28-01-2023
Ti trovi qui: Home » Cronaca » RAGUSA: RISSA DAVANTI AL TRIBUNALE, ARRESTATE QUATTRO PERSONE

03/04/2013 -

Cronaca/

RAGUSA: RISSA DAVANTI AL TRIBUNALE, ARRESTATE QUATTRO PERSONE

rissa 3.4

Una lite tra italiani e nordafricani è finita nel sangue, anche se per fortuna il ferito, in prognosi riservata, non è in pericolo di vita. L’episodio è avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì, intorno all’una, in via Maiorana, nei pressi del Tribunale. Una telefonata al 113 segnalava la presenza di immigrati che disturbavano all’interno di un bar. La sala operativa della Questura ha richiesto l’intervento dei militari dell’Arma. Giunti sono arrivati sul posto ed hanno subito notato che alcuni stranieri litigavano con dei ragusani. Pare che per cercare di placare gli animi sia stato necessario anche sparare alcuni colpi in aria (come riferiscono in una nota i carabinieri). La Polizia spiega che gli immigrati urlavano frasi pesanti: “bastardi, vi ammazziamo” nei confronti dei ragusani. Gli agenti, in un primo momento, sono riusciti a bloccare i due gruppi. Ma quando tutto sembrava finito, un algerino ha ancora insultato gli italiani con frasi del tipo: “Italiani di merda, bastardi”. Nel contempo ha scagliato una bottiglia in vetro contro gli “avversari”. A quel punto è stato difficile tenere calmi tutti, e ne è nata una rissa. La peggio è toccata all’algerino che è poi stato trasportato in ospedale. I medici hanno dovuto operarlo in chirurgia per ricucire delle brutte ferite al volto. Un altro algerino ha riportato ferite più lievi. Polizia e carabinieri sono riusciti ad arrestare quattro persone, incluso il ferito, che si trova piantonato in ospedale. L’arresto è scattato per Rachid Bettabghor, 38 anni, algerino, Giuseppe e Christian Sanna, 33 e 26 anni, e Giuseppe Gurrieri, 36 anni. Al vaglio la posizione di altre persone. In due, Christian Sanna e Giuseppe Gurrieri, si sarebbero presentati spontaneamente in Questura, mentre Giuseppe Sauna è stato arrestato alcune ore dopo dai carabinieri, che lo hanno rintracciato in via Roma. In mattinata, i militari dell’Arma sono dovuti tornare al bar dov’era iniziata la lite poiché s’era presentato il fratello dell’accoltellato con uno della “comitiva” della notte precedente. Non si sa se i due fossero alla ricerca del ferito o per chiedere conto e ragione ai gestori del bar. Ma pare che volessero capire chi fosse stato l’accoltellatore. Giuseppe Sanna, come detto, è stato avvistato in via Roma. Avrebbe cercato di fuggire alla vista dei militari dell’Arma, ma è stato bloccato. Il 33enne aveva gli avambracci con dei tagli. E’ stato medicato al Pronto soccorso e poi portato nel carcere di contrada Pendente.

DSC_0006(1)

 

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica