25-09-2022
Ti trovi qui: Home » Turismo

Archivio della categoria: Turismo

Ragusa “Ibla” – Gettonatissima dai turisti di tutto il mondo

La città di Ragusa in Sicilia, presenta un centro storico molto amato dai turisti di tutto il mondo, chiamato appunto “Ragusa Ibla”. Nel dettaglio questa zona del centro urbano rappresenta la parte più antica di Ragusa, ricostruita in stile barocco siciliano dopo il terremoto del 1693 e visitata soprattutto dagli appassionati di architettura e da chi ama unire attrazioni storiche e artistiche, alle bellezze marittime italiane. Cale e spiagge poi, incontaminate rifiniscono il tutto.

Perché scegliere Ragusa “Ibla” come meta turistica

Come anticipato, questo antico centro storico è ricco di edifici affascinanti, tra cui la Cattedrale di San Giovanni, in Piazza San Giovanni, risalente al 1700, con facciata barocca e impreziosita da statue e tre portali e la Chiesa di San Giorgio, sita ad una estremità della piazza del Duomo. Un altro motivo per cui Ragusa Ibla viene visitata da tanti villeggianti è che è posta a poche centinaia di metri dal porto della città, da cui partono numerosi traghetti diretti verso terre meravigliose. Questi mezzi di trasporto sono efficientissimi e operativi in fasce orarie molto ampie. La disponibilità dei posti quindi è sempre alta, anche se sei in partenza oggi puoi scegliere uno dei traghetti per la Sardegna o altre mete vicine senza alcun tipo di problema. Le prenotazioni in last-minute infatti sono sempre numerosissime, basta posizionarsi su uno dei siti online di vendita biglietti per traghetti e prenotare la soluzione più in linea con le proprie esigenze. Ecco quindi che una semplice visita ad un centro storico siciliano, può trasformarsi in una trasferta ancor più entusiasmante.

Sicilia – Sardegna: l’accoppiata vincente scelta da molti utenti

Visitare la Sicilia e la Sardegna durante un’unica vacanza è la scelta presa da tantissimi utenti alla ricerca di soggiorni entusiasmanti, rilassanti e allo stesso tempo ricchi di attrazioni culturali. Queste due terre infatti non deludono mai, dalla cucina locale fino alle spiagge e ai siti archeologici, sanno sempre lasciare i propri visitatori senza fiato. Non è una coincidenza infatti che anche in periodo post-covid, queste terre continuino ad essere scelte e visitate da tantissimi forestieri. Un altro aspetto positivo che presentano è che sono adatte al pubblico di qualsiasi età, dai bambini che amano il movimento e le animazioni di piazza, fino alle coppiette di fidanzati, alla ricerca di panorami in cui scattarsi qualche selfie o locali romantici in cui consumare una cena a lume di candela. Tutto questo è confermato anche dai numeri, basti pensare che durante l’estate del 2021 gli italiani arrivati in Sicilia risultavano aumentati del 53% rispetto all’anno precedente, mentre gli stranieri hanno registrato un +470%. La Sardegna inoltre, ha registrato nelle sue strutture ricettive il 4.1% in più di presenze (flussi nazionali ed internazionali).

In conclusione quindi è possibile affermare che ancora una volta il sud Italia risulta ricco di occasioni entusiasmanti, capaci di rubare i cuori anche dei turisti più esigenti e di fidelizzarli a tal punto da portarli a tornare negli anni successivi.

Vacanza a Lampedusa, le spiagge più belle

Lampedusa è un’Isola appartenente all’arcipelago delle Pelagie, in Sicilia. La posizione dell’Isola, al centro del Mediterraneo e lontana dalla terraferma, la rende davvero affascinante, con un mare incantevole ed un’atmosfera suggestiva. Lampedusa, inoltre, è caratterizzata da un clima mediterraneo che transita verso il clima desertico, con estati calde e molto asciutte: proprio per questo, è meta molto ambita per trascorrere le vacanze nei mesi più caldi. Per arrivare a Lampedusa, si può utilizzare l’aereo. Solitamente i voli di linea partono da Palermo e durano circa un’ora. In alternativa, si può optare per la soluzione traghetto da porto Empedocle a Lampedusa, la traversata dura circa nove ore.

Le zone di Lampedusa

L’isola ha una forma stretta ed allungata, con una costa orientata a nord ed una, parallela, a sud, quest’ultima da prediligere per le vacanze per le sue calette sabbiose e basse scogliere di origine vulcanica. La parte nord è, al contrario, inospitale e priva di attività, caratterizzata da un’altissima falesia (ripida scarpata). Proprio per questo, l’unico centro abitato sorge nei pressi di un porto di pescatori, da cui poco distanti si presentano i borghi residenziali con le ville più belle ed esclusive. Ad est, invece, gli insediamenti turistici lasciano lo spazio all’aeroporto e alle istallazioni militari; tuttavia, è possibile raggiungere la costa che ospita molte grotte di origine vulcanica da ammirare sia via terra che via mare. Difficili da raggiungere le calette sabbiose presenti all’estremità ovest, ma sicuramente bellissime.

La spiaggia dei conigli

Uno dei posti più belli di Lampedusa è sicuramente la Spiaggia dei Conigli, con sabbia bianca fine ed acqua limpida dal vivido colore azzurro, immersa nella natura rigogliosa. La flora e la fauna che popolano la zona rendono questa spiaggia una vera e propria perla imperdibile, che ricorda i panorami delle Maldive e dei Caraibi. Per preservare la zona, l’accesso è regolamentato, pertanto, è possibile visitarla dalle 8.30 alle 19.30. durante la giornata, è possibile fare diverse attività, come le immersioni oppure le passeggiate tra le scogliere rocciose, fino alla grotta della Tabbaccara. Oppure, un giro in barca per tuffarsi negli angoli più segreti di Lampedusa. Se, ad oggi, i conigli nella zona non sono più presenti, è possibile comunque ammirare i delfini che spesso nuotano senza timore accanto la prua delle barche e gli esemplari di tartaruga Caretta Caretta, che spesso nidificano proprio su questa spiaggia. Sulla terraferma, invece, camminando verso il Paese, è d’obbligo visitare il Museo Archeologico, l’Archivio storico ed il monumento di Mimmo Paladino, dedicato ai migranti che hanno perso la vita durante la traversata in mare.

Altre spiagge di Lampedusa

Altre spiagge dell’Isola si trovano al centro cittadino, ad esempio Cala Greca. Anche qui è possibile ammirare i delfini, che spesso si avvicinano alla costa, specialmente nel tardo pomeriggio quando la zona è meno affollata. Per raggiungerla, è necessario passare dal santuario di Porto Salvo. Cala Croce e Cala Guitgia, invece, sono perfette per le famiglie e facilmente, anche se spesso molto affollate. Pe chi ama lo snorkeling, accanto alla pista di atterraggio dell’aeroporto, c’è Cala Francese. Cala Creta è invece una baia rocciosa dal fondale trasparente, zona dove poter ammirare diversi tipi di pesci che abitano il Mediterraneo.

Crescita boom del turismo nell’area iblea: +48% di presenze in due anni

occhipinti (2)

L’area iblea è protagonista negli ultimi anni di un fenomeno di progressiva scoperta da parte del turismo nazionale e soprattutto internazionale. In attesa dei dati ufficiali sulla ricettività di quest’anno, i numeri del sistema aeroportuale del sud-est Sicilia lo confermano: nei primi 8 mesi dell’anno i passeggeri di Catania e Comiso sono passati dai 5 milioni del 2014 ai 6,4 milioni del 2017 (+28%). Nel 2016 nella provincia di Ragusa si sono registrate più di 1,2 milioni di presenze (notti trascorse dai turisti nelle strutture alberghiere ed extralberghiere), secondo i dati provvisori della Regione Sicilia. Si tratta di un picco storico straordinario, se si considera che nel 2014 le presenze si attestavano sulle 829.000. In due anni si è registrato quindi un balzo del 48%. Dietro questo boom c’è un significativo cambiamento della composizione dei flussi. Se nel 2014 le presenze di italiani e stranieri si equivalevano (414.000 contro 415.000), nel 2016 il turismo internazionale è salito a 726.000 presenze, arrivando a rappresentare il 59% del totale. Fino al recente passato, a causa del posizionamento geografico periferico e delle carenze infrastrutturali, questa parte dell’isola era ancora poco conosciuta rispetto ad altre mete classiche della Sicilia. Oggi questo handicap è in parte superato, grazie all’«effetto Montalbano», da un lato, e all’inserimento dell’area tra i siti patrimonio dell’umanità dell’Unesco. L’apertura dell’aeroporto di Comiso ha ridotto le criticità dell’accessibilità. E ad aiutare la crescita turistica concorre anche l’instabilità politica di alcune aree del mondo e il rischio terrorismo, che stanno determinando una complessiva riarticolazione dei flussi turistici che premia l’Italia. Ma c’è anche altro. Stiamo assistendo a una progressiva evoluzione della domanda: oggi il turista cerca un mix di esperienze, combinando il mare con la scoperta del territorio e delle sue eccellenze. La forza del territorio ibleo risiede proprio nella varietà dell’offerta: un mare incontaminato (ben 3 delle 7 bandiere blu della Sicilia), uno straordinario patrimonio storico-artistico, una enogastronomia d’eccellenza (Ragusa è il capoluogo con più ristoranti stellati in rapporto alla dimensione della popolazione). Il Presidente del Distretto Turistico degli Iblei, Giovanni Occhipinti, presente in questi giorni al Ttg di Rimini 2017, sta lavorando per superare la carenza dell’organizzazione territoriale, la frammentazione delle iniziative, l’assenza di una immagine e una offerta unitarie. Il Distretto con il progetto della Carta di Valorizzazione del Territorio, coadiuvato dal Censis e da Asset, persegue l’obiettivo di mettere in rete enti locali e operatori dell’area iblea (19 comuni, compreso quello di Ragusa) per costruire un quadro di orientamento a beneficio del visitatore. Sul piano operativo si sta lavorando a realizzare un sistema informatico unitario digitale, facile nell’uso e a disposizione del turista (sito e app), che integri in una mappa interattiva tutti i dati utili per valorizzare i fattori di eccellenza: un sistema unitario che indichi le cose da fare e da vedere, i servizi di base (come spostarsi, dove trovare un bancomat, un pronto soccorso, gli orari dei musei, ecc.) e segnali i servizi della filiera turistica di eccellenza (dove dormire, dove mangiare, ecc). In questo sistema saranno presenti e valorizzate, tramite un processo di adesione a uno specifico marchio, le realtà del territorio che operano secondo alti livelli di qualità.

Turismo in provincia di Ragusa: i dati dicono che godiamo di buona salute

occhipinti (2)

“Turismo in buona salute in provincia di Ragusa. Anzi per dirla in parole povere stiamo veramente bene con un incremento di tutto rispetto se si raffrontano i dati con la stagione 2016”. Il presidente del Distretto Turistico degli Iblei, Giovanni Occhipinti, lo ripete da sempre che il territorio del Sud Est può fregiarsi di una offerta non indifferente: mare, centro storici, bellezze architettoniche ed enogastronomia. “Sono elementi che ci fanno diventare meta importante per stranieri ed italiani. E le mie parole sono confortate dalle presenze alberghiere ed extralberghiere, ma anche dai dati che la Soaco, la Società di gestione dell’aeroporto di Comiso, ha fornito proprio in queste ore con un primo semestre del 2017 che si è concluso con un incremento dell’11,4% di passeggeri dei voli charter rispetto al periodo analogo del 2016. Un dato che migliora ulteriormente nelle prime tre settimane di luglio, quando si è registrato un significativo +52% grazie al transito di 6.399 passeggeri nell’Aeroporto di Comiso (nel 2016 furono 4.198). Certamente dobbiamo e possiamo fare di più. Le eventuali flessioni che si sono avute nei primi mesi dell’anno vanno compensate alla grande dal mese di luglio. E le previsioni di agosto sono ancora meglio”. Occhipinti smorza sul nascere le eventuali voci e polemiche su flussi turistici bassi nella nostra provincia. “Non è assolutamente vero e non corrisponde alla realtà. I dati che vengono fuori sono dettati da un sistema Sicilia che non da la possibilità alle strutture di comunicare le proprie presenze. Quando avremo dei darti veritieri allora tutti si dovranno ricredere. Come presidente del Distretto Turistico posso dire benissimo che il territorio riesce a dare un’offerta turistica che compensa la domanda. E non deve impressionare se in questo periodo c’è una richiesta verso il mare anziché verso i centri storici. Verso le bellezze architettoniche abbiamo un turismo da escursione, invece vero il mare abbiamo un turismo di pernottamenti e svago. Ma è giusto che sia così. A luglio ed agosto la maggior parte dei turisti preferisce il mare. Noi siamo fortunati perché abbiamo tutto”. Occhipinti aggiunge “che per quando riguarda il marchio Italia con il progetto carta di valorizzazione il Censis sta studiando un brand che possa rappresentare tutta quest’area del distretto con un nome identificativo da fare veicolare ovunque”.

Ragusa, la meta dove si soggiorna più a lungo anche ad Ottobre

soldi-tasse-prima-e1440324582970Ottobre risveglia la voglia dei vacanzieri di spezzare il trimestre che separa la fine delle ferie per molti con l’arrivo del periodo natalizio. Un desiderio che accende soprattutto i turisti stranieri, che in questo periodo dell’anno puntano soprattutto sulle sistemazioni non alberghiere, come fanno notare i due principali siti che si occupano di questo tipo si prenotazione come Agriturismo.it e Casevacanza.it.

La meta più cercata è Catania, seguita ad un soffio da Napoli, ma a conti fatti laddove si soggiorna più a lungo sono soprattutto gli agriturismi ed i Bed and Breakfast di Ragusa con quasi sei notte di permanenza. Anche Siracusa si posiziona bene, ponendosi al terzo posto della classifica delle mete dove si rimane più a lungo con più di 5 giorni. A separare le due province siciliane c’è Lecce con circa 5 giorni e mezzo.

Sempre secondo i dati analizzati da questi due siti, la voglia di mare fuori stagione viene palesata dal 70% di stranieri che sceglie le temperature del Sud. Ma quali sono le principali motivazioni che hanno portato a questi risultati? Sicuramente c’è una combinazione di vari fattori, che vedono tra quelli principali il forte aumento del numero di strutture non alberghiere abilitate a fare da strutture ricettizie, soprattutto con carattere di conduzione familiare.

