17-07-2018

Rapinò e malmenò sacerdote. Pena definitiva per minorenne di Vittoria

Nella mattinata di martedì, personale del Commissariato di Vittoria ha notificato ad un diciassettenne vittoriese un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Catania. Il ragazzo deve espiare un residuo di pena di un anno e mezzo di reclusione. Il giovane è stato condannato in via definitiva ad una pena di 3 anni per rapina aggravata in concorso, reato perpetrato nel settembre 2009 ai danni di un sacerdote. Il minorenne è stato accompagnato all’Istituto per Minori di Catania dove dovrà scontare l’anno e sei mesi che risulta essere il periodo rimanente della pena. Un anno e mezzo era stato già scontato.

Conferenza con il direttore della Luiss

Si terrà venerdì 11 alle ore 11,30 presso l’auditorium della sede centrale del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Ragusa, una conferenza tenuta dal prof. Pier Luigi Celli, direttore della Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Luiss – di Roma, sul tema dell’orientamento universitario. Alla conferenza parteciperanno gli studenti delle quinte classi del Liceo Scientifico e gli studenti delle classi terze del Liceo Classico Umberto I di Ragusa. All’iniziativa, che sarà presentata dai dirigenti scolastici delle due scuole, prof. Francesco Musarra e prof. Vincenzo Giannone, hanno assicurato la loro presenza il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dott. Cataldo Di Nolfo, ed esponenti della Confindustria.

Truffa all’Unione Europea, arrestate due persone

Grazie a false certificazioni di compiacenti Centri di Assistenza per l’Agricoltura delle province di Ragusa e Catania, riuscivano ad ottenere contributi pubblici quali aiuti comunitari per il pascolo di animali bovini in terreni condotti in affitto nella zona di Monterosso Almo. Un giro valutato al momento in circa 500.000 euro di indebiti sussidi erogati nell’ultimo decennio dall’Unione Europea in favore di appartenenti alla criminalità iblea e loro familiari scoperto dai Carabinieri del Comando provinciale di Ragusa e da quelli della Guardia di Finanza e che ha portato nella notte all’operazione denominata “Campi Elisi”, ordinata dalla Procura della Repubblica di Caltagirone, in cui sono state arrestate e poste ai domiciliari due persone ed altre quattro colpite da misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Apposti i sigilli di sequestro a beni patrimoniali e conti correnti per un valore complessivo di 360.000 euro nei confronti di tre delle persone indagate. Tutte, a vario titolo, dovranno rispondere del reato di truffa aggravata ai danni dell’Unione europea. In manette sono finiti padre e figlio di Vizzini. Denunciati altri due componenti del nucleo familiare. Tra i denunciati anche un uomo di Monterosso Almo.

Si ribalta il trattore, anziano in gravi condizioni

Stava lavorando sul proprio terreno agricolo, ma il trattore sul quale si trovava si è ribaltato. Un anziano sciclitano si trova ricoverato in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale “Maggiore” di Modica. L’episodio è avvenuto nella periferia della città di Scicli. E’ stata la moglie a chiamare i soccorsi quando ha visto che il marito era stato arrotato dal mezzo. L’anziano avrebbe perso il controllo del trattore. Probabilmente, ma al momento è solo un’ipotesi, avrebbe tentato di fermare il mezzo ma è stato arrotato. Sul posto è arrivata l’ambulanza del 118 che ha trasportato il malcapitato al “Maggiore” dove i medici si sono riservati la prognosi per via delle gravissime ferite riportate.

Modica, inchiesta sui rifiuti: ordine di sequestro per la ditta Puccia

Concluse le indagini che da più di un anno coinvolgevano il settore dello smaltimento dei rifiuti nel Comune di Modica. Numerose e ripetute le violazioni contestate, che vanno dalla costituzione di discariche abusive, alla truffa ai danni dell’ente pubblico oltre che la turbativa degli incanti. Le indagini erano cominciate nel 2009, ed eseguite mediante riprese anche aeree di alcune aree. Studiata l’intera corrispondenza intercorsa tra l’ente pubblico e la ditta interessata. Il Gip di Modica ha emesso una ordinanza con la quale viene disposto il sequestro della impresa e la misura dello obbligo di presentazione due volte al giorno presso il Commissariato di Polizia di Modica per il titolare della ditta e per due dei suoi figli che nella impresa operavano quali dipendenti. Poichè il servizio di raccolta dei rifiuti non si può interrompere, l’amministrazione della ditta è stata affidata ad un amministrazione giudiziario, nominato dalla Autorità Giudiziaria, che provvederà alla gestione della impresa. Il valore della impresa sequestrata, valutato dai militari della Guardia di Finanza, supera il milione di euro. I denunciati in tutto sono otto: Giorgio, Paolo e Giuseppe Puccia, padre e figli, titolari della ditta; il dirigente del settore ambiente del comune Giorgio Muriana; l’ex assessore all’ecologia Tiziana Serra, e Giovanni Baglieri, Fabio Cataudella, Antonino Scarso. Diverse le accuse: vanno dalla truffa alla frode, dalla turbativa d’asta alle minacce e alla estorsione.

La voce di Rosa

Cineclub d’Essai, anno trentatreesimo. Ritorna il cineforum più longevo della provincia di Ragusa, per celebrare il meglio della produzione cinematografica d’autore insieme agli spettatori-cinefili che affollano la Multisala Golden di Vittoria. Si parte giovedì 10 alle 18.45 con la presentazione del film documentario La voce di Rosa di Nello Correale. Intervengono: il regista; Andrea Burrafato, aiuto regista; Giovanni Virgadavola, cantastorie; Cecilia Pitino, cantante; Sebastiano Gesù, storico del cinema. La Voce di Rosa, il documentario di Nello Correale, viene presentato a Vittoria dopo lo strepitoso successo registrato nel corso dell’anteprima mondiale nella maestosa cornice del Teatro Greco al 57° Taormina Film Fest. Il film narra la storia di Rosa Balistreri, la cantatrice di Licata, definita l’Amalia Rodriguez siciliana. È la cantante folk che negli anni Settanta-Novanta ha raccontato, con la sua voce, la Sicilia, con una passione e una carica umana non comuni. Il documentario a lei dedicato si apre con le parole di Ignazio Buttitta, il poeta che la collaborò: “la voce di Rosa, il suo canto strozzato, drammatico, angosciato, pareva uscisse dalla terra arsa della Siciliaà”. Rosa Balisteri fu amica di artisti ed intellettuali quali Renato Guttuso, Leonardo Sciascia, Pier Paolo Pasolini, Dario Fo.

Siti Unesco, 1 miliardo di euro persi

Venticinque: il 16 novembre incontriamo Fitto Mercoledì 16 novembre i sindaci dei siti Unesco siciliani incontreranno il Ministro per gli Affari Regionali Raffele Fitto per tentare il recupero del miliardo di euro a rischio destinato dall’Unione Europea ai beni culturali in quattro regioni del Meridione. Ad annunciarlo il presidente del Distretto culturale del Sudest Giovanni Venticinque, al termine della riunione di martedì tenutasi a Siracusa tra i soci del Distretto. La Sicilia vanta cinque siti Unesco (il Val di Noto, le Eolie, i templi di Agrigento, Siracusa e Pantalica, e Piazza Armerina) e, insieme alle regioni Campania, Calabria, e Puglia, ha perso il miliardo dei fondi destinati ai beni culturali. L’allarme è stato lanciato dal sindaco di Scicli Giovanni Venticinque, nella veste di presidente pro tempore del Sudest, all’indomani di un incontro palermitano con l’assessore regionale ai beni culturali Sebastiano Missineo, in cui è emerso che il Ministro Fitto aveva avocato a sè i fondi, che andrebbero in perenzione il prossimo 31 dicembre. I soci del distretto hanno inoltre deciso di invitare l’assessore Missineo a Siracusa per discutere del finanziamento di un milione di euro relativo al progetto di turismo scolastico, di cui sono beneficiari i cinque siti Unesco siciliani.

