10-12-2018
Ti trovi qui: Home » Cronaca (pagina 30)

Archivio della categoria: Cronaca

Ragusa, blitz a casa, carabinieri arrestano spacciatore

CHILLANO CIROI carabinieri hanno arrestato un ragusano per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio: Ciro Chillano, 31 anni. I militari notavano un gran vocio ed un forte odore di marijuana fumata uscire da una finestra della casa dell’uomo sita al primo piano. Allora i militari si introducevano all’interno del condominio per entrare nell’abitazione ed effettuare un controllo. Chillano, prima di aprire la porta, ha in maniera frettolosa risistemato la stanza e nascosto la sostanza stupefacente. I carabinieri gli hanno intimato di aprire immediatamente. Una volta entrati trovavano una decina di ragazzi seduti su alcune poltrone ed una nube di fumo. Mentre i carabinieri effettuavano un’attenta perquisizione all’interno dell’abitazione, venivano trovati, occultati all’interno di un recipiente di plastica, occultato in un mobile bar all’interno del salone, 110 grammi di marijuana. Inoltre nella camera da letto c’era dell’hashish. Chillano è ora agli arresti domiciliari.

Incidente stradale sulla Modica Ispica, tre i mezzi coinvolti e un ferito

incidente (2)Martedì mattina il Nucleo di Pronto Intervento della Polizia Locale di Modica è stato inviato dalla centrale operativa in Via Modica Ispica, ai limiti tra il territorio comunale e la SS. 115. Sul posto è stato accertato un sinistro che aveva coinvolto una Ford Focus condotta da A. C., rumena residente a Ispica di 35 anni, una Peugeot 207, alla cui guida era G. F. di 74 anni, e una Volkswagen Golf condotta da G. L. M. di 33 anni, residente a Brindisi. I primi soccorsi sono stati prestati da due infermieri professionali, Luca e Francesco Lucifora, che stavano transitando dai luoghi, in attesa dell’ambulanza del 118 giunta poco dopo. E’ rimasto ferito il conducente della Peugeot che è stato trasportato all’Ospedale Maggiore per le ferite e i traumi riportati. La Polizia Locale sta ricostruendo l’esatta dinamica dell’incidente per stabilire le eventuali responsabilità. Pare che una delle auto, proveniente da Ispica e diretta a Modica, avesse azionato la freccia per accedere nell’area di un distributore di carburanti. Il veicolo che seguiva ha rallentato mentre il terzo mezzo ha tentato il sorpasso non riuscendo più a evitare l’impatto.

Chiuse due aziende di ortofrutta di Vittoria

ControlloLa Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria – congiuntamente al Corpo Forestale dello Stato ed all’Ispettorato Centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari, con la collaborazione dei medici dell’A.S.P., degli ispettori della   Direzione Territoriale del Lavoro, ha proceduto ad effettuare diversi controlli presso alcune società per la commercializzazione di prodotti ortofrutticoli di Vittoria. E’ stato appurato che i prodotti oggetto di lavorazione erano tracciati nel rispetto delle regole, salvo un’azienda che era del tutto carente della documentazione prescritta per legge e per questo è stata sanzionata. Il personale impiegato presso le tre aziende controllate risultava regolarmente assunto ma le dichiarazioni fornite all’Ispettorato del Lavoro permettevano di contestare alcune violazioni tra quanto dichiarato e quanto effettivamente versato in ordine ai contributi in favore dei dipendenti. Sono due le aziende per le quali l’Asp ha disposto la sospensione dell’attività in quanto totalmente carenti della documentazione sanitaria e, trattandosi di alimenti, la sanzione oltre che pecuniaria prevede la sospensione immediata proprio a tutela dei consumatori. Al termine dei controlli sono state esaminate le posizioni lavorative di oltre 40 impiegati, controllate 3 aziende, elevate sanzioni per complessivi 10.000 euro e sono state sospese due attività per carenza delle autorizzazioni sanitarie.

