29-05-2017
Ti trovi qui: Home » Sindacati (pagina 10)

Archivio della categoria: Sindacati

Cisl: “Insieme per dare voce ai vostri bisogni”

presidio cislE’ questo il tema della due giorni, organizzata dalla UST Cisl e dal Coordinamento Donne Ragusa e Siracusa, in programma domani, sabato 21 giugno, a Marina di Ragusa e domenica, 22 giugno, nel capoluogo aretuseo. L’iniziativa intende portare tra la gente le attività del sindacato, delle sue associazioni e dei servizi. Alla due giorni, insieme al segretario generale della Ust, Paolo Sanzaro, all’intera segreteria territoriale composta da Cettina Raniolo, Giovanni Fracanzino e Antonio Bruno, alla coordinatrice delle Donne cisline di Ragusa e Siracusa, Piera Ingala, parteciperà la Coordinatrice regionale Donne Cisl Sicilia, Delia Altavilla. Il primo giorno, a partire dalle ore 18, il gazebo cislino sarà allestito in piazza Duca degli Abruzzi a Marina di Ragusa. L’indomani, sempre dalla stessa ora, trasferimento a Siracusa, in largo XXV luglio. Il Coordinamento Donne ha predisposto uno speciale questionario finalizzato a misurare i bisogno della gente nelle due realtà. Non mancheranno momenti di intrattenimento musicale affidato ai tanti volontari Cisl e delle associazioni Anolf e Anteas.

Revisione appalto pulizia ospedali di Ragusa

ospedale maria p.arezzoSi è risolta positivamente la revisione dell’appalto di pulizia negli ospedali di Ragusa. L’accordo è stato siglato con un’intesa che prevede un taglio complessivo solo del 23% delle ore nei due nosocomi e nei presidi della città. Nello stesso tempo si è recuperato con l’integrazione di ore supplementari per non far perdere la retribuzione. Entro il 30 settembre, comunque, l’azienda si impegna a contrattualizzare prima possibile la posizione dei lavoratori. La proposta aziendale, in un primo momento, aveva ipotizzato un taglio delle ore nell’Ospedale civile del 10%, nell’ospedale Arezzo del 30% e nei presidi un taglio drastico del 53%. “Da subito la Cgil ha contestato e rifiutato tale ipotesi, commenta Salvatore Tavolino, segretario generale della Filcams di Ragusa, ritenendo irricevibile, che nei presidi addirittura, si potesse raggiungere una pulizia dei locali in 380 metri l’ora a persona. Una soluzione sicuramente non esaltante ma che blocca il tentativo di ridurre ore e di togliere retribuzione ai lavoratori. Apprezziamo lo sforzo della cooperativa di accogliere le richieste sindacali e di aver accettato le soluzioni proposte”.

 

Eletta a maggioranza la nuova segreteria provinciale

cgil bandieraEletta lunedì sera la nuova segreteria confederale della Cgil di Ragusa. La proposta formulata al parlamentino della Cgil da Giovanni Avola, segretario generale, sui criteri e sui nomi, ovvero Roberta Malavasi, Salvatore Terranova, Franco Renna e Valeria Firrincieli, è stata votata a maggioranza. E’ una segretaria a cinque compreso il segretario generale. Il nuovo esecutivo ha ottenuto sui 60 presenti e votanti (il comitato direttivo  è composto da 75 membri) 45 voti favorevoli (pari al 75% dei consensi) 12 voti contrari e due astenuti. Giovanni Avola ha già annunciato che entro questa settimana saranno distribuite le deleghe ai nuovi componenti la segreteria e il nuovo direttore provinciale dell’Inca. Il segretario generale nel discorso di insediamento della sua segreteria ha annunciato una stagione ricca di impegni. Molte le iniziative sindacali in programma. Si è aperta un forte vertenzialità nei confronti del Governo nazionale che ha limitato il decreto della riforma della Pa alla riduzione del 50% dei distacchi e dei permessi sindacali. Tutto ciò viene letto come una concreta minaccia all’agibilità sindacale, diritto costituzionalmente tutelato. Rimane ferma la determinazione di chiedere al governo centrale l’avvio della trattativa per i nuovi contratti di lavoro e le pensioni. La Cgil siciliana con Cisl e Uil apriranno una forte e decisa interlocuzione nei confronti del governo della Regione a cominciare dall’incontro che si terrà a Palermo con i capigruppo all’Ars per affrontare i nodi più delicati delle vicende che riguardano i forestali, la formazione e il precariato. Del clima particolarmente rovente che si respira nei rapporti tra Cgil e governo nazionale e regionale ha parlato i Mimma Argurio segretaria Regionale Cgil. Ha sostenuto che i provvedimenti assunti dal governo nazionale chiamerà il sindacato ad un repentino cambio di strategia che potrebbe trovare naturale confronto nella conferenza di organizzazione del sindacato che potrebbe essere anticipata rispetto alla fine del prossimo anno. La Cgil dovrà sostenere una stagione particolarmente difficile sul piano vertenziale e nei rapporti con il governo Renzi.

Nuova segreteria Cgil

cgil bandieraLa nuova segreteria provinciale della Cgil di Ragusa sarà eletta dal comitato  direttivo  provinciale che  è  convocato  per le  ore  15:30  di lunedì 16 giugno 2014 nella sala conferenze della Camera del Lavoro in Vico  Cairoli a Ragusa. L’ordine del giorno prevede la consultazione della commissione dei “Saggi”, l’elezione della segreteria e una discussione sulla situazione politica. Per la Segretaria Regionale CGIL Sicilia sarà presente ai lavori Mimma Argurio, Segretaria Regionale Cgil.

Autostrada, i vertici provinciali Cna ricevuti dal prefetto di Ragusa

Calogero, Massari e Biazzo in PrefetturaIl prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, viene incontro alle preoccupazioni manifestate dalla Cna territoriali di Comiso, Ragusa e Vittoria e assicura l’impegno della Prefettura per attivare le procedure tese a garantire il completamento dell’autostrada Siracusa-Gela nel tratto che va da Modica sino a Gela. Rassicurazioni  fornite venerdì mattina, durante l’incontro tenutosi nell’Ufficio territoriale del governo con il  presidente provinciale Cna Giuseppe Massari, accompagnato dai presidenti territoriali di Ragusa e Comiso, rispettivamente Giorgio Biazzo e Giovanni Calogero (c’erano anche i funzionari Giorgio Stracquadanio, Andrea Distefano e Antonella Caldarera). Del tratto in questione al momento si sa poco. I presidenti hanno sottolineato la valenza di quest’altro pezzo di autostrada che metterebbe in collegamento le infrastrutture dell’area, in particolare: l’aeroporto, il mercato ortofrutticolo, l’autoporto, il porto turistico di Marina di Ragusa e la zona industriale di Ragusa. Strutture funzionali all’economia del Sud Est ma che, se non opportunamente collegate, rischiano di non svilupparsi o peggio di rimanere isolate.  “Il prefetto è stato molto disponibile – affermano i vertici Cna – e ci ha chiarito che si attiverà per capire a che punto è lo stato di progettazione dell’importante arteria di cui, proprio nelle ultime ore (grazie sempre all’impegno del prefetto Vardè), sono stati consegnati i lavori con riferimento al tratto Rosolini-Modica”. Al contempo, il presidente Massari e i presidenti territoriali della Cna di Ragusa, Comiso e Vittoria, rispettivamente Giorgio Biazzo, Giovanni Calogero e Giuseppe Santocono, hanno proposto ai presidenti dei Consigli comunali delle tre città di programmare la convocazione di una seduta congiunta dei tre civici consessi invitando la deputazione nazionale e regionale a confrontarsi su questa vicenda e ad assumere una strategia concertata affinché possa risultare soltanto una la linea del territorio.

