25-06-2019
Ti trovi qui: Home » Televisione (pagina 2)

Archivio della categoria: Televisione

Lavori autostrada Rosolini-Modica, vertice in Prefettura a Ragusa

Accogliendo la richiesta di Cna Ragusa e Cna Siracusa, il prefetto di Ragusa, Filippina Cocuzza, ha convocato un incontro sul futuro dell’autostrada Siracusa-Gela nel tratto che va da Rosolini a Modica. Al confronto in Prefettura erano presenti, oltre ai rappresentanti di Cna,  l’assessore regionale delle infrastrutture e della mobilità Marco Falcone, la  società Cosedil individuata per la continuità dei lavori con il consigliere delegato, il direttore di cantiere e il legale, una delegazione del comitato dei fornitori, l’ing. Salvatore Minaldi, direttore del Consorzio autostrade siciliano. E’ stato chiesto che possa essere pagato alle imprese sub appaltatori nel più breve tempo possibile  il pregresso, limitando il più possibile le perdite, aumentando la quota percentuale spettante ad esse dalle trattative per chiudere il concordato onde  evitare il collasso delle imprese, per avviare, come detto, i lavori anche  per scongiurare il fatto che il territorio interessato dal passaggio del tracciato autostradale continui a essere devastato.

Quarta puntata Bedi tiempi

Il programma di musiche e poesie in dialetto è condotto dall’attore Mario Tumino, con la partecipazione del narratore Ciccio Schembari e dei musicisti Pippo Cerruto e Angelo Tidona andrà in onda su Tele Nova, canale 14 visibile nelle province di Ragusa, Catania, Siracusa e Caltanissetta, domenica 20 gennaio alle ore 13, lunedì 21 alle ore 20,30 e martedì 22 alle ore 8.

BEDI TIEMPI SU TELE NOVA

La terza puntata della seconda edizione di Bedi Tiempi va in onda su Tele Nova, canale 14 visibile nelle province di Ragusa, Catania, Siracusa e Caltanissetta, domenica 13 gennaio alle ore 13, lunedì 14 alle ore 20,30 e martedì 15 alle ore 8. Il programma di musiche e poesie in dialetto è condotto dall’attore Mario Tumino, con la partecipazione del narratore Ciccio Schembari e dei musicisti Pippo Cerruto e Angelo Tidona.

Ricordo di Raffaele Intorrella a Come Eravamo

E’ venuto a mancare il dottor Raffaele Intorrella, stimato medico pschiatra, già coordinatore del Sert di Ragusa. A lui è dedicata la nuova puntata, la numero 1491, della rubrica Come Eravamo che andrà in onda sul canale 14 di Tele Nova, visibile nelle province di Ragusa, Catania, Siracusa e Caltanissetta venerdì 11 gennaio alle ore 12.35 e alle 21.20, Sabato 12 alle ore 13.35 e alle 20.50, domenica 13 alle ore 8.50 e alle 19.50.

SU TELENOVA IL DOCUMENTARIO SULLA PITTURA MODERNA DI ARMANDO SPARACINO

Ritorna sul canale 14 di Tele Nova, visibile nelle province di Ragusa, Catania, Siracusa e Caltanissetta, il documentario prodotto dal Maestro Armando Sparacino sull’arte pittorica dagli anni ’50 agli anni ’80. Andrà in onda venerdì 11 gennaio alle ore 12.15 e alle 21.00, Sabato 12 alle ore 13.15 e alle 20.30, domenica  13 alle ore 8.30 e alle 19.30.

Bedi Tiempi seconda puntata della seconda serie

La seconda puntata del programma Bedi Tiempi andrà in onda sabato 5 gennaio alle ore 14:30, domenica 6 e lunedì 7 alle ore 21, sul canale 14 di Tele Nova, visibile nelle province di Ragusa, Catania, Siracusa e Caltanissetta. La trasmissione con poesie dialettali e musica  vedrà protagonisti l’attore Mario Tumino, il narrattore Ciccio Schembari e i musicisti Pippo Cerruto e Angelo Tidona.

Riparte Bedi Tiempi su Tele Nova

Una puntata speciale natalizia del programma Bedi Tiempi andrà in onda sabato 29 dicembre alle ore 20, domenica 30 alle ore 13 e lunedì 31 alle ore 11, sul canale 14 di Tele Nova, visibile nelle province di Ragusa, Catania, Siracusa e Caltanissetta. La trasmissione con poesie dialettali e musica  vedrà protagonisti l’attore Mario Tumino, il narrattore Ciccio Schembari e i musicisti Pippo Cerruto e Angelo Tidona.

DOCUMENTARIO DI ARMANDO SPARACINO SU TELE NOVA

Sabato 15 dicembre alle ore 21, domenica 16 alle ore 8.30, 19.30 e 22.00, lunedi’ 17 alle ore 14.00  e alle ore 19.00 andrà in onda su Tele Nova (canale 14 visibile nelle province di Ragusa, Catania, Siracusa e Caltanissetta) “Percorsi d’Arte”, documentario del Maestro Armando Sparacino sulla pittura moderna.

In provincia di Ragusa due donne truffavano anziane fingendosi medici Asp

La Polizia ha tratto in arresto le siracusane Giuseppina Fiaschè di 19 anni e Veronica Crescimone di 29 anni per furti aggravati commessi ai danni di donne anziane, con l’ulteriore aggravante di essersi finte Pubblici Ufficiali dell’Asp. In primavera ed estate di quest’anno, gli uomini della Polizia di Stato avevano registrato numerosi furti consumati ai danni di anziane signore con lo stesso modus operandi. Le vittime narravano di aver ricevuto visite in casa da parte di una o due donne che si presentavano come medici dell’Asp e che dovevano effettuare una visita medica per la pensione e l’esenzione dal pagamento del ticket. Una volta all’interno dell’abitazione le complici procedevano ad effettuare un’anamnesi facendo finta di appuntare il tutto su un fantomatico libretto sanitario che avrebbero rilasciato al termine della visita medica. Dovendo quindi procedere alla visita invitavano le vittime ad andare in bagno e spogliarsi togliendo ogni oggetto in oro, comprese le fedi nuziali. Nelle more dell’assenza delle vittime, le due donne cercavano altri oggetti in oro e denaro nelle stanze ed al ritorno della signora erano già sparite. In alcuni casi quando non trovavano nulla aspettavano il ritorno delle vittime per farsi consegnare denaro con la scusa di dover pagare alcune somme per ottenere il rimborso delle spese mediche.

Autostrada Rosolini – Modica: rischia di tramontare definitivamente un sogno

Siracusa_gela2Ennesimo grido di allarme e appello alla mobilitazione lanciato dalle tre Organizzazioni Confederali Cgil-Cisl-Uil e dalle tre Organizzazioni di Categoria edile Feneal-Filca-Fillea per scongiurare il concreto rischio di vedere definitivamente tramontato il sogno della realizzazione dell’arteria autostradale che colleghi Rosolini a Modica. “La situazione attuale, – di legge in un Documento Cgil, Cisl e Uil – allo stato dei fatti, è che tutto è fermo; né s’intravede la possibile e auspicata ripresa dei lavori. I pochi lavoratori ancora rimasti in cantiere non ricevono la paga da due mesi (dicembre e gennaio) e la stessa situazione si prospetta per il mese di febbraio”. I sindacati dichiarano inoltrer : “Ai soliti e consueti “intoppi”, già ben conosciuti e più volte denunciati dalle OO.SS, se ne aggiungono di nuovi e di natura che rischia davvero di compromettere definitivamente la realizzazione dell’opera. Non più tardi di circa un mese fa il neo Assessore alle infrastrutture, Marco Falcone, visitando Ragusa, rilasciò delle rassicuranti dichiarazioni alla stampa con le quali informava che nel corso di un apposito incontro tenuto in sede regionale tra Regione siciliana, Cas, Anas e Imprese esecutrici si era raggiunta una intesa che consentiva di riprendere a breve l’iter dei lavori. L’intesa raggiunta riguardava: a) la chiusura del contenzioso pendente con l’impresa esecutrice sulla base di una cifra complessiva di 22 milioni di euro, dieci dei quali sarebbero stati erogati direttamente ai fornitori e alle imprese locali che rischiavano e rischiano il fallimento, b) la definizione di un nuovo cronoprogramma dei lavori, c) l’impegno a consegnare il primo lotto esecutivo (Rosolini – Ispica) entro il mese di febbraio 2019. Le dichiarazioni rilasciate dall’Assessore Marco Falcone non sono state mai tradotte in un vero e proprio Accordo sottoscritto dalle parti; anzi, nel giro di pochi giorni, lo scenario disegnato dalle dichiarazioni precedenti è stato completamente stravolto, riemergendo lo spauracchio del definitivo blocco dei lavori. Le Organizzazioni sindacali si sono immediatamente attivate chiedendo un incontro urgente con l’Assessore Falcone e con i vertici del Cas. L’incontro si è tenuto a Palermo nel corso del quale con sgomento abbiamo appreso che uniche possibilità rimaste in campo prevedevano o l’ipotesi della rescissione del contratto o la prosecuzione dei lavori sulla base di una ridefinizione dell’accordo consortile (tra Condotte e Cosedil) che aveva dato vita a CO.SI.GE. L’Assessorato e il Cas si stavano adoperando per sollecitare una soluzione “indolore” che consentisse la ripresa dei lavori nel giro di alcuni mesi. Nel corso di quello stesso incontro l’Assessore si dimostrava cautamente ottimista sull’esito positivo della vicenda e che comunque da parte sua c’era un costante impegno per seguire la vicenda attivandosi su tutti i tavoli (locali, regionali e nazionali). Da parte del Cas si sarebbe operato per dare corso quanto meno al pagamento dei creditori più deboli e più esposti. Il corso degli eventi successivi, che ha visto le OO.SS. impegnate quotidianamente in incontri con i lavoratori, le imprese, i fornitori e con costanti contatti con il Cas, non ha chiarito minimamente il quadro delle varie problematiche che sembrano ingarbugliarsi ogni giorno di più.Il cantiere è sostanzialmente è fermo, le maestranze non vengono pagate, i fornitori ancora attendono di essere saldati, la realizzazione e il completamento dell’importante infrastruttura sembra ormai definitivamente sfumata. Il territorio rischia di restare sfregiato da lavori che l’hanno solo devastato compromettendone l’equilibrio ambientale e idrogeologico, i lavoratori andranno ad incrementare la già ampia schiera dei disoccupati, molte imprese saranno costrette a chiudere i battenti e a licenziare a loro volta i propri dipendenti. Un’intera provincia letteralmente beffata. Nessuna responsabilità sociale stanno dimostrando le due imprese aggiudicatarie dei lavori che agiscono unicamente sulla base di un cinico calcolo di vantaggio e di “rapina” del territorio; la committenza e la Regione, a loro volta,  dimostrano di avere scarsa capacità di governare e orientare gli eventi coerentemente agli impegni assunti. Non possiamo accettare supinamente che tutto ciò porti all’esito nefasto da noi tutti paventato; non possiamo consentire ciò non solo per la perdita di posti di lavoro e di reddito che abbiamo già sofferto e che si prepara, a breve, a diventare ancora più consistente, non possiamo consentire che ciò accada perché un intero territorio e un’intera economia subirebbe un torto e una ferita che stenteremmo a sopportare oltre. E’ per queste ragioni che lanciamo un appello alla mobilitazione a tutte le istituzioni locali; alla nostra deputazione regionale e nazionale, alle forze sociali e politiche, al mondo dell’economia e delle imprese affinché arrivi forte e determinata la nostra richiesta perché l’opera non si blocchi e si possa concludere nei tempi prefissati”. Firmato Cgil-Cisl-Uil.

I segretari generali confederali  di Cgil (Peppe Scifo), di Cisl (Paolo Sanzaro) e Uil (Giorgio Bandiera) promuovono un pubblico incontro, per affrontare le problematiche relative al cantiere dei lotti autostradali Rosolini – Modica dove persiste lo stato di fermo dei lavori, per domani, mercoledì 28 febbraio alle ore 17.00 nei locali dello Spazio Cultura Meno Assenza a Pozzallo – via Vittorio Veneto 341. Sono stati invitati a presenziare i Sindaci interessati alla realizzazione del lotto autostradale, la deputazione del territorio, le organizzazioni produttive e di categoria.

SU TELE NOVA REPLICA BEDI TIEMPI

Settima bedi tiempi

L’ottava puntata di Bi cuntu… bi cantu… e vi raccuntu, la popolare trasmissione del gruppo poetico-narrativo-teatrale Bedi Tiempi, con Mario Tumino, Ciccio Schembari, Marinella Tumino, Enzo Trigili e Pippo Cerruto,   verrà replicata domenica 23 luglio alle 21 e alle 24 e lunedì alle 8, 14:30 e 18.

Si replica Bedi Tiempi

ciccio schembari a bedi tiempi

Domenica 16 luglio alle ore 21 e alle 24 e lunedì 17 alle 8, alle 14,40 e alle 18 va in onda su Tele Nova la replica della settima puntata della trasmissione Bi cuntu… bi cantu… e vi raccuntu con il gruppo poetico-narrativo-teatrale Bedi Tiempi con Mario Tumino, Ciccio Schembari, Marinella Tumino, Enzo Trigili e Pippo Cerruto.

A GRANDE RICHIESTA SU TELE NOVA LE REPLICHE DI BEDI TIEMPI

bedi sesta

La sesta puntata di Bi cuntu… bi cantu… e vi raccuntu, la popolare trasmissione del gruppo poetico-narrativo-teatrale Bedi Tiempi, con Mario Tumino, Ciccio Schembari, Marinella Tumino, Enzo Trigili e Pippo Cerruto,   verrà replicata domenica 9 luglio alle 21 e alle 24 e lunedì alle 8, 14:30 e 18.

Replica quinta puntata Bedi Tiempi

bedi p

Domenica 2 luglio alle ore 21 e alle 24 e lunedì 3 alle 8, alle 14,40 e alle 18 va in onda su Tele Nova la replica della quinta puntata della trasmissione Bi cuntu… bi cantu… e vi raccuntu con il gruppo poetico-narrativo-teatrale Bedi Tiempi.

Il presidente nazionale della Cna, Daniele Vaccarino, a Ragusa: Giuseppe Santocono rieletto per acclamazione presidente della Cna territoriale

Il presidente nazionale Daniele Vaccarino oggi a Ragusa

“E’ una sfida che dobbiamo vincere. Tutti assieme. Consapevoli, però, che la crescita sarà sostanzialmente differente rispetto alla stagione precrisi. Oggi le piccole e medie imprese devono sapere cogliere tutti i segnali del cambiamento. E adattarvisi traendone il massimo”. E’ il messaggio lanciato dal presidente nazionale della Cna, Daniele Vaccarino, sabato mattina ospite di primo piano nell’ambito della XV assemblea elettiva territoriale sul tema “Connessi al cambiamento” promossa dalla Cna Ragusa nel corso della quale è stato rieletto il presidente uscente Giuseppe Santocono, imprenditore di Vittoria. Vaccarino ha concluso gli interventi della parte pubblica dell’assemblea mettendo in luce le difficoltà con cui il Paese continua a confrontarsi, dalla burocrazia alla tassazione, tutti elementi che impediscono alle Pmi di spiccare il volo. “I lievi segnali della ripresa, in realtà – ha detto – sono sentiti in maniera più forte in alcune parti d’Italia, meno in altre zone. E, dobbiamo dire, non sentiti affatto in taluni settori come quello delle costruzioni e dei trasporti”. Il presidente Vaccarino, poi, si è soffermato sulla necessità di potere contare su un’Europa più unita. “I centri decisionali – ha sottolineato – sono distanti, dai cittadini ma anche dalle imprese con la promulgazione di leggi assolutamente inadeguate e penalizzanti. E però sappiamo che c’è bisogno di Europa per contare nel mondo e che il confronto tra economie è tra i grandi continenti”. Ad aprire i lavori, in mattinata, era stato il presidente uscente della Cna territoriale, Giuseppe Santocono, il quale aveva sintetizzato i quattro anni di attività. “Il prossimo mandato – ha sottolineato – si annuncia ancora più stimolante perché dovremo cercare di dare consistenza, di raccogliere i frutti, in sintesi, riferiti ai semi gettati nel corso di questi ultimi anni”. E a proposito di frutti, di sicuro interesse il protocollo definito oggi tra la Grtu-Malta Chamber of Smes, rappresentata dal presidente Paul Abela, e la Cna territoriale di Ragusa per uno scambio di rapporti imprenditoriali tra le due realtà, protocollo che, nei fatti, è stato “benedetto” dal presidente Vaccarino (il momento, propiziato dai rapporti avviati da Maurizio Scalone, vicepresidente provinciale Cna territoriale di Ragusa, è stato contrassegnato anche da uno scambio di doni tra le varie rappresentanze dell’isola dei Cavalieri e della Cna nazionale e territoriale). Durante la mattinata, poi, è stata data la parola alle imprese. In particolare, tre imprenditori hanno raccontato la loro esperienza, sottolineando i momenti positivi e quelli meno facili. Ad illustrare il proprio percorso sono stati Giuseppe Fernandez di Vittoria, Gianna Occhipinti di Ragusa e Veronica Falla di Scicli. Anche il presidente regionale di Cna Sicilia, Giuseppe Cascone, nel proprio intervento, ha messo in rilievo le difficoltà con cui le piccole e medie imprese isolane sono costrette a fare i conti a causa di una tassazione e di una burocrazia sempre più asfissiante. “E’ indispensabile – ha detto Cascone – cambiare immediatamente registro. O perderemo ancora altri punti di riferimento imprenditoriale sul nostro territorio che non riusciranno a superare questa fase della crisi che, purtroppo, nella nostra isola continua ad essere presente in maniera estesa”.

Si replica Bedi Tiempi

trigili

Domenica 18 giugno alle ore 21 e alle 24 e lunedì 19 alle 8, alle 14,40 e alle 18 va in onda su Tele Nova la replica della terza puntata della trasmissione Bi cuntu… bi cantu… e vi raccuntu con il gruppo poetico-narrativo-teatrale Bedi Tiempi.

A GRANDE RICHIESTA SU TELE NOVA LE REPLICHE DI BEDI TIEMPI

bedi tiempi prima

Bi cuntu… bi cantu… e vi raccuntu, la popolare trasmissione del gruppo poetico-narrativo-teatrale Bedi Tiempi, verrà replicata a partire da domenica 4 giugno con la prima delle dieci puntate realizzate, alle 21 e alle 24 e lunedì alle 8, 14:30 e 18.

Scroll To Top
Descargar musica