VITTORIA, PENSIONATO ACCOLTELLATO NELLA PROPRIA ABITAZIONE

Vittoria (RG) Accoltellamento anzianoNel pomeriggio di martedì i Carabinieri sono intervenuti su segnalazione al 112 per un caso di accoltellamento ai danni di un pensionato di 62 anni, S. G., avvenuto in una abitazione rurale di Contrada Montecalvo. La sorella, che ha subito allertato il Numero Unico di Emergenza, ha riferito di un uomo che, introdottosi nell’abitazione, ha aggredito il fratello. Il pensionato è stato trasportato da personale del 118 all’Ospedale Guzzardi, dove è tuttora ricoverato in gravi condizioni in prognosi riservata. Le indagini, dirette dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, dott. Rota, sono in corso.

Vittoria, donna di 47 anni trovata morta in casa

VIA C AVOUR 4Sono in corso le indagini della Polizia del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Vittoria chiamata ad intervenire la notte scorsa presso un’abitazione del centro ipparino, in concomitanza con i sanitari del 118, dove una donna giaceva esanime sul letto. L’allarme era stato lanciato dal convivente della donna, identificata per R. L., nata a Ribera ma da moltissimi anni residente a Vittoria. I sanitari hanno constatato il decesso della donna, con un passato da tossicodipendente e nota agli Uffici di Polizia. Il convivente, un tunisino di 29 anni, è stato sentito a lungo dai poliziotti e pare non fosse in casa al momento del decesso. Le indagini coordinate dal sostituto Procuratore della repubblica dr. Andrea Sodani si sono prolungate per tutta la notte. E’ intervenuto il medico legale che con gli Ufficiali di Polizia Giudiziaria ha ispezionato il cadavere, non rilevando segni di violenza o traumi. Evidenti invece i segni di punture endovene, da ricondurre ad iniezioni di stupefacente. Probabile la morte per overdose. Sono stati ascoltati i familiari della donna, che aveva madre e tre figli. Le indagini sono in corso. L’Autorità giudiziaria ha disposto l’esame autoptico.

281 migranti a Pozzallo, 1 scafista fermato

gommone 2Partiti dalla Libia in diversi momenti, stipati in un gommone e due barche, sono stati soccorsi e condotti a Pozzallo, dove la Polizia ha già raccolto gravi indizi di colpevolezza a carico di Aliou Samb Momodou, senegalese di 24 anni. I migranti, 223 uomini, 28 donne, 30 minori non accompagnati, provenienti dal centro Africa, sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri.

Incidente sulla Modica Mare – Quattro auto coinvolte, sette feriti tra cui bambino

polizia locale modica1Un incidente stradale si è verificato domenica pomeriggio in Via Sorda Sampieri all’altezza dello svincolo per la Variante Zappulla. Si sono scontrate una Peugeot 106, condotta da S. C., di 21 anni, una Renault Clio, condotta da G. S., di 19 anni, una Kia guidata da C. R., di 58 anni, e un’Audi A 4, al volante della quale era E. Z., di 28 anni, tutti modicani. L’impatto è stato violento: due vetture provenivano dal mare, le altre dalla città. La polizia locale di Modica sta raccogliendo elementi e testimonianze per ricostruire l’esatta dinamica del sinistro ed ha lavorato fino alle 4 di mattina per sentire anche in ospedale le parti interessate. Sette i feriti: le più gravi sono S.A., 50 anni, modicana, passeggera della Kia, e P. G., 20 anni, di Catania, passeggera della Peugeot. Hanno riportato lesioni e traumi giudicate guaribili dai medici del Pronto Soccorso, in trenta giorni. Gli altri cinque feriti hanno avuto prognosi variabili dai cinque ai quindici giorni, tra questi un bambino, figlio della cinquantenne. I soccorsi sono stati prestati dalle ambulanze del 118 di Modica e Pozzallo. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco e la Polizia di Stato, che ha collaborato per deviare il traffico locale.

COMISO, GELESI RUBANO 250 CHILI DI UVA

IMG_20160708_193157Sabato alle ore 15.45 circa, personale della Polizia di Stato, durante le attività di controllo nelle zone periferiche della città, al fine di scongiurare il fenomeno dei furti nelle campagne, e precisamente nella S.P.30 in contrada Bosco Cicogne, ha effettuato il controllo di una autovettura Lancia Y con all’interno due gelesi di 66 e 55 anni. L’auto, sprovvista dei sedili posteriori, trasportava una notevole quantità d’uva. A bordo dell’autovettura, inoltre, venivano rinvenute 2 forbici per potatura e raccolta frutta, 2 cacciaviti a stella, 2 coltelli da cucina il cui porto è vietato. Giunti al Commissariato, i due uomini, hanno ammesso di aver asportato l’uva in contrada Monacazza, presso una azienda agricola. I due ladri, entrambi pregiudicati con reati con il patrimonio, sono stati denunciati per i reati per furto aggravato in concorso e porto di armi di genere vietato. Sempre sabato, alle ore 21:40, personale della Polizia di Stato in servizio di controllo in zona aeroportuale, ha ricevuto una segnalazione da un passante che indicava quattro persone sospette che si aggiravano nella zona di contrada Mortilla e precisamente nella zona adiacente un grosso deposito di prodotti per l’agricoltura. Gli agenti di Polizia, giunti sul posto (a breve distanza dallo scalo aereo), hanno bloccato quattro giovani rumeni, di cui tre minorenni, che alla vista dei poliziotti si disfacevano di uno zaino con all’interno una tronchese ben funzionante, strumento utilizzato per tranciare lucchetti anche di grosse dimensione, ed altri arnesi atti allo scasso. I quattro ragazzi,  privi di documenti, sono stati condotti presso il Commissariato di Polizia per essere sottoposti ai rilievi dattiloscopici. Risultati tutti incensurati, i quattro non sono stati denunciati.

Arrestato spacciatore di cocaina a Vittoria

009La Polizia ha arrestato il vittoriese Francesco Asonte  di 29 anni per detenzione di cocaina ai fini di spaccio. Agli uomini della Squadra Mobile di Ragusa era giunta voce che Asonte girando in scooter consegnasse la droga agli acquirenti: “Ha la droga sempre in tasca, se lo fermate la trovate sicuro”. Venerdì una pattuglia della Squadra Mobile in borghese ha cercato e individuato Asonte che, notando i poliziotti, ha svuotato le tasche dalla cocaina. Essendo per lui la prima volta che veniva arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Incidente sulla Via Modica Ispica, identificato pirata della strada: denunciato per omissione di soccorso e fuga e sanzionato per mancata precedenza

incidenteE’ stato identificato, dopo due giorni di indagini, un pachinese di 76 anni che aveva provocato l’incidente lo scorso 6 luglio in zona Michelica e nel quale era rimasto gravemente ferito un motociclista. La sezione di Polizia Giudiziaria, unitamente al Nucleo di Pronto Intervento della Polizia Locale di Modica, dopo avere ricostruito la dinamica dell’incidente, avere acquisito immagini della videosorveglianza vagliate con l’ausilio di tecnici specializzati e acquisito alcune testimonianze, è riuscita a mettere insieme gli elementi del puzzle che hanno fatto risalire al numero di targa del veicolo, una Fiat Stilo azzurra, che presentava già delle caratteristiche particolari tra cui una vistosa ammaccatura sul parafango anteriore sinistro. L’automobilista, rintracciato, è stato invitato presso il Comando di Modica unitamente alla moglie, che era con lui a bordo del veicolo. Entrambi sono stati sentiti a sommarie informazioni,  e, conseguentemente, deferiti all’autorità giudiziaria. All’uomo è stata ritirata anche la patente di guida. Secondo la ricostruzione fatta, i due coniugi, provenienti da Pachino, avevano effettuato la svolta a sinistra per accedere nel Piazzale Di un esercizio commerciale, senza curarsi del sopraggiungere del motociclo che proveniva dal senso opposto, provocando il sinistro (la moto dopo essere caduta violentemente al suolo aveva sbattuto contro un Suv e poi contro un muretto). Dalle immagini si nota la Fiat Stilo accedere nello spiazzo e poi invertire la marcia e allontanarsi nonostante alcuni soccorritori cercassero di farlo desistere dall’andare via.

UN LETTO PER DUE PROSTITUTE – CASA DEL SESSO NEL CENTRO DI COMISO

WP_20160708_12_28_26_Pro

A seguito di segnalazioni anonime di cittadini che indicavano una casa in via generale Amato come punto di ritrovo per parecchi uomini, la Polizia ha effettuato alcuni appostamenti, registrando la presenza di alcuni uomini che si alternavano presso l’abitazione e due donne sudamericane che saltuariamente entravano ed uscivano dalla casa. Venerdì mattina è stata fatta una irruzione all’interno dello stabile dove sono state identificate due donne di origine colombiana, di 42 anni e di 36 anni, rinvenuti “oggetti del mestiere”, preservativi e circa 400 euro frutto del meretricio. Nella casa vi era un solo letto, pertanto le donne si alternavano nelle prestazioni avendo a disposizione un piccolo locale al piano superiore della casa. Le due donne sono state accompagnate in ufficio per essere identificate e saranno svolti accertamenti sul proprietario dell’immobile che rischia il sequestro e la confisca dell’immobile.

Aggredisce a Ispica l’ex suocero con un coltello – E’ tentato omicidio: finisce in carcere Ignazio Mansueto

Mansueto Ignazio 02.05.1989 (1)I Carabinieri hanno tratto in arresto Ignazio Mansueto, sciclitano di 27 anni, responsabile dei reati di lesioni personali aggravate e porto di armi atte ad offendere: si era presentato sotto l’abitazione della ex compagna urlando frasi minacciose nei confronti della stessa e dei suoi familiari. Il Mansueto si è scagliato sul padre della donna, intervenuto nel tentativo di portare alla calma il ragazzo, accoltellandolo al collo ed al volto e poi si è allontanato. I militari dell’Arma hanno rintracciato l’aggressore, trovandolo in possesso del coltello utilizzato poco prima per colpire il padre della sua ex compagna. L’aggressore è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, mentre l’uomo aggredito è stato portato presso l’Ospedale Maggiore di Modica per  medicare le ferite lacero contuse al collo ed al volto, da dove è stato dimesso con una prognosi di 10 giorni. Nel pomeriggio di venerdì il G.I.P. del Tribunale di Ragusa, dopo aver convalidato l’arresto operato dai militari dell’Arma, ha ritenuto opportuno emettere un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del Mansueto, in considerazione della sua pericolosità sociale e dei gravi indizi di colpevolezza raccolti dai Carabinieri in ordine al reato di tentato omicidio. Lo sciclitano, nella serata di venerdì, è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Ragusa.

Traffico di droga in Piazza San Giovanni a Ragusa

EL MORTADA JAOUAD  Nato MAROCCO IL 11.08La Polizia ha tratto in arresto Jaouad El Mortada, marocchino di 21 anni, per spaccio di marijuana. Giovedì pomeriggio, dopo alcune ore di appostamento, gli agenti hanno individuato e denunciato un tunisino e un albanese in possesso della droga venduta da El Mortada. Il marocchino, che è stato trovato in possesso di un involucro con la marijuana, era già stato arrestato, sempre a Piazza San Giovanni, 8 mesi fa e sempre per spaccio di droga.

491 migranti arrivati a Pozzallo

Barca legno (1)Su tre gommoni e una piccola barca erano partiti tutti dalla Libia 405 uomini, 83 donne e 3 minori della Nigeria e del Bangladesh: sono stati soccorsi in acque internazionali. La Polizia ha fermato 4 scafisti: Obaidur Lokman Ujir, nato in Bangladesh il 25.02.1991, Franklin Appiah Kubi, nato in Ghana il 21.05.1990, Marc Samie, nato in Togo il 16.01.1995 e Thiam Yedime, nato in Senegal il 7.10.1986. I migranti sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri.

Concluso il processo per furti aggravati, arrestato vittoriese

Sacco Salvatore jpgLa Polizia ha tratto in arresto Sacco Salvatore, 54 anni, in quanto riconosciuto colpevole di diversi furti aggravati commessi nel territorio ipparino. La Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania, ha ordinato la cattura di Sacco in quanto deve ancora espiare la pena della reclusione a lui inflitta. Sacco, che era stato sottoposto alla misura della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza, era già stato arrestato dalla Polizia e successivamente rimesso in libertà in attesa del giudizio. Al termine delle diverse fasi processuali, la Procura ha deciso che deve tornare in carcere in quanto ancora deve scontare un cospicuo residuo pena a suo carico.

Arrestato Ouaz Ouayel per spaccio di hashish Piazza San Giovanni a Ragusa

OUAZ OUAYEL 17.01.1986 TUNISIAI carabinieri, che avevano riscontrato una folta presenza di soggetti noti quali assuntori di stupefacenti e di altri giovani conosciuti per precedenti di spaccio di droga, aggirarsi nei pressi del sagrato della cattedrale, mimetizzati tra la folla, hanno accertato uno spaccio di stupefacente ed hanno bloccato il venditore, un tunisino di 30 anni con i soldi in mano, e l’acquirente, un ragusano di 33 anni, con un involucro contenente hashish. L’acquirente è stato segnalato al prefetto di Ragusa per assunzione di stupefacenti, mentre lo  spacciatore, con precedenti specifici, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Incidente stradale a Modica, fugge l’investitore

incidenteUn modicano di 25 anni è rimasto seriamente ferito a causa di un incidente stradale verificatosi mercoledì pomeriggio in Via Modica Ispica, nei pressi della zona artigianale. Il giovane era alla guida di un motociclo quando, per cause in corso di accertamento, è stato investito da un’autovettura Fiat Stilo il cui conducente non ha prestato soccorso. La polizia locale, intervenuta sul posto, è alla ricerca del veicolo coinvolto. Il ferito è stato trasportato dal 118 al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore, dove gli sono state riscontrate alcune fratture agli arti, traumi ed ematomi. La prognosi è di 30 giorni salvo complicazioni.

Sorvegliato Speciale va a mangiare dalla suocera e viene arrestato dalla Polizia

Giurdanella MarcoLa Polizia di Vittoria ha tratto in arresto Marco Giurdanella, 36 anni, per inosservanza agli obblighi previsti dalla sorveglianza speciale con obbligo di dimora. Ieri Giurdanella è stato seguito da una pattuglia della Squadra Mobile che, avendo intuito si stesse recando fuori dal paese, allertava un’altra pattuglia del Commissariato di Vittoria. Appostati sotto casa della suocera a Comiso, dove era andato a mangiare per pranzo, l’uomo non appena terminato il pasto è stato tratto in arresto per aver violato l’obbligo di dimora. Giurdanella è stato condotto presso la sua abitazione e sottoposto agli arresti domiciliari così come deciso dalla Procura della Repubblica.

OPERAZIONE TOUCH AND GO

polizia-carabinieriMercoledì 6 luglio a Gela dalle prime luci dell’alba operazione congiunta tra Polizia di Stato Commissariato di Comiso  e Carabinieri di Ragusa per l’arresto di quattro persone responsabili di otto furti di autovetture, due furgoni, quattro motocicli e trenta colli di rete metallica nei comuni di Santa Croce Camerina, Comiso ed Acate, perpetrati da dicembre 2015 a febbraio 2016.

Motociclista contro un furgone, perde la vita il 18enne modicano Vincenzo Spadaro

vinc spadaroUn incidente mortale è avvenuto a Modica martedì mattina intorno alle ore 8 sulla strada comunale Busita. Vincenzo Spadaro era alla guida del proprio motociclo, una Cagiva Raptor 125, e stava percorrendo la strada comunale Busita Carranzonza quando, per cause in corso di accertamento, si è scontrato con un furgone in marcia. Da una prima ricostruzione dei Carabinieri, il giovane avrebbe urtato contro la parte posteriore del furgone che, proveniente dal senso opposto di marcia, aveva appena effettuato una svolta per entrare in un fondo agricolo. Il ragazzo, a seguito del violento impatto, è deceduto sul colpo. I Carabinieri hanno effettuato i rilievi planimetrici, al fine di delineare la dinamica del sinistro, contestualmente hanno provveduto a sequestrare i mezzi coinvolti.

Scroll To Top
Descargar musica