26-11-2022
Ti trovi qui: Home » Cronaca » DANNI PER IL MALTEMPO AGRICOLTURA IN GINOCCHIO

11/03/2012 -

Cronaca/

DANNI PER IL MALTEMPO AGRICOLTURA IN GINOCCHIO

Danni incalcolabili alle strutture serricole lungo la fascia costiera. Raffiche di vento e piogge torrenziali hanno raso al suolo le serre, gli impianti arborei e le colture in pieno campo pronte per la raccolta. In molti casi sono andate distrutte anche le vie di accesso alle aziende agricole a causa di frane e smottamenti. “Siamo molto preoccupati – sottolinea il presidente della Confagricoltura ragusana, Sandro Gambuzza – perché questa nuova catastrofe si va ad aggiungere a quelle dei mesi scorsi: fermo dei trasporti, blocco di movimenti spontanei, aumento delle materie prime e dei carburanti, consumi fermi”. Il presidente Gambuzza sollecita le imprese che hanno subìto danni alle strutture ed alle produzioni a segnalarli all’Ispettorato provinciale agricoltura di Ragusa che ha già attivato idonee strutture di accertamento ed invoca un incontro regionale al fine di valutare la situazione ed individuare tutte le possibili iniziative di soccorso. A Santa Croce l’80 per cento degli impianti serricoli sono stati danneggiati. “Una vera mazzata dopo una stagione agraria molto difficile legata al problema dei prezzi – dice Guglielmo Occhipinti, portavoce gruppi acquisto -. Ora con i danni alle strutture è arrivato il colpo devastante”. Franca Iurato, candidata a sindaco di Santa Croce, chiede al governo della Regione il massimo sostegno. “Stiamo già contattando gli organismi regionali e comunali perché si attivino in tal senso – dice -. La nostra agricoltura in ginocchio deve avere la massima attenzione e il giusto sostegno per far fronte ai gravissimi danni causati da quest’ondata devastante di maltempo. Per fortuna la protezione civile ha avvisato in tempo di quanto stava accadendo ed ancora accadrà nelle prossime ore”.

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica