03-10-2022
Ti trovi qui: Home » Cronaca (pagina 2)

Archivio della categoria: Cronaca

Bliz della Polizia al Comune di Vittoria, sequestrati numerosi documenti

La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria – ha proceduto a sequestrare numerosi documenti presso il comune di Vittoria su disposizione della Procura della Repubblica di Ragusa. Gli investigatori hanno sequestrato i documenti inerenti l’assegnazione di 6 box presso il mercato ortofrutticolo di Vittoria. Sono 5 gli iscritti nel registro degli indagati che a vario titolo hanno fatto parte delle commissioni per l’assegnazione dei box, gara che per diversi motivi non è mai giunta al termine a danno del Comune che non ha incassato il canone di locazione e dei commercianti che avevano presentato la loro volontà di aggiudicarsi gli spazi pubblici.

Un incendio ha distrutto un negozio di biciclette a Ragusa – Ricoverato al Centro grandi ustioni di Catania il titolare del negozio

Proseguono le indagini dei Carabinieri sull’incendio di matrice dolosa che ha distrutto il negozio di biciclette “Bike store” di corso Vittorio Veneto a Ragusa. A dare l’allarme ai Carabinieri sono stati i Vigili del Fuoco di Ragusa intervenuti sul posto per domare le fiamme all’interno del locale. Il titolare dell’attività commerciale, un 50enne, recatosi subito sul posto intorno alle 5:00 pensando fosse in atto un furto, accortosi del fumo che fuoriusciva dal locale, ha aperto la porta d’ingresso venendo investito da una fiammata. Il malcapitato è stato trasportato presso l’ospedale di Ragusa per le prime ed urgenti cure e poi è stato trasferito presso il centro grandi ustionati di Catania per le ustioni riportate alle mani e agli arti inferiori. Ora le sue condizioni sono in fase di miglioramento, presenta ustioni per circa il 22%, ma non è in pericolo di vita. Intanto proseguono le indagini dei Carabinieri i quali, da un primo ed accurato sopralluogo all’interno del negozio a cura del personale specializzato nei rilievi, hanno rinvenuto 2 taniche in plastica contenente del liquido infiammabile. Il negozio, andato distrutto dall’incendio, è stato sottoposto a sequestro. In queste ore i Carabinieri stanno ascoltando diversi testimoni e stanno analizzando i sistemi di video sorveglianza delle immediate vicinanze del locale che potrebbero aver ripreso elementi utili ai fini delle indagini.

A Ragusa è stato arrestato un marocchino diciassettene che dal bullismo era passato a estorsioni, furti, rapine e violenza privata

Era diventato il terrore di ragazzini: il magrebino aveva iniziato con atti di bullismo e soprusi vari e proseguito minacciando per farsi consegnare somme di denaro, rubando cellulari e altro. In una occasione ha estorto quasi 1.500 euro a un adolescente che li aveva prelevati di nascosto dalla madre. Gli episodi, ricostruiti dalla Polizia, anche grazie alla collaborazione delle giovanissime vittime, sono stati consumati a Ragusa nei principali luoghi di ritrovo dei giovani da ottobre 2018 a febbraio 2019. Nei confronti del marocchino è stata applicata la misura cautelare del carcere minorile.

Tenta di dare a fuoco ad alcuni tunisini, arrestato pluripregiudicato vittoriese

La Polizia ha tratto in arresto un 41enne noto alla Polizia Giudiziaria per furto aggravato, rapina, detenzione ai fini dello spaccio di sostanza stupefacente, danneggiamento, favoreggiamento, lesioni dolose, minaccia aggravata, associazione per delinquere di stampo mafioso e già sorvegliato speciale della P.S. per la sua pericolosità sociale. L’uomo si era recato in un bar di via Roma a Vittoria e aveva preso a schiaffi e minacciato un tunisino con una pistola giocattolo. Dopo essere stato rilasciato, il vittoriese, nonostante le promesse fatte agli uomini della Polizia, si è ripresentato al bar e ha tirato fuori dalla giacca due bottiglie piene di benzina, cosparso il pavimento ed alcuni presenti, brandendo un accendino. La polizia questa volta lo ha preso e condotto in carcere.

Aggressione ad un volontario del traffico a Comiso

Il Sindaco di Comiso, Maria Rita Schemari, esprime la forte vicinanza a Massimo, aggredito e malmenato davanti all’ingresso della scuola primaria Senia, dove svolgeva le sue mansioni di ausiliario del traffico. “Ciò che è accaduto ieri – dichiara il sindaco – è un episodio assolutamente inqualificabile e privo di alcuna giustificazione. Massimo mi ha raccontato di aver fermato un automobilista, facendo rilevare che stava percorrendo la strada in senso contrario rispetto alla direzione di marcia obbligatoria. Costui, all’improvviso, sarebbe sceso dall’auto, sferrando calci e pugni”. Massimo si trova ora ricoverato nell’ospedale di Vittoria, nel reparto di Chirurgia generale. Il comandante della Polizia municipale, Anna Dibennardo, si è già attivata per avviare le procedure previste dall’assicurazione. Massimo ha già presentato denuncia alla Polizia e fornito gli elementi di sua conoscenza per giungere ad individuare il responsabile.

Incidente nel modicano, auto finisce in un burrone

Perde il controllo della proprio auto, va in testa coda, capota e finisce in una scarpata. E’ accaduto lo scorso pomeriggio in Via Passogatta, l’arteria che collega Modica Alta con la Via Modica Noto e quindi con la frazione di Frigintini. Il sinistro ha visto protagonista una Fiat Grande Punto condotta da un giovane modicano. La corsa incontrollata dell’utilitaria si è conclusa nel terreno sottostante la strada. Scattati i soccorsi, sul posto è intervenuta la polizia municipale per stabilire le cause dell’incidente, e l’ambulanza del 118 che ha trasportato il conducente al Pronto Soccorso. Il giovane se l’è cavata con qualche trauma e tanta paura.

Incidente sulla Modica-Mare con due feriti

Brutto incidente lo scorso pomeriggio sulla Via Sorda Sampieri. Coinvolti tre veicoli: una Ford Ka, condotta da una giovane donna modicana, che è stata tamponata da una Citroen Picasso, alla cui guida era uno straniero. La Ford, dopo l’impatto, ha carambolato prima contro un muro di delimitazione della strada e poi contro una Nissan che proveniva dal senso inverso (Mare-Modica). Il conducente della Nissan, accortosi di quanto stava accadendo, ha bloccato il proprio mezzo, ma l’impatto violento è avvenuto lo stesso. Sul posto due ambulanze del 118 e due pattuglie della polizia municipale di Modica. I feriti sono gli autisti dei veicoli che si sono tamponati. Le loro condizioni non destano particolari preoccupazioni anche se sono stati ricoverati all’Ospedale Maggiore.

Un ferito grave nell’incidente stradale sulla Comiso-Chiaramonte

La Polizia Provinciale ha rilevato un incidente stradale sulla strada provinciale n. 7. Lo scontro tra un’Autoape alla cui guida c’era un pensionato di 78 anni di Comiso e una Audi Q5 guidata da un comisano di 52 anni è stato violento e la peggio è toccata al pensionato, ricoverato con un’autoambulanza del 118 nell’Ospedale di Vittoria con prognosi riservata. Le sue condizioni sono gravi. Due pattuglie della Polizia Provinciale hanno effettuato i rilievi del sinistro e si è reso necessario l’intervento della ditta incaricata per la bonifica della sede stradale. Il traffico ha subito rallentamenti per un paio d’ore.

Incidente con 4 feriti sulla Comiso-Santa Croce

Un incidente stradale si è verificato sulla strada provinciale n. 20. A scontrarsi all’altezza della rotatoria del Centro ‘Seia’ sono state due autovetture, una Fiat Punto e una Bmw. Nell’impatto la peggio è toccata agli occupanti della Bmw. Sul posto cinque autoambulanze del 118 che hanno trasportato i feriti negli Ospedali di Vittoria e Comiso. Per alcune ore la strada è rimasta chiusa per consentire il soccorso dei feriti e i rileivi effettuati dalla Polizia Provinciale.

Due feriti in due incidenti stradali a Modica

Sono due i feriti in altrettanti incidenti stradali che si sono registrati a Modica e che hanno richiesto l’intervento della polizia locale. Il primo è avvenuto mercoledì pomeriggio in Corso Umberto,  nei pressi del Teatro Garibaldi ed ha visto coinvolti un’autovettura Volkswagen Golf e un ciclomotore KTM. Ferito il conducente dello scooter, il minorenne F.B.. In ospedale è stato giudicato guaribile in 10 giorni. Quindici i giorni di prognosi diagnosticati al Pronto Soccorso per la 57enne modicana D.C., la quale a bordo della propria Fiat 500, si è scontrata con una BMW, condotta da un 40enne siracusano. Lo scontro si è verificato in Contrada Quartarella.

Arrestato a Vittoria  incensurato in possesso di armi e droghe

La Polizia ha tratto in arresto un cinquantenne vittoriese incensurato, poiché a seguito di una perquisizione eseguita presso la sua abitazione ed il garage, nella periferia di Vittoria, sono state rinvenute due pistole, decine di munizioni da sparo, marijuana, cocaina, un bilancino di precisione ed una cartuccia per pistola. La Procura della Repubblica di Ragusa ha richiesto ed ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari la misura cautelare in carcere per l’uomo, del quale sono state fornite solo le iniziali, M.S..

Incidente mortale a Ispica, arrestato rosolinese per omicidio stradale plurimo

I Carabinieri al termine degli accertamenti conseguenti all’incidente stradale mortale verificatosi nella note tra sabato e domenica sulla Strada Statale 115 hanno tratto in arresto il rosolinese R.A. di 22 anni, che era alla guida del veicolo che ha impattato con l’altra auto, provocando la morte di tre persone, con un tasso alcoolemico di gran lunga superiore a quello previsto dalla legge. Il giovane al termine degli accertamenti è stato sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione dell’ autorità giudiziaria iblea, al momento nel nosocomio catanese dove si trova ricoverato a seguito dei traumi riportati.

MODICA, LOTTA AI TOPI D’APPARTAMENTO

La Polizia ha denunciato tre cittadini albanesi, di cui due residenti a Vittoria ed uno a Comiso, rispettivamente di anni 26 (i due uomini) e anni 50 (la donna), quali responsabili di tentato furto in abitazione perpetrato qualche tempo fa ai danni di un imprenditore presso l’abitazione di c.da Serrameta.

INCIDENTE A MODICA, FERITO UN RAGAZZO

C’è stato uno scontro tra una Ford Ka e una vecchia Vespa 50  Piaggio all’incrocio tra Via Sorda Sampieri e Via Cava Gucciardo Torre Cannata. È rimasto seriamente ferito un 19enne modicano che era alla guida del ciclomotore. Il giovane è stato soccorso dal l’ambulanza del 118 e trasportato al pronto soccorso. I sanitari hanno riscontrato fratture al bacino e al femore oltre a contusioni varie. Sul posto la polizia locale per i rilievi. Gli agenti stanno anche indagando circa alcune irregolarità di uno dei mezzi. La Vespa è stata sequestrata in quanto sprovvista di copertura assicurativa.

