17-08-2017
Ti trovi qui: Home » Enti pubblici (pagina 30)

Archivio della categoria: Enti pubblici

La rotatoria all’ingresso di Ragusa invasa da erbacce

“L’ingresso di Ragusa, per chi arriva dal mare, e che proprio per questo simbolicamente è stato chiamato Porta Mediterraneo, tutto si può definire, allo stato attuale, tranne che un biglietto da visita all’altezza della situazione”. E’ quanto afferma il presidente dell’associazione politico-culturale “Pensare Ibleo”, Enzo Pelligra, dopo avere verificato che nella grande rotatoria che insiste nella prima fase della zona industriale l’erba è quasi ad altezza d’uomo. “Ora si può trattare di una dimenticanza, di un ritardo nell’attivazione delle pratiche di scerbatura, di mancanza di fondi – aggiunge Pelligra – qualsiasi cosa si voglia. Ma non è possibile lasciare questo crocevia, snodo fondamentale per il traffico veicolare in entrata e in uscita dalla città, in tali condizioni. Chiedo all’ex Consorzio Asi, oggi Irsap, di intervenire”.

La rotatoria e le sterpaglie

 

RIFINANZIATA LA LEGGE 61

L’Ars ha assegnato 5 milioni di euro per la legge speciale 61/81, che finanzia gli interventi di ristrutturazione per i centri storici di Ragusa Ibla e Ragusa superiore. Il rifinanziamento è avvenuto grazie all’approvazione di un emendamento esitato favorevolmente dall’Assemblea regionale siciliana, nella notte fra lunedì e martedì, durante la discussione ed esame della Finanziaria regionale.

ragusa ibla bn

DEGRADO AREE VERDI DEL VILLAGGIO GULFI: Interrogazione del Pd

villaggio gulfiIl verde pubblico del Villaggio Gulfi sotto la lente di ingrandimento del Pd. Con un’interrogazione, i consiglieri comunali Dario Cutello e Antonella Occhipinti chiedono al sindaco di intervenire al più presto per recuperare le aree attrezzate. “Gli spazi verdi risultano molto frequentati dai residenti. E con l’arrivo della bella stagione si rendono necessari degli interventi. Allo stato attuale, le aree a verde – chiarisce Cutello – non possono essere fruite. Basta andare in piazzetta Mons. Rosso per rendersi conto dello stato di degrado in cui versano i siti di cui stiamo parlando con rovi ed erbacce che hanno invaso le specie ornamentali”. La consigliera Occhipinti chiede: “Che fine hanno fatto le pensiline acquistate in sostituzione di quelle esistenti da posizionarsi all’ingresso e all’uscita del villaggio?”.

 

RIFINANZIATA LA LEGGE SPECIALE 61

banca agricola ragusa iblaL’Ars ha assegnato 5 milioni di euro per la legge speciale 61/81, che finanzia gli interventi di ristrutturazione per i centri storici di Ragusa Ibla e Ragusa superiore. Il rifinanziamento è avvenuto grazie all’approvazione di un emendamento esitato favorevolmente dall’Assemblea regionale siciliana, nella notte fra lunedì e martedì, durante la discussione ed esame della Finanziaria regionale.

Ragusa, modifica per la tassa di soggiorno

tassa di soggiorno“Il voto unanime sulla modifica della tassa di soggiorno rappresenta un riconoscimento per l’attività svolta, in fase propositiva, dal Pd. E per questo motivo ringrazio l’intero Consiglio comunale”. E’ quanto dichiara il segretario cittadino del Pd di Ragusa, Calabrese. Non sarà più possibile spalmare le entrate di questa tassa sulle voci di bilancio previste, in uscita, dall’intervento legato alla voce turismo. Bensì le risorse economiche saranno convogliate in un apposito capitolo. Il sindaco e la Giunta, nel bilancio di previsione, dovranno inserire ogni anno quali saranno gli obiettivi che si intendono raggiungere con queste somme e la maniera in cui investirli. Il Consiglio comunale avrà l’opportunità di intervenire apportando emendamenti che, naturalmente, dovranno essere votati dall’aula. Da tassa generica a tassa di scopo.

Il bilancio del Comune di Vittoria, SEL SI ASTIENE DAL VOTO

sel logoLa segreteria del circolo di Sinistra ecologia e libertà di Vittoria e il gruppo consiliare commentano l’approvazione del bilancio consuntivo 2012 avvenuta durante la seduta del 23 aprile. I consiglieri comunali di Sel Mariella Garofalo, Enzo Cilia e Giuseppe Mustile hanno deciso di astenersi e il bilancio è stato approvato solo con i voti di 12 consiglieri della maggioranza. “Siamo stati l’unica forza di opposizione a rimanere in aula e, durante la discussione, a fare emergere tutte le criticità all’interno dello strumento finanziario. Il consuntivo infatti non ha rispecchiato l’impalcatura che era stata concordata un anno fa. Tagliate con un colpo di penna – sostiene Sel – le somme previste per gli asili nidi, per il piano per il lavoro; trasformato in contributo ad una sola associazione di categoria il fondo di garanzia per le imprese”.

RAGUSA, APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI BAGNI E DELLE VILLE COMUNALI

Comune-di-RagusaE’ pronto il bando per l’appalto dei servizi di guardania delle ville comunali del capoluogo ibleo. Per un importo di 90 mila euro il Comune di Ragusa affiderà il servizio che prevede l’apertura e la chiusura delle ville e la pulizia dei bagni. Vi potranno partecipare le cooperative sociali di tipo b che, per la realizzazione di questi lavori, dovranno impiegare come personale gli indigenti che ricevono il contributo di assistenza economica da parte del Comune, cioè i soggetti inseriti nella graduatoria degli aventi diritto al sussidio stesso.

La neo soprintendente Panvini in visita di cortesia a Modica

rosalba panviniVisita di cortesia a palazzo San Domenico della neo soprintendente di Ragusa, Rosalba Panvini. Ad accoglierla il Sindaco, Buscema, e l’assessore alla Cultura, Annamaria Sammito. Nel corso del cordiale incontro è stata fatta un’ampia panoramica delle problematiche connesse al recupero e all’uso degli immobili storici della città. Non ultimo è stato affrontato il problema del mancato finanziamento del completamento del Palazzo dei Mercedari e del progetto di gestione del museo di arte contemporanea per i quali si sta tentando un recupero. La riammissione al finanziamento, con fondi europei, di queste opere, pare che sia nelle intenzioni dell’assessore regionale ai Beni Culturali, Sgarlata. Intanto la Panvini ha annunciato il sì al progetto per la Oasi ecologica che dovrebbe sorgere nella zona artigianale di Modica.

La crisi del Consorzio Universitario

universita-logoLa precaria situazione finanziaria del Consorzio universitario di Ragusa, che coinvolge la facoltà di Lingue e letterature straniere, ha spinto i segretari generali di Cgil, Cisl, e Uil, a chiedere al Prefetto di Ragusa di convocare una riunione con i commissari straordinari della provincia regionale di Ragusa, del Comune di Ragusa e del presidente del Consorzio universitario. Le confederazioni sindacali temono che possa mettersi nuovamente in discussione, con gravi contraccolpi per i percorsi formativi e i livelli occupazionali, il mantenimento della facoltà nel nostro territorio.

ALL’AREA IBLEA 2,4 MILIONI PER CURA ANZIANI E INFANZIA

assistenza-anziani-324x230Primo riparto di risorse per il piano di azione coesione, lo strumento che contempla programmi per i servizi di cura per gli anziani e per l’infanzia. Confcooperative Ragusa, che in questa fase si sta occupando di interloquire con gli enti locali per la migliore destinazione dei fondi, chiarisce che le somme potranno anche favorire il mantenimento dei livelli di servizio già garantiti, in particolare per quei Comuni che, pur avendo molto investito per fornire alla cittadinanza un buon servizio per l’infanzia, potrebbero vedere tali risultati messi a rischio per la forte contrazione delle risorse finanziarie ordinarie, nazionali e locali, destinate alle politiche sociali. Queste le cifre per la provincia iblea. Al distretto socio-sanitario di Vittoria 862.884 euro, al distretto socio-sanitario di Ragusa 681.457 euro e al distretto socio-sanitario di Modica 926.771 euro.

Ragusa, tornano le bollette pazze

“Settore idrico in crisi non solo per la mancanza d’acqua ma anche per carenza di personale. E gli uffici continuano ad essere affollati”. E’ il senso della denuncia fatta da Alessandra Sgarlata, delegata del quartiere Centro del Pd di Ragusa. “Da qualche giorno, infatti – spiega Sgarlata – sono arrivate, a tutti gli utenti del servizio idrico di Ragusa, le bollette relative al consumo d’acqua per il periodo compreso tra dicembre 2011 e dicembre 2012. Al solito, gli errori presenti in bolletta risultano essere puntuali come un orologio svizzero. Gli utenti, alle prese con le “bollette pazze”, iniziano, a questo punto, il loro calvario perché, giustamente, si recano all’ufficio idrico per chiedere chiarimenti. Inutile dire che ci si trova di fronte a file interminabili, apertura dello sportello solo per alcune ore alla settimana, con esattezza il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12 e il giovedì dalle 15,30 alle 17. Tutto chiuso, invece, – denuncia il Pd di Ragusa – il martedì. E’ chiaro che la pazienza tende ad esaurirsi. Ecco perché, come Pd, intendiamo lanciare una richiesta. Facciamo appello al commissario straordinario del Comune di Ragusa affinché intervenga per incrementare il personale relativamente a questo periodo di maggiore afflusso dell’utenza oppure per aumentare le ore d’ufficio dedicate al pubblico. Inoltre, ci risulta che fornendo una foto del contatore di casa propria, rendendo possibile l’accertamento immediato dell’errore, è possibile la rettifica dell’importo della bolletta da parte dello stesso ufficio di competenza, evitando ricorsi lunghi e costosi dei cittadini. Sarebbe opportuno pubblicizzare al meglio tale procedura” – conclude Alessandra Sgarlata del Pd di Ragusa.

sgarlata

I parlamentari iblei presentano emendamento per salvare la legge 61

E’ stata accolta a Palermo la richiesta di rifinanziamento della legge 61/81 su Ibla che, in un primo momento, era stata azzerata. I cinque parlamentari regionali della provincia di Ragusa hanno presentato un emendamento (sostenuto anche da altri parlamentari) che mira a ripristinare le somme della legge su Ibla. “La posta in palio è alta – afferma il segretario cittadino del Pd Giuseppe Calabrese – ne va del futuro della nostra città e della tutela dei beni architettonici presenti nei nostri centri storici. Ma non è ancora finita. Potrebbe registrarsi qualche ulteriore “agguato”. Ecco perché, consapevoli del rischio che Ragusa corre, il Pd ha chiesto a tutti i gruppi del Consiglio comunale di essere presenti durante i lavori d’aula a Palermo in occasione del dibattito e dell’approvazione della Finanziaria regionale. Noi, lo diciamo sin da ora, ci saremo”. Sulla vicenda si registrano altre posizioni da parte di esponenti politici. Il candidato a sindaco Francesco Barone sottolinea che “ogni anno si ripete la saga delle storiche crociate del territorio ragusano con i suoi rappresentanti, impegnati a bussare alle porte della Regione. La prossima amministrazione deve mettere nell’agenda dei suoi lavori un confronto aperto con la Regione sulla questione della legge su Ibla”. Il coordinatore dell’Udc Ragusa, Sonia Migliore afferma che “il risultato dell’emendamento adesso dovrà essere difeso al massimo”. “Un ulteriore sforzo bisogna sia compiuto – dice la Migliore – per evitare che il raggiungimento di tale traguardo risulti vano. Se dovessimo fare a meno della legge 61, per Ragusa sarebbe una perdita pesantissima”.
Ibla panoramica

Fondi ex Insicem Confronto fra Cna e Camera di Commercio

Il presidente provinciale Cna Giuseppe MassariLe procedure riguardanti l’assegnazione dei fondi ex Insicem destinati alle imprese sono state al centro di un incontro tra il presidente provinciale Cna Ragusa, Giuseppe Massari, e il commissario della Camera di commercio Sebastiano Gurrieri. Sono infatti 255 le imprese che hanno presentato l’istanza. Massari e il commissario Gurrieri hanno anche parlato dell’attivazione della bretella di collegamento tra la Ss 514 e l’aeroporto di Comiso. Rispetto alla necessità di accelerare l’iter, Massari ha informato il commissario Camcom che la Cna ha chiesto un incontro urgente al commissario della Provincia, Giovanni Scarso, per prendere atto dello stato di avanzamento delle procedure, chiedendo altresì all’on. Gurrieri di essere presente alla riunione che si svolgerà nei prossimi giorni.

LEGGE SU IBLA A RISCHIO LA RIZZA IN CAMPO

ibla notteA rischio i fondi della Legge su Ibla per la difficoltà da parte della Regione Siciliana di trovare una copertura finanziaria. Il Dipartimento delle Autonomie Locali dell’Ente regionale ha intanto chiesto al Commissario Straordinario dott.ssa Margherita Rizza da cui lo stesso dirigente dipende, di approntare una relazione da cui si evinca la rilevanza che hanno avuto i fondi stanziati della Legge 61/81 ai fini degli investimenti e della produttività. “Ho invitato l’Ufficio Centri Storici del Comune – dichiara la dott.sa Rizza – di fornirmi tutti gli elementi per relazionare in maniera molto dettagliata al mio Dipartimento e per sostenere che i fondi della Legge su Ibla sono serviti per avviare un importante processo di recupero del centro storico con interventi che hanno consentito il riconoscimento Unesco per ben diciotto monumenti che fanno parte del Patrimonio dell’Umanità. Al mio Dipartimento – dichiara Margherita Rizza – ho presentato l’attività costante e continua di programmazione che è stata dunque sviluppata nel corso degli anni al Comune di Ragusa con l’avvio e la realizzazione di interventi di restauro, recupero e valorizzazione dei preziosi beni culturali del centro storico. Trasmetterò al Presidente della Regione ed all’Assessore al bilancio un’altra relazione a mezzo della quale spiegherò i motivi per cui è necessario continuare a mantenere i fondi della Legge su Ibla. Sosterrò che è necessario – dice Margherita Rizza – non interrompere il processo di rivitalizzazione del centro storico e che i fondi regionali della legge speciale sono serviti e serviranno per proseguire nell’opera di salvaguardare di un patrimonio culturale di inestimabile valore che appartiene non solo alla città di Ragusa ma all’intero territorio siciliano ed all’Italia. Sto dunque facendo la mia parte – scrive Margherita Rizza – per difendere la Legge su Ibla e dichiaro la mia disponibilità ad accogliere l’appello rivoltomi dal Pd ragusano che per bocca del consigliere Giuseppe Calabrese mi ha chiesto di formare una delegazione rappresentativa di tutti i partiti per un incontro a Palermo con il Presidente della Regione”.

Il Comune di Scicli rispetta il Patto di Stabilità

Franco-Susino-2Il Comune di Scicli ha rispettato il Patto di Stabilità per annualità 2012. La differenza positiva è di ben 581 mila euro. A darne notizia il sindaco di Scicli Franco Susino. Si legge in una nota emanata dell’amministrazione: “Circa voci incontrollate e allarmanti, diffuse in maniera precipitosa e superficiali in queste ore da parte di alcuni soggetti politici, l’amministrazione precisa che i dati di un presunto sforamento erano il frutto di una indicazione incompleta e parziale del risultato dell’accertamento per evasione tributaria, accertamento ancora in corso in quel momento. La situazione finanziaria dell’ente è sotto controllo – dichiara il sindaco di Scicli -, per cui la pubblica opinione può avere fiducia nell’operato della amministrazione”.

AEROPORTO DI COMISO OPERATIVO DAL 30 MAGGIO

pista aeroportoL’aeroporto di Comiso è stato inserito nell’elenco pubblicato nell’Aip Enav. Da esso possono desumersi tutte le informazioni tecniche ed operative dell’aeroscalo comisano che entreranno in vigore il 30 maggio prossimo, data dalla quale ha formalmente inizio l’operatività dell’infrastruttura. Nel contempo il Comune di Comiso ha pubblicato l’avviso a manifestare interesse per la locazione di immobili siti all’interno dell’Aeroporto degli Iblei Vincenzo Magliocco finalizzata ad attività culturali, commerciali e servizi. L’avviso è affisso all’Albo online del Comune ed è riportato sul sito www.comune.comiso.rg.it nella sezione bandi. “Gli interessati hanno tempo fino al 30 aprile prossimo per far pervenire all’Ufficio protocollo, in via C. Flaccavento, le proprie istanze – si legge nella nota del Comune – finalizzate a manifestare l’interesse”.

Azzerato il capitolo di bilancio della 61/81, delegazione Pd a Palermo

Ibla panoramicaUna delegazione del Pd di Ragusa, composta dal segretario cittadino Peppe Calabrese, dal responsabile dell’organizzazione Nanny Frasca e dal reggente dei Giovani Democratici Gabriele Licitra, ha incontrato il presidente della commissione Bilancio all’Ars, on. Nino Dina. All’incontro erano presenti i deputati regionali Pippo Digiacomo e Nello Dipasquale oltre al segretario regionale del Pd, Giuseppe Lupo. L’incontro si è reso necessario dopo avere appreso dell’azzeramento del capitolo di bilancio in cui è contenuta, tra le altre, la legge 61/81 meglio conosciuta come “Legge su Ibla”. “Abbiamo spiegato l’importanza di tale legge, oggi più del passato – affermano i componenti della delegazione del Pd – in ragione del fatto che Ragusa, da qualche mese, si è dotata del Piano particolareggiato del centro storico e che non avrebbe senso tale strumento urbanistico nato per riportare la gente a vivere in centro storico senza una legge che finanzi la ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente pubblico e privato”. Il Pd invita il commissario straordinario del Comune di Ragusa, Margherita Rizza, a comporre una delegazione rappresentativa di tutti i partiti affinché la stessa possa recarsi a Palermo per interloquire con il presidente Crocetta allo scopo di difendere gli stanziamenti per la legge 61.

ASILI NIDO COMUNALI DI RAGUSA APERTI SINO AL 30 GIUGNO

asilo nidoGli asili nido comunali saranno regolarmente aperti fino al 30 giugno. Ad assicurarlo è il dirigente del settore Servizi sociali, Alessandro Licitra. Il rischio di chiudere, magari un giorno a settimana, a turno, i sei asili nido comunali era una delle ipotesi prospettate in sede di confronto con i sindacati. Il problema è legato all’impossibilità, per via dello sforamento del patto di stabilità, di fare ricorso alle supplenti nei casi di assenza delle operatrici dei nido. Il Comune aveva chiesto la disponibilità al personale impegnato in attività integrative nelle scuole. La disponibilità che avrebbe comportato un minimo impegno, di tre o quattro unità, a turno. Attualmente sono una ventina gli impiegati comunali che espletano questo servizio nelle scuole elementari. Trattandosi della stessa categoria, si sperava in una risposta volontaria. Ma così non è stato. Il personale, parte del quale tra l’altro nei mesi estivi avrebbe prestato servizio proprio negli asili nido coi progetti speciali, si è rifiutato di venire incontro alle richieste del dirigente. Il Comune, quindi, ha emanato gli ordini di servizio, sospesi per qualche giorno nella speranza ci potesse essere una trattativa coi sindacati. Ma il muro contro muro, ha costretto il dirigente a confermare quelle disposizioni per potere garantire ai cittadini un servizio indispensabile come quello degli asili nido. In questo modo, il personale non potrà ovviamente rifiutarsi di prestare servizio, quando richiesto, negli asili.

Seminario su inclusione lavorativa per ex detenuti

impastareVenerdì 19 aprile si terrà un seminario sul tema: “L’inserimento lavorativo di persone in situazione di dipendenza patologica”. L’incontro si svolgerà nella sala conferenze del Centro direzionale “Sacerdote Rollo” della Zona Artigianale di Ragusa (presso l’assessorato comunale allo Sviluppo economico), dalle ore 9,30 alle 12,30. Il programma del seminario prevede, oltre la presentazione del progetto, a cura della cooperativa “Demetra”, la relazione del dottor Giuseppe Mustile (Sert di Ragusa) sul tema “Il valore terapeutico dell’inserimento Socio-lavorativo”. Ad Achille Tagliaferri, supervisore del rapporto di Ricerca del progetto, toccherà il compito della presentazione del Rapporto di Ricerca sull’inserimento lavorativo di persone con situazioni di dipendenza patologica.

Ragusa, Pd: “Torni la bandiera in piazza Matteotti”

La delegata per il centro storico del Pd di Ragusa, Alessandra Sgarlata, chiarisce di avere inoltrato, circa un mese, una richiesta verbale all’ing. Michele Scarpulla nella qualità di dirigente dell’ufficio Centri storici. Una richiesta che riguardava la necessità di reinstallare il pennone portabandiera con il Tricolore e la scritta “Postelegrafonici caduti per la Patria” in piazza Matteotti, meglio conosciuta come piazza Poste. “Qui – sostiene Sgarlata – è presente il monumento in onore ai caduti. Chiediamo che il monumento in questione non sia messo in secondo piano rispetto agli altri monumenti simili presenti in città. Ecco perché ho presentato, adesso, una richiesta formale, protocollata al Comune, con l’auspicio che entro il 25 aprile, Festa della Liberazione, tutto possa tornare alla normalità. Vogliamo ricordare al meglio i caduti e chiediamo che i relativi monumenti possano essere funzionali per consentire a tutti di partecipare alle varie iniziative che si terranno in occasione delle celebrazioni per il 25 aprile”.
PARCHEGGIO PIAZZA POSTE_Pagina_1_1

Scroll To Top
Descargar musica