uno dei tanti progetti promossi dall’associazione “Progetto Madagascar Ragusa”. Fra questi bimbi, c’è anche Norenah, una neonata, figlia di una ragazza di soli 16 anni, che è morta durante il parto, quando la diede alla luce nel settembre 2010. Norenah, sin dalla nascita, ha dovuto combattere contro la morte per fame: la sua nonna, Elisabeth di 47 anni che si prende cura di lei, non ha mai potuto acquistare per la nipote il latte in polvere. Così la piccola si è ammalata di denutrizione, continuando a perdere peso, e ad avere tosse e febbre. “Elisabeth ha portato Norenah il 7 novembre scorso al dispensario di Amobovomavo, quando aveva 14 mesi e pesava solo 5 chili e 100 grammi – racconta padre Maurizio, della missione dei Padri Carmelitani in Madagascar, che riceve le donazioni della provincia di Ragusa – e la piccola è stata inserita subito nel sostegno alimentare, curata e nutrita”. Norenah è ancora una bimba denutrita, ma dalla fascia rossa, nella quale si trovava quando è stata curata per la prima volta dai medici, grazie ai fondi raccolti dal Progetto Madagascar Ragusa, è risalita alla fascia gialla. In un mese è aumentata di quasi 2 chili e mezzo. Adesso ha 15 mesi e ottime speranze di vivere. Per Norenah e per tutti gli altri neonati che come lei rischiano di morire di fame, perché orfani della madre e perché i loro familiari non hanno i soldi per comprare il costoso latte in polvere, domenica sera si raccoglieranno nuovi fondi. Alle 18.30 l’attore Pietro Pignatelli sarà il protagonista dello spettacolo “Mille Soli”, tutto il ricavato dei biglietti (costo 10 euro) sarà devoluto al progetto Madagascar. Il teatro di Pignatelli tende a riscoprire la semplicità e, lontano da artifici tecnici, punta sul potere evocativo della parola, sulla fantasia dei pupazzi animati, sul gioco delle ombre cinesi. Le favole raccontate sono tutte liberamente tratte dalla tradizione indiana o ad essa ispirate.

Ergasterion-Fucina di archeologia L’analisi della ceramica per scoprire usi e costi nel Medioevo in provincia

Riscoprire il Medioevo attraverso lo studio dei reperti ceramici. E’ stato il leit motiv del quarto appuntamento di “Ergasterion – Fucina di Archeologia”, il ciclo di incontri promosso dalla sezione di Ragusa dell’associazione “SiciliAntica”. L’appuntamento si è tenuto all’auditorium di San Rocco a Ibla. Salvina Fiorilla, funzionario archeologo della Soprintendenza del capoluogo ibleo, è stata chiara nel suo intervento. “In Sicilia, per decenni – ha detto – il Medioevo è stato considerato di scarso rilievo in ambiti non strettamente specialistici. Eppure, possiamo cominciare a ridisegnare le conoscenze di quest’epoca attraverso il rinvenimento nei vecchi scavi e nei materiali di magazzino. Anche le ceramiche ci parlano, basta solo capire che cosa ci dicono”. In provincia di Ragusa la ricerca è stata avviata nel 1991, con l’analisi su campioni di ceramiche medioevali di Camarina in “Faenza”. Nel 1994 sono arrivati contributi sui rinvenimenti d’epoca medioevale e post medioevali del castello di Comiso e del Parco Forza di Ispica. Altri rinvenimenti si segnalano al bastione della Torre di Pozzallo, nell’edificio contiguo alla chiesa del Carmine di Modica, nell’area di San Giorgio a Ragusa Ibla e nel complesso di Santa Maria delle Grazie a Vittoria.

Conferenza alla Facoltà di Lingue

Giovedì 15 dicembre alle ore 18.30, presso la chiesa di Santa Teresa (via Orfanotrofio, Ragusa Ibla) sarà presentato il nuovo libro di poesie del prof. Corrado Calabrò, dal titolo Dimmelo per Sms (Vallardi editore). Interverranno, con l’autore, il Preside della Facoltà Prof. Nunzio Zago, il prof. Angelo Piero Cappello e il prof. Giuseppe Traina, docenti e studiosi di Letteratura italiana. Inoltre venerdì 16 alle ore 9.30, presso la chiesa di Santa Teresa il prof. Calabrò terrà una conferenza dal titolo Rappresentazione e realtà. Corrado Calabrò, apprezzato poeta e scrittore, è attualmente Presidente della Agcom, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Consigliere di Stato, esperto di diritto del lavoro e diritto amministrativo, è stato nella sua carriera Capo di gabinetto presso vari ministeri e Presidente dell’Associazione magistrati del Consiglio di Stato.

 

Costaiblea Filmfestival

Nella giornata di apertura del Costaiblea Filmfestival si è aperto un dibattito sul futuro della cinematografia siciliana. Luca Vullo autore de “La voce del corpo”, proiettato in apertura della rassegna, ha sottolineato il ruolo del coordinamento dei festival siciliani per la realizzazione dell’obiettivo di creare un circuito di distribuzione alternativo per gli autori emergenti. Sala gremita, al cine-teatro Lumiere di Ragusa, location del Costaiblea, per l’anteprima ragusana de “I primi della lista” del giovane regista Roan Johnson, al quale è stato tributato un lungo applauso durante la premiazione per la migliore opera prima. Al film è andato uno dei due premi Rosebud-Agis Film arte e cultura. Molto atteso l’omaggio reso al film “Divorzio all’italiana” il capolavoro che Pietro Germi girò a Ragusa cinquanta anni fa.

 

Arte a Ibla

Inaugurata mercoledì pomeriggio “Arte a Ibla”, la mostra che si propone di valorizzare pittura e scultura del nostro territorio. Organizzata dall’associazione culturale “Aquila Sveva”, l’esposizione è in corso all’auditorium San Vincenzo Ferreri dove le opere potranno essere visionate sino al 12 dicembre dalle 10 alle 13 e dalle 16,45 alle 22. Espongono gli scultori Sergio Cimbali, Pietro Maltese e Sergio Romano; assieme ai pittori Nuccio Battaglia, Annalisa Cavallo, Ivo D’Orazio, Giuseppe Diara, Michele Digrandi, Angelo Diquattro, Franco Filetti, Emanuele Pace, Elena Paradiso, Donata Scucces, Sal Jacono.


RAGUSA AFFIDATA ALL’IMMACOLATA

La città di Ragusa è stata affidata, ancora una volta, alla Vergine Immacolata. E’ stata rinnovata, mercoledì pomeriggio, l’antica tradizione. E’ stato recitato nella chiesa di San Francesco all’Immacolata a Ibla l’atto di affidamento della città capoluogo alla Vergine Immacolata. Le autorità hanno apposto la loro firma sul registro. I registri delle firme delle autorità, vere opere d’arte, istituiti con la nascita della Diocesi di Ragusa e realizzati dai rinomati artisti Antonino Cannì, Rocco Cafiso e Maria Imposa. L’ultimo registro reca anche la firma del presidente emerito della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi. “E’ un momento bello – ha detto il vescovo Urso – perché ci si trova accanto alla Madre e quando ci si trova accanto alla Madre si è sempre felici. E’ come dire all’Immacolata: “Prenditi cura di questa città”. E siamo certi che la Vergine accompagnerà la città e tutti i suoi abitanti”. Nel pomeriggio di giovedì si è svolta la funzione religiosa e la processione con il simulacro dell’Immacolata per le strade del quartiere barocco. In mattinata, all’Oratorio Salesiano di Ragusa, grande festa in onore dell’Immacolata e per i 50 anni di presenza salesiana nella città. L’opera di don Bosco ebbe inizio 170 anni orsono con un’Ave Maria recitata da don Giovanni Bosco insieme al primo degli oratoriani, Bartolomeo Garelli. Dopo la Santa Messa, nel cortile dell’Oratorio Salesiano, si è celebrato anche il consueto rito del “cerchio mariano”, un’Ave Maria recitata da tutti i partecipanti stretti gli uni agli altri per le mani a formare un grande cerchio. Subito dopo i padri salesiani hanno distribuito a tutti l’ormai noto “panino”, una brioches dolce per ricordare, appunto, la nascita dell’oratorio. Durante i festeggiamenti c’è stato lo spazio anche per la solidarietà: sono stati raccolti fondi per l’oratorio e per i cittadini di Barcellona Pozzo di Gotto e Saponara, i due comuni del messinese colpiti di recente dall’alluvione. Una risposta dei giovani che frequentano l’oratorio di Ragusa e delle famiglie della città all’appello lanciato da don Salvino Raia, salesiano che ha operato a Ragusa e che adesso dirige l’oratorio di Barcellona, anche per mezzo delle nostre Pagine Video e del nostro Tg.

DIECI BUONO MOTIVI PER ANDARE A TEATRO

Ancora tante risate e momenti di spensieratezza per il prossimo sabato 10 dicembre al Teatro Don Bosco, nell’ambito della rassegna “10 buoni motivi per andare a teatro”. Andrà in scena alle 21 la compagnia del
di Ragusa con la commedia in due atti “Il penultimo scalino”, scritta da Samy Fayad e presentata al pubblico ragusano per la regia di Gianni Dimartino. Laura Corallo sarà Gilda Crivellari, Tonino Marù sarà Francesco Prandoni, Carmen Campailla, che cura anche i costumi, sarà la signora Pironte, Gianni Ancione sarà Pironte e Pippo Dipasquale sarà l’agente Marranzani. La scenografia è curata da Giorgio Battaglia. La rassegna teatrale è organizzata da Vania Orecchio, Simonetta Cuzzocrea, Gianni Dimartino e Sebastiano D’Angelo con sponsor privati

PREMIO PINA AVVEDUTO

Lunedì 12 alle 10 nell’aula magna dell’Istituto “Gaetano Curcio” di Ispica si terrà la cerimonia di consegna della prima edizione del Premio “Pina Avveduto”. Il premio, istituito, su iniziativa della senatrice Marisa Moltisanti, dall’Istituto di Istruzione Superiore “G. Curcio”, dall’Associazione internazionale dei Critici letterari di Parigi e dal Movimento Azzurro, in ricordo di Pina Avveduto (1933-2009) docente e preside del “Curcio” e del Liceo “Galilei” di Modica, è rivolto agli studenti delle quarte classi dell’istituto ispicese che si sono distinti per la solidità e l’ampiezza della preparazione e per le capacità progettuali.


Costa Iblea film festival Tributo a “Divorzio all’italiana”

Parte giovedì la . A Ragusa dall’8 all’11 dicembre. Prima delle interessanti iniziative previste è il tributo a “Divorzio all’italiana”, capolavoro di Pietro Germi nonché primo film girato nel comune ibleo. Un’occasione per assistere alla proiezione della pellicola che tanto coinvolse Ragusa nel lontano 1961 e che esportò l’immagine della città ed i volti di molti concittadini nei più importanti festival europei e persino agli Oscar. L’appuntamento è al cinema Lumière dalle 17.00, per l’apertura del festival e la visione del documentario “La voce del corpo” di Luca Vullo. Alle 18 è prevista invece la proiezione del film “I primi della lista” alla presenza del regista Roan Johnson a cui sarà conferito uno dei premi Rosebud come migliore opera prima, in collaborazione con Agis-Film Arte e Cultura. Il tributo a Divorzio all’italiana avrà inizio alle 19.30, con una breve tavola rotonda e la presentazione del volume curato dall’Associazione Costaiblea che raccoglie ricordi, immagini ed articoli dedicati al capolavoro di Germi. Sarà poi offerto a tutti un buffet prima della visione del film. La serata si concluderà con la proiezione del documentario “Pietro Germi – il bravo, il bello e il cattivo” girato da Claudio Bondì nei luoghi del film.


Cinema Gay

Domenica 11 alle 18,30 alla libreria Saltatempo di Ragusa è prevista la proiezione di una selezione di video dal Sicilia Queer Filmfestival 2011 e la presentazione dell’edizione 2012 dello stesso festival. Alle 17,30, prima della proiezione, è prevista anche un rinfresco.

Andy e Norman conquistano il teatro Don Bosco

Una brillante commedia, che ha fatto ridere e divertire sabato scorso il folto pubblico del teatro don Bosco di Ragusa. Per il secondo appuntamento della rassegna teatrale “10 buoni motivi per andare a teatro”, la Compagnia Teatrale Iblea ha portato in scena “Andy e Norman”. Il successo del drammaturgo americano Neil Simon è stato presentato al pubblico ibleo in una versione frizzante ed allegra, riadattata da Alessandro Sparacino al contesto odierno. Sul palco tre bravissimi attori che hanno saputo tenere il ritmo incalzante dello spettacolo appassionando nell’evolversi della commedia. Con le scene di Bernd Leuchtenberger e i costumi di Natalina Lotta, sul palco del teatro don Bosco si sono esibiti Alessandro Sparacino, che ha curato anche la regia, Germano Martorana e Carmen Attardi. Erano gli inseparabili amici e colleghi Andy Mancini e Norman Gambino, e l’attraente atleta sudamericana Isabel. Fare divertire il pubblico e regalare attimi di spensieratezza è il vero intento della rassegna teatrale organizzata da Vania Orecchio, Simonetta Cuzzocrea, Gianni Dimartino e Sebastiano D’Angelo con sponsor privati. Prossimo appuntamento sabato 10 alle 21 con la Compagnia del Piccolo Teatro Popolare che presenta “Il penultimo scalino”.

Pietro Pignatelli in “Millesoli” per il progetto Missione Madagascar

Torna anche quest’anno l’appuntamento con la solidarietà per il Madagascar. Domenica, a partire dalle 18.30, a Villa Criscione, il mercatino di Natale con artigianato del Madagascar ed a seguire lo spettacolo. L’associazione “Progetto missione Madagascar”, fondata nell’agosto 2003, ha di già realizzato diversi progetti: dall’ambulatorio medico, al reparto maternità, intitolato a Geppo Dimartino, alla realizzazione di numerosi pozzi, all’incremento di scuole, anche superiori, case per anziani, microcredito, adozioni a distanza. “Non per ultimo – spiegano i promotori dell’iniziativa – il progetto Fondo nutrizione, importantissimo, che dà la possibilità a tantissimi neonati in condizioni estreme, di essere nutriti, curati e seguiti da un’equipe medica. Tutto ciò è possibile sia per un elevato numero di volontari che si muovono da varie parti d’Italia, sia, anche e soprattutto, per i fondi che riusciamo a raccogliere grazie al vostro aiuto ed all’aiuto di tanti benefattori”. In scena andrà “Millesoli”, uno spettacolo di “affabulazione” calato nella magica atmosfera del mondo indiano. Qua, sulla riva di un fiume dipinta come sui teli degli antichi cantastorie, c’è un pescatore che ricorda le sue tante vite: di quando era albero, tigre o farfalla. Un racconto si dipana sotto forma di favole.

Scroll To Top
Descargar musica