Rissa  in Piazza Poste, due ragusani arrestati

È stata una nottata movimentata quella di domenica per le Forze di Polizia impegnate a garantire la sicurezza sul capoluogo ibleo. Tutto è iniziato alle 4:00 quando è arrivata al 112 una richiesta di intervento per una rissa in Piazza Poste. Una pattuglia della Compagnia Carabinieri di Ragusa ed una della Squadra Volanti della Questura sono intervenute sul posto ma non hanno trovato nessuno a parte due ragazzi che hanno riferito di aver assistito ad una lite tra un uomo che, probabilmente ubriaco, barcollava ed era andato ad importunare un gruppo di ragazzi lì presenti. La discussione era successivamente degenerata e tutti erano venuti alle mani. Ad avere la peggio, secondo il racconto dei testimoni, era stato proprio quell’uomo che era rovinato a terra e dopo qualche secondo si era rialzato ed era andato via dalla piazza malconcio e barcollante. Al fine di individuare le persone coinvolte nella rissa le due pattuglie hanno quindi perlustrato tutte le vie adiacenti alla Piazza finchè alle 5:00 la pattuglia dei Carabinieri non è stata inviata dalla Centrale Operativa presso una panineria sita in Corso Vittorio Veneto dove due uomini in stato di agitazione stavano importunando il personale dipendente. I due, uno dei quali corrispondente alla descrizione dei testimoni della rissa in Piazza Poste e che mostrava i segni di una colluttazione in viso e sulle braccia, alla vista della pattuglia pronunciavano frasi ingiuriose e quando i Carabinieri chiedevano loro i documenti, al fine di identificarli, questi riferivano di non esserne in possesso per poi fornire parzialmente le proprie generalità. Poiché l’esercizio pubblico era in chiusura entrambi venivano invitati dai gestori a lasciare il locale ma questi, visibilmente alterati si rifiutavano al punto di render necessario l’intervento dei militari che li accompagnavano all’esterno del locale. Lì, in supporto della pattuglia dei militari interveniva la volante della Questura che cercava anch’essa di calmare i due soggetti. Ulteriormente agitatisi alla vista della volante i due inveivano contro i carabinieri ed i poliziotti con frasi ingiuriose e minacciose tanto che gli operanti decidevano di accompagnarli in caserma. A quel punto gli uomini opponevano fattiva resistenza ad entrare nella volante, spintonavano gli operatori e tentavano di dare loro delle testate, tanto che uno dei militari cadeva a terra ed a seguito della caduta riportava lesioni guaribili in 8 giorni. Non senza difficoltà, le pattuglie riuscivano infine ad ammanettare i due esagitati ed a condurli presso la caserma del Comando Provinciale dei Carabinieri per procedere al loro arresto. I due arrestati, entrambi ragusani di 32 e 24 anni, sono già noti alle Forze di Polizia e sono stati protagonisti in passato di altri episodi di violenza. Per entrambi il magistrato ha disposto gli arresti domiciliari.

 

Ragusa, operazione Ultimo Miglio

La Polizia ha condotta in Provincia di Ragusa un controllo di mezzi furgonati ed occupanti, principalmente nei pressi dei centri storici, delle piazze e delle vie dello shopping natalizio, oltre che nei pressi dei principali centri commerciali.  61 pattuglie e 134 poliziotti hanno effettuato 58 posti controllando 710 persone in punti ritenuti strategici delle città di Ragusa, Modica, Vittoria e Comiso. Quasi cinquemila i veicoli controllati di cui tre sottoposti a sequestro perché privi della prevista copertura assicurativa. In totale sono state elevate 62 sanzioni al codice della strada. Durante l’attività i poliziotti dell’Ufficio Volanti hanno intensificato l’azione di controllo nei confronti di soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale, traendo in arresto due soggetti, un italiano e un marocchino, resisi responsabili del reato di evasione dalla misura degli arresti domiciliari: sono stati associati presso la casa circondariale di Ragusa.

Sconti abusivi a Modica: inflitte sei sanzioni

La polizia locale di Modica ha sanzionato sei esercenti, comminando  multe da 1.291 euro ciascuno fra il Corso Umberto Modica Centro ed il Polo Commerciale del Quartiere Sacro Cuore. Proprio in queste due parti della città è stato rilevato che gli esercizi commerciali, operanti nel settore abbigliamento, pubblicizzavano sulle vetrine e poi attuavano all’interno degli esercizi  gli sconti di fine stagione che, di regola, devono iniziare dal prossimo due gennaio, come previsto dall’apposito decreto regionale. La Polizia locale proseguirà anche nelle prossime ore e nel caso in cui i soggetti già diffidati non ottempereranno alle disposizioni di legge potranno incorrere ancora nelle sanzioni ed essere segnalati al sindaco, il quale ha facoltà, eventualmente, di disporre la chiusura dell’esercizio.

