17-01-2018

UN AGENTE DEL CORPO FORESTALE PER AMICO

1341928770962.jpg--boscoSi è concluso la scorsa settimana all’Istituto “Galileo Ferraris” di Ragusa, il progetto di educazione ambientale “Un agente del Corpo Forestale per amico”, previsto nel piano dell’offerta formativa per l’a.s 2016/2017, svolto in collaborazione con il Corpo Forestale della Regione Siciliana. All’iniziativa hanno preso parte gli studenti del biennio degli indirizzi professionali che hanno svolto attività d’aula, laboratori didattici, escursioni approfondendo i temi dello sviluppo sostenibile, della tutela ambientale, della prevenzione degli incendi boschivi. Le attività didattiche sono state condotte dal personale del Corpo Forestale di Ragusa nelle persone dell’Ispettore Superiore Rosario Spadola e dell’Ispettore Superiore Francesco Cappello, che, calandosi nel ruolo di insegnanti, hanno coinvolto con competenza e professionalità gli studenti nei temi della difesa ambientale e del patrimonio boschivo. Il progetto, coordinato dal prof. Giuseppe Cambiano, ha avuto come obiettivo primario l’accrescimento della sensibilità in merito alla questione ambientale, oltre a sottolineare l’importanza dell’osservanza delle regole nella vita quotidiana. Tale attività rientra, infatti, all’interno di un percorso di legalità molto articolato fortemente voluto dalla Dirigente prof.ssa Giovanna Piccitto per gli studenti del Galileo Ferraris.

LUNEDI’ 22 NELLA CAPPELLA DELL’OSPEDALE CIVILE A RAGUSA LA CELEBRAZIONE PROMOSSA DALLA PASTORALE DELLA SALUTE IN ONORE DI SANTA RITA DA CASCIA

Santa Rita le rose distribuite ai volontariLunedì 22 ricorre la memoria liturgica di Santa Rita da Cascia. Per l’occasione, l’ufficio diocesano per la Pastorale della salute di Ragusa ha promosso una speciale iniziativa. Alle 10, nella cappella dell’ospedale Civile, il direttore della Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti, presiederà una funzione religiosa in onore della santa. La santa messa sarà animata dagli ospiti e dagli operatori sanitari del Centro diurno Alzheimer. Alle 10,30, presso il giardino interno dell’ospedale, si terrà poi la benedizione delle rose attorno alla Madonnina. Al termine della benedizione, i volontari dell’Avo distribuiranno le rose benedette ai malati nei vari reparti. “Alla fine dei suoi giorni, malata e costretta a letto – dice don Occhipinti – Rita chiese a una sua cugina venuta in visita da Roccaporena di portarle due fichi e una rosa dall’orto della casa paterna. Ma siamo in inverno e la cugina l’asseconda, pensandola nel delirio della malattia. Tornata a casa, la giovane parente trova in mezzo alla neve una rosa e due fichi e, stupefatta, subito torna a Cascia per portarli a Rita. Da allora, la rosa è il simbolo ritiano per eccellenza: come la rosa, Rita ha saputo fiorire nonostante le spine che la vita le ha riservato, donando il buon profumo di Cristo e sciogliendo il gelido inverno di tanti cuori. I due fichi, invece, può darsi che rappresentino i suoi figli e la consapevolezza che, malgrado tutto, si sono salvati. Il prodigio delle rose e dei fichi in inverno è reso attendibile da diverse testimonianze raccolte nel processo per la beatificazione nel 1626. Uscendo dalla porta vicino alla cella di Santa Rita, si può vedere il roseto in uno splendido scorcio dell’antico monastero, creato in ricordo di questo prodigio. Il roseto che c’è oggi è stato piantato lo scorso secolo. L’orto di Santa Rita, dove la cugina raccolse la rosa e i fichi sotto la neve, si trova a Roccaporena, nella città natale di Rita, a circa 5 km da Cascia. Il fiore simbolo di Santa Rita caratterizza anche il nome della rivista del monastero “Dalle Api alle Rose” e la tradizionale “Benedizione delle Rose”, che avviene ogni anno dopo la messa pontificale del 22 maggio, festa di Santa Rita, davanti alla Basilica di Cascia”.

RAGUSA, UN ARRESTO PER DROGA

download (1)Nel pomeriggio di giovedì i carabinieri di Ragusa hanno arrestato un 22enne italiano incensurato che all’atto di un controllo d’iniziativa, lungo le vie del centro ragusano, è stato trovato in possesso di 6 grammi di marijuana. Nel corso di successiva perquisizione domiciliare i militari hanno rinvenuto presso la sua abitazione una stanza adibita a piccola serra con tanto di lampade e materiale idroponico in cui il giovane coltivava una pianta alta circa 60 cm. Lo stesso deteneva altresì materiale per il confezionamento in dosi e la successiva vendita ed è stato pertanto arrestato per detenzione e coltivazione ai fini di spaccio di stupefacenti. Attualmente, su disposizione del dott. Riccio, è ai domiciliari presso la propria abitazione di residenza.

LA SCUOLA BASAKI DI RAGUSA CONQUISTA DUE MEDAGLIE D’ORO E UNA D’ARGENTO AL TORNEO DI JUDO DI AVOLA

 

Brugaletta, Russo, Articolo e il maestro Baglieri

Ancora un’altra gara ha visto per protagonisti i giovani atleti della scuola Basaki di Ragusa. Domenica scorsa, al pallone tensostatico di Avola, la Basaki, sotto la guida del maestro Salvo Baglieri, era rappresentata da Savita Russo categoria 44 kg per la classe Esordienti A e da Danilo Articolo categoria 45 chilogrammi per la classe Esordienti B. C’era anche Dalia Brugaletta categoria 44 chilogrammi. Ancora una volta sono arrivate conferme importanti per i tecnici della scuola ragusana considerato che Russo e Articolo sono saliti sul gradino più alto del podio conquistando una medaglia d’oro. Molto bene si è comportata pure Brugaletta che, pur essendo alla prima esperienza in gara, si è posizionata al secondo posto, ottenendo dunque l’argento. Domenica 21 maggio, gli atleti della Basaki saranno inoltre a Bagheria per partecipare a una gara di fondamentale importanza visto che ci si gioca la qualificazione ai campionati italiani di categoria Cadetti mentre i più piccoli si cimenteranno nella seconda tappa del Criterium giovanissimi.

Sequestro di reti abusive alla diga di S. Rosalia

SeqReti3bisridEnnesimo duro colpo ai pescatori di frodo da parte dei guardiapesca della Federazione Italiana Pesca Sportiva ed Attività Subacquee  di Ragusa, che gestiscono il più antico ed efficiente specifico servizio di controllo nelle acque interne della provincia. Diverse centinaia di metri di reti illegali sono state infatti recentemente individuate e sequestrate lungo le sponde della diga di S. Rosalia. Rilevante, nelle operazioni di recupero di tali ordigni da pesca, è stata la possibilità, prevista in un’apposita convenzione con il Libero Consorzio comunale di Ragusa (già Provincia di Ragusa), dell’ausilio di un natante acquistato dalla stessa Amministrazione diversi anni fa con fondi europei, insieme ad altre attrezzature tecnico-scientifiche, grazie anche alla collaborazione dell’Ittiologo Antonino Duchi. La Provincia di Ragusa è stata la prima in Sicilia a dotarsi di un regolamento di pesca nelle acque interne, già negli anni ’80. La lotta alla pesca di frodo è  essenziale per la tutela della fauna ittica e dell’ambiente: essi saranno ripetuti con maggiore frequenza ed in qualunque fascia oraria, proprio per scoraggiare tali comportamenti illeciti.

RICORRENZA 25° ANNIVERSARIO STRAGI DI CAPACI E VIA D’AMELIO

Falcone_Borsellino_624Il 23 maggio di quest’anno ricorre il 25° anniversario della strage di Capaci in cui morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo insieme agli agenti di scorta e, nell’occasione, su iniziativa del Prefetto Maria Carmela Librizzi,  è stato organizzato un momento di raccoglimento per ricordare oltre a tali vittime anche quelle della strage di Via d’Amelio ove perse la vita, a distanza di pochi mesi, il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta. L’evento commemorativo, previsto il prossimo 22 maggio alle ore 11.00, giorno antecedente alla ricorrenza per consentire la partecipazione di quanti interessati alla cerimonia ufficiale in programma l’indomani a Palermo, si terrà nel cortile interno della Prefettura dinanzi alla lapide dedicata proprio alle vittime delle due stragi ove, per onorarne la memoria ed il loro sacrificio, verrà deposta una corona di fiori.

 

Ragusa, il 25 maggio si riunisce la Commissione Risanamento Centri Storici

 

downloadLa Commissione  Risanamento Centri Storici  si riunirà il prossimo giovedì, 25 maggio, alle ore 9, presso la sala riunioni  del settore Centri Storici, per esaminare il progetto  relativo ad alcune proposte  di fruizione della vallata Santa Domenica (installazione impianto meccanizzato tipo monorotaia, installazione ruota in legno per la produzione di energia elettrica, installazione struttura per praticare lanci in orizzontale denominata “fionda umana”). All’ordine del giorno anche l’esame delle istanze di autorizzazione di edilizia privata, produttiva e di incentivazione economica.

 

Lunedì 22 presso Villa Archimede a Ragusa il “Forum dei vigilini” 

 

bambino-siriano-morto-spiaggia-turchiaIl Comando della Polizia Municipale a conclusione del corso di educazione stradale organizzato in diverse scuole elementari della città, lunedì 22 maggio, alle ore 10, presso la villetta comunale di via Archimede, organizza  la 3^ edizione del “Forum dei Vigilini”. Alla manifestazione parteciperanno circa 650 alunni appartenenti alle scuole “Mariele Ventre”, “IV novembre”, “SS. Redentore”, “Rodari”, “Cesare Battisti e “Paolo Vetri” che hanno seguito nel corso dell’anno scolastico che sta per concludersi, le lezioni di educazione stradale. Nel corso del “Forum dei vigilini” i bambini saranno coinvolti in una serie di giochi per misurare anche il grado di apprendimento delle diverse nozioni di educazione stradale. In programma la cerimonia di intitolazione di Villa Archimede al piccolo Aylan il bambino siriano trovato morto annegato in una spiaggia a seguito del naufragio dell’imbarcazione che doveva portare la sua famiglia originaria di Kobane a Kos, isola greca in cui migliaia di profughi dalla Siria sbarcano. La scelta di intitolare a questa piccola vittima innocente il giardino pubblico comunale, è stata fatta dagli studenti delle scuole che hanno partecipato ai corsi di educazione stradale.

 

Festa dei Musei al Museo Regionale di Camarina

????????????????????????????????????

Domenica 21 alle ore 17,30  visita guidata della mostra “Ritratti Imperiali da Copenaghen a Camarina”. Alle ore 18,00 rappresentazione teatrale nel cortile del Museo “La ninfa e Thanatos”, il mito e la tragedia a Camarina, una interpretazione di Gianni Battaglia con Angela Incremona, Raffaella Pappa, Nicol Cavallo, Marco Tommasi. – “I sette contro Tebe” e “Le fenicie” scene da Eschilo ed Euripide con gli interpreti del Liceo Classico e Scientifico Cannizzaro di Vittoria, con la direzione artistica di Gianni Battaglia.

A TEATRO PER I 25 ANNI DALLE STRAGI DI CAPACI E VIA D’AMELIO

falconeborsellinoMINUltimo Binario è un recital scritto a Maurizio Nicastro e Donatella Carbonaro, prodotto in occasione dei 25 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio nelle quali persero la vita Falcone, Bosellino e le loro scorte. Sarà in scena a Ragusa, al Piccolo Teatro della Badia il 23, 24 e 25 maggio alle ore 20:30. Sul palco: Angelo Mezzasalma, Giada Ruggeri, Germano Martorana, Ida Fisichella, Giovanni Canzonieri, Rita Lombardo, Gianni Mazza, Matteo Bracchitta, Domenico Puccia, Laura Tumino, coreografie di Gianna Battaglia direttrice di scena Tina Accardo. La pièce ha lo scopo di raccogliere dei pensieri, delle riflessioni sul significato vero della parola legalità, e per farlo si percorrerà un viaggio… l’ultimo viaggio di un capomafia, vittima del male che egli stesso ha costruito negli anni. Il viaggio su questo binario, dal quale non gli è possibile deragliare, è la metafora della sua vita, un’escalation di atti malavitosi, di attentati, omicidi, di scelte, di rinunce; la sua vita “non-vissuta” che si interseca con altre che lo hanno contrastato e delle quali se ne è liberato trucemente. Lo scompartimento di un vagone di terza classe sarà il luogo dove incontrerà le sue vittime (direttamente o nei ricordi) e i suoi carnefici, come in una girandola perversa senza fine; sarà lo spazio nel quale viaggia, il paesaggio, la sua memoria che diventerà memoria collettiva e condivisa… Per info e prenotazioni telefonare al 333 4183893

 

Il Principe di Monaco, Alberto II, ad ottobre in visita a Modica

Alberto_di_MonacoIl Principe Alberto di Monaco sarà in visita ufficiale a Modica il prossimo mese di ottobre. Oggi è stato ricevuto a Palazzo S.Domenico l’ambasciatore del Principato in Italia, Robert Fillon, che ha spiegato come la visita di Modica sia stata una precisa volontà del Principe Alberto che vuole ripercorrere le orme della propria dinastia, i Grimaldi, la cui storia visse nella Contea una delle pagine più importanti. “Il Principe Alberto vuole vedere con i propri occhi il legame della sua Famiglia con il territorio siciliano e modicano in particolare. Ringrazio il Sindaco Abbate per la calorosa accoglienza che ci ha riservato e che riserverà alla Famiglia Grimaldi nel mese di ottobre. In questa mia visita ho potuto ammirare una splendida città, ricca di storia e di arte, che sono sicuro conquisterà anche Sua Altezza”. L’incontro è servito per abbozzare il programma della visita del Principe che arriverà a Palermo prima di spostarsi a Modica. Hanno preso parte alla riunione  Filippo Castellet  e Innocenzo Pluchino, Ambasciatori di Monaco per il Turismo, il presidente di Soaco, Giorgio Cappello, il presidente del Consorzio Turistico, Francesco Frasca Polara, il comandante della Polizia Locale, Saro Cannizzaro, il presidente della Fondazione Grimaldi, il prof. Uccio Barone. Quest’ultimo ha illustrato all’ambasciatore le iniziative che la fondazione metterà in campo per celebrare la visita dell’illustre rappresentante della famiglia Grimaldi, spiegando il ruolo che questa Dinastia ha avuto per lo sviluppo del territorio modicano. Tra le iniziative anche la produzione di un volume di poesie di Girolama Grimaldi, figlia del barone Giovanni Grimaldi, che verrà consegnato al Principe. Il sovrano monegasco, accompagnato dalla moglie Charlene, passerà la giornata a visitare anche i luoghi legati alla storia della sua Famiglia.

La storia e le vicende del Patronato di San Giorgio martire

La copertina del libroContinuano le iniziative tese ad anticipare, facendo crescere l’attesa per fedeli e devoti, l’avvio dei solenni festeggiamenti in onore di San Giorgio, glorioso patrono di Ragusa, che prenderanno il via ufficialmente domenica 21 maggio. Venerdì 19 maggio sarà la volta della presentazione di un libro molto atteso. Alle 19,30, al circolo di conversazione, a Ibla, gli studiosi Paolo Antoci, Giuseppe Arezzo e Gianni Giannone illustreranno i contenuti della pubblicazione da loro curata e che ha per titolo “San Giorgio martire. Patrono principale e protettore della città di Ragusa”. Al centro dell’attenzione la storia e le vicende del Patronato del santo cavaliere in città. Sarà illustrato, inoltre, quanto radicato sia il culto di San Giorgio a Ragusa. L’iniziativa è stata promossa e sostenuta dalle associazioni San Giorgio martire e Portatori San Giorgio martire “Don Peppino Firrincieli”. Un appuntamento di ampio respiro, dunque, a cui parteciperà, in qualità di relatore, lo storico Giuseppe Barone, docente ordinario all’Università degli studi di Catania.

SINISTRA ITALIANA

imagesPrimo appuntamento a Ragusa per i nuovi vertici regionali di Sinistra Italiana. Il partito nato dallo scioglimento di Sel, la confluenza di alcuni ex esponenti del Pd (D’Attorre , Fassina e altri) e l’adesione di singoli rappresentanti di movimenti civici e liste locali ha celebrato il congresso costitutivo regionale lo scorso 30 aprile a Palermo.Eletti due co-segretari regionali.  Bianca Guzzetta, avvocata e insegnante, impegnata sui bisogni e sulle strategie educative speciali, nonché attiva nei movimenti femministi. In tandem con la Guzzetta è stato eletto il ben noto Luca Casarini, storico leader del movimento ambientalista, che da alcuni anni vive con la famiglia a Palermo. Sabato prossimo, in una sala di piazza generale La Rosa a Ragusa –  dalle 15 alle 17,30 –  i due esponenti di partito illustreranno il progetto di Sinistra Italiana per costruire un soggetto politico aperto e plurale  per rappresentare un punto di attrazione e confronto tra le forze che non si riconoscono nel nuovo corso del Partito Democratico.

70 Anniversario della costituzione della Polizia Stradale

LOGO 70 anni polizia stradaleNell’anno in corso ricorre il 70 Anniversario della costituzione della Polizia Stradale, nata come specialità della Polizia di Stato il 26 novembre 1947. Sin dalla sua costituzione, la Polizia Stradale ha orientato le strategie operative e la propria attività con l’obiettivo di garantire l’esercizio della libertà di circolazione come bene fondamentale tutelato dalla Costituzione, nel rispetto della legalità e della sicurezza. Per celebrare i risultati raggiunti e l’impegno profuso dagli uomini e dalle donne della Polizia di Stato in servizio nella Polizia Stradale, ed anche il sacrificio della vita di molti nell’esercizio del proprio dovere, sono previsti eventi anche nel territorio ibleo. In occasione della manifestazione  Marathon Parco degli iblei” che si terrà il prossimo 20 e 21 maggio  a Ragusa, nella giornata di sabato, in piazza Libertà a Ragusa verranno esposti veicoli d’epoca in uso alla Polizia, una moto Guzzi “Falcone 500”, una Alfa Romeo “Giulietta” ed una Fiat “Campagnola”. Domenica, giorno 21 maggio, gli stessi mezzi, seguiti da motociclisti della Polizia Stradale, apriranno la Maratona che partirà alle ore 09.00 da Piazza Libertà.

IL CASO DELLA PIAZZETTA 2 GIUGNO A RAGUSA

La piazzetta 2 Giugno“Nessuno interviene. Neppure le denunce, reiterate più volte dai residenti, sono servite a determinare, da parte dell’Amministrazione comunale, l’intervento degli incaricati per rimuovere le sterpaglie, ridare un minimo di decoro all’intero sito e, soprattutto, risolvere in definitiva una questione ormai diventata parecchio antipatica per i residenti della zona”. E’ il senso della denuncia che arriva dal consigliere comunale del Movimento Civico Ibleo, Gianluca Morando, sulla piazzetta 2 Giugno che sorge in una zona densamente abitata. “Seppure si tratti di uno spazio – sottolinea Morando – che teoricamente potrebbe risultare parecchio fruibile, a maggior ragione in questo periodo, è in pratica evitato da tutti perché le sue condizioni sono davvero ridotte ai minimi termini. Come se non bastasse, ai margini di quest’area sorge un terreno incolto, e questa è la questione antipatica di cui stavo parlando, che, negli anni, si è trasformato in una vera e propria foresta. Perché il Comune di Ragusa, seppure sollecitato in questo senso dai cittadini che abitano nella zona, non ha mai ritenuto opportuno intervenire per chiedere al proprietario del fondo di ripulire il sito?  Nessuno, però, si è mai preso la briga di intervenire. Per quali motivi? Perché nessuno ha mai ritenuto opportuno verificare come stanno le cose? Speriamo che il Comune, finalmente, se la senta di prendere a cuore la faccenda e di darsi da fare. Stavolta in maniera concreta”.

 

GUCCIARDI INCONTRA LE ASSOCIAZIONI DELLE PERSONE CON IL DIABETE. LA FEDERAZIONE DIABETE SICILIA INCASSA UN PRIMO RISULTATO

 

IMG_9798Sono arrivate da tutta la Sicilia le Associazioni delle persone con diabete: tanti bambini accompagnati dai genitori e tantissime persone. Chi indossava cappellini rossi, chi magliette con il logo della propria Associazione, chi proiettava verso l’alto striscioni ma tutti uniti nel rivendicare i propri diritti davanti alla sede dell’Assessorato alla Salute che ha sede a Palermo. La giornata era calda, davvero molto calda, ma il sole cocente non ha minimamente scoraggiato i manifestanti pronti a qualunque sacrificio pur di dare voce ai loro problemi. Una delegazione ha incontrato nella prima mattinata, i dirigenti dell’ufficio di gabinetto e alcuni funzionari mancava per impegni istituzionali invece l’Assessore Gucciardi.  I componenti della  delegazione hanno posto l’attenzione su una serie di problematiche che riguardano la condizione delle persone con diabete nella Regione siciliana a partire dall’ acquisto dei Device innovativi come i microinfusori. Un accordo potrebbe riguardare anche le strisce reattive per l’autocontrollo glicemico, e tutti i dispositivi (aghi, pungidito ecc.),  dal momento che la Sicilia ha una spesa media tra le più elevate d’Italia con spreco di preziose risorse economiche.  Altra istanza, fortemente voluta dalla associazioni dei pazienti, quella che riguarda la carenza, nel Servizio Sanitario regionale, di  posti letto nei centri di riferimento e i pochi ambulatori diabetologici pediatrici nel territorio regionale. Tuttavia l’argomento più rilevante è stato quello relativo ai nuovi dispositivi per la misurazione della glicemia, sensori di nuova generazione, che migliorano la qualità della vita alle persone con il diabete. Infatti già nel novembre 2016, in occasione della Giornata mondiale del diabete, incontrando le Associazioni, l’Assessore Gucciardi, aveva assunto l’impegno di erogare   i nuovi sensori, in distribuzione, nel giro di qualche settimana. Impegno che a tutt’oggi, purtroppo, non è stato ancora mantenuto. L’incontro si è chiuso con un impegno dello Staff dell’assessorato a rivedersi tra un paio di settimane   per riferire le novità che saranno adottate dal governo. La conclusione dell’incontro, proposta dallo Staff dell’Assessore, non è piaciuta alle tante Associazioni presenti che hanno preteso, con determinazione, che l’Assessore venisse di presenza a dialogare con loro. Dopo una breve attesa l’Assessore si è presentato all’affollata assemblea che ha promesso che nell’arco di due settimane il problema dei nuovi sensori sarà sicuramente risolto.La Federazione Diabete Sicilia vigilerà sui tempi annunciati dall’Assessore alla Salute senza abbassare la guardia, pronta a ripartire nel caso in cui la promessa non sarà mantenuta.

 

COSTITUITO IL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL MOVIMENTO ART. 1 MDP

SPERANZA-BERSANIIl Movimento “MDP” è movimento politico democratico e progressista, fondato sui principi di libertà, giustizia sociale, pari opportunità, pluralismo, secondo lo spirito della Costituzione Italiana della Repubblica Italiana. Nella sala gremita della Badia si è costituito, il 16 maggio 2017, il Coordinamento provinciale provvisorio del Movimento: “Art. 1 Mdp”. Numerosi rappresentanti della provincia, 9 comuni su 12, hanno sottoscritto l’atto costitutivo del Movimento. Molte nuove adesioni hanno confermato che la gente ha bisogno di ritrovare la propria casa di sinistra.  Il primo appuntamento a cui il nuovo Coordinamento parteciperà è quello della conferenza programmatica “Fondamenta – l’Italia nel mondo” che si terrà nei giorni dal 19 al 21 maggio a Milano. Manifestazione a cui tutti gli interessati potranno partecipare liberamente. Scopo del Movimento è quello di avviare un processo costituente che ha l’obiettivo di ricostruire un centrosinistra plurale, non soffocato da ambizioni leaderistiche e da pretese di arrogante autosufficienza che inevitabilmente porteranno alla vittoria degli avversari.  Un movimento politico che ha  come finalità  quella  di dare all’Italia un governo che corrisponda ai bisogni e gli interessi del Paese, dando attuazione ai diritti e alle libertà costituzionali, ed in particolare rimuovendo gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. L’uguaglianza è la  bussola del Movimento e una maggiore equità fiscale l’obiettivo. Combattere le disuguaglianze non è soltanto una richiesta di ordine morale che vuole affermare un elementare bisogno di giustizia, ma ha anche una sua natura e logica economica: se si allarga la forbice sociale si minano le condizioni stesse della crescita e quindi la possibilità di un’equa ridistribuzione dei profitti tra i cittadini. Radicare in tutte le comunità un campo di esperienze democratiche e progressiste legate alle culture socialiste, liberali, cattoliche, democratiche e ambientaliste, al mondo civico dell’associazionismo e del volontariato. Guidare il rilancio di un processo di integrazione europeo ancorato alla Carta Costituzionale.

  

 

Truffe finanziarie ai danni degli anziani

spi cgil

“Repressione e prevenzione delle truffe finanziarie ai danni degli anziani” è il tema del seminario formativo e informativo che SPI CGIL e FISAC CGIL di Ragusa terranno nella giornata di venerdì 19 maggio con inizio alle ore 9,30 presso i locali della Camera del Lavoro Territoriale di Ragusa in Vico Cairoli n. 29. Al seminario saranno presenti Francesca Artista, Segretaria generale FISAC CGIL Sicilia, Alessandro Gallo della FISAC CGIL Sicilia, Mario Vivera, Segretario SPI CGIL Sicilia, Giuseppe Scifo, Segretario generale CGIL Ragusa, Flavio Farruggio, Segretario generale FISAC CGIL Ragusa e Roberta Malavasi, Segretaria generale SPI CGIL Ragusa. Il seminario si inserisce nell’ambito di una azione che il Sindacato dei pensionati e dei lavoratori bancari della CGIL sta promuovendo per sviluppare maggiore consapevolezza e conoscenza negli utenti, soprattutto quelli meno informati come gli anziani, nei confronti delle truffe finanziarie e dei prodotti che i mercati finanziari offrono ai propri clienti e che spesso hanno livelli di rischio, sul capitale investito, di cui gli stessi acquirenti sono inconsapevoli. SPI CGIL e FISAC CGIL Ragusa vogliono dare il loro contributo operativo alla prevenzione e alla educazione finanziaria, a partire dalla  formazione, e alla denuncia di questo tipo di truffe finanziarie, sostenendo gli anziani e attivando tutti gli strumenti di conoscenza per metterli in condizione di riconoscere le truffe. Al Prefetto di Ragusa è stata consegnata una lettera di invito al seminario, con la disponibilità, da parte di SPI e FISAC, come soggetti sociali rappresentativi del mondo degli anziani e dei lavoratori del settore bancario, a partecipare ai lavori del “Comitato di Coordinamento per la prevenzione dei reati di truffa, in particolare di natura finanziaria nei confronti della popolazione di età avanzata e con educazione finanziaria contenuta”, già costituito a seguito del Protocollo sottoscritto dal Ministero degli Interni e dal Presidente dell’ABI.

Ex Distretto Militare a Ibla. La struttura sarà oggetto di lavori di somma urgenza

 

IMGP2552aSono stati autorizzati i lavori di somma urgenza nell’immobile dell’ex Distretto Militare, ora sede universitaria, impegnando la somma complessiva di 110.000 euro, comprensiva dei lavori, che saranno eseguiti dalla ditta Borrometi Giovanni. In sede di sopralluogo sono state riscontrate  dai tecnici comunali diverse criticità da trattare con urgenza, a garanzia della salvaguardia della pubblica incolumità. Le opere  che saranno realizzate  riguardano il ripristino degli intonaci in alcune aule dove sussiste il pericolo di caduta di calcinacci, il consolidamento dell’architrave delle finestre presenti nella sala biblioteca, la messa in sicurezza della cisterna idrica presente nello spazio di pertinenza a verde, lo svellimento ed il ripristino della pavimentazione dell’aula laboratorio e la riparazione delle infiltrazioni.

CONTROLLI IN UNA AZIENDA DI ORTOFRUTTA A VITTORIA

foto controlli ortofrutta (2)La Polizia ha proceduto ad un accurato controllo presso un’azienda che commercializza prodotti ortofrutticoli di Vittoria unitamente al Corpo Forestale dello Stato e l’Ispettorato Antifrode della Regione Siciliana ed all’Ispettorato del Lavoro. Il controllo aveva diversi obiettivi, tra gli altri quello di verificare la tracciabilità dei prodotti, la titolarità delle licenze e la regolarità delle assunzioni dei lavoratori. Il controllo presso l’azienda di commercializzazione ha permesso di constatare infrazioni per circa 6.000 euro inerenti il lavoro nero, in quanto due dipendenti non erano mai stati assunti. Il titolare esibiva agli operatori di Polizia documentazione attestante la tracciabilità dei prodotti, quindi per effettuare una verifica, venivano sottoposte a controllo le serre del titolare che aveva prodotto la certificazione dei prodotti. I prodotti ortofrutticoli erano effettivamente provenienti dalle serre di un cittadino albanese ma all’interno dell’azienda agricola sono stati riscontrati numerosi illeciti per circa 45.000 euro di sanzioni. Oltre all’assenza di alcune licenze, il titolare aveva impiegato i lavoratori come braccianti agricoli quando invece questi si occupavano di lavorare i prodotti per la commercializzazione. L’elusione di talune regole permette agli imprenditori agricoli di beneficiare di agevolazioni destinate all’agricoltura in danno dell’onesta concorrenza, creando quindi danni all’economia ed ai lavoratori stessi. L’ufficio del lavoro ha constatato che tali violazioni venivano perpetrate da 6 mesi e per ben 32 lavoratori, quindi le sanzioni comminate sono state molto elevate.

                                                     

                                                                                       

Scroll To Top
Descargar musica