21-08-2019
Ti trovi qui: Home » Cronaca (pagina 30)

Archivio della categoria: Cronaca

INCIDENTE STRADALE, FERITE TRE BAMBINE

IMG_4761Grave incidente stradale intorno alle 10 di sabato in Via Pietrenere a Modica, arteria che conduce a Cava Ispica. Per cause in corso di accertamento si sono scontrate frontalmente due autovetture, una Fiat Multipla, condotta dal modicano M.G., 45 anni, che trasportava le tre figlie, tutte minori, e una Renault Megane, guidata da M.S., 30enne anche lui di Modica. Quest’ultimo viaggiava in direzione Modica, l’altro mezzo verso Cava Ispica. Sul posto sono intervenute due pattuglie del Nucleo di Pronto Intervento della Polizia Locale, per i rilievi, i vigili del fuoco, che hanno dovuto utilizzare la fiamma ossidrica per tirare fuori dalle lamiere contorte una delle bambine, la polizia che ha disciplinato il traffico e l’ambulanza dei 118. Vista la gravità del conducente la Renault è stato chiesto l’intervento dell’elisoccorso atterrato poco dopo in un terreno adiacente al luogo del sinistro. Il 45enne e le sue bambine sono stati trasferiti al Pronto soccorso. La più grave è stata giudicata l’undicenne che ha riportato le fratture del femore e del malleolo. Le sorelline ed il padre se la sono cavata con 15 giorni di prognosi ciascuno. Anche il conducente della Megane alla fine si può dire fortunato: ha riportato la frattura di una costola ma è ricoverato al “Cannizzaro” di Catania.

LA DONNA MORTA A RAGUSA DOPO UNO SCIPPO, PRESO IL RAPINATORE

AIELLO Giuseppe SergioLa Polizia ha arrestato l’autore della rapina avvenuta nei pressi di piazza San Giovanni, dove una donna di 79 anni mori a a causa delle lesioni subite.Sono state fondamentali mmagini degli impianti di videosorveglianza. L’uomo è Giuseppe Sergio Aiello detto “u catanisi” nato a Catania, 25 anni, residente a Ragusa, pregiudicato. Tutto accadde il  28 maggio scorso quando una signora di 79 anni, ragusana, stava facendo rientro nella sua casa di via Ecce Homo, e Aiello l’’aggredì alle spalle tappandole la bocca, strattonandola e facendola cadere a terra non prima di averle strappato la collana in oro. A seguito delle lesioni subite la donna moriva in ospedale qualche giorno dopo. Il gravissimo delitto inizialmente non veniva neanche denunciato per via delle gravi condizioni di salute dell’anziana. Nessuna chiamata al 113, nessuna segnalazione, solo tanta paura per le gravi condizioni della donna. Poi al pronto soccorso dell’ospedale di Ragusa la povera signora riuscì a dare pochissimi elementi per iniziare le indagini. La Plizia dapprima ha trovare la refurtiva: la collana veniva scovata, era già stata venduta ad un compro oro per poche centinaia di euro. I preziosi venivano sequestrati e portati in visione ai familiari che riconoscevano senza dubbio l’oggetto. Dall’impianto di video sorveglianza del compro oro è stato possibile notare la donna che ha aiutato Aiello a vendere la collana esibendo il proprio documento (indispensabile per poter vendere oggetti in oro). Una settimana dopo la morte della signora, la donna veniva interrogata negli uffici della Squadra Mobile, sino a che si è giunti ad Aiello. L’uomo ha confessato dichiarando di aver rapinato la donna per poter comprarsi della droga, ma insiste sul fatto che non voleva ucciderla. La vittima dopo poche ore dal ricovero d’urgenza fu operata per una gravissima frattura al femore e dopo 4 giorni moriva per diverse complicanze.

Tenta ripetutamente di rubare in un appartamento a Punta Secca, tunisino arrestato dai carabinieri

MANSOUR_Wajdi_1992I carabinieri di Santa Croce Camerina sono intervenuti presso un’abitazione di Punta Secca dove hanno arrestato un uomo che aveva tentato ripetutamente di rubare in una casa. I componenti di una famiglia modicana in vacanza a Punta Secca, mentre erano intenti a fare colazione, hanno sentito qualcuno armeggiare intorno alla porta e tentare di aprirla a spallate o a calci. Allarmati dalla cosa si sono affacciati urlando e hanno visto un ragazzo fuggire a piedi. All’arrivo dei carabinieri i turisti hanno spiegato che già nel corso della notte era successa una cosa analoga ma avevano pensato a un ubriacone che aveva sbagliato casa tant’è che se n’era subito andato appena uno di essi s’era affacciato dalla finestra. Solo dopo hanno realizzato che forse era lo stesso ladro di poco prima. I militari si sono messi quindi alla ricerca del ragazzo che aveva tentato poco prima lo scasso. Erano fuori da pochi minuti quando uno dei figli, rimasto in casa “di sentinella” ha chiamato chiedendo di ritornare subito poiché c’era qualcuno che stava tentando di sfondare la porta. Il ladro, pensando che se ne fossero andati tutti in spiaggia, era ritornato per finire il lavoro. E si è trovato poco dopo in compagnia dei carabinieri che lo hanno arrestato con l’accusa di tentato furto in abitazione aggravato e continuato. Mansour Wajdi, 24enne tunisino, incensurato, disoccupato, è stato sottoposto ai domiciliari presso l’abitazione in Santa Croce Camerina.

INVESTITO DA UN’AUTO A COMISO, MUORE ETTORE INTERDONATO

Sinistro stradale mortale del 09.08.2016Alle ore 20:40 di martedì 9 agosto una Opel Astra che procedeva in direzione Comiso sulla Strada provinciale n.20 Santa Croce-Comiso, all’altezza del chilometro 0+500, è entrata in collisione con un pedone, Ettore Interdonato, comisano di 60 anni. Per effettuare i rilievi è intervenuta la Polstrada.

Pozzallo: refurtiva nel garage, arrestato ricettatore

IMG_1385I Carabinieri di Pozzallo hanno arrestato in flagranza del reato di ricettazione Leonardo Gambuzza, 41 anni, già noto alle Forze di Polizia. I militari stavano attenzionando l’uomo già da qualche giorno sospettando che questi fosse dedito alla ricettazione di refurtiva ed alla successiva vendita. Dopo essersi appostati nei pressi dell’abitazione, i militari dell’Arma lo hanno notato mentre cercava di convincere un giovane pozzallese all’acquisto di alcune attrezzature per la pesca. A questo punto, i Carabinieri in borghese si sono avvicinati all’uomo e si sono finti interessati all’acquisto e, una volta visionate le varie attrezzature, le hanno riconosciute come rubate. Dunque, qualificatisi quali Carabinieri, hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione e del garage, nel corso della quale è stata rinvenuta una notevole quantità di materiale ed attrezzatura da pesca per un valore di circa 8.000/10.000 euro, il tutto risultato asportato tra marzo e aprile scorso all’interno di un esercizio commerciale di articoli per la pesca di Pozzallo. Quindi, il Gambuzza è stato condotto subito in caserma e dichiarato in stato di arresto mentre tutto il materiale è stato recuperato dai Carabinieri e restituito al legittimo proprietario. Al termine delle formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, D.ssa Valentina Botti, è stato condotto presso la sua abitazione ove rimarrà in regime di arresti domiciliari .

POZZALLO, UN PESCHERECCIO DI 13 METRI CON 300 MIGRANTI

Guardia Costiera / LaPresse 19-04-2011 Lampedusa Cronaca Lampedusa, nuovi sbarchi di immigrati Nella foto: le operazioni di salvataggio DISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE

Fermati  5 scafisti egiziani; costituivano l’equipaggio di un peschereccio di 13 metri con oltre 300 persone a bordo. Le prime testimonianze: “abbiamo viaggiato 10 giorni, eravamo sfiniti, senza cibo e acqua, qualcuno stava per morire”. L’imbarcazione era salpata dalle coste egiziane. I migranti provenienti dal centro Africa sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri. 48 le donne, 9 bambini e 250 i maschi di varie nazionalità. Le operazioni di sbarco non hanno fatto registrare criticità ed è stata prestata la massima attenzione verso i soggetti che avevano bisogno di cure mediche, in particolar modo diverse donne incinte e minori. Dopo ore di ascolto dei testimoni, è emerso che il viaggio è durato 10 giorni circa; sono partiti dall’Egitto ed hanno risalito le coste fino al confine con la Libia; durante il viaggio le lance partivano dalle coste egiziane riempendo sempre di più la barca; appena arrivati al punto convenuto hanno iniziato a fare rotta verso l’Italia, ben consci del fatto che appena poco fuori le coste libiche li avrebbero soccorsi. I testimoni hanno dichiarato di aver avuto paura negli ultimi giorni di viaggio perché sentivano in morsi della fame sempre più forti, stante la scarsezza di cibo e acqua. Gli scafisti fermati sono stati fotosegnalati dalla Polizia Scientifica in quanto autori del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per poi essere condotti presso il carcere di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria iblea. Nel 2016 sono 117 gli scafisti fermati in provincia di Ragusa. Lo scorso anno sono stati arrestati 150 scafisti.

CONTROLLI DI POLIZIA LUNGO LE STRADE

Telelaser-polizia-800x533I controlli della polizia Stradale di Ragusa e Vittoria continuano in questi giorni per garantire una circolazione più sicura nel territorio provinciale, in un periodo di traffico intenso, che vedrà nel prossimo fine settimana un esodo da bollino nero. In particolare, è stata prestata particolare attenzione al fenomeno, molto diffuso, della distrazione alla guida dovuta all’uso dei telefonini, che, secondo le statistiche Istat del 2015, è diventato, insieme all’eccesso di velocità, una delle principali cause dei incidenti gravi e mortali. Al fine di contrastare il fenomeno, sono state impiegate pattuglie moto montate ed in borghese che hanno contestato 24 infrazioni in pochi giorni nel centro di Ragusa.  Sono stati reiterati i controlli con Telelaser sulla strada provinciale 63, Marina di Ragusa – Donnalucata, dove diversi ciclisti avevano segnalato l’eccessiva velocità tenuta dai conducenti di auto e di camion. Durante i controlli espletati a Ragusa e Marina di Ragusa, sono stati trovati 3 conducenti positivi all’alcoltest, dei quali uno neo patentato.

Scoglitti, soccorsa un’intera famiglia: motoscafo alla deriva

soccorso nauticaDue potenti acquascooter targati Polizia di Stato presidiano le acque nei tratti di Scoglitti, Punta Secca, Marina di Ragusa, Sampieri e Marina di Modica. Poliziotti a bordo di un’auto elettrica vigilano la zona del Porto turistico di Marina di Ragusa e le zone pedonali, affiancati dagli agenti a bordo di bicilette che sorvegliano le zone prospicenti la battigia e le vie dedicate al passeggio . Nel weekend appena trascorso caratterizzato da mare molto mosso gli uomini della Squadra Nautica a bordo delle due moto d’acqua della Polizia hanno tratto in salvo un’intera famiglia di Vittoria di 4 persone che a bordo di un natante in vetroresina si trovava in balia delle onde a causa di un’avaria al motore. I poliziotti transitando lungo quel tratto di mare hanno visto il motoscafo in difficoltà che rischiava di avvicinarsi pericolosamente agli scogli e si sono avvicinati per accertare la situazione. Nonostante il notevole moto ondoso i poliziotti sono riusciti ad assicurare una cima dal natante alla moto d’acqua riuscendo a trainare l’imbarcazione nelle acque del porticciolo di Scoglitti, portando definitivamente in salvo la famiglia che ha potuto tirare un sospiro di sollievo per il pericolo scampato.

GUARDIA DI FINANZA: ARRESTATO A SANTA CROCE CAMERINA UN CITTADINO EXTRACOMUNITARIO PER SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

 

DSC_5981Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa, hanno tratto in arresto un cittadino extracomunitario, Ben Slema Sabri, 35 anni, israeliano e clandestino. L’extracomunitario è stato sorpreso dai militari nella centralissima Via Caucana di Santa Croce Camerina in flagranza di spaccio dello stupefacente. L’immediato intervento dei finanzieri e le successive perquisizioni personali hanno permesso di rinvenire 13 grammi di stupefacente suddiviso in stecchette di hashish pronte per essere cedute.

RAGUSA, CONTROLLI STRAORDINARI IN PIAZZA SAN GIOVANNI

sceltaControlli di polizia nel cuore di Ragusa in Piazza San Giovanni divenuta da mesi non solo luogo di incontro e di movida, ma mercato della droga. Mobilitate i reparti Volanti, Squadra Mobile, Immigrazione e Digos, Prevenzione Crimine di Catania, Unità Cinofile. 381 persone identificate tra cui 33 soggetti con precedenti penali; 28 perquisizioni sulle persone; 7 perquisizioni presso abitazioni di soggetti sospettati di detenzione e spaccio di stupefacenti. Quattro gli arresti per spaccio di stupefacenti; 31 stranieri identificati non in regola con le norme di soggiorno sul Territorio Nazionale di cui 27 espulsi con accompagnamento coatto presso i propri paesi d’origine.

Scicli, colpisce a bastonate il suocero: arrestato Raimondo Gianni per tentato omicidio

Raimondo Gianni 31.05.1976Sabato sera i Carabinieri sono intervenuti a seguito della segnalazione di una violenta lite tra familiari con una persona ferita. Giunti sul posto i militari hanno incontrato un uomo di 58 anni con vistose ferite lacero-contuse che perdeva sangue dalla testa. L’uomo ha raccontato che, poco prima, presso la propria abitazione, si era presentato suo genero che lo aveva colpito ripetutamente alla testa con un grosso bastone di legno. L’aggressore, sciclitano di 40 anni già noto alle forze dell’ordine, è stato rintracciato poco dopo a bordo della propria autovettura mentre percorreva una via vicino all’abitazione del suocero. Raimondo Gianni aveva i vestiti sporchi di sangue e, sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di un grosso bastone di legno con delle macchie ematiche, nascosto sotto il sedile dell’autovettura. Nel frattempo la vittima è stata trasportata con un’ambulanza presso l’Ospedale Maggiore di Modica ove è rimasta ricoverata con una prognosi di 25 giorni per trauma cranico commotivo. Raimondo Gianni è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Anziana donna affetta da Alzheimer soccorsa a Casuzze

motovolantiSi è allontanata da Punta Secca facendo perdere le tracce un’anziana donna di ottantadue anni in vacanza. Venerdì ha chiamato al 113 il figlio della donna, chiedendo aiuto per ritrovare la propria mamma, affetta dalla malattia che provoca vuoti di memoria, che autonomamente si era allontanata dal domicilio in cui la famiglia romana risiede per le ferie estive, facendo perdere le proprie tracce. La pattuglia moto montata della sezione Volanti della Polizia di Stato di Ragusa ha perlustrato la zona balneare circostante e dopo un’ora di ricerche la donna è stata rintracciata in stato confusionale nei pressi di Casuzze, soccorsa momentaneamente da una giovane donna ragusana che le ha offerto le prime cure. L’anziana donna, seppure in uno stato di smarrimento, era in discrete condizioni fisiche ed è stata affidata al proprio figlio.

Modica, giovane donna finisce in ospedale: si ribalta la sua Jepp

IMG_4710Ha perso il controllo del suo veicolo mentre percorreva la Via Trabalate Marchesa, alla periferia di Modica. Protagonista una donna modicana, M.P., 42 anni, che al veicolo della sua Jeep ha, improvvisamente, e per cause in corso di accertamento da parte della polizia locale, perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro un muro a secco che delimita la strada ed ha percorso circa cinquanta metri prima di ribaltarsi. Scattati i soccorsi, sul posto sono intervenuti il Nucleo di Pronto Intervento della polizia locale, i vigili del fuoco e l’ambulanza del 118. La donna è stata trasferita al Pronto Soccorso dove i medici l’hanno giudicata guaribile in 15 giorni, salvo complicazioni.

Arrestato a Vittoria Pierangelo Medica: AVEVA UNA PIANTA DI CANNABIS INDICA APPESA AL SOFFITO DEL GARAGE

medica pierangelo cl. 1983I carabinieri hanno controllato un vittoriese di 32 anni nella sua abitazione di Via Marzabotto: Pierangelo Medica è stato trovato in possesso di oltre 26 grammi di marijuana, suddivisa in 5 dosi dislocate in tutta l’abitazione: materiale per il confezionamento comprensivo di bilancini perfettamente funzionanti e alcune dosi sono stati rinvenuti all’interno del garage; in una stanzetta ad esso adiacente, appesa al soffitto, è stata trovata anche una pianta di cannabis indica essiccata dalla quale estrarre la sostanza stupefacente. Altra droga si trovava nella camera da letto: il tutto è stato posto in sequestro penale. L’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

DROGA, ARRESTATO UN FORNITORE DELLA ”RAGUSA BENE“

IMG_20160803_090522I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria hanno tratto in arresto S. B., pluripregiudicato ragusano, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Lo stesso è stato sorpreso nei pressi della propria abitazione con addosso degli involucri di droga pronta per essere venduta. La perquisizione personale e locale, ha permesso di rinvenire e sequestrare complessivamente 21 grammi di cocaina suddivisa in 25 involucri opportunamente confezionati e pronti per essere ceduti. Nell’abitazione è stata altresì rinvenuta altra cocaina ancora da confezionare e un involucro di altra sostanza utilizzata per tagliare lo stupefacente, nonché un’ingente somma di denaro contante, 25.000 euro, quasi tutto in banconote da 50.00 euro (costo medio di una dose). Inoltre, sono stati rinvenuti e sequestrati assegni bancari per un totale di oltre 6.000 euro, anch’essi proventi della vendita della cosiddetta “droga dei ricchi”. Il Sostituto Procuratore – Dott.ssa Valentina Botti -, ha disposto l’arresto e la traduzione presso la Casa Circondariale di Ragusa.

Incidente stradale a Modica Alta

IMG_4702

Sono due i feriti nell’incidente stradale avvenuto giovedì in Viale Manzoni: coinvolti una Fiat 600 condotta da M. B., 47 anni, e un motociclo condotto da A. M., 16 anni. Quest’ultimo è rimasto ferito come la sua passeggera, F. M.. Sul posto è intervenuto per i rilievi il Nucleo di Pronto Intervento della polizia locale di Modica mentre i due feriti sono stati trasportati al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore. Hanno riportato lesioni guaribili rispettivamente in 15 e 10 giorni.

Incidente stradale a Modica con due feriti, coinvolte quattro auto

IMG_4669Un incidente si è verificato in Via Resistenza Partigiana, nei pressi dell’intersezione con Corso Sandro Pertini. Sono state coinvolte quattro autovetture di cui due che si trovavano in sosta. Si sono scontrate una Volkswagen Golf, condotta da G. P., 59 anni, di Scicli, e una Ford Fiesta, condotta da B.G., 40 anni, di Modica. Dopo l’impatto, i due mezzi coinvolti sono finiti contro una Mercedes e una Peugeot che si trovavano parcheggiate. Sui luoghi è intervenuto il Nucleo di Pronto Intervento della Polizia Locale del Comune di Modica per i rilievi e per stabilire le responsabilità, e l’ambulanza del 118 che ha trasportato i due conducenti al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore. Il primo è stato giudicato guaribile in cinque giorni, l’altro guarirà in due settimane.

Incendio abitazione rurale a Comiso

IMG-20160802-WA0000A mezzanotte la squadra operativa del Comando provinciale Vigilfuoco di Ragusa, con al seguito una autobotte per il rifornimento di acqua, è intervenuta in contrada Cifali per spegnere l’incendio in un vano di circa 40 metri quadrati. I pompieri hanno tirato fuori dall’immobile una  bombola di G.P.L. raffreddandola con acqua nebulizzata. Le operazioni di spegnimento della casa rurale, ed in particolare delle travi in legno della copertura, sono state ultimate dopo oltre due ore.

Controlli della Polizia a Ragusa Ibla

DSC_0128 (2)Lunedì sono state controllate 128 persone, tra cui diversi pregiudicati, e 57 veicoli. Il cane poliziotto “Jagus” ha scovato una piccola quantità di hashish nella disponibilità di una rumena ventiquattrenne a cui è stata notificata una sanzione amministrativa ed è stata segnalata alla locale Prefettura come assuntrice. Gli agenti, durante l’attività di controllo, hanno individuato una Mercedes con tre soggetti a bordo che, alla vista della pattuglia ha cercato di allontanarsi. L’auto, con a bordo tre soggetti di nazionalità rumena residenti in provincia di Roma, è stata bloccata. Dal controllo presso la banca dati è emerso, a carico di due di essi, una carriera di truffatori, specializzati nella truffa del resto (pagare piccoli acquisti con biglietti di grosso taglio e simulare da aver ricevuto meno resto del dovuto). A carico dei tre è stata emessa la misura di prevenzione del foglio di via con divieto di ritorno nel comune di Ragusa per 3 anni.

Centauro ferito sulla Ragusa-Modica

Ss 115 rg mdLunedì mattina intorno alle ore 8 sulla Strada Statale 115, al km. 326+600, sono entrati in collisione una Fiat Multipla e un Kawasaki. I due mezzi procedevano in direzione Modica. Il conducente del motoveicolo, un acatese di 40 anni, ha riportato ferite guaribili in 10 giorni. Sul posto è intervenuta la Polizia Stradale.

Scroll To Top
Descargar musica