24-07-2019
Ti trovi qui: Home » Chiesa » La chiesa si mobilita per i migranti

08/10/2013 -

Chiesa/Società/Solidarietà/

La chiesa si mobilita per i migranti

mani extracomunitariAnche la diocesi iblea si è mobilitata per l’individuazione di strutture per l’accoglienza dei migranti in questa fase di estrema emergenza. E’ stata chiesta la disponibilità agli Istituti religiosi che hanno strutture alloggiative. Da parte delle Suore del Sacro Cuore, ordine fondato dalla beata Maria Schininà, c’è stata una disponibilità, anche se i posti sono limitati. In particolar modo è stata messa a disposizione una struttura a Comiso, anche se con pochi posti letto. “Purtroppo le altre strutture che abbiamo – spiega suor Virginia, l’economa generale – sono già impegnate da altre attività come la scuola, la casa di riposo o le case famiglia. Le regole per l’accoglienza sono molto rigide, anche perchè noi siamo iscritte negli albi regionali. Ma abbiamo comunque dato la disponibilità per i posti che avevamo. La nostra Famiglia religiosa ha messo a disposizione altre strutture in diverse parti della Sicilia”. L’Istituto dei Padri Gesuiti di Ragusa, che ha a disposizione una trentina di posti, ha invece comunicato di non potere accettare la richiesta, in quanto la struttura sarebbe impegnata per esercizi spirituali. La Prefettura ha già alcune convenzioni per l’accoglienza. Ma la fase di emergenza ha portato ad una richiesta a tutte le strutture ricettive, fino al 31 dicembre di quest’anno. La struttura che firmerà la convenzione con la Prefettura dovrà fornire: accoglienza ed assistenza, presenza di personale qualificato che si occupi di attività di interpretariato, di informazione sui diritti e doveri e sulla condizione dello straniero. Ad ogni migrante andranno 2,50 euro al giorno, principalmente sotto forma di schede telefoniche e sigarette. Per ogni giorno, verranno corrisposti trenta euro per ogni migrante ospitato.

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica