20-11-2017
Ti trovi qui: Home » Televisione (pagina 4)

Archivio della categoria: Televisione

Sventato furto in azienda agricola a Vittoria

volante-polizia-notte-427149.610x431La tempestiva segnalazione da parte del proprietario di un’azienda agricola sita in c.da Gerbe Resinè ed il rapido intervento della Polizia ha evitato che un furto venisse perpetrato ai danni di imprenditore agricolo di 43 anni. Sabato mattina tre giovani avevano preso di mira l’azienda agricola. Quando le Volanti sono giunte nei pressi del luogo segnalato, i malviventi hanno tentato una spericolata fuga a bordo dell’autovettura, una Alfa Romeo 166. L’inseguimento, per diverse strade secondarie e trazzere, è durato più di cinque chilometri ed ha visto impegnate quattro auto della Polizia. I tre infine hanno tentato una disperata fuga a piedi. Due di loro sono stati raggiunti e bloccati. Il terzo è sfuggito ma è stato riconosciuto. Si tratta di un ventenne nato a Vittoria da genitori tunisini, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, e di due tunisini di 20 e 28 anni. Il veicolo, di proprietà del conducente non titolare patente di guida e sprovvisto della prescritta copertura assicurativa, è stato sequestrato. Nel corso della perquisizione è stato rinvenuto sotto il tappetino del passeggero un palanchino che i malviventi avevano intenzione di usare per scardinare il cancello dell’azienda agricola. I tre sono stati denunciati.

POZZALLO, RAGIONIERE BECCATO CON LA MAZZETTA NELLE MUTANDE.  ARRESTATO

FOTO DE RENZISEseguito un arresto per estorsione, da parte dei Carabinieri della Stazione di Pozzallo, che hanno fermato Gennaro De Renzis, ragioniere 50enne, originario di Caserta, subito dopo aver intascato e nascosto nelle mutande una mazzetta da 500 euro, ricevuta dal titolare di un ristorante di Pozzallo, che fornisce i pasti agli operai che lavorano nei cantieri ove si sta costruendo la nuova autostrada Siracusa – Gela. De Renzis che è il responsabile amministrativo – contabile di una delle ditte impegnate nei lavori autostradali, a partire dal mese di luglio dell’anno 2015, aveva iniziato a chiedere al ristoratore, mensilmente, 500 euro, minacciandolo che, se non avesse aderito alle sue richieste, avrebbe fatto disdire l’appalto, arrivando finanche a minacciarlo che avrebbe pure impedito il pagamento delle fatture già emesse per i pasti forniti nei mesi passati. Il povero ristoratore, a questo punto, trovandosi in difficoltà economiche e avendo assoluto bisogno di denaro per pagare i suoi fornitori, cedeva al ricatto versando a De Renzis la somma richiesta e infatti, dopo alcuni giorni, puntualmente, sul conto corrente del ristoratore, giungeva il bonifico relativo al pagamento di una fattura attesa da tempo. Il ricatto però non si fermava qui e la vittima, pur di vedersi regolarmente pagate le fatture che emetteva per i pasti che somministrava ai numerosi operai impegnati nei lavori del nuovo tronco autostradale, era costretto a versare a DE RENZIS, fino al mese di dicembre 2015, 500 al mese. Qualche mese addietro l’estortore decideva di alzare la posta in gioco e chiedeva esplicitamente al ristoratore di presentare, per il nuovo anno, alla ditta con cui aveva stipulato l’appalto per la fornitura di pasti, un nuovo preventivo maggiorato rispetto al precedente, con la precisazione che la differenza di prezzo tra il vecchio e il nuovo preventivo doveva essere corrisposta a lui, in aggiunta all’ormai solito versamento mensile. A questo punto però il ristoratore  si diceva disponibile soltanto a continuare a versare, come effettivamente faceva, la somma di € 500 al mese, ormai divenuta una vera e propria tangente. La conseguenza di tale rifiuto, era che dei consueti 40 operai circa che giornalmente consumavano i pasti presso il ristorante in questione, se ne presentavano soltanto 6, mentre gli altri venivano indirizzati presso altri ristoranti della zona. Il ristoratore  ormai stanco di sottostare al ricatto e capendo di non avere altre vie d’uscita, decideva di rivolgersi alla Stazione Carabinieri di Pozzallo, sporgendo denuncia. I militari in occasione dell’ormai solita “consegna”  mensile  hanno beccato De Renzis mentre si allontanava dal ristorante. Occultate nelle mutande, venivano rinvenute le banconote, 500 euro, ricevute poco prima.  Essendo un incensurato è stato posto agli arresti domiciliari..

 

 

 

 

 

L’ASP DI RAGUSA HA DUE NUOVI PRIMARI: GIOVANNI NOTO E CARMELO SCARSO

 

DSCF4469Sono stati presentati i nuovi direttori dei Pronto Soccorso dell’ospedale “Civile” di Ragusa e dell’ospedale “R. Guzzardi” di Vittoria. Rispettivamente dr. Giovanni Noto e dr. Carmelo Scarso. «Due nomine – lo dice con soddisfazione il Direttore Generale – che sono il risultato di una procedura concorsuale lunga e complessa. Ho scelto i migliori per via della loro esperienza, dei loro curricula, delle loro conoscenze tecnico-formative e gestionali». «Medici fortemente integrati nel territorio, i due nuovi primari, dirigevano, già da tempo i due reparti – dichiara il Direttore Sanitario, dr. Drago – con loro si completa il quadro della Rete Emergenza cui afferisce non solo il Pronto Soccorso, ma anche altri importanti servizi. Mi riferisco ai PTE, ai PPI, alle Guardie Mediche, al 118 e così via. Un ambito che si arricchirà anche di un significativo incremento di personale sia medico che infermieristico in tutti i Pronto Soccorso.»

RIBALTA NAZIONALE PER RAGUSA SU RAI 1

01 Ribalta nazionale per Ragusa su Rai1.avi.Immagine002Lunedì sera è iniziata la nuova serie del Commissario Montalbano, che ha visto protagonista la nostra provincia, ancora una volta valorizzata ed esaltata dalla regia di Sironi, e la nostra emittente Tele Nova, che per l’occasione diventa Rete Libera, l’emittente di Nicolò Zito, interpretato dal ragusano Roberto Nobile, giornalista amico del Commissario. Dopo il Commissario Montalbano è andato in onda Porta Porta, con un omaggio a Ennio Morricone, vincitore dell’Oscar, e l’esecuzione di alcuni brani di Amii Stewart, accompagnata dal ragusano Peppe Arezzo.

Pagamento diritti Siae, la scadenza è stata prorogata al 18 marzo

Emanuele-BrugalettaLa Confcommercio provinciale di Ragusa comunica che il termine di scadenza per il pagamento dei diritti Siae è stato prorogato al 18 marzo mentre, originariamente, il termine era stato fissato per il 28 febbraio. Entro il 18 marzo, quindi, sarà ancora possibile utilizzare il certificato che dà diritto, agli associati Confcommercio, di usufruire delle tariffe scontate. A ricordarlo è il direttore provinciale dell’associazione di categoria, Emanuele Brugaletta, il quale precisa che per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi presso la sede Ascom di Ragusa, in via Roma 212, telefono 0932.622522.

Per la beatificazione di Suor Maria Schininà a Roma 60 pullman da Ragusa

beatifIl 3, 4 e 5 novembre del 1991 Tele Nova realizzò un reportage sul pellegrinaggio ibleo a Roma in occasione della beatificazione della ragusana, fondatrice del Sacro Cuore di Gesù, ad opera di Papa Karol Wojtyla. Immagini e interviste realizzate in quella occasione verranno trasmesse da Tele Nova, per la puntata n. 1105 di Come Eravamo, giovedì 18 febbraio alle ore 15:15, 18, 21:45, 24 e venerdì alle ore 8.

Salvatore Adamo a Tele Nova

mons scarsoMartedì 16 febbraio settimo appuntamento con il premio Ragusani nel Mondo – Come Eravamo. La puntata  andrà in onda su Tele Nova alle ore 14.30, 18, 21, 24 e mercoledì alle ore 8. Nel 2001 il premio andò a Ross Antoci (Australia), mons. Giorgio Scarso (Brasile), Giovanni Siciliano (Venezuela) e al cantante Salvatore Adamo, che si è esibì in Piazza San Giovanni con “La Notte”.

AL CIMITERO DI RAGUSA IBLA 840 LOCULI E 160 CELLETTE OSSARIO

DSCF0485Presso il cimitero di Ragusa Ibla, in un’area complessiva di oltre 1.100 metri quadri, sono stati realizzati 840 loculi per la tumulazione e 160 cellette ossario. Il progetto elaborato dal Settore assetto ed uso del territorio e centro storico ha previsto l’utilizzo di prefabbricati in cemento armato vibrato e comprende la predisposizione per l’illuminazione votiva. Nel corso di una cerimonia il Parroco del Duomo di San Giorgio, Padre Pietro Floridia, presenti il sindaco Federico Piccitto, il vice sindaco ed assessore ai centri storici, Massimo Iannucci, l’assessore ai servizi cimiteriali, Antonio Zanotto, il tecnico comunale responsabile dei servizi cimiteriali, Emanuele Russo, l’impresa che ha realizzato l’opera, ha proceduto a benedire il sito che accoglierà i resti mortali di coloro a cui verranno assegnati sia i loculi, sia le cellette ossario. “I nuovi manufatti funerari oggi disponibili presso il Cimitero di Ragusa Ibla – dichiarano il vice sindaco Iannucci e l’assessore Zanotto – permetteranno di soddisfare le centinaia di richieste da diversi anni presentate al Comune”.

IL COMUNE DI RAGUSA SI DOTA DI UN AUTOMEZZO ATTREZZATO PER IL TRASPORTO DI PERSONE CON LIMITATA CAPACITA’ MOTORIA

29102013124047Un’autovettura “Fiat Doblò” attrezzata per garantire un servizio di mobilità alle persone con limitata capacità motoria sarà da domani a disposizione del Comune. L’Amministrazione comunale e la Pmg Italia hanno infatti condiviso un progetto a sostegno della mobilità di soggetti con disabilità motoria, grazie al quale il Comune potrà utilizzare per due anni, in comodato d’uso gratuito, un automezzo appositamente modificato per il trasporto speciale. L’automezzo verrà consegnato nel corso di una cerimonia che si svolgerà questo sabato alle ore 12, in Piazza Matteotti. Testimonial dell’evento sarà Salvatore Ravalli, campione nazionale di paracanoa.

Letteratura di donne a Tele Nova

1992 lina a telenovaNel 1992 la giornalista Lina Carpinteri presenta i libri di Marguerite Yourcenar “Pellegrina e straniera”, Virginia Woolf “Tutti i racconti” e Renata Edler “Fuoribordo”: la rubrica viene riproposta nella puntata n. 1094 di Come Eravamo che va in onda mercoledì 3 febbraio 2016 alle ore 14.30, 18, 21, 24 e giovedì alle ore 8.

IL QUESTORE DI RAGUSA IN VISITA ALL’ISTITUTO ENOGASTRONOMICO FERRARIS

questore_457Il Questore di Ragusa Dr. Giuseppe Gammino incontrerà questo mercoledì 3 gli studenti dell’istituto professionale indirizzo Enogastronomico “G. Ferraris” di Ragusa. Nel corso della cerimonia il Questore consegnerà agli studenti delle classi  cucina e sala l’attestato di riconoscimento per aver contribuito alla realizzazione del buffet in  occasione della festa per il 163esimo anniversario della fondazione della Polizia di Stato che si è  tenuta a Ragusa lo scorso mese di maggio. Alla cerimonia è prevista la partecipazione del Sindaco di Ragusa, Federico Piccitto. L’iniziativa si inserisce all’interno del progetto Eventi e Manifestazioni del Piano dell’Offerta  Formativa dell’istituto “Ferraris”, che ha visto nel tempo consolidarsi i rapporti tra l’istituzione  scolastica e gli Enti pubblici della città come la Questura e la Prefettura, per un proficuo rapporto di collaborazione a favore della crescita formativa degli studenti. La cerimonia si concluderà con un aperitivo preparato dagli studenti. La dirigenza dell’istituto “Ferraris” di Ragusa esprime vivo compiacimento per l’esperienza professionalizzante fatta dagli studenti supportati, dal lavoro educativo dei docenti e dei tecnici dei laboratori coinvolti. 
 

Come Eravamo

ragMartedì 2 febbraio quinto appuntamento con il premio Ragusani nel Mondo – Come Eravamo. La puntata  andrà in onda su Tele Nova alle ore 14.30, 18, 21, 24 e mercoledì alle ore 8. Nel 1999 il premio andò all’ing. Franck Vincent Bocchieri, imprenditore di Chicago, a Elio Aprile, sindaco di Mar de Plata, all’archeologo Antonino Di Vita.

I ragusani nel mondo ricordano padre Giovanni Tumino

Come Eravamo 1081.avi.Immagine002Martedì 26 gennaio quarto appuntamento con il premio Ragusani nel Mondo – Come Eravamo. La puntata  andrà in onda su Tele Nova alle ore 14.30, 18, 21, 24 e mercoledì alle ore 8. Nel 1998 il premio andò alla memoria del missionario ragusano  padre Giovanni Tumino, al missionario monterossano padre Sebastiano Amato e a Joe Giuseppe Baglieri dell’associazione figli di Ragusa di Brooklyn.

OMAGGIO A ETTORE SCOLA

paese mio 3In occasione della puntata n. 1089 di Come Eravamo, giovedì 21 gennaio alle ore 14,30 – 18 – 21 – 24 e venerdì 22 alle 8, sarà trasmesso da Tele Nova il cortometraggio “Paese Mio” girato da Ettore Scola nel marzo 2008 a Ragusa, Scicli e Marzamemi, in occasione della campagna elettorale per Walter Veltroni premier.

RAGUSA: CINQUESTELLE, PINI E CICLAMINI

alberi.avi.Immagine002Uno  sterminio per questi grandi e vecchi alberi. Da decenni facevano parte della nostra città e non avevano arrecato mai alcun danno. Ora è arrivato il taglio preventivo del pino di quartiere: seghe ed asce – come accaduto ultimamente nelle vie Umberto Giordano e Ruggiero Leoncavallo, per la paura che facciano danno. L’assessore cinquestelle Salvatore Corallo che cura il verde pubblico ed è molto apprezzato per la ricercatezza con cui viene decorata la città, ci dovrebbe spiegare i motivi di questa strage. Proviamo ad anticipare le sue tesi. Sosterrà che c’è uno stato di enorme pericolo e che i tecnici hanno accertato che il peso delle fronde fa rischiare un crollo, che le radici fanno saltare basole ed asfalto, che le pigne possono cadere in testa ai passanti, che gli aghi si possono infilare nelle zampe dei cagnolini… Tutto può avvenire: si chiama ansia, può degenerare. Allo stesso modo infatti se viene una tormenta i pali della luce possono crollare, ed un terremoto ci può far ritrovare il tetto in testa, e la pioggia ci può far rompere una gamba… Non è una furia dei soli grillini, questo taglio all’impazzata dei pini di città. Gli scempi  avvengono in tutti i Comuni d’Italia; un accanimento che non tiene conto della storia millenaria del paesaggio italiano, quello raccontato e ritratto dai viaggiatori e dai vedutisti napoletani del 700. Insomma dobbiamo abbandonare la compagnia di questi immensi alberi di città, e accontentarci degli schieramenti autorizzati di ciclamini. Ovunque spuntano questi teneri fiorellini rossi, bianchi e rosella, signorine timide e perbene  per un paesaggio senza impronta. Vorremmo sapere se prima del taglio sono stati chiamati a discutere del terribile pericolo che incombeva sulle loro teste, i cittadini del quartiere in cui vivevano gli ormai defunti alberi. L’ansia preventiva  è divenuta psicosi di massa che ha trasformato i pini in alberi demoniaci capaci di tutto: le loro radici alzano le strade, i marciapiedi, le fondamenta delle case, e fanno cadere la gente, insomma sono nostri nemici da uccidere. Per Italia Nostra, che si è interessata della questione, il pino vive ovunque nel Paese una fase di declino, ma bisogna provare a salvarlo proprio perché è un albero monumentale e non è per niente pericoloso. Sono gli uomini che non riescono ad accompagnarlo nella crescita secolare, ed allora preferiscono  vederlo come un pericolo pubblico. I pini, un tempo fonte di ispirazione dei poeti, sono vissuti a Ragusa come minaccia alla vita e alla serenità quotidiana. Forse sono visti così male per un solo motivo: sono  ingombranti, di difficile gestione, non amano essere ingabbiati tra asfalto e cemento. Sono alberi forti, rustici, e stridono di fronte ad altre educatissime piante. I pini però simboleggiano una natura bella e selvaggia che può affiancare i cittadini aiutandoli nel ripulire l’atmosfera dalle polveri sottili, riparandoli con l’ombra, ripulendogli i polmoni con un profumo balsamico. Piantare pini fa bene all’ambiente. Un albero elegante, bello che si dovrebbe far rinascere nella nostra città, a costo di mettere in ombra il vellutato ed esile ciclamino che piace tanto ai cinquestelle.

