19-08-2018
Ti trovi qui: Home » attualità (pagina 10)

Archivio della categoria: attualità

Piano Strategico  della città di Ragusa 

foto_tribunaleL’Amministrazione comunale in vista dell’elaborazione del Piano Strategico della città, al fine di indirizzare le politiche per lo sviluppo del territorio mediante un processo quanto più possibile partecipato, ha intenzione di coinvolgere nelle scelte di pianificazione enti, associazioni e cittadinanza. Per tale motivo verrà  promosso un Forum cittadino che si svolgerà nelle giornate del 5, 8,  9 e 10 maggio prossimi, alle ore 16,  presso il Centro Polifunzionale Interculturale di via N. Colajanni, 69/a. Per illustrare l’iter che si intende seguire che porterà alla definizione del Piano Strategico della città, è convocata per giorno 3 maggio, alle ore 11, presso la sala giunta, una conferenza stampa. All’incontro con gli operatori dell’informazione saranno presenti il sindaco Federico Piccitto,  il vice sindaco con delega ai centri storici Massimo Iannucci ed il dirigente del Settore IV Marcello Dimartino.

 

RAGUSA, I DEM D’ASTA E CHIAVOLA: “STANNO SMANTELLANDO IL WELFARE DEL COMUNE DI RAGUSA. UN ALTRO COLPO E’ STATO INFERTO CON LA SOPPRESSIONE DEL SERVIZIO DI DOPOSCUOLA”

protesta_insegnanti_asili_nido_ragusa“Non solo il sindaco continua a mentire sapendo di mentire, asserendo che noi non conosciamo il bilancio, ma si è permesso di redarguire le insegnanti del servizio comunale di doposcuola, rivolto ai bambini che ne hanno particolarmente bisogno, e i genitori dei piccoli ospitati negli asili nido Patro e Palazzello 1 che perderanno il servizio a cui erano abituati”. Lo denunciano i consiglieri comunali del Partito Democratico, Mario D’Asta e Mario Chiavola, mettendo in luce l’aria pesante che, anche ieri sera, si respirava in aula. “Non è ammissibile – aggiungono D’Asta e Chiavola – lo smantellamento di un welfare efficiente, che esiste da anni, penalizzando un servizio eccellente come quello delle attività integrative che scompare così senza colpo ferire. Ma cosa hanno in testa questi grillini? Come possono permettersi di smantellare una realtà che, negli anni, ha dato risultati importanti e che, allo stato attuale, impegna diciotto insegnanti? Stiamo parlando di una vera e propria eccellenza ragusana al servizio di alunni con bisogni educativi speciali che manifestano difficoltà di apprendimento e disagio familiare. Si è concretizzato, durante tutto questo tempo, un vero e proprio supporto didattico per le insegnanti della scuola primaria che, adesso, verrà a mancare. L’attività di doposcuola è rivolta ad alunni che necessitano di recupero e potenziamento. Ma si può anche contare su un processo di alfabetizzazione come quello per gli studenti immigrati che ovviamente sono svantaggiati dalla mancata conoscenza della lingua italiana. E’ un errore grosso come una casa quello che sta compiendo la Giunta Piccitto a cui cerchiamo di opporci con tutte le nostre forze. Piccitto sa che può recuperare le somme necessarie per permettere la prosecuzione del suddetto servizio e continuare a mantenere in vita la speciale gestione degli asili nido Patro e Palazzello 1”.

 

 

La settimana prossima a Ragusa il VII Forum regionale delle Polizie Locali

logo_forumGiovedì 27 e venerdì 28 aprile prossimi si svolgerà presso Poggio del Sole Resort il VII Forum Regionale delle Polizie Locali. Al Forum, organizzato da Maggioli editore, interverranno relatori di alta formazione scientifica proveniente da tutto il territorio nazionale che affronteranno temi e problematiche di attualità che interessano le Polizie Locali, primo fra tutti quello legato alla sicurezza urbana. Nelle due giornate di studio, parteciperanno Comandanti, Ufficiali ed Agenti delle Polizie Locali provenienti non solo da diversi centri dell’Isola, ma anche dalle altre regioni d’Italia. “Il Forum regionale delle Polizie Locali che si svolge da diversi anni nella nostra città – dichiara il vice sindaco con delega alla Polizia Urbana Massimo Iannucci – è ormai divenuto un appuntamento tanto atteso dal personale amministrativo e di vigilanza appartenente ai settori delle Polizia Municipale degli enti locali. Le diverse importanti tematiche trattate nel corso degli incontri in programma, contribuiranno certamente ad accrescere la professionalità di quanti sono chiamati quotidianamente a svolgere il complesso e delicato compito al servizio della cittadinanza”.

PELLEGRINAGGIO A FATIMA DAL 9 AL 16 AGOSTO

Don Occhipinti al santuario di Fatima in PortogalloDon Giorgio Occhipinti, consigliere nazionale dell’Apostolato Mondiale di Fatima, ha organizzato, per l’Anno giubilare, un pellegrinaggio al santuario portoghese dal 9 al 16 agosto. Esprimendo in varie occasioni la propria devozione alla Madonna di Fatima e il proprio interesse per il suo messaggio (più volte la Madonna pellegrina del santuario è stata accolta nella diocesi di Ragusa), don Occhipinti ha allestito un programma speciale per vivere intensamente l’Anno giubilare al santuario attraverso le celebrazioni più importanti del 12, 13, 14 e 15 agosto. Non mancheranno, durante il pellegrinaggio, momenti di intensa spiritualità curati dallo stesso don Giorgio e visite guidate nei luoghi più significativi. I momenti più importanti saranno accompagnati da servizi trasmessi dal santuario. Le iscrizioni per la partecipazione al pellegrinaggio sono già iniziate e, in previsione del grande afflusso di pellegrini al santuario, si chiuderanno nei prossimi giorni. Per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi allo stesso don Giorgio Occhipinti, telefono 333.2512634. “Papa Francesco – dice don Occhipinti – ha concesso l’indulgenza plenaria per l’Anno giubilare che decorre dal 27 novembre 2016 al 26 novembre 2017 vissuto al santuario nel contesto del 100° anniversario delle apparizioni della Madonna. Confessione sacramentale, celebrazione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre, sono le condizioni che i fedeli penitenti e animati dalla carità devono soddisfare per ottenere l’indulgenza plenaria concessa da Papa Francesco. L’Anno Giubilare ha come tema “Il mio Cuore Immacolato sarà il tuo rifugio e il cammino che ti condurrà a Dio”. Alla fine del 2010, accogliendo un esplicito invito di Papa Benedetto XVI, il Santuario di Fatima ha iniziato un percorso celebrativo per il centenario delle apparizioni.

CONCERTO DI “MELODICA”

Linda Hedlund e Domenico Del GiudiceSi viaggia ancora con le note di “Melodica”, la rassegna musicale diretta dalla pianista Diana Nocchiero e patrocinata dall’Assessorato agli Spettacoli del Comune di Ragusa. Ogni appuntamento con la 22° Stagione Concertistica Internazionale è infatti una scoperta di atmosfere e luoghi lontani, in compagnia della musica di eccellenza di ospiti internazionali. Sabato prossimo, 22 aprile, alle ore 20.30, il pubblico del Teatro Don Bosco di Ragusa sarà trasportato tra l’Italia e l’Argentina, con un concerto che spazierà dai virtuosismi di Paganini alle melodie del Tango, attraverso la fusione di due magici strumenti come il violino della violinista Linda Hedlund e la chitarra di Domenico Del Giudice. Il biglietto di ingresso al concerto è di 10 euro, ridotto per studenti 5 euro. E’ possibile acquistare i biglietti su prevendita presso la Libreria Ubik di Ragusa dalle ore 9:00 alle ore 13:00 oppure direttamente al botteghino del teatro dalle 19 del giorno del concerto.

Ragusa, quattro nuove aule didattiche all’aperto per la scuola “Mariele Ventre”

20170419_130213Consegnate ufficialmente alla Scuola “Mariele Ventre” le quattro nuove aule didattiche all’aperto realizzate dal Comune nel cortile interno dello stesso istituto. Alla cerimonia di consegna è intervenuto il sindaco Federico Piccitto che è stato accolto dal dirigente scolastico Giuseppe Palazzolo, da alcune insegnanti e dagli alunni di quattro classi che hanno occupato per la prima volta gli spazi destinati alle attività didattiche da svolgere all’aperto. “Abbiamo rispettato l’impegno  assunto – ha detto ai ragazzi il primo cittadino – che era quello di consegnare al vostro istituto prima della fine dell’anno le nuove strutture che vi consentiranno di potere lavorare anche fuori della classiche aule scolastiche”.

 

Ancora code all’Ufficio Tributi di Ragusa

ticket ufficio tributi1122 minuti di attesa il tempo stimato dalla macchinetta eliminacode dell’Ufficio Tributi di Ragusa un mercoledì mattina di inizio primavera. Il ticket, emesso alle 11 del 19 aprile, lascia l’utente senza fiato e senza speranza: il numero R849, prenotato per discutere un presunto errore nella bolletta TARI, vede prima di sé altri 26 cittadini in coda. Fila che dovrebbe durare approssimativamente 18 ore. “Semplicemente assurdo, se si considera che questo è il biglietto relativo al solo settore TARI”, dichiara Livio Tumino, vice presidente del Laboratorio politico 2.0. “E questa – continua Tumino – è una situazione che i cittadini ragusani che hanno necessità di discutere qualcosa con l’Ufficio Tributi devono affrontare ogni giorno. Oggi il bigliettino è finito tra le mie mani, ma sono a centinaia i ragusani che si sono ritrovati con un ticket analogo. Molti si scoraggiano e vanno via, molti, mi hanno raccontato, si presentano all’Ufficio di mattino presto e sgomitando con altri cittadini, cercano di accaparrarsi il bigliettino, neanche fosse quello vincente di una lotteria”. “E’ palese per chiunque che c’è qualcosa che non va – dice ancora l’esponente del Lab 2.0 – sia perché, come abbiamo segnalato in passato, a nostro avviso sono troppi gli errori che riguardano gli avvisi di accertamento per TARI e altri balzelli comunali, sia per la gestione organizzativa dell’ufficio perché non è possibile che per 26 persone il tempo di smaltimento della coda sia di oltre 18 ore, cioè più di 40 minuti a persona”. “La condizione di perenne affollamento all’Ufficio Tributi – conclude Tumino – perdura ormai da molto tempo e non ci sono colpe che vogliamo attribuire a qualcuno, ma siamo certi che è una situazione non sostenibile né per i lavoratori, né per i cittadini. Chiediamo all’Amministrazione comunale se abbia o meno effettuato le dovute verifiche e se abbia o meno intenzione di porre in essere soluzioni per questo problema ormai cronico. Noi come lab 2.0 abbiamo le idee chiare sulle criticità e sulle possibili soluzioni per semplificare la vita dei cittadini e siamo a disposizione dell’Amministrazione per fornire il nostro aiuto”.

STRADA GROVIERA IN PERIFERIA, E’ LA VIA ASIA. CHIAVOLA (RAGUSA IN MOVIMENTO): “E’ IL TRIONFO DELLE BUCHE”

La groviera di via Asia (1)“C’è un posto, a Ragusa, in periferia, zona Bruscé, che i residenti chiamano ormai la strada groviera. Ed è naturale che sia così. Perché le buche, peggiorate con il trascorrere dei mesi e con le piogge che sono cadute, si sono acuite. E, quel che è peggio, nessuno interviene”. A sottolinearlo è il presidente dell’associazione politica “Ragusa in Movimento”, Mario Chiavola, che, ancora una volta, porta ad esempio le criticità segnalate dai cittadini riferite alle varie aree della città. “Dispiace, purtroppo – prosegue Chiavola – continuare a mettere in evidenza queste anomalie soprattutto perché, dall’altra parte, l’Amministrazione comunale sostiene di essere animata da buone intenzioni. Ma le stesse, a quanto risulta dai riscontri che abbiamo avuto modo di verificare, non risultano sostenute da fatti oggettivi. In via Asia è fin troppo chiaro che non si vede un briciolo d’asfalto nuovo da chissà quanto tempo e, qualora si intervenga per rattoppare le buche, siamo certi che nel giro di poco tempo si riformerebbero come e peggio di prima. Ecco perché sollecitiamo un intervento radicale in zona nel tentativo di eliminare tutto ciò che non va sul piano della viabilità veicolare. I residenti e i numerosi automobilisti di passaggio ringrazierebbero senz’altro l’Amministrazione comunale per avere risolto questo grosso disagio”.

 

Canne spiaggiate, conferenza di servizio risolutiva

legni-spiaggiatiCanne spiaggiate lungo il litorale di Scicli in seguito all’alluvione del 22 gennaio, conferenza di servizio risolutiva stamani, alla presenza di tutti gli enti coinvolti, nel capoluogo ibleo, presso il Libero Consorzio Comunale ex Provincia di Ragusa. A darne notizia il Comune di Scicli. La Srr, ex Ato Ambiente Ragusa, cui compete la governance delle attività, ha redatto un progetto, del costo di circa 70 mila euro, di cui si è fatta carico l’amministrazione comunale, grazie a cui le canne saranno prelevate e conferite in un primo momento in due aree individuate dal Comune e attigue alla spiaggia di lido Spinasanta, dove saranno triturate per poi essere depositate nella discarica di Cava dei Modicani, in territorio di Ragusa. Qui, decorso il termine previsto dalla legge, si procederà ad attività di recupero, ivi compresa la possibilità di spandimento in un terreno di proprietà del Comune di Scicli, confiscato alla mafia. “Si risolve così, grazie agli enti coinvolti della provincia di Ragusa,  – commenta il sindaco Enzo Giannone, che in queste ore ha avuto a suo fianco l’on. Orazio Ragusa- la complessa questione delle canne spiaggiate. Registriamo la latitanza e il disinteresse del Governatore Crocetta e della Regione Siciliana, che, dopo aver promesso il loro aiuto e intervento, si sono dileguati, lasciando al sindaco il compito di assumersi, sotto la propria personale responsabilità, e con una ordinanza in deroga, l’onere di risolvere un problema di natura eccezionale”.I tempi di intervento saranno celeri e immediati, in quanto tutti gli enti coinvolti e presenti alla conferenza hanno assicurato tempestività nel rilascio dei detti pareri.

Inaugurata  a Ragusa Ibla, nella piazzetta di Largo San Paolo,  una nuova “Casa dell’acqua”

 

20170413_111929Un  nuovo distributore di di acqua, sia naturale microfiltrata, sia gasata refrigerata, in funzione da oggi a Largo San Paolo di Ragusa Ibla. La “Casetta dell’acqua”,  installata dalla società Fonte Nuova s.r.l. che ha già montato due strutture, da tempo operative, in  via Zama e Via Mongibello,  è stata inaugurata dal sindaco Federico Piccitto e dall’assessore all’energia ed ambiente Antonio Zanotto, presenti i funzionari della stessa società fornitrice. Per promuovere ed incentivare l’utilizzo di tale distributore automatico fino al 20 aprile prossimo, la fornitura dell’acqua avverrà gratuitamente. Dopo tale data sarà montata una gettoniera ed il costo di un litro di acqua, sia naturale microfiltrata, sia gasata,  sarà di  5 centesimi.

 

 

Ragusa, riaperti i termini per la comunicazione in autocertificazione di siti con materiale contenente amianto

imagesSul sito istituzionale del Comune è pubblicato l’avviso relativo alla riapertura dei termini per la comunicazione in  autocertificazione di siti con materiale contenente amianto. Il Comune ha predisposto un apposito modulo da restituire debitamente compilato presso l’ufficio protocollo del Comune o presso la sede della Protezione civile comunale di viale Napoleone Colajanni 69/a-b. Tale modulo, scaricabile  online sul link della protezione civile, nella sezione sportello amianto, potrà essere inviato a mezzo di posta elettronica all’indirizzo:[email protected] Si avvertono i cittadini che le eventuali violazioni degli obblighi di autonotifica determinano l’applicazione delle sanzioni  previste dalla legge, che vanno da un minimo di € 2.582,2 ad un massimo di € 5.164,57.

 

 

Ragusa, bando progetti personalizzati minori disabili. Presentazione istanza entro il 20 aprile 

minori-disabili-330x245Il Distretto Socio Sanitario 44 rende noto che al fine di programmare interventi a favore di minori disabili, è necessario procedere alla rilevazione dei dati relativamente al numero, al grado di invalidità nonché al fabbisogno assistenziale dei suddetti minori residenti nel territorio del Distretto stesso.Pertanto i familiari dei minori disabili che intendano avvalersi di interventi di assistenza domiciliare programmati attraverso la stesura del piano personalizzato dovranno presentare istanza su modello prestampato entro e non oltre le ore 12 del 20 aprile prossimo presso l’ Ufficio Servizi Sociali di via Spadola n. 56  aperto, da lunedì a venerdì, dalle ore 9 alle ore 12 – o inviare l’istanza via mail all’indirizzo di posta elettronica [email protected] I cittadini dei Comuni del Distretto (Chiaramonte Gulfi, Giarratana, Monterosso Almo) possono rivolgersi direttamente ai loro uffici di Servizio Sociale per presentare l’istanza. Il modulo è scaricabile dal sito istituzionale del Comune o possono essere forniti dagli uffici di Servizio Sociale dei Comuni del Distretto.

Sicurezza prodotti, sequestrati oltre 40.000 articoli pericolosi

gdf-cs17aContinua senza sosta l’impegno dei finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa che, nell’ambito dei servizi finalizzati alla prevenzione e repressione delle violazioni in materia sicurezza prodotti, hanno sequestrato oltre 40.000 articoli, fra giocattoli e materiale elettrico, non conformi ai requisiti disposti dalla Comunità Europea per un valore complessivo di circa 65.000 euro. In particolare, le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Ragusa, al termine di accurati accertamenti presso un esercizio commerciale di Vittoria specializzato nel settore, hanno sequestrato oltre 3.600 confezioni di materiale elettrico e 36.400 giocattoli ed addobbi per le festività pasquali, privi del marchio “CE” e delle indicazioni di provenienza, nonché delle caratteristiche informative minime per i consumatori. Il materiale elettrico è stato sottoposto a sequestro penale e il titolare dell’esercizio commerciale – un cinese di anni 50 – è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Ragusa per il reato di frode in commercio; per quanto riguarda i giocattoli, gli stessi sono stati sottoposti a sequestro amministrativo e il responsabile è stato segnalato alla Camera di Commercio di Ragusa per violazioni e sarà soggetto alla sanzione pecuniaria che va da 1.500 a 10.000 euro.

LA GESTIONE DEI BAGNI PUBBLICI SUL TERRITORIO CITTADINO DI RAGUSA, I CONSIGLIERI COMUNALI DEL PD D’ASTA E CHIAVOLA: “E’ UN’OPERAZIONE CHE PUZZA E CHE COSTA ALLA CITTADINANZA 100.000 EURO IN UN ANNO”

I-bagni-pubblici-del-lungomare-Andrea-DoriaMercoledì mattina, in conferenza stampa, i consiglieri comunali del Partito Democratico, Mario D’Asta e Mario Chiavola, hanno presentato un video denuncia sulla gestione dei bagni pubblici a Ragusa e sulle pessime condizioni in cui gli stessi versano“Il Comune – dicono D’Asta e Chiavola – paga per il servizio quasi 100.00 euro in un anno. Ma poi si scopre che i bagni di Piazza San Giovanni, oggetto di diverse denunce da parte di coloro che usufruiscono di quella zona centrale, è stato reso fruibile per i cittadini solo poche settimane fa e, quindi, dopo nove mesi dall’assegnazione della gara vinta il primo giugno del 2016. Negli altri bagni, da ciò che si evince chiaramente dal video non è presente alcuna unità lavorativa a custodia e pulizia degli stessi. Insomma parecchi quesiti che meritano una risposta e che ci fanno gridare allo scandalo. Bagni incustoditi, non curati che certificano non solo mancato rispetto delle regole e della legalità da parte dei Cinque Stelle, ma anche pochezza gestionale politica considerata l’importanza che un servizio del genere riveste in una città come la nostra a vocazione turistica”. Nel video-denuncia realizzato dai consiglieri democratici, infatti, è possibile verificare come nei bagni pubblici non ci sia alcun tipo di custodia, nonostante il capitolato d’appalto preveda tutt’altro, come gli stessi siano chiusi anzitempo quando invece, soprattutto in periodo estivo e nelle zone ad alta densità turistica (Ibla e Marina) dovrebbero rimanere aperti sino a sera inoltrata e come le condizioni generali lascino assolutamente a desiderare. Inoltre la mancata presenza dei custodi non permette l’incasso del ticket di 0,50 euro che l’Amministrazione comunale aveva preventivato, in 12 mesi di gestione, per un ammontare complessivo di 73.000 euro. “La custodia e la manutenzione – affermano D’Asta e Chiavola – risultano praticamente inesistenti. L’articolo 4 del capitolato speciale d’appalto prevede che, durante gli orari di apertura dei servizi igienici pubblici, la sorveglianza e il presidio degli stessi dovrebbe essere assicurato senza soluzione di continuità da personale che ha anche il compito di rilasciare ai fruitori dello stesso un regolare scontrino. E invece durante i controlli effettuati, in più giornate e a diverse ore del giorno, niente di tutto questo. In più, ci risulta, per stessa ammissione dei collaboratori che sono stati scelti dall’impresa aggiudicataria del servizio, che il personale non sarebbe utilizzato con l’adeguato inquadramento”. Tutta una serie di aspetti, insomma, che lasciano a desiderare come hanno sottolineato anche i rappresentanti di due cooperative, Sebastiano La Mesa della Agos e Armando Cappello della Cassiopea, che avevano presentato una denuncia, il 6 giugno del 2016, proprio con riferimento ai contenuti del bando di gara per l’affidamento in concessione dei servizi igienici sottolineando “gravi anomalie, irregolarità e stranezze”. Nel mirino l’assessore al ramo, Salvatore Corallo, che, più volte, è stato richiesto di fornire spiegazioni specifiche sul pressapochismo con cui il capitolato speciale d’appalto dava indicazioni circa i periodi lavorativi per non parlare del calcolo relativo al costo del personale o delle previsioni del bando che contemplavano un costo totale del servizio visto che era previsto anche l’utilizzo pieno dei bagni pubblici di piazza San Giovanni che, invece, sono stati inauguratiappena qualche settimana fa. “Tutti gli aspetti che abbiamo denunciato questa mattina in conferenza stampa – hanno infine evidenziato D’Asta e Chiavola – saranno al centro di una interrogazione che presenteremo nei prossimi giorni. Ma non ci fermeremo qui visto che faremo in modo che la questione possa approdare in commissione Trasparenza. Ci sono troppi aspetti per i quali attendiamo chiarimenti. E l’Amministrazione grillina, che predica la regolarità delle procedure in ogni parte d’Italia, non può fare finta di nulla. Chiediamo che la gestione dei bagni pubblici diventi oggetto di confronto a livello politico anche in Aula per mettere in rilievo tutte le anomalie esistenti”.

 

RAGUSA E’ “CITTA’ CHE LEGGE”. IL CAPOLUOGO IBLEO INSERITO NELL’ELENCO STILATO DA ANCI

Libriditesto-1Ragusa è “Città che legge”. La speciale qualifica arriva direttamente dal Centro per il libro e la lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali che, d’intesa con l’Anci, ha stilato l’elenco dei Comuni italiani a cui assegnare questo importante riconoscimento. Il bando, aperto nei mesi scorsi e che ha subito visto in prima linea il Comune di Ragusa, era rivolto alle Amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura. L’intento, si legge nell’avviso pubblico, serve a riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva. «La denominazione di “Città che legge” che siamo riusciti ad ottenere – spiega il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto – è un risultato positivo per la nostra comunità e una prova dell’interesse collettivo ad uno sviluppo culturale e quindi sociale anche attraverso la lettura. Come Amministrazione comunale siamo fortemente impegnati nella promozione della cultura ma anche della lettura con varie iniziative, alcune delle quali ormai istituzionalizzate nella nostra biblioteca e nella nostra città». Soddisfazione da parte degli organizzatori di “A Tutto Volume – Libri in festa a Ragusa” per il riconoscimento raggiunto dalla città, consapevoli di aver contribuito, con il festival dei libri, allo sviluppo e alla diffusione della cultura e della letteratura a Ragusa. Un impegno costante che quest’anno festeggia l’ottava edizione, in programma dal 16 al 18 giugno prossimi, che certamente dà valore alla città in termini di promozione culturale, oltre che turistica. L’inserimento nell’elenco delle città che leggono darà al Comune di Ragusa la possibilità di partecipare ai bandi che verranno lanciati nel 2017 dal Centro per il libro e la lettura.

 

YOUPOLIS A MAGGIO COMPIE CINQUE ANNI

youpolislogoProtagonismo civico tra formazione ed azione concreta: cinque anni di un lavoro di squadra fatto con entusiasmo dai giovani e dalle loro idee; una realtà associativa concepita come “palestra di impegno”.
A maggio 2017, Youpolis festeggerà il suo primo lustro di vita: una realtà nata a Ragusa e che si è espansa a Chiaramonte Gulfi, Rosolini, Giarre e, con la nascita dell’omologa associazione, nelle Marche. Anni in cui, attraverso un lavoro di squadra questi giovani con competenza e passione si sono espressi con riflessioni sulla stampa, proposte alle amministrazioni locali, fino alla creazione diretta di iniziative ed attività. Numerose le manifestazioni ideate per confronti e riflessioni tra cui: “L’uomo d’onore non paga il pizzo”, “Forum del Centro Storico”, “Inventarsi il Futuro: giovani ed impresa”, “Turismo Ambientale”, “Lo Stato dell’Arte: questioni e sfide dell’essere creativi”, “Scegliere consapevolmente, partecipare davvero”. Dal 2014 i giovani di Youpolis danno una mano all’organizzazione del noto festival “A tutto Volume” curando le squadre dei volontari e alcuni eventi collaterali tra cui il reading sull’adolescenza “Creature Nude” (2014) e “Se io avrei” (2015), divertente spettacolo dedicato agli errori grammaticali ai tempi dei social network. L’11 gennaio 2015, parallelamente alle storiche celebrazioni religiose che da sempre si svolgono, per la prima volta Ragusa si ferma per ricordare civicamente il terremoto del 1693 con “La memoria e dell’orgoglio”, evento concepito da Youpolis (che a tale scopo aveva proposto un progetto al Comune di Ragusa) volto alla commemorazione delle vittime del sisma e al ricordo dei nostri padri che, riuscendo a creare dalle macerie, vanno intesi come un modello davanti alla crisi attuale. L’amministrazione comunale ha organizzato l’evento e istituzionalizzato la giornata e, nel 2017, è stata organizzata la terza edizione, coinvolgendo in più punti i centri storici di Ragusa Ibla e Ragusa Superiore e diverse associazioni partner. Tra le ultime attività, la mostra e calendario di eventi “Le colonne d’Ercole” a Palazzo Schininà; la proposta e la realizzazione operativa di “#corsoliberato”, l’iniziativa che ha previsto la chiusura del Corso Vittorio Veneto ogni sabato sera creando un’area pedonale per agevolare la movida notturna.. Youpolis pochi giorni fa e’ stata accolta al tavolo permanente del centro storico di Ragusa istituito dall’amministrazione comunale. Di  Youpolis ha parlato anche la recente inchiesta di “Repubblica Palermo” su giovani e politica. “Siamo molto felici di aver rappresentato una presenza costante, nella sua semplicità, all’interno del panorama cittadino” dichiara Simone Digrandi, Presidente uscente dell’Associazione. “Ed è con la formula di sempre che Youpolis continuerà ad operare nei prossimi anni. Vogliamo inoltre che questo compleanno possa essere vissuto in una maniera speciale”.

On.Nino Minardo chiede presidi sanitari speciali organizzati per gli sbarchi dei migranti

 

foto sbarchi pozzallo“È necessaria ed opportuna l’istituzione di presidi sanitari speciali organizzati sui luoghi di maggiore affluenza di sbarchi dei migranti come Pozzallo ed invito il Governo a prestare più attenzione ed avere maggiore sensibilità riguardo le problematiche legate ai controlli sanitari che scaturiscono dall’emergenza a tutela della salute degli operatori, dei cittadini e nel rispetto di territori a forte rilevanza turistica che potrebbero subire effetti negativi dal poco impegno al riguardo. La Sicilia ed in particolare la provincia di Ragusa presentano le maggiori problematiche per la ricezione dei migranti per cui occorre un’implementazione dei controlli sanitari soprattutto  per gli operatori che ogni giorno svolgono la loro attività confrontandosi con i migranti che provengono dagli Stati africani e dei quali non si conosce il loro effettivo stato di salute. Se i nostri operatori garantiscono il diritto alla salute ai migranti è doveroso che il Governo faccia il possibile per garantirlo agli operatori sanitari che accolgono ogni giorno centinaia di profughi. Una problematica che porrò nuovamente all’attenzione del Governo”. Così Minardo che continua a battere sull’argomento nonostante un suo ordine del giorno non sia stato inserito nel decreto legge immigrazione.

INSIEME IN CITTA’, PASQUETTA NELLA CAVA SANTA DOMENICA DI RAGUSA

1432221725-0-cava-santa-domenica-spettacoli-rinviati-per-colpa-di-chiAnche quest’anno l’associazione culturale Insieme in città propone di trascorrere la Pasquetta nella Cava Santa Domenica.”Potremo così fare un consuntivo dei lavori fin qui eseguiti dal Comune di Ragusa per migliorare l’accessibilità dei luoghi in vista della realizzazione del Parco Urbano dei Valloni e delle Latomie. L’iniziativa vuole essere uno stimolo, nei confronti del Comune, a raccogliere le esigenze e le proposte di utilizzo al meglio del Parco affinché questo venga sentito dai cittadini ragusani come un esempio di bene comune condiviso per la rigenerazione della città”. Il tema dell’escursione sarà quindi: Pasquetta nel Parco Urbano dei Valloni e delle Latomie. L’appuntamento è in Piazza San Giovanni, alle ore 10,00 di lunedì 17 aprile 2017. Da qui si raggiungerà la Via Natalelli per scendere nella Cava. Sarà possibile consumare il pranzo al sacco nello spazio attrezzato sotto gli archi del Ponte Vecchio. Dopo l’intervallo del pranzo è in programma il percorso del sentiero panoramico realizzato dal Comune intorno al Convento del Carmine. L’associazione aggiunge: “Durante la visita vi invitiamo a formulare proposte o osservazioni sulla realizzazione del parco, che saranno discusse in occasione della assemblea ordinaria dei soci che si terrà venerdì 5 maggio alle ore 18,30 nei locali della Parrocchia dell’Angelo Custode, in Corso Vittorio Veneto 328. Ci impegniamo a fare pervenire al Comune gli esiti delle proposte avanzate”.

Successo per il Musical Christi Passio proposto da Cantus Novo

Foto musical scicli 1 (2)Un folto pubblico ha accompagnato le esecuzioni del musical Christi Passio, proposto dal coro e dall’Orchestra “Cantus Novo” per i venerdì della Quaresima in diverse chiese parrocchiali delle diocesi di Ragusa, Noto e Caltagirone. Christi Passio è una Via Crucis musicale scritta e musicata da don Rino Farruggio, poeta e cantautore vittoriese. I brani immergono in un clima di spiritualità e meditazione sulle ultime ore della vita di Gesù: dal tradimento di Giuda all’incontro con le donne e il Cireneo, dall’abbraccio con la Madre Maria al dialogo con i ladroni, fino al momento struggente dell’affidamento a Dio Padre e la morte in Croce, preludio della Resurrezione. La narrazione musicale del dramma del Figlio di Dio che muore è riletta da Rino Farruggio con saggezza teologica e profondità esistenziale nei drammi dell’umanità. Ma l’angoscia nel musical di Farruggio è superata da una luce di speranza: l’amore è invincibile alla morte. La morte s’illude della sua vittoria ma già al terzo giorno Cristo davvero è risorto. La direzione del coro e dell’orchestra è stata magistralmente curata dal Maestro Giovanni Giaquinta che ha guidato nell’interpretazione dei brani i 60 elementi tra coristi e orchestrali, tra cui alcuni musicisti professionisti e i giovani studenti del Liceo Musicale “G. Verga” di Modica e dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “V. Bellini” di Catania.                                

VITTORIA, SI TEME IL DECLASSAMENTO DEL REPARTO ORTOPEDIA

imgIl Consiglio comunale, nella seduta di lunedì, ha discusso una mozione sul tema della sanità e, in particolar modo, ha puntato l’attenzione sul timore legato al declassamento del reparto di Ortopedia dell’Ospedale Guzzardi. Dopo le dimissioni del precedente primario, infatti, ne è stato nominato uno proveniente da un altro Ospedale della provincia. Sin da subito l’Amministrazione Comunale ha espresso dubbi su questa scelta, temendo che potesse rappresentare il preludio al declassamento di Ortopedia. “Voglio ringraziare il Consiglio comunale e la Presidenza- ha dichiarato il vicesindaco, Andrea La Rosa- per aver permesso un dibattito che ha consentito un confronto sul tema della sanità nel nostro territorio, puntando l’attenzione sia sulle criticità e le difficoltà vissute oggi dalla sanità ipparina che sui rischi legati alla riorganizzazione della rete ospedaliera siciliana e ragusana. Adesso- aggiunge La Rosa- è importante che il civico consenso, in sinergia con l’Amministrazione Comunale, sia attento e predisposto a difendere in ogni sede il nostro nosocomio. Non permetteremo a nessuno di danneggiare la struttura ospedaliera. Ci aspettiamo da parte del Governo regionale e dalle istituzioni di questa provincia segnali concreti e positivi a tutela dei reparti importanti che non potranno essere negati alla nostra città. Condivido la proposta del presidente Nicosia di avviare, in sinergia tra Consiglio e Amministrazione, una interlocuzione con la dirigenza dell’Asp e con le Istituzioni regionali, indispensabile anche per  richiedere all’ Azienda Sanitaria Provinciale un intervento specifico sul reparto di Ortopedia e chiarire ogni dubbio sul tanto temuto   declassamento dello stesso reparto”.

Scroll To Top
Descargar musica