16-01-2019
Ti trovi qui: Home » attualità (pagina 5)

Archivio della categoria: attualità

GIOVANNI IACONO CONTRO ARICO’: SIAMO AL GIRO D’ITALIA DI MALATTIE INFETTIVE

downloadIl gruppo consiliare di Partecipiamo al Comune di Ragusa interviene ancora sul trasferimento dell’unità di malattie infettive di Ragusa. Dichiara Giovanni Iacono: “Anche oggi, in sede di conferenza stampa e incontro della direzione generale con i Sindacati, si è assistito alla totale assenza di certezze sul futuro del reparto  malattie infettive di Ragusa, ma potremmo  anche citare altre unità sui cui ‘destini’ nutriamo seri dubbi. I vertici ASP dicono che il trasferimento di malattie infettive è provvisorio ma non sanno, o non vogliono, indicare tempi e modalità di questa ‘temporaneità’. La volontà invece è chiara ed è sempre quella che ha caratterizzato il direttore generale Aricò che, senza fornire supporto di una base dati,  già nel suo piano aziendale voleva il trasferimento di ‘malattie infettive’ da Ragusa a Modica. Come si fa ad avere la leggerezza di pensare di spostare ‘provvisoriamente’ un intero reparto che comprende pazienti prima in una città e poi in un altro ospedale della città originaria,  per poi, forse, approdare dove dovrebbe essere collocato l’ambulatorio di due stanze nel nuovo ospedale?  Insomma il giro d’Italia del reparto di ‘malattie infettive’ di Ragusa. Auspichiamo che in questo mese di scadenze dei mandati per il vertice ASP, si ponga la parola fine ad una amministrazione che sarà rimpianta solo dai politici di riferimento, gli stessi  che ne hanno determinato i risultati che sono sotto gli occhi di tutti”.

INSIEME IN CITTA’

ins in citt

Ormai è una consuetudine, per gli amici di InsiemeinCittà, ritrovarsi  il 23 giugno, vigilia di San Giovanni Battista, per mangiare le fave novelle secondo la tradizione ragusana. Quest’anno però, prima della cena, l’associazione culturale propone un’appendice alla passeggiata del 20 maggio scorso: gli edifici e e gli spazi urbani inutilizzati che possono avere un ruolo di grande rilievo per la rigenerazione urbana. “Visiteremo quindi lo scalo merci adiacente alla stazione ferroviaria: grande vuoto urbano ormai in disuso, ubicato in posizione strategica per diversi possibili usi pubblici, che dovrebbe essere acquisito al patrimonio comunale e preservato da possibili interessi edificatori”. Appuntamento venerdì 23 giugno alle 17,30 in Piazza Libertà per la visita allo scalo merci e poi, alle 20,00 in Piazza San Giovanni per la tradizionale cena. Unicamente per la cena, il cui costo è di € 7 a persona, occorre prenotare comunicando il numero e nominativo dei partecipanti inviando entro martedì 20 giugno una mail all’indirizzo: [email protected] o telefonando al n. 339 2335433.

 

RAGUSA, MA CHE FINE HANNO FATTO I LAVORI DI RIPRISTINO DI VIA SANT’ANNA?

Via Sant'Anna“L’estate è ormai alle porte. E dei lavori di ripristino in via Sant’Anna, nel cuore del centro storico superiore di Ragusa, neppure l’ombra. I residenti e i commercianti della zona sono esasperati”. La denuncia arriva dal consigliere comunale del Movimento Civico Ibleo, Gianluca Morando, dopo avere ricevuto, in proposito, le segnalazioni degli operatori del settore oltre a quelle di numerosi cittadini stanchi per un andazzo che risulta essere inspiegabile. Morando, tra l’altro, era già intervenuto parecchie volte sull’argomento in Consiglio comunale senza ricevere risposte adeguate. “Le strade in questione, a causa della polvere e dell’aumento delle temperature – sottolinea Morando – sono impraticabili. I lavori di riqualificazione dell’impianto idrico si sono conclusi nel mese di febbraio. Ed era stato comunicato ai cittadini e ai commercianti che i lavori di ripavimentazione delle strade interessate dagli interventi sarebbero iniziati nel mese di maggio. Ora, però, che maggio è passato e siamo già quasi a metà giugno, ci chiediamo a quale maggio si riferisse l’Amministrazione comunale. E’ urgente intervenire subito. Ecco perché sollecito la Giunta municipale ad accelerare le procedure e a dare risposte immediate. Ringraziamo, altresì, i commercianti e i residenti per la pazienza. Ma è chiaro che questa tollerabilità ha un limite e non se ne può più abusare oltre”.

 

Festival delle Relazioni

Manifesto Festa del rifugiato (4)Accogliere, proteggere, promuovere ed integrare questi i verbi sul quale papa Francesco ha invitato a riflettere i cristiani in relazione al fenomeno delle migrazioni. Queste le direttive lungo le quali il Festival delle Relazioni muoverà i suoi passi nella sua terza edizione.  Primo appuntamento alle 18:30 del 13 giugno alla Pinacoteca comunale di Comiso per “Viaggi interiori e viaggi di speranza” con l’inaugurazione della mostra fotografica a cura di Antonio Bonifacio. Nel corso del pomeriggio sono previsti gli interventi del professor Nello Dell’Agli, del professor Maurizio Cerruto e la consegna della Costituzione Italiana di S.E. il Prefetto Carmela Librizzi ai richiedenti asilo e agli operatori del Servizio Civile nazionale. Il 20 giugno si celebrerà a Ragusa la Giornata del Rifugiato. Primo appuntamento alle ore 19:00 nella Chiesa della Badia con l’inaugurazione della mostra “Arte profuga” a cura di Giampiero Carta. Espongono la stilista di moda Loredana Roccasalva, Carmen D’Aleo, Ilaria Caruso. Verranno esposte le opere e le creazioni degli ospiti dei centri di accoglienza di “Borgo Tresauro” e dei progetti Sprar gestiti dalla Fondazione San Giovanni Battista. Uno spazio sarà riservato ai mandala creati dagli studenti della scuola Ecce Homo in collaborazione con i richiedenti e titolari di protezione internazionale. Alle ore 20:00, sul sagrato di piazza San Giovanni, si terrà la conferenza “Rifugiati: accogliere, proteggere, promuovere ed integrare”. Daniele Albanese, referente area internazionale Corridoi Umanitari di Caritas Italiana, relazionerà sul tema “Corridoi umanitari, un modello di accoglienza sostenibile per l’Europa”. E’ previsto anche l’intervento della Capitaneria di Porto di Pozzallo dal titolo “Le operazioni di soccorso in mare”. Al termine danze, canti, teatro e performance artistiche dai laboratori dei progetti SPRAR di Ragusa e Comiso a cura di Progetto Danza, Michele Arezzo, Maurizio Morello e l’Orchestra del Liceo Scientifico “Fermi” di Ragusa. Concluderà la serata un momento di preghiera interreligiosa. Giorno 21 giugno alle ore 20:00, infine, sempre sul sagrato della Cattedrale, Andrea Caschetto relazionerà sul tema “In viaggio per un sorriso”, seguirà l’intervento del poeta e filosofo Davide Rondoni. Alle ore 21:00 grande musica con Ambrogio Sparagna Trio con la partecipazione di Mario Incudine e Davide Rondoni. Il progetto è frutto della collaborazione tra la Fondazione San Giovanni Battista con il Servizio Centrale SPRAR, Caritas Diocesana di Ragusa, Fondazione Migrantes, Cattedrale San Giovanni Battista e la cooperativa Rel-Azioni.

 

Il sindaco Federico Piccitto diffida Aricò per il trasferimento di malattie infettive

piccitto-4-271x300“Ancora una volta, come già accaduto, si tenta l’ennesimo colpo di mano con lo strano meccanismo degli avvisi volanti. Un’assurdità, l’ultima di una lunga serie, che mi amareggia profondamente. Anche perché continuo a non comprendere quale sia l’obiettivo finale”. A dichiaralo è il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto, in merito alla notizia dell’avviso riservato al personale infermieristico in servizio in Malattie Infettive di Ragusa per il trasferimento presso il reparto dell’Ospedale Maggiore di Modica. “Una scelta immotivata, senza né capo né coda, illogica. Come è possibile ignorare, infatti, quanto previsto dal decreto Regionale che prevede il mantenimento del reaparto nel nosocomio di Ragusa? Ho immediatamente diffidato la Direzione Generale dell’Asp 7, per la sospensione immediata di questo provvedimento e ricorrerò in tutte le sedi e con tutti i mezzi, contro quella che appare come l’ennesima prevaricazione a scapito della nostra città. Anche le motivazioni addotte – prosegue il primo cittadino – sono all’insegna del contrasto. Nell’interlocuzione immediata avuta con la Direzione Generale dell’Asp 7, mi è stato detto, infatti, che il provvedimento in questione è temporaneo, per motivi tecnici. Nell’avviso, di questa presunta temporaneità, non c’è però traccia. Il provvedimento infatti parla di un trasferimento motivato con la prossima apertura dell’ospedale Giovanni Paolo II. Una vicenda che assume connotati che oscillano tra farsa, tragedia e grottesco, in piena linea, peraltro, con quanto accade a Palermo. Evidentemente la logica dell’improvvisazione si propaga anche nelle realtà locali, e  la città di Ragusa, per ogni atto, è costretta a rivolgersi alla magistratura.  La sanità continua a navigare tra tentativi, smemoratezze, refusi e marce indietro, all’insegna del tentennamento continuo che governa una tematica così delicata ed importante. Il Comune di Ragusa, in questo senso, ha mostrato in pieno però di saper difendere le proprie posizioni, come già avvenuto in occasione della prima versione del piano di riordino sanitario regionale, a settembre 2015. Al termine dell’ennesima battaglia legale, il Tar, con sentenza del maggio scorso, ha dato ragione proprio al Comune su tutta la linea. Lo faremo anche questa volta a tutela del territorio e dei cittadini”.

Giorgio Assenza critico sulla nomina del presidente Soaco: “Il peggior metodo possibile”.

downloadIl dottore Silvio Meli già esponente di spicco di Forza Italia è il nuovo presidente della Società Aeroporto Comiso. L’annuncio è stato dato dal sindaco Filippo Spataro che ha comunicato anche la nomina del suo nuovo assessore allo sviluppo economico Maria Giurato. Il deputato regionale comisano Giorgio Assenza manifesta il suo disappunto e dichiara: “Senza entrare nel merito della scelta, colpisce negativamente il contesto in cui è maturata la nomina del nuovo Presidente della Soaco, che si colloca nel solco delle logiche logore delle spartizioni figlie del partitismo più deteriore. La conferenza stampa tenuta dal sindaco mercoledì ne è la rappresentazione plastica: per la nomina nello stesso contesto di un assessore della giunta e del presidente della società di gestione aeroportuale; per la presenza di segretari ed esponenti dell’ex UDC, partito che fino a qualche giorno fa sparava ad alzo zero, sfiorando financo le querele, contro l’amministrazione Spataro e, adesso, rimane folgorato sulla via delle poltrone. Il peggiore metodo possibile, specie per il momento drammatico che vive l’Aeroporto di Comiso. Il nuovo presidente è atteso da un compito certamente difficile: valuteremo sui fatti”.

 

IL “VOTOFACILE”, LE SCELTE SU PIAZZA CAPPUCCINI E I CAMPIONI NON RAPPRESENTATIVI. CALABRESE (PD): “SIAMO STANCHI DELLE BARZELLETTE CHE CI RACCONTANO I CINQUE STELLE DI RAGUSA”

downloadHanno votato in 141 e l’80 per cento ha scelto di eliminare la strada che separa la chiesa con la pizza Cappuccini. Scrive Calabrese:   “Quindi l’80 per cento di 141 persone – dice Peppe Calabrese, dirigente regionale del Pd – ha indicato una scelta anziché l’altra con riferimento al progetto di riqualificazione di una delle piazze più caratteristiche della città. Pur nel massimo rispetto di questi 112 cittadini, sinceramente non credo che una scelta amministrativa che attribuisce responsabilità a chi la effettua, possa essere camuffata come scelta che nasca dal popolo. Non occorre una laurea in statistica per sapere che un campione deve essere significativo e sinceramente non credo che una scelta basata sulle indicazioni di un campione di 141 persone in una città di circa 70.000 abitanti lo sia. Se invece il Votofacile volesse misurare il gradimento dei cittadini, per capirci meglio le famose faccine tanto care a Brunetta, allora ben vengano le opinioni, ma sull’operato degli amministratori, non su quanto ancora deve essere fatto. D’altra parte è legittimo pensare che il capo assoluto Grillo abbia obbligato all’utilizzo dello strumento di consultazione facile, lui che attraverso la Casaleggio e il web ha saputo interpretare i desideri degli italiani. Quanti? Non lo sappiamo”. “In conclusione – dice ancora Calabrese – se Votofacile costituirà un alibi per giustificare le scelte scellerate di questa Amministrazione ovvero per indebolire eventuali responsabilità, noi del Pd saremo pronti a puntare il dito sui responsabili e a vigilare su scelte esclusivamente amministrative e non del popolo. Non voglio insegnare nulla a nessuno, ma vorrei suggerire che le percentuali in statistica seguono regole molto rigorose per essere costruite e diventare strumento di supporto alle scelte politiche per la città”.

 

Servizio quotidiano di pulizia per le spiagge di Marina di Ragusa

 

marinadiragusa1-535x300 Da giovedì 1° giugno scorso l’impresa Busso che si occupa del servizio di igiene ambientale del territorio comunale, così com’è previsto all’art 54 dell’apposito Capitolato d’appalto, ha avviato la  pulizia degli arenili del comune. “Tutte le spiagge di Marina di Ragusa – dichiara l’assessore all’energia ed ambiente Antonio Zanotto – dopo essere state interessate nei primi giorni del mese ad un intervento di pulizia straordinaria, vengono quotidianamente pulite dagli operatori dell’impresa Busso consentendo così ai già numerosi turisti già presenti nel nostro litorale di potere godere al meglio dei nostri arenili”.

 

 

RAGUSA, ATTACCO DEL PD SULLA POLITICA URBANISTICA DEI GRILLINI

Mario D'Asta consigliere comunale Pd“Tutto bloccato. Ma come? Avrebbe dovuto essere uno dei punti qualificanti dell’azione amministrativa di questa Giunta? E, invece, lo strumento del Piano particolareggiato dei centri storici resta nel limbo. Non se ne sa più niente. Circostanza che impedisce, di fatto, ai ragusani di potere investire nei due centri storici della nostra città potendo, magari, contare sulla possibilità di ristrutturare e accorpare, ammodernandole, delle abitazioni tra loro vicine. Tutto resta inesorabilmente congelato. Per quale motivo? Interrogherò ed incalzerò l’amministrazione per capire il motivo per il quale nulla si è fatto. Produrremo una interrogazione per sollecitare, ancora una volta, l’Amministrazione a procedere su un settore strategico per la nostra città sia in termini di valorizzazione che di sviluppo complessivo”. Ad affermarlo il capogruppo del Pd al Consiglio comunale, Mario D’Asta, rivolgendosi alla Giunta municipale guidata dal sindaco Piccitto. Con riferimento al decreto di approvazione del Piano particolareggiato dei centri storici, il Consiglio regionale dell’urbanistica e quindi l’assessorato regionale Territorio non ha ritenuto accogliere quegli emendamenti che non erano supportati da parere positivo del Genio civile e della Soprintendenza. Tra questi emendamenti rientrano quelli che, nel corso di una specifica seduta, il Consiglio comunale aveva ritenuto opportuno inserire nella delibera e quindi inviare a Palermo. Tra gli emendamenti previsti, anche quelli delle unità di base. “In assenza di parere positivo del Genio Civile e della Soprintendenza – afferma D’Asta – l’assessorato regionale ha deciso di non accogliere l’emendamento. Questo significa che l’Amministrazione comunale avrebbe dovuto rivedere il piano ed individuare puntualmente le unità di base oltre a elencare gli interventi edilizi che su queste unità di base sono consentiti. In attesa dell’ottemperanza di queste prescrizioni, per queste unità di base è possibile effettuare soltanto interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione. Quindi, non è possibile intervenire per quanto riguarda la demolizione, l’accorpamento e la fusione tra varie unità di base così da realizzare un’abitazione più comoda e più vivibile. Come è possibile che a distanza di quattro anni l’Amministrazione grillina non sia ancora riuscita a sciogliere questi nodi? Come al solito, nonostante in campagna elettorale Piccitto e soci avevano chiarito che questo problema sarebbe stato sanato, si predica bene e si razzola male. Soprattutto quando si ha modo di parlare di questioni di ampio spessore come questa che andrebbero ad interessare buona parte di quei ragusani intenzionati a investire sul centro storico, contribuendo, in questo modo, a farlo rivivere”.

 

