17-01-2019
Ti trovi qui: Home » Politica » Iniziative parlamentari di Nino Minardo per stabilire norme sul dissesto idrogeologico

23/11/2018 -

Politica/

Iniziative parlamentari di Nino Minardo per stabilire norme sul dissesto idrogeologico

Riceviamo e pubblichiamo: “Dopo i tragici eventi  dello scorso 4 Novembre con la morte di 12 persone,   la maggior parte di loro annegate perché  il Milicia, un fiumiciattolo, ha straripato, necessitano regole e norme chiare e definite.  Un evento che sommato ad altri simili non è  accettabile che avvenga in un Paese moderno e civile qual è l’Italia. E non è accettabile che accada per inerzia e irresponsabilità. In Sicilia la situazione  è molto critica. Non c’è  un piano di investimenti per la pulizia dei corsi d’acqua degli alvei dei fiumi, dei costoni rocciosi di tutte le aree potenzialmente a rischio. Eppure abbiamo un esercito di forestali che dovrebbe essere impiegato, tra le altre cose, per  la pulizia degli argini e per  riforestare i territori dei bacini. A tal proposito in queste settimane  ho avviato diverse iniziative parlamentari per stabilire delle norme che “guariscano” questo malessere diffuso in tutti i territori. Regole  per   lasciare libere da costruzioni le aree a rischio: invece l’edificazione nei territori dei bacini e’ aumentata dappertutto e tutti i piani regolatori comunali hanno ampliato la superficie edificabile. Purtroppo spesso nei Comuni alluvionati c’e’ stata una duplice gara: realizzare grandi arginature e mettere a punto nuovi strumenti urbanistici per poter costruire ancora di piu’! Le cause dei disastri verificatisi in questi anni sono molte ed interagenti.  E’ chiaro che, di fronte a tutto questo, si tratta di operare per ricreare le condizioni minime per risanare il nostro territorio, agendo in tutti i campi (agricoltura, urbanistica, controlli) invertendone la tendenza. Al fine di non aumentare la quota di territorio impermeabilizzato, occorre, in tutto il bacino, calmierare la nuova edificazione, subordinandola ad una corrispondente decostruzione, ed incentivando invece il riutilizzo delle superfici gia’ coperte. Occorre rimuovere, finanziandone integralmente il costo, ogni insediamento improprio che deturpi lo stato naturale e che mette a rischio l’incolumità dei cittadini  sia se si tratta di abitazioni, sia se si tratta di impianti o di infrastrutture. Norme chiare  e precise che intervengano anche nei confronti dei trasgressori con  sanzioni amministrative che variano, a seconda della gravita’, da diecimila a centomila euro”. Firmato on. Nino Minardo

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica