21-11-2018
Ti trovi qui: Home » Politica » LA MANINA, E LA VOCE CHE MANCA A RAGUSA

22/10/2018 -

Politica/

LA MANINA, E LA VOCE CHE MANCA A RAGUSA

Ha fatto la parte dello scemo Di Maio andando da Vespa a denunciare i ritocchi che aggiustavano il condono? Per chi è ancora tronfio di cultura liberale certamente sì – un affare del genere si sistema a palazzo e non in Tv – ma per i 5 stelle di massa è stato un eroe il ragazzo che gridava alla “manina” . La storia degli imbrogli e delle opacità sul condono, ed il furore del vicepremier  nel ribadire il piacere dell’onestà – che rischiava di ridursi a farsa – ci devono far riflettere su una vicenda interna al Palazzo della nostra piccola Ragusa che dovrebbe vedere i cinque stelle locali agitarsi tra  giornali, rete, tv, e piazze come il loro Luigi nazionale. Parliamo di un atto pubblico e di una manina.  L’atto pubblico è la gara per la selezione di due dirigenti e la manina è una letterina inviata ai consiglieri comunali in cui un anonimo furente scrive che alla faccia della trasparenza che non esiste i vincitori sarebbero il Dottore Depetro per i servizi contabili e il Dottore Scrofani per il settore tributario, mentre per l’ufficio staff del sindaco si annuncia l’assunzione del  collaboratore di Cassì, Basile. La buona educazione e la signorilità di norma impongono di non trattare materiale anonimo, ma la politica e la informazione non sono salotti e ogni pettegolezzo, denuncia, sussurro, lamento whatsAppata e appunto scritto beccato chissà dove e come, sono naturale fonte di indagine sotto forma di spietata lotta politica o di racconto specifico chiamato abilmente “retroscena”.  Tutti ce l’hanno in tasca, tutti ne hanno parlato, infinite copie ne circolano, ma neanche un consigliere ha osato alzarsi in aula e chiedere conto e ragione al sindaco Cassì. In verità il Pd ha fatto qualcosa  sull’argomento bando chiedendone  la revoca sostenendo che occorre procedere con la  graduatoria esistente perché una nuova selezione in deroga allo scorrimento non è possibile essendo  i profili professionali ed i requisiti non mutati rispetto al passato; ma i cinquestelle senza macchia nè paura perché tacciono? Se ritenessero falsa e ignobile la lettera  anonima dovrebbero comunque denunciare un misterioso e inquietante “sistema” che spinge e costringe la manina ad insinuare complessi e inestricabili rapporti e contatti nel palazzo, pretendendo spiegazioni e certezze in nome della trasparenza e del rigore. E invece la lettera viene divulgata da molti con malcelata soddisfazione al primo che passa, e i consiglieri deputati a gridare allo scandalo ossia Federico, Tringali, Gurrieri, Firrincieli e Antoci che godono dei successi e degli ardimenti del loro governo anch’essi  tacciono. La città morta sta succhiando ogni ultima forma di vita politica. La manina – chiaramente un professionista che si ritiene escluso – prova a vendicarsi con mezzucci da spia degni della peggior provincia che stimolano però la opposizione ad operazioni meschine ossia allargare a macchia d’olio l’odore del sospetto nonostante sul tema lavoro – di ogni ordine e grado – si giochi il futuro civico e materiale di Ragusa. La stessa maggioranza che sostiene il sindaco avrebbe dovuto, non in nome della morale ma almeno in nome della tattica, rifiutare la denuncia di “sporcizia” sgombrando il campo dalle volgari accuse e affrontare con fierezza la situazione. A Ragusa le manine piacciono. Per la maggioranza sono un tocco lieve, un impalpabile fastidio,  un moscerino nella rappresentazione soave da “Le dèjeuner sur l’herbe”, per l’opposizione la manina è una sapiente puttana che conosce i punti caldi da stimolare. I cinquestelle ragusani sono i perfetti attori della sceneggiata in corso: solo se intruppati come i cavalli di Vienna danzano e fanno inchini e smorfie a favore del popolo. E il sindaco?  E’ prassi che si scelga lo staff che vuole: è materia assolutamente discrezionale ed è quindi normale, logico, lecito, legale che il suo collaboratore Basile possa essere assunto in un ruolo definito; ma sui dirigenti non si scherza perché la macchina burocratica serve lo Stato e noi cittadini, non certo i sindaci,  e non può esserci ombra alcuna -anche sotto forma di scaltrezza – nella formazione dei bandi nei metodi di assunzione delle figure che ricoprono i posti apicali. I signori citati nella lettera possono essere senz’altro i migliori, i più  meritevoli, i più titolati, e possono persino vincere le gare. La questione è un’altra: è la chiarezza e il rapporto di fiducia tra il cittadino e l’amministrazione eletta. E allora il primo cittadino vada in aula e sfidi i consiglieri comunali al confronto sul campo della schiettezza e della legalità.  Sembra che Cassì preferisca parlar chiaro: lo faccia, perché Ragusa non vuole manine, ma voci che diano conforto democratico parlando con  verità e con coraggio.

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica