26-11-2022

Commercianti dell’area iblea nel mirino della criminalità, Ascom: “Emergenza preoccupante”

“E’ una emergenza vera e propria. E come tale deve essere affrontata”. Così il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Sergio Magro, commenta quanto sta accadendo nell’area iblea dove non passa giorno senza che non ci sia un resoconto di azioni criminose portate avanti in danno a titolari di esercizi commerciali. “Nel giro di 48 ore – afferma il presidente Magro – abbiamo dovuto prendere atto della rapina a mano armata effettuata in un “Cambio oro” di via La Marmora e in una tabaccheria di via Leopardi, a Vittoria, e della tentata rapina in danno ad una gioielleria di piazza Cappuccini a Ragusa. C’è qualcosa che non va per il verso giusto. E, lo ribadiamo, i nostri commercianti continuano ad essere presi di mira come se nulla fosse. E’ opportuno che certi aspetti legati all’attivazione della telesorveglianza cittadina o alla mancanza di pubblica illuminazione in alcune zone centrali possano essere presi in considerazione dalle autorità competenti e dalle Amministrazioni comunali. I fatti di questi ultimi giorni ci spingono – dice Magro – a ritenere che non è più possibile rimandare oltre l’attuazione di simili provvedimenti”. Da parte dell’Ascom viene espressa solidarietà ai commercianti presi di mira dai malviventi.

Rapinatori con maschere di carnevale e bastoni derubano due benzinai

Si sono coperti il viso con maschere di carnevale, e armati di bastone sono entrati nel distributore Agip situato sulla strada Vittoria-Comiso, a pochi metri di distanza dalla Fontana della Pace. I rapinatori hanno aggredito i due gestori, colpendone uno sulla spalla destra, usando come arma un bastone. E’ accaduto mercoledì sera, intorno alle 19.30 nell’impianto posizionato sulla strada statale 115. I malfattori hanno rubato 150 euro dalle casse del distributore. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del nucleo radiomobile di Vittoria, che stanno indagando su questo episodio criminale. I malviventi sono scappati a piedi per le campagne limitrofe, facendo perdere completamente le loro tracce.

Saldi da lunedì 2 gennaio anche in provincia di Ragusa

Prende il via da lunedì 2 gennaio, anche in provincia di Ragusa, come nel resto della Sicilia, l’appuntamento con i saldi. Sino al 15 marzo, sarà possibile acquistare i capi di abbigliamento e gli accessori a prezzi scontati. “Secondo le stime del nostro ufficio studi – afferma il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Sergio Magro – ogni famiglia, in occasione dei saldi invernali 2012, spenderà 403 euro. Anche nel periodo natalizio, abbiamo dovuto fare i conti con una certa prudenza negli acquisti e con un atteggiamento dei consumatori votato al risparmio. I margini delle imprese hanno subito una ulteriore riduzione perché per sostenere consumi già deboli i commercianti, laddove possibile, hanno assorbito l’aumento dell’Iva dal 20 al 21% deciso quest’estate. Con l’avvio dei saldi, – afferma Magro – adesso, confidiamo in una boccata d’ossigeno per le vendite”. Il direttore provinciale Emanuele Brugaletta rammenta, invece, le regole d’oro per il corretto acquisto degli articoli in saldo. “La possibilità di cambiare dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato e non conforme. In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, della riduzione o restituzione del prezzo pagato”.

L’ANNO CHE VERRA’. Le previsioni della Cisl

“Il 2012 si presenta come un anno critico, segnato dalla drammatica situazione politico-sociale. Ci attendono una serie di importanti sfide. Quelle principali sono strettamente legate al mantenimento dei livelli di protezione sociale, alle azioni di politiche attive del lavoro, all’avvio delle infrastrutture”. Per il segretario della Ust Cisl provinciale, Enzo Romeo c’è bisogno di sviluppare strategie specifiche di intervento. “A livello locale – chiarisce Romeo – l’impegno comune deve essere rivolto all’avvio della concertazione sociale con gli enti territoriali finalizzata al mantenimento, nella predisposizione dei bilanci di previsione, delle spese sociali pari alla media di quanto appostato negli ultimi tre esercizi; e con l’Asp per una compiuta attuazione della legge regionale 5 occorre, inoltre, puntare alla creazione di un osservatorio tra organizzazioni sindacali, organizzazioni datoriali ed istituzioni orientato a monitorare la manodopera che il mercato del lavoro locale espelle e contemporaneamente le esigenze dei profili professionali che il mercato stesso invece richiede. Stiamo parlando – aggiunge Romeo – di un osservatorio da rendere operativo con la dovuta ed appropriata formazione. Inoltre, occorre sostegno e partecipazione all’azione e alle iniziative portate avanti dal tavolo dello sviluppo”.

FINE ANNO IL BILANCIO DELLA QUESTURA

Fine anno ed è tempo di bilanci. Il 2011 per gli agenti della Squadra Mobile della Questura si chiude con risultati soddisfacenti in termini di controlli e sicurezza e numeri rassicuranti rispetto allo scorso anno. Dai 64 arresti del 2010 si è passati ai 200 di quest’anno con 2229 denunce a piede libero rispetto alle 388 dell’anno precedente. Nel corso di una conferenza stampa è stato il questore Filippo Barboso ad introdurre i lavori parlando di sicurezza percepita ed anche di prevenzione come la scelta di munire di foglio di via obbligatorio col divieto di tornare in provincia per 3 anni ai danni dei pregiudicati di altre realtà isolane che non hanno saputo giustificare la loro presenza nell’area iblea. Importanti i risultati in tutti i settori ed in particolare nello spaccio di droga con centoventi chili di marijuana sequestrati. “Tolti dal mercato, e questo è un dato importante – ha detto il Questore – quanto e forse ancor di più degli arresti”. I risultati ottenuti nel 2011, grazie anche alla collaborazione dei cittadini, sono i migliori degli ultimi 5 anni. Nella classifica annuale de “Il Sole 24 Ore” per la provincia ragusana rispetto ai dati dello scorso anno, va meglio nella macroarea riservata all’ordine pubblico in cui Ragusa è passata dal 79′ posto al 57′. A ricordare le operazioni più importanti è stato il capo della Squadra Mobile Francesco Marino. Il vice questore ha ricordato gli arresti per i reati contro la persona e le 56 denunce (2 per maltrattamenti, 25 per lesioni, 6 per minacce, 16 per violenza privata, 2 per stalking, 3 per corruzione di minorenne e 2 per violenza sessuale). Per i reati contro il patrimonio il 2011 ha fatto registrare le operazioni “Drugstore”, “Princess”, “Casino Royal” e poi per la criminalità organizzata “On The beach”, “Invidia”, “On the beach 2”.

Ragusa, tentato furto in gioielleria

Tentato furto, nel pomeriggio di mercoledì, ai danni della gioielleria di piazza Cappuccini, a Ragusa. In cinque si sono presentati al negozio: tre giovani tra i 17 ed i 25 anni e due bambini. La commessa inizialmente non voleva aprire, ma poi vedendo proprio che c’erano anche due bambini si è convinta. La donna, che sembrava incinta, ha chiesto di vedere un monile che si trovava in vetrina. La commessa ha allora chiuso la cassaforte e si è spostata verso la vetrina. Il ragazzo più piccolo, approfittando del fatto che la donna si era allontanata, si è diretto verso la cassaforte per cercare di aprirla. La mossa non è sfuggita alla commessa che ha iniziato ad urlare, minacciando di chiamare il titolare e le forze dell’ordine. Una reazione che ha convinto il gruppetto a desistere dalla tentata rapina. Il ragazzo non aveva fatto in tempo a portare via nulla. Il titolare ha denunciato i fatti ai carabinieri.

Sequestro cargo Ievol. L’Ars approva un ordine del giorno

L’Assemblea regionale siciliana ha approvato, una mozione a firma dell’on. Roberto Ammatuna sulle “Iniziative urgenti per favorire l’esito positivo del sequestro della nave Enrico Ievoli e per garantire una corretta informazione ai familiari dei marinai sequestrati”. Martedì 27 dicembre un’altra nave italiana, il cargo “Enrico Ievoli” dell’armatore Marnavi di Napoli, è stata sequestrata dai pirati al largo delle coste dell’Oman. A bordo della petroliera sequestrata l’equipaggio è formato da diciotto persone, di cui ben cinque siciliani. Fra questi anche il cuoco di Pozzallo Carmelo Sortino. Una vicenda che ricorda situazioni analoghe che hanno coinvolto altri marittimi pozzallesi e che, si sono risolte in maniera positiva.

