25-05-2017

SETTIMANA SANTA A RAGUSA IBLA

 La Settimana Santa a Ragusa Ibla 1La Settimana Santa a Ragusa Ibla è iscritta dal 2016 nel registro Eredità immateriali della Sicilia. Si tratta di un insieme di riti che permette di vivere, ai fedeli, con intensa spiritualità, le ore della passione di Cristo. Si ripete da secoli, mantenendo inalterate nel tempo le suggestioni della tradizione, nell’incomparabile scenario storico, artistico e architettonico ibleo. La chiave di tutto è l’adorazione del Santissimo Sacramento esposto solennemente al Duomo di S. Giorgio in ricordo delle “quarantore” durante le quali Gesù rimase nel Sepolcro. In questa occasione, le sei confraternite presenti a Ragusa Ibla, costituitesi tra il 1500 e il 1700, partendo ognuna dalla propria chiesa, con le proprie insegne e gruppi statuari, processionalmente si recano verso la Chiesa Madre San Giorgio per adorare Cristo eucaristico. A Ibla, questi momenti di elevata attenzione verso la sfera dell’intima convinzione di ogni fedele sono contrassegnati da preghiere silenziose, canti e riflessioni oltre che da un fitto calendario di appuntamenti religiosi. I riti della Settimana Santa a Ragusa Ibla sono, però, preceduti da un altro evento religioso ricco di suggestione e carico di intensità spirituale. Il 7 aprile, infatti, ultimo venerdì di Quaresima, sarà riproposto il “Venerdì dell’Addolorata”. La chiesa di San Giacomo Apostolo, all’interno dei Giardini iblei, ospiterà i fedeli, a partire dalle 15, per la recita del Rosario mentre, a seguire, è prevista la “Settina dell’Addolorata”. Sarà l’occasione, prima della santa messa solenne fissata per le 17, per la consegna emozionante di sentiti ex voto da parte di ciascun fedele. Anche in questo caso è una tradizione che affonda le proprie radici nei secoli scorsi e che, ancora oggi, viene ripetuta forte del fervore religioso che anima i devoti. Sempre venerdì 7 aprile, inoltre, alle 20, lungo il corso XXV Aprile, si terrà la via Crucis interparrocchiale, altro momento che coinvolge tutti i fedeli del quartiere barocco e non solo. La Settimana Santa vera e propria, a Ragusa Ibla, con il sostegno del Comune, prenderà il via il 9 aprile con la Domenica delle Palme. Alle 10,30, ai Giardini iblei, ci sarà la benedizione delle palme e la processione verso la Chiesa Madre di San Giorgio dove si terrà la santa messa solenne. Alle 12, è in programma la funzione religiosa nella chiesa di San Tommaso.

Sottoscritto il protocollo d’intesa tra il Comune e la Diocesi di Ragusa

sangiovanni-e1416996184435Il sindaco Federico Piccitto e Padre Giuseppe Antoci,  incaricato diocesano per il Beni Culturali della Diocesi di Ragusa,  hanno sottoscritto  al Comune il protocollo d’intesa  per la fruizione turistica dei beni ecclesiastici della città. L’accordo prevede che dal 3 aprile al 7 gennaio 2018  la Diocesi dovrà assicurare l’apertura e la fruizione turistica in orari predeterminati del Collegio di Maria (Badia), Santa Maria delle Scale, Maria SS. dell’Itria, San Filippo Neri, San Giuseppe ( Benedettine), San Giacomo, SS. Annunziata, San Francesco all’Immacolata, Santa Maria dello Spasimo. La Diocesi inoltre si impegna ad assicurare in ognuna delle chiese incluse nel protocollo la presenza di personale qualificato con sufficiente conoscenza della storia locale e preferibilmente della lingua inglese. A disposizione dei visitatori inoltre dovranno essere messi a disposizione guide in formato tradizionale o digitale con descrizione delle chiese in più lingue e con un  itinerario  da Ragusa superiore a Ragusa Ibla al fine di individuare facilmente le chiese ed agevolarne la visita. A fronte dei sopracitati impegni della Diocesi il Comune corrisponderà alla stessa la somma forfettaria di € 45,000,00 per far fronte ai costi di gestione per garantire la fruizione delle chiese  per tutto il periodo previsto in convenzione. All’elenco delle chiese sopracitate che saranno aperte per la fruizione turistica si aggiungono anche la Cattedrale San Giovanni Battista, il Duomo di San Giorgio, Ecce Homo, S. Agata (all’interno dei Giardini Iblei) e Anime Sante del Purgatorio, con le cui parrocchie sono stati siglati appositi protocolli legati a finanziamenti per interventi di restauro conservativo.

Ragusa, operativo lo Sportello sulla non autosufficienza del Centro studi sulla famiglia 

 

69996att_foto5-400x300In concomitanza con la conclusione del programma PAC, finanziato dal Ministero dell’Interno,  riguardante  prestazioni varie di assistenza domiciliare a favore di persone anziane della nostra città, l’ Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Ragusa Gianluca Leggio rende noto che sarà attivo a partire da domani mercoledì 5 aprile fino alla fine del mese di giugno, presso lo Sportello sulla non autosufficienza del Centro studi sulla famiglia di via Napoleone Colaianni, 69/a , 3^ piano, un servizio di ascolto, consulenza ed informazione a favore delle famiglie interessate. Lo sportello sarà aperto ogni lunedì e mercoledì dalle ore 15,30 alle ore 17. Del servizio potranno avvalersi anche le famiglie interessate al Progetto Home Care Premium 2017, finanziato dall’Inps, che sarà attivo dal 1° luglio prossimo.

Ragusa, la Giunta Municipale ed il presidente del Consiglio Comunale donano alla Biblioteca civica “Verga” 140 sedie

 

downloadCentoquaranta sedie per realizzare presso la Biblioteca civica “G. Verga” delle sale conferenze. Ad acquistarle sono stati i componenti della Giunta Piccitto ed il presidente del Consiglio Comunale utilizzando le somme accantonate con la decurtazione del 30% delle indennità di carica. “Abbiamo deciso di dotare la biblioteca civica “Verga” di tali arredi – dichiara il sindaco Federico Piccitto – in quanto necessari per la realizzazione e la piena fruizione di spazi fissi, all’interno della struttura comunale di via Zama, per conferenze, convegni ed attività culturali”.

 

Modica le palme malate di Piazza Matteotti saranno sostituite

palma-punteruolo-rossoNei prossimi giorni verranno tolte le palme nel centro storico di Modica che costituiscono pericolo per l’incolumità pubblica dopo essere state attaccate dal punteruolo rosso che ne ha minato la tenuta. A comunicarlo è l’assessore Pietro Lorefice dopo aver sentito il parere dei tecnici che le hanno studiate negli ultimi mesi. Le palme malate verranno sostituite con altre che, come è stato dimostrato, sono immuni all’attacco del famigerato parassita che negli ultimi anni ha causato danni notevoli al patrimonio arboreo di tantissime città siciliane. “Abbiamo riscontrato criticità tali da costringerci a programmarne la sostituzione. A prima vista si notano gli alberi ammalorati che, nonostante i tentativi che abbiamo fatto, non sono più recuperabili. Si è notato in città vicine a noi che un ritardo nell’eliminazione della palma colpita ha causato danni notevoli sia a persone che a cose. Il caso più grave a Catania che è costato la vita ad una ragazza seduta su di una panchina e colpita dal crollo di una parte della palma prospiciente. Voglio rassicurare tutti che per ogni palma tolta ce ne sarà un’altra da impiantare. Queste ultime sono particolari specie di palmizie che a tutt’oggi non sono state attaccate dal punteruolo e che quindi ci offrono maggiori garanzie di tenuta in futuro. Ogni nuovo esemplare sarà alto almeno 6 metri di fusto e quindi il panorama del centro storico non subirà grossi mutamenti”.

 

STAGIONE CONCERTISTICA INTERNAZIONALE “MELODICA”

Il flautista Henryk Blazej e la pianista Teresa KabanLe magiche atmosfere dei più celebri compositori polacchi rivivranno durante il nuovo e attesissimo appuntamento con la 22° Stagione Concertistica Internazionale “Melodica”, patrocinata dall’Assessorato agli Spettacoli del Comune di Ragusa, con la direzione artistica della pianista Diana Nocchiero. “Romanticamente… Polonia” è infatti il prossimo concerto della stagione, in programma  sabato prossimo, 8 aprile, alle ore 20.30 al nuovo Teatro Don Bosco di Ragusa. Sul palcoscenico si esibiranno lo stimato flautista Henryk Blazej e la nota pianista Teresa Kaban, in un repertorio dedicato alle più famose opere dei più grandi compositori polacchi, primo fra tutti Chopin. Il biglietto di ingresso al concerto di sabato è di 10 euro, ridotto per studenti 5 euro. I biglietti sono acquistabili su prevendita presso la Libreria Ubik di Ragusa dalle ore 9:00 alle ore 13:00 oppure direttamente al botteghino del teatro dalle 19 del giorno del concerto. Per info è possibile visitare il sito internet www.melodicaweb.it / 333 4326158 / [email protected]

Ragusa, la video installazione di Danilo Amione da sabato 8 aprile  in mostra a Palazzo Zacco

 

DIGITAL CAMERA

Sabato 8 aprile, alle ore 17.30, presso la Civica Raccolta “Carmelo Cappello” di Palazzo Zacco a Ragusa  verrà inaugurata la video istallazione “Memories” di Danilo Amione, video maker, critico cinematografico, docente formatore e titolare della cattedra di Storia del Cinema e del Video presso l’Accademia di Belle Arti Mediterranea di Ragusa. L’evento culturale curato da Andrea Guastella ed organizzato dal Comune di Ragusa e dall’Associazione Aurea Phoenix,  riguarderà una selezione di sei cortometraggi: Dentro uno sguardo, Elegia della parola, Fotogrammi,  Il silenzio di Michelangelo,  Pietas, Toccando il quadro. La mostra resterà aperta fino al 19 aprile e sarà visitabile dal martedì al venerdì, dalle ore 8 alle 14 e dalle 15 alle 19; nelle giornate di sabato gli orari di fruizione dell’evento saranno dalle 9 alle 13 e dalle ore 15 alle 19. Danilo Amione esordisce nella regia con il cortometraggio “Il silenzio di Michelangelo”, ispirato al cinema di Michelangelo Antonioni, film che si aggiudica il terzo premio della sezione “libera l’idea” al VII Festival internazionale del cortometraggio di Firenze “Mediamix 2013” ed è finalista al  Festival internazionale del Cinema di cortometraggio di Erice 2014. Il suo secondo cortometraggio “Pietas”, ispirato alla poetica di Pier Paolo Pasolini, sempre del 2013, è stato finalista al VI Festival Internazionale di cinema e poesia di Modica “Versi di luce 2014” e all’VIII Festival internazionale del cortometraggio di Firenze “Mediamix 2014”  aggiudicandosi il terzo premio della sezione “cultura e societa’ ”. Nel 2014 ha realizzato il corto “Dentro uno sguardo”, ispirato all’intallazione di Peter Greenaway collocata alla Reggia di Venaria di Torino, luogo in cui il film è stato girato. Dello stesso anno è “Toccando il quadro”, corto ispirato all’opera di Felice Casorati  “ragazza con scodella”. “Fotogrammi”, realizzato nel 2015 e il suo quinto cortometraggio, ispirato all’icona del grande regista e attore statunitense Buster Keaton. Il film e’ stato finalista alla II edizione del Festival internazionale del cortometraggio di Quaglietta (Av) e al IX Festival internazionale del cortometragio di Firenze “Mediamix 2015”,  aggiudicandosi il primo premio della sezione “libera creativita’”. “Elegia della parola”, realizzato nel 2016 è il sesto cortometraggio, ispirato alla poetica dello scrittore comisano Gesualdo Bufalino e dedicato alla scrittura come bene umano da salvaguardare. il film e’ stato acquisito dalla “Fondazione Bufalino” di Comiso. Nel 2017 realizza il mediometraggio “l’immagine sacra- la shoah e la cinematografia”, realizzato su richiesta della Prefettura di Ragusa in occasione della Giornata della Memoria.

