24-04-2017

SERVIZI SOCIALI RAGUSA, PROTESTA DEI SINDACATI PER I TAGLI DECISI DALLA GIUNTA PICCITTO

imageCgil,. Cisl e Uil a seguito della conferenza stampa tenuta dal Sindaco del comune di Ragusa Piccitto e dell’Assessore ai Servizi Sociali Leggio, in riferimento alla prossima scadenza dei servizi gestiti attraverso i cosiddetti fondi Pac, non possono che esprimere forte preoccupazione per il rischio di un possibile smantellamento di importantissimi servizi ( assistenza domiciliari agli anziani, asili nido, servizio di assistenza educativa domiciliare), nonché per il conseguente negativo rischio sul piano occupazionale. I sindacati chiedono all’Amministrazione Comunale di Ragusa di provvedere con risorse del bilancio comunale di riattivare subito i servizi in attesa che si realizzi la nuova programmazione nazionale 2014/2020. “Non si possono lasciare senza alcun servizio le fasce deboli del territorio, quali appunto anziani, bambini, disabili e non ci possiamo permettere, in questa fase delicata dell’economia ragusana, un ulteriore incremento del tasso di disoccupazione. Il Comune di Ragusa da sempre si è distinto per la qualità di assistenza e aiuto alle famiglie e alle persone bisognose, e, pur riconoscendo le difficoltà in capo agli Enti Locali per i tagli avvenuti, appare strano che questa Amministrazione abbia scelto di disperdere tale patrimonio. I sindacati chiedono anche un tavolo di concertazione al fine di individuare strumenti e percorsi utili alla riorganizzazione del welfare locale.

 

RAGUSA, CONTINUA LA LOTTA DEI LAVORATORI DEL SERVIZIO IDRICO

P1030271-Copia-21-677x521_cLe Organizzazioni sindacali  Cgil Filcams, Cisl Fisascat e Ugl dopo l’ennesimo incontro , per nulla proficuo, con l’assessore ai lavori pubblici Salvatore Corallo hanno deciso di interrompere le trattative. Scrivono i sindacati: “Un anno fa l’amministrazione Piccitto presentò, ai sindacati rappresentanti dei lavoratori del servizio idrico, la nuova gara d’appalto che avrebbe dovuto affidare ad una società “altamente qualificata” il servizio idrico della nostra città. Gli obbiettivi che l’amministrazione si proponeva erano l’efficienza del servizio, risparmio energetico ed economico per la città e l’ammodernamento di alcuni servizi di pronto intervento e manutenzione. Per raggiungere questi obbiettivi, ci dissero, era necessario che anche i lavoratori fossero disposti a qualche sacrificio. La gara d’appalto prevedeva la riduzione del personale da 39 unità a 33 . Nonostante la contrarietà e la lotta dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali contro questi tagli, l’amministrazione continuo imperterrita a portare avanti la gara d’appalto e coinvolse il Prefetto nella trattativa. Tutti gli impegni che il Sindaco e l’assessore Corallo presero in più occasioni e con verbali firmati davanti al prefetto sono stati disattesi. Ad oggi rimangono solo i tagli del personale e nessun risparmio per la collettività. Adesso ci ritroviamo nella stessa identica situazione. L’amministrazione, per bocca del solito assessore Corallo, propone alle organizzazioni sindacali di avallare la nuova gara d’appalto che dovrà regolamentare il servizio idrico per i prossimi 2 anni. Una gara d’appalto di quasi 4 milioni di euro che prevede ulteriori tagli al personale.Infatti, viene dismesso il servizio di autobotti e quindi vengono licenziati i 3 lavoratori adibiti a questo servizio. Le motivazioni addotte dall’amministrazione per questi ulteriori tagli sono un offesa all’intelligenza: siccome i mezzi devono essere revisionati e l’amministrazione non ha soldi è meglio che questo servizio venga cancellato dalla nuova gara d’appalto. Ma, visto che il servizio autobotti è essenziale per la città, si destinano 200 mila euro per un nuovo appalto, scorporato dall’idrico, di gestione del servizio autobotti. Questo il nuovo  capolavoro dell’amministrazione Piccitto. In più, il fatto che la nuova gara sarà assegnata con la procedura dell’offerta economicamente vantaggiosa lascia ulteriori perplessità sul numero dei tagli che la nuova gestione potrà approntare. E’ fuor di dubbio, infatti, che chi vincerà l’appalto tenterà in ogni modo di apportare delle modifiche agli impianti di sollevamento idrico o nella distribuzione e questo permetterà di ridurre ulteriormente il personale visto che la gara d’appalto non prevede il reimpiego dei possibili lavoratori in esubero. Insomma si continua con la macelleria sociale. Da circa 2 mesi le organizzazioni sindacali continuano a sedersi al tavolo delle trattative con l’amministrazione facendo proposte alternative che salvaguardino i posti di lavoro ma, questa amministrazione sembra sorda ad ogni nostra richiesta. Inoltre, il Sindaco in tutti questi mesi non si è degnato neanche di incontrare le organizzazioni sindacali e i lavoratori per spiegare le ragioni di questa scelta da parte dell’amministrazione. Come organizzazioni sindacali non possiamo accettare ulteriori licenziamenti . Per questo continueremo la lotta con tutte le azioni a nostra disposizione fino al ritiro del bando sul servizio idrico”.

NUOVA CONVENZIONE ASP – AVIS RAGUSA

perche-donare2E’ stata firmata dal Dr. Maurizio Aricò Direttore Generale dell’ASP e dal Dr. Paolo Roccuzzo presidente dell’AVIS di Ragusa, la nuova convenzione tra l’ASP e l’AVIS di Ragusa, capofila delle 12 AVIS della provincia. La convenzione  ha la durata di tre anni e  individua gli obiettivi sanitari ed associativi, normando i rapporti economici e le competenze rispetto a materiali di consumo, attrezzature e strumentazioni tecnologiche. Lo schema di convenzione, già approvato con delibera pubblicata la scorsa settimana, rappresenta un raro caso di applicazione di una norma emessa esattamente due mesi fa, offrendo, a tutte le AVIS della provincia di Ragusa, uno strumento straordinario ed efficace che consentirà di operare in modo uniforme ed omogeneo, nella consapevolezza che verranno applicate con scrupolo e rigore tutte le pratiche tecniche e scientifiche previste dalle norme di accreditamento che nel tempo hanno fatto dell’AVIS di Ragusa un esempio virtuoso riconosciuto in tutta Italia. Il Dr. Paolo Roccuzzo ha ringraziato, a conclusione dell’incontro, il Dr. Maurizio Aricò per la sensibilità, lo spirito innovativo e la capacità di dare attuazione a norme recentissime, con tempestività, cogliendo pienamente il senso dell’innovazione, offrendo al contempo, una disponibilità che ha consentito alle AVIS della provincia di Ragusa di essere la prima in Sicilia a dotarsi di una convenzione che regolerà i rapporti di collaborazione per i prossimi tre anni, aprendo una pista che potrà essere seguita in tutta la Regione.

Sicilia. Legge di decadenza dei sindaci, per il Cga il governo regionale deve dichiarare la decadenza congiunta di consigli comunali e sindaci

Il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta al ventesimo vertice antimafia, all'Antico Spedale del Bigallo, Bagno a Ripoli (Firenze), 21 novembre 2014. ANSA/ MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

La regione siciliana ha chiesto, in via d’urgenza, parere consultivo relativo alla legge regionale 6/2017, che prevede la decadenza dei sindaci non solo nei casi di mozione sfiducia ma in tutti i casi in cui decadano i consigli comunali. La questione posta dalla presidenza Crocetta  riguardava l’applicabilità immediata della legge in modo retroattivo, cioè per comuni per i quali si era votato con regole diverse. Il Cga si è pronunciato nel senso che, la disapplicazione da parte della presidenza della Regione di tale articolo di legge, non è possibile e che l’eventuale accezione di incostituzionalità può essere presentata solo  dai soggetti interessati, che sono i sindaci. Croceta quindi informa che entro il 13 aprile si procederà allo scioglimento per i sindaci i cui consigli comunali sono già stati dichiarati decaduti.

RETE SANITARIA, FORZA ITALIA FORTEMENTE CRITICA

images“Il nuovo Piano Regionale  sanitario della Rete ospedaliera  peggiora i problemi sanitari della provincia di Ragusa”. Lo sostiene Forza Italia attraverso il segretario del gruppo patrlamentare al’Ars Maurizio  Villaggio che scrive: “Con  i posti letto in diminuzione, le liste di attesa per i cittadini si allungheranno ulteriormente e tutta la qualità dei servizi sanitari sarà ‘ in caduta libera nel nostro territorio, col risultato immediato, di un aumento considerevole di cittadini  che andranno  a curarsi fuori regione, sperando che le strutture del nord Italia riescano a risolvere i loro problemi di salute, con gravi disagi loro e  col risultato di depauperare il già  esangue bilancio economico di cui gode la sanità  siciliana. Il popolo siciliano meritava piu rispetto ed attenzione da parte della politica isolana  a guida Crocetta, che invece lo ha svenduto  e umiliato.. Crediamo che un forte governo a guida centrodestra alle prossime elezioni riesca ad invertire questa situazione scandalosa e sprecona che esiste oggi nell’ambito sanitario in Sicilia ed in particolare in provincia di Ragusa . Infatti,per quanto riguarda il nostro comprensorio, ormai è chiaro a tutti che Modica e Scicli sono state depotenziate ed alleggerite intenzionalmente  di tanti servizi e francamente non ci meritavamo di essere trattati come cittadini di serie Z”.

COMMEMORAZIONE DEI BRACCIANTI VITTIME DELLE SQUADRE FASCISTE NELL’APRILE 1921

8a1beadb8973011ad8040722ee222785175Mercoledì 12 aprile in piazza San Giovanni, alle ore 18,30, verranno commemorati i braccianti uccisi nella strage del 9 aprile 1921 dalle squadre fasciste capitanate da Filippo Pennavaria.”Una corona di fiori verrà apposta sotto la lapide che ricorda Rosario Occhipinti, Carmelo Vitale e Rosario Gurrieri, vittime innocenti di una violenza che stava per inondare l’Italia intera. I tre braccianti ragusani rappresentano il simbolo della eterna lotta per l’affermazione del diritto dei più deboli ad una società libera dall’oppressione e dallo sfruttamento, e nello stesso tempo la loro sorte testimonia che i tenutari dei privilegi di classe non disdegnano di usare nessun mezzo pur di salvaguardare i loro interessi. Il fascismo, sotto varie forme, ancora oggi ammorba molte parti del pianeta, si chiami razzismo, maschilismo, integralismo, militarismo. Contro di esso si muovono le nuove resistenze: dagli antirazzisti che sostengono i diritti dei migranti alle donne organizzate contro il patriarcato e le sue nefaste conseguenze, dai liberi pensatori e tutti i laici che fanno diga contro ogni forma di imposizione religiosa, agli attivisti NO MUOS e a tutti gli antimilitaristi che ostacolano la militarizzazione dei territori e le politiche di guerra. Il senso della commemorazione delle vittime del 9 aprile 1921 è, pertanto, tutto proiettato nel presente. Un presente che trae linfa vitale nella memoria per costruire un futuro migliore” – scrive Sicilia Libertaria.

LE ECCELLENZE SICILIANE CONQUISTANO IL SALONE DEL MOBILE CON LA PASTICCERIA DI PASQUALE

pasticceria di pasqualeBuona la prima al Salone del Mobile per la Pasticceria Di Pasquale, che ha conquistato il pubblico dell’appuntamento più glamour e più partecipato dell’anno per il design e la creatività italiana. Dopo essere stata presente alla “Vendemmia” di Via Montenapoleone, e dopo aver presentato i suoi prodotti nell’esclusivo temporary shop allestito nel periodo natalizio presso il centralissimo e prestigioso Palazzo dei Giureconsulti, la Pasticceria Di Pasquale è tornata nel cuore pulsante della capitale economica del Paese, che ha anche visto l’affluenza dei molti ragusani presenti all’evento e dei numerosissimi avventori italiani e stranieri, che hanno manifestato il loro apprezzamento anche – ma non soltanto – facendosi ritrarre allo stand, a favore di camera e di social network. Le arancine, i cannoli e l’ormai mitica Torta Savoia hanno conquistato il pubblico della rassegna milanese, confermando di avere tutte le carte in regola per un successo oltre i confini isolani come inconfondibili testimonials dello storico marchio ragusano. Il bilancio della missione milanese è stato un trionfo di sicilianità, anche grazie alle collaborazioni con  Rosso Cinabro e con il marchio Eppecciò, con le cui opere ed oggetti artistici è stato arredato lo spazio espositivo della Pasticceria Di Pasquale. I due marchi, esclusivi ed emergenti, sono interessanti attori della cultura siciliana, impegnati nel recupero dell’antica arte della decorazione dei carretti e del recuperare la memoria ed il fascino dei vecchi giochi da strada. I Maestri di Rosso Cinabro hanno saputo stregare persino Dolce & Gabbana, che hanno portato le loro decorazioni di famosi elettrodomestici al Salone del Mobile, per il secondo anno di fila.

SETTIMANA SANTA A IBLA

Settimana Santa 2017 la processione della MaddalenaFervore, devozione, misticismo. Le tre processioni che hanno caratterizzato la domenica dedicata alla Passione del Signore, a Ragusa Ibla, dando il via alla celebrazione delle “Quarantore di adorazione del Santissimo Sacramento”, si contraddistinguono per queste speciali peculiarità. Anche stavolta, i fedeli hanno partecipato numerosi agli appuntamenti che hanno animato, domenica, da metà pomeriggio sino a sera, le viuzze del quartiere barocco. Sono state le confraternite, antiche associazioni di fedeli, a rendere vivi, uno dopo l’altro, i cortei religiosi dei rispettivi simulacri caratterizzati, oltre che dalla presenza dei devoti, anche dalle note eseguite dalla banda musicale “San Giorgio”. Ricco di fascino, poi, il transito dei simulacri tra le varie vie. E non è un caso che i turisti presenti siano rimasti, in pratica, a bocca aperta al passaggio delle processioni. C’era anche la troupe di una televisione olandese che sta girando un documentario sui riti pasquali in Sicilia e che non ha voluto perdere l’appuntamento con quelli di Ibla. Anche perché si tratta di manifestazioni religiose di cui si parla nei commentari della fine del Quattrocento e che, quindi, sono stati tramandati di secolo in secolo. Prima l’uscita dalla chiesa in cui risiede ogni confraternita, poi la processione verso il Duomo di San Giorgio per l’adorazione del Santissimo Sacramento, quindi il rientro nel sito di provenienza. La prima processione è stata quella della confraternita Addolorata dalla chiesa dell’Itria di salita Commendatore. Il sacerdote a guidarla il parroco della Chiesa Anime sante del Purgatorio, don Gino Scrofani. Da qui, dopo essere stato portato in piazza Repubblica, il simulacro di Santa Maria Addolorata è transitato per via del Mercato sino a raggiungere piazza Duomo e quindi l’ingresso nella Chiesa madre. La seconda processione, animata dalla confraternita Maddalena, guidata dal parroco del Duomo, don Pietro Floridia, con il direttore dell’ufficio diocesano per la Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti, che ha tenuto i fervorini eucaristici, è stata caratterizzata dall’uscita dalla chiesa omonima di corso XXV aprile. Dopo il transito in piazza Pola, l’avvio verso San Giorgio. L’ultima processione, quella proveniente dalla chiesa dell’Annunziata, animata dalla confraternita “Santissimo Rosario – Sciabica”, ha messo in rilievo il simulacro di Gesù alla Colonna che, anche in questo caso, è stato condotto, per il fervorino eucaristico all’interno del Duomo. Il parroco, don Pietro Floridia, ha ricordato il significato intimamente religioso delle “Quarantore” con preghiere silenziose, canti e riflessioni. Martedì santo, a partire dalle 20, dalla chiesa di San Filippo Neri di via Giusti, la processione con “La Veronica”. Sarà il rito che concluderà le tradizionali “Quarantore”.

 

 

 

 

 

Il nuovo ospedale di Ragusa sarà privo di Neurologia, Lab 2.0: “Errore madornale”

NEUROLOGIA“Da quanto abbiamo potuto appurare, la nuova rete ospedaliera approvata dall’Assemblea Regionale Siciliana, presenta delle gravi carenze che riguardano la città di Ragusa e in particolare il costruendo nuovo nuovo ospedale Giovanni Paolo II che sarà privo del reparto di Neurologia”. Lo denuncia il direttivo del Laboratorio politico 2.0. “Nonostante la sua classificazione come DEA di I livello, cioè Dipartimento di Emergenza Urgenza e Accettazione di riferimento per un’area – spiegano da Lab 2.0 – alla struttura sanitaria della nostra città mancherà l’Unità Operativa Complessa di Neurologia. Reparto di grande rilevanza che, invece, sarà presente sia al Guzzardi di Vittoria che al Maggiore di Modica. Nella città della Contea, addirittura, saranno aumentati i posti letto proprio di Neurologia. Nel Piano, invece, lo stesso reparto è incomprensibilmente assente a Ragusa”. “Viene spontaneo, dunque, chiedersi: il primo cittadino che fa? E la deputazione? – si interrogano – Abbiamo l’impressione che l’attenzione su questo tema sia calata, che l’amministrazione comunale non se ne voglia occupare e che la deputazione iblea, come dire?, stia dormendo, forse più impegnata in passerelle e cene romane con discutibili e inconcludenti compagnie per stringere patti al mollusco (come riportano i giornali) piuttosto che a lavorare per ottenere risultati. Intendiamoci: siamo lieti che il Guzzardi di Vittoria e il Maggiore di Modica siano stati elevati entrambi a “spoke”, che la provincia, dunque, avrà ben tre dipartimenti d’emergenza e accettazione e riteniamo che sia un vantaggio per gli oltre 300mila abitanti del nostro territorio. Ma lasciare che il nuovo ospedale di Ragusa, che ancora da inaugurare sarà quindi un presidio all’avanguardia per tutti gli iblei, possa rimanere privo di Neurologia è un errore madornale che va corretto al più presto”. “I cittadini della provincia – concludono dal Lab 2.0 – si aspettano che i tre Dea siano strutture alla pari in grado di garantire la stessa offerta sanitaria e su questo aspetto vorremmo sentire l’amministrazione comunale e i parlamentari fare la voce grossa”.

OLTRE DUECENTOCINQUANTA PARTECIPANTI PER VIVICITTA’

Vivicittà 2017 il gruppo dell'Asd No al dopingUna grande festa dello sport. Con oltre 250 partecipanti suddivisi nelle varie categorie, compresi i camminatori. Una festa che ha animato, domenica mattina, il centro storico superiore di Ragusa. Sono le caratteristiche salienti di “Vivicittà” che, con partenza da viale Tenente Lena, ha calamitato l’attenzione degli appassionati ma anche dei semplici curiosi. Un momento straordinario che, rispetto agli scorsi anni, ha fatto registrare numeri ancora più consistenti a testimonianza del fatto che si tratta di un evento di spessore. Hanno partecipato anche alcuni richiedenti asilo incarnando quello spirito dell’accoglienza sportiva che l’Uisp ha voluto mettere in rilievo. Suggestivo il circuito ricavato nel centro storico che, tra l’altro, ha contemplato il passaggio lungo i tre ponti, simbolo della città di Ragusa. Primo posto assoluto per Vincenzo Schembari dell’Asd Padua con il tempo di 41’47”. Al secondo posto Alberto Amenta della Libertas Scicli (c’è stato un arrivo in volata con il primo classificato), terzo Salvatore Greco della Running Modica. Per quanto riguarda le donne, prima Fernanda Mirone della Barocco Running con il tempo di 50’49”, seconda Margaret Maja Cotrin dell’Asd Padua, terza Sebastiana Bono.

Ragusa, doccia a pagamento alla piscina comunale

1396118318-riapre-la-piscina-comunale-di-ragusa“La pratica di alcune discipline sportive di larga diffusione come il nuoto non dovrebbe comportare spese eccessive per le famiglie, soprattutto se effettuate in una struttura comunale. Ci spiace sottolineare che, purtroppo, a Ragusa non è così. Non vogliamo dire che sia diventato un lusso. Ma poco ci manca”. A denunciarlo il portavoce cittadino di Territorio, Emanuele Distefano, assieme al responsabile degli enti locali, Michele Tasca, dopo le numerose segnalazioni ricevute in questo senso. “Lasciando stare il canone mensile che le società per le loro attività devono corrispondere al Comune e su cui possiamo anche essere d’accordo – sottolineano Distefano e Tasca – non si può sottacere il fatto che gli utenti siano costretti a corrispondere tutta una serie di balzelli anche per l’utilizzo di una serie di servizi connessi, non ultimo la doccia dopo aver fatto attività che può essere attivata attraverso una tessera magnetica da ricaricare con un tot di euro. Già un intervento del genere si rendeva necessario per il phon e quindi per asciugarsi i capelli. Ora bisogna pagare pure per lavarsi. Ora, sul fatto che un impianto del genere, e ci riferiamo alla piscina comunale di contrada Selvaggio, debba sopportare dei costi, anche ingenti, non ci sono dubbi. Ma non ci spieghiamo le ragioni per cui questi costi se li debba sobbarcare il cittadino che, tra l’altro, in questi ultimi anni, è stato costretto a sborsare tasse non da poco. Chiediamo, dunque, alla stessa Amministrazione comunale di rivedere al ribasso questi costi”.

 

 

ARRESTATI DUE SPACCIATORI DIRETTI A MALTA CON 4 CHILI DI DROGA

fotoaContinua, senza sosta, l’attività di prevenzione e repressione di ogni forma di traffico illecito all’interno del porto di Pozzallo a cura delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa. Individuat tra i passeggeri in fila in procinto di imbarcarsi sul catamarano in partenza per Malta, due persone che, alla vista dei militari, hanno cominciato a dare evidenti segnali di nervosismo. Il successivo controllo, prima sui bagagli e poi sulle persone ha permesso di rinvenire oltre quattro chili di sostanze illecite (3,5 kg. di marijuana e 500 gr. di hashish), accuratamente confezionate sotto vuoto, nel chiaro intento di sfuggire al fiuto dei cani antidroga. Sono stati anche perquisiti i rispettivi domicili di C.D. e C.A. (classe ’74 e ’84) a Pachino dove sono stati rinvenuti dei taglierini, bilance di precisione e altro materiale necessario per il confezionamento dello stupefacente. I due sono stati tratti in arresto. La droga avrebbe fruttato almeno 50.000 euro.

Ragusa, consultazione online per conoscere l’opinion e dei cittadini sulla destinazione del City

 

downloadConoscere, attraverso una consultazione online, l’opinione dei cittadini sulla destinazione che potrebbe essere data  al “City”, struttura comunale ubicata all’interno del Parco Giovanni Paolo II di Via Natalelli. Tale consultazione già avviata dall’Amministrazione comunale il 1° aprile scorso, si concluderà il 15 maggio prossimo.  Per poter “votare” è necessario registrarsi accedendo al link: www.votofacile.it ed utilizzare come password il numero della propria tessera elettorale.

 

“ROMANTICAMENTE… POLONIA” INCANTA IL PUBBLICO DI MELODICA

foto4Una rilettura attenta e al tempo stesso grintosa dei grandi capolavori della musica polacca, gemme incontrastate della letteratura pianistica e flaustica, brani dalle eccezionali sonorità, alcuni dei quali complessi e complicati da eseguire ma di assoluto grande fascino. Al teatro Don Bosco di Ragusa, il duo composto dal flautista Henryk Blazej e dalla pianista Teresa Kaban, ha eseguito un programma dedicato a famosi autori polacchi del periodo romantico a partire dal grande Chopin. La 22° stagione concertistica internazionale “Melodica”, patrocinata dall’Assessorato agli Spettacoli del Comune di Ragusa con la direzione artistica della pianista Diana Nocchiero, ha dunque ospitato questi due eccezionali musicisti. Un duo molto ben collaudato che ha saputo fornire una prova esemplare, eseguendo il programma proposto in maniera impeccabile, mettendone in luce ogni più piccolo dettaglio grazie ad un suono morbido ed elegante e a un fraseggio piacevole e naturale. Tante le emozioni trasmesse da questo fantastico duo al numeroso pubblico presente  che entusiasta ha applaudito con tanto calore  chiedendo  più volte  bis. La stagione concertistica internazionale Melodica colpisce sempre nel segno anche perché ha storia, ormai ventidue anni,  poesia e anima. Prossimo appuntamento “Dal Barocco al Tango” sabato 22 aprile con altri due grandi artisti: Linda Hedlund al violino e Domenico Del Giudice alla chitarra. Per info è possibile visitare il sito internet www.melodicaweb.it

 

 

 

OPERE INFRASTRUTTURALI IN PROVINCIA DI RAGUSA

evento11361Su iniziativa del Presidente della Camera di Commercio di Ragusa si è svolto un incontro con i rappresentanti delle associazioni di categoria e delle organizzazioni sindacali sulla questione delle opere infrastrutturali. Il Presidente della Camera Giannone ha chiesto il confronto per tenere a breve un convegno di approfondimento e di aggiornamento delle tematiche che riguardano il sistema infrastrutturale, dal completamento di opere come l’autostrada Siracusa – Gela, la superstrada Catania – Ragusa, il Porto di Pozzallo, fino alle nuove problematiche di crescita dell’aeroporto di Comiso. I presenti sono stati informati, con non poca soddisfazione, che in merito alla Ragusa – Catania, il concessionario che ha in appalto l’opera, ha depositato in questi giorni il progetto esecutivo agli enti che dovranno esprimere parere, mediante una conferenza di servizi che dovrà svolgersi a breve, procedura propedeutica all’avvio dei lavori. Inoltre, è stato comunicato che la ditta appaltatrice della strada di collegamento con l’aeroporto di Comiso, la cosiddetta “bretella”, ha firmato il contratto di appalto e a breve inizieranno i lavori. Alla fine del nutrito dibattito, che ha fatto registrare interventi di quasi tutti i presenti, è stata accolta la proposta di tenere l’iniziativa nella prima parte del mese di maggio, iniziativa che oltre che fare il punto su tutte le principali opere infrastrutturali, ritenute strategiche per lo sviluppo del sistema economico e sociale, affronti anche la questione della rete ferroviaria e delle infrastrutture immateriali, cominciando a individuare una linea di sviluppo per il futuro del territorio.“Ho preso atto con soddisfazione, ha commentato alla fine il Presidente, che l’iniziativa proposta sia stata condivisa dal mondo delle imprese e dei lavoratori. Nonostante le difficoltà finanziarie delle Camere, a seguito dei provvedimenti di legge che hanno dimezzato le entrate, l’ente camerale ragusano vuole esercitare pienamente il suo ruolo. Dopo questo primo appuntamento, contiamo di tenere due iniziative centrali sull’agroalimentare e sulla sicurezza.”

 

 

Svanisce il sogno di B della Nova Virtus Ragusa

17796702_638242423041562_7746390314683087305_nIl Green Basket di Palermo tra le mura di casa sua, riesce a portare via la vittoria per 78 a 53, riscattando la sconfitta in Gara2 di giovedì scorso a Ragusa. “Grande merito a coach Verderosa e i suoi ragazzi- commenta a fine partita, l’allenatore virtussino Massimo Di Gregorio – hanno meritato questa partita”. “Doveroso applauso a tutta la squadra, ognuno di loro è migliorato, specie i più giovani, hanno sviluppato delle capacità che vanno oltre l’aspetto tecnico tattico – aggiunge Di Gregorio  – ci tengo molto a ringraziare anche Sergio Trovato, che è stato molto più di un assistente e Luisa Di Martino che non ci ha mai lasciati soli”. Anche il Presidente Alessandro Vicari manifesta l’orgoglio per una squadra che chiude un capitolo in cui prevalgono le soddisfazioni, come si evince dal quarto posto in Serie C Silver Sicilia, partita debole sulla carta e che pian piano è cresciuta, sviluppando una difesa tra le migliori del campionato, puntando sempre sull’unione e l’intesa di gruppo. Tabellini: Green Basket – Giancarli 8, Gentili 19, A. Lombardo 17, G. Lombardo 8, Williams 19; Trevisano, Forzano 5, Biondo, Tagliareni, Vitale 2, Mantia. All. Verderosa. Vice: Muratore. Basket Club Ragusa – A. Gebbia 12, Licitra 5, Canzonieri 8, Sorrentino 6, Mammana 13; Antoci 4, L. Gebbia 2, Ferrera 3, Idrissou, Ferlito, Spatuzza ne, Dinatale ne. All. Di Gregorio, Vice: Trovato.

MOSTRA AL CINEMA LUMIERE DI RAGUSA

rv2Il Lumière dall’8 al 30 Aprile ospiterà presso la saletta Meliès la mostra di serigrafie del pittore catanese Rino Valenti. Sarà possibile accedere all’esposizione nei giorni e negli orari di apertura del cinema.  “Rino Valenti affronta la superficie come spazio scenico – afferma nella presentazione Franco De Grazia – e crea fondali tridimensionali ricchi di emergenze e rientranze, sia attraverso partiture di colore che si uniscono senza confondersi né sovrapporsi, sia con sfumature dissolventi”.

Calcio II categoria, San Giorgio Ragusa 1 – Nuova  Niscemi 1

IMG-20170408-WA0007A decidere  il match i rigori trasformati da Filippo Raciti e dal capitano ospite Francesco Roselli. La San Giorgio Ragusa ha dominato il primo tempo quando ha sfiorato piu’ volte il 2-0, compresa la traversa  colpita da Peppe Licitra con un gran tiro dal limite. Nella ripresa è venuto fuori il team ospite con ripartenze  veloci  che hanno creato  problemi alla difesa ragusana. Dopo il pareggio ospite la San Giorgio Ragusa ha rischiato il secondo  gol ma nel finale è  andata vicinissima alla rete della merita vittoria, almeno tre volte, con  Giorgio Baglieri, Martorana e De Luca. “Con il pareggio di sabato – afferma il ds Danilo Filippone – ci siamo complicati la vita, compromettendo la partecipazione ai play-off. Numeri alla mano, è difficile adesso riagganciare in extremis il quinto posto”. Dopo la pausa pasquale la San Giorgio Ragusa è attesa dalla trasferta sul campo dell’Hellenika Siracusa.  Questa la formazione scesa in campo : Barone, Gurrieri, Baglieri Rosario, Burgio, Brullo, Criscione, Carnemolla, Raciti,  Martorana Alessio, Licitra, Amenta. Nel corso  della gara in campo Baglieri Giorgio, Canonico e De Luca. In panchina con il secondo Boncoraglio anche Antonelli,  Carnazza,  Veneziano, Mallia.

Abitare illegale, a Ragusa presentazione del libro

abitare illegale 2-2Lunedì 10 aprile alle ore 18, presso la Società dei libertari di via Garibaldi 2 avverrà la presentazione del libro “Abitare illegale. Etnografia del vivere ai margini in occidente” di Andrea Staid, docente di antropologia culturale e di teoria e metodo dei mass media presso la NABA.

A RAGUSA PROIEIZIONE NORMO BARRIERE

normo baGiovedì 13 Aprile alle ore 18 presso la Libreria Flaccavento proiezione di “Normo Barriere”, testimonianza diretta di alcuni esempi di barriera architettonica:  una mattina in compagnia di Giorgio e Francesca, compagni nella vita e compagni nella disabilità, caratterizzata dalla necessità di sbrigare alcune incombenze tipo, pagare una bolletta o ritirare del materiale sanitario o anche semplicemente fare una passeggiata in centro. Al termine della proiezione ci sarà un confronto sull’argomento.

Scroll To Top
Descargar musica