Controlli dei carabinieri tra Modica e Pozzallo

Cinque denunce a piede libero. E’ il resoconto dell’attività dei carabinieri di Modica nei giorni scorsi. Tra questi un giovane pozzallese è stato segnalato per inosservanza degli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale ed un tunisino che viaggiava a bordo di un veicolo rubato. Due giovani sono stati, invece, denunciati per guida in stato di ebbrezza, uno a Modica ed uno a Pozzallo.

Cgil iblea, tra le prime in Sicilia per numero di iscritti

Nella consueta conferenza stampa di fine anno, la Cgil di Ragusa ha presentato il quadro della situazione su quanto fatto e soprattutto su quanto intenderà fare nel corso del 2012. Tre scioperi generali nel corso del 2011 (il 6 maggio e il 6 settembre proclamati dalla sola Cgil e uno unitario il 12 dicembre contro la manovra del governo Monti) e due grandi iniziative sul lavoro e i giovani, con la presenza di Susanna Camusso a Ragusa, sui tempi di lavoro delle donne con Rosanna Rosi, responsabile nazionale della Cgil per le Pari Opportunità. Questi i “numeri” della Cgil di Ragusa: 38.023 iscritti con un rapporto rispetto alla popolazione residente pari al 12%, il più alto in Sicilia. E tutto ciò malgrado la cassa integrazione e i disoccupati crescenti.

A Vittoria “Notte live for alive”. I giovani democratici e Freedom contro l’abuso di sostanze alcoliche

Una manifestazione per mettere a fuoco un problema che è causa principale degli incidenti stradali che provocano la morte di tanti giovani. La serata è organizzata dal gruppo “Freedom” che è nato da poco, ma che si sta già dando da fare per coadiuvare la Amministrazione comunale e la Città. La serata sarà allietata dal gruppo Splitters, formato da giovani vittoriesi e saranno distribuite bevande analcoliche da parte della associazione Freedom. Inoltre saranno proiettate immagini di incidenti per cercare di sensibilizzare i giovani sull’uso e l’abuso delle bevande alcoliche. L’appuntamento è per giovedì 29 dicembre dalle 21 alle 24, in piazza del Popolo, a Vittoria.

Generi alimentari Agea. Il coordinatore di Proxima: “La Caritas ci ha escluso”

Sinora li ha uniti un obiettivo comune, quello della carità e della solidarietà. Ma dal dicembre di questo anno la cooperativa sociale “Proxima”, che si occupa di donne vittime di violenza, vittime della tratta, sfruttamento sessuale e dei figli di queste donne, non è più legata alla Caritas diocesana. A dividerli “il vincolo canonico pastorale”, che fra i due soggetti, il primo appunto cooperativa sociale, e il secondo ente caritatevole, non è mai esistito. L’inesistenza di questo vincolo, però, adesso fa la differenza. Il 25 novembre scorso il direttore della Caritas diocesana di Ragusa, Domenico Leggio, ha inviato per raccomandata con ricevuta di ritorno, una lettera al coordinatore della cooperativa Proxima, Emanuele Bellassai, con la quale annunciava che “la cooperativa in indirizzo non essendo legata da vincolo canonico pastorale a questa Caritas diocesana non sarà inserita nel programma di distribuzione 2012 di questo Ente”. La Caritas è ente gestore per conto della Diocesi del programma generi Agea. Sino a quest’anno in sostanza, la Proxima ha ricevuto generi alimentari dall’Agea, che è un’agenzia nazionale che distribuisce generi alimentari per le realtà operanti nel settore della solidarietà, con il tramite della Caritas. Dal 2012 non sarà più così. “Esprimo stupore per la scelta della Caritas – commenta Emanuele Bellassai – perché di fatto sia la nostra cooperativa che i generi alimentari, sono due strumenti per arrivare ai poveri, e quindi chi non ne beneficia non è la cooperativa ma i poveri. Stupisce anche la modalità “fredda” con cui è arrivata la comunicazione, appunto una raccomandata, come se venissimo informati di essere stati esclusi da un concorso. Nota pervenuta, tra l’altro, nello stesso giorno in cui telefonicamente dalla Caritas, ci arrivava la comunicazione che avremmo potuto prelevare i generi alimentari Agea, che poi sono stati gli ultimi che abbiamo ricevuto tramite la Caritas”. Nella lettera, Leggio, il direttore della Caritas diocesana, sottolinea comunque che “dall’anno 2012 questa Caritas diocesana inserirà nella richiesta dei generi Agea solo realtà legate ad essa da vincolo canonico pastorale”. Dal canto suo Bellassai sottolinea come “la tempistica del ricevimento della comunicazione di esclusione dal programma, sia stata quanto mai inopportuna”. “La lettera ci è stata trasmessa pochi giorni prima della scadenza del termine per avviare la convenzione con l’Agea – spiega Bellassai – che deve essere attivata, appunto con degli enti “tramite” come la Caritas: se non fosse stato per la solidarietà che le altre cooperativa della rete sociale “Solco” cui appartiene la nostra cooperativa, ci hanno dimostrato, per l’anno 2012 noi e le nostre donne assistite, avremmo perso la possibilità di accedere al programma Agea. Inutile dire che in tempi di gravissima crisi economica come quella attuale, questi alimenti sono quanto mai preziosi”. Il coordinatore di Proxima sottolinea dunque di aver comunque risolto il problema per accedere al programma Agea. “Se ho voluto parlare per raccontare questa vicenda è giusto dire che l’ho fatto esclusivamente per una questione di principio”.

GLI ACQUERELLI DI MARIELLA GUASTELLA NELL’AGENDA DEL POETA

Gli acquerelli di Mariella Guastella impreziosiscono “Le Pagine del Poeta 2012”, l’agenda della poesia edita a livello nazionale. Le sue opere sono piaciute molto, tant’è che le è stato affidato il compito di introdurre i dodici mesi dell’anno con un suo acquerello. I segni zodiacali, rappresentati con particolare maestria. “La pittrice di quest’anno – si legge nell’agenda – ci regala un approccio del tutto inedito allo Zodiaco sia per la tecnica, l’acquarello, che per la prima volta ha l’onore di entrare in queste pagine, sia per il particolare Parnaso di riferimento a cui attinge ispirazione, i fiori. Guardando i suoi lavori ci si accosta ad una sensibilità purissima che lavora molto sul pochissimo, spia di una spiritualità che sposa un minimalismo raffinato, riposante, colto, per giocare di volta in volta con il soggetto prescelto”. C’è una grande carica di ironia nella rappresentazione dei segni zodiacali, tutti studiati con particolare cura. “Lo zodiaco – conclude Alida Maria Sessa – nell’introduzione sugli acquerelli di Mariella Guastella – respira un passo doppio, inedito, suggestivo, che meriterebbe una visione diretta dal vivo per apprezzare in pieno lo stile di Guastella. Nell’agenda l’opera di un altro ragusano: nel mese di ottobre una poesia di Giovanni Occhipinti.

La protesta di un cittadino: DISSERVIZI AL CIMITERO RAGUSA CENTRO

Un cittadino segnala alcune disfunzioni che riguardano la custodia del cimitero di Ragusa centro, con una nota inviata al sindaco e agli organi di stampa. “Qualche settimana fa mi ero recato al cimitero per visitare i miei genitori. All’entrata, erano le 12,45, necessitando di alcune informazioni, mi dirigo verso la saletta della custodia. Trovo la porta sbarrata. Anzi, appeso alla porta, c’era un cartello con su scritto: il custode si trova momentaneamente all’interno del cimitero per ispezioni. Proseguo per i colombari dove riposano i miei genitori. All’uscita l’ufficio del custode è sempre chiuso”. Il cittadino contatta il funzionario comunale che si occupa dei cimiteri, il quale gli chiede di aspettare giusto il tempo di contattare telefonicamente il custode. Questi arriva e, riferisce il cittadino, nasce una discussione. Ma tutto finisce lì. Qualche giorno fa un altro episodio. Il cittadino racconta che, alla vigilia di Natale, è tornato al cimitero dove all’ingresso c’erano i familiari di un defunto. Questi gli chiedono delle informazioni che lui “gira” al funzionario comunale, chiamandolo al telefono. Il funzionario gli risponde che tra pochi minuti arriverà il custode. Dopo 15 minuti il custode è arrivato ma, segnala il cittadino, il dipendente comunale ha avuto un atteggiamento poco rispettoso. Da qui la decisione sia di “denunciare” tale atteggiamento sia di chiedere al Comune il “perchè i cimiteri, che hanno un orario continuativo di apertura, rimangano spesse volte incustoditi”.

Consiglio provinciale di Ragusa

L’organismo consiliare è stato convocato per il due gennaio, alle 10. In quell’occasione si terrà la cerimonia istituzionale per lo 85esimo anniversario della provincia regionale di Ragusa. La seduta consiliare sarà trasmessa su Tele Nova.

Furto in un supermercato a Modica Alta, solidarietà dell’Ascom

“Sembra non conoscere tregua l’ondata di microcriminalità che investe la provincia di Ragusa. E, ancora una volta, i primi a farne le spese sono i commercianti, titolari di piccoli e medi esercizi”. Così il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Sergio Magro, nell’esprimere solidarietà ai gestori del supermercato preso di mira dai ladri a Modica Alta.

Concerto di musica ebraica al Teatro comunale di Vittoria

L’iniziativa è promossa dal Museo archeologico di Camarina e dal Comune di Vittoria. L’appuntamento è in programma per il 30 dicembre, alle 21. Si esibiranno Mila Pisani, Gianluca Campagnolo e Alarsarre Dieng. Il concerto si tiene in occasione della mostra archeologica in corso al museo di Camarina dal titolo “Ebrei, Camarina e… dintorni”.

Acate, Idv chiede il concorso per comandante dei vigili urbani

Procedere tempestivamente all’assunzione del nuovo comandante dei vigili urbani tramite un concorso pubblico. E’ quello che chiede Italia dei Valori a seguito del collocamento in pensione della dottoressa Maria Ignazia Battaglia. Per l’Idv il concorso pubblico deve essere fatto “in nome della trasparenza, dell’efficienza e della meritrocrazia”.

Confeserfidi propone il pacchetto “anticrisi”

Contro la crisi, la ricetta di Confeserfidi: “sospendi le rate” e “taglia le rate”. “La crisi economica continua a produrre effetti negativi per le imprese siciliane. Le piccole e medie imprese – si legge in una nota – si sentono ancora perseguitate dall’incertezza finanziaria. Per buona parte di esse la sfida più impegnativa del 2011 è stata proprio quella di operare in un quadro economicamente insicuro. Per sopravvivere alla crisi – spiega Saro Puccia, responsabile prodotti Conferserfidi – si sono rivelate decisive una buona pianificazione delle risorse finanziarie e la capacità di garantire l’accesso al capitale di terzi. Un recente studio effettuato da Forbes, indica che le modalità di finanziamento devono cambiare, in base alle attuali necessità delle imprese, adeguandosi ai cicli tecno-economici delle stesse”. In questo contesto Confeserfidi propone alle dieci mila imprese associate strumenti atti a mitigare la situazione di crisi congiunturale e a salvaguardare l’integrità finanziaria. “Le imprese, grazie a Confeserfidi – spiega Giulio Occhipinti responsabile dell’ufficio monitoraggio portafoglio crediti di Confeserfidi-, avranno l’opportunità di ridurre al minimo le rate dei finanziamenti in corso sospendendo e allungando l’originario periodo di ammortamento”.

Vittoria dice “no” alle ricerche di idrocarburi

Il sindaco di Vittoria, Giuseppe Nicosia, assieme al primo cittadino di Caltagirone, Francesco Pignataro, e ai responsabili delle associazioni ambientaliste Valle del’Ippari di Vittoria, Il Carrubo di Ragusa, Il Cigno, Il Ramarro e il Fondo siciliano per la natura di Caltagirone, ha inviato una formale diffida all’Assessorato regionale Territorio e Ambiente – Servizio di valutazione ambientale strategica e di valutazione di impatto ambientale, affinché non venga rilasciato il giudizio positivo di compatibilità ambientale per le ricerche di idrocarburi liquidi e gassosi in un ampio territorio che comprende le province di Ragusa e Catania. L’iter della pratica è stato seguito dal vicesindaco di Vittoria, Salvatore Garofalo, e dall’assessore del comune di Caltagirone, Vincenzo Di Stefano.

Concerto al Garibaldi di Modica

Buona presenza di pubblico al concerto che si è svolto al Teatro Garibaldi di Modica, lunedì 26 dicembre. L’iniziativa rientra nel cartellone delle attività della Fondazione Grimaldi per la stagione 2011-2012. Sul palco il maestro Sergio Carrubba, pianista e compositore di grande levatura, che ha intrattenuto e coinvolto il pubblico presente con le sue composizioni, alternate a momenti di danza, poesia e canto lirico.

Scroll To Top
Descargar musica