28-07-2021
Ti trovi qui: Home » attualità » Orologi da uomo e tipologie di movimento: come scegliere quello giusto

12/02/2021 -

attualità/

Orologi da uomo e tipologie di movimento: come scegliere quello giusto

L’orologio digitale sarà anche il prodotto della tecnologia e della modernità, ma l’orologio, quello di classe, di carattere e di interminabile fascino è sempre quello analogico con le lancette, erede delle meridiane, dei campanili e di quanto più antico e nobile vi sia fra i segnatempo. Gli orologi analogici sono ancora oggi i prodotti più venduti ed anche chi acquista gli smartwatch, spesso sceglie quadranti nei quali l’ora è segnata con le lancette, sebbene ovviamente digitali.

Orologi analogici: quello che conta è un “movimento di qualità”

Un orologio analogico può oggi avere differenti tipi di movimento che costituisce un po’ il cuore del prodotto stesso. I più diffusi in assoluto sono quello al quarzo e gli orologi con il movimento meccanico automatico. Ognuno di questi ha sue peculiarità, i propri vantaggi e svantaggi: non si può dire che l’uno sia migliore dell’altro, ma solo che c’è un orologio giusto per una persona o un’altra. Quello che è importante, in ogni caso, è che si tratti di movimento corretto, puntuale, affidabile, cosa che normalmente è garantita dall’acquisto di un orologio di un buon brand.

Fra i prodotti più venduti del comparto ci sono sicuramente gli orologi Tissot. Il brand è ormai da anni e anni che si distingue per eleganza, buon gusto, qualità e varietà di prodotti. I cronografi più eccezionali del marchio, infatti, si affiancano a modelli classici con il cinturino in pelle o a maglie in acciaio e a modelli sportivi, per cui si utilizzano materiali come il silicone ed altre particolari plastiche. Per ogni tipo di uomo, per ogni stile, professione, utilizzo, insomma, c’è sempre un Tissot che fa al caso dell’uomo che lo deve indossare.

Movimento al quarzo o automatico: come scegliere quello giusto

Orologio automatico

L’orologio automatico racchiude all’interno una molla che per far andare le lancette deve ricaricarsi e lo fa con il movimento del braccio durante la giornata. Una volta che la molla è avvolta, essa si snoda lentamente, alimentando il movimento delle lancette dell’orologio. Il loro scorrere è regolare, ovviamente, per avere sempre l’ora precisa. La durata della carica della molla e quindi dell’orologio dipende dai casi, dalle scelte aziendali, dai prodotti.

Quello che piace del movimento meccanico è la sua alta ingegneria, figlia di secoli di storia e tradizione. Con questo tipo di orologi si ha il vantaggio di non dover praticamente più pensare al ricambio delle batterie, visto che non ne ha. Le lancette ticchettano dolci e normalmente i quadranti sono fatti in modo da intravedere il meccanismo che si cela dietro, dando all’orologio una classe indicibile. Il “contro” di questo tipo di prodotti è la maggiore sensibilità e delicatezza, nonché i costi di solito più elevati.

Orologi con movimento al quarzo

Il movimento al quarzo è sicuramente quello più diffuso e gli orologi che lo possiedono i più venduti, anche perché meno costosi. Il movimento dell’orologio è sicuramente il più preciso in assoluto visto che il funzionamento è costantemente alimentato dalla batteria. Questa ha una durata molto lunga, anche se certo quando termina, termina e tutto si ferma.

Un intervento rapido e solitamente economico da un orologiaio, comunque, permette di riavere subito un prodotto di nuovo perfetto. Normalmente questo genere d’orologi non hanno grossi problemi, anche perché sono molto resistenti, visto che l’usura è veramente minima.

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica