17-02-2019
Ti trovi qui: Home » Sindacati (pagina 20)

Archivio della categoria: Sindacati

Morti improvvise, il segretario generale Cgil: “Verificare l’efficienza dei Pronto Soccorso nel territorio”

0WFHCGSMIE  -  ( Marco Giugliarelli - z09.jpg )PER PALAZZONI“E’ un fenomeno ciclico ma dal corso assai ricorrente quello delle morti non previste; ovvero di coloro che, vittime di un malore, vengono dimessi dai Pronti Soccorsi e poi dopo ore, di perdurante malessere, cessano di vivere. Il tempo, le indagini, il dolore di mogli, figli e familiari occupano le attenzioni della cronaca per alcuni giornià poi tutto cade nell’oblio”. Così il segretario generale della Cgil, Giovanni Avola che torna su quanto accaduto a Luciano Bosco. “Succederà ancora se qualcuno non si deciderà ad intervenire. E’ venuto il tempo di agire e non solo per evitare lutti, ma per una ragione più semplice ma altrettanto importante: il rispetto della vita e della dignità umana. Ebbene si faccia una rigorosa verifica delle attrezzature, e della qualità del personale medico e paramedico che affronta per primo il caso di persone colte da malore. Come sindacato chiederemo – dice Avola della Cgil – un confronto con il commissario dell’Asp Angelo Aliquò per mettere al centro dell’emergenza sanitaria il sistema dei pronti soccorsi dei nostri nosocomi. Auspichiamo che una maggiore sensibilità e responsabilità aiuti ad evitare per il futuro tragedie non annunciate che spezzano, quasi sempre, giovani vite”.

PERSONALE PRECARIO ASP 7: TORNA LA VERTENZA DI UNA STORIA INFINITA

angelo tabbì okPrecariato ed esternalizzazione all’Asp di Ragusa tornano nell’agenda delle emergenze e delle priorità della Cgil. Quanto accaduto nelle ultime settimane ha spinto Angelo Tabbì, responsabile provinciale del Dipartimento Sanità del comparto sindacale, a redigere una nota che è stata consegnata al Governatore della Sicilia, Rosario Crocetta e inviata all’Assessore regionale alla Sanità, Lucia Borsellino, al Commissario Straordinario, Angelo Aliquò e alla deputazione regionale della provincia di Ragusa, ai quali si chiede un incontro urgentissimo per sanare una situazione che si protrae da tanto tempo. Nel testo, dove si ricostruisce una cronistoria sul rapporto di servizio tra i precari e l’azienda sanitaria, si legge tra l’altro: “Siamo da tempo impegnati a trovare soluzione alla problematica dei lavoratori precari (ausiliari, operai e cuochi) che da oltre un decennio operano all’interno dell’azienda, contribuendo nel tempo col loro lavoro al buon andamento aziendale ed a rendere economici i servizi resi. I lavoratori interessati da quasi tre anni in lotta, aspettano che si trovi una soluzione definitiva che garantisca i livelli di attività preesistenti”. Varie le ipotesi di soluzioni, come un progetto regionale dell’assessorato alla salute per i 325 lavoratori che dovevano continuare il servizio tramite una convenzione con la Multiservizi SpA Sicilia con impegni e date stabilite, ma poi anche questo è saltato e l’azienda ha esternalizzato il lavoro sinora svolto dai precari, allargando l’appalto con compiti nuovi. La Cgil chiede: “Quali benefici ne trae la azienda, considerato che il costo che sosterebbe con la convenzione alla Multiservizi è inferiore?”.

 

RAGUSA, PROTESTA DEI DIPENDENTI COMUNALI

comune di ragusa 2Non c’era la tenda dei sussidiati, ma la presenza è stata così massiccia da bloccare l’attività di Palazzo dell’Aquila. Adesione quasi totale, si parla di oltre l’80%, dei dipendenti comunali all’azione di protesta proclamata da Cgil, Cisl, Uil e Ugl per chiedere il pagamento del salario accessorio. “Dai conti che abbiamo fatto – spiega Aldo Mattisi, segretario dell funzione pubblica Cgil – si parla di una cifra che si aggira intorno ai tre milioni di euro. In pratica non vengono corrisposte queste somme ai dipendenti addirittura dagli ultimi mesi del 2010”. Venerdì i dipendenti sono scesi in piazza ed hanno manifestato davanti al Comune con un affollato sit-in. “Siamo fortemente preoccupati – spiega una dipendente -. Ognuno di noi deve ricevere somme importati. Ma quello che ci preoccupa di più è capire il futuro, vogliamo sapere se ci finirà come in altre città che attendono gli stipendi da mesi. Per le somme arretrate, che ovviamente variano dal tipo di mansione, si può anche aspettare, anche se in momenti di crisi, quei soldi, farebbero comodo in famiglia, ma è il futuro che ci preoccupa”. Su questo fronte, il commissario Rizza ha spiegato, alcuni mesi fa, che non ci saranno problemi. Ma questa rassicurazione non è sufficiente a fugare i legittimi timori. “Per il mese di febbraio – spiega Mattisi – problemi non ce ne saranno, a quanto abbiamo appreso. Ma per il futuro vogliamo che ci sia maggiore chiarezza. Ovviamente il bilancio noi non lo conosciamo, ma ci stiamo rendendo conto che c’è una situazione non facile. Non vogliamo in alcun modo fare allarmismi né pretendiamo che le somme vengano date tutte in una volta e subito. Stiamo però cercando, insieme agli altri sindacati, di trovare una strada comune con l’amministrazione. Perchè c’è il rischio che i dipendenti procedano con i decreti ingiuntivi, e in quel caso si aggraverebbero i costi per il Comune”. Insieme alla delegazione trattante, presieduta dal segretario generale dell’Ente, è emersa una disponibilità a pagare, per il futuro, il salario accessorio il mese successivo a quando è stato maturato. Per il pregresso le strade sono da studiare. Si parla di pagare metà premio di produttività del 2011, pari a circa 25.000 euro, entro febbraio. L’altra parte non si sa quando, ma con fondi che entreranno dai trasferimenti di Regione e Stato e con le tasse dei cittadini. La prossima settimana si terrà un nuovo incontro, ma la situazione appare assai difficile e i dipendenti non sembrano disposti a mollare.

MARINO SEGRETARIO GENERALE CISL FP RAGUSA SIRACUSA

presidio cislE’ Gianfranco Marino il primo segretario generale della nuova Cisl Fp Ragusa Siracusa. L’elezione è avvenuta al termine del primo Congresso territoriale che si è tenuto il 13 febbraio a Modica e che ha registrato la partecipazione di 102 delegati, espressione del percorso precongressuale avviato da dicembre. Marino sarà collaborato in segreteria da Paola Di Gregorio ed Angelo Macca.

SINDACATO LAVORATORI DEL CREDITO

uilcaIl direttivo della Uilca Ragusa, sindacato dei lavoratori del credito, esattorie e assicurazioni di casa Uil, alla presenza del segretario regionale Gino Sammarco e dell’organizzativo Riccardo Ballotta, con la supervisione ai lavori da parte del confederale territoriale Giorgio Bandiera, ha eletto la nuova segreteria provinciale. Ne faranno parte Sergio La Rosa di banca Unicredit, eletto segretario generale ed Emilia Guglielmino, Bap Ragusa, segretario generale aggiunto. I due nuovi dirigenti saranno affiancati in segreteria da Ciccio Avola, Mps, e dal tesoriere Franco Calvo, Credem.

Ragusa, raccolta differenziata: le preoccupazioni della Cgil

raccolta-differenziata“Da parecchi mesi, circola con molta insistenza la voce che gli attuali 40 lavoratori part-time a tempo indeterminato a 3 ore, alle dipendenze della ditta Busso S., cantiere di Ragusa, dopo il 31 marzo 2013, potrebbero essere licenziati, perché il comune di Ragusa, non rinnoverebbe l’impegno di spesa a sostegno del servizio della raccolta differenziata porta a porta”. Questo l’allarme lanciato dalla Cgil che così continua: “Se tutto ciò venisse confermato, per i lavoratori sarebbe un dramma e nello stesso tempo si butterebbe in aria un servizio che in questi ultimi anni ha fatto registrare nella città di Ragusa, un trend positivo. Attualmente il servizio porta a porta a Ragusa è servito per soltanto 30.000 abitanti (40.000 abitanti non serviti) e laddove si fa la raccolta dei rifiuti differenziati, dagli ultimi dati forniti dal Comune e dall’impresa (gennaio 2012 – dicembre 2012), si registrano punte di percentuali che oscillano tra il 40% e il 50 %, ovvero 1.279.720 chilogrammi in meno conferiti in discarica. E’ necessario riconfermare il servizio, – scrive la Cgil – ed espanderlo in tutto il territorio comunale. Il nostro sindacato per tranquillizzare i dipendenti, chiede alla dott.ssa Rizza e alla ditta Busso rassicurazioni in merito al futuro occupazionale dei lavoratori part time e del servizio porta a porta”.

Scroll To Top
Descargar musica