21-07-2017
Ti trovi qui: Home » Salute

Archivio della categoria: Salute

LA SALUTE VIEN PASSEGGIANDO

download (1)Riprendono gli appuntamenti rivolti agli over 65 anni, appuntamento che si terrà presso la parrocchia San Giuseppe Artigiano, questo martedì 6 alle ore 17,30. L’evento fa parte del progetto  di promozione alla salute, messo in atto dal Dr. Vincenzo Trapani, responsabile progettuale e direttore della UOS Educazione alla Salute dell’ASP di Ragusa, in sinergia con le Associazioni di volontariato e del privato sociale che fanno parte della Rete, presieduta dal Dott. Flavio Brafa, “I Petali del Cuore”, con la quale l’Azienda Sanitaria di Ragusa ha sottoscritto un protocollo di intesa.. Anche questa iniziativa rientra nella linea Progettuale del Piano Sanitario Nazionale, recepito dall’Asp di Ragusa ed è la prima di una serie di attività che coinvolgeranno persone over 65 anni  residenti nella Provincia di Ragusa. La passeggiata, gratuita,  vuole essere corredo delle tante attività legate alla motivazione personale, alla cura di sé e alla prevenzione al fine di preservare e migliorare lo stato di salute. L’associazione “City Social” di Sebastiano Pollina,  gruppo “City Walk Tour” e l’associazione “Ci Siamo” rappresentata da Maria Grazia Gulino muoveranno i partecipanti dalla Chiesa Sacra Famiglia, in via Archimede 16, tra le vie di Ragusa e del Centro Storico fino alla Chiesa di Santa Lucia dove tutti potranno ascoltare la storia di Ragusa Ibla dalle Audio Guide City Walk Tour. Una passeggiata all’insegna del viver sano, durante la si potranno scattare  fotografie, fare  chiacchierare e  ascoltare letture tratte dal libro di Mimì Arezzo e interagire tutti insieme. Il ritorno è previsto entro 2 ore dalla partenza. E’ consigliabile  portare con  uno zainetto per avere a disposizione una bottiglia d’acqua e qualche cosa da magiare per chi ne sentisse la necessità. L’orario di partenza è alle ore 17.00, orario ottimo per via della temperatura e per tornare prima di cena al punto di partenza. Il percorso è semplice e poco ripido, ci saranno pochissime scale e si svilupperà per circa 3 km.

SORDITA’ NEONATALE: ALL’ASP DI RAGUSA LO SCREENING UDITIVO

 

depistage2laLa sordità neonatale colpisce in Italia 1.5-2 x mille della popolazione, percentuale che aumenta 10/20 volte maggiore nei bambini ricoverati in Terapia intensiva Neonatale e che nella nostra regione è superiore a quella nazionale (matrimoni consanguinei) aggirandosi intorno a 3.5 x mille. Da ciò deriva che sono attesi ogni anno circa 140 casi di sordità neonatale di cui il 50% si riscontra in soggetti sani (senza fattori di rischio) nei quali si assisteva ad un ritardo nella diagnosi di sordità, ritardo che, qualche volta, arrivava fino ai 2 anni di età con conseguente scarsa efficacia della terapia riabilitativa. Lo screening è una procedura che mira ad individuare e distinguere la normalità dalla non normalità e deve rispondere ai requisiti di semplicità, affidabilità, validità e innocuità. Un programma di screening organizzato e funzionante è in grado, di fare diagnosi precoce entro il 3°/4° mese,  successivo tempestivo intervento protesico/logopedico entro il 6° mese di vita tale da fare recuperare, al bambino con deficit uditivo neonatale, competenze  in merito di comunicazione, conoscenza, dimensione sociale ed emotiva compatibile con quella dei coetanei sani e ancora di ridurre la diseguaglianza di salute dovute alle condizioni socio-economiche, oltre al favorevole rapporto costo/efficacia dello screening. Lo Screening uditivo neonatale universale nella nostra ASP è già attivo dal 2014 grazie all’acquisto di un apparecchio per punto nascita (2 a tutt’oggi) e un corso di formazione rivolto al personale coinvolto nello screening (Otorinolaringoiatria, Audiologi, Neonatologi, Pediatri, Infermieri Coordinatori e Infermieri). Le fasi dello screening sono articolati in 3 livelli, in relazione all’Unità organizzativa dove i test vengono eseguiti. Il I livello è rappresentato dai 3 Punti Nascita (Neonatologia di Ragusa, Pediatria di Modica e Vittoria). In caso di risultato dubbio vengono ripetuti entro il 1° mese, in caso di ulteriore refer vengono inviati al II° livello. L’esito del test viene riportato sulla lettera di dimissione e inviato al Pediatra di e il resoconto mensile inviato al II° livello. Il II livello è rappresentato dall’Unità di Otorinolaringoiatria dell’Ompa Ragusa (Direttore Vincenzo Calabrese, Referente dello screening Letizia Gerotti e Tecnico Audiometrista Emanuele Tidona). Vengono eseguiti otoemissioni, impedenzometria, audiometria comportamentale. In questa fase di identificazione (diagnosi e trattamento precoce) vengono informati i Pediatri e l’Assessorato alla Salute Regione Sicilia quadrimestralmente. Il III livello è rappresentato dal Centro Regionale di Riferimento (selezione all’impianto cocleare, inquadramento clinico ed approfondimento diagnostico pluridisciplinare (Tac e risonanza magnetica), valutazione Neuropsichiatrica Infantile, Genetica. La percentuale di sordità nella nostra Asp è pressappoco sovrapponibile alla media nazionale.

 

“I PETALI DEL CUORE”:  AL VIA A RAGUSA LA  SECONDA  FESTA DELLA SALUTE

IMG_9345Dopo il successo della prima edizione 2016, tra   pochi giorni,  prenderà il via la seconda  “Festa della Salute”,  organizzata dalla Rete dei “Petali del Cuore” insieme con la palestra  “Basaki”, in programma per il 6 maggio 2017, dalle ore 10.00,  presso la palestra Basaki di Ragusa. Un appuntamento unico resosi possibile grazie alla sinergia tra le Associazioni che fanno parte della Rete. Un programma fitto, fitto che si  propone   come un “contenitore” di idee,  incontri e scambi dedicati al tema della salute, della sanità e del benessere. La  “Festa della salute” un evento per tutti, con animazione, spettacolo e cultura. E’ allestito uno spazio Prevenzione con la possibilità di fare screening:  glicemici (il diabete e le sue implicazioni); colesterolemia, celiachia; spirometria. In programma numerose  esibizioni sportive, giochi, danza, degustazioni, una mostra fonografica  e la  “Camminata: Ragusa Cammina”. Una cornice di  numerosi spazi  allestiti e gestiti dalle 14 Associazioni di volontariato che fanno parte della Rete e i nove partner che hanno contribuito, gratuitamente, alla realizzazione della “Festa della Salute”: Studio Danza; Blue Stras; Cocorì; Natura Si; City walk; Vita e Salute; Ordine di Malta; Naturalmente Pane.

INESTETISMI CORPOREI NUOVO INCONTRO IL 21 GENNAIO SEMPRE CON IL DOTT. MESSINA

 

Il dott. Messina e la collaboratrice Di LorenzoContrastare visibilmente gli inestetismi della cellulite, migliorando il drenaggio e la distribuzione dell’acqua nel tessuto cutaneo. O, ancora, contrastare la formazione di nuove cellule adipose, proteggendo la pelle dalla degradazione del collagene favorendo l’elasticità dei tessuti. Tutto ciò attraverso l’utilizzo di una miscela di estratti vegetali e principi attivi utili per favorire il ripristino della propria silhouette con un’azione efficace a lunga durata. Sono alcuni dei consigli forniti dal dottor Vincenzo Messina in occasione del primo dei due incontri informativi sugli inestetismi corporei tenutosi sabato scorso nella parafarmacia di via Roma 183 a Ragusa. Sabato 21 gennaio, sempre a partire dalle 10, il dottor Messina, con la collaboratrice Giorgia Di Lorenzo, terrà un altro incontro informativo per cercare di fornire delle indicazioni specifiche su come intervenire, attraverso l’utilizzo di prodotti naturali della ditta Alta Natura, industria alimentare di Catania, per eliminare o attenuare gli inestetismi corporei. “Mi ha soddisfatto parecchio – continua Vincenzo Messina – l’attenzione registratasi in occasione del primo appuntamento. Significa che è stato intercettato un bisogno reale a cui abbiamo cercato di fornire delle risposte concrete”.

 

 

 

 

L’ASP ADERISCE  ALLA CAMPAGNA:  TRE NOCI AL GIORNO A DIFESA DEL CUORE

 

downloadL’Azienda Sanitaria di Ragusa ha raccolto l’invito, delle Associazioni “Amicuore Ragusa Onlus”,  Cittadadinanzattiva e Tribunale dei diritti del malato,  a partecipare  alla Giornata “Tre noci al giorno a difesa del cuore”.  Sono state allestite  due postazioni all’interno dell’Asp: una all’ospedale “Civile” con la partecipazione del coordinatore di Cittadinanzattiva di Ragusa, prof.ssa  Marisa Simonelli; il responsabile del Tribunale del diritto del malato – TDM, dr. Salvatore Barresi e padre Giorgio Occhipinti; direttore dell’Ufficio della Pastorale e diversi Volontari. Contestualmente,  all’ospedale “M. Paternò Arezzo”, erano  presenti il dr. Antonino Nicosia, direttore Scientifico dell’Associazione Amicuore, la dr.ssa Lucia Ingaro, presidente dell’Associazione e alcuni  Volontari. Si chiama  frutta secca, ma non è frutta. Le noci, le nocciole e le noccioline, i pistacchi, le mandorle sono in realtà il seme della pianta, depositario di sostanze nutritive importanti. In particolare le noci. E’ ormai “sapienza” diffusa che 3-4 noci al giorno incidono positivamente sulla salute sotto diversi profili. Una funzione è quella  di abbassare, significativamente,  i fattori di rischio cardiovascolare e l’incidenza di infarti nelle persone sane. Ma le noci porterebbero benefici anche nell’abbassare il colesterolo e regolare la pressione sanguigna e sono consigliate a chi soffre di diabete per tenere sotto controllo effetti e rischi secondari della malattia. Essenziali nella dieta, le noci sono un seme-frutto ricco di proteine e carboidrati  ma soprattutto di grassi, dei quali soltanto il 10% sono saturi, cioè grassi “cattivi”. Il resto sono grassi “buoni”, essendo insaturi, e i loro effetti benefici sono ormai ben conosciuti tra il largo pubblico. Soprattutto sono note le potenzialità preventive e curative degli acidi grassi omega 3, che si trovano anche nel pesce, nei semi, oltreché nella frutta secca, tutti cibi che, spesso,  scarseggiano nelle nostre abitudini alimentari. Parliamo di fibra: ne occorrono 30 grammi al giorno. Le noci non ne sono particolarmente ricche, ma possono ben contribuire accanto a frutta, verdure, cereali integrali e legumi al fabbisogno quotidiano. Il “guscio” della noce un “guscio”  protettivo per il nostro cuore, in particolare.

 

              

INESTETISMI CORPOREI, DUE INCONTRI INFORMATIVI SABATO 14 E IL 21 GENNAIO IN VIA ROMA A RAGUSA CON IL DOTT. MESSINA

vincenzo-messina-e-giorgia-di-lorenzoRicorrere a trattamenti invasivi o, peggio ancora, al bisturi per eliminare gli inestetismi corporei? E’ quanto di più sbagliato si possa decidere di fare. Ecco perché, per una salutare e corretta informazione sull’utilizzo dei prodotti naturali nel controllo degli inestetismi corporei, il dottor Vincenzo Messina ha promosso, per il 14 e il 21 gennaio a Ragusa, due incontri nel corso dei quali sarà illustrato il corretto utilizzo dei prodotti naturali, integrativi e cosmetici. “Oggi, purtroppo – spiega Messina – si ricorre, come sempre, al metodo fai da te o, peggio ancora, ai messaggi fatti circolare sul web e sui social.  Occorre, invece, un confronto costante e continuo con il professionista anche quando si tratta di adottare interventi mirati per migliorare le performance dei trattamenti estetici. A Ragusa, ad esempio, concentreremo la nostra attenzione sull’adiposità generalizzata e localizzata, sulla cellulite e sulla pelle a buccia di arancia, tutti inestetismi corporei che non lasciano dormire sonni tranquilli soprattutto alle donne. Nei giorni indicati, nel corso degli incontri che si terranno nella parafarmacia di via Roma 183 a partire dalle 10, cercheremo di fornire delle indicazioni specifiche su come intervenire, attraverso l’utilizzo di prodotti naturali della ditta Alta Natura, industria alimentare di Catania”. Il dottor Messina, con la collaboratrice Giorgia Di Lorenzo, forniranno le indicazioni del caso oltre a soluzioni specifiche riguardo ai trattamenti da adottare. “Posso fornire un dato di massima – aggiunge Messina – e cioè che, anche a Ragusa, almeno una donna su tre soffre degli inestetismi in questione. E però, la stessa, seppure cerchi di fronteggiare il problema, non si è mai posta seriamente la domanda di come fare per risolverlo. Ora, noi cercheremo di indicare delle vie risolutive. Chiaramente non abbiamo la bacchetta magica. Ma forniremo dei consigli specifici che possono servire ad attenuare, se non addirittura a fare scomparire, gli inestetismi corporei in questione”.

 

 

 

RICERCA SUL CANCRO, BORSA DI STUDIO ISTITUITA DALLA LILT DI RAGUSA

download-2Il carcinoma della cervice uterina è, a livello mondiale, il secondo tumore maligno nella donna, con circa 500.000 nuovi casi per anno, dei quali l’80% nei Paesi in via di sviluppo e 274.000 decessi. L’infezione da HPV è una infezione a trasmissione sessuale molto frequente soprattutto nelle persone giovani: la maggior parte delle giovani donne si infetta entro pochi anni dall’inizio dell’attività sessuale. In uno studio condotto in Sicilia, 6 su una corte di 1000 donne di età compresa tra i 18 ed i 25 anni la prevalenza di HPV è risultata del 24% con il 18% circa dovuto a genotipi ad alto rischio. L’infezione è generalmente transitoria: il virus viene cioè eliminato dal sistema immunitario prima di produrre qualsiasi effetto patogeno. Si stima che l’80% circa della popolazione sessualmente attiva contragga l’infezione almeno una volta vita. L’infezione regredisce spontaneamente in un anno nel 50% circa dei casi e in due anni nell’80% circa di casi. La persistenza dell’infezione è la condizione necessaria perché il virus abbia un effetto trasformante sull’epitelio: i virus a maggior potere oncogeno sono quelli a maggiore persistenza. La possibilità di progressione è legata a una serie di fattori, come l’elevato numero di partner sessuali, il fumo della sigaretta, l’uso prolungato di contraccettivi orali e infezioni multiple con altri agenti sessualmente trasmessi. La Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt) di Ragusa ha quindi avviato un percorso per l’istituzione di una borsa di studio finalizzata ad evidenziare la correlazione tra le lesioni cervico-vaginali, identificate attraverso analisi morfologica e la positività ai diversi genotipi di papillomavirus (HPV), tramite analisi di Biologia Molecolare. La collaborazione della Unità di Anatomia Patologica, diretta dal dr. Salvatore Castellino con la Presidente della LILT di Ragusa, Maria Teresa Fattori e l’importante supporto economico concesso dalla Ditta Qiagen s.r.l. di Milano, ha reso attuabile lo studio concedendo una borsa di studio ad un biologo per svolgere le analisi in questione presso l’Anatomia Patologica del presidio ospedaliero M.P. Arezzo di Ragusa. Lo studio avrà la durata di 12 mesi al termine dei quali verranno resi noti i risultati attraverso apposita pubblicazione.

 

PARTE LA CAMPAGNA VACCINAZIONI DELL’AZIENDA SANITARIA DI RAGUSA

vaccino-anti-influenzale-2Ha preso il via la campagna 2016-2017 di somministrazione del vaccino contro l’influenza. Il vaccino antinfluenzale è raccomandato e gratuito per: adulti dai 65 anni in su; bambini sopra i 6 mesi; soggetti affetti da patologie gravi che aumentano il rischio di complicanze (asma, displasia broncopolmonare, fibrosi cistica, broncopatia cronico-ostruttive, malattie dell’apparato cardiocircolatorio, diabete, insufficienza renale, tumori, malattie che comportano la carente produzione di anticorpi, epatopatie croniche…); individui di qualunque età ricoverati in strutture medico-sanitarie; familiari e contatti di soggetti a rischio; donne che nel periodo di diffusione del virus di trovano nel 2° o 3° trimestre di gravidanza; addetti ai servizi di primario interesse collettivo (Polizia, Vigili del Fuoco, insegnanti…); medici e personale sanitario di assistenza; veterinari e chi lavora a contatto con animali. Mai come quest’anno è però importante, anche qualora non si rientri nelle fasce a rischio, prendere in considerazione il vaccino: il virus dell’influenza stagionale, infatti, sembra essere molto aggressivo e le stime parlano già di 6/7 milioni di italiani costretti a letto dal virus che ha già fatto registrare la sua presenza nonostante manchi ancora del tempo prima di raggiungere il picco influenzale. I soggetti adulti possono essere vaccinati dal proprio medico di famiglia, anche per la vaccinazione anti-pneumococco che protegge dalla maggior parte delle polmoniti. I bambini possono essere vaccinati presso gli ambulatori vaccinali dei propri comuni, con richiesta del proprio pediatra. Il Dipartimento di Prevenzione dell’ASP di Ragusa comunica che, per favorire l’adesione alla vaccinazione, in particolare per i bambini e per gli addetti ai pubblici servizi essenziali, gli Ambulatori vaccinali di Ragusa, Modica e Vittoria  saranno aperti anche il sabato mattina dalle ore 8,30 alle 12,30.

SETTIMANA DEL DIABETE

settimana-del-diabete-facebook_shareTerzo appuntamento della Settimana del Diabete,  venerdì 11 alle ore 16.00 presso la sala convegni dell’Avis, via della Solidarietà a  Ragusa. Un’iniziativa, quella di venerdì,  che vuole puntare l’attenzione sui  possibili danni causati dal diabete. Il diabete è l’argomento cardine con   le  principali complicanze,  in particolare,   si parlerà di  retinopatia diabetica e dei danni agli arti inferiori (piede diabetico). Saranno presenti Gianna Miceli, Presidente Aiad, i diabetologi Raffaele Bennardo, Giorgio Lomagno e  Raffaele Schembari. E  ancora Michele Anguzza  oculista, Giovanni Arestia e Salvatore Albani dell’Unione italiana ciechi, Antonio Garignano angiologo, Chiara Iacono tecnico ortopedico, Gaetano Iachelli medico sportivo. Alla fine dei lavori è previsto un aperitivo siciliano con  gli alimenti della dieta mediterranea che,  assieme all’attività fisica, sono fondamentali per prevenire il diabete. La Giornata Mondiale del Diabete, istituita nel 1991 dalla International Diabetes Federation, sostenuta anche dall’Organizzazione Mondiale della Salute e riconosciuta dall’Onu, è una  occasione per “accendere le luci” sull’importanza della prevenzione. Quest’anno la ricorrenza vuole essere un invito a “tenere gli occhi aperti” per prevenire il diabete di tipo 2 e le sue complicanze con l’informazione, con uno stile di vita sano e grazie a controlli periodici. L’Organizzazione Mondiale della Sanità spiega che le persone con il diabete  nel mondo sono 422 milioni;  peraltro il diabete aumenta il tasso di mortalità anche per alcune delle sue complicanze. Nel 2014 si è registrato che l’8,5% degli adulti ha il diabete.

  PARTE DA CHIARAMONTE GULFI LA SETTIMANA DI INFORMAZIONE DEL DIABETE

 

images-1L’Aiad – Associazione Italiana Assistenza ai Diabetici dà  il via,  da Chiaramonte Gulfi,      al primo appuntamento della “Settimana di informazione sul Diabete”, martedì 8 novembre 2016 alle ore 10.00 presso la sala “Leonardo Sciascia” corso Umberto I. L’evento registrerà la partecipazione degli studenti della Scuola Media “Serafino Amabile Guastella”. Saranno presenti il sindaco della città, Vito Fornaro; il consigliere comunale Giuseppe Savasta;  Vito Perremuto, dirigente medico del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell’Asp di Ragusa; il presidente dell’Aiad, Gianna Miceli, con il gruppo degli infermieri, messi a disposizione dalla Medicare, per effettuare lo screening. Un sodalizio oramai consolidato nel tempo quello dell’Aiad con il comune di Chiaramonte che ogni anno, in occasione della Giornata Mondiale del Diabete, organizza una manifestazione per fare informazione e, soprattutto, prevenzione.

 

 

OCCHI SUL DIABETE, A RAGUSA SETTIMANA DELLA PREVENZIONE

occhiLa prevenzione del diabete costituirà il tema centrale della prossima “Settimana Mondiale del diabete”, che si terrà fra il 7 ed il 15 di novembre. Tutte le indicazioni utili relative alla cura, alla gestione e alla prevenzione del diabete saranno alla base del materiale informativo offerto dall’Associazione Italiana Assistenza ai Diabetici a tutti coloro che parteciperanno alle numerose iniziative in programma. Un articolata Settimana piena di appuntamenti, frutto del  rapporto di collaborazione e sinergia che ha caratterizzano i protagonisti della Settimana del diabete a Ragusa.     «Sensibilizzare il pubblico riguardo ad una malattia che ad oggi conta oltre 415 milioni di malati in tutto il mondo, è necessario anche nell’ottica di una futura diminuzione di coloro che non vedono ancora diagnosticata la propria patologia.» con queste parole Gianna Miceli ha presentato la conferenza stampa indetta per la Giornata mondiale del diabete. Presenti all’appuntamento il dr. Raffaele Schembari – «Anticipare la diagnosi mediante interventi mirati e opportunistici nel setting della medicina generale. Grazie ai farmaci innovativi e alle nuove tecnologie, oggi è possibile gestire nel modo migliore il diabete e garantire alle persone che ne soffrono un’efficace prevenzione delle complicanze, che vuol dire una vita in salute e di buona qualità.» Tra le complicanze più note dovute al diabete figurano i problemi agli occhi. Tuttavia, di fronte alla retinopatia diabetica, un controllo medico annuale particolare e dei trattamenti adeguati permettono di evitare le complicanze e soprattutto la cecità. Ne hanno parlato il presidente dell’Unione italiana ciechi, Salvatore Albani e Giovanni Arestia, Vice presidente Sezione provinciale di Ragusa. La Scuola ha il compito di Insegnare ai più giovani a nutrirsi in modo corretto nel tentativo di indurli a modificare le proprie abitudini a tavola e nel corso della giornata, all’insegna di uno stile di vita più sano, in grado di prevenire o allontanare definitivamente patologie diverse legate all’alimentazione, prima tra tutte quella del diabete. Sottolineata l’importanza dell’attività fisica dalla presenza delle Associazioni: Amunì, NoDoping e Siemu a Peri, che da anni condividono con l’Aiad numerose attività di informazione. Il Diabete è una patologia autoimmune che colpisce la ghiandola pancreatica, determinando la fine del funzionamento di queste cellule che hanno il compito di secernere insulina automaticamente a seconda dei livelli di zucchero presenti nel sangue. Esistono due tipi di questa malattia e per quanto abbiano aspetti simili, si caratterizzano per alcune importanti differenze: il Diabete di tipo 1 è quello che generalmente si manifesta in età infantile attraverso una sintomatologia tipica, ravvisabile nell’eccessivo aumento della sete e della rapida espulsione dei liquidi. Il tipo 2, che insorge solitamente in età avanzata ed è per questo chiamato “Diabete senile”, è collegato a diversi organi, infatti a partire dal malfunzionamento del pancreas vengono coinvolti anche altri organi e la sua gestione risulta più complicata rispetto a quella del primo tipo.

GIORNATA MONDIALE DEL CUORE: L’ASSOCIAZIONE AMICUORE LANCIA IL PROGETTO “RAGUSA CITTA’ CARDIOPROTETTA”

5-4Rendere Ragusa una città “cardioprotetta”, con l’incremento dei defibrillatori nei luoghi più frequentati e con la dovuta e necessaria informazione e formazione della cittadinanza. La neonata associazione “Amicuore Ragusa Onlus”  ha lanciato questo progetto, da sviluppare insieme alle istituzioni, in occasione del convegno “Cuore e prevenzione” realizzato all’auditorium della Camera di Commercio per celebrare la “Giornata Mondiale del Cuore” con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sulla prevenzione delle malattie cardiache e sulla corretta educazione alla salute. L’appuntamento è servito anche per presentare ufficialmente alla città la nuova associazione presieduta dalla dottoressa Lucia Ingarao. “Amicuore” si pone l’obiettivo di perseguire finalità di solidarietà sociale e di promuovere progetti di sviluppo socio-economico e culturale a sostegno dei pazienti affetti da malattie cardiache. La sessione dei lavori è stata avviata dal dottor Antonino Nicosia, direttore della struttura complessa di Cardiologia presso l’ospedale Paternò-Arezzo a Ragusa Ibla e direttore del comitato scientifico costituito in seno all’associazione e formato da medici con il compito di supportare le attività di “Amicuore Ragusa”. “Quando si parla di malattie cardiovascolari è importante evidenziare – spiega il dottor Nicosia – quanto sia necessario per una corretta prevenzione e cura un rapporto costante tra la rete ospedaliera e il paziente stesso, nel senso che la prima deve certamente farsi carico dell’ammalato per curare l’eventuale patologia, ma il secondo, il paziente cioè, deve essere più consapevole della sua condizione di salute in modo da prevenire eventuali problemi”. L’associazione “Amicuore Ragusa” mira a colmare questo gap e a rendere più agevole il rapporto ospedale-paziente, prevenzione-cura, attraverso attività di educazione, informazione e solidarietà nei confronti dei soggetti cardiopatici, a cui rivolgere anche appositi programmi di riabilitazione, di educazione sanitaria nell’ambito delle malattie cardiovascolari e di prevenzione dell’infarto del miocardio. La prevenzione, è emerso più volte dal convegno, inizia spesso a tavola, con una corretta e sana alimentazione, come ha spiegato la dottoressa Lina Lauria, biologa presso la Lilt di Ragusa, che ha approfondito i grandi meriti in proposito della dieta mediterranea.

 

CONVEGNO “CUORE E PREVENZIONE”, IN OCCASIONE DELLA “GIORNATA MONDIALE DEL CUORE”

logo-amicuore-grandeAppuntamento questo giovedì 29 settembre alle ore 17 con il primo convegno “Cuore e prevenzione”, organizzato dalla neo costituita associazione “Amicuore Ragusa Onlus” che farà la sua prima uscita ufficiale alla Camera di Commercio di Ragusa in occasione della “Giornata mondiale del cuore”. L’incontro è dedicato alle malattie cardiache e alla loro prevenzione. I relatori si alterneranno per tutto il pomeriggio di lavori, affrontando varie tematiche come il primo soccorso, la dieta mediterranea come prevenzione delle principali patologie legate al cuore, il rapporto Avis, ed ancora cuore e prevenzione oltre alla testimonianza dell’associazione Cittadinanza Attiva. I lavori saranno avviati dal dottor Antonino Nicosia, direttore della struttura complessa di Cardiologia presso l’ospedale Paternò-Arezzo a Ragusa Ibla, nonché direttore del comitato scientifico costituito in seno all’associazione, che introdurrà gli scopi e i temi della “Giornata mondiale del cuore”. Sarà anche l’occasione per presentare al pubblico la neonata associazione “Amicuore Ragusa Onlus”, presieduta dalla dottoressa Lucia Ingarao che illustrerà le varie attività in programma volte a  informare e prevenire in merito alle patologie cardiache, oggi una delle principali cause di morte tra la popolazione. Una maggiore consapevolezza sul proprio stato di salute e un impegno più incisivo in materia di educazione sanitaria possono infatti invertire il trend e trasformarsi in vere e proprie strategie salvavita. Al convegno interverranno la dottoressa Alessandra Sanfilippo, dirigente medico di I livello del reparto di Cardiologia dell’Asp di Ragusa, il dottor Giovanni Garozzo, direttore UOCC  Immunoematologia e Medicina trasfusionale dell’Asp iblea, la dottoressa Carmela Lauria, biologa presso la Lilt di Ragusa e Giuseppe Greco, segretario regionale di Cittadinanza Attiva Sicilia. Il convegno si concluderà con lo spettacolo “Giovani chitarristi in concerto” con la partecipazione di Salvatore Ingarao e Gabriele Garofalo. La “Giornata mondiale del cuore” è organizzata con il patrocinio dell’Asp 7 Ragusa e con il sostegno di Despar. Per maggiori informazioni è possibile chiamare il numero 3332875740 o mandare una email a [email protected]

 

IL 29 SETTEMBRE A RAGUSA SARA’ CELEBRATA LA GIORNATA MONDIALE DEL CUORE

dott-antonino-nicosiaAnche a Ragusa sarà celebrata la “Giornata mondiale del cuore”. Appuntamento il prossimo 29 settembre alla Camera di Commercio di Ragusa, a partire dalle ore 17, dove si svolgerà il convegno dal titolo “Cuore e prevenzione” con l’intervento di vari medici ed esperti. Si parlerà del primo soccorso, della prevenzione e dei controlli utili per la salute, ma anche di dieta mediterranea. E’ la prima iniziativa della neonata associazione “Amicuore Ragusa Onlus” che coglie l’occasione per presentarsi ufficialmente alla città. Presieduta dalla dottoressa Lucia Ingarao, la nuova associazione nasce con l’obiettivo di coinvolgere la popolazione iblea in un’attività di informazione e prevenzione rispetto alle possibili patologie legate al cuore, che ancora oggi restano una delle cause di morte per molti pazienti, alcuni dei quali inconsapevoli delle proprie condizioni di salute. L’organismo vede al suo interno un comitato scientifico che è composto da vari medici ed è diretto dal dott. Antonino Nicosia, direttore della struttura complessa di Cardiologia presso l’ospedale Paternò-Arezzo a Ragusa Ibla. Il dottore Nicosia, con il comitato scientifico, affiancherà l’attività dell’associazione. “Con l’iniziativa ragusana della Giornata mondiale del cuore intendiamo informare e comunicare con i cittadini per illustrare le principali patologie cardiovascolari. L’obiettivo è quello di coprire il gap che spesso esiste tra l’ospedale e il paziente, nel senso che la struttura sanitaria deve essere attrezzata al massimo per poter curare al meglio le patologie, ma i pazienti devono essere consapevoli in modo da prevenire le patologie cardiovascolari già comprendendo i segni che possono riconoscersi durante la propria vita.  Questo favorirà gli interventi in ospedale e aiuterà i pazienti a vivere meglio e più a lungo. La collaborazione con questa nuova associazione rientra dunque all’interno di questo progetto che servirà a portare avanti delle campagne di educazione e sensibilizzazione della popolazione”. La “Giornata mondiale del cuore” è organizzata con il patrocinio dell’Asp 7 Ragusa e con il sostegno di Despar.

 

E…STATE IN SALUTE

Aiad DiabeteSabato 7 agosto, con inizio alle 9, a Punta Secca, l’associazione volontari del soccorso allestirà un gazebo dove i villeggianti e i turisti potranno  effettuare uno screening gratuito sul diabete, grazie alla presenza di medici e volontari dell’Aiad di Ragusa. “Si tratta nell’ennesima iniziativa dell’Avs di Santa Croce che da mesi ha avviato una campagna di sensibilizzazione sui temi legati alla terza età e alla salute – racconta il presidente dell’associazione volontari del Soccorso, Saro  Sallemi – l’invito che rivolgiamo ai nostri concittadini e ai tanti turisti presenti a Punta Secca ad effettuare lo screening sul diabete assolutamente gratuito”. La Sicilia si colloca al terzo posto tra le regioni italiane per numero di diabetici rapportato al numero degli abitanti, con oltre 290mila casi (5,8% contro la media nazionale del 5,5%; Istat 2012), con un indice di mortalità che è superiore a quello del resto del Paese. Nell’Isola ci sarebbe inoltre il 30/50% di diabetici ancora non diagnosticati, percentuale che porterebbe i siciliani, portatori della malattia, a oltre 400mila. “L’associazione Italiana Assistenza ai Diabetici  – aggiunge  la presidente Gianna Miceli –  è presente nel territorio ragusano, da più di 22 anni, con un impegno continuo e costante sulla problematica del diabete. L’Aiad conta circa 700 Associati, persone con diabete di tipo 2 e di circa 100 bambini ed adolescenti con diabete di tipo insulino-dipendente. La nostra forza sta nella grande opera di volontariato che i vari soggetti svolgono per la nostra associazione”.

GIORNATA NAZIONALE DEL SOLLIEVO

IMG_4976I Volontari della Lega Italiana per la Lotta contro il Tumore, coadiuvati dall’Assistente Sociale dell’Hospice, Marilena Lao, sono stati impegnati a promuovere e a divulgare le attività delle Cure Palliative erogate all’Hospice di Modica,  distribuendo materiale informativo ed illustrativo, anche inerente all’attività di prevenzione oncologica nella provincia di Ragusa, promossa dalla LILT. La manifestazione si è svolta in occasione della celebrazione della  XV Giornata Nazionale del Sollievo, promossa dal Ministero della Salute, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. Il gruppo Volontari Lilt, che da due anni opera  presso l’Hospice di Modica, ha voluto dare un contributo a tale evento promuovendo una campagna di sensibilizzazione  itinerante presso il Presidio Ospedaliero Maggiore di Modica. Nell’occasione, sono state offerte caramelle, cioccolatini e palloncini, ricevendo calda solidarietà, viva partecipazione e tantissimi consensi, da parte degli operatori sanitari e degli utenti. La finalità dell’evento è promuovere le Cure Palliative e diffondere la “cultura del sollievo”, come diritto della persona malata, ad essere informata su quanto si può fare per controllare il dolore, la sofferenza e migliorare la qualità di vita, per la salvaguardia  della sua dignità, anche attraverso una cura umana  fatta di conforto, attenzione e vicinanza.

LA PASSEGGIATA DELLA SALUTE DELL’AIAD DOMENICA 15 MAGGIO

 

8 PASSEGGIATA 2Quest’anno la Passeggiata, giunta alla sua nona edizione, si è arricchita grazie anche all’appoggio, concreto e prezioso, di “Amunì” e “Siamo a Peri”. L’appuntamento è per domenica 15 maggio 2016, in piazza Duca degli Abruzzi, alle ore 9,30. Sarà allestita una postazione per lo screening della glicemia; infatti i diabetologi dell’Aiad: dr. Giorgio Lomagno e Raffaele Bennardo, ma anche il dr. Raffaele Schembari, dirigente medico diabetologo dell’Asp di Ragusa, effettueranno il test glicemico. Un’occasione anche per fare prevenzione. «Siamo molto fieri di essere arrivati alla nona edizione della Passeggiata della Salute, – ha detto Gianna Miceli – presidente dell’Aiad – nata dalla necessità di educare la gente a condurre un corretto stile di vita. Un messaggio importante per prevenire una patologia – il diabete – che sta assumendo proporzioni davvero preoccupanti, soprattutto perché colpisce in età sempre più giovane. I nostri sistemi biologici funzionano in modo ottimale quando facciamo movimento e attività fisica regolare. I periodi prolungati nella posizione seduta, che ormai caratterizzano gran parte delle nostre giornate, ci negano varie opportunità per fare del sano movimento”.

FERTILITÀ IN CALO A RAGUSA E IN SICILIA 

foto 1“Anche in provincia di Ragusa, come nel resto della Sicilia, si registra il calo preoccupante delle nascite. In Italia il tasso di fecondità è sceso ai livelli minimi di 1.29, al di sotto dunque della cosiddetta “soglia di sostituzione” del 2.1 che garantisce il mantenimento della popolazione a crescita zero. Di contro l’età delle donne partorienti sale attestandosi in media a 32 anni per la nascita del primo figlio. Dati che preoccupano il mondo della sanità pubblica soprattutto perché non coincidono con i reali tempi biologici della riproduzione, ovvero circa 20 anni, lentamente trasformati dagli stili di vita imposti dalla società moderna. Diventa dunque fondamentale l’intervento congiunto di tutte le figure professionali presenti sul territorio, dall’Ordine dei Medici ai centri di medicina della riproduzione, dai consultori ai medici di medicina generale”. Ed è questo il messaggio che è emerso al termine della giornata di studi che a Ragusa, presso la sede provinciale dell’Ordine dei Medici, ha dato il via alle cinque giornate formative e informative che complessivamente abbracceranno la Sicilia seguendo le linee direttive del piano nazionale della fertilità.  A confronto, attraverso le relazioni degli esperti, molti medici di famiglia, ginecologi, biologi, ostetrici ed infermieri dell’area iblea che hanno discusso della fertilità dal punto di vista diagnostico e terapeutico, con uno sguardo particolare alle figure coinvolte nel percorso di cura delle coppie sterili. L’iniziativa, dal titolo “Le mille facce della fertilità”, è stata promossa dall’Associazione Ginecologi Territoriali, con il patrocinio dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Ragusa e della Società italiana di Fertilità e Sterilità e Medicina della Riproduzione. “Quando si parla di sterilità e di fertilità – spiega Salvatore D’Amanti, segretario regionale dell’Associazione Ginecologi Territoriali e presidente dell’Ordine dei Medici di Ragusa – entrano in gioco svariati aspetti e diverse figure sanitarie, dalla cui sinergia dipenderà la qualità dell’offerta sanitaria e quindi il benessere della coppia”.

RAGUSA, FESTA DELLA SALUTE

movimento salute benessere scienze motorie educazione fisica pratica osteopatia osteopata chinesiologia RPGMancano pochi giorni all’apertura della prima edizione della “Festa della Salute”, organizzata dalla Rete dei “Petali del Cuore” insieme con la palestra “Basaki” e con il patrocinio della Asp di Ragusa, del comune di Ragusa, in programma per il 7 maggio 2016, dalle ore 10.00, presso la palestra Basaki di Ragusa. Si tratta di un appuntamento unico e mai organizzato prima a Ragusa, che intende proporsi come un contenitore di idee, incontri e scambi dedicati al tema della salute, della sanità e del benessere. “La Festa della Salute sarà per noi una importante e stimolante sperimentazione– spiega il presidente della Rete, dr. Gianflavio Brafa – abbiamo deciso di uscire dai luoghi tradizionali in cui facciamo educazione alla salute, come i servizi sanitari e le scuole, per creare uno spazio sia fisico che virtuale, dove offrire un’occasione nuova per parlare di salute, sanità e benessere a tutto campo. Attorno a noi abbiamo creato una “rete per la salute” che collega istituzioni pubbliche e private (l’Asp, il Comune, le Scuola, la Diocesi di Ragusa e Associazioni di volontariato e sportive, nonché la Cittadinanza e i professionisti che hanno dato un aiuto concreto: dr. Michele Torre, cardiologo; dr. Paolo Dimaio, ortopedico e dr. Vito Perremuto BLS – manovre primo soccorso). Tutto questo per sensibilizzare sui temi della prevenzione, dello star bene, degli stili di vita sani. E il nostro slogan sarà: Salute e benessere: muoversi per star bene con una corretta alimentazione”. La “Festa della salute” un evento per tutti, con animazione, spettacolo e cultura. E’ allestito uno spazio Prevenzione con la possibilità di fare screening: glicemici (il diabete e le sue implicazioni); colesterolemia, celiachia; spirometria; BMI. In programma numerose esibizioni sportive, giochi, danza, degustazioni e la Camminata Ragusa Cammina. Una cornice di numerosi spazi allestiti e gestiti dalle 14 Associazioni di volontariato che fanno parte della Rete.

RAGUSA, PROGETTO “SALUTE E BENESSERE: MUOVERSI PER STAR BENE CON UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE”

 

Continuano gli incontri, con tre importanti appuntamenti, nelle giornate di venerdì 8 e di sabato 9 aprile del progetto a cura della Rete “I Petali del Cuore”, presieduta dal dott. Gian Flavio Brafa e dall’Asp settore educazione alla Salute diretto dal dott. Vincenzo Trapani. Questo venerdì 8  alle ore 9.00, presso l’Istituto scolastico comprensivo “Vann’Antò” l’Associazione Italiana Assistenza ai Diabetici, incontrerà gli studenti della Scuola media. alimentazione-vegana-bambiniOltre al presidente dell’Associazione, dr.ssa Gianna Miceli, saranno presenti il dr. Vito Perremuto, direttore del servizio Igiene Alimentazione e Nutrizione dell’Asp di Ragusa ed alcuni volontari dell’Aiad. Parlare di corretta alimentazione e sani stili di vita per sensibilizzare e prevenire il diabete. Mettere in guardia la popolazione nei confronti di una emergente patologia che colpisce gli anziani ma anche giovani e bambini. Un’iniziativa specifica per sensibilizzare il mondo della scuola: insegnanti, personale non docente e soprattutto gli studenti sulla “Pandemia Diabete” e prevenirne l’insorgenza promuovendo, per l’appunto, corretti stili di vita. Parlarne a scuola è un investendo nelle nuove generazioni. Sabato 9 aprile, sempre alle ore 9.00, presso l’istituto “Galileo Ferraris” via N. Tommaseo, l’associazione Italiana contro le Leucemie, linfomi e mieloma incontrerà gli studenti per parlare del difficile tema della correlazione tra malattie oncoematologiche e territorio con l’obiettivo di contribuire alla diffusione di una maggiore consapevolezza riguardo tali problematiche. Incontro frontale presieduto dal Presidente dell’Associazione, sig.ra Migliorisi Concetta, e condotto dalla Dott.ssa Nicita Carmela socio dell’Ail. Sempre nella stessa mattinata l’Adra – Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso, con Carmela Cascone, intratterrà  i piccoli studenti dell’Istituto “Mariele Ventre”con attività ludiche ad alto contenuto pedagogico sulle otto leggi che regolano la salute: Alimentazione, Aria, Sole, Esercizio fisico, Riposo, Temperanza, Acqua, Fiducia. Il Progetto sta riscuotendo un significativo interesse ed apprezzamento tra i dirigenti scolastici, il corpo docente e non docente anche per la novità nella conduzione, dello stesso, che vede il Volontariato protagonista.

Scroll To Top
Descargar musica