A TUTTO VOLUME – LIBRI IN FESTA A RAGUSA

cover_sito-07-1200x570-croppedOttava edizione del festivalA Tutto Volume” che da venerdì 16 a domenica 18 giugno si svolge a Ragusa. “Scrivere, camminare, fiorire” è il titolo dell’incontro inaugurale che vedrà l’ospite Serena Dandini conversare con Paolo Di Paolo, guest director con Loredana Lipperini, Antonio Calabrò, e Massimo Cirri. I quattro, già ospiti delle passate edizioni, hanno costruito parte del programma con il direttore artistico, ideatore e promotore del festival Alessandro Di Salvo, scegliendo alcuni dei libri che presenteranno a Ragusa con i loro autori. Oltre alla nota autrice e conduttrice tv, Paolo di Paolo sarà a Ragusa con Marcello Fois, Loredana Lipperini condurrà gli incontri con Mauro Covacich,Antonella Lattanzi e Stefano Bartezzaghi. Antonio Calabrò porterà a Ragusa Sergio Rizzo ed Ernesto Galli Della Loggia invece Massimo Cirri dialogherà con Sergio Staino e Chicco Testaautori di un saggio sulla diffusa “cultura del no” e Telmo Pievani.Domenica 18 giugno, a Ibla, Lisa Hilton presenterà per la prima volta in Italia “Domina” (secondo volume della trilogia inaugurata con il best seller “Maestra”) mentre Gad Lerner e Piero Dorflesconfrontandosi su “Cultura, web e democrazia” chiuderanno l’ottava edizione nell’incantevole piazza Duomo. E ancora Francesco Recami e Lorenzo Marone entrambi nella top ten della classifica della narrativa italiana nelle passate settimane. I  temi caldi dell’attualità verranno discussi da due pilastri del Fatto Quotidiano Peter Gomez e Gianni Barbacetto, i giornalisti Gaetano Savatteri, Stefano Liberti e il politologo Gianfranco Pasquino. L’archeologo Gabriel Zuchtriegel illustrerà la singolarità della tomba del tuffatore di Paestum e Mario Fillioley racconterà da neo insegnante gli studenti e la scuola di oggi. Spazio alle storie personali con le biografie del magistrato Raffaele Guariniello, il giornalista Gianni Minà con Giuseppe De Marzo, la scrittrice Barbara Garlaschelli e l’attrice Veronica Pivetti. Con Folco Terzani, Alberto Pellai e Barbara Tamborini i lettori scopriranno gli spazi inesplorati dei comportamenti umani, mentre Eleonora Cozzella e Andy Luotto si trasferiranno in cucina. Il programma dedicato ai piccoli lettori invece vedrà protagonisti tra gli altri Bruno Tognolini e il premio Andersen Fabian Negrin.  Corposa la lista degli editori presenti: Bompiani, Codice edizioni, De Agostini, Editoriale scienza, EGA, Einaudi, Feltrinelli, Giunti, Il Mulino, La nave di Teseo, Laterza, Marsilio, Minimum fax, Mondadori, Orecchio Acerbo, Paper first, Piemme, RAI ERI, Rizzoli, Sellerio, Sperling & Kupfer, UTET.

Domenica a Ragusa “Scinni ‘nta Ciazza!” 

logo_cittafelice_piccolaUna fantastica festa di quartiere libera e aperta a tutti alla Rotonda Maria Occhipinti di via Roma. Una giornata di festa, condivisione e convivialità. Una serata come le feste di una volta, organizzata si ma informale. Domenica 11 giugno dalle 18:00 alle 23:00. In programma: 18:00 – 20:00 animazione per bambini e passeggiata “Serra e Carruedde” a cura del prof. Flaccavento. Alle 20.30 Cena tutti insieme: una grande tavolata sarà allestita e tutti quelli che vorranno partecipare potranno farlo semplicemente portando in dono qualcosa da mangiare e da bere (senza dimenticare di portare anche piatto, bicchiere e posate). E per tutta la durata della festa musica dal mondo, ritmi africani che si mescolano al folk siciliano, riciclo e scambio di oggetti (vestiti, accessori, libri, vinili, piccoli oggetti per la casa) nel salottino allestito in piazza. Per info 3274037705

Mercato degli Agricoltori a Marina di Ragusa

mercato_contadinoLa Giunta Municipale ha deciso il periodo di operatività del Mercato degli agricoltori che si svolge a Marina di Ragusa: dal 20 giugno al  15 settembre dalle ore 16 alle ore 21, nelle giornate dei giovedì pomeriggio sulla terrazza del Porto turistico, ed i venerdì pomeriggio presso il piazzale Padre Pio.

Il tema della violenza in un convegno promosso dalla Fiom Cgil a Ragusa Ibla

Locandina Gli Uomini non piangono“Gli uomini non piangono – le gabbie dell’indennità di genere -”. Questo è il tema di un convegno che si terrà venerdì 9 giugno p.v. alle ore 17.00 all’Auditorium Santa Teresa in via delle Suore, 2 a Ragusa Ibla. I lavori saranno introdotti da Francesco Maltese, segretario generale della Fiom Cgil di Ragusa e moderati da Valeria Firrincieli, delegata Politiche di genere della Cgil di Ragusa. Interverranno Peppe Scifo, segretario generale della Cgil di Ragusa e  Michela Spera, segretaria nazionale Fiom Cgil. I lavori continueranno con gli interventi di Francesco Seminara, Mario Polizzi e Pippo Consoli dell’associazione “Noi uomini a Palermo contro la violenza sulle donne” e quello di Serena Maiorana autrice del libro: ”Quello che resta. Storia di Stefania Noce”. Daranno il loro contributo, Rosy Scollo, dirigente FIOM Cgil Sicilia e Mimma Argurio, segretaria Cgil Sicilia. Su questo tema da sabato 3 giugno si è tenuta a Palazzo Cosentini una mostra multimediale. Il convegno di venerdì 9 giugno consentirà alle assistenti sociali di aver riconosciuto, da parte dell’ordine professionale, tre punti di crediti formativi.

CHIUSURA IPERCOOP RAGUSA, L’ACCUSA DI SINISTRA ITALIANA

IPERCOOP_Ragusa-218x150Sinistra italiana parla di gioco ambiguo. Questa la nota: “Le notizie degli ultimi giorni che provengono dalla Coop sono particolarmente allarmanti perché mettono a rischio numerosi posti di lavoro che vanno ben oltre gli stessi dipendenti del supermercato di Ragusa. Infatti è ben noto che le attività dei centri commerciali si sviluppano attraverso l’attrazione combinata tra le diverse tipologie di negozi con un effetto traino che solitamente esercita l’area del supermercato. Appare evidente che la chiusura, o la drastica riduzione, dell’offerta commerciale della Coop di Ragusa  provocherebbe un inevitabile e drammatico effetto domino sugli altri esercizi attigui con pesanti conseguenze per l’occupazione in tutta l’area. La Coop però sta giocando pesante e le minacce lanciate a lavoratori e sindacati  non appaiono giustificate. Infatti da un primo esame del bilancio del gruppo che possiede il 100% di Coop Sicilia emergono alcuni dati che è opportuno divulgare.  Coop Sicilia ha chiuso l’esercizio 2016 certamente con un risultato negativo , ma va detto che ha ottenuto un miglioramento di oltre quattro milioni rispetto all’esercizio precedente e nonostante una contrazione delle vendite del 3%.  Nonostante la riduzione delle vendite, provocata dalla chiusura di alcuni punti vendita e la debolezza dei consumi nell’isola, il margine commerciale è migliorato di un milione e 309 mila euro. Con buona pace di chi non perde occasione per addossare tutti i mali del Paese all’eccessivo peso dei salari, nel gruppo Coop il costo del lavoro (comprensivo di tutti gli oneri accessori) incide soltanto per il 15% sul valore delle vendite. Per altro va ricordato che in Sicilia sono stati sottoscritti anche accordi sulla flessibilità oraria”. Il circolo di Ragusa di Sinistra Italiana si dichiara  fianco dei lavoratori e lancia l’appello affinché in tutto il polo commerciale si sviluppino le opportune forme di pressione e solidarietà per evitare “quel nefasto effetto domino che coinvolgerebbe tutto il sito dell’area commerciale e che il territorio ibleo non merita”.

 

ACHILLE OCCHETTO AL CENTRO STUDI FELICIANO ROSSITTO DI RAGUSA

maxresdefaultVenerdì 9 giugno 2017 alle ore 18 nella sala del Centro Studi Feliciano Rossitto in Via Ettore Majorana, 5  il professore Giuseppe Tumino (già docente di Filosofia e Storia al Liceo classico di Ragusa) presenterà il volume di Achille Occhetto “Pensieri di un ottuagenario. Alla ricerca della libertà nell’uomo” (Sellerio Editore, Palermo, 2016). Concluderà l’incontro l’autore. Un lungo viaggio tra politica e filosofia. Una riflessione sul tema della libertà e del determinismo attraverso la lezione dei filosofi letti da Achille Occhetto nel corso del tempo. L’Autore è stato, negli anni dell’indeterminatezza e dell’inaspettato, nel giro di boa concitato di fine secolo, l’ultimo segretario del Pci e il primo segretario del Pds. Questa passione, costante e immutabile per l’impegno politico e civile, rappresenta, nelle pagine di Pensieri di un ottuagenario, il vero motore della ricerca. Classe 1936, tra i suoi libri: Il sentimento e la ragione (1994); Governare il mondo. La nuova era della politica internazionale (1998); Secondo me. Brani di una sinistra difficile (2000); Potere e antipotere (2006); La gioiosa macchina da guerra. Veleni, sogni e speranze della sinistra (2013); L’Utopia del possibile (2016).

I CLOWN DOTTORI HANNO INCONTRATO STUDENTI IBLEI

WhatsApp Image 2017-06-03 at 13.38.49

I clowndottori dell’associazione “Ci ridiamo su”, in compagnia del dott. Leonardo Spina, presidente dell’Istituto Homo Ridens e pioniere della comicoterapia in Europa, hanno incontrato, in occasione della Giornata della Legalità, duecento tra studenti ed insegnanti dell’Istituto “G. Ferraris” di Ragusa. Affascinati e divertiti dalla simpatia dei clown dottori, gli alunni hanno potuto avvicinarsi alla comicoterapia e ai benefici che essa riesce ad offrire ad una persona sana, ma soprattutto malata. In particolare, il dott. Spina, riallacciandosi alla seconda parte dell’art 4 della Costituzione (“Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società”) ha spiegato come la socialità sia una componente essenziale dell’essere umano e come sia essa a poterci salvare anche davanti alle eventuali e vistose falle dello Stato. Nella differenza fondamentale tra i concetti di “istruzione” ed “educazione”, Spina ha provocato le reazioni degli studenti, in relazione ai talenti di ciascuno di loro, ricordando anche che il sapere, in particolare quello scientifico, è uno strumento che può essere usato sia per il bene che per il male. Nei giorni successivi, invece, venti studentesse del “Liceo Galilei – Campailla” di Modica hanno partecipato al programma di alternanza scuola/lavoro all’Ospedale “Maria Paternò Arezzo” di Ragusa Ibla, dove i clown dottori sono operativi nel reparto di Pediatria e, da qualche mese, nel reparto di DH Oncologico con il Progetto Saturnino. Alla presenza dell’oncologa Monica Firrincelli, responsabile del progetto di alternanza, le studentesse hanno potuto comprendere presupposti e metodologie sia nella prevenzione delle patologie degenerative dal punto di vista dell’educazione alimentare ed agli stili di vita, di cui ha parlato il dott. Carlo Nigrelli dell’associazione NAOS, che riguardo alla gelotologia (cioè la comicoterapia) nei contesti difficili, che è stata approfondita dal dott. Spina. Illustrando i presupposti del lavoro del clown dottore, in particolar modo sulla PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia),  cioè i “sentieri” attraverso cui i pensieri, le emozioni e le credenze delle persone modificano in senso negativo e positivo il sistema immunitario delle persone e quindi, di fatto, l’insorgere o meno di patologie, anche molto gravi, l’illustre gelotologo si è soffermato sul paradigma culturale vigente, tutto orientato alla paura, alla sofferenza, al dolore, all’iper-produttivismo, indicandolo come corresponsabile dello stress che ormai, in modo abnorme, è presente nella vita quotidiana di tutti. Ha inoltre offerto un modello culturale diverso, in cui le emozioni ed i pensieri positivi aiutino a vivere meglio, proprio in relazione alle scoperte scientifiche circa i rapporti tra la psiche umana e la salute.

Giovanni Scarso insignito Grand’Ufficiale della Repubblica

Giovanni Scarso grand'Ufficiale della Repubblica2

Venerdì nei Giardini di Ragusa Ibla è avvenuta la consegna dell’onorificenza in occasione del 2 Giugno, festa della Repubblica Italiana, da parte del prefetto di Ragusa Maria Carmela Librizzi. A consegnare l’onorificenza a Giovanni Scarso, ex Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, sono stati il vescovo di Ragusa, Carmelo Cuttitta e il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto. “Un’onorificenza che mi inorgoglisce – ha detto Giovanni Scarso – perché la ricevo come un attestato all’impegno profuso per il bene della comunità iblea”.

FESTA DELLA REPUBBLICA

downloadIl 2  giugno in occasione del 71° Anniversario della Fondazione della Repubblica, in concomitanza con la cerimonia celebrativa presieduta a Roma dal Capo dello Stato, avrà luogo a Ragusa Ibla, all’interno del Giardino Ibleo, con inizio alle ore 10.30,  la tradizionale manifestazione. Inoltre il Palazzo del Governo sarà per l’intera giornata ulteriormente imbandierato, e nel  pomeriggio, alle ore 19,30, sempre all’interno del Giardino Ibleo , si terrà un concerto offerto dalla Banda Musicale della Brigata Meccanizzata “Aosta” diretta dal Maresciallo Capo Fedele De Caro,  con l’esecuzione in apertura dell’Inno Nazionale  cantato dal tenore Dario Adamo. Infine presso i locali dell’ Associazione Combattenti e Reduci di Ragusa n Viale del Fante n. 2, sarà aperto al pubblico – dalle ore 15,30 alle ore 20,30 – il Museo dedicato ai cimeli donati dai militari iblei di ritorno dalla prima e dalla seconda guerra.

 

CRISI AGRICOLTURA SICILIANA, IL CONSORZIO DOP MONTI IBLEI VUOLE UN TAVOLO TECNICO REGIONALE

Il presidente Giuseppe ArezzoAnche il presidente del consorzio Dop Monti Iblei, Giuseppe Arezzo, ha sottoscritto il documento che, proposto in occasione del “Primo convegno sviluppo del Sud-Est della Sicilia”, mira ad avviare un confronto su basi completamente nuove con l’assessorato regionale all’Agricoltura. “Mentre il comparto sta conoscendo una crisi senza precedenti – sottolinea Arezzo – mentre dal Psr 2016-2020, finora, è stato possibile registrare soltanto delusioni per l’approccio completamente sbagliato che allo stesso è stato dato e mentre non si intravede, all’orizzonte, alcun tipo di politica destinata a salvaguardare le necessità di un settore che sta lentamente ma inesorabilmente colando a picco, c’è chi si si preoccupa di creare nuovi percorsi, per indirizzare l’attenzione verso la creazione di tavoli tecnici che abbiano, rispetto al passato, un taglio completamente diverso e che, soprattutto, producano frutti nell’immediato. D’altronde, non siamo soli perché a questo documento hanno fornito il proprio appoggio anche i consorzi di Tutela Igp Pomodoro di Pachino, Igp Limone di Siracusa, Cioccolato di Modica, Ragusano Dop, Carota Novella di Ispica e della Strada del Vino e dei sapori del Val di Noto. Insomma, tutto ciò che di eccellenze la nostra agricoltura riesce ad esprimere sul mercato. Dobbiamo uscire da questa  delicata e disastrosa fase di stagnazione. Sono necessari scenari che impongono l’immediata ricerca di nuove vie, capaci di restituire concorrenzialità alle produzioni isolane riacquistando nuove quote di mercato in grado di apprezzare la qualità dei prodotti. Ci adopereremo in questa direzione e auspichiamo che si possa raggiungere al più presto una serie di risultati operativi”.

 

 

 

 

L’ONOREVOLE NINO MINARDO PREPARA IL RITORNO IN FORZA ITALIA

Nino Minardo 11 (1)“Sono in disaccordo con la scelta di Alternativa Popolare di opporsi alla riforma della legge elettorale, sulla quale sembra stiano convergendo le posizioni di gran parte del Parlamento”.  E’ l’inizio della fine del rapporto tra Nino Minardo e Angelino Alfano. Il deputato modicano non accetterà certo il fine carriera in un partito che teme di non arrivare al 5 per cento. E’ chiaro quindi che ci si prepara per un rientro in Forza Italia. D’altronde i rapporti personali tra la famiglia Minardo e Berlusconi e Miccichè sono sempre rimasti più che ottimi in  questi anni di separazione. Se la riforma elettorale “quaglia” aspettiamoci quindi l’annuncio. Un ritorno al passato che anche nel capoluogo avrebbe una certa rilevanza. Nella cerchia di Minardo è rimasto infatti il Dottore Salvo Mallia stimato professionista forse più amato a livello popolare che negli ambienti classici della destra ragusana ormai parcelizzata e in parte confluita nel gruppo Insieme. Mallia potrebbe benissimo concorrere per gli azzurri alle regionali. Ma vediamo cosa dice Minardo riguardo gli atteggiamenti di Alfano: “Per anni abbiamo invocato e predicato la semplificazione del quadro politico, la governabilità e soprattutto la restituzione di un maggiore potere di scelta agli elettori. Oggi che tutto questo sembra compiersi con la nuova legge elettorale, contraddiciamo quanto sostenuto per anni, solo a causa della previsione di una percentuale di sbarramento invocata sia dalla politica che dall’opinione pubblica, per restituire governabilità ed evitare ogni tipo di ulteriore frammentazione del quadro politico, già cosi complesso. Sarebbe opportuno che Alternativa Popolare collegasse le proprie riflessioni con quello schieramento moderato che guarda al centrodestra cui abbiamo sempre dichiarato di appartenere. Accordi personali con il Pd, o accordi limitati ad una piccola parte del partito, non possono essere utilizzati come una clava per tentare di far saltare il banco, preferendo l’interesse elettorale di pochi all’interesse generale del Paese”.

Scroll To Top
Descargar musica