24-06-2017
Ti trovi qui: Home » Lamentela (pagina 3)

Archivio della categoria: Lamentela

Marina di Ragusa, sportello turistico chiuso, l’ira di Angelo Laporta

Ufficio turistico Marina di Ragusa l'ingressoL’amministrazione Piccitto attraverso l’assessore al turismo Stefano Martorana aveva già detto che si trattava di una scelta- chiudere l’infotourist di Marina nella stagione invernale- per recuperare qualche denaro in più per gli sportelli del capoluogo. Ma Angelo Laporta non accetta la chiusura. “Volete sapere che cosa è accaduto in questi giorni? – spiega Laporta – quello che puntualmente avevamo previsto. E cioè che numerosi turisti si sono presentati dinanzi alle porte dell’infotourist trovandole inesorabilmente sbarrate. Tra l’altro, così come indicato nelle tabelle esterne alla delegazione di via Brin, è scritto chiaramente che all’interno si trova la possibilità di ottenere informazioni specifiche per i visitatori. Gli stessi, quindi, entrano speranzosi di trovare una risposta alle loro necessità. E se ne tornano indietro dopo avere riscontrato che il servizio non è attivo. Quindi è tutto sbagliato, così come ho denunciato pure in Consiglio comunale, quanto deciso dall’Amministrazione comunale, dal sindaco Piccitto e dall’assessore al ramo Stefano Martorana in tema di pianificazione turistica a Marina di Ragusa. Ora che avremmo davvero l’opportunità di destagionalizzare il turismo, grazie al porto e all’aeroporto e grazie al richiamo che il nostro territorio continua ad esercitare, che facciamo? Chiudiamo l’infotourist? E’ davvero assurdo. Ritengo che anche il presidente del Consiglio comunale, Giovanni Iacono, in quanto alleato politico dei grillini, e l’assessore Salvatore Martorana, militante nello stesso schieramento di Iacono, e ancor di più perché residente a Marina, debbano farsi carico di questa situazione che non può essere sostenibile. Così facciamo scappare i turisti da Marina”.

COMISO, CEDIMENTO DEL MANTO STRADALE NEI PRESSI DELLA ROTONDA DI VIA DEGLI EUCALIPTI

 downloadUn avvallamento all’ingresso di Comiso, provenendo dalla rotonda dell’Ospedale per immettersi in Via degli Eucalipti. Il capogruppo del Pdl in Consiglio Comunale, Dante Di Trapani, a seguito delle numerosissime segnalazioni dei cittadini e dei giovani motociclisti che, da mesi, lamentano una situazione di grave pericolo tamponata, fino ad oggi, solo con l’apposizione sporadica di una transenna – paradossalmente, forse, più pericolosa dello stesso cedimento del manto stradale – scrive: “Coloro i quali vogliono immettersi in Via degli Eucalipti, provenendo dalla rotonda che conclude la Comiso-Chiaramonte o dalla Via Giovanni Falcone, devono fare i conti con un preoccupante cedimento del manto stradale. Possibile che nessun amministratore avverta lo stesso pericolo che avvertono i comisani?” Il consigliere chiede un intervento immediato per evitare infortuni dalle conseguenze spiacevolissime.

RAGUSA, CIMITERO CENTRALE, PROBLEMI DI DECORO

Soffitto cimitero Ragusa centro“Una intera ala del cimitero di Ragusa centro, che ospita alcune file di colombari, si trova in condizioni a dir poco fatiscenti. E’ un problema strutturale che è stato segnalato da tempo e rispetto al quale non si è fatto ancora niente. Nessuna soluzione è stata individuata”. E’ il senso della segnalazione che arriva dal presidente di Ragusa In Movimento, Mario Chiavola, il quale spiega che sono sempre più numerosi i cittadini che, dovendo onorare i propri cari proprio in questa zona del sito di contrada Scassale, si trovano alle prese con tutta una serie di difficoltà. “Basterebbe intonacare il soffitto – afferma Chiavola – non solo per garantire un minimo di decoro ma anche per evitare quei disagi che, purtroppo, ogni qualvolta qualcuno si reca in quella zona, si ripetono. Sarebbe stato auspicabile, ora che ci avviciniamo al periodo della commemorazione dei defunti, che l’Amministrazione comunale fosse intervenuta per tempo allo scopo di eliminare questa antipatica anomalia. Tra l’altro non è per niente un bel vedere e speriamo che, durante le giornate dell’1 e del 2 novembre, il Comune si adoperi per fare in modo che i viali dei tre cimiteri cittadini (Centro, Ibla e Marina) risultino in condizioni accettabili allo scopo di favorire senza problemi il tradizionale consistente afflusso di visitatori che si registrerà per l’occasione”.

La chiesetta dimenticata a Cava Ispica

13a - L'ingresso dell'ex chiesa di S. SebastianoIl circolo Sikelion Legambiente di Ispica apprende con sgomento che negli scorsi giorni un privato cittadino ha protocollato in municipio una nota in cui segnala la situazione di degrado in cui verserebbe la chiesetta rupestre di San Sebastiano. Dell’antico edificio, parzialmente demolito nel XIX secolo e trasformato in fornace, si conserva la parte scavata in uno dei costoni calcarei della Cava Ispica meridionale; esso si affaccia sui tornanti della strada provinciale n. 47 in contrada “Barriera”. Secondo quanto si legge nel documento, nell’ambiente principale sarebbero attualmente abbandonati alcuni pannelli in legno, mentre il piano sotterraneo si troverebbe ingombro di foraggio. Ignoti, inoltre, vi avrebbero installato un rozzo cancelletto in legno, e già in passato vi avrebbero ricoverato del bestiame. «Noi di Legambiente denunciamo da tempo come l’intero complesso archeologico e turistico della Cava sia gestito poco e male», ha commentato a caldo la presidente, dott.ssa Natalia Carpanzano. «Speriamo che, dopo questo ennesimo episodio, le Istituzioni a tutti i livelli si decidano ad intervenire: in prima persona, oppure accogliendo l’appello che più volte abbiamo lanciato, di indire una gara pubblica per l’affidamento del sito ad esponenti della società civile, i quali abbiano i fondi, la capacità e la passione necessari ad una sua adeguata valorizzazione».

LA PIAZZETTA DI VIA NICHOLAS GREEN, A MARINA DI RAGUSA, ABBANDONATA

Nicholas Green ottobre 2015 12“Nonostante ci avessi provato, facendo esitare in aula un emendamento, lo scorso anno, dell’ammontare di 17mila euro perché venisse assicurata la ripulitura e la successiva manutenzione del sito, la situazione continua a peggiorare con il trascorrere dei mesi”. Il consigliere comunale Angelo Laporta torna a battere sul tasto della piazzetta di via Nicholas Green a Marina di Ragusa dopo che i residenti hanno denunciato il peggioramento del quadro complessivo. “Si disponga un’azione per il recupero della zona, del resto i fondi già ci sono, oppure stabiliscano di transennarla per evitare che questa situazione possa determinare situazioni pericolose per i residenti e soprattutto per qualche bambino che ci va comunque a giocare. Oltre alla pavimentazione, in parte divelta, manca la pubblica illuminazione. Ciò che resta dei giochini per i bambini è letteralmente distrutto e la sporcizia è ormai presente da tutte le parti, è diventata una sorta di discarica a cielo aperto. C’è di tutto. Anche materassi”.

RAGUSA, L’ASSURDA VICENDA DEL CANTIERE DI VIA DEL MELOGRANO

Via del Melograno dopo il cantiere 1“Nei giorni scorsi avevamo segnalato la presenza di un cantiere eterno in via del Melograno. Dopo neppure un paio d’ore dalla nostra denuncia pubblica, le transenne e quanto altro serviva a delimitare il sito oggetto di lavori erano scomparsi. Peccato, però, che non abbiano risolto la situazione”. La lamentela che arriva dal presidente dell’associazione “Ragusa In Movimento”, Mario Chiavola, il quale sottolinea che non c’è traccia di asfalto e che, quindi, sulla strada è rimasta una mega buca che rischia di tramutarsi in una trappola per gli automobilisti ma soprattutto per i motociclisti. “E’ appena il caso di rilevare che i lavori non sono stati completati a regola d’arte, così come è facilmente rilevabile. Invitiamo l’Amministrazione comunale, che in questi giorni è impegnata a risistemare alcuni tratti di strade della nostra città, a riservare un paio di badilate d’asfalto, perché tanto ci vorrà, anche su via del Melograno”- scrive Chiavola.

Piazzetta di via Amalfi a Marina di Ragusa: la pulisce un pensionato

Il pensionato e la piazzetta di via Amalfi“Nei giorni scorsi, un pensionato di Marina di Ragusa, dopo essersi reso conto che avrebbe potuto attendere sino alle calende greche prima che qualcuno si accorgesse dello stato brado in cui era ridotto uno dei siti un tempo di maggiore decoro della frazione, si è armato degli strumenti adeguati e ha cominciato a ripulire la zona pubblica che sorge proprio alle spalle della delegazione municipale”. E’ la denuncia che arriva dal consigliere comunale Angelo Laporta con riferimento a quanto accaduto nella piazzetta di via Amalfi, la parallela di via Brin, proprio all’altezza dell’edificio che ospita gli uffici del Comune di Ragusa. Per dirla tutta dopo un paio di giorni, al cittadino in questione, è stato chiesto, dagli uffici della delegazione, di desistere perché è ovvio che l’ente municipale non si sarebbe potuto assumere alcuna responsabilità in caso di infortunio.

CADONO DUE PALI DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE IN VIA AMMIRAGLIO RIZZO A MARINA DI RAGUSA

Via Ammiraglio Rizzo pali caduti (1)“Il maltempo di queste ultime ore non ha risparmiato neppure Marina di Ragusa. E, purtroppo, quanto avevamo preventivato per via Ammiraglio Rizzo si è puntualmente verificato”. A denunciarlo è il consigliere comunale Angelo Laporta dopo che sull’arteria stradale in questione, già al centro dell’attenzione dello stesso consigliere per le problematiche riguardanti la pubblica illuminazione, due pali sono caduti giù andando a colpire alcune auto in sosta. “Avevamo chiesto all’Amministrazione comunale – dice Laporta – di inserire nell’annualità 2015 del Piano triennale delle opere pubbliche il progetto per la riqualificazione dell’arteria stradale in questione che prevede, tra l’altro, la messa in sicurezza e la sostituzione dei pali pericolanti della pubblica illuminazione. Per tutta risposta la Giunta Piccitto ha spostato questo provvedimento, nonostante i caratteri dell’urgenza, nell’annualità 2016. Ma dobbiamo aspettare che accada davvero qualcosa di molto grave prima di un intervento serio e sistematico? Speriamo di no”.

 

CANI RANDAGI NELLA PERIFERIA DI RAGUSA

cani-randagi-La presenza di randagi viene segnalata dal consigliere comunale Gianluca Morando dopo che numerosi appassionati di jogging hanno fatto i conti con situazioni abbastanza complicate. “Infatti, alcuni tra questi sono stati inseguiti da alcuni branchi di cani. Per fortuna, non è accaduto nulla di grave. Ma ritengo che non dobbiamo aspettare che succeda prima di muoverci. Le situazioni più delicate si sono riscontrate in via Padre Tumino, alle spalle del 318, la strada che si innesta poi sulla provinciale per Chiaramonte, e in via Australia oltre che nelle arterie limitrofe dello stesso quartiere. Mi rivolgo agli organismi competenti affinché si valuti se e come intervenire”.

RAGUSA, UN CANTIERE IN VIA DEL MELOGRANO FERMO DA MESI

Via del Melograno cantiere 1“Vorremmo capire come sia possibile, in una città che si definisca tale, che lavori di sistemazione delle reti tecnologiche, che hanno previsto interventi drastici sul manto stradale sino a creare delle buche, rimangano incompleti per mesi e mesi creando non pochi disagi ai cittadini che abitano in quelle zone”. A denunciarlo è il presidente dell’associazione “Ragusa in Movimento”, Mario Chiavola, che ha ricevuto la segnalazione di numerosi residenti della zona i quali si dicono stanchi di dovere fare i conti tutti i giorni con un cantiere perenne. Chiavola chiede all’assessore alle Manutenzioni del Comune di Ragusa di verificare e di predisporre tutti gli adempimenti necessari per il completamento dei lavori. Che, almeno, il Comune si premuri di chiarire ai residenti della zona quali sono le difficoltà, se ce ne sono, oppure di procedere a risistemare le buche esistenti una volta per tutte”.

DISAGI IDRICI NEL CENTRO STORICO DI RAGUSA SUPERIORE

Rubinetto_TpOggi“Nel giugno scorso avevo sollevato una serie di interrogativi sui disagi idrici che imperversano nel centro storico di Ragusa superiore. Da allora, poco o nulla è cambiato se si eccettua il mese di agosto quando l’assenza di numerose famiglie per le vacanze garantisce un minimo di normalità a quelle che restano”. E’ la denuncia che arriva dalla consigliera comunale indipendente Elisa Marino che continua a raccogliere segnalazioni in serie da parte dei residenti i quali continuano a lamentare una evidente penuria nell’erogazione dell’acqua. “Il caso più pesante – aggiunge Marino – è quello che si verifica nel quadrilatero compreso tra i due grandi serbatoi  di via del Serbatoio e di via Madonna delle Grazie. Purtroppo, i residenti sono esasperati. Hanno chiamato non so più quante volte gli addetti dell’ufficio comunale competente ottenendo delle risposte non esaustive. Nessuno, comunque, è stato in grado di fornire una indicazione definitiva. Siccome si tratta di una evidente difficoltà che continua a ripetersi, chiediamo all’Amministrazione comunale di dare gli input necessari affinché si possa comprendere che cosa non va”.

SCHIAMAZZI NOTTURNI A RAGUSA NELLE VIE DUBLINO, ALMIRANTE, FALCONE E IRLANDA

condominio_rumori-molesti“La città deve essere vissuta con la giusta misura e la dovuta attenzione da parte di tutti, giovani e meno giovani. Quando si eccede, si rischia di sconfinare nella voglia di riposo degli altri. E questo, naturalmente, non va”. E’ quanto sottolinea il consigliere comunale di Movimento Civico Ibleo, Gianluca Morando, dopo avere preso atto delle numerose segnalazioni ricevute dai residenti delle vie Irlanda, Falcone, Dublino, Almirante, a Ragusa, a causa di schiamazzi notturni che sono diventati insopportabili. “Ciò – continua Morando – sarebbe dovuto, almeno a sentire quanto mi riferiscono i residenti, dalla presenza di tre-quattro comitive di giovani che, oltre a scorrazzare con i propri motocicli, parlano ad alta voce e tengono elevato il volume della musica. Ne è venuta fuori una situazione insostenibile che sta creando non pochi disagi ai cittadini. Rivolgiamo, dunque, un appello a questi ragazzi affinché la loro voglia di svago non interferisca con la necessità di riposare giustamente rivendicata da quanti dimorano in zona. Sollecito la polizia municipale ad intervenire per verificare come stanno le cose. Potrebbe bastare porre sotto attenzione il problema attraverso qualche passaggio in più in zona”.

RAGUSA, COPIOSA PERDITA D’ACQUA IN VIA TONIOLO

Perdita d'acqua in via TonioloUna copiosa perdita d’acqua si registra in via Giuseppe Toniolo, alle spalle di via Aldo Moro, nei pressi di via Feliciano Rossitto. A denunciarlo è il presidente dell’associazione Ragusa in Movimento, Mario Chiavola, che ha raccolto la segnalazione di alcuni cittadini. “Addirittura – afferma Chiavola – siamo in possesso di un video in cui si evince chiaramente che l’acqua gorgoglia visto che il guasto e la rottura della tubatura idrica sembrerebbe essere molto importante. Ecco perché chiediamo all’assessore alle Manutenzioni di intervenire il prima possibile per cercare di risolvere una questione urgente così come era accaduto, qualche settimana fa, ma in quel caso con riferimento alla fognatura, in piazza Carmine. L’importante, però, è che si intervenga il prima possibile. Sono certo che, al pari del caso di piazza Carmine, anche stavolta l’intervento da parte del Comune sarà tempestivo”.

RAGUSA, MINIDISCARICA IN VIA AUSTRALIA

Minidiscarica via Australia altra foto“Rimango colpito dall’inciviltà di chi predilige sporcare la propria strada, il proprio quartiere, piuttosto che chiedere l’espletamento di un servizio che già esiste e che dovrebbe soltanto essere richiesto con le dovute modalità”. Lo dice il consigliere comunale di Movimento Civico Ibleo, Gianluca Morando, dopo aver fotografato l’accumulo di materiale inerte e ingombrante accanto al gruppo di cassonetti collocato in un tratto di via Australia, alla periferia di Ragusa. “Dobbiamo allora pensare – si chiede Morando – che non c’è speranza di vivere in una città migliore, in un mondo in cui il decoro sia tra le priorità da concretizzare? Chiedo all’Amministrazione comunale di promuovere ulteriormente e in maniera adeguata, tra la cittadinanza, il servizio di ritiro del materiale ingombrante fornito dalla ditta Busso. Sono in molti quelli che continuano ad ignorare la disponibilità di tale opportunità. Basta una chiamata, concordare giornata e ora, e la presenza dell’ingombrante sarà rimasto soltanto uno spiacevole ricordo”.

Ragusa, lamentela per l’illuminazione pubblica

palo-luce-590x260“Lo stato in cui versano alcuni impianti di pubblica illuminazione cittadini impone una verifica immediata circa gli interventi che l’Amministrazione comunale è chiamata ad effettuare”. Parola del consigliere comunale del Movimento civico ibleo, Gianluca Morando, il quale ritiene indispensabile che, al di là dei provvedimenti legati all’efficientamento energetico disposti in alcune strade della città di Ragusa, come in via Risorgimento, il controllo debba essere quanto più capillare possibile in centro storico così come nelle strade della fascia immediatamente successiva per non parlare di alcune aree della periferia dove la presenza di lampioni spenti è ormai diventata una triste abitudine. “Purtroppo – continua Morando – abbiamo constatato che alcuni lampioni della pubblica illuminazione che dovrebbero essere operativi stanno accusando una serie di problemi, forse per la mancanza di manutenzione. E così succede che si spengono e che lunghi tratti di via Archimede restino al buio per non parlare di via Gian Battista Odierna, stesso problema, oppure di altre arterie stradali come corso Vittorio Veneto in alto. Situazioni limite anche in zona Bruscè, soprattutto in via Antonio De Curtis e nelle strade limitrofe, dove alcuni pali in stato precario erano stati giustamente rimossi ma nessuno ha mai pensato ad effettuare una sostituzione. Occorre dire che le segnalazioni fatte direttamente dai cittadiniì all’Amministrazione comunale, utilizzando anche le nuove tecnologie, non hanno sortito gli effetti sperati. Per cui chiediamo che possa essere avviata una verifica capillare così da comprendere quali gli interventi da attuare per ridare luce a tutte queste zone della città”.

INCURIA E DEGRADO NELLA PIAZZETTA SIMONE DIFRANCO A RAGUSA

Piazzetta Difranco immondizia abbandonata“La piazzetta Simone Difranco, inaugurata nei mesi scorsi in modo da rendere onore alla prematura dipartita di un giovane la cui famiglia ha deciso di donare gli organi, ha bisogno di essere recuperata nella maniera più appropriata”. Lo dice la consigliera comunale indipendente Elisa Marino che rivolge un appello all’Amministrazione comunale per fare in modo che il sito posso essere posto sotto la debita attenzione di chi di competenza per evitare che l’incuria e il degrado avanzino. “Lasciando stare – continua Marino – le scritte che deturpano tutti gli elementi del decoro urbano e che dovrebbero essere cancellate con un apposito intervento di detergenza, non posso fare a meno di sottolineare come lo stato dei giochini installati nella zona retrostante risulti essere assolutamente precario. Sarebbe opportuno intervenire in questi giorni considerato che nei pressi insiste una scuola. Poi, sarebbe necessaria una ripulita complessiva del posto visto che, i soliti incivili, pur in presenza di un cestino portarifiuti, sporcano in maniera sistematica, abbandonando a terra come se nulla fosse. Chiedo all’Amministrazione comunale di provvedere nella maniera più adeguata per ripristinare i giochini malandati e per favorire una pulizia straordinaria della piazzetta”.

RAGUSA, FAMIGLIE SENZ’ACQUA IN UN IMMOBILE DI VIA MONGIBELLO

acqua_rubinettoI consiglieri comunali del Pd di Ragusa, Mario Chiavola e Mario D’Asta, denunciano la grave situazione con cui stanno facendo i conti le famiglie residenti in via Mongibello al civico 76. “Per l’esattezza – dicono i due consiglieri – sono oltre 20 le famiglie (compreso un diversamente abile) rimaste senza acqua a causa di una infiltrazione della fognatura nelle cisterne. Un problema, molto antipatico, rispetto al quale si sta cercando di intervenire per trovare una rapida soluzione. I lavori sono già in corso. Il fatto è che questo disagio è emerso da domenica scorsa e ha creato, ovviamente, l’impossibilità di utilizzare l’acqua delle cisterne in questione. Le famiglie residenti hanno chiesto per questo motivo al Comune di potere disporre di una autobotte per rifornirsi. I residenti, però, proprio in queste ultime ore, si sono sentiti comunicare che se ne parla lunedì prossimo, cioè il 31 agosto. Come mai un intervento del genere non viene condotto in somma urgenza? Stiamo parlando del bene primario che si utilizza durante il giorno per qualsiasi semplice funzione, la legge ne garantisce 50 litri gratuiti a testa. Dove andranno a lavarsi i residenti? Ci aspettiamo risposte immediate dai tecnici competenti e soprattutto dall’Amministrazione comunale nell’interesse dei residenti di via Mongibello 76”.

LAMENTELA SUI BAGNI PUBBLICI A MARINA DI RAGUSA

Marina di Ragusa bagni pubblici chiusi“Una pesante e grave responsabilità. E’ quella che dovranno assumersi il sindaco Piccitto e l’assessore Salvatore Martorana per la mancata apertura dei bagni pubblici al lungomare Andrea Doria per tutto il periodo di agosto. Abbiamo aspettato, giorno dopo giorno, nella speranza che accadesse qualcosa. Ma ora che siamo alla fine del mese possiamo dirlo: l’Amministrazione comunale ha preso una cantonata grande quanto una casa con la pseudo gestione dei servizi igienici della frazione rivierasca”. A denunciarlo è il consigliere comunale Angelo Laporta dopo che ieri, per l’ennesima volta, alcuni cittadini hanno lamentato l’impossibilità di potere usufruire dei bagni. Già in aula, qualche settimana addietro, il consigliere Laporta aveva messo in luce le varie anomalie riguardanti le procedure adottate per gestire i bagni pubblici. “Come si ricorderà – afferma – c’erano state delle lamentele, quando la stagione aveva preso il via, per il fatto che l’utilizzo dei bagni veniva a costare un euro a persona. E ciò in maniera del tutto arbitraria, con decisione presa da chi, non si sa a quale titolo, o almeno finora nessuno ce lo ha detto ufficialmente nonostante le nostre richieste, si occupava di gestire il locale. Dopo le varie segnalazioni, si è cambiato verso e, in assenza di soluzioni, la Giunta Piccitto ha preferito tenere chiusi i bagni pubblici. Perché non utilizzare la graduatoria degli indigenti per affidare ad alcuni di loro la gestione del servizio?”.

Ragusa Ibla, il megacantiere di via Torrenuova diventa un disastro per i commercianti

100_4134Un profondo scavo, proprio a ridosso di un noto ristorante. Via Torrenuova a Ragusa Ibla è un mega cantiere. La sostituzione della condotta della rete idrica e fognaria, in una zona dove nel recente passato si sono registrate decine di infiltrazioni nelle abitazioni private, ha sollevate le ire dei commercianti e dei residenti. La tempistica dei lavori, nel periodo clou dell’estate con la città patrimonio dell’Unesco, invasa da  tantissimi turisti, non coincide con le legittime richieste degli esercenti. I commercianti  sono stati letteralmente “ingabbiati” dal cantiere. Gli esercenti lamentano un crollo del fatturato in un momento in cui la città è presa d’assalto da migliaia di turisti. “Ci siamo rivolti ad un legale per fare valere le nostre ragioni – spiega la titolare del ristorante di via Torrenuova –  La soluzione è abbastanza semplice. La sospensione dei lavori e il ripristino degli scavi in  autunno. Abbiamo perso centinaia di clienti che, per ovvi motivi, preferivano cenare nel vicoletto all’esterno. Capite bene che in questo grande caos, con polvere e acqua di fogna che fuoriesce dallo scavo, è improponibile cenare all’esterno. Anche le richieste all’interno si sono dimezzate”.  La ditta Isaf costruzioni che si  aggiudicata la gara d’appalto per un importo pari a 594 mila euro dovrà ultimare la messa in opera della nuova condotta, in una quartiere dove nel recente passato si sono registrati decime di infiltrazioni nelle abitazioni private, entro il 30 giugno del prossimo anno. I tecnici del comune, con il direttore dei lavori e il responsabile unico del procedimento, stanno procedendo a fasi alterne ultimando la messa in opera dei nuovi impianti in tre step per limitare al  minimo i disagi.

Marina di Ragusa, attrezzatura pericolosa nel parco bimbi del piazzale Padre Pio

I giochini di Marina chiodo pericoloso“Le condizioni vergognose in cui versano i giochini per bambini situati nel piazzale Padre Pio, a Marina di Ragusa, mi spingono a sollecitare un urgente intervento di sistemazione e ripristino da parte dell’Amministrazione comunale. Il degrado è imperante e insopportabile”. E’ quanto denuncia il consigliere comunale Angelo Laporta dopo avere ricevuto numerose segnalazioni in tal senso, e una corposa documentazione fotografica, da parte di genitori inviperiti. “L’impiantito di legno è usurato e alcuni chiodi sono venuti fuori sino a sporgere. Mi chiedo cosa potrebbe accadere se qualche genitore con i rispettivi bambini non se ne accorgesse in tempo. Per non parlare, poi, dell’approssimativa sistemazione delle catene che reggono l’altalena oppure dei tappeti di cortesia che dovrebbero attutire la caduta dagli scivoli dei vari piccioli e che si trovano in una condizione obbrobriosa. Insomma, più che un parco dei divertimenti sembra un parco degli orrori”.

Scroll To Top
Descargar musica