RAGUSA, SI INAUGURA LA TENSOSTRUTTURA ALL’ISTITUTO PAOLO VETRI

 

images (1)Lunedì 21 dicembre verrà inaugurata, alle ore 11, presso l’Istituto “Paolo Vetri” la tensostruttura destinata ad auditorium ed attività collettive.. Per rendere funzionale la tensostruttura che l’Amministrazione Comunale ha realizzato nel cortile della stessa scuola, sono state montate 144 poltroncine acquistate con i fondi derivanti dall’accantonamento del 30% delle indennità di carica che la Giunta Municipale ha deciso di destinare per acquisto di beni a favore della collettività iblea.

ARRESTATO A POZZALLO UN UOMO PER VIOLENZA SESSUALE

imagesLa Polizia ha arrestato G.S. nato a Ragusa di anni 53 residente a Pozzallo. E’  accusato di violenza sessuale aggravata su minori di 14 anni.  L’uomo dopo aver adescato le vittime carpendo la loro fiducia presentandosi come amico dei loro genitori, dava passaggi in auto e offriva gelati. Ad ogni momento utile, palpava e si strusciava addosso alle vittime. L’episodio denunciato risale a  questa estate, quando un gruppo di ragazzini, – meno di 14 anni- voleva andare al mare. Hanno incontrato il delinquente maniaco che fingendosi amico dei loro genitori si è offerto di accompagnarli a casa. I giovani dopo aver tentennato, hanno accettato il passaggio. La vittima è stata una bambina di 12 anni che ha fatto di tutto per sottrarsi all’uomo che comunque prima l’ha molestata pesantemente e poi le ha messo le mani nelle parti intime in modo violento. Poi ha accompagnato i ragazzini a casa e  nel tragitto in macchina si toccava. Ancora non contento G.S. ha contattato nei giorni seguenti  le vittime su facebook offrendo ancora passaggi in auto.I ragazzini dopo un po’ di tempo hanno raccontato l’accaduto ai genitori, senza riferire tutti i particolari. I minori sono stati ascoltati in presenza di una psicologa ed è emersa tutta la storia. Al termine delle indagini, la Procura della Repubblica ha chiesto l’arresto.

Nelle campagne di Santa Croce cercano armi ma trovano coca – Arrestato Elton Laraku

LARAKU_EltonI carabinieri hanno arrestato un trentunenne per detenzione di droga ai fini di spaccio. I militari  erano impegnati in un servizio a largo raggio per il controllo coordinato del territorio proprio nel centro camarinense. Era arrivata tra l’altro una segnalazione di un cittadino che aveva i riferito dell’esistenza di una utilitaria con a bordo un uomo con una pistola nascosta nell’auto. A un certo punto un’auto civetta,  lungo la strada provinciale 85 tra Santa Croce e Scoglitti, ha notato un’auto dello stesso modello di quella ricercata ma di un colore leggermente diverso. I carabinieri, nel dubbio che fosse stato segnalato una tonalità di colore sbagliato, hanno deciso comunque di fermarla e di verificare, anche perché l’andatura del veicolo non appariva regolare. Intimato quindi l’alt, sono intervenuti con determinazione e hanno controllato i tre passeggeri, un vittoriese e due albanesi. Perquisiti i tre, addosso a uno dei due albanesi i carabinieri hanno trovato un involucro di carta contenente della polvere bianca raggrumata in sassi verosimilmente cocaina ancora da tagliare, del peso di poco più di cinque grammi. Hanno quindi preso l’uomo e lo hanno portato a casa sua a Vittoria dove hanno condotto una minuziosa perquisizione. Hanno quindi trovato un bilancino elettronico di precisione e un “panettino” da sette grammi di polvere bianchissima che hanno poi scoperto essere mannitolo, sostanza impiegata per tagliare la cocaina. L’indagato, accompagnato in caserma, è stato arrestato con l’accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Walter Veltroni ospite di Tele Nova

veltroniGiovedì 26 novembre andrà in onda alle ore 14.30, 18, 21, 24 e venerdì 27 alle ore 8, per la puntata n. 1070 di Come Eravamo, una sintesi del rotonova del 12 giugno 1991 con in studio Walter Veltroni, allora dirigente nazionale del Partito Democratico della Sinistra.

parigi classico ragazze

Scroll To Top
Descargar musica