18-01-2021
Ti trovi qui: Home » Cultura e Spettacolo (pagina 60)

Archivio della categoria: Cultura e Spettacolo

LA BELLA GITANA DI ORNELLA GIUSTO

foto bella gitanaDomenica 6 luglio alle 21.30 al castello di Donnafugata a Ragusa l’attrice catanese, cresciuta a Ragusa, Ornella Giusto, si esibirà nel monologo “La bella gitana”, uno spettacolo in scena dal 2010, recentemente rivisitato con debutto a Roma al Teatro dell’orologio lo scorso 11 giugno.

RAGUSA, SANGIOVART 2014

festa_san_giovanni_battista_ragusaDue contest, musicali e fotografici, quattro categorie musicali, due bandi online per più di un mese, due giorni di festa dei talenti giovani in piazza. E’ ciò che sarà Sangiovart 2014, la rassegna ideata, nello scorso anno, dal Comitato Festeggiamenti di San Giovanni Battista e dalla Shine Records. L’iscrizione al contest musicale quest’anno è gratuita, e successivamente ad una prima preselezione se ne farà una successiva tramite registrazione di un provino: sarà questa fase finale che verrà richiesto un piccolo contributo ai partecipanti ritenuti idonei. Come nella scorsa edizione, la fase finale, quella appunto del 27 e del 28 con le esibizioni di tutti i finalisti, vedrà una giuria di qualità valutare le performance. Non sono ancora tutti noti i nomi, ma Giovanni ha potuto farne qualcuno: il maestro Angelo Privitera, tastierista di Franco Battiato, e il maestro Giovanni Cultrera, pianista e noto organizzatore di eventi musicali di rilievo. Molto probabile anche la presenza di una talent scout che lavora per etichette come Sony, Warner e Universal. Prevista, inoltre la presenza come ospite di una cantante proveniente dalla scuola di Fonopoli, la nota realtà creata da Renato Zero. Per quanto riguarda il photo contest, sarà nuovamente coordinato da Leandra Russo: a differenza del tema dell’anno scorso, dedicato alle “Sfumature di Sicilia”, quest’anno si chiamerà “#Monocromo, la magia del bianco e nero”. Stesse le modalità di partecipazione e svolgimento del contest rispetto l’anno scorso: iscrizione, prima votazione su Facebook (il punteggio sarà sempre calcolato per il 50% dai mi piace alla singola foto e per il 50% da punteggi di una giuria), esposizione a Palazzo Garofalo nei giorni della festa con votazione da parte dei visitatori con scheda apposita. Anche in questo caso l’iscrizione è gratuita e i vincitori saranno premiati il 28 Agosto sera. I due bandi per partecipare ai due contest e i relativi form per l’iscrizione saranno pubblicati online il primo luglio prossimo, sui siti www.sangiovanniragusa.it e www.shinerecords.it Il 28 agosto, inoltre, sarà l’occasione per un altro momento importante che chiuderà il festival: sarà infatti riproposto lo spettacolo artistico dedicato alla poetessa Mariannina Coffa, ideato da Stefano Vaccaro, che fu messo in scena a Marzo a Palazzo Garofalo, nel corso di “#cantiereculturalecentrale”.

 

Danilo Amione all’Erice International  Film Festival

cinepresa“Il silenzio di Michelangelo”, cortometraggio del ragusano Danilo Amione, ispirato alla poetica del grande cineasta ferrarese Michelangelo Antonioni, è stato selezionato per la I edizione del Festival internazionale del cinema di Erice, svoltosi dal 17 al 21 giugno scorsi nel centrale Teatro Gebel  Hamed della splendida cittadina medievale. Il film è stato inserito nel concorso della sezione “Sicilia in short” ,insieme ad altre nove opere, dopo una selezione di oltre trecento titoli giunti da ogni parte del mondo. La giuria composta da prestigiose personalità quali Roberto Andò, Valerio Caprara e Francesco Inaudi, ha decretato vincitore della sezione il documentario “Chi vuoi che sia” di Davide Vigore.

SPECCHIATI DI LUCIO MORANDO

Lucio Morando con Amedeo Fusco“Pittore  per la prima volta”: si definisce così Lucio Morando, artista di Chiaramonte Gulfi al suo esordio nel circuito espositivo. La sua prima personale, inaugurata lo scorso 20 giugno, si configura come un evento di grandissima rilevanza per il panorama artistico e culturale di Ragusa e provincia. E ancora una volta, ad ospitare “SPECCHIAti” (questo il titolo della mostra”), il centro commerciale “Le Masserie”, che si riconferma come fulcro non solo commerciale ma anche culturale per il territorio ibleo. Amedeo Fusco il promotore della mostra. L’invito è quello di “SPECCHIARSI” nelle sue opere, visionabili fino al 6 luglio, e di lasciarsi trasportare dai colori e dai mondi proposti al pubblico dall’artista con umiltà, generosità e fervida comunicatività cromatica.

Chiaramonte: riapre Palazzo Montesano

Palazzo Montesano Chiaramonte l'esternoDa oltre tre anni le sale espositive dell’ultimo piano di palazzo Montesano non erano fruibili. A causa dello sprofondamento di un solaio, infatti, una parte della Pinacoteca De Vita non risultava accessibile al pubblico. Grazie all’utilizzo di specifici fondi, adesso, sono stati affidati all’impresa  Divita Giuseppe i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza che assicureranno il solaio sprofondato e le sale sottostanti. “Un intervento necessario e indispensabile – commenta il sindaco Vito Fornaro – per riportare alla fruibilità l’ultimo piano del Palazzo Montesano che, grazie a queste splendide sale, sarà al centro delle attività culturali ed in particolare di programmate mostre espositive di artisti contemporanei e non, con conseguente aumento di visitatori ai musei già presenti nella nostra cittadina”. I lavori saranno completati a fine luglio.

Cinema Lumière

marina filmIl film “Marina” del regista Stijn Coninx con Luigi Lo Cascio e Donatella Finocchiaro sarà proiettato per l’ultima sera mercoledì 25 alle 19 e alle 21,30. Poi inizierà la stagione estiva all’arena di Casuzze  (Santa Croce Camerina).

Casting per il film “L’attesa”

cinepresaLa società Indigo film cerca comparse per il film “L’attesa”, che si girerà nei prossimi mesi in alcune splendide località del ragusano. Si ricercano comparse e figurazioni speciali (il lavoro sarà retribuito per i selezionati). L’invito a partecipare ai casting pubblici è esteso a uomini e donne dai 18 anni ai su. Si ricercano volti interessanti, antichi, adatti ad animare scene . Non è richiesta nessuna abilità specifica, chiunque può partecipare presentandosi ai casting muniti di fotocopia di documento di identità (non serve prenotarsi anticipatamente). I casting si terranno il  26 e 27 giugno dalle ore 9 alle ore19 a Ragusa, presso i locali del Centro Servizi Culturali di via Armando Diaz 56.

Grigio mare

Grigio mareE’ aperta da sabato 21 giugno, la Mostra Fotografica di Vito Campo dal titolo “Grigio Mare” presso Palazzo Cosentini a Ragusa che resterà visitabile tutti i giorni, fino al 4 luglio negli orari dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 18,00 alle 21,00.Ingresso gratuito

 

A IBLA IL CONCERTO DEI JUMPIN UP

JUNPIN UPUn secondo appuntamento con la musica, dopo quello di sabato scorso a Marina di Ragusa con i Biscuits out Machine è in programma domenica 29 giugno alle 21,30, in Piazza Gian Battista Hodierna a Ibla. “Questo secondo concerto della Jumpin’up, una swing band siciliana – dichiara l’Assessore alla cultura, beni culturali e spettacolo Stefania Campo –  è da considerarsi, come quello di sabato scorso a Marina, un“assaggio” all’Estate Iblea 2014 il cui programma verrà presentato alla stampa nei prossimi giorni”. La Jumpin’up è una band composta da 8 elementi,  abili musicisti di Rock & Roll, Swing, Jive e Old Rhythm and Blues  formatasi nel 2005 a Palermo, con l’intento di ricreare il sound originale dei brani degli anni 40 e 50, dal jump allo swing, il rhythm & Blues ed il Jive. Per l’occasione in Piazza G.B. Hodierna verrà l’installato un maxischermo per la proiezione in diretta delle partite degli ottavi di finale dei Mondiali di calcio.