Queste si presentano disomogenee se si va a vedere che nella provincia di Siracusa troviamo il numero complessivamente maggiore, con 110 aziende addette al settore, ma a livello di Comune si scende a sole 16. Mentre a livello comunale Ragusa ha ben 25 strutture, ma se si guarda alla provincia non si posiziona tra le prime 5.

Altro dato positivo è la digitalizzazione dei servizi e dei pagamenti delle prenotazioni, che permettono proprio a chi è molto lontano, come ad esempio agli stranieri, di trovare la soluzione ideale per la scelta, per il pagamento con un aumento delle soluzioni alternative più facili da trovare come nel caso di neteller Cartedipagamento.com o simili, e per la possibilità di usufruire di veri e propri pacchetti di servizi più completi.

Dal punto di vista dei prezzi le aziende siciliane si presentano sempre molto competitive, con prezzi intermedi che rimangono al di sotto della soglia media dei 50 euro, ma al di sopra del prezzo minore richiesto nella zona del perugino.

 

SERVIZIO DI COLLEGAMENTO TURISTICO TRA RAGUSA CENTRO  E RAGUSA IBLA CON AUTOBUS  SCOPERTO

 bus-turistici-notoCon apposita determina dirigenziale del Comune di Ragusa la ditta Sais Trasporti Spa è stata autorizzata ad effettuare il servizio di linea turistica di collegamento tra Ragusa Centro e Ragusa Ibla  a mezzo di autobus scoperto il cui costo sarà a carico dell’utenza. Tale servizio  dovrà rispettare le prescrizioni  rilasciate dal Dipartimento Regionale Infrastrutture, Mobilità e Trasporti nel quale viene individuato il percorso e la lunghezza massima dei autobus scoperti da utilizzare.

RAGUSA, AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE STRUTTURE RICETTIVE

eylqf_scicli-ragusaDovranno pervenire entro il 21 ottobre prossimo le istanze dei titolari di strutture ricettive  per la concessione di contributi finalizzati alla realizzazione di interventi per il risparmio energetico dei servizi destinati alla fruizione turistica, per il miglioramento degli spazi comuni e delle aree destinate all’accoglienza , nonché  per la promozione del territorio comunale. Il contributo concedibile alle strutture ricettive non potrà superare il 25% di quanto effettivamente versato da ognuna al Comune per  l’imposta di soggiorno nel 2016. I titolari delle strutture ricettive dovranno presentare, oltre all’istanza di richiesta del contributo, anche i piani di spesa che saranno sottoposti a parere di congruità da parte dei competenti uffici comunali.

GIOVEDÌ 2 GIUGNO LA PRIMA EDIZIONE DI “MILLE E UNA NOTTE: I LUOGHI DA RACCONTARE

voucher mille e una notteDieci luoghi da scoprire. Perle magiche del barocco siciliano. Siti carichi di storia e di fascino. Nel suggestivo scenario di Ragusa Ibla, il 2 giugno prossimo, la prima edizione di “Mille e una notte: i luoghi da raccontare”. Un viaggio carico di meraviglia e di stupore tra le viuzze del quartiere antico, scrigno di tesori artistici e architettonici. Una visione inedita, tra siti Unesco, musei, chiese, collezioni, teatri e palazzi. Una vera e propria “notte bianca della cultura” durante la quale, dalle 17.00 alle 24.00, i visitatori potranno perdersi in un’atmosfera intensa e unica, assicurano gli organizzatori. La manifestazione, un primo esperimento di collaborazione attiva tra l’associazione di promozione turistica Sud Tourism e diversi partner, vede la sinergia anche con la Facoltà di Lingue e il Consorzio Universitario Ibleo. I visitatori avranno infatti, come guide d’eccezione, gli studenti universitari. Dieci i luoghi da scoprire: la Chiesa del Santissimo Trovato, dove si potrà ammirare “Ibla in miniatura”, cioè il presepe monumentale del maestro Criscione; la Casa Museo Appiano; Palazzo Monelli, nel cui perimetro sorge la Chiesa della Santissima Trinità; la Chiesa Santa Maria dello Spasimo; Palazzo Arezzo di Trifiletti; la sacrestia del Duomo di San Giorgio, al cui interno si trova la prestigiosa Cona del Gagini; il Museo del Duomo; il Teatro Donnafugata e la Chiesa della Santissima Annunziata. I siti potranno essere visitati tramite l’acquisto di un unico voucher valido per tutti gli ingressi, il cui prezzo è di 12 euro a persona (gratuito per i bambini di età inferiore ai 12 anni). Le visite avranno una cadenza che varierà dai 15 ai 30 minuti secondo il sito. Visite guidate extra voucher sono previste poi per il Circolo di Conversazione, su prenotazione e solo per 50 partecipanti a turno secondo i seguenti orari: prima visita ore 21:30; seconda ore 22:00; terza ore 22:30. Il voucher può essere ritirato in tutti i siti aperti e presso gli info point informativi e di assistenza in piazza Duomo e nei Giardini Iblei. Per informazioni e prenotazioni: info: [email protected] [email protected]; 3338598842 – 3337505789.

DIRITTO D’AMARE

cartolina iblatwo 2016Manca poche ore al week-end più romantico dell’anno e l’iniziativa “IblaTwo” lanciata dal centro commerciale naturale Antica Ibla, che prevede la possibilità di avere gratis la notte di San Valentino se si decidere di pernottare a Ibla almeno tre notti, ha trovato positivi riscontri. Prenotazioni e richieste di informazioni da varie città della Sicilia ma anche da Roma e Milano per poter approfittare della grande opportunità che è stata dedicata a coloro che sceglieranno Ragusa Ibla come propria destinazione turistica per questo fine settimana. Alberghi, resort e strutture bed and breakfast aderenti ad Antica Ibla hanno infatti deciso di attivare questa particolare promozione. E così, chi soggiornerà da venerdì 12 a domenica 14 febbraio avrà in omaggio la terza notte di vacanza, proprio quella di San Valentino, e sarà l’occasione per scoprire il barocco di Ibla e del Sud Est siciliano. Inoltre gli ospiti potranno approfittare delle colazioni in struttura a base di prodotti tipici del territorio. Per accedere alla promozione basta essere in due persone, non importa se uomo e donna, se due donne, se due uomini, se una coppia di fatto o una coppia sposata, se solo amici. Si è fermamente convinti che l’amore non ha confini e Ragusa, con il suo quartiere barocco di Ibla, si dimostra una città ospitale. Ma c’è anche un’altra opportunità per coloro che soggiorneranno a Ragusa in questo fine settimana. Non solo infatti avranno in omaggio la terza notte di vacanza, che coincide con quella di San Valentino, ma potranno ricevere uno sconto del 50% sul tour di Montalbano organizzato da Chauffeurs Inn Italy che offre questa opportunità a chi prenota non solo il tour ma anche il transfer dall’aeroporto di Catania o Comiso a Ragusa. Per informazioni ulteriori è possibile scrivere a [email protected] o contattare il numero telefonico 3939556335

NOTTE DI SAN VALENTINO GRATUITA PER TUTTE LE COPPIE CHE DECIDERANNO DI SOGGIORNARE A RAGUSA IBLA

cartolina iblatwo 2016La notte di San Valentino in omaggio per tutte le coppie che decideranno di passare a Ragusa Ibla il week-end più romantico dell’anno. Alberghi, resort e strutture bed and breakfast aderenti al centro commerciale naturale Antica Ibla, mentre al Senato si discute del disegno di legge Cirinnà, hanno scelto di lanciare questa particolare promozione perché, ribadiscono, “l’amore non ha confini”. Chi soggiornerà da venerdì 12 a domenica 14 febbraio avrà in omaggio la terza notte di vacanza, proprio quella di San Valentino, e sarà l’occasione per scoprire il barocco di Ibla e del Sud Est siciliano. Inoltre gli ospiti potranno approfittare delle colazioni in struttura a base di prodotti tipici del territorio. «Per accedere alla promozione basta essere in due persone, non importa se uomo e donna, se due donne, se due uomini, se una coppia di fatto o una coppia sposata, se solo amici – spiega Santi Tiralosi, presidente del ccn Antica Ibla – Siamo fermamente convinti che l’amore non abbia confini e dunque non ha nemmeno genere”. E’ stato lanciato anche l’hashtag #iblatwo per diffondere sui social l’iniziativa. Per informazioni ulteriori è possibile scrivere a [email protected]