Tavola rotonda “Ripartiamo da noi – I giovani e la scelta di restare”, con Arturo Diaconale e Simone Digrandi

ripartiamo da noi 1Si è svolta a Roma, presso la sala di Santa Maria in Aquiro del Senato, la tavola rotonda dal tema “Ripartiamo da noi – I giovani e la scelta di restare”. Un appuntamento per raccontare le esperienze di alcuni under 35, quattro siciliani e un romano, che vivono l’impegno civico, l’imprenditoria e la politica in modo diverso da quanto fanno altri coetanei: ottimismo, positività, voglia di rimanere nella propria terra e lottare per emergere. Dopo un breve saluto istituzionale da parte del sen. Giovanni Mauro, che da parlamentare ragusano ha voluto essere presente ad un incontro del quale erano protagonisti alcuni suoi concittadini, ha aperto i lavori Arturo Diaconale, direttore del quotidiano L’Opinione delle Libertà e componente del Consiglio di Amministrazione RAI, il quale ha dialogato con Simone Digrandi, presidente dell’Associazione Youpolis e autore di un libro motivazionale e rivolto ai giovani dal titolo “Dipende da te”, sottolineando le differenze epocali tra i giovani di oggi e chi lo è stato, invece, in un altro periodo storico di questa Italia, un’età vicina, ma che sembra lontanissima. “Un’occasione per me intrigante – ha detto Diaconale – perché io sono di cultura liberale, ma non sono mai stato d’accordo con quanto diceva Benedetto Croce e cioè che il compito dei giovani è soltanto quello di diventare vecchi’. Invece penso che mai come in questo particolare periodo storico, se c’è un’opportunità per ribaltare il generale clima negativo che grava su questo Paese, essa passi proprio dal contributo che possono dare le nuove generazioni”. A proposito di questo, Digrandi da oltre un anno tiene degli incontri nelle scuole per raccontare la sua esperienza di giovane che è riuscito a creare una realtà imprenditoriale e un metodo, con l’associazione di cui è presidente, per praticare impegno sociale e civico insieme a tanti altri coetanei. Esperienze condensate nel libro che ha scritto e nel quale spiega lo spirito del suo approccio alla vita: “Realismo, ma non disfattismo, coraggio, ma non sconsideratezza, sono ingredienti che fanno parte dell’atteggiamento positivo che bisogna avere nell’affrontare le sfide quotidiane”, ha raccontato Simone Digrandi nel corso della sua ‘testimonianza’. Al termine del confronto tra Diaconale e Digrandi, ad alternarsi negli interventi-testimonianza, moderati dal giornalista Matteo Burgio, sono stati: Raffaele Giannone, del Consiglio Dipartimento Giurisprudenza Luiss Guido Carli; Carlo Prosperi, delegato della Consulta Metropolitana dei Giovani Roma Capitale; Salvo Scribano, imprenditore e formatore. Tutti loro hanno fornito alla platea un rapido racconto delle proprie esperienze nei vari campi di azione, quello universitario, quello politico e civico, nell’imprenditoria. Tutte storie di fatica, impegno e traguardi raggiunti, da giovani, rappresentando testimonianze di coraggio e determinazione. Durante l’evento, visita a sorpresa da parte di Ismaele La Vardera, 23enne giornalista inviato de “Le Iene”: La Vardera è fondatore e presidente dell’Associazione nazionale per le verità scomode, una rete di giovani, amministratori, liberi professionisti contro ogni forma di mafia e omertà. E’ impegnato, in queste settimane, nella campagna elettorale per le imminenti amministrative di Palermo dove è candidato alla carica di sindaco.

CINEMA LUMIERE

il segreto-filmAl Lumiere in programmazione settimanale dal 07 al 12 Aprile (18:30 e 21:00) “Il segreto” di J. Sheridan. Lunedì 10 chiuso e mercoledì 12 ingresso a € 2,00. Tratto dall’omonimo romanzo di Sebastian Barry vincitore di numerosi premi, il film racconta la storia di Rose, una donna forte e coraggiosa con nel cuore un segreto inconfessabile e negli occhi il bisogno di verità. Quando il Dottor Stephen Grene, incuriosito, inizia a indagare sul suo misterioso passato, verranno alla luce una relazione di passione e amore travolgente e una colpa, l’unica per Rose: essersi innamorata dell’uomo sbagliato… Jim Sheridan, già regista di capolavori indimenticabili come Il mio piede sinistro e Nel nome del padre, e interpretato da un cast di attori strepitosi, tra cui Rooney Mara e il premio Oscar Vanessa Redgrave, Il segreto è il racconto struggente di un amore vero ma anche l’ennesimo racconto reale dei mali di cui si è macchiata la chiesa irlandese a cavallo degli anni 40, 50 e 60.

LA PRIMA DI PASSALACQUA COME DELEGATO CONI

passalacquaE’ l’inizio di un nuovo percorso ed una pagina nuova per il presidente della Virtus Eirene Ragusa, Gianstefano Passalacqua, che ha parlato per la prima volta nella veste di delegato provinciale del Coni di Ragusa. Passalacqua ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Palaminardi di Ragusa rispondendo alle tantissime domande che gli sono state rivolte. “C’è da lavorare tanto, tantissimo – ha detto – e siamo pronti a farlo. La nostra provincia è riconosciuta come una delle province più laboriose e più sane, e  conto molto in quello che siamo noi ragusani per fare quadrato e per portare avanti discorsi attivi, seri e trasparenti. Lo faremo tirando fuori quello che è il buon senso e le idee. La scuola dello Sport? C’è e si deve utilizzare; peraltro prima di insediarmi ho avuto interlocuzioni ben precise con chi mi ha dato l’incarico su quelle che saranno le prime iniziative che porteremo avanti, e su questo mi riservo di riparlare in seguito. In questo momento c’è da rimettere in sesto soprattutto la struttura: questa è la vera priorità. Perché mi sono preso questo incarico? Soprattutto per i giovani che praticano lo sport. Peraltro agli impiegati ho già chiesto di avere quello che è uno spaccato preciso dello sport ragusano, proprio a partire dal mondo giovanile”. Passalacqua a margine ha parlato anche della sua squadra che è già partita per San Martino di Lupari  dove domani sera è attesa dal match valido come gara 1 dei quarti di finale playoff. La partita, che prenderà il via alle 20,30, sarà visibile in streaming sul sito della Legabasket e potrà essere vista anche nella nuova area del Palaminardi che si inaugurerà questo mercoledì alle 18,00. “Non è altro – ha spiegato Passalacqua – che un punto dove i nostri appassionati possono incontrarsi durante il tempo libero per parlare, stare insieme e condividere la passione per il basket”. Gara 2 è invece in programma sabato alle 20,30 al Palaminardi di Ragusa.

A TRENTANNI DALLA MORTE DI IGNAZIO BUTTITTA

1980 08 roberto voi ignazio buttittaIl 5 aprile del 1997 moriva nella sua Bagheria, all’età di 98 anni, il grande poeta popolare siciliano Ignazio Buttitta. Mercoledì 5 aprile 2017, a trentanni dalla scomparsa di Ignazio Buttitta,Tele Nova dedica “al poeta di piazza” uno speciale contenente una recita di Ciccio Schembari di poesie di Buttitta e una puntata speciale di Come Eravamo con le foto della sua apparizione al quinto Festival della Gioventù promosso nel 1980 dalla Fgci a Marina di Ragusa (Ignazio Buttitta partecipò anche alla prima edizione del Festival nel 1976 in Piazza Malta a Marina di Ragusa), una intervista al poeta di Emanuele Schembari e una recita dello stesso Buttitta a Ragusa Ibla del 24 settembre 1988.

Ragusa, continua il processo per l’ex collettivo “La Fabbrica”

4-Senza_titolo-2Nel 2009  iniziò l’indagine e il processo ad alcuni membri dell’ex collettivo “La Fabbrica”. Una esperienza  interessante, vivace, intelligente che si occupava di cultura e di sostegno a favore di un quartiere i Cappuccini dove il gruppo occupò uno stabile abbandonato, un ex albergo, da cui furono fatti sloggiare e poi denunciati. Una pagina nera per la vita democratica di Ragusa che ancora si trascina nelle aule dei tribunali. Oggi gli ex della Fabbrica scrivono: “Come i cittadini ricorderanno nell’ottobre del 2009 il collettivo decise di riutilizzare e restituire alla città un immobile abbandonato in pieno centro storico: l’ex hotel San Giovanni. La prima occupazione, il primo alito di libertà in una città dove suonare per strada è reato. In pochi mesi di occupazione il collettivo organizzò decine di iniziative sociali e culturali, raccogliendo il consenso non solo del quartiere, ma dell’intera città, dando spazio a tutti i giovani e non, associazioni, e movimenti popolari, lasciandoli liberi di esprimersi liberamente e fuori dalle logiche di mercato. Questi furono i crimini commessi da“La Fabbrica” e che la giustizia italiana persegue ancora oggi a distanza di quasi 8 anni contro tre membri del collettivo. Il 13 aprile l’ultimo appuntamento, quello finale e decisivo: la cassazione a Roma. Per il collettivo la lotta è ancora aperta: continueremo a difenderci fino alla completa assoluzione dei fatti. Dalla nostra un avvocato formidabile, Emiliano Cinquerrui da Catania, che negli anni ha svolto un eccellente lavoro e a cui è data tutta la nostra gratitudine: nonostante la sua benevolenza le spese della giustizia italiana però sono alte. Invitiamo perciò chiunque abbia visto, anche da lontano, cosa “La Fabbrica” abbia rappresentato per la città di Ragusa Domenica 9 Aprile al circolo Lebowski di Ragusa, in via San Vito 101.Il programma prevede: ore 18.30 presentazione del libro di Salvatore Massimo Fazio “Regressione Suicida”, interverrà l’autore, introduce Saro Distefano.-ore 20.30 cena sociale. Dalle ore 21.30 suoneranno Alessandro La Cognata, Andrea CalabreseAntonio D’antoni, Bruna Bottone, Carlo Natoli e Stefano Meli.

MASSERIE ABBANDONATE, RAGUSA ATTIVA CINQUE STELLE PROPONE CENSIMENTO E UN PIANO DI LAVORO PER GIOVANI DISOCCUPATI

downloadLa consigliera Maria Rosa Marabita, dopo aver dichiarato in Consiglio Comunale il proprio dissenso relativamente alla estromissione dalla vittoria a candidato sindaco di Genova di Marika Cassimatis ed espresso solidarietà verso tutti gli attivisti che lottano per affermare i principi democratici della Costituzione, della trasparenza, della coerenza, della correttezza e dell’onesta, in questi giorni ha protocollato un Atto di Indirizzo volto a creare le condizioni affinché si possano sollecitare iniziative atte alla creazione di lavoro e di posti di lavoro. Si legge nel documento:”Nel territorio del Comune di Ragusa potrebbero crearsi le condizioni per coniugare masserie abbandonate e terreni incolti  con disoccupazione giovanile ed indigenza, dove il Comune potrebbe farsi garante  ed interlocutore tra proprietari che non sanno come  utilizzare e custodire la loro proprietà e persone, disoccupate o indigenti, desiderose di dedicarsi all’attività agricola, fornendo loro adeguati incentivi economici, utilizzando a tale scopo  le royalties  del petrolio  che, tra l’altro, hanno anche  la specifica destinazione di fare fronte ai disagi del territorio e di rilanciarne le attività economiche  ed agricole”. La Marabita quindi  propone all’Amministrazione Comunale di avviare uno studio circa la fattibilità di una tale iniziativa accertando, previo censimento degli immobili rurali abbandonati e dei terreni incolti, la  disponibilità dei proprietari”.

Non è un paese per onesti. Storia e storie di socialisti per bene

Copertina-Venerdì 7 aprile alle ore 17,30 presso il Centro Studi “Feliciano Rossitto” (Via Ettore Majorana, n. 5 – 97100 – Ragusa) avrà luogo la presentazione del libro  di “Non è un paese per onesti. Storia e storie di socialisti perbene” di Elio Veltri (Falsopiano editore, 2016, pp. 313). Introduce il dott. Salvo Di Fini, presidente dell’associazione politico culturale “Itinerari”. Modera il dott. Vito Piruzza, giornalista. Interviene l’autore, On. Prof. Elio Veltri. Prima militante socialista, poi sindaco, ematologo, deputato, polemista instancabile, Elio Veltri è autore di non poche pubblicazioni, come “L’odore dei soldi” (con Marco Travaglio) e “Mafia pulita” (con Antonio Laudati). In buona sostanza, un uomo coerente e fermo nelle sue idee. La sua recente fatica letteraria, “Non è un paese per onesti. Storia e storie di socialisti perbene”, è il diario appassionante e appassionato, ma anche scomodo, di uno dei protagonisti del dibattito politico e civile italiano. Le battaglie in Comune per il Piano regolatore, l’obiettivo rivolto ad attuare una città a misura d’uomo, l’impegno in consiglio regionale, gli scandali nella sanità e il periodo buio da tutti conosciuto come “Mani pulite”. E’ la storia di un’altra Italia raccontata tra le delusioni nei Palazzi del potere e l’entusiasmo autentico e genuino della gente comune. La prefazione è stata curata da Carlo Rossella, la postfazione da Vittorio Emiliani. Impreziosisce il volume un inserto fotografico che si presenta molto originale.

 

CIRCOLO PIPPO TUMINO DEL PD DI RAGUSA. SU 396 VOTANTI LA LISTA DI RENZI SI E’ IMPOSTA CON L’80% DELLE PREFERENZE

L'ingresso del circolo Pippo Tumino durante la convenzioneNumerosi i partecipanti alla convenzione che si è tenuta al circolo “Pippo Tumino” del Pd di Ragusa nella giornata di sabato. La sede di via Sant’Anna 191 ha fatto registrare per l’intera durata della convenzione un nutrito via vai di gente. Netta l’affermazione della lista Renzi con oltre l’80% dei consensi, ma anche Orlando ed Emiliano hanno ottenuto la loro parte di voti.  Soddisfatto il segretario del circolo, Gianni Lauretta, per l’ampia partecipazione. I lavori sono stati aperti alle 10 e dopo avere illustrato le proposte dei tre segretari, è stato sviluppato un interessante dibattito, qualificato e stimolante. Unanime la consapevolezza che il populismo e l’antipolitica sono gli avversari da battere, soprattutto alla luce di quanto accaduto in America alle ultime presidenziali. A conclusione dell’appuntamento, si sono aperte le urne e si è proceduto al voto fino alle 16. Ecco i dati: Votanti  396, Renzi   316, Orlando  59, Emiliano 19.

L’ANDREA LICITRA PALLAMANO RAGUSA BATTUTA AD ALCAMO

Andrea Licitra Pallamano Ragusa edizione 2016-2017 (1)L’Andrea Licitra Pallamano Ragusa bloccata dall’Alcamo. La serie positiva dei ragusani si interrompe in trasferta a conclusione di una gara che ha dell’incredibile. Finisce con il punteggio di 26 a 24 a favore dei padroni di casa (il primo tempo si era chiuso con il risultato di 11-10 sempre per l’Alcamo) dopo che, più volte, il regolamento era andato a farsi benedire. Più volte, infatti, il sette allenato da Salvatore Russo non è stato messo nella condizione di potersi esprimere al meglio. “Impossibile difendere – sottolinea il tecnico Russo – a ogni nostro movimento, veniva fischiato un fallo. Un dato? Sono stati ben undici i rigori concessi a favore dall’Alcamo visto che ormai cominciare a difendere dai dieci metri è rigore”. Inutile descrivere lo stato d’animo degli iblei che, già in formazione rimaneggiata per le assenze di Noto, Ballaera, Ficili, Aprile e Malfitano, non potendo contare sulla solita ottima difesa, faticano, e non poco, a tenere botta alla squadra di casa. Resta l’amarezza per determinati atteggiamenti che mirano a modificare i risultati maturati sul campo. Il riferimento è al ricorso presentato dal Cus Palermo, con ammissione di presunta responsabilità da parte degli arbitri circa degli errori compiuti, che mira a fare rigiocare la partita che l’Andrea Licitra Pallamano Ragusa aveva già vinto. In ogni caso, i ragusani cercheranno di essere più forti di qualsiasi avversità. Restano, comunque, in testa alla classifica dopo che Il Giovinetto Marsala è stato battuto dal Cus Palermo e si preparano, dopo la sosta di Pasqua, alla partita casalinga del 22 aprile contro l’Aetna Mascalucia.

 

ECCELLENZE IN DIGITALE

logo-camera-di-commercio-ragusa-400x210Con il primo evento, in programma questo martedì 4 presso la Camera di Commercio di Ragusa, si darà avvio alla 3^ annualità del progetto”Eccellenze in Digitale ” – Le Camere di Commercio per il futuro del Made in Italy”. Promosso da Google in collaborazione con Unioncamere, il progetto ha lo scopo di diffondere la cultura dell’innovazione digitale tra le imprese, incentivando le potenzialità delle stesse al fine di  strutturare o consolidare la loro presenza sul Web. Giunto ormai alla 3^ edizione il progetto, che ha già coinvolto nelle precedenti edizioni più di 100 imprese del territorio del settore dell’agroalimentare e del settore turistico, migliorando la loro competitività sul web, in questa edizione, estesa ora alla totalità dei settori imprenditoriali, parlerà di cultura dell’innovazione attraverso le novità dell’industria 4.0, al fine di aiutare le aziende a sviluppare ulteriori competenze digitali e avviare un dialogo sulle nuove opportunità economiche della rete. Il programma prevede iniziative di formazione e coaching, a favore delle imprese del territorio, interessate a sfruttare i vantaggi del web, che verranno coinvolte in laboratori condotti dal tutor del progetto Margherita Bruno, specializzata in Web Marketing, e con esperienza nel  processo di digitalizzazione di numerose imprese siracusane nell’edizione 2015/2016”, adesso incaricata di seguire le PMI delle Camere di Commercio della Sicilia e della Calabria. Sono stati previsti 6 eventi formativi ai quali seguiranno i follow-up dal taglio più pratico, per approfondire gli argomenti trattati nei seminari. Il progetto, finanziato dal sistema camerale, è offerto gratuitamente alle imprese iscritte alla Camera di Commercio nei settori interessati.

 

 

 

Incendio all’Azienda Imperial Ortaggi di Vittoria

 incendio-capannone-vittoria-410Erano passate da poco le 22, 30 di domenica quando i vigili del fuoco sono stati avvertiti delle fiamme che divampavano. La squadra operativa del distaccamento di Vittoria ed automezzi e personale della sede centrale sono intervenuti lungo lo stradale Alcerito al Km.3.000 per l’incendio che ha interessato una struttura realizzata in profilati metallici e copertura con telo e laterali in lamiera, utilizzata per il ricovero di imballaggi per prodotti agricoli. L’incendio generalizzato rischiava di coinvolgere un’altra struttura vicina. L’intervento terminato dopo le 2 di notte ha evitato il propagarsi dell’incendio.

Ragusa, via Caronia al buio

Emanuele Distefano e Michele TascaStrade completamente al buio in via Caronia, area densamente abitata, nei pressi dello stadio di contrada Selvaggio, a Ragusa. A denunciarlo il portavoce di Territorio, Emanuele Distefano, con il responsabile cittadino degli enti locali, Michele Tasca. “Siamo stati contattati dai residenti – sottolineano Distefano e Tasca – perché da quando alcuni pali sono caduti a terra, a causa del vento forte registratosi qualche settimana fa, nessun passo in avanti, verso la rimozione degli stessi, è stato compiuto. I pali a terra erano e a terra sono rimasti nonostante le sollecitazioni rivolte a palazzo dell’Aquila. Un altro evidente caso di approssimazione nella gestione della cosa pubblica da parte della Giunta grillina. Ci chiediamo, infatti, che senso abbia avuto sostituire le lampade tradizionali con quelle a led se poi, a fronte dello spreco che si sarebbe dovuto risparmiare, non ci si attiva nella maniera migliore per garantire l’illuminazione di alcune zone della città. I residenti di via Caronia sono incavolati perché, pur avendo più volte segnalato la questione a palazzo dell’Aquila, non si sono visti considerati nella maniera dovuta. Come se fossero cittadini di Serie B o, peggio, di Serie Z. Chiediamo, dunque, che si provveda in qualche modo a questa deficienza”.

 

 

 

Ragusa Ibla, avviati  i lavori di restauro ed illuminazione del percorso storico di Discesa dei Miracoli

 

discesa-miracoli-300x225Il sindaco Federico Piccitto ed il vice sindaco con delega ai centri storici Massimo Iannucci, accompagnati dai tecnici del Settore Centro storico, architetto Rosario Scillone e geom. Giovanni Selvaggio, hanno effettuato venerdì scorso un  sopralluogo a Ragusa Ibla nel cantiere in cui l’impresa Minardo Michele di Modica ha già avviato l’intervento di restauro e illuminazione di Discesa dei Miracoli. Previste opere di pulitura del percorso, la ripavimentazione, la sistemazione ed il consolidamento dei muri a secco, il rifacimento della condotta delle acque bianche e la predisposizione degli impianti per la pubblica illuminazione. L’impresa dovrà ultimare l’intervento  entro quattro mesi. “Questo lavoro  – dichiara il vicesindaco con delega ai centri storici Massimo Iannucci – rientra nel piano di recupero dei percorsi storici di Ragusa Ibla; il percorso  su cui si sta intervenendo, che si sviluppa da via Ottaviano a via Torrenuova,  sarà quanto prima praticabilee fruibile da quanti vorranno scoprire nuovi angoli suggestivi dell’antico  quartiere barocco”.

Scroll To Top
Descargar musica