20-09-2018
Ti trovi qui: Home » Politica » Centro di compostaggio. IDV denuncia la non apertura a distanza di 2 anni

20/10/2011 -

Politica/

Centro di compostaggio. IDV denuncia la non apertura a distanza di 2 anni

Sono passati due anni da quel 19 ottobre 2009, quando alle ore 12 iniziò la festa per l’inaugurazione del centro di compostaggio di Cava dei Modicani a Ragusa. A distanza di 24 lunghi mesi, Italia dei Valori ha voluto denunciare la mancata messa in funzione dell’impianto. Una manifestazione simbolica e divertente allo stesso tempo: una torta, due candeline e calici di spumante per festeggiare tristemente la mancata apertura del centro di compostaggio. Giovanni Iacono, coordinatore provinciale di Idv, Venerando Cintolo, segretario cittadino Idv di Ragusa, Peppe Tumino e Salvatore Martorana, consiglieri comunali, hanno denunciato i ritardi nell’apertura, definendo una beffa l’inaugurazione di due anni fa. “La realtà rispetto alle bufale di tutti questi anni ha dichiarato Giovanni Iacono – è che si sono spesi quasi tre milioni e mezzo di euro per un impianto che non è stato mai messo in funzione, che è stato inaugurato in pompa magna il 19 ottobre 2009 e noi, mezza giornata dopo, avevamo detto che inauguravano il nulla, perché sapevamo che non c’era nulla dietro l’inaugurazione. Questa classe politica non solo non riesce a risolvere i problemi, ma addirittura riesce a renderli più complicati, perché i soldi pubblici sono ancora una volta spesi inutilmente, in maniera dissennata. In questi due anni non solo non ha funzionato l’impianto – continua Iacono -, ma il fatto che non abbia funzionato ha portato la frazione biodegradabile della raccolta differenziata in altri impianti che abbiamo dovuto pagare. Oltre al danno, la beffa, perché a febbraio del 2010 il Comune di Ragusa con un comunicato stampa ci disse che l’impianto era in funzione. E mentre ci diceva questo – dice ancora Iacono – pochi giorni prima aveva fatto un contratto per portare per un altro anno a Grammichele la frazione umida dei rifiuti. Siamo dinanzi alla beffa, all’imbroglio continuo. Noi con questo festeggiamento amaro abbiamo voluto ricordare ai cittadini di Ragusa che ci sono tante bufale”. Ma cosa significherebbe per i cittadini ragusani la messa in funzione dell’impianto di compostaggio? “Intanto – ha detto Venerando Cintolo – una riduzione del costo della Tarsu perché, laddove la differenziata è attiva e funziona come si deve, i cittadini pagano di meno in relazione al quantitativo di differenziata che riescono a fare. Il sindaco ha voluto incrementare la differenziata sotto elezioni e abbiamo visto tutti qual è stato l’esito: anziani che di mattina giravano con i sacchetti di spazzatura in mano senza avere la possibilità di buttarli nei cassonetti. Inoltre, bisogna tenere in conto l’eventuale ricavo perché dal compostaggio si ricava il compost – continua Cintolo – e, come si sa, lo si può utilizzare efficacemente in agricoltura. Quindi con grande beneficio per una zona come la nostra, vocata all’agricoltura e alla zootecnia”. Due anni di ritardo, ricavi non ottenuti dalla possibile vendita del compost, mancato risparmio nella bolletta della tassa sui rifiuti: buon compleanno centro di compostaggio!

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica