23-10-2017

Romano Prodi a Scicli il 16 agosto

1443139744-1-romano-prodi-il-mio-viaggio-in-600-da-reggio-emilia-a-scicli

Mercoledì prossimo alle 20:30, presso il cortile del Carpintieri a Scicli, sarà presente Romano Prodi per presentare il suo ultimo libro “Il piano inclinato”. Modereranno il dibattito il consigliere comunale Edoardo Morana, organizzatore dell’evento, e il giornalista Bartolo Lorefice. Relatore il prof. Pinuccio Tidona.

Comune di Ragusa, Estate Iblea 2017

estate iblea 2017

15 AGOSTO FESTA MARIA SS. DI PORTOSALVO – MARINA DI RAGUSA.

15 AGOSTO ore 22:00 Apertura concerto delle Diamonds wm – PARSIFAL in concerto – TRIBUTE BAND POOH – MARINA DI RAGUSA, Piazza Duca degli Abruzzi.

15 AGOSTO ore22:30 CONTROVENTO in concerto – MARINA DI RAGUSA, Villaggio dei Gesuiti.

15 AGOSTO ore 22:00 “STRIKE” IN CONCERTO – RAGUSA IBLA, Piazza Duomo.

16 AGOSTO ore 23:00 BOB SINCLAR —CASTELLO DI DONNAFUGATA. INGRESSO A PAGAMENTO su www.ticketone.it

16 AGOSTO ore 21:30 SEXTETO LATINO – RAGUSA IBLA, Sala Falcone Borsellino.

CANTIERE EDILE A ACATE, UNA DENUNCIA,  SANZIONI PER 10.000 EURO

DIGITAL CAMERA

I Carabinieri della Stazione di Acate e del Nucleo Ispettorato del lavoro di Ragusa hanno ispezionato un cantiere edile per la realizzazione di un complesso residenziale privato ubicato nel comune di Acate. Il controllo dei Carabinieri ha permesso di accertare alcune violazioni della normativa relativa alla sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché ulteriori violazioni sulla normativa antinfortunistica a tutela dei lavoratori. In particolare è stato rilevato che gli operai impegnati nell’attività di realizzazione dei manufatti erano costantemente esposti al rischio di folgorazione e precipitazione in quanto l’area di cantiere era sprovvista di attrezzature elettriche a norma e parte dei ponteggi mancanti di parapetti e “linee vita” di ancoraggio. Sono state verificate altresì quattro posizioni lavorative, una delle quali è risultata irregolare. A seguito dell’ispezione è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria il titolare dell’impresa edile, un 40enne originario di Vittoria.

Tratto autostrada Rosolini-Modica, Lorefice: non resti l’ennesima incompiuta

lorefice 5 STELLE

“L’autostrada Catania-Siracusa-Modica rischia di non essere completata a causa della chiusura del cantiere del tratto autostradale Rosolini-Modica. Un’arteria importantissima che rischia di restare l’ennesima incompiuta”: così la deputata della XII Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice che in una nota al ministro delle Infrastrutture Del Rio ne ha evidenziato le problematiche, a partire dal licenziamento da parte dell’Impresa Co.si.ge di tutte le maestranze a far data dal 31 luglio 2017. “150 lavoratori ai quali si aggiungono coloro che lavoravano nell’indotto. In questi mesi – sottolinea la deputata del M5S –  vi sono stati presìdi degli operai, appelli rivolti agli enti nazionali e regionali al fine di trovare una soluzione. Le organizzazioni sindacali, con il pieno sostegno dei lavoratori, si sono opposte ai licenziamenti, anche presidiando il cantiere per ben due giorni con assemblee permanenti, nonostante ciò, si sono fermati i lavori, e anche i lavoratori”. “Gli ostacoli economici e tecnici in essere – continua la parlamentare – non hanno permesso di trovare delle soluzioni. E l’impresa ha deciso di cessare l’attività del cantiere”. “In ballo – dice la Lorefice a Del Rio – c’è il lavoro di centinaia di famiglie, ci sono i soldi, fondi in buona parte concessi dall’Ue, che rischiano di andare persi, c’è la tenuta delle imprese fornitrici che non ricevono i dovuti pagamenti da mesi e che vantano crediti ingenti e la realizzazione di un’opera determinante per lo sviluppo economico della Sicilia. L’autostrada Catania-Siracusa-Modica rischia di rimanere bloccata o mai più ultimata. È fondamentale che vi sia tra i soggetti direttamente coinvolti nella realizzazione dell’opera una concertazione delle azioni da mettere in atto per trovare soluzioni in tempi celeri. Nessuno può tirarsi indietro dalle proprie responsabilità. Ho ritenuto doveroso scrivere al ministro Del Rio auspicando anche in un tempestivo interessamento. Servono risposte, soluzioni immediate e necessarie per tutelare lavoratori, ditte e completare l’autostrada Catania-Siracusa-Modica”.

