23-05-2017
Ti trovi qui: Home » Istruzione

Archivio della categoria: Istruzione

SE LA SCUOLA FOSSE UN LUOGO DEL CUORE, CONVEGNO VENERDI’ POMERIGGIO A RAGUSA

Se la scuola fosse un luogo del cuore

“Se la scuola fosse un luogo del cuore” è il titolo del convegno promosso dalla cooperativa sociale Cos in collaborazione con l’Ordine degli psicologi della Regione Sicilia e l’Ufficio scolastico provinciale, in programma venerdì alle 15 all’auditorium dell’istituto Gagliardi, in viale dei Platani 180, di Ragusa. “Un convegno, come spiega il presidente della Cos, Antonino Marù, che si propone di affrontare le tematiche inerenti la crescita psicologica a scuola e la dimensione del benessere psico-sociale degli alunni”. Destinatari dell’iniziativa genitori, dirigenti scolastici, docenti, alunni, psicologi, assistenti sociali, educatori, operatori del terzo settore. Saranno presenti Giusy Castriciano, psicologa, referente area scuola dell’Ordine regionale degli psicologi; Pina Filippello, professore associato di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione dell’Università di Messina; Salvo Libranti, psicologo e psicoterapeuta; Antonino Marù, psicologo e psicoterapeuta; Giovanna Piccitto, dirigente dell’istituto di istruzione superiore Galileo Ferraris; Giancarlo Pintus, psicologo e psicoterapeuta; Enrico Platania, avvocato, presidente della Camera penale degli iblei; Antonella Rosa, dirigente dell’istituto di istruzione superiore Fabio Besta; Giovanna Triberio, psicologa e psicoterapeuta, che avrà il compito di moderare i lavori. Porterà i propri saluti anche Fulvio Giardina, presidente dell’Ordine nazionale degli psicologi italiani. Saranno lanciate delle proposte operative su come organizzare laboratori con i gruppi-classe. Laboratori da intendere come officina della mente, luoghi di riflessione sulla costruzione della propria identità. L’obiettivo è la ricerca del benessere nella crescita psicologica degli studenti. Ai partecipanti sarà regalato il volumetto di 76 pagine dal titolo “Crescita psicologica e danza educativa” diretto a genitori e docenti. Il convegno è aperto a tutti, la partecipazione è gratuita ma è necessario prenotarsi inviando un Sms o un messaggio tramite WhatsApp al numero 347-2602807 oppure al numero 339-5794193 con la dicitura “Convegno se la scuola”, il proprio cognome, nome e professione.

IL 12 MAGGIO A RAGUSA CONVEGNO PER PARLARE DI PERSONALITA’, FORZA SOCIALE, EMOZIONI E DIVERSITA’

Convegno cooperativa Cos

Dentro la scuola i nostri figli apprendono conoscenze, ma soprattutto regole di vita. Costruiscono la loro personalità. Che luogo è la scuola? Una scuola sintonizzata sui bisogni formativi ed emotivi dei ragazzi, è un luogo del cuore. Una scuola centrata sul rendimento è un luogo di competizione, un luogo che può appartenere solo ai “numeri primi”. Parte da questi presupposti il convegno promosso dalla cooperativa sociale Cos in collaborazione con l’Ordine degli psicologi della Regione Sicilia e l’Ufficio scolastico provinciale in programma il 12 maggio, a partire dalle 15, all’auditorium dell’istituto Gagliardi a Ragusa, in viale dei Platani 180 sul tema: “Se la scuola fosse un luogo del cuore… La crescita psicologica a scuola e in famiglia”. “In questo convegno – dice il presidente della Cos, Antonino Marù – si parlerà di personalità, forza sociale, emozioni, rapporto col proprio corpo, cultura della diversità e, ancora, su come prevenire i fenomeni del bullismo e del femminicidio. Tematiche che riguardano tutte le famiglie e tutti gli adolescenti. Lanceremo proposte operative su come organizzare laboratori con i gruppi-classe. I laboratori possiamo intenderli come officina della mente, luogo di riflessione sulla costruzione della propria identità. L’obiettivo è intercettare precocemente le fragilità evolutive e cercare di modificarle”. Destinatari dell’appuntamento saranno dirigenti scolastici, docenti, alunni, genitori, psicologi, assistenti sociali, educatori, operatori del terzo settore. Il convegno è aperto a tutti. La partecipazione è gratuita ma è necessario prenotarsi inviando un sms o un messaggio tramite WhatsApp al numero 347.2602807 oppure al numero 339.5794103 con la dicitura “Convegno se la scuola”, il proprio cognome, nome e professione. A tutti i partecipanti, all’atto della consegna dell’attestato, sarà distribuito in omaggio il volumetto “Crescita psicologica e danza educativa” edito dalla cooperativa sociale Cos.

SE LA SCUOLA FOSSE UN LUOGO DEL CUORE

antonella-rosa-e-antonino-maruUn’assistenza psicologica nel contesto scolastico, inteso come luogo in cui si collezionano esperienze positive che aiutano a crescere e a potenziare l’autostima degli studenti. E’ questa la finalità del progetto attivato dalla cooperativa sociale Cos nel biennio dell’istituto tecnico Fabio Besta di Ragusa. Frutto dell’intesa tra la dirigente scolastica Antonella Rosa e il presidente della coop, Antonino Marù, con il patrocinio dell’ufficio scolastico provinciale diretto da Gianna Criscione, il progetto denominato “Se la scuola fosse un luogo del cuore” si propone di rispondere a una vera e propria emergenza educativa che spesso e volentieri non si riesce a colmare. “Perché la scuola ha sete – sottolinea la dottoressa Rosa – ha molto bisogno di educare la persona prima ancora che istruire, abbiamo bisogno che ai nostri ragazzi sia posta con la dovuta attenzione la dimensione della persona, dell’affettività, dell’emotività. La scuola, come recita il titolo del progetto, è anche il luogo del cuore, lo deve essere. Il progetto ha come presupposto teorico la psicologia della salute e del benessere, secondo cui ogni ragazzo dovrebbe impegnarsi a diventare una persona migliore. A tal fine le attività laboratoriali con i gruppi classe hanno lo scopo di avviare una riflessione su come costruire l’identità di ciascuno, avviando le aree che possano essere rese migliori. I primi riscontri del progetto sono positivi. Dirò di più. L’averlo attivato è già un successo perché nel momento in cui si pongono sotto luce determinati aspetti, significa dare degli input, scuotere gli animi. Poi c’è anche l’idea di coinvolgere i genitori. Ed è questo un altro capitolo entusiasmante visto e considerato che la scuola ha come mandato istituzionale quello di formare le persone”. Il dott. Marù scende più nello specifico delle finalità del progetto in questione. “A motivo della crescente dispersione genitoriale dalla vita dei figli – sottolinea – la famiglia è diventata l’anello debole della catena educativa, la frase comune “fare il genitore è il mestiere più difficile del mondo” sembrerebbe assolvere il disimpegno all’esercizio di una genitorialità efficace. Per questo il progetto prevede anche uno o più incontri assembleari con i genitori degli alunni coinvolti in questa iniziativa”.  Il progetto si rivolge alle classi del biennio. Sono previsti 4-5 incontri per ogni gruppo. Alla fine ci sarà un convegno in cui saranno illustrati i risultati ottenuti.

 

 

RAGUSA, NASCE L’ISTITUTO MUSICALE “GIUSEPPE VERDI”

downloadAlle ore 11 di questo giovedì 17 novembre, presso la Sala Giunta,  i rappresentanti dell’Amministrazione comunale, dell’Istituto musicale “Vincenzo Bellini” di Catania e dell’Associazione Culturale Musicale “San Giorgio 1892” sottoscriveranno una convenzione per l’avvio dell’attività di collaborazione volta alla formazione e diffusione della cultura musicale tra i giovani attraverso corsi promossi dall’Istituto Musicale “Giuseppe Verdi”, creato dall’associazione ragusana. Nell’ambito di tale intesa il Comune di Ragusa si impegna a fornire, per tre anni, rinnovabili una sola volta,  due locali  del seminterrato di via Solarino. Come contropartita l’Istituto Musicale Giuseppe Verdi organizzerà ogni anno, a proprie spese, una stagione concertistica.

 

 

SESTA EDIZIONE PER IL CONCORSO “CARO DIARIO, TI SCRIVO…” DEDICATO ALLA MEMORIA DELLA DOCENTE ANTONELLA LICITRA

antonella licitraRitorna il concorso di scrittura creativa “Caro diario, ti scrivo…”, un’ulteriore occasione per ricordare e rendere omaggio ad Antonella Licitra, moglie dall’artista Sandro Bracchitta, prematuramente scomparsa qualche anno fa. Ed è con questo intento che ogni anno il concorso, giunto alla sua sesta edizione, viene riproposto nell’Istituto Comprensivo ”Vann’Antò” di Ragusa, dove Antonella insegnava. Il concorso è rivolto agli alunni delle III classi delle scuole secondarie inferiori del Comune di Ragusa. La cerimonia di premiazione si svolgerà questo venerdì 20 alle ore 18:00 all’auditorium dell’istituto scolastico. “Il concorso di scrittura creativa, voluto fortemente da noi familiari e dagli amici di Antonella –spiega Sandro Bracchitta – intende incoraggiare nei giovani la passione che Antonella nutriva per la lettura e per la nobile arte della riflessione. Fortemente convinta dell’altissimo valore dell’insegnamento, era una donna e un’insegnante che aveva fatto della misura e della discrezione la sua cifra più rappresentativa. A queste caratteristiche di Antonella e al suo amore per la vita e per la bellezza ci piace dedicare il concorso”. Al primo classificato andrà un computer portatile mentre al secondo e terzo classificato dei buoni libro. La giura, presieduta dall’artista Sandro Bracchitta, è composta da Vincenzo Antoci, Francesco Cavalieri, Lucinda Di Pietro, Pina Leone, Angelo Licitra, Carmela Muscarà, Salvatore Schembari e Sandro Tumino. Ogni anno un differente artista ha voluto rendere omaggio alla memoria di Antonella Licitra offrendo una propria opera per la realizzazione della grafica dell’evento. Quest’anno è stato Giuseppe Colombo, artista del Gruppo di Scicli, con un olio su tavola del 2009 dal titolo “Mandorleto”. Un’immagine molto delicata e carica di sentimento che ben rappresenta la figura di Antonella. Ci sarà anche un momento teatrale con l’attrice Cristina Gennaro che leggerà i testi dei vincitori.

RAGUSA, INTERROGAZIONE SUL SERVIZIO SOCIO PSICOPEDAGOGICO NON AVVIATO

puzzle1I consiglieri comunali del Pd, Mario D’Asta e Mario Chiavola, hanno presentato una interrogazione per sollecitare la Giunta municipale a fornire delle risposte precise sul servizio socio-psico-pedagogico che da 35 anni opera nelle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie della città. “Ci chiediamo perché – spiegano i due esponenti Dem – essendo stata avviata la consueta procedura del bando per l’affidamento del servizio per 18 mesi, aperte le buste, selezionate le cooperative ammesse, sorteggiati i due esperti dell’Urega, questa procedura si interrompa prima dell’affidamento e ci si dedichi a indire una procedura negoziata per scegliere una cooperativa che effettui il servizio sino alla fine dell’anno scolastico. E’ un illogico dispendio di energie, di risorse, di tempo, di impegno, di soldi, quando nell’arco di un paio di settimane tutto si sarebbe concluso. Non comprendiamo il motivo per cui il tempo per concludere la gara si stia dedicando a questa ulteriore procedura. Sembra, inoltre, che la Lega delle Cooperative ed il coordinamento territoriale Confcooperative di Ragusa, analizzando i costi previsti dal decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 10 aprile 2013, abbiano fatto rilevare che la somma posta a base d’asta, per questa inutile procedura negoziata, è del tutto insufficiente a retribuire il personale. Inoltre, l’affidamento viene attribuito a chi presenta il massimo del ribasso economico. Si tratta di un principio, con tutta evidenza, contrario ai nuovi orientamenti che parlano di “offerta più vantaggiosa”, cioè il giusto equilibrio tra il ribasso e la qualità delle prestazioni previste dal progetto. Con l’avvento dei principi comunitari, l’aspetto della tutela del principio della concorrenza si è affiancato a quello della tutela dell’interesse pubblico alla corretta e tempestiva esecuzione del contratto ed è, anzi, divenuto “prioritario. L’amministrazione ha riportato indietro di 35 anni il servizio, che era diventato efficiente, efficace e soprattutto professionalizzato, grazie all’esperienza degli operatori, attraverso i bandi di durata triennale, e non della durata di 18 mesi come in questo caso, interrompendolo per lunghi periodi (addirittura un anno e mezzo), danneggiando non solo gli operatori, ma soprattutto i fruitori del servizio, cioè le scuole”. I due consiglieri invocano quindi l’attenzione della commissione trasparenza.

Olimpiadi di Problem Solving

psolving2[1]Nella competizione delle Olimpiadi di Problem Solving (Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell’obbligo ) indetta dal Ministero per le scuole di ogni ordine e grado la squadra Genius 2.0 dell’Istituto Comprensivo Quasimodo si classifica prima in Sicilia e prima a pari merito con il Friuli Venezia Giulia fra le regioni italiane. Fanno parte della squadra vincitrice gli alunni Flavia Tumino, Alessia Di Stefano, Claudio Arancio Febbo e Andrea Spatuzza. Le olimpiadi hanno visto varie fasi di selezione e la Secondaria di I grado “ Quasimodo” è stata scelta anche come polo ospitante delle altre squadre della provincia per questa fase regionale. Le competizioni sono articolate in tre fasi (istituto, regionale e nazionale) precedute da un periodo di allenamento e si svolgono: a squadre, costituite da quattro allievi e individuali. Nella prova individuale si sono classificati 3 ragazzi della Quasimodo: Astrid Elia, Andrea Baglieri e Alyssa Zhou. I ragazzi hanno avuto come referenti gli insegnanti Alessandra Ragusa e Giorgio Guastella. Il massimo punteggio di 100 ottenuto dalla squadra Genius 2.0 la pone anche al primo posto fra le regioni d’Italia insieme al Friuli ma sarà la fase nazionale, che si terrà a Cesena il 23 Aprile 2016, a decretarne il vincitore. Le Olimpiadi di Problem Solving servono a valorizzare le eccellenze. I quesiti di logica loro proposti hanno messo alla prova tutte le discipline, dalla matematica, all’inglese , all’italiano e al giornalismo. Le prove hanno avuto la durata di 90 minuti per la risoluzione di un insieme di problemi scelti dal Comitato organizzatore. La competizione è gestita da un sistema automatico sia per la distribuzione dei testi delle prove sia per la raccolta dei risultati e la loro correzione. Durante lo svolgimento delle prove (gare di istituto, gare regionali) le squadre e gli studenti partecipanti hanno potuto servirsi anche di propri dispositivi digitali collegati a internet; durante la finalissima sia a squadre che individuale è possibile utilizzare solo un computer collegato a internet.

Gli alunni del liceo “G. Carducci” di Comiso alla fase regionale delle Olimpiadi di Scienze Naturali

IMG_0833A partecipare saranno alcuni alunni della sezione scientifica, Anthony Cassibba, Alessio Giummarra, Nicolò Garaffa ed Elio Liardo per il biennio e Ettore Mustaccio, Lorenza Incremona, Claudio Terranova ( sez. biologia), Beatrice La Terra, Maria Antoci, Filippo Failla (sez.Scienze della Terra)per il triennio. La fase regionale si svolge a Messina. “Ancora una volta i nostri alunni si distinguono per la preparazione puntuale e approfondita e possono partecipare a gare di grande rilievo; per loro è un’occasione importante di confronto con alunni di tutta la Sicilia-ha detto il dirigente scolastico, dott.ssa Caterina Giudice- che arricchisce il patrimonio delle loro conoscenze e permette loro di fare esperienza sul campo e di mettersi alla prova anche di fronte a realtà diverse”.

I LABORATORI DI STORIA DELL’ARCHIVIO DEGLI IBLEI PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI

archiviostoriaLe Associazioni degli insegnanti Aspei, Uciim, Aimc, enti ufficialmente riconosciuti per la formazione del personale della scuola, collaborano alla realizzazione dei Laboratori di storia che l’Archivio degli Iblei ha organizzato con il Comune di Ragusa e il Consorzio Universitario Ibleo . “Al di là degli accrediti ufficiali dei partner, che garantiscono la validità dell’iniziativa anche ai fini della formazione obbligatoria richiesta da quest’anno dal Ministero, a tutti i docenti, le modalità e le finalità dei laboratori di storia rispondono perfettamente alle indicazioni del Ministero, come esplicitate nella nota emessa lo scorso 7 gennaio 2016”, afferma Chiara Ottaviano che dell’Archivio degli Iblei è l’originaria animatrice. “ Non solo fra le finalità vi è l’acquisizione delle competenze digitali e per l’innovazione didattica e metodologica a cui il Ministero fa specifico riferimento ma più in generale le attività previste sono perfettamente conformi al nuovo modello di formazione, che vede gli insegnanti come i soggetti attivi della proposta”. Ciascun laboratorio è articolato in 4 incontri seminariali (3h per ogni incontro) più un 5° incontro dedicato a esercitazioni di laboratorio. Seguirà una fase di attività di lavoro con le classi che si concluderà in momenti di comunicazione all’esterno attraverso modalità diverse. Il 1° laboratorio, intitolato Oltre al fronte. La Grande Guerra raccontata dagli Iblei, si concluderà con la valorizzazione dei risultati di ricerca delle classi coinvolte attraverso una nuova edizione dello spettacolo Oltre al fronte destinato a un pubblico generico e alle scuole in particolare. Il 2° laboratorio, Le nostre Storie, scoprirle, raccontarle, farle conoscere (anche su Wikipedia), avrà una sua prima conclusione con la pubblicazione di nuove voci su Wikipedia. Nei mesi successivi, Luglio- Settembre 2016, avverrà la raccolta e l’analisi dei risultati di ricerca dei  diversi gruppi di lavoro per la loro valorizzazione attraverso la pubblicazione sul portale dell’Archivio degli Iblei. Per i dettagli del programma, le docenze, il calendario e il modulo di iscrizione si rimanda al sito www.archiviodegliiblei.it Le iscrizioni dovranno pervenire all’indirizzo [email protected] entro il 10 febbraio.

RAGUSA, PUBBLICATO IL BANDO PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOCIO PSICO PEDAGOGICO

imagesSul sito del Comune è pubblicato il bando di gara per l’affidamento, per la durata di 18 mesi, del servizio socio psico pedagogico con base di gara fissata in € 768.000,00. L’appalto riguarda l’espletamento di tale tipo di servizio nelle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado del Comune svolto da un’ équipe multiprofessionale che ha il compito di affiancare l’amministrazione comunale e le istituzioni scolastiche per favorire il benessere e contrastare il fenomeno della dispersione scolastica. Il termine indicato nel bando per la presentazione delle offerte è fissato per le ore 12 del 1° marzo 2016.

NUOVI CORSI DI FORMAZIONE A JOBBING CENTRE RAGUSA

Lo staff di Jobbing Centre RagusaNelle sedi di contrada Puntarazzi e di via San Luigi saranno avviati, a giorni, i corsi gratuiti per maggiorenni, disoccupati e non pensionati. I corsi riguardano le lingue (inglese, tedesco e spagnolo), contabilità, gastronomia e saranno tenuti da tutor specializzati. “Le risposte ottenute durante il 2015 – dice l’amministratore unico di Jobbing Centre, Giansalvo Allù – ci hanno spinto a consolidare ulteriormente i corsi che ci hanno regalato maggiori soddisfazioni, sia per quanto riguarda le presenze, sia con riferimento agli sbocchi occupazionali”. Per informazioni e per iscriversi ai costi si può chiamare il numero 0932 1865244.

Due riconoscimenti per gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Galileo Ferraris” di Ragusa

foto studenti alberghiero FerrarisI ragazzi dell’indirizzo enogastronomico, articolazione sala, guidati dal prof. Giorgio Comitini, hanno ricevuto il primo premio “La mis en place”, organizzato dall’Amira – sezione di Ragusa nella cornice della rinnovata Villa Fortugno, per aver curato il miglior allestimento nell’apparecchiare la tavola e nella sistemazione dei coperti. L’espressione francese “mise en place”, che dà il titolo al premio, letteralmente significa “messa sul posto” e indica la preparazione di tutto il materiale necessario per un corretto servizio. Gli studenti del triennio del Liceo Artistico, coordinati dai docenti Alessandra Marino e Vincenzo Cicardo, hanno ricevuto una speciale menzione e la pubblicazione delle opere in sede congressuale al concorso sul tema dell’Educazione Sanitaria, indetto dall’Assessorato Regionale della Salute, al quale hanno partecipato 65 scuole di ogni ordine e grado della Sicilia. Il Dirigente dr. Salvatore Requirez presidente della commissione di valutazione del concorso, comunicando il riconoscimento, ha espresso agli studenti e agli insegnanti il compiacimento per la meritata menzione per il “valore dei contenuti educativi” manifestato dalle opere realizzate, esposte a Palermo a Castell’Utveggio presso il Cerisdi. La dirigenza dell’istituto “Ferraris” di Ragusa esprime viva soddisfazione per i risultati raggiunti dagli studenti, frutto di un seria applicazione nel lavoro didattico, e per il lavoro educativo svolto dai docenti nell’apporto professionalizzante dato agli allievi.

ASPETTI DELLA VITA QUOTIDIANA NEL MEDITERRANEO

155Ha preso il via questo giovedì il progetto didattico Aspetti della vita quotidiana nel Mediterraneo promosso dalla Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Ragusa e indirizzato Istituti Superiori della Provincia di Ragusa. Il progetto prevede una serie di seminari svolti da archeologi ed esperti che avranno come argomenti Simposio ed efebia nel mondo classico (Saverio Scerra), Cucina ed Alimenti nel medioevo (Salvina Fiorilla), Banchetto funebre nell’antichità (Annamaria Sammito), Ruolo della donna nell’antichità (Rosalba Panvini), Anfore e storia. Cultura materiale e storia economica del mediterraneo (Giovanni Distefano), Alimentazione nel mondo antico e il contributo delle discipline bioarcheologiche (Maurizio Di Rosa). Su queste tematiche si svolgeranno dei laboratori didattici (stages e visite guidate), con il coinvolgimento di docenti e alunni del Liceo Classico Umberto I di Ragusa, dell’Istituto Principe Grimaldi di Modica, dell’Istituto Galilei –Campailla di Modica, dell’Istituto Verga di Modica, dell’Istituto Fiume di Comiso e dell’Istituto Tecnico Ferraris di Ragusa. I risultati finali del progetto saranno illustrati con una Mostra iconografica itinerante fra gli Istituti che hanno aderito all’iniziativa.

SCUOLA, DISEQUILIBRIO NELL’ASSEGNAZIONE DEI DOCENTI DI SOSTEGNO

download (2)“C’è un evidente disequilibrio nell’assegnazione dei posti di sostegno alla provincia di Ragusa rispetto alle necessità facendo il raffronto con altri territori della Sicilia. Per questo motivo ho presentato una interrogazione al ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca”. Lo annuncia la senatrice del Pd, Venera Padua. “Nella provincia di Ragusa, sono stati attribuiti solamente 40 posti in deroga, a fronte di 1.029 alunni in situazione di handicap, mentre, per esempio, la provincia di Enna ha ottenuto 68 posti a fronte di 714 alunni disabili.  Come se non bastasse, in questi giorni, stiamo facendo i conti con il caso di 174 studenti disabili che, nell’area iblea, non possono iniziare regolarmente l’anno scolastico perché mancano i fondi per i servizi necessari. Una assurdità. E tutto perché la Regione non ha trovato i fondi necessari in bilancio per coprire le spese di trasporto” . Nell’interrogazione la Padua chiede di sapere se il ministro sia a conoscenza di tutto ciò per porvi rimedio.

LA BRUTTA SCUOLA  

Proposta-della-Cgil-di-estendere-quota-96.Duro attacco della Cgil in merito all’approvazione della riforma della scuola voluta da Matteo Renzi. “Oggi – si legge in un documento della Cgil iblea – è stata scritta un’ulteriore pagina nera per la nostra democrazia. Il Governo, in modo arrogante e autoritario, ha imposto l’approvazione di una legge che accentua le disuguaglianze sociali e territoriali, demolisce ulteriormente la scuola pubblica, cancella diritti e libertà, non risolve il problema della precarietà per docenti e Aat e riduce gli spazi di democrazia e partecipazione. Molte norme contenute nella legge sono di dubbia costituzionalità e anche questo aspetto andrebbe attentamente valutato prima della promulgazione della legge. Questo Governo è lontano anni luce dai problemi veri della scuola e non ha voluto aprire alcun confronto con le tante lavoratrici e lavoratori, studenti, famiglie, sindacati e associazioni che hanno presentato, con tantissime mobilitazioni, importanti e dettagliate proposte, dimostrando così di essere forza maggioritaria nel respingere i contenuti della legge. Con questa legge si dà un colpo di grazia alla scuola di massa e si finisce per garantire un’istruzione di qualità solo ai figli dei ceti più ricchi, lasciando a tutti gli altri l’accesso ad un sapere minimale e un inserimento precoce nel mondo del lavoro, ammesso che quel lavoro ci sia. La mobilitazione – conclude il documento – continuerà con tutti i mezzi possibili per contrastare l’applicazione di una legge che riporta indietro il sistema di istruzione del nostro Paese, negando giustizia sociale e democrazia”.

RAGUSA, NOEMI LICITRA HA VINTO LA QUINTA EDIZIONE DEL CONCORSO “CARO DIARIO, TI SCRIVO”

_DSC5306E’ Noemi Licitra, giovane studentessa dell’istituto comprensivo Vann’Antò di Ragusa, la vincitrice della quinta edizione di “Caro diario, ti scrivo”, il concorso di scrittura creativa dedicato ad Antonella Licitra, insegnante ragusana prematuramente scomparsa negli anni scorsi ma che ha lasciato un indelebile ricordo per il suo amorevole rapporto con gli studenti. Alla studentessa, che ha presentato un elaborato che è uno spaccato dell’agitato mondo dell’adolescenza, è andato in dono un computer. Con un elaborato dedicato al rapporto con la musica, si è classificata al secondo posto Valentina Allù dell’istituto comprensivo Crispi mentre al terzo posto, con un elaborato su una ragazza che in prima persona vive la seconda Guerra Mondiale, si è classificata Carla Migliorisi  dell’istituto Vann’Antò. Per entrambe dei buoni libri. Due menzioni speciali sono andate a Niccolò Battaglia dell’istituto Crispi, la cui pagina di diario è una riflessione sui nati prematuri, e a Sara Gharsallah dell’istituto Vann’antò che ha dato voce a una giovane malata di leucemia.

DOMENICA PROSSIMA AL CASTELLO DI DONNAFUGATA SI CONCLUDE IL PROGETTO “DIREZIONE CASTELLO” DELL’ISTITUTO VANN’ANTO’

Castello-Donna-Fugata-RG-660x330Domenica 7 giugno, dalle ore 10 alle 12,30, gli alunni dell’Istituto Comprensivo Vann’Antò, coinvolti nel progetto “Direzione Castello – Giovani Ciceroni al Castello di Donnafugata”, condiviso dall’Assessorato comunale alla cultura, svolgeranno un servizio gratuito di guida ai visitatori dell’antico maniero di proprietà comunale. “Questa attività – afferma il dirigente scolastico dell’Istituto, prof. Rosario Pitrolo – si svolge a conclusione del progetto di valorizzazione del prezioso bene monumentale promosso dalla nostra scuola, d’intesa con l’Assessorato comunale alla cultura”. “L’Amministrazione Comunale – dichiara l’Assessore alla cultura Stefania Campo –ha apprezzato il Progetto dell’Istituto comprensivo Vann’Antò che è servito agli alunni a conoscere la storia del Castello di Donnafugata attraverso un’attenta opera di ricerca e studio. Gli stessi ragazzi hanno anche prodotto del materiale illustrativo molto interessante, utile per il servizio gratuito di “giovani ciceroni” all’interno del maniero comunale”.

RAGUSA, GRANDE SUCCESSO PER PEDIBUS  

11351487_1087926231238515_8613170690355845505_nNon si sarebbe potuto, probabilmente, chiudere l’anno con una festa più bella di quella di sabato scorso. Poco più di due ore in cui non sono mancati momenti di spettacolo, musica e sorprese. Al loro arrivo alla scuola Ventre i bambini delle linee Pedibus sono stati accolti dall’animazione di ‘Ci Ridiamo Su’, i bravissimi ‘clown dottori’ che operano con la comicoterapia anche nel reparto di pediatria del nosocomio del capoluogo ibleo. E da qui … avanti con una serie di gag, sorprese e quant’altro per far divertire i presenti: dal coinvolgimento del Sindaco di Ragusa, subito ‘truccato’ dai clown dottori con naso rosso e cappellino ad hoc, alle danze più o meno classiche; nel mirino dei clown dottori sono finiti anche genitori/tutor, membri di Amunì e del Comitato Pedibus e il Direttore Didattico della scuola ospitante. Prima di lasciare l’auditorium i clown dottori hanno raccolto i tantissimi disegni realizzati nel corso della settimana dai bambini delle linee Pedibus per portarli in tarda mattinata direttamente ai bimbi ricoverati in ospedale. La Festa è stata magistralmente condotta anche quest’anno dal bravissimo Roberto Farruggio, patron di ‘Sì…l’idea è buona!’ (l’organizzazione che si occupa di solidarietà creativa e che, insieme ai camminatori esperti di Amunì, ha voluto donare le magliette in regalo per i bambini partecipanti al Pedibus), che, dopo i saluti di ‘Ci ridiamo su’, si è visto presentare sul palco il simpaticissimo Angelo Russo, al secolo l’agente Catarella della fiction di Raiuno ‘Il Commissario Montalbano’. Letteralmente accolto da un’ovazione dal pubblico presente in sala, il bravo attore ragusano si è intrattenuto scherzando con i bambini ed intrattenendo il pubblico con la sua simpatia… e non è stato facile ‘liberarlo’ dall’assalto dei bambini a caccia di autografi. La parte finale della festa ha visto la partecipazione di Gianni Guastella e Salvatore Di Pasquale, rispettivamente chitarra e voce dei Taleh i quali, insieme al bravissimo Saro Tribastone (al mandolino), hanno fatto cantare tutto l’auditorium con brani della tradizione popolare. Un ringraziamento è stato fatto, subito dopo lo spettacolo musicale, da parte di Vincenzo Occhipinti ed Ernesto Turlà (tecnici del Comitato Pedibus Ragusa) ai Direttori Didattici che anche quest’anno hanno creduto nell’importanza del cammino di civiltà percorso dai piccoli-grandi passi dei bambini del Pedibus, prof.ssa Daniela Piccitto (Palazzello), prof.ssa Beatrice Lauretta (C.Battisti e P.Vetri) e prof. Giuseppe Palazzolo (Mariele Ventre); l’anno prossimo si proverà ad avviare il Pedibus anche presso l’I.C.F. Crispi e presso altre scuole interessate al progetto. Proprio i Direttori Didattici hanno chiuso la mattinata di festa, dando appuntamento al prossimo anno scolastico per un altro anno Pedibus. Le somme di questo secondo anno del Pedibus a Ragusa verranno tirate tra qualche giorno, anche se da una prima stima apprendiamo che ad oggi i bambini del Pedibus hanno percorso più chilometri rispetto allo scorso anno e, sopratutto, Pedibus è riuscito a ridurre le emissioni di CO2 nel circondario delle scuole coinvolte di circa 3800 kg. E’ d’obbligo ricordare che il Pedibus a Ragusa è il primo in Sicilia ad essere stato attivato in maniera totalmente gratuita e grazie all’impegno dei Volontari. E non è poco!

A scuola senza differenze

FullSizeRender (1)L’Istituto G.B.Vico di Ragusa comunica che si sono conclusi i quattro progetti miranti all’integrazione ed al potenziamento delle abilità degli alunni diversamente abili dell’Istituto. Quattro gli ambiti: creatività, nuotiamo insieme, giardino degli aromi, rieducazione equestre. Esperienze vissute da tutti gli alunni del gruppo classe. Gli allievi del Vico hanno potuto così vivere un’intensa esperienza di integrazione nella consapevolezza che la diversità è ricchezza e crescita, per tutti e per ciascuno, in egual misura. Senza differenze. Sei le insegnanti di sostegno che hanno promosso e realizzato tali progetti: F.Camponero, A.Denaro, A La Terra, I.Minardi, O.Sapone, S.Schembari. Viva soddisfazione per l’alta valenza delle attività realizzate e dei risultati ottenuti, oltre che dalle docenti viene espressa dalla Dirigente del Vico, prof.ssa Nunziata Barone, che affferma che iniziative del genere contribuiscono alla formazione globale dei ragazzi, obiettivo primario e fondante della nostra comunità educativa.

I PICCOLI IN FATTORIA ALLA RICERCA DELLE “SPIGHE PERDUTE”

SAM_9214I bambini delle scuole della provincia di Ragusa ritornano in Fattoria per vedere i frutti del raccolto, ciò che loro stessi hanno seminato in autunno ed assistere, così, ai racconti di vita vissuta quali la mietitura e la “pisatura” delle spighe nell’aia attraverso i metodi antichi. Proprio qui protagonisti della scena sono i due buoi di razza modicana, “Capitanu e PrimuSciuri”, che con grande maestosità e bontà stupiscono grandi e piccoli nel grande lavoro di Trebbiatura delle spighe. Questo il percorso didattico proposto dall’Associazione culturale “Ricordi di terra nostra” al fine di preservare la cultura dei popoli e la volontà di portare il messaggio di unità, di solidarietà e l’affermazione di un modello di vita significativa.

 

Scroll To Top
Descargar musica