Ibla, ispezioni in via Torrenuova

“Ma che cosa indagano ancora nel sottosuolo? Lo sanno tutti che in questa via è tutto un colabrodo”. Anche le vecchiette quasi centenarie di Ibla, come quella residente in via Torrenuova, che martedì mattina ha commentato con sarcasmo l’arrivo del furgone della ditta che esegue le ispezioni delle condotte idriche, sono consapevoli che le canalette di questa strada sono ormai consunte. L’acqua che dovrebbe viaggiare nei tubi e uscire soltanto dai rubinetti di casa, si perde soprattutto nel sottosuolo. E’ un problema che riguarda tutta Ragusa, e soprattutto Ibla, con le sue condotte che hanno mezzo secolo di vita. In via Torrenuova, però, la dispersione idrica è un dramma. Basta passeggiare sulla strada e sentire forte il flusso dell’acqua, come se si passeggiasse sul greto di un torrente. La spiegazione è facile: dalle grate dei tombini si vede benissimo l’acqua copiosa che fuoriesce dai buchi dei tubi. In molte case l’acqua sgocciola negli scantinati, rovinati dall’umidità, e viene raccolta in bottiglie svuotate con perizia quotidiana. Eppure i soldi per sistemare la condotta idrica di via Torrenuova sono stati stanziati. Ma come al solito non sono stati ancora utilizzati. Ci sono 600 mila euro disposti dal 2010 per via Torrenuova, poi integrati con altri 400 mila euro. Un milione di euro tondo tondo, che dovrebbe andare in appalto, non si sa quando.

A scuola di legalità. Convegno all’Itis Majorana di Ragusa

Mercoledì 16 novembre, alle 10.00, presso l’Istituto tecnico industriale statale “Ettore Majorana” di Ragusa, in via Pietro Nenni, si terrà una conferenza-dibattito sul tema: “A scuola di legalità: mafia, politica, economia”. Il magistrato Michele Prestipino della direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, già titolare della Procura di Palermo, dove è rimasto sino al completamento delle attività di coordinamento che hanno portato all’arresto del boss Bernardo Provenzano, è il relatore di questa iniziativa, prevista nel piano integrato dell’Itis annualità 2010. L’intervento è cofinanziato dal Fondo sociale europeo, nell’ambito del Programma operativo nazionale 2007, di cui è titolare il ministero dell’Istruzione, e fa parte del progetto che coinvolge anche l’Itis del capoluogo “Le(g)Ali al Sud: un progetto per la legalità in ogni scuola”.

Ragusa, maxi furto al Cineplex

Trentaquattromila euro. Ammonta a tanto il bottino del furto messo a segno ai danni del Cineplex di Ragusa. I ladri sono entrati in azione nella notte, ovviamente dopo l’ultima proiezione. I malviventi hanno forzato la porta d’ingresso del multisala che si trova lungo la Ragusa-mare. Hanno poi scassinato la cassaforte per prendere il denaro. La somma è provento degli incassi delle sale e del bar degli ultimi giorni.

Incendi a Scicli e Vittoria

Lunedì notte la squadra operativa del distaccamento dei Vigili del fuoco di Modica è intervenuta a Scicli in via Barone La Rocca per l’incendio di un’autovettura. Il personale ha provveduto allo spegnimento rilevando che la facciata dell’edificio prospiciente l’area di parcheggio della vettura ha subìto dei danni e constatando che l’edificio ospita una centrale Telecom. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Scicli. Un altro incendio nella notte tra lunedì e martedì si è verificato a Vittoria. Alle 3.11 di martedì la squadra operativa del distaccamento dei Vigili del fuoco di Vittoria è intervenuta in via Garibaldi per l’incendio di un autofurgone di proprietà di un cittadino comunitario. Il personale ha spento le fiamme evitando che il rogo si propagasse. Sul luogo sono intervenuti gli agenti del Commissariato Ps. locale.

Ospedali di Comiso e Scicli. L’on. Digiacomo incontra l’assessore alla Salute Russo

Sulle problematiche dei presidi di emergenza e urgenza, pronto soccorso e 118 degli ospedali di Comiso e Scicli, l’on. Pippo Digiacomo ha inoltrato formale richiesta di audizione alla VI Commissione. “Sono tante le promesse di potenziamento relative ai due ospedali, sancite da leggi e decreti, ma i cui risultati concreti stanno registrando ritardi eccessivi. Vale la pena ricordare che la permanenza dei presidi di emergenza urgenza in strutture ospedaliere, non è legata alla graziosa generosità di nessuno, ma è resa obbligatoria da un emendamento al piano sanitario regionale da me proposto – scrive l’on. Digiacomo in una nota – votato alla unanimità con parere favorevole dell’assessore regionale alla Salute. Chi volesse contraddire questo assunto normativo, se ne deve assumere la responsabilità”. Martedì mattina il deputato regionale del Pd, ha incontrato l’assessore alla Salute Massimo Russo, al quale ha espresso le forti preoccupazioni del territorio rispetto alle sorti dei due ospedali iblei. “L’assessore mi ha comunicato – conclude l’on. Digiacomo – che di concerto con il presidente della Regione Lombardo, si sta lavorando per dare al territorio le risposte adeguate. Confidando in un favorevole epilogo della vicenda, rimarremo vigili e sorveglieremo il suo evolversi”.

Secondo appuntamento “Ergasterion”. Venerdì 11 nell’auditorium San Rocco

Le tipologie funerarie delle necropoli, le peculiarità dei siti oggetto di indagine nella area iblea e le assonanze con altre realtà territorialmente vicine. Secondo appuntamento dedicato alle necropoli, venerdì 11 novembre, con “Ergasterion – Fucina di archeologia”, il ciclo di incontri promosso dalla sezione di Ragusa dell’associazione “SiciliAntica” e volto a coinvolgere, in modo preminente, i giovani professionisti dell’area iblea. La conferenza di venerdì, che si terrà nell’auditorium di San Rocco, a Ragusa Ibla, a partire dalle 17.30, vedrà la presenza di Maria Domenica Lo Faro, specializzata in Archeologia post-classica presso l’Università di Bari, dottore di ricerca nello stesso Ateneo; di Monica Carbone, laurea specialistica presso l’Università di Palermo, di Carmelo Scafè, laureato in Archeologia all’Università di Ravenna e di Clorinda Arezzo, specializzanda in Archeologia medioevale presso l’Università Cattolica di Milano. Sarà possibile conoscere gli elementi delle testimonianze archeologiche tardoantiche più evidenti conservate nel paesaggio di Scicli e che comprendono in prevalenza cimiteri ipogei risparmiati lungo le pareti delle cave. Sarà ricostruita, in particolare, l’interpretazione storica di un’area archeologica, quella delle contrade Donnafridda e Biddiemi sull’altopiano ibleo.

Nuove nomine in diocesi. Cambio alla Parrocchia di San Francesco

Erano attese da qualche settimana e, martedì mattina, sono state rese note dall’Ufficio Comunicazioni sociali della Diocesi. Il vescovo ha effettuato le nuove nomine. La più importante riguarda il cambio di parroco alla San Francesco di Ragusa. Don Giuseppe Ramondazzo lascia il posto a don Salvatore Converso, finora parroco della Madonna della Salute di Vittoria. Al suo posto, a Vittoria, come amministratore parrocchiale, va don Gianni Cappello. Ramondazzo, invece, è stato nominato canonico del Capitolo della Cattedrale e vice parroco della stessa chiesa. Queste le altre nomine. Don Angelo Antonio Cascone lascia l’incarico di vicario parrocchiale di Santa Maria delle Stelle di Comiso per andare a studiare alla Pontificia Università Gregoriana a Roma Storia della Chiesa. Don Giuseppe Di Corrado, che ha conseguito il dottorato in Patrologia è ritornato in diocesi ed è stato nominato vicario parrocchiale a Santa Maria Maddalena a Vittoria. Don Santo Vitale è stato trasferito da vicario parrocchiale delle Anime Sante del Purgatorio a Vittoria e cappellano dell’Ospedale di Vittoria a vicario parrocchiale di Santa Maria delle Stelle a Comiso. Al suo posto, come cappellano all’Ospedale di Vittoria, va don Giuseppe Chiaramida. Don Flavio Maganuco, ordinato qualche giorno fa, è stato nominato vicario parrocchiale a Maria Annunziata di Comiso. Don Luca Tuttobene, prefetto degli studi all’Istituto teologico, offrirà la sua collaborazione nella parrocchia San Pier Giuliano Eymard di Ragusa. Don Giovanni Medica collaborerà con la parrocchia Preziosissimo Sangue di Ragusa. Infine, don Antonino Puglisi offrirà la sua collaborazione nella parrocchia Anime Sante del Purgatorio di Vittoria.

No di Ammatuna alla chiusura del pronto soccorso di Comiso

Con una nota inviata al Presidente del Consiglio comunale ed al sindaco di Comiso, l’on. Ammatuna spiega la sua posizione in merito al ridimensionamento dei servizi di emergenza-urgenza nel nosocomio ipparino. Per Ammatuna i tagli nel settore delle emergenze “sono iniziative in contrasto con la normativa vigente”.

Pozzallo, falso finanziere arrestato dalla Guardia di Finanza

Da qualche tempo si spacciava per ufficiale di Polizia giudiziaria, cercando di truffare la gente. E’ finito in manette S.M. di 56 anni, originario di Augusta, ma residente da anni a Pozzallo. Con un distintivo col fregio della polizia giudiziaria della Guardia di Finanza si presentava in casa della gente, ma soprattutto in alcuni negozi chiedendo fino a 10.000 euro, con la promessa che per qualsiasi problema di tasse e controlli fiscali avrebbero potuto rivolgersi a lui. Era questo il modus operandi adottato dall’uomo. Le indagini traggono spunto da una “voce”, giunta alle orecchie dei finanzieri, quelli veri, di Pozzallo, secondo cui un soggetto si aggirava per la cittadina, talvolta con indosso una divisa militare e mostrando una placca metallica della polizia giudiziaria, presentandosi quale alto ufficiale del corpo, o addirittura comandante della guardia di finanza di Pozzallo, millantando conoscenze all’interno della tenenza, nel tentativo di portare a termine le sue truffe. Da qui hanno avuto inizio le attività investigative, durate poco più di un mese, fatte di appostamenti e pedinamenti, volti a identificare il soggetto e a monitorare i suoi movimenti. L’uomo è accusato di sostituzione di persona, possesso di segni distintivi contraffatti e truffa: ora è nel carcere a Modica.

Anche il Pd di Ragusa alla manifestazione “Ricostruire l’Italia”

Anche il circolo “Pippo Tumino” del Partito Democratico di Ragusa ha partecipato, con una delegazione di oltre 50 componenti, alla manifestazione nazionale del 5 novembre scorso a Roma. La delegazione ragusana, presente anche il segretario Giuseppe Calabrese e i componenti della segreteria, accompagnati da un gruppo di giovani, stanchi per la fatica delle quasi 30 ore fatte in treno, considerando sia l’andata che il ritorno, sono riapprodati nel capoluogo ibleo sempre più convinti che “la strada del rinnovamento e dell’alternativa alla Destra sia quella giusta anche a Ragusa. Perché la ricostruzione, per noi, deve partire con concretezza dal nostro comune, dal nostro impegno che non verrà mai meno e che ci vede anzi più entusiasti e più carichi di prima”.

Granata (Fli): “In provincia deficit di tutela del patrimonio”.

“Le denunce dell’architetto Mancini e di molti settori dell’associazionismo culturale e ambientalista ibleo su un deficit di tutela del patrimonio culturale e paesaggistico della provincia di Ragusa non vanno sottovalutate né ignorate, ma devono costituire una base di riflessione per gli organismi regionali preposti alla tutela, a iniziare dalla Soprintendenza”. Con queste parole Fabio Granata, vice coordinatore nazionale di Fli è intervenuto sulle questioni relative alla tutela culturale e paesaggistica negli Iblei. “La provincia di Ragusa appartiene al patrimonio Unesco e occorre che tutti comprendano che la sua più grande infrastruttura è quella immateriale del paesaggio, dell’ambiente e della cultura. Per questo – ha detto Granata – bisogna che la Soprintendenza e altri organismi politici e istituzionali pongano maggiori attenzioni alle questioni sollevate e trovino rapidamente un accordo per approvare il piano paesaggistico, garanzia di sostenibilità dello sviluppo”.

Un convegno sulla mafia con Ingroia e Di Matteo

“La mafia alla luce e nell’ombra – evoluzione di un sistema”. E’ questo il tema del convegno organizzato a Ragusa da Italia dei Valori, Antimafia 2000, Centro Studi “Giuseppe Dossetti” e che avrà luogo sabato 12 novembre alle 16,30 presso la sala degli Archi del Resort Poggio del Sole. Di grande richiamo i relatori: Antonio Ingroia, procuratore aggiunto di Palermo, Antonino Di Matteo, presidente dell’associazione nazionale magistrati di Palermo, Leoluca Orlando, presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sugli errore medici, Lidia Undiemi, studiosa di economia e diritto, Lorenzo Baldo, vicedirettore di Antimafia 2000. Il convegno sarà introdotto da Giovanni Iacono, coordinatore provinciale di Italia dei Valori e vice coordinatore regionale del partito. Moderatore sarà Anna Pedrozzi, caporedattore di Antimafia 2000.

Intervento del segretario della Cgil “Una provincia retrocessa tra indifferenza e apatia della classe politica”

“Il 2011 passerà alla storia come l’anno in cui la provincia di Ragusa è stata declassata con la complicità, l’indifferenza o forse la inanità di gran parte della sua classe dirigente che ci rappresenta nelle più alte sedi istituzionali”. Inizia così un bilancio del 2011 il segretario della Cgil, Giovanni Avola. “Allo svuotamento degli Ospedali di Comiso e Scicli deprivati persino del pronto soccorso – denuncia il sindacalista – è seguita la chiusura dei corsi di laurea di Agraria e Giurisprudenza. Quindi la cancellazione della caserma dei carabinieri di Frigintini cui sta per seguire la soppressione del Tribunale di Modica e probabilmente il relativo archivio di stato. Entro il prossimo 10 novembre sarà effettuato l’ennesimo dimensionamento della rete scolastica della provincia e se sarà attuata tout court la legge 111 del 2011 quasi un quarto delle scuole saranno cancellate. La riduzione delle risorse da parte della Provincia regionale e del Comune di Ragusa al Consorzio Universitario – aggiunge Avola lascia presagire che anche la sorte dell’unica Facoltà universitaria, quella di Lingue, è segnata. I ritardi ormai decennali nell’avvio della realizzazione delle più importanti opere infrastrutturali, i tagli di posti nella scuola e nella sanità assieme alla drastica riduzione di risorse agli enti locali hanno triplicato la disoccupazione e impoverito ulteriormente il welfare. L’assenza di risorse per lo sviluppo e crescita (i fondi Fas dirottati al Nord e i fondi Strutturali non spesi) hanno compromesso tutto per cui anche i settori più dinamici del nostro tessuto produttivo son in profonda crisi”. Cosa fare? “Il tavolo tecnico per la Tutela per il Lavoro e lo Sviluppo istituito presso la Camera di Commercio, tra tutte le forze sociali e produttive, sta elaborando una piattaforma rivendicativa chiara e forte che avrà il suo momento di sintesi in una grande manifestazione provinciale cui dovrà seguire – spiega il sindacalista – la verifica dell’impegno delle istituzioni. La nostra comunità è stata umiliata e spogliata. Ritengo debba dare una risposta forte e determinata, riappropriarsi della propria identità”.

Scroll To Top
Descargar musica