12-12-2017
Ti trovi qui: Home » Enogastronomia » A Ragusa “Forchetta&Farina”, la festa dei grani antichi

04/07/2016 -

Enogastronomia/

A Ragusa “Forchetta&Farina”, la festa dei grani antichi

Forchetta&Farina la degustazioneÈ stata una grande festa dei grani antichi e di tutti i modi in cui possono arrivare alla nostra tavola: dal profumatissimo pane di casa alle ricette di dodici chef che li hanno resi protagonisti di altrettanti entusiasmanti showcooking. La prima edizione di “Forchetta&Farina”  promossa da Jobbing Centre Ragusa e tenutasi domenica nella sede di contrada Puntarazzi è stata uno straordinario successo: da una parte la cultura del territorio, dall’altra tanto divertimento e voglia di stare insieme. Dall’antipasto al dolce e tutto attorno lo studio dei grani e del loro utilizzo in cucina. Uno speciale viaggio attraverso i profumi, i sapori, la cultura del nostro territorio. Non a caso c’erano varie specialità come formaggi, conserve, olio, vino, pomodori, latticini: una vera miniera di eccellenze del territorio offerte in degustazione agli ospiti della serata. E poi gli chef che si sono superati proponendo vere e proprie delizie per il palato degli ospiti. Da Lucia Mazzullo che ha messo sul piatto una parmigiana di melanzane Olivia con cialdina di Perciasacchi, pomodorino di Pachino e spuma di yogurt a Salvatore Nicastro che ha invece proposto penne integrali al finocchietto selvatico con ricotta vaccina e ciliegino di Pachino; dallo sfincione palermitano di Ninni Radicini alla mousse di cheesecake con crumble di farina Perciasacchi e confettura di ciliegino di Daniel Giallongo. Queste, poi, le altre invenzioni gastronomiche degli chef: Peppe Venezia ha proposto lo spaghetto di Tumminia con le sarde a mare; Luca Cannizzaro il pane e cucuzza; Valerio Mallia il burger di sarde con pomodoro secco e salsa allo yogurt; Andrea Iurato il raviolo ragusano con pistacchio e ciliegino, Antonello Adamo la mousse di ricotta e crumble di pistacchio all’arancia, Luca Giannone il “’ncucciato” con macco di fave, borragini e olio al tartufo bianco; Giuseppe Luparelli la calamarata con pesto di purciddana e ciliegino di Pachino su fonduta di cacio. Tra gli chef anche Franco Digrandi. “E’ stata una grande festa – dice l’amministratore unico di Jobbing Centre, Giansalvo Allù – un modo per esaltare i sapori forti del nostro territorio partendo dall’elaborazione dei grani antichi che oggi più che mai, per le loro caratteristiche e le loro proprietà nutritive, hanno guadagnato la ribalta”. Molto apprezzato anche l’angolo dedicato alla preparazione del pane così come si faceva una volta con l’allestimento curato dalla cooperativa Oltre la luna.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica