15-12-2017

Il successo del Texas Hold ‘Em in Europa

texas

Trattare il gioco d’azzardo come argomento è diventato sempre più popolare e diffuso, negli ultimi anni, per via del successo del gioco online e del poker sportivo che ha avuto una grande cassa di risonanza mediatica. Il poker nella sua variante più spettacolare, ovvero quella del Texas Hold ‘Em, ha conosciuto una fase di popolarità ascendente che mai si era vista in Europa. In Italia si giocava, prima di questa nuova moda, principalmente al poker classico. Tuttavia nel corso degli ultimi 10 anni e grazie anche al successo e alla popolarità sempre maggiore del gioco online, s’è diffusa la cultura del Texas Hold Em. Sarebbe interessante studiare questo tipo di fenomeno da un punto di vista sociologico, dato che negli Stati Uniti, il gioco ha avuto una grande diffusione nel corso degli ultimi 50 anni. Noi europei abbiamo imparato ad amare questo gioco, grazie anche ai programmi televisivi che ce l’hanno insegnato in modo molto semplice, così come dovrebbe essere per ogni tipo di gioco. La spettacolarità data da questa variante del poker è diventata specialmente per i giovani sempre più richiesta e gettonata. Sono le fasi di gioco con tutte le sue variante a determinare il suo successo. In particolare la possibilità di rilancio, che viene data sul pre-flop, e poi ancora sul flop, sul turn, sul river e sullo showdown, lo rendono uno dei giochi più belli da seguire e da vivere da protagonista. Secondo gli appassionati tra la sua versione di casinò live e quella online, c’è davvero poca differenza. In effetti negli ultimi tempi le World Series of Poker hanno ospitato un numero sempre crescente di giovani gamblers cresciuti alla leva del web, con la sezione texas holdem su William Hill Poker come punto di riferimento. Ma quali sono di fatto le varianti tra il gioco online e quello live offline?

Sicuramente giocare dal vivo comporta alcune spese che chi gioca online non deve sostenere. Le partite di torneo inoltre si possono ora giocare anche online, e non è un caso se spesso anche i giocatori più istruiti e navigati tentano la loro fortuna giocando tramite pc. Da questo punto di vista la fase di transizione tra gioco live e gioco online c’è stata, e in un primo momento i giocatori si sono schierati pro e contro la possibilità di giocare in maniera virtuale. Superato questo ostacolo, quello che rimane del Texas Hold Em è il gioco puro, fine a se stesso. Si tratta di un gioco molto audace e spettacolare, che per certi versi si può paragonare al blackjack e a tutti quei giochi con un minimo di criterio che richiedono l’uso delle carte francesi. Tuttavia il Texas Hold’Em ha delle peculiarità che lo rendono unico, per via anche del suo essere fruibile, aperto a tutti e sicuramente per l’elemento spettacolare che lo caratterizza. Gioca un ruolo essenziale anche la mitologia che c’è dietro questa variante sportiva del poker. Attraverso i divi di Hollywood e le canzoni rock, abbiamo imparato ad amarlo e ad apprezzarlo, addirittura vedendolo come una metafora di vita, e in qualche occasione di riscatto, sociale e morale.

POZZALLO, SBARCANO 440 MIGRANTI

2 ok (1)La Polizia di Stato sta gestendo il trasferimento dei migranti giunti in queste ultime ore presso le strutture individuate sul territorio nazionale dalla Prefettura di Ragusa. La Squadra Mobile di Ragusa ha tratto in arresto un uomo per reingresso in Italia in violazione di legge dopo che era già stato espulso. Nel 2017 presso l’Hot Spot di Pozzallo hanno già fatto ingresso 5990 in occasione di 18 approdi; nel 2016 erano arrivati 18.488 migranti in occasione di 56 sbarchi. Per quest’ultimo sbarco di 440 persone sono stati fermati due scafisti, uno della Nigeria e l’altro del Camerun. Le imbarcazioni, tre gommoni e una barca di legno, erano, ancora una volta, partite dalle coste libiche. I migranti provenienti dal centro Africa sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri. Le operazioni di sbarco non hanno fatto registrare criticità ed è stata prestata la massima attenzione verso i soggetti che avevano bisogno di cure mediche, in particolar modo diverse donne incinte e minorenni. Dopo aver raccolto tutte le testimonianze, gli scafisti sono stati condotti in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria iblea.

RAGUSA, BILANCIO DI PREVISIONE 2017-2019

assstefanomartorana-2La Giunta Piccitto ha approvato, come proposta per il Consiglio Comunale, la delibera  sul bilancio. I documenti, che contengono gli indirizzi fondamentali dell’Amministrazione per il triennio di riferimento e i budget assegnati ai settori della struttura organizzativa dell’Ente, riportano un bilancio complessivamente pari a € 196.205.367,47 per l’anno 2017, € 152.452.764,59 per il 2018 e € 150.172.845,65 per il 2019. Le entrate da trasferimenti dallo Stato, dalla Regione, dall’Unione Europea e da altre amministrazioni pubbliche ammontano, per l’anno 2017, a € 14.167.829,49, confermando un trend di progressiva riduzione, che richiede ai comuni una maggiore autonomia finanziaria, non potendo assicurare la copertura dei servizi rivolti ai cittadini attraverso risorse statali o regionali. Le entrate di natura tributaria si confermano agli stessi livelli dello scorso anno, per l’anno 2017, pari a €54.444.702,73. Le entrate extratributarie si riducono significativamente, passando dai € 33.909.734,06 del 2016 ai € 26.925.890,48 del 2017, per effetto, soprattutto, di una riduzione dei proventi da royalties su estrazioni minerarie. Risulta confermato l’impianto complessivo della spesa, che assicura la continuità dei servizi e il miglioramento dei fondamentali economico-finanziari, proseguendo nel percorso di risanamento avviato a partire dal 2013 e confermato dal miglioramento dei tempi di pagamento ai fornitori e dai dati confortanti contenuti negli ultimi rendiconti consuntivi approvati dalla Giunta Municipale e dal Consiglio Comunale. Numerose anche le opere pubbliche previste. Si tratta di investimenti complessivi pari a € 3.920.000,00 per il 2017, € 3.700.000,00 per il 2018 e € 3.200.000,00 per il 2019. Tra gli interventi proposti dalla Giunta Municipale, gli interventi di riqualificazione degli impianti di pubblica illuminazione, la riqualificazione delle aree a verde pubblico, il rifacimento della pavimentazione stradale della Zona Artigianale di Ragusa, il rifacimento della rete acquedottistica di Viale delle Americhe e delle vie limitrofe, la messa in sicurezza dei solai della scuola elementare Cesare Battisti, gli interventi per la messa in sicurezza degli  edifici scolastici comunali e i lavori straordinari di manutenzione stradale. Sul fronte delle partecipate, confermato, anche per il triennio 2017-19, il sostegno al Consorzio Universitario Ibleo, funzionale al consolidamento e all’ampliamento della presenza universitaria a Ragusa e al Corfilac.

RAGUSA, LAVORI DI RIPAVIMENTAZIONE DI VIA SANT’ANNA: BENE A META

Via Sant'Anna il tratto superiore“Non per criticare sempre e comunque. Ma se i lavori, attesi da mesi, sono finalmente fatti che ciò avvenga, se non a regola d’arte, almeno seguendo gli indirizzi del buon padre di famiglia”. E’ l’affermazione che arriva dal presidente del movimento politico-culturale Ragusa in Movimento, Mario Chiavola, dopo avere raccolto le segnalazioni dei cittadini sulla ripavimentazione di via Sant’Anna. “Prendiamo atto del fatto – aggiunge Chiavola – che numerosi sono stati i problemi di carattere burocratico e tecnico che hanno impedito all’Amministrazione comunale di potere espletare gli adempimenti previsti nei tempi dovuti. Quindi, seppur in ritardo di mesi rispetto al completamento degli interventi di sostituzione della rete idrica obsoleta e fatiscente dell’intera zona, fatto assolutamente positivo, si è arrivati al dunque in queste ore. Ci chiediamo, però, perché nessuno abbia provveduto a monitorare come gli interventi di ripavimentazione sarebbero stati eseguiti. Infatti, se tutto è proceduto nella maniera migliore nella parte bassa di via Sant’Anna, quella che dall’incrocio con via Mario Leggio procede verso via Roma, lo stesso non si può dire per la parte superiore visto che con l’asfalto l’impresa appaltatrice ha coperto tutto, compreso la zanella formata dalle basole storiche. Diciamo noi: ma è mai possibile che si proceda così senza un minimo di attenzione, eliminando come se nulla fosse, con un colpo di bitume, è proprio il caso di dirlo, le tracce della nostra storia? Chiediamo al sindaco Piccitto e al vicesindaco Iannucci, che ha la delega ai Centri storici, di provvedere e di adoperarsi per trovare una soluzione a quello che, a tutta prima, sembra una disattenzione clamorosa a cui bisogna porre rimedio”.

 

A RAGUSA LE SOLENNI CELEBRAZIONI IN ONORE DEI SANTI PIETRO E PAOLO APOSTOLI

san-pietro-e-paoloI solenni festeggiamenti in onore dei Santi Pietro e Paolo apostoli a Ragusa stanno per entrare nel vivo. Questo giovedì 22 giugno, primo appuntamento nella parrocchia di via Umberto Giordano, parroco don Mauro Nicosia. Alle 8,30 si terrà la celebrazione eucaristica, alle 18 con suono festoso di campane e lo sparo di salve a cannone sarà dato il via ai solenni festeggiamenti in onore di San Paolo apostolo. Dalle 9 alle 19, inoltre, è in programma l’adorazione eucaristica. Alle 19 si terrà la celebrazione eucaristica e, a seguire, la processione. Venerdì 23 giugno, invece, sarà celebrata la solennità del Cuore di Gesù. Alle 8,30 è in programma la celebrazione eucaristica. In mattinata, inoltre, ci sarà la raccolta alimentare ad opera della conferenza di San Vincenzo de Paoli per le famiglie bisognose presso i supermercati presenti nel territorio della parrocchia. Alle 18, in più, si terrà la preghiera del Santo Rosario, alle 18,30 la celebrazione dei Vespri, alle 19 la celebrazione eucaristica presieduta da don Andrea Pomillo, animata dai ragazzi, operatori e volontari dell’Anffas onlus di Ragusa. Durante la serata ci sarà l’esibizione di musicoterapia a cura dei ragazzi dell’Anffas “Clapping music”. Alle 20, poi, sarà dato il via alla XVI sagra della pizza e spazio al varietà musicale a cura di Saretto Brullo. Nella parrocchia di San Pietro apostolo, invece, dopo la santa messa delle 8,30, alle 18 è in programma la preghiera del Rosario e alle 18,30 la celebrazione eucaristica presieduta dal sacerdote Salvatore Cannata, vicario foraneo di Ragusa. Alle 21, sul sagrato della chiesa, la compagnia teatrale “Gli amici di San Pietro” presenterà la commedia “Come si rapina una banca”.  La processione con i due simulacri si terrà domenica 25 giugno in serata.

 

 

Calcio a Ragusa: parla La Porta “Costruiamo un percorso di unità tra le varie società”

 

la porta angelo (1)Il consigliere comunale di Insieme Angelo La Porta è seriamente preoccupato per il futuro del calcio a Ragusa ed è per questo che in Consiglio Comunale ha lanciato l’idea di creare un contenitore unico per il calcio a Ragusa e mettere fine alle divisioni che non servono a nulla. Dice il consigliere di Insieme: “Alcuni giorni addietro è stato doveroso da parte mia intervenire in consiglio comunale sia per il mio ruolo  di consigliere comunale ma soprattutto da ex giocatore di quella gloriosa squadra di calcio, l’U.S. Ragusa, che ha dato lustro per tantissimi anni in campo nazionale alla nostra città e tantissime soddisfazioni ai tifosi e a tutti gli appassionati. Sicuramente  oggi, le condizioni di gestione delle società di   calcio sono differenti ed anche molto onerosi  se si vuole avere  una squadra di alto livello rispetto al passato. Con la mia comunicazione nell’aula consiliare ho cercato di  investire l’amministrazione  comunale e in particolare il sindaco e il vice sindaco con delega allo sport  per farsi carico, così come lo è stato  per il rugby, di creare un contenitore  unico aprendo  un confronto con le società di calcio presenti in città e perché no, anche con il Marina calcio, e  coinvolgendo anche tante risorse presenti in città che ancora hanno tanto da dare  a questo fantastico sport”. Poi, c’è il La Porta amarcord: “Mi vengono in mente tanti ricordi risalenti agli anni 70, quando facevo parte della squadra dell’U.S. Ragusa, era tutta un’altra storia rispetto ad oggi, vi era molto più professionismo nella gestione della società e della squadra, allenamenti che iniziavano il martedì e terminavano con la rifinitura del sabato mattina”. La Porta conclude: “Oggi, nonostante gli sforzi economici delle varie  dirigenze che si sono succedute negli anni e degli sponsor, non si riesce a portare la squadra a quei livelli che la città merita. Però la frammentazione porta anche a questo e quindi dobbiamo finirla di farci male”.

 

 

RAGUSA, LA NUOVA STATUA DEL PATRONO NEL GIARDINO DELLA CATTEDRALE

nuovastatua-giardinoNell’ambito dei festeggiamenti della Natività di San Giovanni Battista a Ragusa giovedì 22 giugno verrà benedetta la nuova statua del Patrono del Giardino della Cattedrale, in sostituzione della precedente ormai mal ridotta. Si tratta un momento molto significativo, perché legato fortemente alla devozione dei ragusani nei confronti del Battista: questa, come si sa, consiste principalmente nella partecipazione alla processione con il simulacro, una tradizione che risale ai primi del 1600 quando vennero donate al governatore della Contea di Modica Paolo Larestia le reliquie di San Giovanni (un dente, probabilmente il molare, e un frammento osseo, provenienti dalla Cattedrale di Palermo e con autenticità attestata da un atto dell’Arcivescovo Don Diego De Aedo del 1604) e che vennero accolte dai fedeli in maniera festante con una lunga processione, durante la quale ciascuno dei fedeli portava un cero in mano. Nel corso degli anni, i ceri venivano anche lasciati all’interno della Chiesa, sia da parte di alcuni fedeli a conclusione della processione, che da chi non poteva percorrerla; la cosa però provocò diverse difficoltà, per cui si pensò di sistemare nel giardino della Cattedrale (lato Corso Vittorio Veneto) una immagine davanti la quale deporre i ceri accesi, regalata da una famiglia nobiliare che la possedeva all’interno del proprio palazzo. Questa statua, come detto, è in pessime condizioni, risistemata in maniera “molto artigianale” e per questo, negli scorsi anni, il compianto parroco Don Carmelo Tidona aveva pensato di realizzarne una nuova, aprendo una sottoscrizione per la quale contribuì un gruppo di fedeli, ma Don Carmelo non potè portare a compimento la cosa per svariati motivi tra cui la malattia. Per questo, si è fatto in modo di completare quest’anno l’iniziativa. E’ stato preparato un piedistallo in pietra di Comiso, alto 1,20 mt, sul quale posizionare una nuova statua del Battista in resina policroma che nell’atteggiameto del corpo ricorda quella processionale, da installare esattamente di fronte all’immagine della Vergine Immacolata. Subito dopo la benedizione della nuova immagine, verrà inaugurato il nuovo saloncino intitolato proprio a Padre Tidona, con ingresso da Via Roma 132: un locale che coincide con la precedente sede del Museo della Cattedrale, restaurato e adeguato grazie ai contributi dell’8 per mille e che servirà per attività pastorali, convegni ed eventi. Altro momento significativo si terrà venerdì 23 giugno, con “A Vigilia i San Giuvanni”, evento ricreativo che, nell’ottica di una “festa diffusa” che contribuisce ad una riqualificazione del centro storico nell’ottica di fare comunità: in Via Roma a partire dalle 20.00, per la degustazione delle fave, la sfilata dei “Tamburi Imperiali di Comiso” e, novità di quest’anno, i giochi giganti (Dama, Shangai, Jenga) a cura di Arcadia Comics & Games.

Da venerdì 23 giugno a Marina di Ragusa sventola la Bandiera Blu della stagione estiva 2017 

 

blandibussVenerdì 23 giugno, alle ore 11, a Marina di Ragusa, in Piazza Chioggia, nel corso di una cerimonia a cui interverranno il sindaco Federico Piccitto, la Protezione civile comunale ed il personale in servizio presso il Presidio di soccorso ed assistenza bagnanti ubicato all’interno del Porto turistico di Marina di Ragusa,  verrà issata la “Bandiera Blu 2017”. A seguito di tale riconoscimento che è stato conferito al Comune di  Ragusa relativamente alle spiagge della nostra frazione balneare, è stata adottata  un’apposita determina dirigenziale che individua dal 24 giugno al 17 settembre prossimo il periodo  della Stagione Balneare bandiera Blu 2017  individuando altresì la necessità in tale periodo di garantire dei servizi essenziali. L’Amministrazione comunale infatti  ha già disposto che siano avviati una serie di servizi tra cui la vigilanza per la sicurezza sulle spiagge con l’ausilio dei volontari della Protezione Civile comunale, la pulizia degli arenili, l’accesso agli stessi ai portatori di handicap, l’attivazione del servizio docce gratuite negli arenili.

Ragusa, Museo del Costume   

 

donnafugata-800x463La  giunta municipale ha approvato un atto di indirizzo relativo all’affidamento  in gestione del Museo del Costume, attualmente   in allestimento nei locali a piano terra  del Castello di Donnafugata.  Con l’atto deliberativo, viene autorizzato il dirigente del Settore VII  ad adottare tutte le procedure ad evidenza pubblica necessarie per l’affidamento in concessione, per un periodo di due anni, della gestione della struttura museale. Con l’affidamento del servizio l’amministrazione comunale intende garantire  ai visitatori, nell’ambito delle politiche di valorizzazione  dei beni culturali,  una migliore organizzazione e fruizione del Museo  del Costume.

 

 

 

Vertenza Coop Sicilia. A Ragusa assemblea degli ottantatré dipendenti

ipercoop_“La Filcams-CGIL Sicilia rifiuta di avallare licenziamenti per sanare una situazione debitoria frutto di scelte imprenditoriali improvvide e del tutto fallimentari. Chiede di discutere i piani di rilancio industriale al fine di condividere coi rappresentanti dei lavoratori gli obiettivi, i tempi, i risultati attesi e le attività da intraprendere per far riemergere l’azienda dal guado senza affossare i lavoratori e senza far pagare ancora una volta ad essi i costi”. Questa è la riflessione dei dirigenti sindacali della Filcams Cgil Sicilia in ordine alla complessa vertenza COOP Sicilia. Proprio ieri si è tenuto l’esame congiunto sulla procedura di mobilità aperta da COOP Sicilia e che prevede la chiusura di quattro supermercati, un ipermercato e la riorganizzazione di undici punti vendita per un totale di 273 lavoratori coinvolti. Questo mercoledì è prevista intanto nella sede della Coop Ragusa un’assemblea per affrontare i temi tuttora in discussione e che riguardano il futuro di ottantatré unità lavorative. Salvatore Tavolino, segretario generale della Filcams Cgil di Ragusa e Peppe Scifo, segretario generale della Cgil di Ragusa dichiarano congiuntamente: “ Guardiamo con fiducia alla risoluzione di questa difficile vertenza. Nostro compito primario è quello della salvaguardia dei livelli occupazionali nel nostro territorio ponendo in essere tutte le misure necessarie per scongiurare la chiusura delle di IperCoop Ragusa; non sarà un’impresa facile ma abbiamo il dovere di continuare ed insistere su questa linea”. “La Filcams  CGIL, che rappresenta i lavoratori del commercio, ritiene che COOP Sicilia debba ritirare la dichiarazione di esuberi, – afferma Salvatore Leonardi, segretario generale della Filcams Cgil Sicilia – che produrrebbe un ulteriore sottodimensionamento del personale nei punti vendita ed un inasprimento delle condizioni dei lavoratori, già ampiamente stremati dalle ultime politiche di organizzazione del lavoro dell’azienda”.

Polo museale di Scicli, il sindaco a confronto col Ministro Franceschini

Il sindaco Giannone, il ministro Franceschini, la senatrice PaduaSi è tenuto nella Capitale l’incontro tra il sindaco di Scicli Enzo Giannone e il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini sulla nascita del Polo Museale di Scicli con un focus importante all’ex Convento del Carmine, prossimo alla restituzione alla comunità. Era presente la senatrice Venerina Padua. Il sindaco Giannone e il Ministro Franceschini hanno convenuto sulla necessità di redigere un progetto esecutivo di spazio culturale, di cui il Comune, con i suoi uffici, si farà carico, al fine di creare un grande attrattore culturale di respiro nazionale. Uno dei momenti di questo Polo sarà la pinacoteca del Gruppo di Scicli con lo spazio dedicato alla Fondazione Piero Guccione, in giustapposizione a uno spazio dedicato all’arte contemporanea. Il Ministero dei Beni Culturali parteciperà al progetto dell’amministrazione, e dell’assessorato retto dall’avvocato Caterina Riccotti.

Riscossione tributi a Ragusa, Consiglio comunale approva ordine del giorno della Migliore su revoca affidamento del servizio

sonia migliore 2 (1)Il Consiglio comunale di Ragusa ha approvato l’ordine del giorno, presentato dai Consiglieri del Laboratorio politico 2.0, Sonia Migliore e Manuela Nicita, con il quale si impegna l’Amministrazione comunale a revocare in autotutela l’affidamento del servizio di anagrafe immobiliare integrato (catastale e tributaria), gestito da un’associazione temporanea di imprese di cui è capofila la Lamco srl. Con lo stesso ordine del giorno, inoltre, si chiede all’Amministrazione pentastellata di avviare gli opportuni accertamenti in ordine a eventuali profili di illiceità penale e contabile che potrebbero riguardare l’emissione di “cartelle pazze” e il riconoscimento all’Ati di un aggio elevatissimo (oltre il 42%) sull’accertamento dei tributi non riscossi. “Avevamo presentato questo odg lo scorso marzo – spiega Sonia Migliore – perché vogliamo vederci chiaro su come funziona il servizio di riscossione tributi nella nostra città, preoccupati dall’aver ricevuto numerose segnalazioni da parte di cittadini che avrebbero ricevuto delle ‘cartelle pazze’. Inoltre siamo venuti a conoscenza di alcune indagini da parte della Guardia di Finanza nei confronti di una delle società che compongono l’Ati. Un’indagine estesa in tutta Italia, coinvolgendo 800 comuni, e che ha fatto emergere delle verità allarmanti, con la conseguente trasformazione societaria dell’associazione d’imprese. Avevamo segnalato, in aggiunta, che alcune parti del contratto stipulato tra il Comune di Ragusa e l’Ati erano di dubbia interpretazione e che rischiavano di provocare un contenzioso tra l’Ente e la stessa Ati. L’elevatissimo aggio del 42,5% da riconoscere a chi gestisce il servizio, per esempio, è da corrispondere rispetto ai crediti accertati o a quelli effettivamente incassati dal settore Tributi? Un dubbio che evidentemente non abbiamo avuto solo noi”. “Dal momento dell’affidamento del servizio – dichiara l’esponente del Lab 2.0 – le condizioni dell’Ati sono cambiate e ci siamo chiesti anche se è possibile che il contratto possa essere valido pur venendo a mancare le condizioni iniziali della costituzione di quell’Ati. Ora da parte del civico consesso, dunque, è stato assunto un grande atto di responsabilità che il Comune potrebbe utilizzare come strumento per eventuali azioni di ripercussioni dinanzi al TAR da parte della società che pretende il mega aggio su somme non incassate”.

TROFEO REGIONALE LIBERTAS DI JUDO A SCICLI, LA BASAKI DI RAGUSA HA PORTATO A CASA QUATTRO MEDAGLIE D’ORO E UNA D’ARGENTO

 

Il maestro Baglieri con i suoi miniatleti a ScicliLa squadra agonistica della scuola Basaki di Ragusa ha partecipato al villaggio Jungi a Scicli, alla terza fase del trofeo regionale Libertas di judo 2017. La realtà operativa diretta dal maestro Salvo Baglieri era rappresentata, per quanto riguarda la categoria Fanciulli, da: Sofia Martorana, Alessandro Mea, e, per la categoria Ragazzi da Francesco Antoci Luca Licitra, Giorgio Cappello. La stagione agonistica chiude i battenti, per il team ragusano, con 4 medaglie d’oro e una d’argento. In particolare si è distinto il judoka Luca Licitra che ha conquistato il primo posto dimostrando di aver appreso molto bene tutto il lavoro svolto negli ultimi mesi. Primo posto anche per Giorgio Cappello, benissimo Sofia Martorana e Francesco Antoci Antoci anche loro piazzatisi al 1° posto e Alessandro Mea che, invece, è arrivato al 2° posto.

Scicli, blitz antidroga dei Carabinieri – Arrestato 23enne, in casa coltivava marijuana

canapa1 (3)I Carabinieri della Tenenza di Scicli hanno eseguito uno specifico servizio antidroga sul territorio di competenza, in particolare nei pressi dei luoghi maggiormente frequentati e punto di ritrovo di giovani ove hanno effettuato diversi controlli e perquisizioni. I Carabinieri hanno arrestato un 23enne, G.N., incensurato, nullafacente, sorpreso con numerosi grammi di marijuana, suddivisa in dosi e con diversi materiali per la coltivazione, il taglio ed il confezionamento della sostanza. Il giovane, infatti, è stato notato dai militari dell’Arma mentre percorreva una strada del centro di Scicli a bordo della propria autovettura ma alla vista della pattuglia ha tenuto un atteggiamento sospetto, come se volesse evitare il controllo. Dopo averlo seguito nei movimenti, gli uomini dell’Arma hanno fatto scattare il blitz e lo hanno fermato. Il giovane, quindi, apparso subito molto preoccupato e nervoso, è stato sottoposto a perquisizione personale e veicolare ed è stato trovato in possesso di un sacchetto in cellophane contenente circa 8 grammi di marijuana suddivisa in dosi. A questo punto, i Carabinieri hanno effettuato una perquisizione nell’abitazione del giovane ed hanno rinvenuto, all’interno della sua camera da letto, un contenitore con ulteriori 90 grammi di droga. Inoltre, i Carabinieri hanno scovato un’altra stanza che il ragazzo aveva interamente adibito a vera e propria serra per la coltivazione della marijuana, dotata di apposito impianto di irrigazione ed illuminazione, all’interno della quale sono state rinvenute tre piante di “canapa indiana” alte circa 1,5 metri e vari prodotti specifici per la piantagione. Il ragazzo, dunque, è stato condotto in caserma e dichiarato in stato di arresto e sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Cinema Lumière, dal 29 giugno chiusura estiva

downloadPrima della chiusura estiva il cinema Lumière propone alla clientela l’utlimo film della rassegna “Giugno d’essai”Libere disobbedienti e innamorate – In between” di Maysaloun Hamoud. Il film racconta la storia di tre ragazze arabe a Tel Aviv che vivono facendo quello che farebbero tutte le ragazze del mondo. Leila è un avvocato penalista che preferisce la singletudine al fidanzato, rivelatosi presto ottuso e conservatore, Salma è una DJ stigmatizzata dalla famiglia cristiana per la sua omosessualità, Noor è una studentessa musulmana osservante originaria di Umm al-Fahm, città conservatrice e bastione in Israele del Movimento islamico. Noor è fidanzata con Wissam, fanatico religioso anaffettivo che non apprezza l’emancipazione delle coinquiline della futura sposa. Ostinate e ribelli, Leila, Salma e Noor faranno fronte comune contro le discriminazione. Il film sarà proiettato dal 23 al 28 Giugno alle 18:30 e alle 21:30. Giovedì 22 e lunedì 26 giugno chiuso. Dal 29 giugno il cinema chiude per la stagione estiva ma apre l’Arena di Casuzze.

Estate 2017: quali sono i migliori casinò da visitare per le vostre vacanze

cas on line

L’estate da sempre è sinonimo di vacanze e di relax. Questo ci porta a interrogarci su quale sarà la meta più ambita per questo periodo dell’anno e in particolare per gli appassionati di gioco d’azzardo, i luoghi da visitare riguardano principalmente i migliori casinò sparsi per il globo.

Quali sono però i migliori casinò al mondo?

Nel 2016 è stata stilata l’ultima classifica aggiornata per quanto riguarda i migliori 10 casinò del mondo. Così partendo dalla posizione numero dieci, scopriamo che il Borgata di Atlantic City, nello stato del New Jersey rientra tra i migliori casinò live al mondo. Uno dei motivi è la grandezza e la particolarità di questo casinò. Con oltre 4000 macchine da gioco, distribuite in oltre 160 000 metri quadri, e con 280 tavoli da gioco, tra cui poker e blackjack, il Borgata, vi sorprenderà per comfort, eleganza e dovizia nei particolari. Atlantic City, dopo un periodo di decadenza, a partire dagli anni settanta, ha recuperato il suo prestigio ed è oggi una città che sembra avere le carte in regole per tornare ai suoi massimi splendori. Una bella conferma, quindi trovare il Borgata tra i migliori 10 casinò del mondo. Un’ altra sorpresa è invece rappresentata dal Casino Lisboa, che si trova in Portogallo, precisamente a Lisbona. Anche qui il numero di macchine da gioco è davvero sorprendente così come i tavoli da gioco e le varie attrattive. Con ben 1000 camere d’albergo il Casino Lisboa rientra di diritto tra i casinò più imponenti d’Europa.

Dall’Europa si torna nuovamente agli Stati Uniti, e questa volta in Nevada, nella città simbolo del gioco, ovvero Las Vegas. Qui si trova il Casinò MGM Grand, uno dei più incredibili posti per quanto concerne il gioco d’azzardo. Del resto quando si pensa a Las Vegas vengono in mente una lunga sequenza di opere dedicate allo spettacolo, all’intrattenimento e ovviamente al gioco d’azzardo. Città simbolo del gioco, ma anche luogo dove trascorrere un periodo di vacanza, per via delle numerose attrattive, Las Vegas è stata cantata e celebrata da un numero di canzoni, film e romanzi senza eguali. Tuttavia, nonostante questo assunto, non si trova nel Nevada e nemmeno negli Stati Uniti il primo casinò in classifica.

Il primato tocca invece alla provincia autonoma cinese di Macao. Il Casino è il Venetian. Questo imponente casinò si estende su di una superficie di oltre 546 000 metri quadrati ed è dotato di oltre 3000 macchine da gioco, 870 tavoli, 24 bars e tremila camere d’albergo. Secondo la classifica aggiornata spetta quindi a Macao e al Venetian questo primato. I feedback che sono verificabili anche tramite internet ci dicono di un luogo davvero meraviglioso, non solo per il gioco d’azzardo. Macao ha raggiunto nel corso degli anni il suo massimo splendore ed è a ragione una delle mete da sogno per quanto riguarda la vostra vacanza ideale. Del resto il gioco è solo un motivo o una scusa per effettuare un viaggio di questo tipo. Non ultimo la possibilità di giocare anche online, con Voglia di Vincere giochi casinò che oggi sta riscuotendo sempre più successo tra gli utenti.

Schizofrenia: ora disponibile in Italia la prima terapia da 4 somministrazioni all’anno

101926230-944bf6da-618d-4181-8838-1e3ba5311cefPubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto di rimborsabilità di AIFA per paliperidone palmitato trimestrale: per la prima volta, con sole 4 somministrazioni l’anno, sempre più concreti per i pazienti con schizofrenia e malattia psicotica il sogno di una vita libera e la possibilità di un percorso riabilitativo. I farmaci LAI – Long Acting Injectables, farmaci a lunga durata d’azione, hanno contribuito a modificare la terapia antipsicotica aprendo la strada alla liberazione dal pensiero della malattia e delle ricadute che ingabbiano il paziente, ricadute che colpiscono la gran parte delle persone con schizofrenia. «La terapia trimestrale è un passo avanti non solo per la qualità di vita ma anche dal punto di vista clinico, perché l’aderenza al trattamento, favorita da una terapia di 4 somministrazioni all’anno, può diminuire il tasso di ricadute, come dimostrano gli studi clinici effettuati. E questo è vero soprattutto se il trattamento viene iniziato tempestivamente dopo la diagnosi», dichiara Andrea Fagiolini, Professore Ordinario di Psichiatria, Università degli Studi di SienaLa nuova terapia trimestrale è frutto dell’impegno in ricerca & sviluppo di Janssen, azienda farmaceutica di Johnson & Johnson, con una storia in psichiatria lunga oltre 60 anni.

LA CNA DI RAGUSA A MALTA PER RAFFORZARE IMPRESE E COOPERAZIONE

La presentazione del protocolloSempre più attenzione al rafforzamento del rapporto di cooperazione internazionale. Questo il senso del protocollo d’intesa firmato dalla Cna territoriale di Ragusa, rappresentata dal presidente Giuseppe Santocono, con la Grtu Malta Chamber of Smes (associazione di piccole e medie imprese dell’isola di Malta), rappresentata dal presidente Paul Abela. E’ la naturale conclusione di un percorso avviato nei mesi scorsi, grazie ai rapporti coltivati dal vicepresidente provinciale Cna Ragusa, Maurizio Scalone, con delega all’internazionalizzazione, che hanno sempre più puntato a fare in modo che potessero essere sviluppati progetti speciali per la crescita di entrambi i territori, favorendo lo scambio commerciale tra le piccole e medie imprese. Ma cosa prevede il protocollo? Intanto, al fine di supportare le attività di esplorazione commerciale nei mercati di riferimento e di sviluppare contatti tra le imprese dei due territori, nelle rispettive sedi saranno istituiti uffici di supporto all’internazionalizzazione, le cui modalità di funzionamento saranno disciplinate da uno specifico atto. Gli uffici rappresenteranno il punto di riferimento per tutte le imprese dei rispettivi territori interessate alle iniziative di cooperazione e saranno abilitati ad erogare i vari servizi, come, ad esempio: informazioni sulle principali agevolazioni finanziarie, l’insediamento o l’investimento all’estero, il credito commerciale, la consulenza e assistenza sui programmi e sui bandi pubblici per l’internazionalizzazione, l’organizzazione di giornate di orientamento dedicate alle imprese dei rispettivi territori. Il protocollo è stato sottoscritto alla presenza del presidente nazionale Cna, Daniele Vaccarino, del presidente regionale Cna Sicilia, Giuseppe Cascone, accompagnato dal segretario regionale, Mario Filippello, e dal segretario territoriale Cna Ragusa, Giovanni Brancati. “Si tratta di una intesa – sottolinea il presidente Santocono – che può aprire le porte a varie ipotesi di sviluppo e che, per questo motivo, deve essere valutata nella maniera più attenta. Oggi, l’internazionalizzazione è un processo imprescindibile per la crescita delle piccole e medie imprese soprattutto di alcuni settori”.

LEOLUCA ORLANDO LANCIA LA LISTA DEI TERRITORI PER LE REGIONALI

LEOLUCA ORLANDO

Con un lungo post pubblicato oggi nella sua pagina Facebook, Leoluca Orlando annuncia l’avvio di un percorso per la creazione di una “Lista dei territori” in vista delle prossime elezioni regionali. Orlando traccia un’analisi della situazione politica, affermando i punti irrinunciabili di quello che definisce un “programma chiaro e senza ambiguità”. Questo il testo del post appena pubblicato. “La dignità e la fatica dell’amministrare a servizio delle comunità locali non possono e non devono più essere mortificate ulteriormente da atteggiamenti e pratiche “annacatorie”, che hanno fatto parlare in Sicilia di uno stato di calamità istituzionale. E’ dai territori che occorre prendere le mosse con quello che viene definito “civismo politico”, del tutto alternativo a movimenti tanto ribelli quanto inconcludenti e incapaci di amministrare e del tutto alternativo a logiche di apparato che simulano protagonismo con litigi continui ed inconcludenti. Chi da oltre due anni considera conclusa la esperienza del Governo Crocetta ha il diritto e il dovere di immaginare un futuro diverso e migliore per i siciliani e per la Sicilia, a partire non da alchimie politichesi ma a partire dai problemi reali, come ogni giorno sono chiamati nei territori a fare amministratori locali e Sindaci. Un programma regionale chiaro deve prevedere pregiudizialmente la fine del soffocante ed improprio ruolo politico di governo da parte di un mondo cosiddetto confindustriale siciliano che si ostina a voler comandare, certamente impropriamente e troppo spesso illegalmente. Un programma regionale chiaro di governo deve prevedere la mitigazione della speciale autonomia siciliana, non essendo più tollerabili – in nome della specialità – arbitrii gestionali, inconcludenze amministrative e confusioni legislative, ossessivamente presenti e penalizzanti con riferimento al sistema delle autonomie locali e nei settori di acqua, rifiuti, precariato e formazione professionale. In sintesi, milioni di siciliani non possono essere esclusi, e sono stati sin qui esclusi, dalla comunità nazionale ed europea e dai loro processi di riforma e flussi finanziari, a causa di uno Statuto speciale divenuto alibi per inattività ed inadeguatezze, oltre che privilegio e fonte di rendita parassitaria per pochi ed isolamento e mortificazione per tutti gli altri. Un futuro diverso e migliore si costruisce con un programma chiaro che non può essere rinviato prestando prioritaria attenzione a “chi non ha” e a “chi produce”…  Un programma regionale chiaro deve essere fortemente caratterizzato da cultura e pratica dell’innovazione, cultura e pratica di rispetto ambientale e cultura e pratica della accoglienza, in una prospettiva di mobilità internazionale come diritto umano e pertanto una prospettiva capace di accogliere senza isterie e paure i flussi migratori e di attrarre al tempo stesso enormi potenzialità turistiche. Su queste preliminari scelte programmatiche appare necessaria la presentazione alle prossime elezioni regionali di una “lista dei territori”, che nasca a partire dai territori mortificati in questi anni e nasca attorno ad un programma chiaro, che costituisca la premessa e indichi i contenuti di un auspicabile campo tanto largo quanto privo di ambiguità e pretestuosi rinvii di approfondimento.  A Palermo, sulla base di una azione amministrativa difficile e ricca di realizzazioni, a partire, attorno ed in coerenza ad un programma chiaro di scelte e di azioni già realizzate e di altre in via di completamento è stato possibile individuare candidati e liste. Questo, almeno questo e non altro, credo serva alla Sicilia”.

ERBACCE SUI MARCIAPIEDI DI VIA CARONIA A RAGUSA

Via Caronia erbacce“Che la situazione in città stia diventando esplosiva, per l’incuria che regna sovrana ovunque, è un dato di fatto. Che però ci siano situazioni che, in precedenza, non si erano mai verificate, la dice lunga su quanto la cattiva gestione di questa Amministrazione comunale, per quanto riguarda gli aspetti più semplici, sia arrivata al dunque”. E’ il senso della denuncia politica che arriva dal consigliere comunale del Pd, Mario Chiavola, il quale continua a prendere atto delle numerose segnalazioni che arrivano dai cittadini di Ragusa ormai stanchi della disattenzione nell’ordinaria manutenzione che sembra avere preso il sopravvento nelle frazioni così come nel centro cittadino. “L’ultima indicazione proveniente dai social – afferma Chiavola – arriva da via Caronia, zona semiperiferica di Ragusa, dove l’Amministrazione comunale ha dimenticato di incaricare gli operai all’effettuazione della scerbatura. E così c’è chi scherza sostenendo che se non è possibile andare in campagna, l’Amministrazione comunale ha fatto sì che la campagna arrivasse sino alla città. Invitiamo il Comune a darsi una regolata e a procedere nella maniera più opportuna per eliminare tutte le questioni che, come nel caso di via Caronia, restano ancora irrisolte su più fronti”.

 

 

Scroll To Top
Descargar musica