20-10-2017
Ti trovi qui: Home » Associazioni di Categoria (pagina 27)

Archivio della categoria: Associazioni di Categoria

Ascensoristi: il codice etico sarà illustrato agli amministratori di condominio

ascensoreVenerdì 15 marzo, alle 16,30, la sede Cna di Ragusa, in via Psaumida 38, ospiterà un incontro rivolto agli amministratori di condominio. Nel corso dell’iniziativa, promossa da Cna-Unione Installazione e Impianti, Confartigianato, Casartigiani, Upla Claai, con la collaborazione delle associazioni dei consumatori Adiconsum, Confconsumatori, Federconsumatori e Adoc, saranno illustrati i contenuti del “Codice etico ascensoristi”, nonché del relativo progetto di qualità. Saranno fornite indicazioni sulla trasparenza e sulla sicurezza. L’incontro servirà anche per conoscere più da vicino la convenzione riguardante le garanzie e le regole nel rapporto tra cittadini e imprese in materia di gestione e funzionamento degli impianti oltre all’esercizio di ascensori e montacarichi. 

Il comitato Cna della zona artigianale di Ragusa è stato ricevuto dal commissario straordinario Rizza

Antonella_CaldareraIl responsabile organizzativo della Cna di Ragusa, Antonella Caldarera, e i componenti del neo costituito comitato della zona artigianale di contrada Mugno, Massimiliano Distefano, Emanuele Criscione e Calogero Tavormina, sono stati ricevuti dal commissario straordinario del Comune, Margherita Rizza. A quest’ultima, i rappresentanti dell’associazione di categoria hanno sottoposto un documento contenente sette punti per risolvere con una certa rapidità alcune questioni ritenute fondamentali per la suddetta area. Le richieste riguardano l’assegnazione immediata dei 18 lotti individuati e di altri già revocati, il potenziamento dell’illuminazione pubblica, l’intimazione ai titolari di imprese assegnatari di lotti in cui non è stato ancora realizzato nulla di effettuare la pulizia dell’area e di recintarla al fine di evitare le micro discariche, la risoluzione del fenomeno del randagismo, per la tutela della pubblica incolumità, la risistemazione delle tabelle direzionali della zona artigianale, l’attivazione della videosorveglianza almeno del Centro direzional, la comunicazione dei numeri di riferimento degli addetti alla manutenzione. Il commissario Margherita Rizza ha preso atto dei contenuti del documento e, alla presenza del dirigente del settore Sviluppo economico, Santi Distefano, ha già disposto una nuova convocazione dei rappresentanti Cna tra due settimane. E’ il tempo necessario per l’effettuazione di un sopralluogo e per concretizzare una prima serie di risposte. “Le istanze avanzate – afferma Caldarera – sono a costo zero per il Comune che, però, può intervenire per cercare di risolvere tutta una serie di problemi che già da tempo suscitano l’attenzione degli insediati della zona artigianale”.

I fondi ex Insicem per 250 imprese tardano ad essere erogati

Il segretario Giovanni Trovato e il presidente Salvatore Vargetto“L’associazione provinciale Upla Claai invita l’organismo di garanzia che gestisce i fondi ex Insicem per conto della Provincia regionale di Ragusa a darsi una mossa, comunicando e informando le imprese e le parti sociali, tra queste Claai e il consorzio fidi di riferimento Confim, in quanto entrambi non rappresentati in seno all’organismo in questione e quindi in attesa di notizie ufficiali, su come si intendono rendere pienamente operative le risorse economiche in questione allo scopo di dare certezze e speranze alle 250 imprese che hanno creduto nei fondi ex Insicem aderendo al relativo bando”. E’ quanto affermano il presidente provinciale Salvatore Vargetto e il segretario Giovanni Trovato facendo riferimento al bando del 22 ottobre 2012 per l’accesso al fondo di rotazione per la capitalizzazione o la ricapitalizzazione delle imprese e per l’assegnazione di contributi in conto interessi per gli investimenti e il consolidamento delle passività aziendali, nell’ambito del piano di utilizzo della disponibilità dei fondi ex Insicem.

Emergenza idrica a Ragusa, l’Ascom dice no all’acqua non potabile

acqua_web_24022011-400x300La sezione Ascom di Ragusa esprime perplessità e preoccupazione in ordine alla decisione assunta dal Comune di immettere nella rete idrica acqua non potabile anche se per un periodo limitato di tempo. Per questo motivo, il presidente sezionale, Cesare Sorbo, ha inviato al commissario straordinario, Margherita Rizza, una nota in cui si chiede la sospensione del provvedimento oltre alla richiesta di un incontro in cui l’associazione di categoria avrà modo di illustrare le difficoltà che si andrebbero a creare in capo alle attività di produzione, in particolare bar e ristoranti. “Capiamo la difficoltà del momento – dice Sorbo – e ci rendiamo conto che dalle attività in questione l’acqua potrà essere utilizzata previa bollitura. Ma ciò comporterà un aggravio dei costi, in un momento tra l’altro molto complesso sul piano economico, senza parlare del fatto che solitamente sono previste – spiega il presidente Ascom, Cesare Sorbo, – una serie di procedure rispetto alle quali si corre il rischio di non potere essere assolutamente garanti circa la corretta prassi igienica richiesta dalle normative sanitarie europee (ad esempio un ristorante dovrebbe fare bollire l’acqua anche solo per lavare la lattuga dell’insalata)”. 

PINO OCCHIPINTI PRESIDENTE DI LEGACOOP AGROALIMENTARE SICILIA

Pino-Occhipinti-presidente-Legacoop-RagusaIl presidente provinciale di Legacoop Ragusa, Roberto Roccuzzo, si congratula con Pino Occhipinti, già presidente di Legacoop Ragusa, che è stato chiamato a ricoprire il ruolo di responsabile regionale di Legacoop Agroalimentare Sicilia. Pino Occhipinti, nel suo primo intervento, ha già parlato della necessità di riorganizzazione delle filiere agricole per riconquistare competitività e mercati, specialmente nel comparto dell’ortofrutta e della serricoltura. Dice Roberto Roccuzzo: “Questa nomina di Occhipinti si inquadra nel più complessivo percorso teso a mettere in rilievo le peculiarità dei dirigenti del mondo ibleo della cooperazione. Auguriamo buon lavoro per il nuovo e prestigioso incarico a Pino Occhipinti, consapevoli che, per le sue approfondite conoscenze e il suo dinamismo, saprà interpretarlo al meglio pur a fronte di una situazione complessiva che non abbiamo timore a definire molto complicata”. Anche il presidente di Confcooperative Ragusa, Gianni Gulino, si congratula e dice: “La nomina di Pino Occhipinti a presidente di Legacoop Agroalimentare Sicilia può fornire quella spinta decisiva verso la costituzione di Aci Agroalimentare, la federazione unitaria che vede anche noi nel progetto”. 

ECCO IL MECCATRONICO, LA FUSIONE FRA ELETTRAUTO E MECCANICO

cna logoIl meccatronico sarà una delle nuove professioni che impareremo a conoscere in un prossimo futuro. Il meccanico e l’elettrauto, infatti, sono mestieri che andranno presto in pensione. “Dal 2013, con la legge 224/2012 – si legge in un comunicato stampa della Cna Ragusa -, è arrivata una nuova figura professionale e imprenditoriale che li comprende entrambi: il meccatronico”. La Cna si sta facendo interprete delle esigenze degli operatori sollecitando il ministero dello Sviluppo economico ad intervenire rapidamente. “Intanto – dice il presidente provinciale dell’Unione Cna Servizi alla comunità, Vincenzo Canzonieri – si parte dalla constatazione che la nuova attività nasce dall’unificazione di due professioni che da tempo si erano nei fatti sovrapposte. Infatti, è da oltre dieci anni che sia il meccanico che l’elettrauto intervengono sui sistemi elettronici che regolano gli autoveicoli: Abs, Esp, impianti di raffreddamento non tradizionali, cambi automatici e sequenziali, centraline elettroniche che regolamentano la meccanica, ecc. Tutte attività a cavallo tra la motoristica e l’impiantistica elettrica dell’auto. Quindi, – ha detto ancora Canzonieri – si chiarisce che chi intende acquisire ex novo la qualifica ed ha lavorato come operaio specializzato o come responsabile tecnico all’interno di un’officina (sia essa meccanica o di elettrauto) deve dimostrare, ad esempio tramite una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa dal titolare o dal legale rappresentante, di aver operato, almeno tre anni negli ultimi cinque, su sistemi complessi che si inquadrano nella nuova attività”, conclude Canzonieri. Per le imprese già esistenti, invece, la legge prevede un periodo transitorio di cinque anni entro i quali sia il meccanico che l’elettrauto devono frequentare un corso che li abilita alla nuova professione. “Siccome negli ultimi anni molti degli imprenditori che operano in entrambe le attività avranno sicuramente effettuato lavori su parti comuni a meccanica e motoristica – spiega ancora la Cna -, gli stessi potranno superare la fase transitoria documentando con fatture lo svolgimento di tali lavori, senza dover frequentare alcun corso”. La Cna è a disposizione per chiarimenti.


Antonella Leggio eletta Presidente della “Piccola Industria” di Confindustria Ragusa

Foto Ing. Antonella LEGGIOAntonella Leggio, presidente del consiglio di amministrazione della I.LA.P. SpA di Ragusa, è stata eletta presidente della Piccola Industria di Confindustria Ragusa, subentrando a Giorgio Cappello che il 30 Gennaio scorso era stato nominato presidente regionale Piccola Industria. L’Ingegnere Antonella Leggio, lunga esperienza imprenditoriale e associativa, guiderà il comitato composto da Davide Guastella, che è stato confermato delegato regionale, Salvatore Molè, Eugenia Gurrieri e Chiara Giombarresi, e ha assicurato il suo impegno per dare continuità al mandato assembleare 2012/2014, portando avanti le azioni concertate per dare rappresentanza e servizi concreti alle piccole industrie associate a Confindustria Ragusa.

Scroll To Top
Descargar musica