Nuovo caso di omofobia a Vittoria in Via Cavour

Il Prefetto Filippo Dispenza torna a ribadire la propria condanna nei confronti dell’omofobia, dopo la seconda aggressione nei confronti di un gruppo di giovani omosessuali, avvenuta lunedì sera in Via Cavour. “I ragazzi vittime della barbara aggressione – dichiara il Prefetto – erano stati poco prima a Palazzo Iacono, dove avevamo avuto un incontro, nel corso del quale avevamo parlato del primo episodio di omofobia, avvenuto venerdì pomeriggio, ed avevamo programmato alcune iniziative tese a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del rispetto della persona. Di lì a poco, i quattro giovani sono stati fatti oggetto di una nuova incivile aggressione, che hanno prontamente video ripreso e denunciato alle forze dell’ordine, che stavano già indagando sul primo episodio e che ora, acquisita questa nuova denuncia, sono al lavoro per dare un nome ai responsabili degli odiosi gesti. Torno ad esprimere il mio sdegno e la mia condanna per tali inqualificabili aggressioni, frutto di sottocultura e di assoluta mancanza di rispetto, educazione e civiltà, e voglio manifestare la mia solidarietà alle giovani vittime, che bene hanno fatto a denunciare tutto alle forze dell’ordine che, ne  sono certo, faranno quanto prima piena luce sull’accaduto. Voglio rassicurare la cittadinanza che a Vittoria lo Stato è presente, che tutte le istituzioni che lo rappresentano lavorano quotidianamente per garantire sicurezza e legalità, che non esistono zone franche e che nessuno ha alzato bandiera bianca di fronte alla barbarie di pochi, che viene combattuta senza se e senza ma”.

Provincia di Ragusa, denunciati tre cacciatori maltesi per cattura illecita di uccelli

La Polizia provinciale ha denunciato all’autorità giudiziaria tre cacciatori maltesi che con mezzi e strumenti illeciti catturavano uccelli vivi da rivendere poi nel mercato nero dei fringillidi. L’operazione anti bracconaggio è stata portata a termine in contrada Monte Badia, al confine tra Ragusa e Modica, durante il pattugliamento di alcune zone rurali montane, dove già in passato si erano registrati altri episodi di uccellagione ai danni di fringillidi. Gli agenti della Polizia provinciale hanno notato il suono di richiami acustici riproducenti il canto dei verzellini e dei cardellini, pertanto, da un controllo più attento si accertava che tre persone stavano utilizzando richiami acustici e diversi uccelli vivi (cardellini, verdoni, verzellini e fanello), legati ad canna che venivano strattonati all’occorrenza per adescare altri uccelli. Il tutto era predisposto in maniera tale che un uccello si avvicinava al richiamo o allo zimbello (l’uccello legato alla canna) e scattava la trappola costituita da due reti da pesca fissate a quattro aste metalliche ed azionate manualmente con una corda. I tre cacciatori maltesi sono stati identificati e denunciati all’autorità giudiziaria per l’ipotesi di reato di furto venatorio in concorso e maltrattamento di animali. L’attrezzatura utilizzata, tra cui 21 gabbiette in metallo, cassette di legno e rete metallica con 10 alloggi per trasporto volatili, funi, reti, richiami elettroacustici, e gli uccelli vivi già catturati rinvenuti all’interno di un casolare nelle vicinanze sono stati sequestrati. Gli uccelli che erano legati alle canne e quelli già catturati sono stati successivamente liberati.

A Pozzallo sequestrata droga e tartarughe

I Carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente il pregiudicato E. A. di anni 30. I militari, durante la perquisizione in casa del giovane, rinvenivano e sequestravano circa 30 grammi di marijuana e 40 grammi di hashish, nonché l’occorrente per la pesatura ed il confezionamento in dosi della droga da spacciare. Nel corso dell’operazione i carabinieri rinvenivano, custodite all’interno di un garage pertinente l’abitazione dell’arrestato, cinque tartarughe della specie protetta “testudo hermanni”, che illegalmente detenute venivano sequestrate ed affidate ad un veterinario del luogo in attesa degli ulteriori adempimenti di legge sulla salvaguardia della fauna protetta. L’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari su disposizione della Procura della Repubblica di Ragusa.

Scroll To Top
Descargar musica