21-08-2017

MARIA SANTISSIMA DELLA MEDAGLIA, AL VIA I FESTEGGIAMENTI IN ONORE DELLA COMPATRONA DELLA CITTA’ DI RAGUSA

Madonna della Medaglia 2016 la processioneRicorre quest’anno domenica 14 maggio la festa di Maria Santissima della Medaglia, compatrona della città di Ragusa. Qui il culto ha avuto inizio nel 1840 quando don Salvatore Ferrera, don Giacomo Gurrieri e don Mario Di Stefano, sacerdoti ragusani, riportarono negli ambienti iblei l’eco dell’apparizione di Maria Santissima della Medaglia a santa Caterina Labourè nel 1830, a Parigi, presso il convento delle suore “Figlie della Carità”. Maria Santissima della Medaglia si presentò come l’Immacolata Concezione, piena di raggi luminosi e con gli anelli alle mani e desiderò che si coniasse una Medaglia con la sua immagine da una parte e dall’altra la “M” con la croce a dodici stelle. E’ mirabile il fatto che successivamente Pio IX, nel 1854, definì il dogma dell’Immacolata Concezione e dopo la Madonna, apparendo nel 1858, a Lourdes, a Santa Bernadette, manifestò il suo nome così: “Io sono l’Immacolata Concezione”. “La prima festa di Maria Santissima della Medaglia – ricorda il parroco della Cattedrale San Giovanni Battista, don Gino Alessi, dove si venera la Madonna – fu celebrata il 2 febbraio del 1840 (festa della Candelora). Nel 1841 la festa della Madonna fu arricchita con la processione del simulacro per le vie della città e si svolse la seconda domenica di maggio. Da allora, ogni anno, si è celebrata in questa data, con grande partecipazione di fedeli recanti le candele votive lungo il percorso della processione”. I festeggiamenti mariani in Cattedrale, con l’apertura del mese di maggio, saranno caratterizzati ogni giorno dalla celebrazione della santa messa, alle 9, dalla preghiera del Rosario e Coroncina, alle 18,15, e dalla celebrazione eucaristica delle 19. Altro momento significativo, inserito nel calendario dei festeggiamenti, quello di sabato 6 maggio, quando cade il 67esimo anniversario dell’istituzione della diocesi di Ragusa. Alle 9 si terrà la celebrazione della santa messa, alle 17 la celebrazione eucaristica sarà presieduta dal vescovo, mons. Carmelo Cuttitta, e saranno ammessi tra i candidati al sacramento dell’ordine i seminaristi Vincenzo Guastella e Sebastiano Scamporrino. Alle 18,45 ci sarà la preghiera del Rosario e la Coroncina oltre alla novena per la Madonna della Medaglia. Alle 19,30 la celebrazione della santa Messa. Domenica 7 maggio, altra giornata intensa. Dopo la celebrazione della santa messa delle 9, la celebrazione eucaristica delle 10,30 sarà animata dal coro della Cattedrale. A presiedere il parroco don Gino Alessi. Sedici ragazzi della comunità parrocchiale faranno la Prima comunione. Alle 12 la celebrazione della santa messa. Alle 18,45 la preghiera del Rosario e la Coroncina assieme alla Novena alla Madonna della Medaglia. Alle 19,30, la celebrazione della santa messa.

CINEMA LUMIERE

la-tenerezza-locandina-lowAl cinema Lumière dal 4 al 9 maggio (orari. 18:30 – 20:30 e 22:30 – lunedì 08 chiuso) torna il cinema di Gianni Amelio con la proiezione, in esclusiva provinciale, del suo ultimo film “La tenerezza” con Elio Germano, Micaela Ramazzotti e Giovanna Mezzogiorno.  Il film racconta la storia di Lorenzo, un anziano avvocato che vive da solo a Napoli in una bella casa del centro, da quando la moglie è morta e i due figli adulti, Elena e Saverio, si sono allontanati. La sua sua vita cambia radicalmente quando Michela e la sua famiglia – il marito Fabio, ingegnere del Nord Italia, e i figli Bianca e Davide – entreranno nella sua vita con una velocità e una pervasività che sorprenderanno lui stesso. Ma un evento ancor più inaspettato rivoluzionerà quella nuova armonia, creando forse la possibilità per recuperarne una più antica. Si informa la clientela che, per quanto riguarda lo svolgimento delle proiezioni de “La tenerezza” nella giornata di Mercoledì 10 è consigliabile informarsi, a partire da lunedì 8 al 3492249680. In ogni caso, il 10 per “Cinema2day” sarà applicata la tariffa ridotta di € 2,00, a prescindere dal film che verrà proiettato.

L’ANDREA LICITRA PALLAMANO RAGUSA SCONFITTA SUL TERRENO DI GIOCO DE “IL GIOVINETTO MARSALA”

Josef FirritoSconfitta indolore per l’Andrea Licitra Pallamano Ragusa domenica scorsa sul campo de “Il Giovinetto Marsala”. Nella penultima gara del campionato di Serie A2, dopo avere conquistato con due turni d’anticipo la promozione in A1, i ragusani hanno avuto la possibilità di fare spazio soprattutto alle seconde linee. Il match si è concluso con il risultato di 34-31 per i padroni di casa del Marsala. Nel primo tempo, invece, il tabellone aveva fatto registrare il punteggio di 15-15. Il tecnico Salvatore Russo ha dato piena fiducia ai giocatori che nel corso della stagione avevano avuto l’opportunità di giocare solo per pochi minuti perché ancora in giovane età o perché alle prese con seri infortuni impossibilitati a recuperare al meglio in campionato. Sono dunque scesi in campo, tra gli altri, il centrale Enrico Schembari, l’ala destra Michele Scarnato, l’ala sinistra Giuseppe Licitra, il terzino Josef Firrito e Paolo Criscione, quest’ultimo condizionato da un problema alla mano destra che non gli ha consentito di potere mettere al meglio a disposizione della squadra, nel corso dell’attuale stagione, la propria forza esplosiva. Il prossimo match è quello di sabato prossimo 6 maggio, tra le mura amiche, con il Palermo. Sarà ancora una volta l’occasione per festeggiare, assieme ai tifosi e ai simpatizzanti, la conquista dello storico traguardo della promozione in Serie A1. E sarà anche l’occasione per rendere onori a Cristopher Ficili che, dopo il pesante infortunio occorsogli nel match contro l’Aetna Mascalucia, finalmente da qualche giorno è uscito dall’ospedale dove era stato ricoverato subito dopo la gara contro la formazione etnea.

 

ARRESTATO AL PORTO DI POZZALLO UN POLACCO CON OTTO CHILI DI SOSTANZA STUPEFACENTE.

8 chiliDurante il periodo delle festività del 25 aprile e del 1° Maggio sono state intensificate le attività di repressione e contrasto ai traffici illeciti a cura dei finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa. Il 30 aprile al porto di Pozzallo, le Fiamme Gialle, con la collaborazione di personale dell’Agenzia delle Dogane, hanno individuato tra i passeggeri in fila per imbarcarsi sul catamarano diretto a Malta, un uomo che, alla vista dei militari, ha cominciato a dare evidenti segnali di nervosismo e ha cercato di allontanarsi dall’area d’imbarco. Il successivo controllo, prima sui bagagli e poi sulla persona, ha permesso di rinvenire otto chili di marijuana, accuratamente confezionata sotto vuoto, nel chiaro intento di sfuggire al fiuto dei cani antidroga. Inoltre, sulle varie confezioni erano riportate quantità e tipologia qualitativa della sostanza stupefacente trasportata, con l’obiettivo di soddisfare l’allettante mercato della droga maltese. Il responsabile, di origine polacca, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e condotto presso la Casa Circondariale di Ragusa. La droga avrebbe potuto fruttare non meno di 50.000 euro.

 

A Scicli Salvalarte 2017

download (1)Venerdì 5 maggio alle 19.30 presso il lungomare di Sampieri avrà inizio a Scicli Salvalarte 2017.  Salvalarte è la manifestazione con la quale a partire dal 1999 Legambiente pone l’accento sullo stato dei monumenti e delle opere d’arte italiani, quest’anno avrà luogo dal 4 al 14 maggio. Spesso, si tratta di siti ritenuti minori o che, fuori dagli itinerari turistici tradizionali, sono nei fatti, trascurati se non abbandonati. Si tratta di un patrimonio inestimabile che soffre di incuria proprio perché non conosciuto abbastanza e, pertanto, uno degli obiettivi fondamentali della campagna, oltre l’informazione e la sensibilizzazione, è quello di individuare e segnalare le opere a rischio, nel contempo e ovunque possibile avviando, o riavviando, i complessi meccanismi per il loro recupero. Kiafura Legambiente Scicli, circolo di nuova formazione, intende porre l’attenzione su due edifici di altissimo pregio e che nonostante studi qualificati e interventi di associazioni cittadine e, in qualche caso, di istituzioni, appaiono abbandonati al loro destino. La Fornace Penna, opificio edificato partire dal 1912 in Sampieri (frazione marinara di Scicli) su progetto dell’ing. Ignazio Emmolo e distrutto da un incendio nel 1924, il cui carattere monumentale si distingue nettamente da ogni altro edificio costruito per scopi produttivi. Il convento dei Francescani Conventuali di San’Antonino, in sponda destra del torrente Modica – Scicli, nei pressi dell’attuale ospedale cittadino, è anch’esso semidiruto e abbandonato. La fondazione oscillerebbe tra 1514 e 1522 e pur nell’ottica dell’ibrido si caratterizza per un’apertura straordinaria verso il mondo rinascimentale è il convento di a Scicli. Il programma di massima prevede l’apertura di Salvalarte per venerdì 5 maggio alle ore 19.30 presso il lungomare di Sampieri, con  la passeggiata a lume della luna che dalla frazione marinara di Sampieri raggiungerà la Fornace Penna, camminando  per la lunga la spiaggia sabbiosa. Per gli appassionati delle due ruote, in bicicletta lungo la ciclabile che dalla frazione costeggia il boschetto forestale e raggiunge la Fornace con una pedalata di circa 2 chilometri. Presso il monumento e la sua alta ciminiera in mattoni rossi, autentico vessillo del paesaggio costiero, verranno letti brani tratti da libri, documenti storici, cronache del tempo, in omaggio al Maggio del Libro che si celebra in tutto lo Stivale. Sabato 13 marzo alle 18 Salvalarte si sposterà nel centro storico della cittadina iblea per un incontro sui due monumenti prescelti,  Sant’Antonino e Fornace Penna. Oltre ad illustrarne il valore storico monumentale di ciascuno ricorrendo a materiale  storico e multimediale contemporaneo, si farà il punto della situazione in merito ad azioni di recupero e salvaguardia, coinvolgendo altri attori del territorio. In ogni iniziativa in programma, Salvalarte e Salvailsuolo cammineranno insieme e sarà pertanto possibile ai partecipanti della prima sottoscrivere la petizione europea per la tutela del suolo, dramma che coinvolge il 50% della superficie isolana. Indispensabile l’illuminazione per le biciclette e anche per i camminatori.

Stagione elettiva della Cna territoriale di Ragusa Eletti i presidenti dei pensionati e dei termoidraulici

 

Brancati, Santocono, Canto, Schininà, Prisinzano

Continua la stagione elettiva della Cna territoriale di Ragusa sul tema “Connessi al cambiamento”. L’assemblea elettiva provinciale della Cna pensionati è stata caratterizzata da una consistente partecipazione di associati. Sul tappeto tutte le problematiche che erano già state al centro delle varie assemblee comunali. In particolare evidenza la disponibilità manifestata dai pensionati artigiani, rispetto ai territori di riferimento, per curare, con apposite convenzioni con le amministrazioni, il verde pubblico o la manutenzione spicciola di alcune strutture comunali. Al termine dei lavori, Antonino Cavallo è stato riconfermato alla carica di presidente provinciale della Cna Pensionati, alla presenza del responsabile organizzativo, Giorgio Stracquadanio. All’assemblea hanno partecipato anche Cino Roccella e Mario Filippello, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Pensionati. Per quanto riguarda, invece, l’assemblea elettiva del mestiere Cna Termoidraulici, il nuovo portavoce provinciale è l’imprenditore Pietro Canto di Ispica.

Ammissione agli Ordini sacri per Vincenzo Guastella e Sebastiano Scamporrino

 

REUTERS1018396_LancioGrandeSabato 6 maggio, 62esimo anniversario di istituzione della diocesi di Ragusa, alle ore 17:00, nella chiesa cattedrale di Ragusa,  i seminaristi Vincenzo Guastella e Sebastiano Scamporrino riceveranno l’Ammissione agli Ordini sacri che costituisce l’inizio ufficiale del cammino verso l’ordinazione sacerdotale che avverrà al termine del percorso formativo dei seminaristi.

LE CELEBRAZIONI PER S. GIUSEPPE ARTIGIANO A RAGUSA

La chiesa di San Giuseppe artigiano a RagusaEntrano nel vivo  le iniziative che caratterizzeranno le celebrazioni in onore di San Giuseppe artigiano, tuttora in fase di svolgimento nel quartiere Sud di Ragusa, uno dei più popolosi della città. In particolare, oltre alle sante messe che si terranno alle 8,30 e alle 19, quest’ultima con la celebrazione del sacerdote Nicola Iudica, da mettere in rilievo, alle 20,30, di questo mercoledì nella chiesa di via Pietro Nenni, la terza rassegna dei cori con la partecipazione delle corali parrocchiali della città. A conclusione della kermesse canora, ci sarà il canto del Salve Regina e del Padre Nostro, con i fedeli e i coristi. Giovedì 4 maggio, invece, oltre alla celebrazione eucaristica delle 8,30, il programma contempla, alle 15, la manifestazione “Ragazzi in festa” con giochi, musica, canti, all’insegna della gioia e del divertimento. A curare l’organizzazione dell’appuntamento sarà l’oratorio parrocchiale giovanile. Alle 19, la celebrazione eucaristica sarà officiata dal sacerdote Corrado Garozzo. Alle 20, nel salone parrocchiale, la kermesse “L’ugola d’oro”, rassegna canora per tutti i ragazzi della parrocchia, con la direzione affidata a Sharon Di Stefano. Inoltre, sarà aperta la pesca di beneficenza che proseguirà sino al 7 maggio. Venerdì 5 maggio, prima che i festeggiamenti entrino nel clou, è prevista, oltre alla santa messa delle 8,30, la celebrazione eucaristica delle 19 che sarà presieduta dal sacerdote Maurizio Di Maria. Nel corso della messa sarà amministrato il sacramento dell’unzione degli infermi agli ammalati della parrocchia. Alle 20,30, inoltre, nel salone parrocchiale, è in programma un incontro con la psicologa Mariella Avola sul tema “La famiglia oggi: il rapporto genitori-figli”. La conferenza è aperta a tutti i genitori.