PROMOZIONE TURISTICA ATTRAVERSO I CONVENTION BUREAU

martorana-250x250Sono state definite dalla giunta municipale di Ragusa le linee guida per il coinvolgimento dei Convention Bureau nella strategia di promozione turistica della Città di Ragusa, favorendo lo sviluppo del turismo congressuale. I Convention Bureau sono organizzazioni che promuovono, a livello nazionale ed internazionale, la realizzazione di eventi congressuali nei territori, rilanciandone l’immagine e le caratteristiche storiche, culturali ed artistiche. Offrono, in particolar modo, supporto logistico alle organizzazioni per lo svolgimento di convegni ed eventi di diversa natura. I siti individuati da destinare a tali attività sono l’Auditorium San Vincenzo Ferreri, la Sala pluriuso Falcone-Borsellino, il Teatro Ex-Cinema Ideal (per quanto di competenza comunale, secondo il protocollo d’intesa siglato con la Sovrintendenza ai Beni Culturali di Ragusa), la Sala Associazione Volontari Italiani del Sangue (previa intesa con l’Avis). Il Comune si impegna a concedere gratuitamente i locali, prevedendo altresì per i partecipanti agli eventi congressuali inseriti in tale circuito uno sconto del 50% sui biglietti d’ingresso ai musei comunali. I Convention Bureau, d’altra parte, avranno il compito di provvedere autonomamente alla installazione delle attrezzature necessarie all’organizzazione dei convegni, alla pulizia dei locali e alla individuazione del personale addetto alla custodia di materiali e attrezzature all’interno dei locali con eventuale servizio d’ordine. Il Comune, a tal proposito, provvederà a realizzare, nel sito istituzionale dell’Ente, un’apposita sezione dedicata alla promozione del turismo congressuale, con relative informazioni. “Un’importante opportunità – afferma l’assessore comunale al Turismo, Stefano Martorana – che finalmente diventa realtà anche nella nostra città. Le potenzialità di questo settore, del resto, risultano perfettamente aderenti alle peculiari caratteristiche del nostro territorio, soprattutto in un’ottica di destagionalizzazione turistica. Una soluzione importante per consentire un ulteriore incremento dei flussi di visitatori in periodi dell’anno generalmente non di picco, con riflessi positivi per la nostra città. Significativo, inoltre, il fatto che risulta interessato un segmento di visitatori con reddito medio-alto ed elevata propensione alla spesa”.

Sindaco dell’Aquila in vacanza a Marina di Ragusa

sindaco aquilaMassimo Cialente è ospite del Falconara Village. Il Sindaco dell’Aquila ringrazia l’Amministrazione Comunale, l’Associazione Iblea Turisti Itineranti e la comunità ragusana per l’ospitalità.

LA COMMUNITY DI PAESIONLINE.IT INCORONA RAGUSA

ragusaLa community di PaesiOnLine.it anche per il 2015 ha confermato Ragusa tra le migliori destinazioni per la categoria “Borghi”. La raccolta di commenti e giudizi nel corso dell’ultimo anno di migliaia di utenti che hanno visitato Ragusa ha nuovamente messo in risalto l’ottima reputazione di cui gode la città a livello nazionale. “Come amministrazione comunale non possiamo che essere soddisfatti di questo dato che premia i nostri sforzi – commenta l’assessore al Turismo Stefano Martorana – anche perché i parametri su cui si sono basate le valutazioni positive dei turisti sul sito di PaesiOnLine.it riguardano il decoro urbano, la pulizia, le attrattive del luogo e la qualità dei servizi che rendono accogliente un luogo di vacanza”.

IL “TRENO DEL VAL DI NOTO” FA TAPPA AL CASTELLO DI DONNAFUGATA

 

1277895300Il Comune di Ragusa figura tra gli enti che patrocinano l’iniziativa “Treno del Val di Noto” promosso dall’Associazione Treno Doc di Palermo. Domenica 11 ottobre verrà infatti organizzato un viaggio in treno su carrozze d’epoca degli anni trenta con partenza da Catania e Siracusa con soste e visite guidate oltre che a Noto anche al Castello di Donnafugata. Le stazioni attraversate dal “Treno del Val di Noto” saranno: Catania Centrale (partenza ore 7,45), Lentini, Augusta, Siracusa (partenza ore 9,22), Avola, Noto (partenza ore 12), Modica, Ragusa, Donnafugata (ultima stazione con arrivo alle ore 13,30). Il Costo del biglietto con partenze da Catania e Siracusa sarà di € 25 per gli adulti e di € 15 per i ragazzi fino a 12 anni non compiuti. Da Noto invece il costo del biglietto sarà di € 15 per gli adulti e 5 euro per i ragazzi. Viaggeranno gratis invece i bambini fino a 4 anni non compiuti.

IL PERCORSO DELLE TORRI E DELLE PRIMIZIE”, DA MERCOLEDI’ PRESENTAZIONE ALL’EXPO DI MILANO

torri_primizie04Sono già otto, e tutti dal grande potenziale attrattivo, gli itinerari del progetto di turismo rurale in Sicilia denominato “Il percorso delle Torri e delle Primizie”. Mercoledì saranno ufficialmente presentato all’Expo di Milano, all’interno di un’iniziativa speciale che si svolgerà al Cluster del Cacao. Il progetto, che è già stato presentato in varie fiere di settore, tra cui Berlino, Milano, Barcellona e Napoli, con l’obiettivo di raccogliere molti contatti utili per creare altre sinergie del settore rurale e naturalistico di altre regioni, ha anche trovato una grande attenzione su media nazionali e regionali e da parte di numerosi tour operator. L’ingrediente di successo è quello di aver saputo proporre aree ancora oggi incontaminate, vere e proprie porzioni di un territorio tutto da scoprire, attratti anche dai sapori e dagli odori proposti. Non la semplice visita toccata e fuga per il turista, dunque, ma una conoscenza profonda del territorio. Sabato sera sulla Terrazza del Mare al Porto Turistico di Marina di Ragusa, Francesco Cannì e Simone Tumino, rispettivamente presidente vicepresidente dell’associazione culturale Glocal, hanno fornito i risultati finora ottenuti dal progetto.”Si sta puntando alla valorizzazione dell’itinerario rurale per promuoverlo in rete nei diversi livelli del mercato turistico internazionale. In questa fase di promozione del progetto, i mezzi messi a disposizione per l’esplorazione del territorio, tra cui pulmini, biciclette a pedalata assistita, bighe elettriche, permettono ai turisti di scoprire un aspetto più particolare di questa provincia, di entrare nelle aziende per assistere alla produzione di vari prodotti tra cui il formaggio, la ricotta, il miele, le primizie. E’ stato istituito un sito web, www.percorsitorrieprimizie.it, un portale al servizio del visitatore che potrà scegliere tra gli itinerari proposti, compilare la scheda di prenotazione, creare il viaggio su misura“. Il portale a breve sarà disponibile anche sui dispositivi mobili.

GREEN TOURS – ITINERARI DEL GUSTO

educationl (1)Venerdì 31 Luglio, all’interno del chiostro dell’ex Convento l’ex Convento del Carmine in p.zza Matteotti a Modica, dalle 18.30, in un ottica di sostegno e promozione delle imprese agricole e dei territori rurali, le aziende partner del progetto esporranno se stesse e nel caso delle attività produttrici, faranno degustare parte dei loro prodotti, DOP, IGP. Spettatori interessati, addetti ai lavori e referenti di stampa nazionale specializzata del settore turistico ed enogastronomico. Sabato 1 Agosto, sempre da Modica partirà un itinerario dimostrativo organizzato per i giornalisti: “La Via del grano da Modica a Valguarnera”: un percorso che parte dallo storico Mulino ad acqua “Museo Cavallo d’ Ispica”.  Questa è solo una parte di uno dei tour che in autunno i turisti di tutto il mondo potranno scegliere: aree da percorrere a piedi, su strade recuperate, all’ombra dei classici muretti a secco costruiti con la pietra bianca locale; da conoscere in bici, in pieno spirito green, o incrociando la cucina locale, a km 0.

Tassa di soggiorno, a Pozzallo si pagherà dal 2016  

porto piccolo pozzalloPassa in Consiglio comunale la mozione che impegna la Giunta municipale di Pozzallo a posticipare l’applicazione della tassa di soggiorno a partire dal gennaio 2016. Sono state accolte, dunque, in aula, le richieste dell’Ascom e di Federalberghi che, già nelle scorse settimane, avevano evidenziato come costringere gli operatori del settore a caricarsi di questo ulteriore balzello, a maggior ragione in un quadro economico come quello attuale, vale a dire molto complicato, sarebbe stato eccessivamente penalizzante anche per le difficoltà a cui la città di Pozzallo è esposta in questo periodo storico. “Ringraziamo l’opposizione – dice il presidente della sezione cittadina dell’Ascom, Gianluca Manenti – per avere proposto la nostra istanza e il Consiglio nella sua interezza per averla accolta. Ora ci auguriamo che l’Amministrazione comunale sia conseguente a tale impegno e che la tassa di soggiorno sia applicata a partire dal prossimo anno dando la possibilità agli operatori del settore di pianificare per tempo la contabilità della stagione”.

Raddoppia la tassa di soggiorno a Scicli  

scicli-ragusa“In un momento in cui ci sarebbe bisogno di esaltare la concertazione ai massimi livelli, proprio per le difficoltà economiche che tutti gli operatori del commercio stanno attraversando, non ultimi quelli del comparto turistico, prendiamo atto della spiacevole decisione assunta dai tre commissari che gestiscono il Comune di Scicli di raddoppiare l’importo della tassa di soggiorno”. E’ il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Sergio Magro, a rilevarlo dopo avere raccolto il malumore degli associati i quali annunciano già le proprie difficoltà a mantenere prezzi e tariffe concorrenziali rispetto a questo ulteriore esborso che si ripercuoterà sui visitatori e sui turisti. “Il tutto, tra l’altro – aggiunge Magro – senza che si sia sentita la necessità di attivare una interlocuzione diretta con le associazioni di categoria”. In proposito, il presidente provinciale Federalberghi Ragusa, Saro Dibennardo, chiarisce: “E’ una decisione che penalizza in maniera pesante il settore, tra l’altro uno di quelli che, al momento, potrebbe ambire a svolgere un ruolo di traino nei confronti degli altri che si trovano in panne. Così gettiamo nello sconforto chi poteva sperare di approfittare della stagione estiva per cercare di risanare i magri introiti aziendali. Abbiamo chiesto un incontro alla triade commissariale nel tentativo di esporre ancora meglio le nostre argomentazioni”. “Purtroppo – aggiunge Daniele Russino, presidente della sezione Ascom Scicli – non è stata presa in alcuna considerazione la difficoltà riguardante l’attuale momento storico. E’ stata assunta una decisione, così su due piedi, come se nulla fosse. Sarebbe stato opportuno interloquire prima che cambiassero le carte in tavola. Ma non ce n’è stata l’occasione. Ora, però, speriamo che possa essere il dialogo a prevalere”.

