15-06-2024
Ti trovi qui: Home » Cronaca (pagina 150)

Archivio della categoria: Cronaca

L’uomo si diede fuoco per non perdere la sua abitazione SEQUESTRATA LA CASA DI GIOVANNI GUARASCIO

A seguito delle indagini della Guardia di Finanza, il Procuratore della Repubblica di Ragusa, Carmelo Petralia, ha emesso un decreto di sequestro preventivo in via d’urgenza sull’immobile di proprietà del defunto Giovanni Guarascio, ravvisando l’esistenza di numerose e vistosissime anomalie nella procedura svolta dal professionista delegato dal giudice per l’esecuzione dell’aggiudicazione dell’immobile. Il provvedimento è stato posto in essere a seguito delle risultanze investigative della Guardia di Finanza di Ragusa. Come si ricorderà, proprio a seguito della procedura esecutiva, il capo famiglia, lo scorso maggio, nel tentativo di opporsi all’immissione in possesso dell’aggiudicatario, nonostante i tentativi di mediazione dei rispettivi legali, colto dalla disperazione, si diede fuoco cospargendosi di liquido infiammabile. A causa delle gravi ustioni, Giovanni Garascio, dopo una settimana di ricovero in terapia intensiva, è deceduto al Cannizzaro di Catania. La Procura della Repubblica di Ragusa ha avviato un procedimento penale per indagare sui gravi fatti e sulla regolarità della procedura esecutiva che ha portato poi all’aggiudicazione all’asta dell’immobile. L’esito delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, riferite al magistrato in una corposa informativa di reato a carico di 3 soggetti iscritti nel registro degli indagati per diverse ipotesi di reato, tra cui turbata libertà degli incanti, estorsione, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici in concorso, ha indotto l’Autorità Giudiziaria inquirente ad emettere il provvedimento di sequestro preventivo dell’immobile ancora nella materiale disponibilità dei familiari del Guarascio. La stessa Autorità Giudiziaria ha disposto l’affidamento in custodia, con facoltà d’uso, dell’immobile a favore della moglie. Sono in corso ulteriori indagini sull’acquisizione di altri elementi di riscontro utili per definire l’intera vicenda.
FOTO GUARASCIO 1

“Movida sicura” a Vittoria

Nel week-end di carnevale i carabinieri della Compagnia di Vittoria hanno intensificato i controlli sul territorio impegnando 15 pattuglie e 30 uomini per garantire tale servizio. Nell’ambito della verifica è stato denunciato un giovane vittoriese alla guida di una vettura per non aver mai conseguito la patente, sono state denunciate 4 persone trovate in possesso di droga, elevate 7 contravvenzioni e decurtati 15 punti da patenti.
carabinieri modica

Arrestato rumeno su mandato di cattura europeo per furto aggravato

Un rumeno senza fissa dimora, Constantin Eftmie, che domenica si aggirava con fare sospetto in una zona residenziale di Comiso, in contrada Miccichè, è stato fermato dai poliziotti del Commissariato locale che stavano perlustrando il territorio. Dai controlli è emerso che Eftmie era destinatario di un mandato di cattura emesso dalla magistratura rumena per il reato di furto aggravato, e per questo condannato a tre anni di reclusione in patria (l’uomo era fuggito dalla Romania proprio per evitare di scontare la pena). Fra l’altro Eftimie è stato riconosciuto colpevole di un efferato omicidio ai danni di un connazionale, a seguito delle indagini effettuate dal Commissariato di Vittoria. Adesso è ristretto nel carcere di Ragusa a disposizione dell’autorità giudiziaria nell’attesa della verifica sull’attuazione del provvedimento di estradizione a suo carico.
EFTIMIE Constantin ROMANIA 09.02.1985

RAGUSA, LA POLIZIA ARRESTA STALKER RECIDIVO

Ha violato l’ammonimento del Questore un cinquantenne di Santa Croce Camerina, C. S., titolare di un’azienda edile che, domenica alle 12.00, è stato trovato dai poliziotti a pochi metri di distanza della donna vittima delle sue persecuzioni. La quarantacinquenne ragusana, madre di due figli, di cui una minorenne, ha richiesto, disperata, l’intervento della Polizia quando si è accorta della presenza del suo persecutore nei pressi della chiesa San Giuseppe Artigiano. La donna, infatti, come sua abitudine, ogni domenica mattina, si era recata nella chiesa di via Nenni. Appena ha visto lo stalker ha lasciato la figlia quattordicenne (che era con lei) all’interno del luogo di culto, e si è rintanata nella sua autovettura, per chiamare la Polizia. Una volante è intervenuta tempestivamente. Gli agenti hanno bloccato lo stalker il quale, preventivamente, aveva chiamato un’ambulanza. All’arrivo degli operatori del 118, l’uomo ha dichiarato di essere in stato di agitazione. Ma dato che non si sono rese necessarie altre cure il cinquantenne è stato arrestato in flagranza di reato per aver violato l’ammonimento del questore, circostanza aggravata dalla presenza della minorenne figlia della vittima. L’uomo per tre mesi aveva avuto una relazione con la vittima: la donna aveva chiuso la storia per i comportamenti violenti subiti.stalking

RISSA DI CARNEVALE A CHIARAMONTE: 5 ARRESTI

Hanno concluso la loro festa di Carnevale in ospedale e, dopo, agli arresti domiciliari. Fra cinque ragazzi che, domenica sera, si trovavano in corso Umberto a Chiaramonte Gulfi, a conclusione della festa in piazza Duomo, è scoppiata una rissa. C’è voluto l’intervento dei carabinieri per ristabilire l’ordine. Il comisano Giuseppe Battaglia, i vittoriesi Giovanni Battaglia e Mattia Failla e i ragusani Giampaolo Dicaro e Paolo Mercorillo sono finiti in ospedale, dove hanno ricevuto le medicazioni per le contusioni e le escoriazioni riportate alle braccia e al volto. Dopo le cure, i carabinieri li hanno riportati a casa, dato che i cinque soggetti sono stati sottoposti agli arresti domiciliari perchè devono rispondere del reato di rissa aggravata (scoppiata per futili motivi) e lesioni personali.
carabinieri new

ARRESTATO LATITANTE TUNISINO AL PORTO DI PALERMO

Appena attraccato al porto di Palermo a bordo della motonave proveniente da Tunisi ha trovato ad attenderlo i militari della Compagnia Carabinieri di Vittoria e il personale del locale Ufficio di Polizia di frontiera marittima. La latitanza di Kacem Guendi, tunisino di 36 anni residente a Vittoria, bracciante agricolo, pregiudicato per reati in materia di sostanze stupefacenti, si è conclusa domenica pomeriggio. Al termine di una lunga indagine è stato tratto in arresto in ottemperanza all’ordinanza di custodia cautelare in carce re emessa dal giudice per le indagini preliminari di Catania su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Catania per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico, spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. L’operazione, denominata “Dual Band”, era stata eseguita il 10 gennaio scorso ed aveva permesso di rintracciare e catturare nell’immediato 5 cittadini tunisini (Bedoui Mohamed Hedi, Khadimallah Mohamed Ben Salah, Ajej Ghazi, Ouelasti Nourredine e Sayaru Imed). Le indagini, dirette e coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catania, avevano consentito di delineare il ruolo e il contributo, fornito da ciascuno degli indagati, nell’ambito dell’organizzazione di appartenenza, individuandone i capi, i promotori e i corrieri, dediti, in maniera abituale, alla vendita di sostanze stupefacenti. La realtà criminale emersa dalle indagini è risultata allarmante in quanto gli indagati avevano dato vita a due distinti gruppi criminali, dediti al traffico e spaccio di ingenti quantitativi di hashish e cocaina che erano acquistati da fornitori palermitani e poi immessi nel mercato della città di Vittoria.
guendil Kacem

Accade a Vittoria – FURTO D’IDENTITA’ PER “GUERRA DI BANDE”

polizia postaleUn vittoriese di 32 anni ha denunciato alla Polizia che un anonimo si era appropriato della sua immagine su Facebook creando un altro profilo parallelo. Le indagini avviate dal Commissariato in stretta collaborazione con la Polizia Postale di Ragusa hanno portato all’individuazione di un vittoriese, autore del profilo oggetto di indagini, creato per il videogame denominato “Guerra di bande” allo scopo di implementare il numero di componenti della “sua banda”. Il soggetto, incensurato, commerciante, che ha riferito di conoscere la vittima con la quale in passato ha intrattenuto rapporti di lavoro, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di sostituzione di persona.

Arrestato comisano per furto aggravato

carabinieri 8Sabato mattinata i Carabinieri di Ispica hanno scovato, su segnalazione di un cittadino che, mentre lavorava la terra nel proprio orto, si era accorto della presenza di due sconosciuti nella sua casa sita in contrada Marza, due soggetti che hanno immediatamente tentato la fuga. I Carabinieri sono riusciti a immobilizzare uno dei due, mentre l’altro riusciva a dileguarsi per le campagne della frazione marinara. L’uomo fermato dai Carabinieri, identificato in Paolo Cancellieri, 54enne comisano gravato da diversi precedenti per reati predatori, è stato trovato in possesso del portafogli del padrone di casa, contenente la somma di circa 100 €. I successivi accertamenti hanno permesso di appurare che il Cancellieri e il suo complice si erano introdotti nella casa dopo averne forzato la porta di ingresso, alla ricerca di oggetti di valore. Il Cancellieri è stato collocato agli arresti domiciliari in attesa del processo per direttissima che si celebrerà lunedì mattina.

Con Facebook identificato un maniaco sessuale ragusano

maniaco sessualeLa Polizia di Stato ha concluso le indagini su un maniaco sessuale che si aggirava nei pressi del Liceo Scientifico di Ragusa e si masturbava davanti a due studentesse, denunciando il ragusano F.S. di anni 22 per atti osceni in luogo pubblico. Due ragazze avevano avvisato il 113 perché seguite da un maniaco che si stava masturbando in loro presenza. Quando le Volanti giungevano nel piazzale antistante il Liceo, il giovane si era già dileguato. Dalle indagini condotte attraverso le banche dati in uso alla Polizia di Stato, che aveva acquisito dalle vittime alcuni numeri della targa dell’auto del molestatore, si è divenuti alla probabile identità di F. S. , confermata successivamente da alcuni riscontri sul social network Facebook, divenuto anch’esso uno strumento investigativo.

SCONTRO SULLA RAGUSA – CATANIA GRAVISSIMA UNA RAGUSANA

Una 32enne ragusana si trova ricoverata in gravissime condizioni al Policlinico di Palermo a seguito di un violento incidente avvenuto nella serata di giovedì, intorno alle 22,30, sulla Ragusa – Catania, nei pressi di Francofonte. Tre le auto coinvolte nell’impatto: una Clio, una Focus e duna Megane. Quattro i feriti, tutti ragusani. La peggio è toccata alla giovane che è stata portata in codice rosso a Palermo. In prognosi riservata e ricoverati a Lentini gli altri tre, due uomini e una donna di età compresa tra 38 e 58 anni. L’impatto tra la Focus e la Megane sarebbe stato frontale. La Clio, che sopraggiungeva, sarebbe finita fuori strada forse per evitare l’impatto con le due auto incidentate.
Polstrada

NUOVO ARRESTO A MALTA PER L’AVVOCATO CALCATERRA

Nuovo arresto per l’avvocato, a Malta, per Giovanni Calcaterra, avvocato del Foro di Ragusa. Spendita e introduzione di banconote false, frode, falsi in atti bancari e falsa testimonianza i reati contestati al legale ragusano che qualche mese fa era stato arrestato nell’Isola dei Cavalieri. Dopo essere stato giudicato dal giudice della corte criminale maltese, era stato prosciolto dalle accuse. Giovedì era nuovamente presente nell’Isola dei Cavalieri dove si è tenuta un’altra udienza. In questo caso alla presenza di un secondo giudice. Lo scorso 19 dicembre, a seguito del proscioglimento dalle accuse, l’avvocato ragusano era tornato libero. L’epilogo dell’udienza di giovedì, invece, è stato ben diverso. Il giudice operante avrebbe, diversamente dal primo, ravvisato le esigenze cautelari in carcere in ordine ai reati contestati al professionista sin dal suo arresto dello scorso fine novembre. L’avvocato ragusano era stato incolpato – come a suo tempo il legale difensore ha precisato – di aver utilizzato fraudolentemente, a Malta, documentazione bancaria apocrifa e per ivi aver acquistato banconote falsificate. Inoltre si sarebbero aggiunti i reati relativi a false dichiarazioni rese al giudice e frode.
Tribunale

Scappa dopo il sinistro stradale – Scampata per un soffio una tragedia

112 carabinieri nuovoGiovedì sera, lungo la statale 514 tra Castiglione e l’incrocio con la vecchia strada per Comiso (sp 9), un automobilista ha perso il controllo dell’autovettura, investendone un’altra che procedeva nel senso opposto di marcia, con a bordo una famiglia di quattro persone dirette a casa a Caltagirone. L’uomo alla guida anziché fermarsi è fuggito lasciando la controparte a bordo strada con la fiancata rovinata e un grande spavento. Tragedia scampata per un soffio poiché se i due veicoli avessero colliso frontalmente si sarebbero potute registrare anche delle vittime. Fortunatamente tutti i componenti della famiglia calatina sono rimasti illesi e il padre, alla guida del mezzo, ha allertato il 112. Sul posto è intervenuta un’autopattuglia della Polizia Stradale di Ragusa e una della Compagnia Carabinieri. Sul luogo del sinistro sono arrivate due ambulanze fatte intervenire per accertare, comunque, lo stato di salute degli incidentati. I carabinieri nel frattempo hanno seguito la via di fuga del pirata della strada e ben presto ne hanno trovato le tracce. Sul viale delle Americhe, infatti, nei pressi dell’incrocio tra le due statali, hanno rinvenuto un’auto incidentata corrispondente a quella descritta dall’automobilista calatino. Dal numero di targa i militari sono risaliti a un giovane di Chiaramonte. Allertati i carabinieri della stazione montana, si è scoperto che il chiaramontano mancava da casa e non aveva contatti coi genitori da un mese. In corso Italia i carabinieri hanno notato un soggetto perfettamente coincidente alla descrizione avuta dai militari di Chiaramonte che un po’ camminava e un po’ correva nel centro della carreggiata. L’uomo era in totale stato confusionale non essendo in grado di spiegare dove stesse andando e come fosse arrivato a quasi dieci chilometri di distanza dal luogo dove aveva parcheggiato la sua auto. I militari, sospettando l’assunzione di sostanze alcoliche o di stupefacenti lo hanno perquisito trovandogli indosso due blister di farmaci che possono alterare le capacità di guida. L’uomo ha ammesso di essersi “abbioccato” alla guida lungo il rettilineo e di essersi risvegliato per la collisione. Poi non sapendo cosa fare, aveva “mollato” l’auto e corso a zonzo. L’uomo è scampato all’arresto grazie al fatto che nessuno dei quattro coinvolti nel sinistro era rimasto ferito. Il chiaramontano ha però subito il ritiro immediato della patente per il fondato sospetto di carenza di requisiti, il sequestro del veicolo e la contestazione di diverse violazioni del codice della strada. Polstrada e Carabinieri raccomandano a tutti gli automobilisti di non mettersi mai alla guida quando si è molto stanchi e men che meno se si sono assunti farmaci che possono alterare le capacità di guida.

Fermato albanese omonimo di un pericoloso latitante Scagionato dai controlli sulle banche dati

carabinieri 8Notte turbolenta per un albanese residente ad Ispica, fermato ad un posto di blocco dei carabinieri nella notte fra giovedì e venerdì. L’uomo ha lo stesso nome e cognome di un suo connazionale, pluripregiudicato per reati gravissimi, ricercato in tutta l’area Shengen. Fra l’altro, la data di nascita dei due cittadini albanesi è molto simile. A complicare la situazione, una serie di coincidenze sfavorevoli per il malcapitato: nella patente di guida per errore è stata inserita una data di nascita sbagliata che, guarda caso, quasi concideva con quella del pericoloso criminale. Inoltre, al momento del controllo eseguito dai militari in via Fieramosca a Ragusa, l’albanese aveva con sè ben 2 passaporti. I carabinieri si sono insospettiti e hanno iniziato a fare dei controlli accurati sull’identità del cittadino albanese, prendendone anche le impronte digitali. Alla fine l’inghippo è stato svelato: il servizio di cooperazione internazionale di Roma ha ottenuto dall’ufficio federale la foto del criminale latitante, che ha scagionato l’albanese residente ad Ispica. Il poveretto ha poi chiarito di avere due passaporti perchè il vecchio, che aveva smarrito, l’aveva poi ritrovato e li teneva entrambi.

SBARCO A POZZALLO, ARRESTATI PRESUNTI SCAFISTI

Arrestati i due presunti scafisti dello sbarco di mercoledì a Pozzallo. Si tratta di due tunisini di 32 e 44 anni. Nello sbarco c’erano anche 50 minori e 30 donne. I migranti hanno raccontato di essere partiti 4 giorni prima a bordo di una fatiscente imbarcazione e che viste le condizioni del mare, nel pomeriggio di martedì, gli scafisti hanno chiesto aiuto mediante sistema di telefonia satellitare, su forti pressioni dei passeggeri preoccupati per la loro incolumità. Soccorso che è stato dato a Malta. Poi l’arrivo a Pozzallo. Tutti i migranti ascoltati come testimoni hanno raccontato di aver deciso di fuggire dai loro paesi d’origine in quanto le condizioni di vita erano terribili, tra guerre civili e dittatura. Una volta deciso di scappare, la strada “obbligatoria” era quella di andare in Libia dove le organizzazioni criminali locali si occupano di reclutare i poveri disperati ed in cambio di circa 4.000 euro, li mettono su imbarcazioni precarie per far raggiungere le acque internazionali dove poi chiedono soccorso per essere trasportati in Italia.
sbarco 26.02.2014 (1)

LA POLIZIA DENUNCIA PREGIUDICATO PER SPACCIO

A Ragusa, la notte scorsa, una pattuglia della Volanti ha “intercettato” due persone, già note alla Polizia, in sella ad una moto. Il conducente – C.S., diciottenne ragusano con precedenti penali e di polizia – è stato perquisito: addosso aveva marijuana e cocaina. Perquisita anche l’abitazione del giovane: in camera da letto altri involucri di droga. La sostanza stupefacente era, certamente, destinata alla vendita. Il diciottenne è stato denunciato in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio. Sequestrati 10 grammi di marijuana e 0,170 grammi di cocaina.
polizia vittoria 9

Furto su auto a Vittoria I carabinieri arrestano pregiudicato

Mercoledì sera, in via Principe Umberto a Vittoria, è stato arrestato in flagranza di reato il pregiudicato vittoriese di 24 anni, Salvatore Sammartino. L’uomo, dopo aver frantumato il vetro anteriore sinistro di un’auto, ha tentato di asportare lo stereo e altri oggetti presenti nel veicolo.
SAMMARTINO

Pregiudicato gelese arrestato a Scoglitti

Il pregiudicato Saverio Di Stefano, ventenne gelese, è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Scoglitti per avere eluso la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, che lo obbliga a soggiornare esclusivamente nel territorio di Gela.
DI STEFANO

AUTO DI LUSSO SEQUESTRATE AL PORTO DI POZZALLO

Tre auto sportive di lusso una Lamborghini Gallaro, una Jaguar Xkrs e una Porsche 911 Gt3 che stavano per imbarcarsi dal porto di Pozzallo con destinazione Malta, sono state poste sotto sequestro. Il provvedimento è stato eseguito, mercoledì mattina, dagli agenti della Polizia stradale di Ragusa e dagli operatori dell’Ufficio dogane di Siracusa a seguito dei controlli fatti presso la Banca dati Interforze: a carico dei tre veicoli vi erano provvedimenti di ricerca e sequestro in tutta l’area Schengen, in quanto era stata inoltrata, attraverso rogatoria internazionale, una querela per appropriazione indebita e truffa, nei confronti di ignoti, da parte della legittima proprietaria delle auto, una società tedesca. Gli agenti della Polstrada e gli operatori della dogana hanno contattato i referenti di “Sirene”, l’ufficio di coordinamento con Europol, i quali hanno provveduto ad inviare gli atti richiesti, già formalizzati presso le autorità tedesche. Oltre al sequestro dei mezzi è stata avviata un’inchiesta con l’invio degli atti alla Procura della Repubblica di Ragusa. Risultano indagati i tre conducenti dei mezzi, un catanese e due napoletani. Il valore commerciale dei veicoli ammonta a 400 mila euro. Negli ultimi mesi sono stati ulteriormente potenziati i controlli nell’area di imbarco e nei confronti dei mezzi provenienti o in partenza per Malta.
foto per stampa auto sportive

Deteneva cocaina destinata allo spaccio, arrestato un commerciante sciclitano

I Carabinieri di Scicli hanno perquisito l’auto del commerciante sciclitano Gianni Giuca di 49 anni. I militari dell’Arma, che conoscevano bene il Giuca per i suoi pregiudizi penali in materia di stupefacenti, avevano notato che ultimamente l’uomo frequentava diversi tossicodipendenti sciclitani e teneva un atteggiamento ingiustificatamente circospetto e schivo. E’ stato sorpreso in possesso di 13 dosi di cocaina, alcune nascoste negli slip; addosso anche 740 euro in banconote di piccolo e medio taglio. Ora Giuca è agli arresti domiciliari.
Giuca Gianni 24121965

SOCCORSI 218 MIGRANTI, SBARCO A POZZALLO

183 uomini, 21 donne e 14 bambini. Sono in tutto 218 i migranti sbarcati mercoledì mattina al porto di Pozzallo. Il 25 febbraio erano stati intercettati al largo di Lampedusa, a bordo di un barcone di 20 metri. Uomini, donne e bambini sono stati convogliati nelle motovedette della Guardia Costiera Cp 303, Cp319 e Cp 282 sino ad arrivare al porto ibleo alle 8.30 del mattino del 26 febbraio. Uno dei migranti, appena i natanti della Guardia Costiera hanno toccato la terraferma, ha tentato di fuggire, per eludere i controlli previsti dal rito della identificazione, ma gli uomini della Capitaneria di Pozzallo lo hanno inseguito e fermato: si era nascosto all’interno di una gru. Le operazioni di accoglienza sono state svolte dalle Forze dell’ordine, dai volontari della Protezione civile, medici della Sanità marittima di Siracusa e dell’Asp di Ragusa e dalle varie associazioni.
sbarco 26.02.2014 (1)

Scroll To Top
Descargar musica