Mettere in sicurezza la Ragusa-Marina di Ragusa I consiglieri di Insieme sollecitano ex Provincia e Comune

 

sp-25È giunto veramente il momento di intervenire per mettere in sicurezza la strada provinciale 25 Ragusa-Marina di Ragusa e precisamente all’altezza dell’incrocio di accesso al villaggio Camemi, dove parecchie volte  questo tratto di strada è stato teatro di  gravissimi incidenti, di cui l’ultimo avvenuto una settimana fa. A chiedere la messa in sicurezza di questo tratto di   strada sono i consiglieri comunali del gruppo Insieme, Maurizio Tumino, Peppe Lodestro, Giorgio Mirabella, Elisa Marino ed Angelo Laporta, che fanno appello sia al sindaco Piccitto che  al commissario straordinario della ex Provincia regionale di Ragusa Dario Caltabellotta. In quanto trattasi di una strada provinciale  a ridosso di un centro abitato  le responsabilità  e le competenze sono di entrambi gli enti. “Una possibile soluzione   potrebbe essere la realizzazione di una rotatoria  in modo da rallentare la marcia di chi scende  da Ragusa in direzione Marina di Ragusa, prima che si imbocchi la pericolosissima semicurva che precede l’accesso al villaggio Camemi, sia a destra che  a sinistra. Ci auguriamo che il nostro appello venga recepito da entrambi gli enti e che al più presto attraverso un tavolo tecnico si intervenga per la messa in sicurezza di quel tratto di strada, divenuta oramai  una vera trappola per chi la percorre” – concludono i consiglieri di Insieme.

 

RIFLESSIONE DI CICCIO AIELLO SUL PD E LA SINISTRA

 

downloadPubblichiamo la nota di Ciccio Aiello che ha aderito al Movimento Democratico e Progressista di Bersani. Scrive Aiello: “La crisi del Pd non è nata nel 2013 con Renzi. Essa affonda le radici nel desiderio della Sinistra di allontanarsi piu’ che possibile dallo ’89, anno della caduta del muro di Berlino. E in questa linea si è  pensato che la stessa Socialdemocrazia europea fosse superata. Aveva vinto il liberalismo e basta, che la storia della lotta di classe fosse finita e basta, e che il mondo del lavoro avesse perduto per sempre la sua grande occasione storica, offerta dalla Rivoluzione d’Ottobre.  In parole povere la Sinistra ha ripudiato se stessa; e invece di immergersi nella contraddizione e nella crisi di se stessa, ha preferito candidarsi a diventare e ad apparire liberal e global, innamorata degli scambi di tutti fra tutti: è il mercato, che comanda.  Alla fine del percorso, e dentro questo percorso, nasce il Renzismo, che sgambetta nei media e fa concorrenza ai populismi, scatena l’antipolitica, rinnega i territori e la economia reale, europeista al seguito della Gdo, e sorda alle sofferenze dei perdenti, degli ultimi, delle imprese e degli uomini, oppressi dai ritmi inediti imposti dalla globalizzazione e dalle banche .L’apice di questo processo di mutazione della Sinistra e’ l’attacco del Pd renziano alla Costituzione “socialista”, fondata sul Lavoro. Ma il re è nudo e diventa difficile fare tracannare questo processo autodemolitario a un Paese come l’Italia, attraversata da mille fremiti ” sinistri”. Il Referendum spiazza Renzi e lo disarciona. Ma gli interessi in campo lo spingono ancora in avanti: il mandato eutanasico è ancora attuale, soprattutto dopo il successo di Macron e il flop socialista in Francia. Il resto lo sapete, è  accaduto ieri. Ora, a Sinistra, è tutto più difficile. Sospettiamo nuove prese per il culo, ammantate di democrazia e di partecipazione. Post scriptum. Avete notato che il Pd in congresso non ha detto una sola parola sull’Europa? Neanche per prenderci in giro. Solo Martina, vice segretario Pd e ancora Ministro dell’ Agricoltura, ne parlava, per dire sempre, ossessivamente: Viva la Grande distribuzione organizzata. Viva Expo milionaria, Viva gli accordi euromondiali. Sempre contro il Sud, contro gli agricoltori, contro i lavoratori!”. 

La Polizia sventa furto in Parrocchia ed arresta due vittoriesi

CIRMI Giovanni 14-10-1997 VittoriaNel corso della notte tra sabato e domenica sono stati tratti in arresto due giovani vittoriesi, uno dei quali noto pregiudicato, si tratta di: Giovanni Cirmi, 19enne con precedenti penali per reati contro il patrimonio ed altro, da poco tornato in libertà dopo avere scontato la pena comminatagli dal Tribunale per i Minorenni di Catania perché riconosciuto colpevole di rapina ai danni di una anziana donna e Danilo Privitello, 24enne incensurato. Le Volanti della Polizia transitando in via Pietro Gentile hanno notato dei bagliori provenire dall’interno della chiesa di Santa Maria Goretti, hanno deciso di perlustrare bene tutto il perimetro del luogo di culto ed hanno trovato una porta sul retro che era stata forzata. Presupponendo che i malviventi fossero dentro la chiesa, hanno controllato all’interno e nascosti dietro delle tende di uno stanzino hanno trovato i due vittoriesi. Sottoposti a perquisizione, gli è stata trovata al seguito una parrucca, dei guanti, un’ascia e dei grossi cacciaviti che avevano utilizzato per scardinare la porta. Sistemati vicini quella stessa porta è stato rinvenuto ciò che pensavano di portarsi via, due casse acustiche, uno stereo, un videoproiettore ed una chitarra acustica.  I due ladri sono ora in carcere a Ragusa.

PRIMARIE DEL PD, PEPPE CALABRESE ELETTO ALL’ASSEMBLEA NAZIONALE

Peppe Calabrese fotoBuona la partecipazione alle primarie del Pd. Peppe Calabrese sottolinea che “tutta la provincia ha risposto positivamente, anche se in alcuni importanti centri del nostro territorio la partecipazione è risultata parecchio in calo rispetto alle precedenti primarie. Personalmente – aggiunge – esprimo grande soddisfazione per il risultato ragusano che legittima anche la mia elezione in assemblea nazionale a sostegno di Matteo Renzi. Ringrazio tutti i dirigenti del partito di Ragusa per l’impegno profuso sia nell’organizzazione sia nella ricerca dei voti. Ringrazio soprattutto i cittadini che ci hanno sostenuto. Tra le città capoluogo di provincia, siamo primi in Italia come percentuale di preferenze a sostegno di Renzi. Un sentito ringraziamento va rivolto ai Giovani democratici che, con il segretario cittadino Enrico La Rosa e il segretario provinciale Gabriele Licitra, hanno contribuito ad organizzare i seggi e a far votare numerosi ragazzi nonostante la giornata festiva, segnale chiaro di riavvicinamento dei giovani al Pd. Il ruolo di dirigente nazionale che mi appresto a svolgere, inoltre, mi fornisce la responsabilità di lavorare per un partito sempre più unito e sempre più di governo. Siamo e rimarremo la prima forza politica della città e della provincia”.

 

I CAPOLAVORI DEI PIÙ GRANDI COMPOSITORI DEL PERIODO CLASSICO E ROMANTICO VIENNESE PER IL PROSSIMO CONCERTO DI “MELODICA”

SONY DSC

La 22° Stagione Concertistica Internazionale Melodica fa tappa a Vienna, con un concerto che condurrà il pubblico ibleo tra le appassionanti composizioni nate nella città sulle rive del Danubio. Per il prossimo spettacolo al teatro Don Bosco di Ragusa, sabato 6 maggio, la rassegna musicale diretta dalla pianista Diana Nocchiero e patrocinata dall’Assessorato agli Spettacoli del Comune di Ragusa propone, infatti, “Passione Viennese”, con il pianista Karl Eichinger. A condurre in questo viaggio un artista d’eccezione. Laureato in pianoforte presso l’Università di Musica e Arte Drammatica di Vienna, Karl Eichinger è leader e pianista dell’Ensemble “Wiener Instrumentalsolisten” (Vienna Symphony Virtuosi). Ha tenuto molti concerti in Austria, in Canada, Francia, Spagna, Stati Uniti, Asia, Israele, Romania, Egitto, Slovacchia, Cina, Polonia, Sud Africa e Germania. Ha effettuato varie registrazioni per Radio e TV. Ha inoltre realizzato anche incisioni discografiche per le etichette “Extraplatte” e “Preiser Records” di Vienna. Il biglietto di ingresso al concerto è di 10 euro, ridotto per studenti 5 euro. È possibile acquistare i biglietti su prevendita presso la Libreria Ubik di Ragusa dalle ore 9:00 alle ore 13:00 oppure direttamente al botteghino del teatro dalle 19 del giorno del concerto. Per info visitate il sito internet www.melodicaweb.it / 333 4326158 / [email protected]

 

 

 

Ragusa, vede l’ex fidanzata di 17 anni con un altro e tenta di ucciderlo investendolo, poi si avventa sul rivale colpendolo ripetutamente con una chiave inglese

foto CHILLEMI Marco con logo

La Polizia ha sottoposto a fermo Marco Chillemi, ragusano di 22 anni, per il reato di tentato omicidio di un trentunenne. Lunedì alle 14.00 circa la Sala Operativa della Questura riceveva diverse segnalazioni al 113 per una rissa in Via Respighi. Nonostante l’immediato intervento della Volante, uno dei soggetti coinvolti all’arrivo dei poliziotti si era dato alla fuga. A terra riverso in una pozza di sangue e privo di sensi vi era il corpo di un giovane di 31 anni ragusano. In lacrime sul marciapiedi vi era una giovanissima ragazza di 17 anni che si avvicinava ai poliziotti per riferire che poco prima il suo ex fidanzato aveva investito il ragazzo riverso a terra perché geloso, tentando di ucciderlo. Aggiungeva che dopo averlo investito e trascinato per qualche metro, scendeva dall’auto e colpiva con una chiave inglese in ferro il ragazzo. La violenza inaudita veniva interrotta dalle urla dei testimoni e per l’intervento di alcuni passanti, tanto da far decidere al ragazzo di fuggire. L’autore del reato era in compagnia di una coppia di fidanzati che nulla hanno fatto per impedire l’evento. Le cure rianimatorie del 118 hanno permesso di ristabilire i parametri vitali della vittima, che era svenuta. In ospedale il trentunenne ragusano è stato sottoposto ad un delicato intervento alla gamba. Dalle informazioni raccolte mediante l’escussione dei testimoni, si apprendeva che Chillemi, transitando sotto casa della sua ex, non appena si è accorgeva che la ragazzina era in compagnia di un ragazzo, la insultava dicendole che si sarebbero visti più tardi per parlare di questo fatto. In quel momento la rabbia prendeva il sopravvento, il giovane faceva il giro dell’isolato e, ripercorrendo la stessa strada, entrava in controsenso ed accelerando investiva volontariamente il giovane rivale che si trovava a bordo della sua moto. Non pago, scendeva dall’auto e si dirigeva verso il ragazzo che nonostante le ferite gravissime alla gamba, tentava di sottrarsi alla furia omicida. Chillemi, armato di una chiave in ferro del tipo utilizzato per smontare le ruote delle auto, si avventava sul corpo esanime della vittima colpendolo ripetutamente alla testa ed in diverse parti del corpo. Per fortuna la vittima indossava ancora il casco. L’arrestato per uccidere il suo rivale non lo ha solo investito ma lo ha anche trascinato per diversi metri danneggiando gravemente diverse auto in sosta di ignari cittadini accorsi sul posto. Considerati i numerosi testimoni, Chillemi decideva di fuggire portando via con se la coppia di amici che nulla faceva per fermarlo lasciando a terra la vittima in una pozza di sangue senza soccorrerla. Impaurito per quanto commesso, il fuggitivo trovava ospitalità da un amico mentre i due fidanzati andavano con gli altri amici a festeggiare il primo maggio, non curanti delle sorti del giovane ferito gravemente e senza ovviamente informare la Polizia. Chillemi intanto telefonava al 113 per costituirsi e, presso gli uffici della Squadra Mobile, forniva una versione completamente diversa dai testimoni. Dopo poco venivano rintracciati anche i suoi due amici e, nonostante un primo tentativo da parte dell’uomo di depistare le indagini fornendo una versione dei fatti a favore del loro amico, la ragazza era da subito sincera riferendo esattamente quanto accaduto. Anche il ragazzo dopo un po’, si rendeva conto della gravità dei fatti e, onde evitare di essere indagato per favoreggiamento personale, riferiva quanto accaduto con dovizia di particolari. Resta ferma la loro responsabilità in ordine all’omissione di soccorso, in quanto lasciavano entrambi il corpo a terra esanime del giovane. Non esistono invece responsabilità penali per via di aver assistito al tentato omicidio inermi in quanto sorpresi dall’impeto di Chillemi così come non hanno responsabilità penali per non aver tentato in alcun modo di fermarlo quando colpiva con una chiave la vittima. L’arrestato ha indicato dove aveva nascosto l’auto che riportava segni evidenti dell’investimento e, all’interno della quale, è stata rinvenire l’arma impropria con la quale era stato colpita la vittima, nascosta sotto al sedile.

Monterosso Almo, sabotato il 3° Slalom automobilistico

cumuli di materiale di risulta

«Pronto Biagio, ciao, come mai la gara non parte?». « E’ successo un macello. L’hanno sabotata». Inizia così il dialogo telefonico tra un tifoso, che da casa voleva seguire classifiche e tempi dal sito federale della Ficr (Federazione italiana cronometristi) e Biagio Asta il  cronometrista dell’Asd “Hyblea” di Ragusa. A Monterosso Almo lunedì mattina si sarebbe dovuta svolgere una manifestazione automobilistica organizzata dall’Asd Street Racers di Modica, sul tracciato ricavato lungo la Sp 11 (Monterosso – Buccheri) di Km 2,900. Circa 80 piloti, provenienti da tutta la Sicilia, erano pronti a sfidarsi, ma molto prima della partenza, con strada ancora aperta alla normale circolazione veicolare, gli organizzatori hanno trovato buona parte del tracciato imbrattato di olio esausto di motore e cumuli di materiale di risulta. Il danno causato è stato tale da non permettere il ripristino del manto stradale. Dell’accaduto sono stati avvisati i Carabinieri e la Polizia Scientifica.

Enna 12 – Padua Ragusa Rugby 26

paride_vona_enna

Trasferta vittoriosa per il Padua che domenica prossima, per centrare l’obiettivo salvezza, può anche permettersi una sconfitta con l’Enna a condizione di non perdere con uno scarto maggiore di sette punti o segnando almeno quattro mete. Domenica prossima, quindi, al “della Costituzione” si giocherà la seconda parte di questa finale, e il Padua potrà contare su un margine abbastanza rassicurante, anche se non può cullarsi sugli allori.

La Cgil di Ragusa presente a Portella della Ginestra

portella della ginestra

Oltre duecento persone, a bordo di tre pullman organizzati dalla Cgil di Ragusa e auto private, hanno raggiunto lunedì mattina, Portella delle Ginestra per partecipare alla Festa nazionale del 1° maggio che Cgil,Cisl,Uil hanno deciso di commemorare a settanta anni da quel tragico eccidio. Il Primo maggio 1947 una folla di lavoratori, donne, bambini e anziani fu bersagliata dalle raffiche di mitra della banda di Salvatore Giuliano, mentre ascoltava il discorso di alcuni dirigenti del Pci in occasione della Festa dei lavoratori. Furono undici le persone uccise (a cui aggiungiamo le morti avvenute successivamente), più di sessanta i feriti. Una strage ancora senza mandanti. Nell’area tra i comuni di Piana degli Albanesi, San Giuseppe Jato e San Cipirello in molti si erano ritrovati anche per la vittoria elettorale del «Blocco del Popolo» (l’alleanza tra socialisti e comunisti) alle elezioni regionali del 20 aprile. “Ci siamo mobilitati in tanti, – dichiara Peppe Scifo, segretario generale della Cgil di Ragusa -, perché crediamo sia importante partecipare in un momento come questo di forte smarrimento identitario. Il futuro è legato alla consapevolezza del passato, e la determinazione e il coraggio di quelle generazioni che hanno pagato con la vita il prezzo della conquista dei diritti deve essere per noi insegnamento quotidiano. Affinché il lavoro possa tornare ad essere strumento di crescita e realizzazione individuale e collettiva”.

4572 votanti in provincia di Ragusa alle primarie del Pd

pd_logo

Anche a Ragusa Renzi vince le primarie per l’elezione del segretario nazionale Pd ottenendo 3643 preferenze, rispetto ai 492 voti per Orlando e ai 405 per Emiliano. Nel capoluogo hanno votato 1642 persone (Renzi 1411, Orlando 138 , Emiliano 84); a Comiso 652 (Renzi 512, Orlando 51, Emiliano 79); a Vittoria 530 (Renzi 359, Orlando 25, Emiliano 140); a Modica 476 (Renzi 336, Orlando 107, Emiliano 31); a Scicli 339 (Renzi 247, Orlando 61, Emiliano 27); a Pozzallo 214 (Renzi 194, Orlando 17, Emiliano 3); a Ispica 180 (Renzi 150, Orlando 21, Emiliano 9; a Santa Croce Camerina 154 (Renzi 122, Orlando 26, Emiliano 6); a Chiaramonte Gulfi 144 (Renzi 117,
Orlando 18, Emiliano 9); a Monterosso Almo 92 (Renzi 68, Orlando 17, Emiliano 6); ad Acate 81 (Renzi 65, Orlando 9, Emiliano 7); a Giarratana 68 votanti (Renzi 62 voti, Orlando 2, Emiliano 4).

Arrestati a Pozzallo 3 giovani con mezzo chilo di marijuana

MARIJUANA POZZALLO

Sabato sera i Carabinieri hanno arrestato nei pressi della stazione ferroviaria 3 giovanissimi, G.M., classe ’98, già noto alle forze di polizia per reati inerenti gli stupefacenti, F.G., classe ’98, incensurato ed un minorenne, tutti pozzallesi, sorpresi con mezzo chilo di sostanza stupefacente.  I due maggiorenni sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Ragusa, mentre il minorenne presso il Centro di prima accoglienza per minori di Catania.

Per tutta una vita: un ricordo di Pio La Torre

la-torre-1 (1)

Riceviamo e pubblichiamo: L’essenza di questa storia è racchiusa nella forza di quattro parole, quasi sussurrate dal Generale Dalla Chiesa al termine dell’ennesimo funerale di Stato celebrato a Palermo nella primavera di trentacinque anni fa, nel pieno della mattanza scatenata dai Corleonesi per assicurarsi il controllo di Cosa Nostra. “Generale, perché hanno ammazzato Pio La Torre?”. “Per tutta una vita”. Sì, per tutta una vita. Per tutta una vita, La Torre aveva alimentato quel maledetto ideale di giustizia appreso tra i contadini di Altarello di Badia, rivendicato nelle lotte per la distribuzione delle terre come nella battaglia contro la base di Comiso, e difeso con la stessa intensità tra la cella dell’Ucciardone e lo scranno di Montecitorio. Per tutta una vita, si era aggrappato alla forza di quell’ideale per denunciare l’evoluzione del fenomeno mafioso nella sua più pericolosa dimensione dei rapporti con il potere istituzionale ed economico, quale strumento di decuplicazione di ricchezze, privilegi e rendite di posizione; per tutta una vita, si era dannato nel tentativo di individuare quel colossale progetto politico in grado di ricondurre ad una matrice unitaria tutti i grandi delitti di Mafia. Per questo La Torre è morto: è morto perché non aveva rinunciato a combattere. Per tutta una vita. La storia di Pio La Torre rappresenta, di fatto, un pezzo della storia di questo povero Paese, vincolato per oltre mezzo secolo ad una conventio ad excludendum che, da Portella della Ginestra in poi, tollerava, in nome di inconfessabili interessi superiori, intersezioni neanche tanto celate tra forze di governo e mondo criminale: una storia di guardie e ladri, vittime e carnefici, giudici e spioni, lacrime e illusioni. In questo continuo intersecarsi di volti, vicende, atti di coraggio ed ipocrisie, la storia di La Torre incrocia quella del giudice Terranova, che per primo aveva tentato di trascinare i Corleonesi alla sbarra; quella di Luciano Liggio e dei suoi “canazzi da catena” Riina e Provenzano, futuri protagonisti della stagione di sangue destinata a concludersi con le stragi del 1993; quella di Salvo Lima, Vito Ciancimino e dei cugini Salvo, garanti degli equilibri tra potere politico, esigenze imprenditoriali e ambizioni mafiose saldatisi nella colata di cemento che fece seguito al “Sacco di Palermo” perpetrato alla fine degli anni ’50. Incrocia, soprattutto, la storia di una stagione nella quale la Mafia, lungi dall’assumere i connotati di un fenomeno penalmente rilevante, veniva descritta al massimo come uno stato sociale e ambientale, se non proprio liquidata alla stregua di  un’invenzione dei comunisti per infangare la classe dirigente che stava favorendo il progresso della Sicilia”. Per tutta una vita, La Torre si era confrontato con questa realtà: da consigliere comunale, aveva denunciato le infiltrazioni mafiose nelle imprese appaltatrici delle grandi opere di urbanizzazione autorizzate da Lima e Ciancimino; da parlamentare, aveva ottenuto l’istituzione di una commissione parlamentare nella quale la Mafia veniva per la prima volta rappresentata al Paese in tutte le sue più autentiche articolazioni, nella sua dimensione di realtà non meramente sociale ma squisitamente criminale. Un lavoro di indagine, di conoscenza, di studio destinato ad influenzare in maniera determinante il contenuto della famosa proposta di legge n. 1581, volta non solo ad introdurre nel Codice penale il reato di associazione mafiosa – cristallizzando così lo “status” di mafioso in una specifica fattispecie di reato -, ma anche a colpire la Mafia nel cuore pulsante dei suoi interessi: il denaro. La ricerca del denaro, la conferma dell’esistenza di contiguità tra coppole e colletti bianchi ispira tanto le misure del sequestro e della confisca dei beni dei soggetti condannati per delitti di mafia, quanto le limitazioni al segreto bancario; soluzioni normative che si riveleranno decisive per assecondare l’intuizione successivamente sviluppata da Falcone e Chinnici: per ricostruire i progetti della Mafia, occorre seguire i soldi. Era troppo, per Totò Riina che aspirava a completare a colpi di kalashnikov la sua ascesa al vertice di Cosa Nostra; era troppo, per quei settori della politica e dell’economia che avevano accettato la leadership dei Corleonesi all’interno della “zona grigia” di cui il pool di Caponnetto rivelerà in seguito l’esistenza. In quella primavera di sangue del 1982, con le strade di Palermo lastricate di cadaveri e il computo delle vittime drammaticamente aggiornato dalla prima pagina de “l’Ora”, Pio La Torre è uno dei primi a cadere, insieme al suo fidato autista Rosario Di Salvo. Lascia dietro di sé l’approvazione di una legge che porta il suo nome, e che scolpisce la parola “mafia” nella lettera del codice penale; le lacrime dei militanti di un partito che non lo aveva capito fino in fondo, nel suo disperato tentativo di “fare le analisi del sangue”alle imprese assegnatarie degli appalti pubblici; il ricordo struggente di Pertini e Berlinguer, accompagnato da quelle quattro parole sussurrate da Dalla Chiesa a margine dell’ennesimo funerale di Stato: “Generale, perché hanno ammazzato Pio La Torre?”. “Per tutta una vita”. Firmato Articolo Uno MDP Ragusa

Scroll To Top
Descargar musica