09-02-2023
Ti trovi qui: Home » attualità » L’importanza della colonna sonora nel mondo dei videogames

02/12/2022 -

attualità/

L’importanza della colonna sonora nel mondo dei videogames

Per quanto concerne il mondo dei videogiochi, il sonoro rappresenta la sfera del sound design, inteso sia come aspetto puramente tecnico, sia come qualità artistica. Oggi si tende a considerare la valenza artistica della colonna sonora, che in alcuni casi ha reso un titolo di maggior successo se non iconico, rispetto ad altri. Il compositore Michael Nyman, noto per il suo sodalizio artistico con il regista inglese Peter Greenaway, ha dichiarato che la musica dei videogames merita rispetto. Non c’è bisogno di fare un grande sforzo per ricordare alcune musiche che hanno reso grandi titoli come Tetris, Pacman o Super Mario bros. Anche avanzando nel tempo non si possono non citare colonne sonore come quella di Final Fantasy, Assassin’s Creed o Prince of Persia.

Yoko Shimomura: l’arte della colonna sonora per i videogiochi

Ci sono compositori che per colonne sonore dei loro videogiochi guardano direttamente all’epoca d’oro di Hollywood e quindi del cinema. Tra questi esempi rientra senza dubbio la musicista giapponese Yoko Shimomura, nome illustre per quel che riguarda il connubio tra videogames e soundtrack di tipo orchestrale. Una via di mezzo, per intenderci, tra John Williams ed Ennio Morricone, visto il metodo di lavoro applicato alla sua arte. Conosciuta per aver realizzato le musiche di titoli come Street Fighter II e Kingdom Hearts, la poliedrica Shimomura è stata reclutata per realizzare le musiche di Final Fantasy XV, raccogliendo il testimone di Nobuo Uematsu, presenza storica per quel che riguarda lo score musicale della saga di Final Fantasy. Come può una pianista di impostazione classica imporsi nel mondo delle colonne sonore di videogames? Innanzitutto la sua popolarità in questo contesto lo si deve in larga parte alla casa di giochi Capcom. Proprio Capcom infatti aveva investito e puntato nel talento di questa giovane musicista, che nel giro di poco tempo riuscirà a imporsi con una delle musiche più iconiche e celebri degli anni Novanta, per quanto concerne il discorso del picchiaduro, ma anche in generale, dato che Street Fighter II è tra i giochi più conosciuti di sempre. Dal ritmo furibondo e incessante di Street Fighter, si passa poi al romanticismo orchestrale, che mostra forse il lato più intimo e profondo della compositrice giapponese, con un titolo che non ha bisogno di presentazioni come Kingdom Hearts.

Gli altri compositori di musiche per videogames

In una classifica che possa definirsi degna di nota, per quanto concerne il discorso musiche e videogiochi, non possono mancare alcuni nomi come quelli di Koji Kondo, il già citato Nobuo Uematsu e poi ancora Jesper Kyd ed Harry Gregson-Williams. Gregson-Williams è probabilmente il più illustre compositore di colonne sonore di videogames (e non solo) britannico il cui nome è legato in modo indissolubile alla saga Metal Gear Solid. Il suo stile è caratterizzato da una fusione di più cose, dove non manca la ricerca sperimentale e la sovrapposizione strumentale a livello sinfonico. Un genere che si ispira tanto alla musica elettronica, quanto a quella sinfonica, dove si possono riconoscere e distinguere elementi che sono tipici del jazz, del rock e in alcuni momenti anche del genere disco. Un risultato di grande impatto ed effetto, per accompagnare e seguire storie di intrighi e dove l’azione la fa da padrone.

Koji Kondo: da Super Mario bros a The Legend of Zelda

Koji Kondo è invece un nome che si lega in modo indissolubile a una casa di giochi come Nintendo, visto che tra i suoi lavori spiccano titoli di grande successo come Super Mario Bros, The Legend of Zelda e Punch-Out. Per chi non avesse grande dimestichezza con il mondo dei videogames, diciamo che almeno due di questi titoli hanno contribuito a rivoluzionare e a rendere credibile il contesto della videoludica, senza contare i numeri in termini di vendita commerciale, fattore che in questo contesto ha sempre un ruolo determinante. Lo score musicale di The Legend of Zelda e soprattutto quello di Super Mario Bros e dei suoi molti sequel non ha bisogno di presentazione, sono infatti musiche che fanno parte dell’immaginario collettivo di diverse generazioni di appassionati e gamers sparsi in tutto il mondo.

Le coinvolgenti colonne sonore e musiche dei giochi online da casinò

È intrigante sottolineare che, nel corso del tempo, per sviluppatori e provider delle sale da gioco online l’aspetto sonoro sia stato valutato e considerato in mondo sempre più determinante per la buona riuscita di un titolo. Suoni, effetti e musiche sono una delle colonne portanti anche per realtà come quella del gambling digitale odierno, in quanto possono influire circa il coinvolgimento dei giocatori sui titoli più ricercati e giocati del momento come Gonzo’s Quest.

Conclusione

Malgrado sia una cosa impossibile mettere d’accordo l’intera comunità dei gamers e degli appassionati di tecnologia più in generale, i compositori di colonne sonore che abbiamo citato in questo testo, rappresentano una parte significativa del lavoro che è stato realizzato nel corso del tempo per migliorare sotto l’aspetto sonoro alcuni titoli e saghe giocate in tutto il mondo. I riconoscimenti per musicisti come Kondo, Gregson-Williams e Yoko Shimomura non sono certo mancati, a dimostrazione dell’importanza e dell’impatto che questo ha avuto per il contesto dei videogames in termini critici e di popolarità.

Commenti chiusi.

Scroll To Top
Descargar musica