26-09-2017
Ti trovi qui: Home » Sindacati » Vertenza Coop Sicilia. A Ragusa assemblea degli ottantatré dipendenti

21/06/2017 -

Sindacati/

Vertenza Coop Sicilia. A Ragusa assemblea degli ottantatré dipendenti

ipercoop_“La Filcams-CGIL Sicilia rifiuta di avallare licenziamenti per sanare una situazione debitoria frutto di scelte imprenditoriali improvvide e del tutto fallimentari. Chiede di discutere i piani di rilancio industriale al fine di condividere coi rappresentanti dei lavoratori gli obiettivi, i tempi, i risultati attesi e le attività da intraprendere per far riemergere l’azienda dal guado senza affossare i lavoratori e senza far pagare ancora una volta ad essi i costi”. Questa è la riflessione dei dirigenti sindacali della Filcams Cgil Sicilia in ordine alla complessa vertenza COOP Sicilia. Proprio ieri si è tenuto l’esame congiunto sulla procedura di mobilità aperta da COOP Sicilia e che prevede la chiusura di quattro supermercati, un ipermercato e la riorganizzazione di undici punti vendita per un totale di 273 lavoratori coinvolti. Questo mercoledì è prevista intanto nella sede della Coop Ragusa un’assemblea per affrontare i temi tuttora in discussione e che riguardano il futuro di ottantatré unità lavorative. Salvatore Tavolino, segretario generale della Filcams Cgil di Ragusa e Peppe Scifo, segretario generale della Cgil di Ragusa dichiarano congiuntamente: “ Guardiamo con fiducia alla risoluzione di questa difficile vertenza. Nostro compito primario è quello della salvaguardia dei livelli occupazionali nel nostro territorio ponendo in essere tutte le misure necessarie per scongiurare la chiusura delle di IperCoop Ragusa; non sarà un’impresa facile ma abbiamo il dovere di continuare ed insistere su questa linea”. “La Filcams  CGIL, che rappresenta i lavoratori del commercio, ritiene che COOP Sicilia debba ritirare la dichiarazione di esuberi, – afferma Salvatore Leonardi, segretario generale della Filcams Cgil Sicilia – che produrrebbe un ulteriore sottodimensionamento del personale nei punti vendita ed un inasprimento delle condizioni dei lavoratori, già ampiamente stremati dalle ultime politiche di organizzazione del lavoro dell’azienda”.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica