17-09-2019
Ti trovi qui: Home » Associazioni di Categoria » FORMAGGI CON IL LATTE IN POLVERE, UN DURO COLPO PER I PRODUTTORI IBLEI DI LATTE

27/07/2015 -

Associazioni di Categoria/

FORMAGGI CON IL LATTE IN POLVERE, UN DURO COLPO PER I PRODUTTORI IBLEI DI LATTE

latte-coldiretti-svenduto-latte-ragusano-ragusa-crisi-agricoltura“La scelta comunitaria di impedire all’Italia l’applicazione della legge 138/74 che, in una logica di protezione e di rilancio del Made in Italy, vietava l’utilizzo del latte in polvere per la produzione di formaggi e latticini, è una ulteriore assurda ed insostenibile mazzata per la nostra zootecnia da latte e per tutta la nostra economia ed una inaccettabile beffa per gli allevatori e per i consumatori”. E’ questa la parte introduttiva del documento approvato, sull’argomento, dal Comitato Esecutivo del Diprosilac convocato e presieduto da Enzo Cavallo. “Ancora una volta i poteri forti e le grandi multinazionali della Unione Europea prevalgono sugli interessi di quanti, con sacrifici enormi, non sanno più come e dove sbarcare il lunario per tentare di sopravvivere: e non importa ad alcuno se assicurano, con sempre maggiore fierezza, quella qualità e quella sicurezza alimentare che, anche se non danno certezza di reddito, garantiscono comunque gli interessi e la salute del consumatore. Gli effetti, sicuramente devastanti, di tale nuovo ed assurdo provvedimento comunitario vanno ad aggiungersi a quelli che, negli ultimi anni, sono stati e vengono prodotti dalla pesantissima crisi che ha messo e mette in ginocchio gli allevatori italiani e quelli operanti in Sicilia in particolare. Dopo la liberalizzazione del mercato del latte per la cessazione del “regime delle quote” e dopo detta ultima trovata dell’Unione Europea non è facile capire infatti come potranno gli allevatori essere in grado di competere e di difendersi dall’attacco commerciale derivante dalla introduzione della polvere di latte in un mercato già abbondantemente intasato dalle cagliate provenienti dal nord Europa e dai Paesi dell’Est ed utilizzate per produrre latticini e formaggi che, per la mancanza o la inadeguatezza di controlli vengono etichettati e presentati come localI”. Per avere una idea basta sottolineare che, nell’anno 2014, solo nella provincia di Ragusa risultano importate non meno di 12000  tonnellate di semilavorati e di cagliate delle quali, una volta entrate nei caseifici per essere lavorate e trasformate, si perde ogni traccia, perché non citate in nessuna etichetta. Mentre gli allevatori si vedono diminuire il prezzo del latte, in netto contrasto con le loro esigenze e le loro richieste, e, di conseguenza, continuano a produrre sotto costo e quindi in perdita, ci sono coloro che viceversa si trovano spianata la strada per produrre formaggi e latticini, in maniera irrazionale a danno dei produttori e dei consumatori. Ora l’obbiettivo è quello di contestare e contrastare la importazione di latte, di polvere di latte e di cagliate e, in ogni caso, di ottenere la introduzione, per i formaggi ed i latticini commercializzati, di etichette chiare e facilmente decifrabili e riportanti l’origine della materie prime utilizzate; di sollecitare controlli seri e severi per l’uso improprio di marchi di qualità e per prevenire ed eventualmente reprimere ogni comportamento ingannevole nei confronti dei consumatori; di incoraggiare al massimo la produzione di formaggi con marchio comunitario dop nel rispetto dei relativi disciplinari di produzione attraverso l’opera di vigilanza dei consorzi di tutela.

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica