17-08-2017
Ti trovi qui: Home » attualità (pagina 100)

Archivio della categoria: attualità

RAGUSA, LAMENTELE PER IL PARCHEGGIO PIAZZA DEL POPOLO

imagesUn parcheggio a mezzo servizio. Con la chiusura il fine settimana. Senza alcuna comunicazione al Comune. Un inghippo che ha sollevato le ire di alcuni automobilisti che hanno trovato la porta d’accesso del nuovo parcheggio interrato di Piazza del Popolo “sbarrato”. “E’ una vicenda grave – spiega il consigliere comunale del movimento Città, Carmelo Ialacqua – che va chiarita nel più breve tempo possibile. Ancora una volta la gestione dei parcheggi e dell’intera viabilità, in quella zona, fa parecchio discutere. L’aspetto anomalo è la costruzione del parcheggio interrato senza alcuna modifica della viabilità esterna. Per capirci, i posti auto liberi si trovano, per quale ragione un turista o un cittadino ragusano dovrebbe posteggiare l’auto nel nuovo parcheggio?” Da qui le “ire” dell’assessore ai lavori pubblici., Salvatore Corallo. “E’ un fatto anomalo – si tratta di un servizio di pubblica utililità e quindi deve essere sempre fruibile anche in  assenza di automobilisti. Abbiamo ribadito la nostra posizione. Qualunque disservizio deve essere comunicato, in maniera tempestiva, al Comune di Ragusa”. Si sapeva che con la chiusura degli uffici pubblici, durante il periodo estivo, si rischiava lo svuotamento anche del posteggio e quindi secondo Corallo è ancora più ingiustificata tale chiusura.”Non è un buon motivo – aggiunge l’assessore Corallo – per chiudere il posteggio. Stiamo lavorando, comunque, per rendere più funzionali i tre parcheggi esistenti in città.  Alla ditta Sisosta  dobbiamo fornire, a titolo compensativo, per la mancata apertura degli altri due piani del parcheggio, altri 170 posti  a raso. Abbiamo pensato di affidare in gestione il parcheggio di Largo San Paolo con un collegamento con i bus navetta con altri parcheggi esistenti in città”.

DOPO DI NOI

casaLa terza comunità alloggio per il “Dopo di noi” della cooperativa sociale “Nuovi Orizzonti” diventa realtà. La struttura residenziale per disabili, sita a Comiso in via Biscari 89, verrà inaugurata giorno 10 luglio alle ore 10,30 alla presenza del vescovo di Ragusa, monsignor Paolo Urso. La cooperativa Nuovi Orizzonti lavora da anni in provincia di Ragusa per garantire un futuro sereno alle persone con disabilità e ai loro familiari. Un argomento complesso, che coinvolge delicatissimi aspetti emotivi, ma anche concreti problemi giuridici, economici, assistenziali ed abitativi. La nascita di una nuova struttura, dunque, rappresenta una conquista per il territorio ibleo.

LA BAMBINOPOLI DI PIAZZA PADRE PIO A MARINA DI RAGUSA SPORCA DOPO IL MERCATO DEL MARTEDI’

Bambinopoli Marina di RagusaUn problema che, purtroppo, si ripete. Quello di abbandonare rifiuti di ogni genere dopo il mercato del martedì a Marina di Ragusa. La denuncia arriva dal consigliere comunale Angelo Laporta che rivolge un invito agli operatori dell’ambulantato che fanno mercato a Marina affinché sia posta maggiore attenzione soprattutto quando l’attività sta per volgere al termine e gli stessi smontano le proprie bancarelle. “Sono posizionati – aggiunge Laporta – degli appositi contenitori portarifiuti di cui dovrebbero servirsi sia i commercianti sia i consumatori che fanno acquisti. Ma non solo. Non appena il mercato giunge al termine, la squadra di netturbini si mette subito all’opera per ripulire la zona in questione. E’ chiaro che, però, quando c’è vento, il fenomeno non può essere controllato. Per cui invito i fruitori del mercato e gli ambulanti, a maggior ragione nelle giornate ventose, a prestare la dovuta attenzione alla delicata questione”.

SARANNO RIMOSSE A MARINA DI RAGUSA LE BICI NON FUNZIONANTI ABBANDONATE E LE BICI FUNZIONANTI DEPOSITATE FUORI DALLE APPOSITE RASTRELLIERE

stazione1Il sindaco Federico Piccitto ha emesso un’ordinanza, valida fino al 16 settembre 2015 nel territorio di Marina di Ragusa, con la quale si impone il divieto di abbandonare sul suolo pubblico biciclette che non siano più idonee alla circolazione, in quanto prive di parti essenziali per l’uso o la conservazione. Il divieto è esteso anche alle biciclette funzionanti depositate al di fuori delle apposite rastrelliere; saranno, infatti, rimosse tutte quelle che saranno rinvenute fissate agli arredi pubblici, quali pali di luce, segnaletica stradale, cartelli pubblicitari, monumenti, ringhiere, alberi, dissuasori di sosta, muretti etc, che comunque ostruiscano passaggi pedonali, ciclabili e marciapiedi, compromettendo la sicurezza dei pedoni, la fruizione da parte delle persone disabili o che impediscano la pulizia delle aree occupate. Provvederà alla rimozione delle bici, di concerto con il personale di Polizia Municipale, il concessionario del servizio di rimozione del Comune di Ragusa, Total Service. Nell’ordinanza si specifica anche che le bici non più funzionanti o di scarso valore economico e quelle funzionanti, di cui non è possibile risalire al proprietario, saranno rimosse e portate presso il deposito del Comando di Polizia Municipale di Marina di Ragusa dove saranno custodite a titolo gratuito (fatte salve le sanzioni previste dal vigente Codice della Strada) per un periodo di 30 giorni, trascorso il quale l’amministrazione comunale procederà con la rottamazione presso i centri autorizzati per quanto riguarda le bici non funzionanti. La proprietà del mezzo rimosso potrà essere dimostrata esibendo la chiave del lucchetto o con la presentazione della combinazione numerica della chiusura al fine di accertarne la corrispondenza con il lucchetto tagliato in fase di rimozione e conservato con la bicicletta, o con altro mezzo idoneo a comprovarne la proprietà. I proprietari, per la restituzione dei mezzi rimossi, sono tenuti a pagare una sanzione amministrativa che va da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro, oltre le spese sostenute dalla ditta concessionaria per la rimozione. “L’amministrazione comunale – sottolinea il sindaco Piccitto – ha posizionato apposite rastrelliere sul lungomare Mediterraneo, in piazza Malta, in via del Tritone, via Pescara, piazza Duca degli Abruzzi proprio per evitare l’incontrollato e disordinato stazionamento di biciclette in ogni luogo, a scapito del decoro urbano e della sicurezza dei pedoni. Purtroppo, malgrado questo, persistono comportamenti scorretti di utenti che continuano a posizionare i loro mezzi in aree non idonee, specie in quelle destinate ai pedoni. Il nostro intento è quello di migliorare la fruibilità del territorio di Marina di Ragusa , specie del frequentatissimo lungomare, a garanzia dei cittadini e dei visitatori che vi soggiornano.”

A19: niente auto fino a Natale, ma già viaggia la speculazione?

Ponte-mezzojuso-535x300Niente auto, e chissà per quanto tempo ancora, ma sulla A19 qualcosa potrebbe essere già in marcia: la speculazione. Il terreno di circa un ettaro sul quale dovrebbe sorgere la famosa bretella dell’Anas per riaprire alla circolazione la Palermo-Catania potrebbe costare infatti una piccola fortuna ai cittadini. Il piano particolareggiato di esproprio, interessi compresi, porta una valutazione dell’appezzamento da espropriare, che, eventuali interessi compresi, si aggira intorno ai 240 mila euro (236 per l’esattezza), una somma spropositata per i terreni di quella zona, il cui valore, nel migliore di casi, non dovrebbe superare le poche migliaia di euro. “E’ una cifra nettamente fuori mercato – dice il sindaco di Caltavuturo Domenico Giannopolo – . Conosco benissimo i terreni di quella zona e il valore di un ettaro di uliveto è di 10,15 mila euro al massimo”. Il sindaco mette l’accento anche sull’opportunità o meno di realizzare una bretella che potrebbe non servire a nulla se una delle due carreggiate fosse in grado di funzionare e che in ogni caso fra due, tre anni dovrebbe essere dismessa”. Sulla vicenda si sono accesi i fari del M5S all’Ars, che sulla questione vuole fare piena luce. E per questo scriverà a Cantone, il presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione. “Non vorremmo – dice il deputato all’Ars Giancarlo Cancelleri – che l’unica cosa in movimento in questa autostrada maledetta fosse la speculazione. Il rischio di far pagare ai cittadini un terreno ad un prezzo esorbitante e nettamente fuori mercato è alto. Ci auguriamo che non sia così, ma pretendiamo chiarezza”. Proprietaria dell’appezzamento che dovrebbe passare di mano sarebbe una azienda il cui rappresentante legale è un ex assessore della giunta Orlando (Tullio Giuffré) che lo stesso Cancelleri ha visto stringere la mano a Delrio in occasione del sopralluogo del ministro sul viadotto. Ho visto con i miei occhi – dice Cancelleri – che lo presentavano a Delrio come il proprietario del terreno da espropriare, una scena che mi ha meravigliato. E tutto questo in una fase in cui nulla o quasi si sapeva dell’evoluzione dei lavori”. 

DALL’ARS LEGGE SUI RIBASSI E SUI CENTRI STORICI

immagine-002“Con le due nuove norme regionali speriamo si inauguri una stagione di riforme che permetta alla Sicilia di uscire dal pantano e guardi al futuro con serenità ed ottimismo”. Così si esprime l’associazione costruttori di Ragusa in una nota. “Sono state approvate dall’ARS, nella seduta del 7 luglio, due importanti leggi ossia le  nuove norme sui Centri Storici ed il nuovo criterio di aggiudicazione per gli appalti pubblici. Siamo entusiasti, finalmente abbiamo risposte concrete per gli imprenditori”. Il presidente Caggia continua: “La mappatura degli immobili dei Centri Storici consentirà di sapere con certezza quali interventi siano possibili e permetterà di operare senza aspettare i mai approvati piani particolareggiati: noi Imprenditori chiediamo, da sempre, regole certe per poter investire senza correre il rischio di essere bloccati dalla burocrazia o, peggio, dalla magistratura! La Legge sui Centri Storici appare una buona legge. Il risultato ottenuto con la riforma della Legge sugli appalti in termini di calmierazione dei ribassi si commenta da solo: nei prossimi giorni avremo modo di approfondire ma non posso non esprimere la mia soddisfazione sia per l’introduzione di una soglia di ribasso (25%) oltre la quale occorre giustificare i prezzi, sin dalla presentazione dell’offerta, sia per l’innovativo meccanismo di calcolo della soglia di anomalia che introduce un’alea che causa incertezza nella predeterminazione delle offerte e, dunque, contrasta le cordate d’imprese. Adesso necessita partire con il piede giusto ed offrire, sin dalla prima gara, ribassi reali commisurati allo studio del progetto e non legati esclusivamente alla probabilità di aggiudicazione”.

La foto di una ragusana tra le 15 più belle di astronomia

Moon and Antelao © Marcella Giulia15 foto di astronomia, tra cui quelle di due italiani sono nella rosa dei candidati per il premio annuale del Regno Unito: la ragusana Marcella Giulia Pace e il torinese Stefano De Rosa. Un totale di 139 immagini sono stati selezionati per il premio, che è gestito dal Royal Observatory Greenwich di Londra. Il concorso, giunto alla sua settima edizione, ha ricevuto un numero record di iscrizioni, con 2.700 immagini inviate da amatori e fotografi professionisti in 60 paesi. Tra queste è stata scelta “Moon and Antelao” scattata dall’insegnate ragusana sulle Dolomiti ed esattamente sul Monte Antelao a San Vito di Cadore. Le immagini vincitrici saranno annunciate in una cerimonia di premiazione, il 17 settembre, prima di andare in mostra il giorno dopo in una mostra gratuita che sarà ospitata presso il Royal Observatory di Greenwich.