 

Incidente stradale sulla Modica-Marina di Modica, motociclista in prognosi riservata

dav

Un giovane motociclista modicano, F.L., 22 anni, è ricoverato in Rianimazione all’Ospedale Maggiore in seguito ad un incidente verificatosi mercoledì sera sull’ex Sp. 43, oggi Via Sorda Sampieri. La vittima era alla guida di una motocicletta Buell e si era appena immesso, proveniente da Marina di Modica, sulla vecchia provinciale, quando ha impattato violentemente contro un’autovettura Audi A 3 condotta dal toscano A.M., 60 anni, che stava svoltando per immettersi sull’ex Sp. 44. Lo scontro è stato violento. Scattato l’allarme, sul posto è intervenuta l’ambulanza del 118 e il Nucleo di Pronto Intervento della Polizia Locale del Comune di Modica. Il conducente dell’auto, alla fine, non si è fatto refertare mentre il 22enne, dopo i primi accertamenti clinici e radiologici da parte dei medici del Pronto Soccorso di Modica, è stato intubato e dichiarato in prognosi riservata per le lesioni riportate. Della vicenda è stato informato il magistrato di turno. I due veicoli sono stati sequestrati.

PLURIPREGIUDICATO MODICANO ALLA GUIDA DEL MOTOCICLO SENZA PATENTE, ASSICURAZIONE E CASCO, DENUNCIATO ANCHE PER UN COLTELLO E L’ALTERAZIONE DELLA TARGA

DSC_0015

Per la quarta volta in soli otto giorni gli uomini del Commissariato di Polizia hanno fermato un pluripregiudicato di Modica, C.G. di anni 21, che conduceva uno scooter in violazione a qualsiasi regola del codice della strada. Lo stesso, noto pregiudicato per reati di varia tipologia, guidava il motociclo senza patente, senza assicurazione, senza revisione e privo di casco. A ciò si aggiunga che la targa risultava contraffatta. L’ammontare delle sanzioni, oltre al fermo amministrativo del mezzo, ha superato i 6000 euro. Nell’ambito della stessa operazione, a bordo del motociclo veniva rinvenuto un coltello il cui porto risultava vietato dalla legge sulle armi. Per tale ragione lo stesso veniva altresì denunciato.

CITTA’ DI RAGUSA, ESTATE IBLEA 2017

estate iblea 2017

11 AGOSTO ore 21:30 DUO CLASSICO – RAGUSA IBLA, Sala Falcone Borsellino.

12 AGOSTO ore 20:00 KAPPAO’ MANIA BOX – TERRAZZA DEL PORTO TURISTICO MARINA DI RAGUSA.

14 AGOSTO ore 22:00 ANDREA BARONE CABARET —MARINA DI RAGUSA, Piazza Duca degli Abruzzi.

14 AGOSTO ore 21:30 “IBLA IN FESTA” – FERRAGOSTO BAROCCO – RAGUSA IBLA, Piazza G.B. Odierna.

DAL 14 AL 20 AGOSTO SPLASH BALL – SPIAGGIA ZONA PORTO TURISTICO MARINA DI RAGUSA.

Arrestati due rumeni ubriachi che all’uscita dalla discoteca innescano 8 focolai per provocare l’incendio delle coltivazioni sulla strada Vittoria-Scoglitti

PANAINTE Vlad

La Polizia ha arrestato Vlad Panainte di 29 anni e Marius Bogdan Nastasa di 31 anni, entrambi pregiudicati e dimoranti nel territorio di Gela, per incendio boschivo, resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali. Nella notte tra sabato e domenica, nei pressi della Baia Dorica a poche decine di metri da una discoteca, un cittadino aveva segnalato due soggetti intenti ad appiccare degli incendi. Gli agenti di Polizia sorprendevano i due piromani che dopo un vano tentativo di fuga, aggredivano i poliziotti ferendone lievemente uno e tentando di spingere al centro della strada, l’altro. Dopo aver ammanettato i due delinquenti, gli operatori recuperavano gli accendini utilizzati per appiccare i focolai e provvedevano a spegnere con mezzi di fortuna quelli vicini e non ancora fortemente alimentati. Nel frattempo sul posto intervenivano i Vigili del Fuoco per spegnere gli incendi che già si stavano propagando. Nei pressi dell’incendio ci sono stati attimi di panico in quanto i proprietari delle auto, al fine di metterle in salvo dalle fiamme, salivano a bordo nonostante l’incendio ormai vicinissimo. Gli agenti della Squadra Mobile di Ragusa constatavano la presenza di ben 8 punti di innesco e relativi incendi che, se non vi fosse stato il pronto intervento della Volante della Polizia e dei Vigili del Fuoco, avrebbero devastato un’area vastissima. I due rumeni, una volta condotti negli uffici della Polizia di Stato, ammettevano di aver appiccato gli incendi per gioco in quanto ubriachi. Dopo l’arresto i due criminali sono stati condotti in carcere così come disposto dalla Procura della Repubblica di Ragusa. Ieri, il G.I.P. presso il Tribunale di Ragusa ha convalidato l’arresto applicando la misura cautelare in attesa delle prossime udienze del processo.

Rotaract Club di Ragusa: Stefano Firrito, nuovo presidente

rotary

Il 4 agosto, presso il ristorante “La capinera” a Ragusa Ibla, tra l’incanto del Duomo barocco e l’oasi verde del paesaggio ibleo, il Rotaract club ha organizzato il consueto Passaggio di Campana, in compagnia di altri quattro club della Zona Iblea: Comiso, Modica, Pozzallo-Ispica e Vittoria. Presenti al Passaggio di Campana anche l’R.R.D. per l’anno sociale 2017/2018, Giovanni D’Antoni; l’R.R.D. incoming per l’anno sociale 2018/2019, Pasquale Pillitteri; il Delegato della Zona Iblea per l’anno sociale 2017/2018, Gabriele Massimo Ragusa; il Delegato della Zona Iblea per l’anno sociale 2015/2016, Pasquale Saetta; il Presidente Rotary Ragusa per l’anno sociale 2017/2018 Giuseppe Polara; il Presidente del Rotary Ragusa Hybla Herea per l’anno sociale 2016/2017, nonché delegata Rotary per il Rotaract per l’anno sociale 2017/2018, Giovannella Tumino; il Presidente Inner Wheel Ragusa Centro per l’anno sociale 2017/2018 Lucia Di Paola; il Presidente Inner Wheel Ragusa Centro per l’anno sociale 2016/2017, Lucia Guzzardi Di Paola; il Presidente Leo Club Ragusa per l’anno sociale 2017/2018, Andrea Giummarra ed altre numerose autorità rotariane e rotaractiane. Durante la cerimonia, la Presidente per l’anno sociale 2016/2017 del club di Ragusa, Aurelia Brancato ha passato le consegne al Presidente per l’anno sociale 2017/2018, Stefano Firrito, il quale, insieme al Club, intende portare avanti un Progetto Sociale di rilevanza notevole per il territorio ibleo. Il progetto è stato denominato “Dog(r)evolution: addestrare un cane per trovare una vita“: si intende devolvere alla Protezione Civile di Ragusa il ricavato di parte di attività del nuovo anno sociale per l’addestramento di cani di mantrailing, ossia cani addestrati per ritrovare persone disperse. Il motto di quest’anno sociale, scelto dal Presidente deriva dalla citazione di Confucio: “Chi vede il giusto e non lo fa è senza coraggio”. Dopo il tradizionale passaggio di consegna tra i presidenti, il neo-presidente ha presentato la lista del suo direttivo, così ripartita: Iole Campo, vicepresidente; Paolo Frasca, tesoriere; Aurelia Brancato, consigliere di Club, consigliere distrettuale e Past President; Tiziana Tasca, prefetto; Cesare Di Fini e Sarah La Rocca, segretari. Sono inoltre state conferite le cariche di socio amico a Liliana Battaglia, Carmen Inguanti ed Alessia Milardi. A seguire due nuove socie incoming hanno fatto il loro ingresso nella famiglia del Rotaract club di Ragusa: Francesca Cappa e Giulia Guarino.

CITTA’ DI RAGUSA, PROGRAMMA ESTATE IBLEA 2017

DALI

DALL’8 AGOSTO AL 15 OTTOBRE MOSTRA “DALI’ E I SURREALISTI ITALIANI CLERICI — DECHIRICO — SAVINIO” – RAGUSA, Palazzo La Rocca.

9 AGOSTO ore 22:30 LA PIAZZA IN MUSICA – CONCERTO LIRICO SINFONICO MODERNO – MARINA DI RAGUSA, Piazza Duca degli Abruzzi.

10 AGOSTO dalle ore 18:00 AROUND MUSIC FESTIVAL – MARINA DI RAGUSA, LA ROTONDA Lungomare Andrea Doria.

10 AGOSTO ore 21:30 “IBLA IN FESTA” —COMPAGNIA MANOUCHE —RAGUSA IBLA, Piazza Duomo.

15 volontari dei Vigili del Fuoco del Distaccamento di Santa Croce Camerina appiccavano incendi e simulava richieste di soccorso, arrestato il capo del gruppo

DI VITA Davide 05.06.1975 Vittoria

Davide Di Vita, vittoriese di 42 anni, è stato posto agli arresti domiciliari, per aver fatto parte di un gruppo che, al fine di percepire indebite somme di denaro, appiccava incendi e simulava richieste di intervento. Tutti e 15 i volontari provenienti dalla provincia di Ragusa sono indagati per truffa ai danni dello Stato italiano ed una parte di essi per incendio. I Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Ragusa, nel maggio del 2015, avevano segnalato alcune anomalie connesse a delle incongruenze sulle schede di intervento redatte dal personale volontario del distaccamento di Santa Croce Camerina. Le indagini hanno chiarito che il numero degli interventi effettuati in un determinato turno, rispetto agli altri volontari, era di 3 volte superiore. E’ stato appurato che, per ottenere indebite percezioni di denaro, venivano simulati interventi mediante segnalazioni inesistenti, effettuate anche da parte di amici e parenti,  o addirittura venivano dolosamente generati incendi a cassonetto e terreni. Gli indagati non si preoccupavano di utilizzare i loro stessi telefoni cellulari per simulare le richieste. Parenti ed amici venivano istruiti, ma ogni tanto commettevano errori: esaminando tutte le singole schede d’intervento si è riusciti scoprire la ripetitività di alcuni nomi, poi risultati di parenti (anche loro coinvolti nell’indagine) degli indagati così come alcuni numeri di telefono ripetuti ma cambiava il nominativo del richiedente. Grazie all’installazione di sistemi di localizzazione gps sulle autobotti ed i mezzi dei Vigili del Fuoco, così come sulle auto in uso agli indagati, si è potuto appurare che Di Vita, con la complicità degli altri volontari, durante il turno di servizio, a bordo della sua auto si allontanava dal distaccamento di Santa Croce Camerina, appiccava l’incendio o effettuava una segnalazione falsa, poi rientrava in caserma ed aspettava che la centrale operativa del 115 li inviasse sul posto.

IL CONCERTO DEI NOMADI HA CHIUSO LA MANIFESTAZIONE DEDICATA ALL’ECCELLENZA RAGUSANA NEL MONDO

nomadi 1Si è chiusa in piazza Libertà con un grande concerto la XXIII edizione del premio “Ragusani nel mondo”. I Nomadi sono stati gli assoluti protagonisti della terza ed ultima giornata della kermesse. Nel pomeriggio di sabato, prima del concerto, si è svolta la cerimonia di intitolazione della piazzetta in via Torricelli, angolo via Colajanni, a Ragusa ad Augusto Daolio, fondatore del gruppo, alla presenza della band e di tanti fans del gruppo. Prima del concerto c’è stato un omaggio allo sport ibleo di eccellenza, con il ciclista Damiano Caruso di ritorno dal recente Tour de France, che ha ritirato il Premio Ragusani nel Mondo assegnato due anni fa, ed ancora riconoscimenti per la squadra di Pallamano Andrea Licitra Ragusa promossa in A1, per la Scherma Modica con i vertici della scuola, e spazio al judo e altre discipline con la Basaki.

A POZZALLO PRESENTAZIONE DEL LIBRO L’AMORE NELLA NOTTE DEI FALÒ

nicola colombo

L’amore nella notte dei falò e altre storie di mare e di costa ritrovate è il titolo della nuova fatica letteraria di Nicola Colombo. La raccolta di racconti sarà presentata Mercoledì 9 agosto alle ore 20.30 in piazza Municipio a Pozzallo con il seguente programma: dopo la presentazione dell’evento a cura del giornalista Marco Sammito, conduttore della serata, toccherà a Diego Guadagnino, poeta e scrittore, svolgere la nota critica sulla pubblicazione. Previsto altresì l’intervento dell’editore Armando Siciliano mentre tra un intervento programmato e l’altro saranno le musiche del Duo Coppola e il reading curato dall’attore Enzo Ruta ad intrattenere i partecipanti. Sarà presente l’Autore che, al termine, terrà un breve intervento. “L’amore nella notte dei falò – spiega Nicola Colombo – conclude il dittico del ciclo di racconti su mare e marinai aperto nel 2011 con la pubblicazione de L’acqua e il sale di Pinò. Sia quest’ultimo volume che raccoglie undici storie che la nuova pubblicazione, che ne assomma altre quattordici, sono storie da me scritte a cavallo degli ultimi due decenni del secolo scorso. Un arco di tempo di circa quindici anni che testimonia una gestazione meditata e che finalmente ora si completa”. “Al centro – continua l’Autore – ancora una volta la memoria del mare che rappresenta il monumento immateriale della marineria pozzallese e oserei dire dell’intera marineria italiana. Una memoria collettiva che va salvaguardata e tramandata a quanti, domani, del mare ne faranno una ragione di vita e di esistenza”. “Per me – conclude Nicola Colombo – è una doverosa testimonianza di affetto e riconoscenza nei confronti di quei giganti dei mari, come sono stati definiti i marittimi, che hanno navigato tutti gli oceani sfidandone tempeste e fortunali. Tante volte riuscendo a domarne gli impeti e pure, alle volte, subendo il naufragio, sia fisico che esistenziale”. Nicola Colombo che si definisce un operaio di storie, con L’amore nella notte dei falò e altre storie di mare e di costa ritrovate è giunto alla sua settima pubblicazione. Le precedenti opere sono: Il paese delle stelle (romanzo, Meeting edizioni, 1988); L’acqua e il sale di Pinò e altre storie di mare, di costa e d’amore (racconti, GdS edizioni, 2011); Ritratto di un insegnante elementare. Rino Giuffrida maestro di scuola, maestro di vita (romanzo/memoria, edizione riservata, 2012); La prima vera estate (romanzo, Melino Nerella edizioni, 2013); I traslochi delle passioni (romanzo, Melino Nerella edizioni, 2015); L’ultimo viaggio del marinaio fantasma (racconto lungo, Edizioni ilminutod’Oro, 2016).

Lotto autostradale Rosolini – Modica: l’opera rischia di non essere completata, 150 lavoratori licenziati

rosolini modica

I segretari generali di Fillea–Cgil, Filca-Cisl,Feneal-Uil, di Ragusa,Franco Cascone, Paolo Gallo e Niccolò Spadaccino, in una nota denunciano il licenziamento degli operai della CO.SI.GE. dal 31 luglio scorso con “effetti devastanti per l’indotto e le famiglie”. Si legge nella nota: “La causa di questa drammatica situazione, che ha lasciato senza certezze e senza prospettiva quasi 200 famiglie, è da ricondursi al cinismo e all’inerzia dei diversi enti preposti alla realizzazione dell’importante infrastruttura, che, nonostante le grida di allarme lanciate più volte dalle tre organizzazioni sindacali di categoria Feneal-Filca e Fillea e dalle tre confederazioni Cgil-Cisl-Uil, nonostante i pressanti appelli rivolti agli enti nazionali e regionali (Cas, Anas, Regione) attraverso le proteste portate davanti alla Prefettura con presidi degli operai, hanno continuato nella loro inerzia e nello scaricabarile non mantenendo nessuno degli impegni assunti solennemente davanti al Prefetto di Ragusa, a partire dall’impegno assunto da CO.SI.GE. di avviare le procedure della richiesta di Cigo per scongiurare i licenziamenti. A questo punto rischia di tramontare definitivamente la possibilità di completamento dell’opera; l’importante arteria resterà l’ennesima incompiuta e un intero territorio resterà devastato e ancora una volta pesantemente beffato. Le possibilità di sviluppo del territorio che si sarebbero potute innescare per i propri comparti economici fondamentali (agricoltura, turismo, trasporti, industria etc.) vengono ancora una volta mortificati e penalizzati da giochi politici cinici e paradossali. Al licenziamento dei lavoratori e al dramma lavorativo si accompagna e si aggiunge la crudele beffa delle popolazioni di un intero territorio che attendevano giustamente di essere finalmente dotati di una così importante infrastruttura. Le organizzazioni sindacali, con il pieno sostegno dei lavoratori, si sono duramente opposte ai licenziamenti effettuati da Co.Si.GE, presidiando il cantiere per ben due giorni con assemblee permanenti. Ben poco però è stato possibile ottenere di fronte alla ferrea volontà dell’impresa di cessare l’attività del cantiere, stante il permanere di tutti quegli ostacoli, economici e tecnici, che avrebbero dovuto  già da tempo essere rimossi. In questa battaglia siamo rimasti in perfetta solitudine: nel silenzio assordante della politica, delle istituzioni locali e soprattutto con la ripetizione stucchevole da parte degli Enti preposti di un copione recitato da tre anni a questa parte: “ora farò, ora provvederò, ora pagherò..”. Guardandosi bene però dal dare seguito effettivo e concreto agli impegni assunti. La sconfitta dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali materializzatasi con le lettere di licenziamento delle maestranze rischia, però, di essere anche la sconfitta dell’intero territorio. La FLC non intende rassegnarsi a questa paradossale situazione: c’è il lavoro, ci sono i soldi (buona parte dei quali concessi dall’UE e che rischiano di essere perduti per sempre) e l’opera è bloccata. Lanciamo un appello ai cittadini per unirsi alla battaglia dei lavoratori che rivendicano il loro sacrosanto diritto a ritornare al lavoro; soprattutto lanciamo un appello a tutto il mondo politico-economico-sociale e istituzionale locale affinché ci sia una forte e determinata mobilitazione, nonostante ci troviamo in pieno agosto, per pretendere che ogni soggetto responsabile faccia finalmente la sua parte per vedere proseguita e portata a compimento l’opera. E’ a questo fine che le tre O.S. di categoria e confederali hanno proclamato per lunedì prossimo alle ore 17,00  nell’aula consiliare di Pozzallo, convocando in quella sede sindaci, deputazioni regionali e nazionali, giunte comunali e presidenze dei  consigli comunali”.

Ragusa, scoppio bombola in casa

IMG_20170804_104458

Alle 10.30 di venerdì la squadra operativa dei Vigili del Fuoco è intervenuta a Ragusa in via Lombardia 20, dove è stato segnalato uno scoppio. Sul posto personale vigilfuoco ha avuto modo di rilevare che a causa di una esplosione determinata presumibilmente dalla perdita di gas Gpl innescato dalla accensione di una caldaia murale, si è determinato lo scoppio e successiva esplosione di una bombola piena, mentre una bombola vuota collegata allo stesso collettore, per effetto dell’onda d’urto, è stata catapultata nel terrazzo di un appartamento limitrofo. La deflagrazione ha gravemente danneggiato l’appartamento di via Lombardia 20 e diversi appartamenti con ingesso da via Piemonte hanno subito danni ai rivestimenti. Nei balconi sono stati trovati frammenti della bombola scoppiata, mentre altri frammenti sono stati trovati in piazza Lupis (intesa Tamanaco) a circa 150 metri dal luogo dell’innesco. Alcun danno a persone è stato segnalato. L’appartamento di Via Lombardia 20 è da ritenere allo stato inagibile.

Compagnia Godot, dopo Pirandelliana arriva Medea

favola

Dopo il successo della Pirandelliana al Castello di Donnafugata con Venturiello, la Compagnia GoDoT prosegue la stagione con una replica di Storia di Medea da Euripide presso il Parco Archeologico di Kaukana il 05 Agosto alle ore 21:30. Ingresso 10 euro, prenotazioni al 333 4183893. La Compagnia GoDoT sarà di nuovo al Castello di Donnafugata il 18, 19 e 20 Agosto alle ore 21:30 con “La favola del figlio cambiato” di Luigi Pirandello. Ingresso libero e posti limitati (prenotare ai numeri 3384920769, 3393234452, [email protected] o presso il negozio Beddamatri di via Coffa 12 a Ragusa).

SPETTACOLO E TALENTO PER RAGUSANI NEL MONDO 4 AGOSTO IN PIAZZA LIBERTA’

_GF18259

Questo venerdì sera, puntuali alle ore 20, in piazza Libertà a Ragusa, si svolgerà la cerimonia di premiazione della XXIII edizione del premio “Ragusani nel mondo”. Protagonisti saranno i premiati, cinque quest’anno. Uomini e donne dalle storie di vita e professionale importanti, dai profondi valori umani che li hanno fatti eccellere nei rispettivi ambiti lavorativi e che non dimenticano la loro origine, rivendicandola con sano orgoglio. Si tratta di Christian Greco, ragusano, direttore del Museo Egizio di Torino dal 2014, co-direttore della missione archeologica olandese a Saqqara e membro del Comitato Tecnico-Scientifico per i Beni Archeologici del MiBACT; di Caterina Biscari, modicana, attualmente a capo dell’ infrastruttura scientifica piú grande della Spagna Sincrotrone Alba; dello Chef comisano due Stelle Michelin Riccardo La Perna, che guida la brigata di cucina del prestigioso ristorante Otto e Mezzo Bombana di Shanghai. Ci sono anche Vito Andrea Iannizzotto, di Chiaramonte Gulfi, già funzionario della DIA nel settore dell’analisi dei fenomeni mafiosi nazionali ed internazionali, che ha contribuito al recupero dell’opera “L’Afrodite di Morgantina” e Alessia Scarso, regista modicana del film “Italo” e del recente corto documentario “Vasa Vasa” sulla Madonna di Modica, a cui sarà consegnato un premio speciale. Non mancheranno i momenti dedicati allo spettacolo con l’esibizione della Banda dell’Arma dei Carabinieri, per la terza volta in città. Diretta dal tenente colonnello Massimo Martinelli la banda si esibirà suonando i migliori brani del proprio repertorio. Giovedì mattina, presso l’UniPegaso di Ragusa, presente il vicepresidente Calogero Di Carlo, si è svolta la conferenza stampa di presentazione dei premiati che con grande emozione hanno parlato del piacere di essere nuovamente accolti nella propria terra di origine che hanno definito “patria”. Un momento di grande suggestione ed emozione che si ripeterà anche sul palco grazie all’iniziativa promossa dall’associazione “Ragusani nel mondo” presieduta da Franco Antoci e diretta da Sebastiano D’Angelo. Il premio “Ragusani nel mondo” è realizzato con il supporto del Comune di Ragusa e del Comune di Comiso, della Regione Siciliana, del Distretto Turistico degli Iblei, della Camera di Commercio di Ragusa e di tanti sponsor privati. Dopo la cerimonia di questo venerdì sera, la tre giorni dei “Ragusani nel mondo” si concluderà sabato sera sempre a Ragusa con i concerto gratuito dei Nomadi e con un momento dedicato alle eccellenze sportive iblee.

SALVATORE CORALLO, E VA’ E VA’…

2ca2bdbf509168e1388b3d4a2f46234f--melting-pot-mie

Permesso di costruire alla ditta Ellepi di Rosa Chiaramonte per 9 alloggi di edilizia economica e popolare da realizzarsi a Ragusa in via Berlinguer angolo via Anfuso. E’ arrivata l’autorizzazione per  le opere di urbanizzazione ed è stata firmata giorno 1 agosto 2017  nelle stesse ore in cui Salvatore Corallo spiegava alla stampa le ragioni delle sue dimissioni da assessore all’urbanistica.  Un addio semplice, diretto, concreto, per la serie FATTO!, che certifica affidabilità e impegno. Ce n’è una sfilza di permessi tutti esitati il primo agosto. I costruttori beneficiari sono parecchi: c’è chi aspettava da tempo – come  Scribano e D’Orazio-  e c’è chi è più fortunata come la Chiaramonte che presenta l’istanza il 7 luglio e ottiene lo sta bene in meno di un mese.  Il clan  non ringrazia, incassa: non ci sono fronzoli e salamelecchi  in questo mondo in cui Corallo con scaltrezza si è infilato: solo affari da risolvere e portare a buon fine e amministratori efficienti. I costruttori si sentono i padroni della città e scelgono i terreni da divorare, la regione molla i finanziamenti  e gli amministratori locali firmano le concessioni. Stop, meccanismo liscio e automatico. Peccato che 4 anni addietro i grillini avevano promesso che la città sarebbe stata strappata al famelico clan e ridata ai ragusani. Potevano farlo? Senz’altro sì, bastavano due mosse: cancellare tutto il piano di edilizia economica e popolare votato ai tempi di Nello Dipasquale, e fare sul serio con il nuovo piano regolatore.  Né l’uno né l’altro, e, nel mezzo, il belloccio comisano che ora vuol spiccare il volo per Palermo. E’ inutile ripercorrere i suoi anni da amministratore pubblico, molti  ciclamini inesorabilmente appassiti, e, sotto, il truce cemento. Se n’è andato per ricominciare con Cancelleri il valzer seduttivo che a Ragusa ha già ben sperimentato. E’ una nuova figura nel panorama della neopolitica: l’adescagrillini. Li adocchia, si avvicina, li incanta, li protegge, diviene un confidente, e poi scatta il riconoscimento. Non è un campione di malvagità, è solo uno che ha capito quanto la politica possa ridarti vita. I “soscial” – sempre spietati – hanno fatto la migliore sintesi, scrive tale Salvatore: viriL’ironia è facile, il dramma invece è profondo. Corallo corteggia Cancelleri, questi si infiamma e lo chiama a sè, l’assessore manda definitivamente a quel paese Piccitto e inizia la nuova avventura partendo dal basso, da autista del candidato Presidente nella speranza che  a tanti chilometri corrisponda tanto onore. Il gioco vale la candela, d’altronde nella nostra città ci sarà ancora chi ricorda Angelino Alfano condurre l’auto di Gianfranco Miccichè e vedi poi che carriera! Il percorso di Corallo ha un suo travaglio: si è atteggiato per lungo tempo da Incompreso; era sempre il sindaco l’uomo lontano dall’ortodossia grillina, era sempre Piccitto il codardo, l’ambiguo.. e così andava ciondolando e sussurrando lamenti con la stampa, ed eccitava alla rivolta i consiglieri, fino a che -ottenuta la promessa  da Cancelleri-  se l’è squagliata lasciando, come abbiamo visto all’inizio – un rispettoso omaggio ai costruttori. Questa è la vicenda umana del personaggio, poi, dicevamo, c’è il dramma politico. La questione rifiuti è irrisolta – l’abbiamo ben compreso in queste settimane e la colpa non è vero che sia attribuibile solo alla Regione -, il suolo zero che ci avevano promesso è una colossale fandonia, il reddito di cittadinanza è una barzelletta, il rapporto con i catanesi del porto e dei parcheggi non è risolto e presto ci arriveranno i conti da pagare. Se Corallo è un amabile fanciullone che capisce dove mena il vento, la domanda è: ma allora cosa rappresentano questi cinquestelle? Qual è il cambiamento di pensiero sostanziale, dov’è il coraggio di scegliere il bene collettivo, perché  l’entusiasmo ha lasciato il posto al conformismo? Corallo sicuramente era l’uomo sbagliato in un settore delicatissimo, ma perché nessuno lo ha fermato e sostituito? La colpa di certo non è di Corallo per essere stato se stesso, ma di Piccitto che nulla ha fatto per distinguersi dall’assessore e cambiare rotta. Piccitto non vedeva, non capiva? E’ stato forse Corallo a contagiare l’intera comitiva piegandola ai valori liberisti in chiave democristiana? Ma manco per idea! E’ la crassa ignoranza di gran parte del gruppo che li ha trascinati così in basso? No. E’ solo autentico grillismo, un sistema di omertà e obbedienza dove ognuno coltiva i propri interessi e le proprie amicizie. Sono solo  baciapile con le loro liturgie, i loro riti, devozione al parroco, ostentata fede, e valanghe di ovvietà. Sono rimasti travolti dalla forma del loro credo e non riescono più a recuperare un minimo di originalità. Non è un caso che proprio nella vecchia Sicilia questi vizi si acuiscano e che di contro solo nelle grandi città  ci siano stati nel movimento tentativi di autonomia dal dogma della grande casa. Ora si avvicinano le elezioni, quelle regionali, in cui vedremo Cancelleri accompagnato da Corallo e dalla Stefania Campo campionessa in “scivoloni” – termini con il quale decise di autoassolversi  dopo il caso che la costrinse alle dimissioni- e poi toccherà nuovamente a noi ragusani votare i nostri rappresentanti. Allora optammo per la ribellione e poi ci ritrovammo Corallo, e al prossimo appuntamento con le nostre coscienze, con i nostri valori, con le urne che trasmettono dubbi angosciosi che faremo? La continuità nella diversità l’abbiamo già sperimentata. Servirebbero altre formule, ma lo sguardo sulla realtà fisica è spietato: la città dal punto di vista politico è come una centrale atomica: stessi elementi pericolosissimi custoditi nei sarcofagi e che sprigionano instancabilmente il loro furore.

Ezio Greggio si presenta al Comando di Polizia Locale di Modica

IMG_9639 (1)

Inattesa “visita” martedì pomeriggio al Comando di Polizia Locale di Corso Umberto. L’operatore “Ho dimenticato di mettere la park card – ha esclamato ridendo l’attore-presentatore Ezio Greggio – vorrei pagare la multa prima di andare via da Modica”. Il famoso presentatore della trasmissione “Striscia la notizia”, in bermuda e scarpe da tennis, dopo avere pagato la sanzione “scherzandoci sopra”, si è intrattenuto con alcuni operatori della “Locale”, ha spiegato di essere venuto a Modica in compagnia e che avrebbe dovuto “acquistare la cioccolata da Bonajuto”. La sua prossima meta era Agrigento. Ha anche detto di essere molto entusiasta di Modica e dei modicani, quindi si è concesso a qualche selfie anche con alcuni curiosi. Chiaramente il discorso è caduto anche sul famoso telegiornale satirico. Un agente gli ha chiesto se tornerà a presentarlo e Greggio ha assicurato che riprenderà a settembre. Poi ancora qualche simpatica battuta e gli affettuosi saluti con un arrivederci.

SEXTING, DENUNCIATO PER ESTORSIONE UNO STRANIERO CHE ADESCAVA UN GIOVANE MODICANO

polizia-web

La Polizia di Stato ha deferito all’Autorità Giudiziaria un cittadino straniero che con richieste estorsive continuava a vessare la propria vittima, conosciuta via web. Negli uffici del Commissariato di Modica è stata raccolta la denuncia di un giovane modicano che da alcuni giorni era caduto nella rete del suo ricattatore conosciuto tramite un social network. E’ stato accertato che proprio tramite internet la vittima, con stratagemmi vari, era stata prima adescata e subito dopo messa in collegamento web con una complice che poi simulava di essere interessata ad intrattenere una relazione, iniziando a chattare per stimolarne la curiosità e carpirne la fiducia, entrando poi in confidenza. Successivamente l’ideatore del piano criminoso iniziava a chiedere informazioni personali e foto del corpo delle vittima prescelta, oltre a video a sfondo sessuale. L’uomo, sollecitato dalle richieste della donna, iniziava a denudarsi mettendosi a disposizione dell’interlocutore immagini e dati personali che, successivamente, venivano usati per ricattarlo. Solo quando la “finta donna” minacciava la vittima di condividere in rete foto e video, avanzando richieste estorsive di ingenti somme di denaro, la vittima intuiva di essere caduta nel piano escogitato da criminali che agiscono su internet utilizzando server stranieri. Infatti, che a commettere il reato fosse uno straniero, emerge dalla circostanza che la prima somma di denaro richiesta alla vittima veniva accreditata, su esplicita richiesta dell’estorsore, tramite un’agenzia di transazione monetarie con l’estero in un conto esistente nello stato del Marocco. La Polizia di Stato ancora una volta sottolinea come una idonea attività di informazione sui pericoli della rete, sia l’unico strumento per evitare il ripetersi di fatti analoghi ed invita i fruitori dei social network a prestare attenzione ai contatti virtuali. Quanto al rimedio per i fatti già accaduti, l’oscuramento immediato dei contatti, su suggerimento del personale del Commissariato di Modica, ha interrotto ogni richiesta estorsiva. La Polizia di Stato consiglia ai fruitori della rete web di non concedere mai “amicizia” virtuale a soggetti che non si conoscono nella vita reale, non scambiare con gli stessi  messaggi, foto o effettuare riprese tramite webcam e mai pagare le somme richieste ma di denunciare subito i fatti in polizia, perché dopo la prima richiesta ne arrivano a seguire altre di importo sempre più elevato.

Scroll To Top
Descargar musica