 

 

SINDACATO CGIL

La Filcams – lavoratori commercio- Cgil di Ragusa ha una nuovaSalvatore Tavolino segreteria eletta dal comitato direttivo della categoria, riunitosi lunedì scorso a Comiso. La segreteria, che collaborerà con il segretario generale della Filcams di Ragusa, Salvatore Tavolino, è composta da Francesco Pisana, Anastasia Calvo e Paola Carrubba. Presidente del direttivo è stata eletta Marisa Guglielmino.

Abilitazione all’insegnamento

snalsIl sindacato Snals informa che il Ministero ha stabilito la scadenza del 16 giugno per l’iscrizione alle selezioni per il T.F.A., corsi di tirocinio attivo finalizzati all’abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado.

La protesta dei lavoratori degli sportelli lavoro

Tornano a protestare i 77 addetti agli Sportelli multifunzionali dellapresidio cisl provincia di Ragusa. Questo venerdì a partire dalle 9,30 i lavoratori davanti al Centro per l’impiego di via Empedocle manifestaranno il loro disagio dopo un mese dal loro licenziamento. “Oltre agli impegni questi lavoratori pretendono azioni precise – ha commentato la coordinatrice del settore Formazione Cisl Piera Ingala – Le parole non sono più sufficienti; il governo regionale trovi immediatamente la soluzione per non danneggiare e mortificare ulteriormente questi lavoratori”.

Chiusura del carcere di Modica

giovanni avola cgilIl segretario generale della Cgil, Giovanni Avola, interviene sulla chiusura voluta dal Ministero del carcere di Modica. “Si sta consumando nell’indifferenza di tutti i soggetti istituzionali l’ennesima spoliazione del nostro territorio con il relativo trasferimento dei detenuti al già saturo carcere di Ragusa e ad altre carceri della Sicilia. Una scelta, inspiegabilmente accelerata dall’Amministrazione Penitenziaria, collegata alla soppressione del Tribunale di Modica. Una scelta – scrive il segretario della Cgil – che ignora l’emergenza sbarchi sulle nostre coste e l’arresto di decine di scafisti che per competenza territoriale vengono trasferiti nel carcere di Ragusa. Una scelta che ignora i rigidi parametri della cosiddetta sentenza Torregiani che hanno portato alla chiusura per inidoneità dei reparti di minorati psichici e femminile al carcere di Ragusa, struttura sprovvista di docce all’interno delle camere di pernottamento. Una scelta che ignora l’iniziativa parlamentare delle ultime ore volta a trasformare la Casa Circondariale di Modica in Istituto a custodia attenuata. Insomma – scrive il segretario della Cgil, Giovanni Avola – una scelta ragionieristica che non tiene conto delle condizioni oggettive delle Case Circondariali di Ragusa e Modica e che non prende in considerazione l’intreccio di soluzioni che nei fatti possono portare alla sospensione del provvedimento di soppressione del carcere di Modica. Tutti e nove i parlamentari iblei intervengano subito, prima dell’ennesimo requiem. La Cgil è pronta a mobilitarsi per la difesa della struttura modicana, per tutelare tutto il personale carcerario e per assicurare una dignitosa e non affollata sede ai detenuti” – conclude il segretario della Cgil, Giovanni Avola. La chiusura del carcere è prevista a giorni.

 

RAGUSA, IL BANDO LAVORO E’ FINALMENTE REALTA’

michele mililliI rappresentanti della Camera del Lavoro di Ragusa, il segretario Nicola Colombo, e Michele Mililli, hanno incontrato l’assessore ai servizi sociali Brafa per definire alcuni aspetti tecnici riguardanti il bando lavoro e il nuovo sistema temporaneo del servizio civico. Scrive la Cgil: “Per quanto riguarda il bando-lavoro si puo’ finalmente affermare che tutto l’iter burocratico è stato espletato e che il Presidente della Cooperativa aggiudicataria dell’appalto ha firmato il contratto. Nei prossimi giorni saranno chiamati a prestare servizio i primi lavoratori. Riteniamo che questo sia il risultato di un’importante lotta – scrive la Cgil -. Lo slogan che gridavamo più di un anno fa davanti al Comune di Ragusa “basta sussidi, vogliamo il lavoro” si appresta a divenire una prima importante realtà. Altra novità è l’istituzione temporanea del servizio civico. Si tratta di lavori e servizi che il Comune di Ragusa intende far eseguire ai disoccupati, individuati sempre dalla lista dei servizi sociali, dietro un corrispettivo economico. Dal 3 Giugno, quindi, – scrive la Cgil – circa 180 indigenti ed ex sussidiati eseguiranno lavori di pubblica utilità per il Comune di Ragusa e quest’ultimo garantirà un corrispettivo economico di circa 250 euro per 60 ore di lavoro al mese. Finalmente si esce dalla logica del sussidio e dall’assistenzialismo per entrare in una logica di liberazione dal bisogno per chi oggi reclama un lavoro finalizzato al sostegno al reddito. La Camera del Lavoro di Ragusa, come fatto fin ora, vigilerà affinchè nulla arresti questo percorso virtuoso e si batterà a livello regionale – si legge nella nota del sindacato Cgil – perchè i cantieri di servizio trovino definitivo avvio in modo tale da dare risposte ad altri 200 disoccupati”.

STATO DI AGITAZIONE DEI LAVORATORI DEL CONSORZIO DI BONIFICA

Conf.Lavoratori proclama lo stato di agitazione per una situazioneprefettura ragusa da mesi stagnante. “Non ce la facciamo più, è il momento di dire basta!”. E’ questo il grido di rabbia dei lavoratori del Consorzio di Bonifica numero 8 di Ragusa. In attesa della “manovrina” di Crocetta, che dovrebbe risolvere la questione degli stipendi, ciò che sta a cuore a molti lavoratori del Consorzio di bonifica è la meta della stabilizzazione più volte promessa. “Chiederemo immediatamente l’intervento del Prefetto affinché si faccia chiarezza su alcuni aspetti anomali in seno al Consorzio di Bonifica. Altresì, coinvolgeremo la deputazione regionale locale e, in un secondo momento, organizzeremo un formale incontro con l’Assessore Regionale all’Agricoltura” – scrive Conflavoratori.

Riduzione di orari al Cipaat, protestano i sindacati

La Cgil e la Flc di Ragusa “stigmatizzano lo strano e incomprensibilecgil bandiera atteggiamento dell’ente di formazione professionale Cipaat Ragusa, tenuto dopo aver operato scelte tanto gravi quanto gratuite nei confronti di tre dipendenti”. Per i sindacati preoccupa il “fatto che la possibile chiusura del Cipaat Ragusa possa rispondere a una precisa e consapevole scelta di qualcuno”.

CONSORZI DI BONIFICA: PREOCCUPAZIONE PER I LAVORATORI

Nonostante le promesse dall’Ars, continua lo stato d’agitazione per i lavoratori dei Consorzi di Bonifica, cui mancano le garanzie occupazionali, mentre l’agricoltura siciliana conta i primi danni dalla mancata partenza della campagna irrigua. Si è tenuta un’assemblea a Modica per parlare dei 7 milioni di euro che servirebbero a pagare i lavoratori a tempo indeterminato dei Consorzi di Bonifica. “Allo stato attuale, non vi è alcuna garanzia occupazionale e siamo preoccupati per questo”, ha affermato Giorgio Fede, Segretario Generale di ConfLavoratori. “Le organizzazioni sindacali confederali avevano indetto uno sciopero e lo hanno poi ritirato dietro una mera promessa, senza avere nulla di concreto in mano, se non lasciando tutto legato alle decisioni che prenderà la politica”. La situazione incerta dei Consorzi di Bonifica presenta un duplice problema. Oltre ai lavoratori c’è infatti il collasso dell’agricoltura perchè la campagna irrigua è già in netto ritardo e, come diretta conseguenza, ha costretto molti imprenditori agricoli e piccoli coltivatori siciliani a rinviare la semina. La Conf.Lavoratori aspetta risposte immediate. Se non dovessero arrivare entro questa settimana, l’organizzazione sindacale proclamerà lo stato di agitazione.

DIRETTIVO CGIL

Anna MezzasalmaAnna Mezzasalma è il nuovo presidente del comitato direttivo della Cgil di Ragusa. E’ stata eletta al termine della prima seduta del “parlamentino” della Cgil. Ha ottenuto 64 voti a favore sui 65 presenti all’assise dei 75 componenti. Si è registrata un’astensione. Il comitato direttivo ha proceduto anche ad eleggere l’ufficio di presidenza composto da Piero Noto e Luana Raniolo che sono stati investiti dalla carica di vice presidenti.

Scicli, scioperano i netturbini

1256204225_netturbiniProclamata una giornata di sciopero degli operatori ecologici di Scicli. L’astensione dal lavoro per l’intera giornata di lunedì.

Negozi e attività commerciali, per la Uil bisogna scioperare il 25 aprile e il primo maggio

uilconfederale“Ormai è sotto gli occhi di tutti che la liberalizzazione degli orari e delle aperture domenicali e festive previsti dal decreto “Salva Italia” non ha portato gli effetti positivi che gli operatori del settore auspicavano. Anzi, si sono registrate solamente aumenti di costi relativi al pagamento delle maggiorazioni domenicali e dei festivi da parte dei datori di lavoro ai propri dipendenti”. La Uil non ci sta e dice che è giunta l’ora di dire basta con le denunzie fine a se stesse, basta con le dichiarazioni a volte ripetitive e sopratutto basta con le richieste di aiuto sparate a salve. “Esortiamo le altre organizzazioni sindacali – dice Angelo Gulizia della Uil – ad indire due giornate di sciopero per le giornate del 25 Aprile e 1′ Maggio”.

 

Nei centri commerciali iblei chiude il 50% dei negozi

foto 1Riceviamo e pubblichiamo

“Più del 50% di locali chiusi in molti centri commerciali e una caduta drastica del numero d’imprese attive nel terziario ubicate nei centri storici e convenzionali. Abbiamo perso negli ultimi tre anni più di 400 posti di lavoro ed è un numero che tende sempre più al rialzo. È questa la drammatica fotografia del commercio ragusano scattata nel corso del congresso provinciale della Uiltucs, alla cui guida è stato confermato Angelo Gulizia. Purtroppo la situazione non accenna a migliorare il terziario non riesce più ad assorbire i lavoratori espulsi dagli altri settori. Così come avveniva in passato. Basta dare un’occhiata alle liste di mobilità, ferme oramai da molti anni per impossibilità di ricollocazione, anche temporanea, in settori che da sempre hanno rappresentato un paracadute sociale di tutto rispetto, quali il commercio e i servizi, per quei lavoratori espulsi da diversi e  altri cicli produttivi. Se non arriveranno più soldi in tasca alle famiglie, quindi una ripresa dei consumi, il rilancio del commercio e di tutta la filiera integrata sarà impossibile. La provincia di Ragusa offre delle eccellenze nel campo del turismo che non riesce a collocare dignitosamente sul mercato delle opportunità. Città d’arte e aeroporto di Comiso devono essere dei brands spendibili sia in Italia che all’estero. Nel 2012 in provincia di Ragusa abbiamo registrato più di 800.000 presenze. Un dato da cogliere al balzo per incrementare e migliorare qualitativamente la nostra offerta. Distanza geografica e alti prezzi di trasporto e la mancanza di una politica di offerta turistica integrata sono tra i fattori che influiscono sull’attrattività turistica della provincia di Ragusa. Le aperture domenicali sono un fallimento, non hanno fatto registrare aumenti sensibili di fatturato e, soprattutto, incrementi dell’occupazione. Le aperture selvagge dei negozi, nel settore del commercio che, certamente, non è servizio di pubblica utilità, hanno reso la vita delle lavoratrici e dei lavoratori sempre più difficile, sempre più in balia di orari frammentati e con l’impossibilità, di fatto, di conciliare il lavoro con la vita privata. In segreteria con Gulizia vanno Salvatore Assenza, Giusy Barresi, Antonio Di Chiara, Maria La Terra”.

Giuseppe Scarpata Uiltucs

Ammortizzatori sociali in deroga, accordo Regione – parti sociali

Raggiunta l’intesa che si aspettava da mesi tra Regione Sicilia e le cgil bandieraparti sociali per la proroga per il 2014 dell’accordo quadro sugli ammortizzatori sociali in deroga. La proroga ottenuta è di vitale importanza per le imprese, specie quelle medio – piccole tipiche della realtà produttiva ragusana, le quali non potendo beneficiare degli strumenti ordinari di sostegno al reddito potranno così godere della Cig in deroga, in questo periodo di profonda crisi indispensabile per evitare licenziamenti di massima e consentire un reddito ai lavoratori sospesi. La proroga, inoltre, consentirà di concedere agli ex lavoratori privi di alcun sostegno al reddito, in quanto oramai esaurito, la mobilità in deroga per l’intero anno in corso. L’intesa raggiunta, in estrema sintesi, permetterà finalmente di riprendere l’esame delle istanze presentate presso l’Ufficio provinciale del Lavoro di Ragusa che ad oggi ammontano a circa 180 richieste di mobilità e a 75 istanze di Cassa Integrazione. Considerata importante l’intesa sottoscritta, tuttavia, la Cgil di Ragusa si sente in obbligo di continuare a porre il problema delle risorse stanziate chiedendo con forza alla Giunta regionale di garantire la copertura finanziaria per tutte le istanze presentate e per l’intero arco del 2014.

 

 

 

 

 

Uil: in edilizia la crisi ha fatto abbassare la sicurezza nei cantieri

giorgio bandiera“La crisi ha fatto peggiorare la situazione sul piano della sicurezza nei cantieri di lavoro”. Così Giorgio Bandiera, segretario generale Uil in occasione del congresso Fenal degli edili di Ragusa, tenutosi a Poggio del Sole Resort. “Nel comparto edile abbiamo assistito in questi ultimi anni a un diffuso utilizzo di manodopera non regolare – dice Bandiera -, così come la domanda di elasticità degli orari di lavoro, con allungamento quasi costante della normale giornata di lavoro nella soddisfazione del profitto d’impresa, ha raggiunto cifre non più tollerabili in provincia di Ragusa. Lavoro nero e illegalità, tutti elementi che incidono negativamente sugli standard operativi di sicurezza. A pagarne il conto sono solo i lavoratori. Un problema serio quello della sicurezza nei cantieri di lavoro che occorre arginare, intensificando i controlli in modo che leggi e regole per la sicurezza vengano rigorosamente rispettate dai datori di lavoro”. La segreteria della Feneal Uil di Ragusa è composta da Nicola Spadaccino (segretario generale), Lalle Spadaccino, Giorgio Gintoli, rsu Colacem Modica, Nicola Benigno, rsu Colacem Ragusa, Paolo Mermina, ex rsu Colacem Modica.

 

Ragusa, incontro al Feliciano Rossitto

SONY DSCNell’ambito del ciclo di incontri con i protagonisti delle lotte sindacali e politiche, l’Avvocato Giuseppe Lacognata, già Segretario provinciale della Cisl, terrà una Conferenza su: “Cinquant’anni di lotte per il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori e in difesa della libertà”. Interverrà Paolo Mezzio, segretario organizzativo della Cisl nazionale. L’appuntamento è per venerdì alle 18.

 

Scroll To Top
Descargar musica