26-07-2017
Ti trovi qui: Home » Lavoro (pagina 2)

Archivio della categoria: Lavoro

PUBBLICAZIONE ON-LINE DEGLI ELENCHI DEI LAVORATORI AGRICOLI

A partire dal 31 marzo, e per i quindici giorni consecutivi, gli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli utili per l’anno 2013 saranno pubblicati con valore di notifica sul sito dell’Inps, www.inps.it, con accesso libero e senza utilizzo di Pin. Entro i venti giorni successivi alla pubblicazione, gli elenchi saranno trasmessi ai competenti Centri per l’Impiego. Per tutto il periodo di pubblicità sarà possibile accedere agli elenchi direttamente dalla home page del sito. La pubblicazione online avrà valore di notifica agli interessati a tutti gli effetti di legge. Gli elenchi saranno consultabili per singola Provincia e singolo Comune, e ognuno sarà accompagnato da un frontespizio riportante l’anno di validità, il numero dei lavoratori, i riferimenti normativi e procedurali a base delle iscrizioni, l’organo e i termini per gli eventuali ricorsi amministrativi. Anche gli elenchi trimestrali delle variazioni, che saranno effettuate successivamente alla pubblicazione degli elenchi annuali 2013, saranno pubblicati esclusivamente sul sito dell’Inps con valore di notifica e, pertanto, gli interessati non riceveranno alcuna comunicazione riguardo alle variazioni effettuate.
generiche Inps

IL LAVORO IN SICILIA AI TEMPI DELLA CRISI

convegno rotary 13 marzoIl Rotary Club Modica ha organizzato un convegno dal titolo “Il lavoro in Sicilia ai tempi della crisi”, che si terrà sabato 15 marzo, alle ore 17,00 all’Auditorium Pietro Floridia di Modica. Interverrà in qualità di relatrice Esterina Bonafede, assessore regionale del Lavoro, Servizi Sociali e della Famiglia che illustrerà le prospettive future di lavoro dei siciliani.

PUBBLICAZIONE ELENCHI LAVORATORI AGRICOLI SOLO ONLINE

inpdap inpsL’Inps comunica che il quarto elenco di variazione 2013 dei lavoratori agricoli dipendenti è già in pubblicazione sul sito Inps www.inps.it. L’accesso è libero e non occorre l’utilizzo di pin. Tale novità supera l’affissione agli Albi Pretori dei Comuni. La pubblicazione online avrà valore di notifica agli interessati a tutti gli effetti di legge.

Vertenza pulizieri delle scuole I lavoratori sperano nella proroga delle convenzioni sino a fine marzo

Migliaia di lavoratori impegnati nella pulizia delle scuole, in tutta Italia, rischiano di rimanere senza lavoro a partire dal primo marzo. Di questi, ben 150 risiedono in provincia di Ragusa. “Sono lavoratori nella gran parte dei casi monoreddito, anche con un’età avanzata – spiega Salvatore Scannavino della Fisascat Cisl – che da sabato rimarrebbero in mezzo a una strada: 150 famiglie iblee praticamente sul lastrico”. I lavoratori ragusani, mercoledì mattina, in un confronto con il prefetto Vardè hanno illustrato le loro ragioni. “Speriamo in un intervento del Governo nazionale – spiega Scannavino – e sembra che al livello informale, il nuovo ministro abbia già assicurato una proroga alle ditte che lavorano nelle scuole sino a marzo”. Infatti, sono state invalidate le gare di attribuzione occupazionale, in tutta Italia, e quindi le ditte sono rimaste fuori, e con esse, andrebbero a casa i lavoratori. Sulla problematica è stato presentato un disegno di legge al Senato dalla senatrice del Pd Venerina Padua e da altri senatori che prevede, appunto, fra le altre, una norma che mira a prorogare le convenzioni delle ditte con le scuole sino alla fine del mese di marzo. “Questo – spiega la Padua – per darci la possibilità di trovare una soluzione più duratura”.
prefettura ragusa

Comune di Ragusa, gara per le pulizie

Comune-di-RagusaApprovato il bando di gara relativo alla procedura aperta per l’affidamento, per un anno, del servizio di pulizia degli immobili comunali e giudiziari con un importo a base d’asta di euro 571.256,80 oltre Iva. La gara sarà esperita con il sistema della procedura aperta e con il criterio del prezzo più basso Il testo del bando sarà pubblicato in Gazzetta.

Ragusa, la giunta Piccitto approva il piano di copertura posti vacanti

comune di ragusa 2La giunta municipale ha deliberato il piano annuale di copertura dei posti vacanti in pianta organica per l’anno 2013, nell’ambito della programmazione triennale del fabbisogno di personale. Il piano delle assunzioni deliberato prevede la copertura di 12 posti di agente di polizia municipale a tempo indeterminato, 1 posto di geologo a tempo indeterminato, 1 posto di dirigente economista a tempo indeterminato (il cui iter concorsuale è già in atto), 1 posto di dirigente amministrativo a tempo indeterminato da destinare al settore Servizi Sociali, un posto di dirigente amministrativo a tempo determinato, un posto di dirigente tecnico a tempo determinato. La copertura finanziaria è garantita dai risparmi derivanti dal turn over del personale, senza aggravio di costi per l’ente.

RAGUSA, 450 MILA EURO DALLA REGIONE PER 14 CANTIERI DI SERVIZIO

incidentesullavoroLa Regione Siciliana ha finanziato i 14 progetti dei cantieri di servizio presentati dal Comune. A renderlo noto è l’Assessore ai servizi sociali Brafa che ha ricevuto comunicazione da Palermo. I 450 mila euro serviranno a far lavorare 236 unità per un primo semestre ed altrettante per un secondo semestre.

Ragusa, si dispone il concorso per dirigente economista

comune di ragusa 2Con determinazione del segretario generale, il Comune riavvia l’iter per l’individuazione di un dirigente economista. Si tratta di una procedura ex novo, dal momento che l’altra è stata più volte sospesa, anche per via di un intervento della magistratura che aveva chiesto il rinvio a giudizio per il presidente della commissione giudicatrice. La giunta qualche settimana fa aveva predisposto di ritirare quel bando e di avviarne uno nuovo. E così il nuovo segretario generale ha avviato la procedura, disponendo anche la pubblicazione del bando sulla Gazzetta ufficiale della Regione e su quella della Repubblica italiana. Il bando è disponibile anche sul sito del Comune. Il primo avviso per la selezione pubblica per esami per l’assunzione a tempo indeterminato del dirigente economista risaliva al 17 maggio del 2011.

Consorzio di bonifica Il sindaco di Modica scrive alla Regione

Sul futuro dei dipendenti del Consorzio di Bonifica di Ragusa il sindaco Abbate scrive: “E’ necessaria una rapida e proficua concertazione tra Enti locali, Deputazione nazionale e regionale, con il coordinamento del Prefetto di Ragusa al fine di affrontare ed individuare soluzioni alla incerta condizione occupazionale dei lavoratori già dipendenti del Consorzio di bonifica n. 8 di Ragusa”. Il rischio è una paralisi dei servizi indispensabili alla collettività. C’è la necessità di scongiurare, si legge nella nota, gravissime conseguenze di carattere sociale per i lavoratori dal futuro incerto, e la mancanza di erogazione idrica, che rischierebbe di mettere in ginocchio l’intero comparto agricolo. Il sindaco di Modica, nella nota, evidenzia che sono circa cinquecento i lavoratori in stato di agitazione.
ignazio_abbate

CONSORZIO DI BONIFICA 8, LAVORATORI IN STATO DI AGITAZIONE

acqua 6Gli impiegati, gli operai ed i precari del Consorzio di Bonifica 8 di Ragusa hanno deciso di proclamare lo stato di agitazione della categoria. Si tratta di circa 500 lavoratori che a vario titolo operano all’interno del Consorzio di Bonifica 8 e che insieme alle proprie famiglie vivono, oggi, il dramma della mancata puntualità nel pagamento di mutui – rate di finanziamenti e bollette varie, e domani potrebbero vivere il dramma di disoccupati senza futuro. “La chiusura degli Enti di Bonifica – scrivono in una nota i lavoratori – potrebbe determinarsi in qualsiasi momento con la conseguente interruzione dei servizi pubblici essenziali che oltre ad accrescere la grave crisi economica del settore agricolo, causerebbe drammi sociali per la mancata erogazione di acqua potabile nel territorio di Modica – Frigintini. Denunciamo la insensibilità della deputazione regionale di questo territorio – scrivono i lavoratori del Consorzio di Bonifica – che, a conoscenza delle gravi problematiche sociali e del lavoro, rimane in silenzio attestando il più totale disinteresse nei confronti dei lavoratori e delle loro famiglie”.

Accolto dal governo ordine del giorno di Nino Minardo sul personale Vigili del Fuoco

nino minardoAccolto dal Governo l’odg presentato dagli on. Minardo e Pili al disegno di legge sulle disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni. Riguarda i volontari del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, detti discontinui, per i quali si chiede l’assunzione considerato che si tratta di personale che ha maturato una notevole esperienza nel settore intervenendo in situazioni di grave difficoltà a sostegno dei cittadini e della loro incolumità in casi di emergenza. “E’ importante che il Governo abbia preso coscienza sulla problematica che solo in provincia di Ragusa – scrive Nino Minardo deputato alla Camera – interessa oltre 200 volontari, i quali mi hanno sollecitato ad intervenire sulla questione al fine di mettere in atto provvedimenti legislativi adeguati per il giusto riconoscimento del lavoro svolto a tempo determinato che, negli anni, ha limitato il forte disagio di organico dei Vigili del Fuoco. L’assunzione – conclude Nino Minardo – assicurerebbe la piena continuità ed efficacia nell’espletamento dei propri compiti valorizzando la professionalità dei volontari, nel contempo ridurrebbe le forme di lavoro precario e la carenza di organico del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco”.

Consorzio Universitario Lavoratori in stato di agitazione

universita-logoIl 24 ottobre si è tenuta l’assemblea dei lavoratori del Consorzio Universitario in sciopero per l’intera giornata. Dopo il dibattito si è preso atto che il Presidente del Consiglio comunale di Ragusa ha convocato un Consiglio comunale aperto inserendo la problematica del Consorzio Universitario tra i punti all’ordine del giorno dei lavori consiliari. “Si è ancora una volta stigmatizzato l’atteggiamento della Provincia la quale, non solamente non ha ancora risposto alla richiesta di incontro avanzata dalle scriventi, ma anche insistito nei fatti nel non riconoscere il debito derivante dall’obbligazione assunta in qualità di socio fondatore del Consorzio stesso. Pertanto le scriventi – sottolineano in una nota i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil e Ugl – ed i lavoratori hanno deciso e convenuto che in assenza di convocazione da parte della Provincia Regionale entro venerdì 25 ottobre terranno un sit-in di protesta di fronte alla Provincia regionale chiedendo nel contempo di essere ricevuti per rappresentare le giuste ragioni, che più volte sono state esposte, sollecitando – concludono i rappresentanti sindacali – anche il Presidente della Regione”.

Cna: “Officine che operano in nero e atteggiamento prevaricante delle compagnie assicurative”

Vincenzo CanzonieriIl settore dell’autoriparazione sta subendo in modo significativo le conseguenze della crisi. Lo denuncia la Cna che scrive: “Qualche settimana fa è stato rilevato come nella nostra provincia il parco auto circolante non sia per nulla giovane. Questo potrebbe far pensare che meccanici, elettrauto, gommisti e carrozzieri abbiano un’attività intensa e dinamica dei loro servizi. Non è così. Nei fatti, invece, sono diminuiti i fatturati di molte imprese del settore autoriparazione, così come il personale delle stesse in diversi casi è stato licenziato. La crisi ha agevolato le officine che operano in nero. A questo, da qualche tempo, si è sommato anche l’atteggiamento prevaricante delle compagnie assicurative. Le stesse, oltre a invitare in modo quasi vincolante i propri assicurati a riparare le auto presso una rete personalizzata di attività fiduciarie (officine che spesso offrono prestazioni a tariffe non proprio in linea con i prezzi di mercato), liquidano i sinistri direttamente ai loro clienti. Questi o non riparano la loro auto, intascando i soldi che servono per i bisogni della famiglia, oppure – continua il dirigente Cna Enzo Canzonieri – iniziano a girare per le varie officine cercando di ottenere la riparazione al prezzo più basso possibile. Spesso il mezzo – dice Canzonieri – viene aggiustato alla meno peggio da autoriparatori che operano in nero e ad un prezzo stracciato. E’ veramente singolare: attività che hanno investito in capacità, professionalità, qualità, imprenditorialità, formazione, tecnologia, sicurezza nel lavoro, organizzazione, che consegnano un lavoro garantito, sono mortificate e umiliate da chi possiede un portafoglio significativo di utenti dell’automobile e sfrutta una leva importante, tanto da poter determinare qualsiasi condizione (facciamo presente che assicurare un qualsiasi mezzo è obbligatorio). Di quale libertà di mercato stiamo parlando? Le compagnie assicurative sono nate per assicurare, le imprese di autoriparazione per riparare i mezzi di trasporto. Ognuno deve fare il proprio lavoro: le assicurazioni devono liquidare i sinistri quando vanno liquidati, i carrozzieri – piuttosto che i meccanici, gli elettrauto o i gommisti – devono aggiustare le auto. Il tutto deve avvenire alla luce del sole: liquidando il sinistro a chi ripara l’auto il quale rilascia regolare fattura”. Per affermare questo semplice principio, la Cna presenterà una legge di iniziativa popolare e avvierà una raccolta di firme tra imprese e cittadini per sostenerla e promuoverla ai vari livelli istituzionali.

RAGUSA: FURTI CONTINUI ALLA ZONA INDUSTRIALE

Il presidente Gianni CoralloSale ancora più alta la tensione all’interno della zona industriale di Ragusa. Dove i furti in azienda continuano a ripetersi con una certa ciclicità. Imponendo la necessità di tornare a puntare i riflettori sull’area produttiva della città che, però, rischia di rimanere abbandonata a se stessa. E tutto ciò nonostante la presenza di un impianto di telesorveglianza che, seppur collaudato e consegnato, stenta ancora ad essere utilizzato. “Non ci va di lanciare accuse contro chicchessia – afferma il presidente del parco commerciale “Isole Iblee”, Gianni Corallo non è certo questo il momento quando, piuttosto, è indispensabile sforzarsi tutti assieme di cercare le soluzioni per arrivare a tagliare il traguardo che ci prefiggiamo. Sappiamo, altresì, che notevole è l’impegno profuso dalle forze dell’ordine per monitorare al meglio il vasto territorio ma sappiamo che anche loro fanno i conti con problemi legati all’assenza di personale. E, nonostante tutto, abbiamo piena percezione degli sforzi che sono compiuti per assicurare piena sicurezza. Purtroppo, però, nonostante questa buona volontà da parte di tutti, il risultato è sempre lo stesso e cioè che le aziende continuano a subire uno stillicidio continuo e vi assicuriamo che, in un periodo del genere, è come una mazzata senza tregua che, in alcuni casi, rischia di non fare riprendere chi subisce, costretto, in talune occasioni, perfino a rinserrare i battenti e a non riaprire più. Ecco, è questo quello che vogliamo evitare. Capiamo la crisi, capiamo le congiunture economiche internazionali, capiamo la necessità di vessare con tributi nazionali e locali le imprese ma essere costretti a battersi anche con la criminalità questo proprio no”.

22 BORSE DI STUDIO PER I FIGLI DEI DIPENDENTI ERGON

foto borse di studio ergon“Vi abbiamo accolto in questo luogo, simbolo di arte e cultura, e noi oggi festeggiamo proprio la cultura”. Con queste parole la dottoressa Concetta Lo Magno, direttrice dell’area marketing dell’Ergon, al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla venerdì pomeriggio ha aperto la cerimonia di consegna delle borse di studio destinate ai figli dei circa 1000 dipendenti della azienda. Un pomeriggio di festa per premiare 22 giovani che hanno dimostrato impegno e sacrificio a scuola. L’Ergon, che raggruppa i marchi della distribuzione alimentare Interspar, Eurospar, Despar, Ard e Altasfera, sulla base del merito ha individuato gli studenti che nell’anno scolastico 20122013 hanno riportato i voti migliori alle elementari, alle medie inferiori e superiori e all’università. Accompagnati dai propri genitori, per l’appunto dipendenti della Ergon, queste giovani promesse hanno ricevuto una pergamena-ricordo e una busta contenente un assegno relativo alla borsa di studio ottenuta, differente per categoria: 500 euro per le elementari, 1000 per le medie inferiori, 2000 per le superiori e ben 5000 per la formazione universitaria. In totale, l’azienda ha donato ai più meritevoli ben 26 mila euro. “Orgogliosi per i nostri figli e per la nostra azienda – ha spiegato la dottoressa Lo Magno -. Si tratta infatti di un’iniziativa più unica che rara. Giunto già alla sua sesta edizione, è un evento che si è evoluto negli anni mantenendo sempre lo stesso spirito. Il premio va a giovani capaci e volenterosi che per il loro impegno rappresentano l’eccellenza, e a consegnarlo è proprio un’azienda che rappresenta l’eccellenza in Sicilia”. Per 10 dei 22 studenti premiati si è trattato di un felice ritorno, avendo già ricevuto una borsa di studio nella terza e nella quinta edizione, a testimonianza di un impegno costante all’interno della propria carriera scolastica. Per le elementari le borse di studio del valore di 500 euro sono andate ai gemelli Alessia Maria e Angelo Francesco Tidona, Gabriele Sortino, Martinasveva Galota, Sara Tumino, Francesca Scollo, Giovanni Firullo, Viviana Dipasquale, Rachel Giacomarro, Vincenzo Giurdanella. Per le medie di primo grado le borse di studio del valore di 1000 euro sono andate a: Simone Provvidenza, Sabiana Salamone, Noemi Calabrese, Vincenzo Licata, Nicolò Occhipinti, Matteo Battaglia. Per le medie di secondo grado le borse di studio del valore di 2000 euro sono andate a: Simone Greco, Simone Antoci, Claudia Lo Magno, Mirko Passalacqua, Chiara Distefano. Per l’università la borsa di studio del valore di 5000 euro è andata alla neolaureata Federica Spadaro.

RAGUSA, 3 CORSI DI FORMAZIONE PER 60 DONNE DISOCCUPATE

donne cgil piccolaIl Comune in collaborazione con la Prefettura di Ragusa comparteciperà alla realizzazione di tre corsi di formazione riservati alle donne disoccupate, proposti dal Club Service Soroptimist di Ragusa, per i settori del cucito, ricamo e decoupage. La giunta con un proprio atto ha infatti deciso di collaborare considerando che la stessa s’inserisce pienamente nell’ambito delle politiche di integrazione socio-culturale anche a favore di cittadini extracomunitari (il 20% dei 60 posti complessivi per i tre corsi previsti saranno riservati a cittadine extracomunitarie). Per questo motivo il Comune metterà a disposizione del Soroptimist i locali del Centro Diurno per Anziani di Piazza Vann’Antò che per tre giorni a settimana ospiterà i tre corsi di formazione. I moduli per iscriversi sono disponibili presso l’Assessorato ai Servizi Sociali di Piazza San Giovanni.

Ragusa, la questione indigenti

200px-CGIL_logoNell’incontro alla Cgil con indigenti ed ex sussidiati, oltre alla richiesta di far partire da subito la presentazione delle domande per i Cantieri di servizi, era stato chiesto al Comune di sbloccare l’iter del bando per l’impiego di personale per la custodia dei bagni pubblici. Il bando era stato formulato dal commissario straordinario, Margherita Rizza, ma si era bloccato per questioni burocratiche. Sui tempi, il dirigente Santi Distefano, durante una conferenza stampa tenutasi lunedì mattina al Comune, non ha promesso nulla, ma per i primi di novembre qualcosa dovrebbe sbloccarsi.

SERVIZIO CIVILE PRESSO LA CARITAS DI NOTO

servizio civile logoScade il 4 novembre il termine per la presentazione delle domande per svolgere il Servizio Civile Volontario. La Caritas diocesana di Noto propone come nella sua tradizione il servizio a persone che hanno difficoltà, nel sostegno a cammini di riappropriazione delle autonomie da parte di ragazze madri e bambini. Sono sei i posti (tre a Modica e tre a Pachino) messi a bando per un anno di servizio e di formazione sui temi della pace della mondialità e della nonviolenza. A Modica il servizio può essere svolto presso la Casa Don Puglisi che accoglie ragazze madri e bambini. A Pachino presso la comunità L’Albero della Vita che accoglie bambini e ragazzi. Un incontro informativo sulle modalità del servizio si terrà martedì 15 ottobre alle ore 10 nella Casa Don Puglisi di Modica in via Carlo Papa 14. Tutti gli interessati sono invitati a partecipare. Ulteriori informazioni sul progetto sono reperibili sul sito www.caritas. it nella sezione Servizio Civile – Bando 2013 – Sicilia – Noto.

STABILIZZAZIONE DEI PRECARI SICILIANI

Venera  Padua new 2“Si apre una strada nuova per i precari siciliani. La strada che porterà, finalmente, alla stabilizzazione dopo innumerevoli anni di attese. E questo provvedimento riguarderà da vicino anche i numerosi precari in attività presso gli enti locali presenti, ancora oggi, in provincia di Ragusa”. E’ quanto afferma la senatrice del Partito Democratico, Venera Padua, nell’esprimere la propria soddisfazione per il risultato ottenuto in favore dei precari siciliani a seguito dell’approvazione, da parte del Senato, dell’emendamento sull’articolo 4 del decreto Pubblica amministrazione. “L’emendamento – chiarisce la senatrice Padua – modifica il testo iniziale ampliando la platea e aprendo positivamente al futuro dei precari siciliani. Le risorse erogate agli enti locali dalla Regione, ai fini della proroga, non saranno conteggiate nel calcolo della spesa del personale di ciascun ente consentendo, pertanto, ad un folto numero di comuni siciliani di poter stabilizzare i precari. Si potrà procedere adesso all’avvio delle procedure per l’assunzione di questi lavoratori negli enti locali dove prestano servizio da anni”. I firmatari dell’emendamento sono stati i senatori del Pd.

Pubblicato al Comune di Modica il bando dei cantieri di servizio

modica giardiniPubblicato venerdì a Modica il bando di selezione pubblica per la formulazione della graduatoria nei “Cantieri di servizio per l’anno 2013”. Il termine di scadenza, per l’inoltro delle istanze del bando: le ore 12.00 dell’11 novembre. I cantieri di servizio sono finanziati dall’assessorato regionale della famiglia e delle politiche sociali e del lavoro e hanno un programma di lavoro di tre mesi. I destinatari sono le persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni non compiuti; disoccupati o inoccupati che hanno presentato la dichiarazione di disponibilità al centro per l’impiego competente. I requisiti per l’ammissione sono: residenza nel Comune di Modica da almeno sei mesi dalla data di pubblicazione del bando; essere disoccupati o inoccupati o titolati di un rapporto di lavoro che per la durata oraria della prestazione giornaliera non sia incompatibile.

Scroll To Top
Descargar musica