Giornata del Rifugiato

Radiodervish5.400Una giornata per riflettere sulla condizione dei richiedenti asilo e rifugiati presenti nei vari Paesi del Mondo e, soprattutto, in Italia. Un’occasione che vuole anche rappresentare una festa, un momento di gioia da condividere al di là delle etnie e dei confini. La Giornata del Rifugiato si tiene venerdì i a Ragusa grazie all’organizzazione della Fondazione San Giovanni Battista, della cooperativa “Il Dono” e della “Caritas diocesana”. Realtà che da anni operano in stretto contatto con gli immigrati e, in particolar modo, con i richiedenti asilo e rifugiati. Si comincia alle ore 18 presso la Sala Avis con un convegno dal titolo “Il Mediterraneo dei Gentili”. Saranno presenti nomi importanti: da Giuliana Martirani, scrittrice e docente universitaria, a Oliviero Forti, responsabile nazionale dell’Ufficio Immigrazione della Caritas.  Il Mediterraneo verrà declinato come terra di sogni e di diritti che talvolta rischiano di essere negati. Momento gastronomico alle 20,30 presso l’Antico Convento di Ragusa Ibla;  consegna ai rifugiati, ospiti delle strutture di accoglienza, della Bibbia e del Corano da parte di S.E. Mons. Paolo Urso, Vescovo di Ragusa ed il concerto dei Radiodervish che si terrà sempre per venerdì alle ore 21,30 a Ragusa Ibla nella piazza antistante i Giardini Iblei.

VITTORIA JAZZ FESTIVAL

JAZZ FESTIVALTerzo appuntamento con il “Vittoria Jazz Festival music & Cerasuolo wine”, il cui programma prevede per venerdì 20 un concerto del “Nicola Mingo New Bop Quartet”, formato da Nicola Mingo alla chitarra, Antonello Vannucchi al pianoforte, Giorgio Rosciglione al contrabbasso e Gegè Munari alla batteria. Sabato 21 sarà la volta dell’“Emanuele Cisi NY3”, composto da Emanuele Cisi al sax tenore, Aldo Zunino al contrabbasso e Adam Pache alla batteria. Domenica 22 ad esibirsi sarà il “Terell Stafford Quartet”, con Terell Stafford alla tromba, Darryl Hall al contrabbasso, Danny Grissett al pianoforte e Roberto Gatto alla batteria. Tutti i concerti inizieranno alle ore 22.

Ragusa, workshop internazionale di progettazione

Il sopralluogo al teatro della Concordia in via Ecce HomoRotonda Maria Occhipinti ubicata in via Roma. Portico del Vescovado con annesso giardino. Piazza San Giovanni e palazzo Ina. Isolato urbano ex Teatro della Concordia. Ponte Nuovo e piazza Libertà. Area quartiere Carmine e Putie. Sono i sei siti dell’asse costituito da spazi che si snodano lungo la via Roma individuati dai promotori del workshop internazionale di progettazione “Un ponte tra le culture: dalla polis alla civitas” e che sono concepibili come possibili aree da riqualificare. Architetti e ingegneri, studenti dell’ultimo anno di corso o giovani architetti neolaureati o dottorandi in Master delle facoltà italiane di Architettura di Siracusa, Palermo, Milano e delle facoltà straniere di Parigi Sorbona, Madrid Politecnico, Algeri facoltà di Architettura, Tunisi facoltà di architettura, Stoccolma facoltà di Architettura, Accademia di Mendrisio, si stanno dando da fare, nell’ambito del laboratorio di progettazione voluto dall’Ordine degli architetti della provincia di Ragusa, dalla Fondazione Arch, dalla Cattedra Dialogo tra le culture della diocesi di Ragusa, in collaborazione con il Comune, per il recupero e la valorizzazione di alcune aree del centro storico superiore della città, luoghi di scambio di idee e di promozione sociale e spirituale. “I gruppi di lavoro degli studenti delle varie Università coinvolte – dice il presidente della Fondazione Arch, Gaetano Manganello – saranno seguiti da tutor che svilupperanno insieme con gli studenti i progetti proposti. Alla fine del lavoro del workshop, si svolgerà una presentazione dei risultati, con una premiazione del progetto più interessante ad opera di una giuria formata da esperti nelle tematiche del workshop”.

PROGETTO “DIREZIONE CASTELLO”

DSCF8950Tantissimi alunni della Scuola Media Vann’Antò, accompagnati dai genitori e numerosi docenti, hanno animato martedì sera il Castello di Donnafugata. La visita all’antico maniero di proprietà comunale è stata programmata per presentare il lavoro svolto dagli alunni dell’istituto scolastico della città, nell’ambito del progetto “Direzione Castello” che è stato sviluppato a seguito della sottoscrizione di un protocollo d’intesa  tra il Comune di Ragusa e l’Istituto Vann’Antò. Gli studenti, guidati dai docenti della scuola e dal dott. Saro Distefano, hanno avuto modo di studiare e conoscere, anche attraverso visite guidate dei nostri giacimenti culturali ed ambientali, il territorio, soffermandosi in particolar modo sul Castello di Donnafugata. Per questo bene culturale hanno avuto modo di curare la stampa di un pieghevole tascabile che sintetizza le informazioni più importanti, supportate da alcune belle immagini a colori. Questo lavoro, ed alcuni brevi filmati sul Castello, realizzati sempre dagli alunni, sono stati presentati ieri sera all’interno del cortile su cui si affacciano le stanze nobiliari del Castello di Donnafugata, presenti il dirigente scolastico Rosario Pitrolo, l’Assessore ai beni culturali Stefania Campo, il prof. Gaetano Cosentini. Quest’ultimo ha presentato il pieghevole realizzato dai ragazzi che è stato impostato – ha affermato –  “in maniera originale, come se l’invito alla visita alla dimora nobiliare ed al parco annesso con alcune informazioni di carattere storico, venisse rivolto al visitatore da un redivivo Barone Corrado Arezzo, la cui foto è  riprodotta all’interno del pieghevole assieme ad alcune immagini emblematiche del Castello”. A fine serata è intervenuto anche il Vescovo Mons. Paolo Urso che ha voluto personalmente complimentarsi con la Scuola Vann’Antò per avere portato avanti questo brillante progetto.

Mostra di Lucio Morando alle Masserie

Lucio Morando con Amedeo FuscoÈ stata presentata in conferenza stampa al centro commerciale “Le Masserie” di Ragusa la prima mostra personale dell’artista Lucio Morando. La mostra del pittore di Chiaramonte Gulfi è intitolata “Specchati” e aprirà i battenti il 20 giugno alle ore 19:30, per terminare il 6 luglio, e saranno esposte ben trenta opere. Alla conferenza stampa erano presenti il curatore della mostra Amedeo Fusco, Lucio Morando, Melania Canzonieri ed Erika Criscione di “Beauty Regeneration Ragusa” che, assieme a “4mani” di Chiaramonte e “C’era Una Volta” di Roccazzo, sostengono l’evento. Il critico d’arte Rosario Sprovieri descrive così l’opera e la mostra di Lucio Morando: “La pittura di Lucio Morando annuncia primavera; lo fa svelando da uno scrigno assai prezioso l’aria, il tempo, le sfumature e gli arcobaleni della stagione di ogni gioia. La visione delle opere risulta piacevole, calda, lieve, come una carezza sulle gote di un bambino”.

IL FORMAGGIO RAGUSANO SU RAI UNO

vissaniOttenuto il riconoscimento ministeriale, l’attività del Consorzio per la Tutela del formaggio Ragusano Dop comincia a dare i suoi significativi ed incoraggianti frutti. Il formaggio tipico degli iblei è sempre più apprezzato e continua a richiamare interessi sempre più importanti non solo sul piano commerciale ma anche, per il suo straordinario valore, per la preparazione di ricette per la cucina di qualità. Martedì la Rai, con il noto chef e gastronomo, oltre che conduttore televisivo, Gianfranco Vissani, ha registrato a Ragusa le immagini riferite alla lavorazione del latte per la produzione del Ragusano con denominazione di origine protetta, attraverso l’ottenimento della cagliata, la filatura manuale, il passaggio in salamoia, la stagionatura ed infine la sua marchiatura da parte dell’Ente certificatore riconosciuto ed autorizzato dal Ministero delle Politiche Agricole. La troupe è intervenuta, principalmente, presso l’azienda agricola-zootecnica di Giuseppe Occhipinti, che da qualche mese è il presidente del Consorzio di Tutela, riprendendo ed approfondendo tutte le fasi della lavorazione mentre Vissani, che è rimasto favorevolmente impressionato e, da esperto culinario, ha espresso tutto  il suo entusiasmo nel registrare l’impegno familiare profuso all’ottenimento di un prodotto di grande pregio nel rigoroso rispetto del disciplinare di produzione che impone l’utilizzo di  attrezzature tradizionali in legno. Particolare attenzione è stata rivolta alla marchiatura di ogni forma, che, oltre a garantire il possesso di tutti i requisiti richiesti, ne consente la totale tracciabilità grazie alla numerazione unica per ogni singola forma per mezzo di una matrice caseinica di colore verde, il tutto a garanzia dei consumatori che possono in qualsiasi momento risalire all’azienda produttrice, al latte utilizzato, ai locali ove è stata effettuata la stagionatura.  Oltre che per promuovere un formaggio di grande qualità, l’iniziativa è propedeutica alla preparazione, da parte di Vissani, di una ricetta e di un piatto che, insieme alle riprese effettuate, saranno presentati nel corso della trasmissione  La vita in diretta su  Rai uno.

 SABATO PROSSIMO UN CONCERTO A MARINA DI RAGUSA PER DARE IL BENVENUTO ALL’ESTATE 2014  

biscuit out machineL’Assessorato alla cultura, beni culturali e spettacolo, retto da Stefania Campo, ha organizzato per il prossimo fine settimana a Marina di Ragusa un concerto di “Benvenuta Estate 2014”.Lo spettacolo, che si inserisce nell’ambito della giornata dedicata alla “Festa della Musica europea”, si terrà, sabato 21 giugno, alle ore 22,30,  in Piazza Duca degli Abruzzi, e vedrà sul palco la storica band ragusana “Biscuits out Machine”. Intanto l’Assessorato alla cultura informa che la manifestazione artistica socio-culturale ”Voci nel Silenzio” inserita nel  programma “Ragusa in Fiore” che si sarebbe dovuta svolgere domani, mercoledì 18 giugno, alle ore 20,30, presso l’auditorium della Scuola dello Sport, è stata annullata dal Centro Antiviolenza per problemi organizzativi.

Fiori rosa, fiori di pesco

fiori-pesco_mManifestazione musicale a cura dei ragazzi del  Centro Diurno del Dipartimento di Salute Mentale di Ragusa. Direzione Artistica M° Antonella Rollo venerdì 20 giugno alle ore 10,00 al Centro Servizi Culturali (Via A Diaz, 56) Ragusa. Ingresso libero.

Premio Città di Ragusa

comune di ragusa 2Fino al 23 giugno prossimo è possibile inviare le segnalazioni per il premio speciale “Città di Ragusa”, inserito all’interno della manifestazione “Ragusani nel Mondo” e dedicato a quei cittadini ed associazioni iblee che, con la loro attività, hanno dato lustro alla nostra città. Le segnalazioni da parte dei cittadini (corredate da materiale a supporto della candidatura) possono infatti essere trasmesse alle mail [email protected][email protected] o in formato cartaceo al  protocollo del Comune di Ragusa. Subito dopo la chiusura della fase preliminare di raccolta delle candidature, un’apposita commissione composta dagli organizzatori dell’evento e dall’amministrazione comunale, indicherà una rosa di tre nomi, dalla quale, attraverso un sondaggio aperto sul web, i cittadini potranno scegliere il soggetto più meritevole, che sarà premiato in occasione della manifestazione in programma il prossimo 2 agosto.  “Un’occasione importante – spiega il sindaco, Federico Piccitto – per garantire il giusto riconoscimento ai  nostri concittadini che, attraverso il loro impegno e le loro capacità, hanno rilanciato nel mondo l’immagine migliore di Ragusa”.

Ragusa, workshop internazionale di progettazione

I partecipanti al workshop con mons. Urso sulla scalinata del vescovado“E’ importante fare in modo che le città abbiano un respiro legato all’accoglienza. Chi vive in una città potrebbe benissimo stare chiuso nella stessa e spiegare che non ha alcun interesse nei confronti degli altri, di chi arriva da realtà tra le più disparate. Il quale, chi arriva, si trova, così, quasi a disagio. Ecco, occorre pensare al rinnovamento delle città perché possano avere questo respiro universale in quanto, di fatto, siamo tutti appartenenti a questa grande famiglia, che è la famiglia umana”. Queste le parole del vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Paolo Urso, nel dare il via, questa mattina, ai lavori del workshop internazionale di progettazione “Un ponte tra le culture: dalla polis alla civitas” che si tiene al vescovado di via Roma sino a sabato 21 giugno, promosso dall’Ordine degli architetti della provincia iblea, dalla fondazione Arch, dalla cattedra Dialogo tra le culture della Diocesi con la collaborazione del Comune di Ragusa.  Nella fase iniziale della mattinata sono intervenuti, per i saluti, l’assessore comunale ai Centri storici e all’Urbanistica, Giuseppe Dimartino, il presidente del Consiglio comunale, Giovanni Iacono, Domenico Buzzone della Soprintendenza di Ragusa. Ad illustrare le motivazioni del workshop sono stati il presidente della Fondazione Arch, Gaetano Manganello, Giuseppe Di Mauro della cattedra “Dialogo tra le culture” e il presidente dell’Ordine, Giuseppe Cucuzzella. “Abbiamo chiarito – afferma quest’ultimo – che il recupero del centro storico superiore deve concretizzarsi non solo dal punto di vista urbanistico e architettonico ma anche sul piano dell’integrazione sociale con le comunità che vi abitano in questo momento. Ho anche evidenziato che la comunità degli architetti in questi ultimi giorni si è riunita a Lampedusa per affrontare il tema dell’accoglienza e dell’integrazione all’insegna dello slogan “Architettura per tutti”. Ecco ritengo che questa possa essere una buona base di partenza anche per il tipo di itinerario che intendiamo portare avanti con riferimento a questo workshop di progettazione”. Lo storico dell’arte Giorgio Flaccavento, dell’associazione “Insieme in città”, ha invece fissato i punti fermi “per renderci conto di come operare nel centro storico di Ragusa superiore. Ho precisato, infatti – aggiunge – che la città è una delle poche a potere contare su due centri storici, l’attuale Ibla e quello che si chiama Ragusa centro, che furono addirittura due comuni distinti e separati dal 1865 al 1927. Questa divisione ricalcava quella che fu fatta dopo il terremoto del 1693 quando, nel 1695, i cosiddetti “sangiovannari”, trasferendosi in parte sul Prato, ottennero la possibilità di istituire una nuova città che fu chiamata “Ragusa nuova” mentre Ibla rimase racchiusa nei confini parrocchiali del Duomo di San Giorgio. La cosa non durò molto. E però, come sappiamo, i conflitti rimasero”. E’ stato dato il via, inoltre, al sopralluogo nelle aree di progetto lungo l’asse Rotonda via Roma-piazza Libertà. Gli elaborati saranno predisposti dagli studenti delle varie Università partecipanti al workshop. Domani, dalle 9 alle 18, il workshop proseguirà con lo svolgimento delle attività di laboratorio nelle aule didattiche dell’istituto teologico, sempre al Vescovado di via Roma. Quindi alle 18 ci sarà la relazione del prof. Domenico Paoletti della facoltà teologica San Bonaventura di Roma sul tema “Eternità e tempo: la dimensione qualitativa del tempo e la tradizione dell’otium tra filosofia e teologica”. Alle 19 il prof. Luis Moya dell’Escuela politecnica di Madrid relazionerà su “La rigenerazione del patrimonio esistente: l’esempio spagnolo” mentre alle 20 sarà la volta della prof. Patrizia Ingallina della Sorbona di Parigi che parlerà delle “Attrattività delle aree centrali nelle piccole e medie città”.

Scroll To Top
Descargar musica