EXPO DEL CIBO E DEL TURISMO IBLEI

expoTutto pronto per l’inaugurazione di venerdì  26 giugno alle ore 20, presso la Stazione Marittima del Porto Turistico di Marina di Ragusa, dello showroom “Expo del cibo e del turismo Ibei”, momento centrale del progetto ideato e realizzato dalla  Camera di Commercio di Ragusa, con l’obiettivo di collegare il territorio provinciale con le sue eccellenze alla esposizione universale  Expo di Milano. Lo showroom è dedicato alla presentazione, esposizione, promozione e vendita dei prodotti agroalimentari della provincia ritenuti autentiche “eccellenze” del nostro territorio e comprende anche uno spazio desk all’interno del quale le imprese turistiche della provincia di Ragusa potranno veicolare informazioni sulle proprie strutture e sulle proposte turistiche di soggiorno  per la stagione in corso e per quella prossima. Per quanto riguarda il settore dell’agroalimentare, che richiama espressamente il tema proposto da Expo 2015, oltre a mettere in campo attività finalizzate a valorizzare  i prodotti tipici della Dieta Mediterranea, rilanciando il made in Italy dei nostri prodotti sotto il profilo degli aspetti nutrizionali e salutistici, è stata organizzata dall’ente camerale la possibilità, per le aziende partecipanti, di  vendere al pubblico i propri prodotti, per l’intero periodo della manifestazione, presso l’Area Market prevista all’interno dello showroom. L’iniziativa, che prevede la presenza a rotazione delle imprese che hanno aderito all’invito della Camera di Commercio, e che sono 48 agroalimentari, 22 turistiche e 12 enti ed organismi,  coprirà un periodo che va dal 26 giugno 2015  al 23 agosto 2015, presso la Stazione Marittima del Porto Turistico, mentre una seconda parte dell’esposizione sarà presentata  dal 27 agosto 2015 al 6 settembre 2015, a Ragusa, in concomitanza con i festeggiamenti per il Santo Patrono San Giovanni Battista, negli spazi della  Sala Borse dell’edificio camerale, in via Natalelli. “Con questa iniziativa – sottolinea il Presidente della Camera di Commercio Giuseppe Giannone – proviamo a dare risposta nel territorio, come fortemente richiesto dal nostro sistema imprenditoriale, a quella visibilità delle eccellenze agroalimentari e turistiche puntando sui flussi di presenze nella nostra area che saranno veicolati anche dagli incrementi turistici determinati dalla Expo di Milano”.

IL PERCORSO DELLE TORRI E DELLE PRIMIZIE

torri2Una domenica da ricordare quella appena trascorsa a Marina di Ragusa in piazza Duca degli Abruzzi con l’evento divulgativo del progetto “Il Percorso delle Torri e delle Primizie”. E’ stata la grande partecipazione da parte dei cittadini del territorio e di turisti, le tante primizie in mostra e la varietà di attrazioni, insieme alla presentazione dei vari itinerari turistici, ad assegnare alla giornata la palma del successo. Quello di domenica è stato il quarto evento divulgativo del progetto promosso dall’associazione Glocal finanziato dalla Regione Sicilia.  Il progetto ha già riscosso grande successo anche in altre realtà territoriali. Marina di Ragusa si è trasformata in polo d’attrazione sia per i prodotti in esposizione che per le informazioni dettagliate fornite negli appositi stand. A partire dalle 18,30, poi, la piazza è stata il centro focale del contest delle ricette culinarie presentate dai visitatori in cambio della distribuzione gratuita delle primizie. Ma il “contenitore” di piazza Duca degli Abruzzi e l’adiacente piazza Torre hanno ospitato anche vari momenti di animazione con i giochi d’altri tempi, con il “calacipitu” e il carrettino, guidati dai bambini che si sono divertiti a partecipare ad una gimkana con prove cronometrate. Il folklore, in questa manifestazione non poteva mancare e per questo è stata coinvolta l’associazione culturale “Gli Ultimi Cantastorie” che con Luciano Busacca, ha animato i percorsi degli stand con i racconti e le musiche popolari tramandate da generazioni dell’area iblea. Tanta la curiosità tra i presenti per le novità da provare e da ammirare come le biciclette a pedalata assistita e le bighe elettriche, mezzi consigliati per un giro turistico alternativo in percorsi ed itinerari che toccano anche le campagne iblee ed i siti archeologici naturali di cui il territorio fa grande mostra tra la bellezza della fascia costiera e l’entroterra rurale dove vengono prodotte le primizie.

Scroll To Top
Descargar musica