EMERGENZA DISCARICA A RAGUSA, PARTECIPIAMO REPLICA AL PD

partecipiamo-logo2-300x300La lista Partecipiamo che ricordiamo vanta in giunta la presenza dell’assessore Salvatore Martorana e in consiglio comunale una rappresentante più il presidente Giovanni Iacono risponde punto sul punto all’attacco di Mario Chiavola, ora del Pd, e di Mario D’Asta. Scrive Partecipiamo: “La gestione integrata dei rifiuti è per normativa nazionale e regionale di competenza della Regione. Il piano regionale dei rifiuti elaborato dal governo Lombardo non è mai decollato e il Ministero dell’ambiente dopo 3 anni lo ha rimandato indietro con oltre 50 prescrizioni ed i parlamentari della Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo illecito dei rifiuti ha certificato che quel piano è scaduto nel 2014 e bisogna fare un ‘nuovo piano di emergenza.  Recentemente il sole XXIV ore in una inchiesta giornalistica sui rifiuti ha definito il settore dei rifiuti solidi urbani in Sicilia un ‘disordine organizzato. Che in Sicilia vi sia l’emergenza rifiuti lo sanno praticamente tutti (chiedere ai sindaci compresi quelli del PD che con onestà intellettuale fanno le loro battaglie quotidiane) a cominciare da Crocetta (di fatto già commissariato su depurazione, sistema idrico integrato, bilancio, bonifiche dei siti contaminati e rischio idrogeologico) che invoca, da oltre un anno, poteri speciali da Roma e a Palermo come a Roma governa il PD. Giovanni Iacono presidente del Consiglio ha sempre sostenuto, ieri, oggi e domani – scrive Partecipiamo – che i rifiuti devono essere una risorsa e che non bisogna puntare sulle discariche ma alla differenziazione, al riciclo e alla lavorazione del rifiuto per ricavarne risorse. Il tutto argomentato con dati analiticamente esposti. L’eliminazione della quarta vasca dal piano triennale è assolutamente coerente e lineare con quanto sostenuto, ieri, oggi e domani da Iacono e da Partecipiamo. Per la quarta vasca non vi era alcun progetto esecutivo, occorrevano tra i 5 e i 6,5 milioni di euro e non si sa nemmeno chi doveva darli (si parlava di privati) per una capacità di abbancamento di 290.000 mc e 455 giorni di realizzazione. Quindi prima bisognava fare il progetto esecutivo, farsi approvare il progetto, trovare i fondi, fare gli appalti e poi realizzare la quarta vasca in 455 gg. minimo e se consideriamo che le autorizzazioni per la realizzazione della terza vasca sono pervenute dalla regione a circa un anno dalla richiesta oggi luglio 2015, considerato che dal piano triennale è stata eliminata nel luglio 2014, la quarta vasca sarebbe ancora solo scritta nel piano triennale”. Riguardo l’altro attacco ossia cosa si è fatto per la differenziata, Partecipiamo ricorda che si è fatto buona parte di ciò che avrebbe dovuto essere fatto dall’amministrazione precedente e non è stato mai fatto. “Siamo alla dirittura finale per l’avvio dell’impianto di compostaggio (inaugurato dalla precedente amministrazione il 19.10.2009 e mai messo in funzione) che è stato ‘ereditato’ non in condizioni di essere utilizzato; si è incentivato economicamente con la riduzione delle imposte locali l’uso e la pratica della raccolta differenziata con la possibilità della riduzione fino al 50% della Tari e conferimento presso i centri comunali di raccolta dotati della bilancia pesa rifiuti, si è avviata la raccolta della frazione umida con oltre 1.200 compostiere domestiche richieste ed utilizzate da altrettante famiglie, si è redatto il piano di intervento del servizio di igiene urbana con l’obiettivo della tariffazione puntuale ed è in corso l’espletamento della gara per la gestione della raccolta dei rifiuti solidi urbani”. Partecipiamo conclude la nota invitando , la neo-coppia di consiglieri D’Asta e Chiavola “a fare meno i ‘caporali’ di presidio a difesa dei ‘generali’ di Palermo e a non attaccare il presidente del Consiglio Giovanni Iacono che ha giustamente mostrato, come sempre in maniera rigorosa e documentale, i motivi della preoccupazione per la comunità Ragusana e ad adoperarsi invece con i loro ‘superiori’ veri decisori, per consentire l’innalzamento della discarica previsto nel progetto esecutivo comprensivo dello studio di impatto che è stato presentato alla Regione e, contestualmente, il presidente Crocetta come promesso ai Sindaci a dichiarare, come fatto per il resto della Sicilia, i motivi di urgenza e dare continuità all’abbancamento”.

MARINA DI RAGUSA, UNO SCIVOLO PER DISABILI FATTO MALE

scivolo 1L’associazione Oltre L’ostacolo in una lettera al comune di Ragusa chiede che si verifichi  la conformità della normativa vigente, in merito all’abbattimento delle barriere architettoniche, per quanto riguardo lo scivolo costruito presso la galleria commerciale del lungomare Andrea Doria di Marina di Ragusa, nonché l’eventuale rimozione dell’opera realizzata. Si chiede inoltre l’annullamento degli atti amministrativi autorizzativi dello scivolo e l’adozione di uno strumento risolutivo più idoneo che garantisca l’accessibilità e la mobilità dei cittadini. Secondo l’associazione il manufatto,  di recente realizzazione, rappresenta anche un grave pericolo per tutti i pedoni , violando tutte le norme sulla sicurezza.

COMMOZIONE ALLA CERIMONIA DI SCOPERTURA DEL BUSTO DI PIPPO TUMINO

Busto commemorativo di Pippo TuminoVenerdì 3 luglio presso la Camera di Commercio Industria e Artigianato di Ragusa, la “13° Giornata dell’Economia”, tenuta nella Sala Borsa “P. Tumino”, è stata conclusa in maniera fortemente simbolica con la cerimonia di scopertura del busto commemorativo dell’ex Presidente dell’Ente Camerale Pippo Tumino: una scultura in marmo bianco di Carrara in cui, a detta dei tanti presenti alla cerimonia, il bravo scultore modicano Emanuele Rizza (Officina Kreativa Modica) è riuscito a cogliere perfettamente l’espressione gioviale e caratteristica della personalità effigiata. Toccante la commozione dei parenti, degli ex collaboratori e di alcuni amici dell’indimenticato Tumino, rimasti impressionati dall’incredibile verosimiglianza del suo ritratto. L’opera d’alta qualità artistica – commissionata allo scultore Rizza dalla CamCom di Ragusa con il coinvolgimento della CNA provinciale, che ebbe in Tumino uno storico rappresentante, e del consorzio garanzia fidi Unifidi dallo stesso Pippo Tumino fortemente voluto e promosso – è stata posizionata in pianta stabile nella Sala Borsa di via Natanelli, dove sarà visibile, negli orari di apertura e fruizione della stessa, in occasione di convegni ed esposizioni.

RAGUSA, VIA PAESTUM, L’APPELLO DEL COMITATO NO AL MURO

download“Noi del Comitato No Al Muro sosteniamo  l’avversione alla chiusura ormai da tempo dichiarata dal Sindaco Federico Piccitto e dalla Sua intera amministrazione. Ringraziamo per l’appoggio anche il presidente del Consiglio Comunale e quanti a vario titolo hanno appoggiato la questione. Ricordiamo alla cittadinanza tutta che il passaggio a livello doveva essere chiuso 20 anni fa! Il fatto che questo non sia avvenuto, e una sbagliata programmazione urbanistica , di cui questa amministrazione é erede, ha fatto si che l’area interessata esplodesse in termini urbanistici e demografici.Oggi via Paestum é un’ arteria essenziale ai fini della viabilità generale di tutta Ragusa. 5/6000 autovetture mediamente transitano sul sito. Via Paestum non é Ginisi . Questa grande massa di autoveicoli, convoglierebbe tutta sulle altre uniche ed insufficienti alternative, ovvero il cavalcaferrovia di via Epicarmo , ed il ponticello nei pressi della rotatotoria del bar dello Stadio. Ovviamente ricordiamo essere queste due soluzioni, degli impalcati (ponti) che in caso di calamità (ma anche semplice ghiaccio neve) verrebbero interdetti al traffico, e quindi addio vie di fughe e sicurezza. Mentre invece i pochi treni che attraversano, lo fanno in totale sicurezza come del resto in tutte le altre città d’Italia , dove addirittura sfrecciano a velocità impressionanti. Ma non siamo noi a dover ribadire la qualità e sicurezza del funzionamento, bensì il presidente di Rete ferovie che più volte nei tavoli istituzionali lo ha sempre con asserito. Il Direttore territoriale di Trenitalia, Andrea Cucinotta, in una nota informa il Sindaco che sono in corso accertamenti volti a individuare le cause che hanno determinato i guasti con il mancato funzionamento delle sbarre del passaggio a livello. Trenitalia sostiene che in caso di mancato funzionamento delle barriere e in attesa che i tecnici riattivino il normale funzionamento degli apparati, i treni non “sfrecciano” ma circolano rispettando il protocollo di sicurezza che prevede la così detta “marcia a vista” atteso che i conducenti del treno sono pre avvertiti del guasto e attraversano il passaggio a livello a passo d’uomo avvertendo con ripetuti e prolungati fischi il transito del treno. Dobbiamo invece purtroppo osservare che gli unici momenti di pericolo sono creati dai nostri concittadini, che come è chiaro sotto gli occhi di tutti non rispettano l’obbligo di svolta a dx uscendo da via Licitra creando ingorghi. Se si rispettano le regole i rischi si riducono, se si aumenta la sicurezza e i controlli addirittura il rischio si elimina! Abbiamo sempre sostenuto che nell’intera area fosse si devono attivare sistemi di segnalazione e controllo maggiori. Sul tavolo delle trattative con ferrovie si devono portare questi argomenti. Siamo disposti a qualsiasi iniziativa volta alla conclusione di questa annosa vicenda che non può concludersi con un muro simil/Berlino!”. Il comitato invita tutti i cittadini ragusani a mobilitarsi.

MARINA DI RAGUSA, RIQUALIFICAZIONE LUNGOMARE ANDREA DORIA

1403028995-0-sabato-prossimo-un-concerto-a-marina-di-ragusaSi sono tenute nei giorni scorsi due conferenze di servizi per l’acquisizione dei pareri sui progetti di “Riqualificazione del lungomare Andrea Doria, nel tratto da Piazza Duca degli Abruzzi a Piazza Malta” e di “riqualificazione naturalistica e paesaggistica dell’area di approdo dell’elettrodotto Italia-Malta” (area ex depuratore ed ex giostre). Su entrambi i progetti sono stati acquisiti i pareri positivi della Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Ragusa, dell’Asp Di Ragusa, dell’Agenzia delle Dogane, del Genio Civile, della Provincia, dell’Assessorato Regionale al Territorio ed Ambiente –servizio Demanio Marittimo e della Capitaneria di Porto. Il primo, già inserito nel piano triennale delle opere pubbliche, per un importo complessivo di 2,6 milioni di euro, prevede un articolato intervento di riqualificazione di uno dei tratti centrali della frazione rivierasca, mentre il secondo, riguardante il miglioramento dell’intera area all’ingresso est di Marina di Ragusa, per una superficie di circa 10.000 mq, prevede, tra l’altro, la realizzazione di un’ area giochi ed uno spazio per eventi ricreativi e culturali. L’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Salvatore Corallo, ringraziando i tecnici che hanno redatto le progettazioni, esprime “soddisfazione per l’esito positivo di un passaggio propedeutico fondamentale per la conclusione dell’iter tecnico di approvazione di entrambi i progetti, ritenuti dall’amministrazione comunale di importanza strategica per Marina di Ragusa, sia dal punto di vista della fruizione che da quello dell’immagine”.

 

RAGUSA, CONFERMATA UFFICIALMENTE L’APERTURA DELL’UFFICIO POSTALE DI SAN GIACOMO

Poste_italianeonfermata dalla direzione territoriale di Poste Italiane , con una nota ufficiale, l’apertura dell’ufficio postale di San Giacomo Bellocozzo. Nella nota, il direttore Paolo Bevilacqua, precisa che, a partire dal prossimo 7 settembre, l’ufficio sarà aperto al pubblico nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 8,20 alle 13,45. Le nuove modalità di erogazione del servizio, determinate dal piano di riordino attivato da Poste Italiane in tutti i comuni del territorio nazionale, saranno preventivamente ed adeguatamente comunicate agli utenti dell’ufficio postale della frazione iblea. “Il mantenimento del servizio postale nella comunità di San Giacomo, seppur con una rimodulazione dell’orario e delle giornate di apertura – commenta il sindaco Federico Piccitto – è un ottimo risultato, confermato ora anche ufficialmente, rispetto al rischio di chiusura definitiva, che avrebbe rappresentato, invece, se concretizzato, un forte disagio per tutti gli utenti. Una vicenda che, come sottolineato dalla stessa direzione territoriale di Poste Italiane, a cui va il mio ringraziamento nella persona del dottor Paolo Bevilacqua e del direttore regionale Antonino Foti, testimonia come il dialogo e l’interlocuzione chiara ed aperta siano il miglior viatico per individuare soluzioni utili senza penalizzazioni per i cittadini”.

Porto di Pozzallo, progetto di messa in sicurezza

SyntekExifImageTitleContinua l’azione di verifica da parte dell’on. Orazio Ragusa rispetto all’iter di messa in sicurezza e di riqualificazione del porto di Pozzallo. Un iter molto articolato le cui tappe, però, in maniera graduale, stanno per essere espletate allo scopo di arrivare il prima possibile all’avvio degli interventi. Venerdì scorso si è tenuta a Roma, al ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, una riunione operativa preliminare riguardante il progetto in questione tra la commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale Via-Vas, presieduta dal presidente ing. Guido Monteforte Spechi, il sindaco di Pozzallo Luigi Ammatuna, l’ingegnere capo del Genio civile di Ragusa, Ignazio Mariano Pagano e Santo Bottone del dipartimento regionale tecnico. Dopo aver illustrato il progetto e lo studio preliminare ambientale, la commissione, ritenendo lo studio ambientale in uno stato avanzato, ha tuttavia evidenziato la necessità che la fase di “scoping”, vale a dire l’analisi preliminare, prevista dalla normativa ambientale per individuare gli studi e le indagini da eseguire, debba estendersi anche alle procedure Vas (Valutazione ambientale strategica) in quanto il porto non è dotato di Piano regolatore portuale. Questo significa che è destinata a diventare più complessa la procedura per ottenere il parere del ministero dell’Ambiente. La commissione ministeriale, tuttavia, ha fornito la propria massima disponibilità ai tecnici per ottenere tutti i chiarimenti necessari per la redazione dello studio Vas-Via. “Un prossimo incontro a Palermo – dice l’on. Ragusa – è già stato programmato per mercoledì 8 luglio con i tecnici del Ministero”.

RANDAGISMO, CHE FARE?

randagiSi terrà questo martedì alle 16:30 presso il Centro Studi F. Rossitto di Ragusa la tavola rotonda sul tema “Randagismo, che Fare”? – nel corso della quale l’associazionismo animalista e gli organi competenti si confronteranno rispetto a idee, proposte e progetti sul tema . Organizza il Partito Comunista dei Lavoratori.

UNA CAMMINATA CON IL SORRISO

Camminando con Mariachiara il raduno in piazza LibertàUna giornata davvero speciale. Un momento emozionante portato avanti nel ricordo di Mariachiara Leggio, la giovane di Ragusa prematuramente scomparsa, ricordata, sabato scorso, nel corso di una iniziativa organizzata dagli amici, dall’associazione Amunì e dall’ufficio per la Pastorale della salute della Diocesi di Ragusa. C’erano anche i genitori e il fratello di Mariachiara che hanno voluto ringraziare tutti per l’appuntamento speciale tra l’altro organizzato proprio nel giorno del compleanno di una ragazza piena di gioia, venuta a mancare in maniera prematura a causa di una grave malattia. Con i palloncini colorati e con magliette a tema riportanti il volto della giovane, la manifestazione, dopo il raduno in piazza Libertà, è stata caratterizzata da una camminata per le vie del centro storico grazie alla quale è stato possibile onorare la memoria di Mariachiara che faceva parte del gruppo di camminatori che ogni giorno si riuniscono per animare con le loro performance i vari tracciati cittadini.

Giornata Economia 2015

Pippo-Tumino-e1402561087552-290x166Largamente partecipata la Giornata dell’Economia 2015 che la Camera di Commercio di Ragusa, utilizzando i dati relativi all’economia reale così come elaborati dai propri registri informatici e studiati dal Centro Studi di Unioncamere e dall’Istituto Tagliacarne, ha proposto nella Sala Borsa “Pippo Tumino” alla presenza di molti rappresentanti della realtà imprenditoriale ragusana. A introdurre i lavori è stato il presidente dell’ente camerale Giuseppe Giannone che ha evidenziato i fatti nuovi che attendono come nuove sfide la Camera di Commercio a Ragusa e nel paese passando attraverso il percorso dell’accorpamento con Siracusa e Catania e quindi guardando ad un’area vasta che sia spazio di nuove progettualità e cercando di diventare il punto di forza della veicolazione e della promozione del digitale nella P.A. e nelle imprese che è la nuova mission che il sistema camerale potrebbe e dovrebbe assegnarsi. Nel merito della riflessione sulla situazione di crisi attuale e sulle possibili soluzioni per uno sviluppo sostenibile si è soffermato Carmelo Arezzo, segretario generale della Camera di Commercio che ha esaminato alcuni dati statistici ed ha sottolineato come nel quadro di recessione non ancora conclusa si aprono spiragli di possibili svolte sia per l’export sia per la innovazione tecnologica, sia per una lenta ripresa occupazionale, agganciata in particolare ai settori dell’agroalimentare e del turismo. Domenico Mauriello, direttore del centro studi di Unioncamere, ha parlato di “Alimentare il Digitale”. La manifestazione promossa dalla Camera di Commercio si è conclusa con due momenti importanti, fuori da ogni retorica. I familiari di Nunzio Leggio, pioniere dell’industria della nostra provincia, animatore dello sviluppo sociale e culturale della provincia, fondatore dell’Associazione libera università degli iblei, oggi intestata al suo nome, la vera artefice dell’Università a Ragusa, hanno consegnato ad un giovane laureato, Roberto Nicastro, che si è distinto per una tesi di laurea sull’esperienza del biogas in una impresa ragusana, una borsa di studio di 5000 euro, dopo una attenta selezione tra numerosi concorrenti. E’ stata la signora Pina Guastella Leggio a consegnare la borsa di studio mentre Antonella Leggio, figlia dell’indimenticabile Nunzio, ha illustrato il senso della iniziativa commemorativa. Infine alla presenza della vedova e dei familiari, è stato scoperto il busto che Emanuele Rizza, giovane scultore modicano, ha realizzato per Pippo Tumino, presidente della Camera di Commercio, scomparso nel 2010, durante il suo mandato alla guida dell’ente di piazza Libertà, ed al quale è intitolata la Sala Borsa dell’edificio camerale. La scultura in marmo sarà da oggi esposta nella sala Borsa e reca una semplice ma significativa incisione “In memoria di Pippo Tumino”.

Comitato Insieme per la Ragusa futura

piccitto-federico-a-ragusa-250x250Incontro al  Comune di Ragusa tra l Comitato “Insieme per la Ragusa futura” e il primo cittadino Federico Piccitto. La delegazione del comitato è soddisfatta per la disponibilità del Sindaco che, insieme al consigliere comunale Antonio Tringali, hanno mostrato forte sensibilità alle tematiche presentate dal portavoce del Comitato Duilio Assennato. L’incontro, durato quasi due ore, è servito appena ad elencare le diverse problematiche in cui versa la sanità iblea e non solo: dalla organizzazione del 118 al probabile smantellamento delle cucine dell’ospedale di Ragusa; dalle strisce blu del parcheggio del “Civile” alla carenza di personale in ospedale e dislocazione dei reparti nei vari nosocomi provinciali; difficoltà che penalizzano la nostra città a causa di politiche egemoni che forniscono logiche, alibi, per giustificare certi schemi e tipologie di prevaricazione, annullando o indebolendo resistenze che cancellano alcuni diritti fondamentali per la vita di un cittadino. “Il tema della sicurezza delle organizzazioni sanitarie deve assumere rilievo, come riflesso dell’attenzione diretta ed indiretta degli errori o effetti negativi dell’attività clinico assistenziale, a cui questo Comitato di concerto con l’amministrazione comunale, – si legge in una nota – vuole porre interesse su tutte le problematiche oscure all’utente, dettando un’azione decisiva e determinante, affinchè non si diventi spettatori/complici di ingiustizie a danno del cittadino”.

Forconi:”Nei prossimi 15 giorni 50 famiglie in Provincia di Ragusa rischiano di perdere la casa”

Forconi. Conferenza stampa 1Il governo siciliano allo stato attuale non ha nessuna capacità di esercitare pressione politica sul governo nazionale. Invece è necessario che il Parlamento intervenga per difendere le decine di migliaia di famiglie che perdono o rischiano di perdere la propria casa”. Sono le ferme ma accorate parole del leader del Movimento dei forconi, Mariano Ferro, che ancora una volta ribadisce la necessità di un incontro urgente con il Ministro di Grazia e Giustizia, Andrea Orlando, già chiesto ufficialmente in un incontro avvenuto a Modica in occasione della visita del Ministro Maria Elena Boschi, alla presenza della senatrice Venera Padua. In una richiesta ufficiale presentata al Ministero, I Forconi chiedono che venga istituita una moratoria di 24 mesi con sospensione di tutte le aste giudiziarie, mediante apposito Decreto Legge; che venga modificata la legge che regola la disciplina delle aste giudiziarie con la non pignorabilità della prima casa e degli immobili strumentali alle attività; che venga posto un tetto limite ai ribassi d’asta; e infine l’obbligo per l’acquirente di possedere l’immobile per almeno 20 anni prima di poterlo rimettere in vendita. “Tutto questo è mirato a tutelare i tanti cittadini e imprenditori in difficoltà e a evitare il mero sciacallaggio che oggi si compie con le aste giudiziarie”, sancisce Mariano Ferro “Le aste giudiziarie non soddisfano i creditori perché gli eccessivi ribassi non vanno a coprire il debito e non tutelano i proprietari. Le uniche a fare sciacallaggio sono le banche. Tutto questo non ha senso. Si deve cambiare la legge”. Nei prossimi 15 giorni solo in Provincia di Ragusa perderanno la casa all’asta 50 famiglie, che rischiano quindi seriamente di trovarsi in mezzo ad una strada”.

 

RAGUSA, A PALAZZO DELL’AQUILA IN VISITA UNA DELEGAZIONE GOVERNATIVA ROMENA

DSCF0076Il sindaco Federico Piccitto ha incontrato a Palazzo dell’Aquila una delegazione romena, composta dal Segretario di Stato Ioana Liana Cazacu del Ministero del Lavoro, della Famiglia, della Protezione Sociale e delle Persone Anziane della Romania, coordinatrice del Dipartimento per le Pari Opportunità, dal Capo di Gabinetto dott. Adrian Chesnoiu, dagli addetti agli affari Sociali e Lavoro presso l’Ambasciata di Romania in Italia, Mirela Videa e Andrei Sfirloaga. La delegazione è stata accompagnata dal segretario della Camera del Lavoro Città di Ragusa Nicola Colombo, e dai massimi rappresentanti sindacali del comparto agroindustraia della Cgil.  Lo scopo della visita della delegazione romena in provincia di Ragusa è quello di approfondire le condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori romeni presenti nel nostro territorio, con il supporto delle organizzazioni sindacali che operano a sostegno della tutela e dell’inclusione sociale e civile dei cittadini romeni. Il Segretario di Stato Cazacu ha sottolineato l’importanza per il governo romeno di reperire quanti più dati possibili in relazione alla presenza ed alle condizioni di vita dei cittadini romeni per sviluppare politiche sociali di sostegno e campagne d’informazione in tutte le aree del territorio romeno, per a migliorare la qualità della vita ed i processi d’integrazione. Il rappresentante del governo romeno ha anche espresso la piena disponibilità a predisporre progetti transfrontalieri in sinergia con la città di Ragusa, finalizzati a realizzare interventi in tema di lavoro, servizi sociali, integrazione e sostegno alle donne, utilizzando i finanziamenti strutturali europei 2014-2020. “Ci trova concordi la proposta di creare un partenariato e di considerare i fondi europei come opportunità di sviluppo” ha affermato il sindaco Piccitto, offrendo la piena apertura dell’amministrazione comunale a collaborare con la comunità romena. A dare alcuni dati sulla situazione e la presenza nel territorio ibleo dei lavoratori romeni è stato il segretario della Flai di Ragusa, Salvatore Carpentieri, che ha rimarcato la crescente presenza di lavoratori romeni negli ultimi anni. Su 27.000 lavoratori agricoli censiti in provincia circa 5000 sono tunisini e più di 4000 sono romeni, con una concentrazione maggiore nel comune di Acate (su 8000 abitanti, 2100 sono lavoratori stranieri in maggioranza romeni). “Le condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori stranieri non sono purtroppo dignitose – ha spiegato il rappresentante sindacale – E’ diffuso lo sfruttamento lavorativo, il lavoro nero, le paghe salariali sono in violazione di contratto, le condizioni abitative sono spesso pessime, la scarsa mobilità li costringe quasi sempre a dipendere dai datori di lavoro anche per i bisogni più elementari”.

Scroll To Top
Descargar musica